Connect with us

Calcio

Calcio / Seconda Categoria, il racconto della 28^ giornata dei gironi C e F

L’Argignano torna a -1 dall’Ostra Calcio: saranno 180 minuti di fuoco, con lo scontro diretto all’ultima giornata. Grande bagarre per play-off e play-out: Olimpia Ostra Vetere al 4° e Leonessa Montoro al 12° tremano, inseguite da Cupramontana, Terre Del Lacrima, Monsano per gli spareggi promozione, Aurora Jesi e Rosora Angeli per la salvezza diretta

VALLESINA, 25 aprile 2024 – Nella 28^ giornata di Seconda Categoria che è passata purtroppo alla storia per i brutti fatti di Jesi, vogliamo ora concentrarci sul profilo sportivo, quello che a nostro avviso realmente conta e che è stato sufficientemente oscurato da fatti di cronaca da condannare.

Lotta promozione e play-off nel girone C

Nel girone C, infatti, c’è un’entusiasmante corsa promozione tutta da vivere tra Ostra Calcio e Argignano, due squadre divise solamente da un punto a 2 giornate dalla fine e con uno scontro diretto da giocare all’ultima giornata nella frazione di Fabriano.

Questo perché gli ostrensi non sono andati oltre lo 0-0 ad Arcevia, mentre i fabrianesi hanno fatto il loro dovere battendo 2-0 la Leonessa Montoro. Con gli arceviesi a un passo dai play-off aritmetici, si accende anche la lotta per il quarto posto: il Monsano batte l’Olimpia Ostra Vetere, così sia Cupramontana che Terre del Lacrima (vincenti con due clamorosi 3-4 contro Palombina Vecchia e Corinaldo), si riportano a -2 dalla quarta piazza.

La quinta posizione, infatti, al momento non assicura di giocare la semifinale play-off, per via del distacco di 13 punti tra seconda e quinta. Corinaldo e Trecastelli dicono addio aritmeticamente a questa possibilità, raggiungendo Palombina Vecchia e Le Torri Castelplanio nel limbo delle squadre “senza infamia e senza lode”.

La lotta play-out e il girone F

Si riaccende anche la lotta per la salvezza diretta e per evitare i play-our. La Leonessa Montoro, infatti, vede tornare a -2 sia l’Aurora Jesi che il Rosora Angeli, vincente nel derby contro una Serrana a cui basterebbe un punto per salvarsi. Retrocessa l’Olimpia Juventu Falconara in virtù dello 0-3 a tavolino subito a Jesi: attendiamo eventuali ricorsi della società falconarese contro la decisione del giudice sportivo.

Nel girone F, la Treiese perde in casa per 2-3 contro il Pioraco e resta terza, anche se ora rischia di dover disputare anche la semifinale play-off. Ma analizziamo nel dettaglio questa 28^ giornata.

Girone B – Argignano 2-0 Leonessa Montoro – 29’ Sartini, 80’ Murolo

L’Argignano batte all’inglese la Leonessa Montoro e si riporta a -1 dall’Ostra Calcio. La squadra di Manelli, infatti, ha vinto 2-0 con le reti di Sartini e Murolo: approfittando dello 0-0 tra Avis Arcevia e Ostra Calcio, i fabrianesi ora inseguono la capolista a un solo punto di distanza, 60 a 59. Con uno scontro diretto all’ultima giornata nella frazione di Fabriano che assomiglia a uno spareggio promozione, anche se prima occorrerà far risultato in casa della Serrana.

I filottranesi di Fabrizi, alla seconda sconfitta di fila, vedono avvicinarsi a -2 Aurora Jesi e Rosora Angeli attualmente ai play-out. Per la Leonessa ora il calendario prevede le sfide al Corinaldo in casa e al Trecastelli in trasferta: con 5 punti sarà salvezza, a meno di passi falsi delle due inseguitrici

Il commento dell’Argignano 

“Una sfida – spiega Carmine Murolo molto difficile con entrambe alla ricerca di punti fondamentali. Per noi era importante sbloccarla subito, per poi chiuderla nel secondo tempo, anche se gli avversari ci hanno dato davvero molto filo da torcere! Sono contento del goal che ha chiuso la partita nel finale!”.

