Connect with us

Calcio

Calcio / Seconda Categoria, il racconto della 29^ giornata dei gironi C e F

Nel girone C ancora tutta da scrivere la griglia dei play-off, con la squadra al quinto posto già certa di non disputare la semifinale e la seconda qualificata per la finale. La Leonessa Montoro si salva, condannando ai play-out Aurora Jesi e Rosora Angeli. Nel girone F, la Treiese vince a Matelica e si gioca il secondo posto nel prossimo turno contro la Belfortese

VALLESINA, 2 maggio 2024 – Sono stati 90 minuti caldi quelli della 29^ giornata di Seconda Categoria e ora ce ne aspettano altrettanti 90 al cardiopalma. Nel girone C, in particolare, non ci potrà essere uno spareggio finale, ma Ostra Calcio e Argignano si giocheranno in uno scontro diretto, in casa dei fabrianesi, la promozione in Prima Categoria.

Una sorta di finalissima: la gloria per chi vince, la delusione per chi perde. Con l’Ostra che può permettersi anche di pareggiare. Anche nel girone F, anche se non vale la promozione, Treiese-Belfortese assomiglia a un match da dentro o fuori: una vittoria o il pareggio ospite mettono in palio la finale play-off.

La supersfida Argignano-Ostra Calcio

Tornando a parlare di girone C, non ci sarà uno spareggio promozione, dunque, perché le due squadre hanno un solo punto di distacco. I gialloblù hanno due risultati su tre per centrare la Prima Categoria, mentre i fabrianesi devono solo vincere. La squadra al secondo posto è già aritmeticamente in finale play-off, per via dell’attuale +13 tra Argignano e Cupramontana-Terre del Lacrima.

Chi giocherà i play-off nel girone C (se ci saranno)?

I play-off, inoltre, non si giocheranno se il distacco dal secondo al decimo posto è pari o superiore a 10 punti: la seconda è automaticamente qualificata agli spareggi con le altre vincenti dei play-off. Ora Argignano e Avis Arcevia hanno 10 punti di distacco. I play-off del girone C, dunque, non si disputeranno se Argignano-Ostra Calcio finirà in parità e Avis Arcevia e Olimpia Ostra Vetere non vinceranno, oppure se l’Argignano dovesse vincere e arceviesi e rossoblù non riuscissero a conquistare i tre punti.

Se Avis Arcevia, Olimpia Ostra Vetere, Cupramontana e Terre del Lacrima arriveranno a pari merito, dunque, nessuna delle 4 disputerebbe i play-off: avrebbero tutte 52 punti e l’Argignano ha già 62 punti, quindi sarebbero automaticamente  esclus.  

Se l’Avis Arcevia vince o pareggia con sconfitta dell’Argignano, disputerebbe i play-off contro la squadra terza classificata, una tra Olimpia Ostra Vetere, Cupramontana e Terre del Lacrima. Lo stesso discorso vale per i rossoblù di Curzi: con una vittoria lo spareggio promozione sarebbe automatico, a prescindere dal risultato di Argignano-Ostra Calcio.

Il Cupramontana, invece, spera in una vittoria dell’Avis Arcevia e in una contemporanea sconfitta o pareggio dell’Olimpia Ostra Vetere per disputare il play-off come quarta classificata. Il Terre del Lacrima, infatti, disputerebbe lo spareggio solo in caso di vittoria a Jesi contro l’Aurora, di successo dell’Avis Arcevia e contemporaneo ko sia di Olimpia Ostra Vetere che di Cupramontana.

I play-out

Giochi fatti, invece, per play-out e retrocessione: Aurora Jesi e Rosora Angeli si sfideranno per la salvezza in Seconda Categoria e resta da capire dove. In caso di arrivo a pari punti, lo scenario sarà il “San Sebastiano” di Jesi, perché gli aurorini hanno il vantaggio degli scontri diretti. L’Olimpia Juventu Falconara è già retrocessa in Terza Categorie e la Corte d’Appello territoriale ha rigettato il ricorso sui fatti di Jesi. Dopo questo necessario cappello introduttivo, andiamo ad analizzare le partite di questo fine settimana appena trascorso, valide per la 29^ giornata.