Aurora Jesi 3-0 Olimpia Juventu Falconara (a tavolino) – leggi l’articolo

Avis Arcevia 0-0 Ostra Calcio

L’Avis Arcevia strappa un punto all’Ostra Calcio. I ragazzi di Sentinelli, infatti, impongono lo 0-0 alla capolista: manca un solo punto ai biancorossi per essere certi di disputare i play-off. Gli ostrensi di De Filippi, invece, vedono avvicinarsi a -1 l’Argignano: il derby contro il Trecastelli sarà cruciale per mantenersi in testa alla vigilia dello scontro diretto dell’ultima giornata. Potrebbe anche arrivare la promozione in Seconda Categoria nel prossimo turno, in caso di vittoria e contemporanea sconfitta dell’Argignano contro la Serrana.

Il commento dell’Arcevia 

La partita di sabato – spiega Nico Berardi dell’Arcevia –  è stata molto combattuta sia dal punto di vista fisico che tecnico. Conoscevamo la squadra che andavamo ad affrontare, perciò in settimana abbiamo preparato la gara in modo minuzioso.
Sicuramente la classifica rispecchia l’avversario che abbiamo affrontato.

Durante il primo tempo abbiamo giocato con molta intensità e cattiveria agonistica, controllando per la gran parte del parziale il match. Nella seconda parte del secondo tempo siamo calati un po’ di intensità, visto anche il grande sforzo precedente, con l’Ostra in assetto ultra offensivo.

Siamo stati comunque attenti a contrastarli e a tenere al minimo il rischio.  Tutto sommato è stata una partita all’insegna dell’equilibrio con il giusto risultato. Abbiamo fatto tutti un’ottima prestazione, forse ci è mancato solo il “guizzo” finale.
Ora siamo già al lavoro per concludere il campionato nel migliore dei modi”.

Il commento dell’Ostra Calcio

Termina a reti inviolate – spiegano gli ostrensi – il big match della 28° giornata tra Avis Arcevia e Ostra Calcio. Partita equilibrata in cui la solidità delle difese, ha avuto la meglio sull’incisività dei reparti offensivi.

Parte bene l’Ostra Calcio che all’8′ minuto ha con Bachetti la più grande occasione da rete dell’intera partita. Calcio d’angolo dalla sinistra con la palla che finisce sul secondo palo, dove il giovane difensore ostrense, bravo a liberarsi dalla marcatura, colpisce la palla di testa a pochi metri dalla linea di porta, senza riuscire però, a trovare la rete di un soffio. La partita continua in sostanziale equilibrio con occasioni da una parte e dall’altra, ma con poca precisione negli ultimi sedici metri.

Nella ripresa, al 7′ è Zollo ad andare vicino alla rete con un tiro da fuori area, sul quale il portiere locale Berardi si supera alzando la palla sopra la traversa. L’Ostra rischia in una sola circostanza, quando un errato retropassaggio di Massacci, concede ad un’attaccante arceviese una ghiotta occasione da rete, che fortunatamente non viene concretizzata.

Nei minuti finali i ragazzi di mister De Filippi schiacciano l’Arcevia nella loro area di rigore, senza però riuscire a trovare il guizzo decisivo. Per la quantità e qualità del gioco espresso, la palma di migliore in campo per l’Ostra Calcio va a Marco Becci, che nella seconda parte di stagione si è fatto notare per un rendimento in costante crescita.

A 180′ minuti dal termine del campionato l’Ostra mantiene la prima posizione con un punto di vantaggio sull’inseguitrice Argignano, ora sarà fondamentale conquistare tre punti nel prossimo match interno contro il Trecastelli, per poi difendere il primato nello scontro diretto in programma nell’ultima giornata”.

Corinaldo 3-4 Terre del Lacrima – 2’ Italia (T), 20’ e 55’ Giuliani L. (C), 26’ Esposto (C), 43’ su rigore Orianda (T), 66’ Ferrante (T), 93’ su rigore Giuliani R. (T)

Altro che Germania 3-4 Italia: in questa due giornate ben due partite sono finite con questo risultato nel girone C di Seconda Categoria. La prima di queste è Corinaldo-Terre del Lacrima, anche se viziata da un arbitraggio giudicato non consono da entrambe le società.

I belvederesi, vincenti grazie ai gol di Italia, dei soliti Orianda e Ferrante (35 in due in questa stagione) e di Riccardo Giuliani al 93’, si riportano a -2 dal quarto posto. All’orizzonte per il Terre c’è la sfida alla già retrocessa Olimpia Falconara, per poi chiudere la regular season in casa dell’Aurora Jesi. Per i corinaldesi, invece, i play-off sono quasi irraggiungibili, dato il -6 dalla terza posizione: anche vincendo contro Leonessa Montoro e Le Torri Castelplanio, occorrerebbe sperare che l’Olimpia Ostra Vetere non totalizzi punti, con lo scontro diretto in favore del Corinaldo. Il quinto posto non assicurerebbe i play-off, dato il -17 dall’Argignano secondo.