Girone C – Cupramontana 2-0 Rosora Angeli – 17’ su rigore e 24’ Mancini

Una doppietta di Michele Mancini tiene ancora in vita il Cupramontana. La squadra di Ballini batte 2-0 il Rosora Angeli, mantenendo il quinto posto alla vigilia dell’ultima giornata. Come detto, i rossoblù, per disputare i play-off, devono vincere contro il Monsano in trasferta, sperare in una vittoria dell’Avis Arcevia e in un pareggio o in una sconfitta dell’Olimpia Ostra Vetere.

In caso di arrivo a pari punti con i rossoblù, infatti, i cuprensi avrebbero il vantaggio dello scontro diretto. Anche in caso di arrivo a 3 con il Terre del Lacrima la formazione di Ballini sarebbe avanti nella classifica avulsa (7 punti contro 5 dei belvederesi e 4 dell’Olimpia).

Il Rosora Angeli vede sfumare la salvezza diretta, per via del 2-0 della Leonessa Montoro sul Corinaldo. Sarà play-out, dunque, con ogni probabilità contro l’Aurora Jesi. Resta da capire se la sfida si giocherà al San Sebastiano (in caso di arrivo a pari punti o sotto gli jesini) o a Rosora nel caso in cui la formazione del duo Lucarini-Baldarelli riesca a sopravanzare gli aurorini all’ultima giornata.

Le Torri Castelplanio 4-2 Aurora Jesi – 2’ e 69’ Montecchiarini (L), 18’ Elisei (A), 36’ su rigore e 59’ Corinaldesi (L), 41’ Cammarino su rigore (A)

Il Le Torri Castelplanio saluta i propri tifosi rifilando un poker all’Aurora Jesi. La squadra di Simone Fugante, infatti, ha battuto 4-2 i ragazzi di Campanelli, facendo un piccolo favore al suo “maestro” e amico Kekko Fabrizi, allenatore della Leonessa Montoro salva. Uno dei protagonisti della gara è stato un altro cingolano, Riccardo Montecchiarini, autore di una doppietta. L’ex Villa Strada, infatti, ha segnato il gol del momentaneo 1-0, prima del pareggio di Elisei al 18’. Corinaldesi ha riportato il Le Torri avanti al 36’ su calcio di rigore, tuttavia gli aurorini sono riusciti a pareggiare grazie al penalty di Cammarino.

Nella ripresa, la formazione Castelplanio trova i gol di Montecchiarini e ancora Corinaldesi, condannando l’Aurora a dover disputare il play-out. L’avversario sarà il Rosora Angeli, a meno di clamorose sorprese: se il giudice sportivo, infatti, dovesse accogliere il ricorso dell’Olimpia Juventu Falconara sui fatti del “San Sebastiano” del 20 aprile (leggi qui), probabilmente si dovrà rigiocare la gara dal momento della sua interruzione e, in caso di successo falconarese, sarebbe ancora aperta la lotta per evitare la retrocessione diretta, con Aurora Jesi a 20 punti e Olimpia Falconara a 17. G

Gli olimpici dovrebbero poi battere all’ultima giornata il Palombina Vecchia e sperare in una sconfitta degli aurorini contro il Terre del Lacrima per agganciarla in classifica, rendendo necessario uno spareggio per decidere la squadra retrocessa “senza passare dal via”, rappresentato in questo caso dai play-out.

Riccardo Montecchiarini del Le Torri Castelplanio

Il commento del Le Torri Castelplanio

“Volevamo chiudere il nostro campionato in casa con una vittoria – spiega Riccardo Montecchiarini del Le Torri Castelplanio – e ci siamo riusciti. Siamo partiti bene segnando nei primi minuti in una partita che sembrava in discesa, ma a metà del primo tempo gli ospiti ci hanno raggiunto.

Siamo riusciti poi a tornare in vantaggio con un bel gol Corinaldesi dopo un’azione solitaria. Quasi allo scadere del primo tempo veniamo di nuovo raggiunti: l’arbitro concede un calcio di rigore molto dubbio per tocco di mano.

Ricominciamo il secondo tempo convinti di portare a casa il risultato. Al 17′ l’arbitro ci concede un rigore che Corinaldesi realizza e sigla la doppietta personale. Alla mezz’ora realizzo la rete del 4-2 che chiude i giochi. Una vittoria importante per noi, che mancava da molto: abbiamo giocato molto bene e, come già detto, siamo felici di aver vinto quest’ultima partita in casa. Ora ci prepariamo per l’ultima battaglia di quest’anno a Corinaldo, cercando di concludere al meglio la stagione”.

Il commento dell’Aurora Jesi

“L’Aurora – rispondono gli jesini – torna a mani vuote dalla trasferta di Castelplanio contro Le Torri che onorano il loro campionato e non regalano nulla agli arancioblu. 4-2 il risultato finale della gara che, unita alla vittoria della Leonessa Montoro, condanna l’Aurora a giocare il playout contro il Rosora Angeli.

Marcature jesine di Elisei e Cammarino che avevano risposto ai vantaggi locali di Montecchiarini e Corinaldesi. Nella ripresa i due attaccanti locali segnano ancora, stavolta senza la risposta aurorina.

90 minuti alla fine della regular season, ultima giornata con due incroci decisivi per la composizione della griglia playoff/playout. Il Rosora Angeli riceverà l’Olimpia Ostra Vetere, l’Aurora, che al momento giocherebbe il playout in casa con 2 risultati su 3 a disposizione, ospiterà invece il Terre del Lacrima”.

Leonessa Montoro 2-0 Corinaldo – 26’ Staffolani su rigore, 35’ Mandolini

La Leonessa Montoro giocherà anche nel 2024-2025 in Seconda Categoria. Francesco “Kekko” Fabrizi, infatti, ha festeggiato la quinta salvezza della sua carriera battendo per 2-0 il Corinaldo, grazie ai gol di Staffolani su rigore e Mandolini. I montoresi, infatti, si portano a +5 dal 14° posto a una giornata dalla fine, rendendosi irraggiungibili da Aurora Jesi e Corinaldo.

Prosegue il girone di ritorno horror del Corinaldo, alla seconda sconfitta di fila: in 14 giornate i corinaldesi hanno totalizzato solo 9 punti, contro i 33 dell’andata che avevano fatto sognare la promozione in Prima Categoria. I biancoazzurri si dovranno accontentare, al massimo, della settima posizione.

L’allenatore della Leonessa Montoro, Francesco Fabrizi

Il commento della Leonessa Montoro

“La Leonessa – spiega la società di Montoro di Filottrano – scaccia le paure: con una prestazione tutto cuore e sacrificio, ha la meglio contro un ottimo Corinaldo e raggiunge la salvezza anticipata. Prima occasione del match al 4′ per i Red Lions con Staffolani che lanciato in contropiede calcia a colpo sicuro ma Petroni devia in angolo. Passano un paio di minuti ed è il Corinaldo che potrebbe passare ma la retroguardia montorese respinge.

Al 26′ l’episodio che sblocca l’incontro, il portiere ospite Petroni si lascia sfuggire la palla interviene Staffolani che viene atterrato, calcio di rigore che lo stesso Staffolani realizza con freddezza. Sulle ali dell’entusiasmo la Leonessa continua nel pressing e trova il raddoppio al 35′ con uno splendido colpo di testa di Lorenzo Mandolini. Nel finale di primo tempo il Corinaldo ha l’occasione per accorciare con Tranquilli, ma Elia Giachè nelle vesti di uomo ragno compie un’autentica prodezza e con l’aiuto del palo sventa il pericolo.