Orianda ai tempi dell’Aurora Jesi

Il commento del Corinaldo

Sconfitta amara per il Corinaldo – spiegano i padroni di casa –  che rimane a mani vuote dopo una buona prestazione, rovinata da un arbitro non all’altezza.

Partenza da incubo per il Corinaldo che subisce gol solo dopo 2’ sugli sviluppi di un calcio d’angolo dove Italia è bravo ad approfittare di una palla vagante in area (0-1). I padroni di casa si rialzano al 21-esimo quando Giuliani Lorenzo è bravissimo ad anticipare il portiere, rimanere in piedi e appoggiare in rete con un destro morbidissimo (1-1). Buon momento per i bianco-azzurri di Mister Giuliani che raddoppiano al 26-esimo con Esposto che corregge in porta una mischia in area (2-1). Sembra concludersi il primo tempo, ma al 43-esimo gli ospiti conquistano un rigore per l’atterramento di Carletti in area.Freddo Orianda dagli 11 metri a pareggiare i conti prima del riposo (2-2).

All’intervallo Mr Giuliani non cambia gli 11 iniziali e al 53’ Cicetti conquista con esperienza un rigore prezioso che Giuliani trasforma, realizzando la doppietta personale (3-2). Ma la partita è frizzante e non permette distrazioni, infatti al 19-esimo bella azione degli ospiti con il nuovo entrato che va via sulla sinistra e pennella per Ferrante che corregge in rete di testa (3-3). Beffa finale per il Corinaldo che subisce il gol di Giuliani R. all’ultimo minuto su un calcio d’angolo inesistente (3-4).

Ragazzi oggi abbiamo fatto una buona prestazione, bella partita da vedere per il numeroso pubblico presente allo stadio del borgo “Nicola Saccinto”, ma che lascia un po’ di amaro in bocca, bocciato l’arbitro Carbini”.

Il commento del Terre del Lacrima

“Prima del consueto riassunto sulla partita – risponde concordante il Terre del Lacrima – ci sembra doveroso esprimere scrivere qualcosa sulla direzione di gara. Ieri, in una partita decisiva per il finale di campionato di entrambe le squadre, siamo stati letteralmente abbandonati da chi decide quale persona mandare ad arbitrare una partita di tale peso.

Speriamo che la nostra ‘denuncia’ possa servire affinché una voce arrivi a chi di dovere e vengano prese le giuste contromisure, confidando nell’osservatore arbitrale presente all’incontro.

Venendo al responso del campo le Terre sono ancora vive, vincono 4-3 all’ultimo respiro e tengono ancora accesa la fiammella di speranza per i playoff. Partenza a razzo dei biancorossi con Italia che ci porta subito in vantaggio. Il Corinaldo non ci sta, prende campo, e trova il gol del pari con Giuliani su un indecisione difensiva di Carletti. Subito dopo raddoppio locale con Esposto su azione d’angolo. L’1-2 pugilistico stenderebbe tutti ma non le Terre: Carletti si fa perdonare guadagnando un calcio di rigore che Orianda realizza portando le squadre al riposo sul 2-2.

La ripresa si apre con una dubbia decisione arbitrale a concedere un rigore al Corinaldo: doppietta per Giuliani dagli 11 metri. Le Terre non ci stanno e trovano quasi immediatamente il pareggio con Ferrante che ben servito da Morsucci corona una bella azione di squadra. Entrambe le squadre provano a vincere la partita, le Terre fanno incetta di calci d’angolo, ma la difesa locale è brava a sventare la minaccia. All’ultima azione l’arbitro ci regala un calcio d’angolo assurdo: battuta velenosa di Rossini, la palla vaga a centro area e Riccardo Giuliani timbra il gol del 3-4, vendicando l’errore della gara di andata e segnando il gol che tiene vive le nostre speranze playoff.