Nel secondo tempo il Corinaldo è più aggressivo, ma gli attacchi vanno a sbattere contro la granitica difesa comandata da capitan Rossi. A centrocampo Lorenzo “il magnifico” Mandolini (migliore in campo per distacco) è un autentico gladiatore e domina in lungo e in largo. Al triplice fischio finale grande esultanza in campo e tra il numeroso pubblico presente per questa meritata salvezza anticipata!”.

Il commento del Corinaldo 

La partita parte forte – rispondono i corinaldesi – e gli ospiti hanno la prima occasione dopo solo 2’. A seguito di una mischia scaturita da una punizione dalla trequarti, Tarsi Kevin calcia alto. Il Leonessa risponde subito con una ripartenza che coglie impreparata la difesa corinaldese, Petroni salva tutto sul tiro a botta sicura di Staffolani.

Il Corinaldo al 9’ sfruttando uno schema errato dei locali si trova 2 vs 1, ma Giuliani L. spara sopra la traversa. Al 26’ il match si sblocca. Un errore in fase di impostazione degli uomini di Mr Giuliani causa il rigore per il Leonessa, trasformato da Staffolani (1-0). I locali raddoppiano su calcio d’angolo al 36’, Mandolini svetta più in alto di tutti sul primo palo e gonfia la rete. Sul finale di frazione Giuliani L, con un gran filtrante, libera Cacciani che da solo contro il portiere sbaglia la ghiotta occasione.

Nel secondo tempo i ritmi si abbassano e ne fa le spese lo spettacolo. Tisba al 65’ servito da una sponda aerea di Bottacchiari ha la palla per accorciare le distanze, ma purtroppo non tiene bassa la conclusione.  A 10’ dal termine Focante viene espulso, per somma di ammonizioni, lasciando i locali in 10 uomini. L’ultima occasione è di marca corinaldese con Cicetti che non riesce a chiudere sul secondo palo il tiro/cross di Bottacchiari. Ultima gara sabato prossimo contro Le Torri Castelplanio, chiudiamo al meglio il campionato davanti al nostro pubblico!”.

Olimpia Ostra Vetere 3-1 Avis Arcevia – 15’ Magagnini (O), 35’ Piangerelli (O), 47’ Cossa su rigore (A), 50’ Cavaliere su rigore

L’Olimpia Ostra Vetere vince 3-1 lo scontro diretto contro l’Avis Arcevia e ora ha il destino nelle sue mani. I rossoblù di Curzi, infatti, si portano a -1 dal terzo posto grazie ai gol di Magagnini, Piangerelli e Cavaliere. Con una vittoria a Rosora, i rossoblù sarebbero certi disputare i play-off, a prescindere dal risultato di Argignano-Ostra Calcio.

L’ex Fabriano Cerreto Simone Cavaliere

Più rischioso un pareggio: i rossoblù dovrebbero sperare che l’Arcevia vinca con la Serrana e che Cupramontana e Terre del Lacrima non vincano. Questo perché, in caso di arrivo a pari merito con cuprensi e belvederesi, l’Olimpia Ostra Vetere è terza nella classifica avulsa e quindi sarebbe esclusa dagli spareggi. La squadra di Curzi è svantaggiata negli scontri diretti con le inseguitrici, mentre sarebbe vano un arrivo a pari punti con l’Avis Arcevia, perché entrambe sarebbero escluse dai play-off a causa del -10 dal secondo posto.

Anche gli arceviesi (sabato ha segnato Cossa su rigore, ndr), dunque, hanno tra le mani la disputa del play-off: possono vincere o pareggiare e perdere con una contemporanea vittoria dell’Olimpia Ostra Vetere (che si porterebbe dentro i 10 punti dalla seconda piazza), ma in quel caso disputerebbero la semifinale degli spareggi fuori casa. In caso di arrivo a pari punti con Cupramontana e Terre del Lacrima, l’Arcevia ha il vantaggio della classifica avulsa (9 punti contro i 4 delle avversarie).