Quarto posto a -2 visto il k.o. dell’Olimpia Ostra Vetere, le Terre ci sono ancora e sono pronte a giocarsi il tutto per tutto sino alla fine del torneo. Prossimo incontro sarà l’ultima gara casalinga della stagione. Al Piccioni andrà in scena la sfida con l’Olimpia Juventu Falconara”

Monsano 1-0 Olimpia Ostra Vetere – 49’ Mattioli

Il Monsano vince di corto muso contro l’Olimpia Ostra Vetere e continua a riservarsi una flebile speranza di disputare i play-off. I ragazzi di Pelonara battono 1-0 la squadra di Curzi con il gol di Mattioli e ora si portano a -5 proprio dai rossoblù. I monsanesi, per disputare i play-off, dovrebbero vincere tutte e due le restanti partite (Palombina Vecchia e Cupramontana) e sperare che proprio l’Ostra Vetere le perdi entrambe, o al massimo ne pareggi una, dato lo scontro diretto a favore. Aritmeticamente il Monsano, anche arrivasse quinto, non disputerebbe il play-off al quinto posto, perché a -16 dall’Argignano.

Valentino Pelonara, allenatore del Monsano

Per i ragazzi di Curzi, invece, la sicurezza dei play-off passa attraverso due vittorie nelle prossime due partite contro Avis Arcevia e Rosora Angeli. In caso di arrivo a pari punti sia con Cupramontana che con Terre del Lacrima, l’Olimpia sarebbe svantaggiata perché ha entrambi gli scontri diretti a sfavore. Quella contro gli arceviesi, dunque, sarà una gara che vale la stagione per l’Ostra Vetere.

Il commento del Monsano

Il Monsano torna alla vittoria – commentano i locali –. Tre punti che mancavano da tre partite. Ultimo successo in casa con il Montoro per 3 reti a 0. Ma quella di sabato, contro una difficile formazione come l’Olimpia Ostra Vetere, è una super prestazione da parte di tutta la squadra. A partire da chi è sceso in campo tra i primi 11, fino a chi è entrato per dare una mano a difendere il risultato.

A deciderla un gol di Mattioli che sale a quota 5 gol stagionali. Monsano che a 20 minuti dalla fine è costretto all’uomo in meno: rosso a Santoni per proteste. Ma a vincere è ancora una volta il gruppo.

Giusta cattiveria prima di entrare in campo, rossoblù attenti in ogni reparto. A cominciare dalla difesa che non concede nulla all’attacco dell’Ostra Vetere.

Centrocampo su ogni seconda palla e veloce a smistare palloni a destra e sinistra. E una coppia di attacco, formata da Lungarini e Brugiatelli capaci di lavorare bene assieme dando un enorme contributo alla squadra.

Tre punti importanti per l’umore, il gruppo e la classifica. Il Monsano c’ha messo ‘el core’ come richiesto da mister Pelonara. Mancano due partite al termine del campionato. Si iniziano a tirar le somme e a volte ci domandiamo se con più partite come quella di sabato saremmo potuti essere più in alto, a lottare per le ‘grandi’ posizioni. Rossoblu che si trovano ancora una volta al settimo posto a quota 43 punti. Ora concludiamo in bellezza. Squadra impegnata sabato prossimo sul campo del Palombina Vecchia”.

Palombina Vecchia 3-4 Cupramontana – 11’ De Vincenzo (P), 35’ Torrisi (C), 57’ e 71’ Rossini (C), 68’ e 75’ Donzelli (P), 92’ Mancini su rigore (C)

L’altro match terminato 3-4 è stato quello tra Palombina Vecchia e Cupramontana. I falconaresi erano passati in vantaggio dopo 11 minuti con il solito De Vincenzo. Ci ha pensato poi il centrocampista cingolano Alfio Torrisi a pareggiare al 35’.

Nella ripresa, Rossini e Donzelli inscenano un botta e risposta con doppiette che porta il risultato sul 3-3. Al 92’, però, la risolve su rigore l’apirese Michele Mancini, riportando i cuprensi a -2 dall’Olimpia Ostra Vetere.Una vittoria tutta made in San Vicino, dunque, per la banda di Ballini, alla vigilia di due derby caldissimi contro Rosora Angeli e Monsano.

Il commento del Cupramontana

“La partita – spiega il match winner Michele Mancini – è stata pirotecnica. Abbiamo concesso tre gol agli avversari: non siamo stati solidi come al solito in difesa. Affrontavamo, comunque, una squadra con ottime qualità offensive. Noi, però, siamo stati a segnare altrettanti gol e a risolvere la sfida allo scadere, in pieno recupero, con un gol su calcio di rigore da me realizzato. Questa vittoria ci dà morale, ci serviva dopo il passo falso contro la Serrana che aveva interrotto le sette vittorie consecutive. Ci siamo rimessi subito in moto. Siamo fiduciosi per le prossime due partite: ci giochiamo l’accesso ai play-off”. 