Ostra Calcio 2-0 Trecastelli – 23’ Marchetti su rigore, 92’ Pirani

L’Ostra Calcio si giocherà la promozione in Prima Categoria ad Argignano di Fabrizi. La squadra di De Filippi fa il suo dovere, vincendo per 2-0 il derby contro il Trecastelli con un gol per tempo, di Marchettisu rigore nel primo e di Pirani nella ripresa. I gialloblù si presenteranno a Fabriano con due risultati su tre per centrare lo storico salto in Prima Categoria. Il Trecastelli, invece, resta al nono posto con 40 punti: può solo migliorare di due posizioni la sua classifica finale, nel “duello” con Monsano e Corinaldo.

L’esultanza post-gara del l’Ostra Calcio dopo la gara vinta a Rosora

Il commento dell’Ostra Calcio

“A 180′ minuti dal termine del campionato – spiega la società di Pianello – per l’Ostra era fondamentale conquistare i 3 punti nella gara interna con il Trecastelli, per poi presentarsi allo scontro diretto, in programma Sabato in casa dell’Argignano, ancora in testa alla classifica. I ragazzi di mister De Filippi non hanno tradito le attese e hanno superato con un risultato all’inglese la compagine di mister Gallotta.

Prima frazione di gioco avvincente, con continui ribaltamenti di fronte, il Trecastelli parte meglio ma è l’Ostra al 23′ a passare in vantaggio. Massacci entra in area di rigore anticipando il diretto avversario che in ritardo lo atterra, per il direttore di gara Carbini non ci sono dubbi, calcio di rigore e ammonizione. Dagli undici metri Mattia Marchetti spiazza il portiere ospite Bruzzesi, realizzando la sua 14° rete stagionale.

Prima dell’intervallo l’Ostra crea altre tre nitide occasioni da rete con Bachetti, Marchetti e Landi sui quali sono provvidenziali gli interventi di Bruzzesi. Dal canto suo il Trecastelli sfiora la rete del pareggio con un colpo di testa di Aisoni sugli sviluppi di calcio d’angolo ma Marconi posizionato sulla linea di porta, salva il risultato.

Nella ripresa i ritmi calano e l’Ostra prende in mano il gioco, con Zupo e Sabbatini su tutti che sfiorano il raddoppio. Bisogna attendere però i minuti di recupero per la rete che chiude i giochi, Zupo lancia il neo entrato Lorenzo Pirani che a tu per tu con Bruzzesi insacca, facendo scoppiare di gioia i numerosi tifosi sugli spalti.

Ora massima concentrazione sugli ultimi e decisivi 90′ minuti, con la sfida di sabato ad Argignano che decreterà la vincitrice del Campionato e la promozione diretta in 1° Categoria”.

Palombina Vecchia 2-0 Monsano – 23’ Taormina, 46’ Cornacchia

Un Monsano già in vacanza perde 2-0 contro il Palombina Vecchia. I rossoblù di Pellonara, infatti, perdono all’Amadio per via delle reti di Taormina e Cornacchia: i play-off erano già aritmeticamente impossibili da raggiungere già prima di questa sfida. Resta ora da difendere il settimo posto dagli assalti di Corinaldo e Trecastelli. I falconaresi, invece, si giocano la decima piazza con il Le Torri Castelplanio, alla vigilia del derby dell’ultima giornata contro l’Olimpia Juventu Falconara ultima in classifica.

Serrana 0-5 Argignano – 39’ e 83’ Sartini, 55’ Biagioli, 71’ e 78’ Fabrizi

L’Argignano rifila 5 reti alla Serrana che, nonostante l’umiliazione, festeggia comunque la salvezza diretta. La squadra di Mannelli, infatti, ha vinto 0-5 a Serra San Quirico, in un match interrotto nel primo tempo a causa di un infortunio accorso a uno spettatore minorenne nel primo tempo (leggi qui). Decisive le doppiette di Sartini e Fabrizi e la rete di Biagioli.