Rosora Angeli 1-0 Serrana – 79’ Sow (S)

Il Rosora Angeli vince il derby contro la Serrana e ora vede la salvezza diretta. La squadra del duo Baldarelli-Lucarini ha vinto 1-0 e si è portata a -2 dalla Leonessa Montoro. I rosorani, al momento, giocherebbero il play-out a Jesi contro l’Aurora, ma scongiurano la retrocessione diretta per via del 3-0 a tavolino proprio degli jesini contro l’Olimpia Juventu Falconara, che ha condannato alla Terza Categoria i falconaresi.

Meccanismi play-out

Se Leonessa, Rosora Angeli e Aurora Jesi dovessero terminare il campionato a pari punti, si andrebbe a considerare la classifica avulsa tra queste tre squadre per decidere la formazione salva senza play-out e gli jesini sono in vantaggio (8 punti contro i 4 di rosorani-angelani e filottranese).

Un ipotetico play-out tra Rosora Angeli e Leonessa Montoro si disputerebbe, al momento, in casa dei rosorani: con scontri diretti e differenza reti negli scontri diretti alla pari, il terzo criterio, quello della differenza reti dell’intero campionato, premia la formazione di Baldarelli e Lucarini (-14 contro il -24 del Montoro).

Alla Serrana, invece, basterà un punto per restare in Seconda Categoria: negli scontri diretti è in svantaggio solo con il Rosora Angeli (due sconfitte), mentre è avanti rispetto a Leonessa Montoro e Aurora Jesi.  

Il commento del Rosora Angeli

Abbiamo fatto il primo tempo migliore della stagione – spiega il dirigente rosorano Lorenzo Quaresima con almeno 4 occasioni nitide con ottimi interventi del portiere. Nel primo tempo la Serrana recrimina un rigore su Bucci: poteva esserci. Nel secondo tempo la sfida è più equilibrata con una leggera supremazia ospite, poi il guizzo di testa di Sow ci regala i 3 punti che ci consentono di sperare ancora. Visto che siamo a 2 punti, ora vogliamo anche credere nella salvezza diretta, sarà un’impresa ma ci proveremo”.

Trecastelli 1-1 Le Torri Castelplanio – 42’ Marini (T), 86’ Kone (L)

Il Le Torri Castelplanio accarezza la vittoria contro il Trecastelli, ma il solito Kone firma il pari. La squadra di Fugante, infatti, era andata in vantaggio con Alessandro Marini al 42’, tuttavia nella ripresa ha subito l’1-1 per via della rete del talento ivoriano da punizione a quattro minuti dal termine. Il Trecastelli esce definitivamente dalla corsa play-off (irrecuperabile il -19 dall’Argignano), mentre il Le Torri consolida il decimo posto, a +2 dal Palombina Vecchia.

Kone del Trecastelli

Il commento del Trecastelli

“Ci siamo complicati la partita di sabato scorso – spiega Mevale Kone –. L’avevamo cominciata al meglio, muovendo bene la palla, ma non abbiamo sfruttato le occasioni create. La sfida è diventata difficile quando abbiamo preso il gol: potevamo evitarlo, purtroppo lo abbiamo subito. Nel secondo tempo sono entrato in campo e abbiamo continuato a giocare bene. Le abbiamo provate tutte per pareggiare, sbagliando anche un calcio di rigore. Fortunatamente non abbiamo abbassato la testa dopo il penalty sciupato: avevamo voglia di conquistare il punto e ci siamo riusciti. Sono contento che non abbiamo perso la partita, ma volevamo fare sicuramente meglio”.

Il commento del Le Torri Castelplanio

“Secondo me – risponde Alessandro Marini –  fin dall’inizio abbiamo provato a giocare palla a terra e abbiamo creato diverse occasioni d’attacco promettenti. Poi è arrivato il gol dopo una bella manovra dalla difesa. Dal secondo tempo in poi la partita si è fatta sempre più tesa, dato che sia da una parte che dall’altra si cercava il gol. Sembrava che ce l’avessimo fatta ad agguantare il successo e invece è arrivato un gol da calcio di punizione proprio nei minuti finali. Dispiace, perché, per quello che abbiamo proposto a livello di gioco e intensità, il pareggio ci sta stretto”.