I fabrianesi, alla vigilia dello scontro diretto contro l’Ostra Calcio in casa, hanno solo un risultato a disposizione per festeggiare una storica promozione: la vittoria. In caso di pareggio o sconfitta, l’Argignano sarebbe comunque secondo e qualificato alla finalissima play-off, per via del +13 di vantaggio sulla quinta posizione. I fabrianesi rischiano addirittura di accedere agli spareggi con le altre vincenti dei play-off negli altri gironi, qualora mantenessero un +10 anche dal terzo posto.

Leonardo Sartini dell’Argignano

Il commento dell’Argignano

“E’ stata una partita – spiega l’autore della seconda doppietta, Leonardo Sartini – dove le motivazioni hanno giocato un ruolo importante. Noi dovevamo vincere per mantenere la scia dell’Ostra, mentre la Serrana, quasi salva, attendeva solo la matematica per poter raggiungere l’obiettivo e non scivolare ai playout.

Il risultato parla di una partita senza storia, ma fino al momento dello 0-1, quindi al 40’ del primo tempo, è stata aperta. Loro molto difensivi, mentre noi provavamo a fare gioco. Siamo stati aggressivi fin da subito, ma prima il portiere, poi la nostra imprecisione, non ci hanno permesso di sbloccare il risultato. Poi, su una palla vagante in area di rigore, mi sono coordinato ed ho colpito a rete di sinistro: 0-1.

Da li in avanti è stato tutto in discesa. Il secondo tempo ha raddoppiato Biagioli con un gran sinistro sotto la traversa. Lo 0-3 e lo 0-4 sono venuti in maniera quasi identica con Fabrizi di testa su calcio piazzato (doppietta per lui) ed infine ancora io che dopo aver dribblato un paio di giocatori, ho calciato a rete e fatto lo 0-5 finale.

A quel punto i risultati dagli altri campi ci confermavano, sia per noi che per la Serrana, ciò che pronosticavamo, ovvero l’aritmetica salvezza per loro ed il restare sulla scia del’Ostra per noi. Ostra che, ricordo, sabato verrà a farci visita ad Argignano. Il calendario ci ha regalato questo scontro finale, l’ultima giornata, nel nostro campo, con tante persone che attendevano questo momento e noi non potevamo farci sfuggire l’occasione. Ci siamo riusciti ed ora siamo pronti a disputare questo big match.

E’ un’emozione indescrivibile che tanti miei compagni, anche i più esperti, non hanno avuto la fortuna di provare, nonostante i tanti campionati alle spalle. Per la società sarebbe scrivere la storia; per noi coronare un sogno; per i nostri tifosi una grande gioia. Ce la metteremo tutta per farcela. Forza Argignano!”.

Terre del Lacrima 2-0 Olimpia Juventu Falconara – 30’ Orianda, 76’ Morsucci

Il Terre del Lacrima batte all’inglese l’Olimpia Juventu Falconara e si regala una piccola chance di disputare i play-off. I belvederesi, infatti, hanno vinto 2-0 contro i falconaresi grazie ai gol del solito Oriandae  di Morsucci.

Per disputare lo spareggio il Terre dovrebbe vincere, sperare in una vittoria dell’Avis Arcevia e nelle contemporanee sconfitte di Cupramontana e Olimpia Ostra Vetere. L’Olimpia Juventu Falconara è già retrocessa in Terza Categoria e il giudice sportivo lunedì 29 aprile ha rigettato il ricorso presentato dalla società per i fatti di Jesi contro l’Aurora.  

Il commento del Terre del Lacrima

“Vittoria doveva essere – raccontano i belvederesi – e vittoria è stata per le Terre che superano per 2-0 l’Olimpia Juventu Falconara e continuano la loro rincorsa playoff, anche se i risultati degli altri campi non sono stati favorevoli.

Partita giocata a ritmi non altissimi, le Terre sono comunque state sempre in controllo della gara contro un avversario che ha onorato l’impegno, nonostante la classifica ormai compromessa.

Terre in vantaggio alla mezz’ora con un gran tiro al volo di Orianda, con il pallone centra entrambi i pali prima di finire la sua corsa in rete. Ospiti pericolosi con un paio di tiri da fuori area che sfioravano la porta difesa da Fortuna.

Nella ripresa le Terre potrebbero raddoppiare più volte ma Ferrante non trova il bersaglio in un paio di occasioni, mentre Camedda è superlativo su Orianda. È allora il neoentrato Morsucci a chiudere la contesa finalizzando una bella azione di squadra.

Ultima gara di campionato in casa dell’Aurora Jesi: servirà innanzitutto vincere e poi sperare in un paio di risultati positivi dagli altri campi per fare si che quella di sabato non sia l’ultimo impegno stagionale. 90 minuti di fuoco con le Terre pronte a giocarsi il tutto per tutto”.

Girone F – Fabiani Matelica 1-2 Treiese – 11’ Marini L. (T), 12’ Bartilotta (F), 60’ Francucci F. (T)

La Treiese vince a Matelica e si regala la chance di decidere il suo destino play-off nello stadio di casa. Nel girone F i rossoblù, infatti, hanno vinto 1-2 in casa della Fabiani, restando a -2 dalla Belfortese seconda alla vigilia dello scontro diretto. Loris Marini ha siglato il vantaggio ospite all’11°, ma un minuto dopo Bartilotta ha segnato il pareggio da calcio di rigore. Ci ha pensato Francesco Francucci a regalare la vittoria ai treiesi al 60’.

Sabato prossimo 4 maggio, al “Capponi”, si gioca Treiese-Belfortese: una vittoria permetterebbe a Santanatoglia e compagni di disputare l’eventuale finale play-off in casa. Con un pareggio o una sconfitta, oltre allo spareggio promozione in casa della formazione di Belforte, c’è il rischio di dover disputare il primo turno, in caso di vittoria del Ripe San Ginesio in casa contro il Borgo Mogliano già promosso in Prima Categoria. Quest’ultima squadra, infatti, accorcerebbe a -8 o a -9. La Belfortese, invece, è già sicura di disputare la finalissima play-off, in virtù del +13 dal Ripe San Ginesio.

Francesco Francucci della Treiese

Il commento della Treiese

Questa vittoria – spiega Francesco Francucci della Treiese, al terzo posto della classifica marcatori con 19 reti – ci continua a far credere al secondo posto in classifica che ci permetterebbe, oltre a non giocare la semifinale, ma anche di giocare la finale contro la Belfortese in casa.

Buon approccio della Treiese nel bell’impianto di Matelica, subito in gol con Loris Marini dopo una punizione battuta veloce e bell’inserimento del nostro difensore. Poi un calo di attenzione ci ha portato subito dopo a concedere un calcio di rigore alla Fabiani che pareggia subito i conti. Primo tempo molto buono da parte dei locali, ma riusciamo ad arrivare all’intervallo con il punteggio di 1 a 1.

Nel secondo tempo siamo scesi con un altro piglio e, dopo aver creato delle occasioni, arriviamo al gol del vantaggio su punizione deviata dalla barriera che spiazza il portiere di casa. Da lì in poi solo Treiese in campo: abbiamo creato molte occasioni, anche con un altro mio gol annullato per fuorigioco molto dubbio.

È stata vittoria comunque non scontata contro una squadra che gioca molto bene a calcio: ribadisco il mio pensiero dell’andata, ovvero che non merita questa posizione di classifica. Ora testa alla partita di sabato che è fondamentale per il cammino nei playoff”.

I pronostici di mister Carletti

Cupramontana-Rosora Angeli – pronostico 1 – risultato 1

Olimpia Ostra Vetere-Avis Arcevia – pronostico 1 – risultato 1

Totale di giornata: 2/2 – Totale complessivo: 30/58

Risultati, classifiche e marcatori

Girone C

29^ giornata: Cupramontana 2-0 Rosora Angeli, Le Torri Castelplanio 4-2 Aurora Jesi, Leonessa Montoro 2-0 Corinaldo, Olimpia Ostra Vetere 3-1 Avis Arcevia, Ostra Calcio 2-0 Trecastelli, Palombina Vecchia 2-0 Monsano, Serrana 0-5 Argignano, Terre del Lacrima 2-0 Olimpia Juventu Falconara

CLASSIFICAOstra Calcio 63, Argignano 62, Avis Arcevia 52, Olimpia Ostra Vetere 51, Cupramontana 49, Terre Del Lacrima 49Monsano 43, Corinaldo 42, Trecastelli 40, Le Torri Castelplanio 36, Palombina Vecchia 34, Serrana 27, Leonessa Montoro 26, Aurora Jesi 21, Rosora Angeli 21, Olimpia Juventu Falconara 14 (retrocessa in Terza Categoria)

MARCATORI20 gol: Cavaliere (Olimpia Ostra Vetere); 18 gol: Orianda (Terre del Lacrima); 16 gol: Ferrante (Terre del Lacrima); 14 gol: Grossi (Trecastelli), Donzelli (Palombina Vecchia) e Marchetti (Ostra Calcio);13 gol: Ortolani A. (Cupramontana), Biagioli (Argignano), Sartini (Argignano) e Montecchiarini (Argignano); 12 gol: Giuliani L. (Corinaldo) e Mancini (Cupramontana); 11 gol: Rossetti (Avis Arcevia); 10 gol: Galuppa G. (Argignano), De Vincenzo (Palombina Vecchia), Kone (Trecastelli) e Cammarino (Aurora Jesi); 9 gol: Bucci D. (Serrana), Lungarini (Monsano) e Garden (Olimpia Juventu Falconara); 8 gol: Apolloni (Serrana), Lenci (Corinaldo) e Zupo (Ostra Calcio).

Girone F

29^ giornata: Belfortese 2-1 Lorese, Borgo Mogliano 0-0 Sefrense, Camerino Castelraimondo 2-3 Ripe San Ginesio, Fabiani Matelica 1-2 Treiese, Pennese 0-0 Vis Gualdo, MR Pioraco 6-0 Pievebovigliana, San Marco Petriolo 2-3 Palombese, Sarnano 2-1 Abbadiense

CLASSIFICABorgo Mogliano Madal 71 (promosso in Prima Categoria), Belfortese 64, Treiese 62, Ripe San Ginesio 51, MR Pioraco 46, Palombese 43, Pievebovigliana 38, Sefrense 34, San Marco Petriolo 32, Camerino Castelraimondo 31, Fabiani Matelica 30, Sarnano 29, Vis Gualdo 28, Lorese 26, Pennese 25, Abbadiense 24 

MARCATORI22 gol: Fiecconi (Belfortese); 21 gol: Okere (Borgo Mogliano); 18 gol: Francucci F. (Treiese); 15 gol: Santoni (Pievebovigliana), Vrioni (Fabiani Matelica) e Correnti (Sefrense); 14 gol: Patrassi F. (Treiese); 13 gol: Boe (Ripe San Ginesio); 12 gol: Albanese (MR Pioraco) e Aquino (Lorese); 11 gol: Di Francesco Alex (Belfortese), Ndiour (Sarnano), Sosa (Lorese), Micarelli (Camerino Castelraimondo), Acciarresi (San Marco Petriolo) e Pettinari E. (Palombese); 9 gol: Ofili (MR Pioraco) 8 gol: Cesari (Camerino Castelraimondo), Ajrardinovski (Sarnano), Millaci (MR Pioraco), Biordi (Sefrense) e Cervigini (Ripe San Ginesio)

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata

image_pdfimage_print

Advertisement
Advertisement

More in Calcio

Segnala a Zazoom - Blog Directory