Girone F – Treiese 2-3 Mancini Ruggero Pioraco – 63’ Millaci (P), 64’ Cicconi (P), 82’ Truppo D. (P), 88’ Francucci F. (T), 96’ Patrassi F.

Questa volta la rimonta non riesce alla Treiese. I rossoblù, infatti, hanno perso 2-3 contro la Mancini Ruggero Pioraco, tornando a perdere dopo 5 giornate. Gli ospiti si sono portati sullo 0-3 in 20 minuti nella ripresa: inutili nel finale le due reti dei due bomber Francesco Francucci e Francesco Patrassi, arrivati a 32 reti in 2 in questa annata sportiva.

La Treiese resta terza a 59 punti, a -2 dalla Belfortese: la finale play-off è ora a rischio, visto che il Ripe San Ginesio è risalito a -11 e, se recupererà altri due punti, costringerà i treiesi a disputare la semifinale in casa. Nella prossima giornata Santanatoglia e compagni affrontano la Fabiani Matelica in trasferta, mentre all’ultima ci sarà lo scontro diretto casalingo contro la Belfortese, che potrebbe essere un antipasto del play-off. In caso di arrivo in seconda posizione, infatti, la squadra meglio piazzata è già certa di disputare la finale in casa, dato che il Pioraco non può recuperare oltre il -12.

I pronostici di mister Carletti

Aurora Jesi-Olimpia Juventu Falconara – pronostico 1 – risultato 1*

Avis Arcevia-Ostra Calcio – pronostico 2 – risultato X

Totale di giornata: 1/2 – Totale complessivo: 28/56

Risultati, classifiche e marcatori

Girone C

28^ giornata – Argignano 2-0 Leonessa Montoro, Aurora Jesi 3-0 Olimpia J. Falconara (a tavolino), Avis Arcevia 0-0 Ostra Calcio, Corinaldo 3-4 Terre del Lacrima, Monsano 1-0 Olimpia Ostra Vetere, Palombina Vecchia 3-4 Cupramontana, Rosora Angeli 1-0 Serrana, Trecastelli 1-1 Le Torri Castelplanio

CLASSIFICAOstra Calcio 60, Argignano 59, Avis Arcevia 52, Olimpia Ostra Vetere 48, Cupramontana 46, Terre Del Lacrima 46Monsano 43, Corinaldo 42, Trecastelli 40, Le Torri Castelplanio 33, Palombina Vecchia 32, Serrana 27, Leonessa Montoro 23, Aurora Jesi 21, Rosora Angeli 21, Olimpia Juventu Falconara 14 (retrocessa in Terza Categoria)

MARCATORI19 gol: Cavaliere (Olimpia Ostra Vetere); 17 gol: Orianda (Terre del Lacrima); 16 gol:Ferrante (Terre del Lacrima); 14 gol: Grossi (Trecastelli) e Donzelli (Palombina Vecchia); 13 gol: Ortolani A. (Cupramontana) e Marchetti (Ostra Calcio); 12 gol: Biagioli (Argignano) e Giuliani L. (Corinaldo); 11 gol: Montecchiarini (Le Torri Castelplanio), Rossetti (Avis Arcevia) e Sartini (Argignano); 10 gol: Galuppa G. (Argignano), Mancini (Cupramontana), De Vincenzo (Palombina Vecchia) e Kone (Trecastelli); 9 gol: Cammarino (Aurora Jesi), Bucci D. (Serrana), Lungarini (Monsano) e Garden (Olimpia Juventu Falconara); 8 gol: Apolloni (Serrana), Lenci (Corinaldo) e Zupo (Ostra Calcio).

Girone F

28^ giornataTreiese 2-3 Mr Pioraco, Fabiani Matelica 2-2 Belfortese, Palombese 0-3 Borgo Mogliano, Abbadiense 3-0 San Marco Petriolo, Lorese 5-1 Sarnano, Pievebovigliana 0-1 Pennese, Ripe San Ginesio 8-2 Sefrense, Vis Gualdo 1-3 Camerino Castelraimondo

CLASSIFICABorgo Mogliano Madal 70 (promosso in Prima Categoria), Belfortese 61, Treiese 59, Ripe San Ginesio 48, MR Pioraco 43, Palombese 40, Pievebovigliana 38, Sefrense 33, San Marco Petriolo 32, Camerino Castelraimondo 31, Fabiani Matelica 30, Vis Gualdo 27, Lorese 26, Sarnano 26, Abbadiense 24, Pennese 24

MARCATORI22 gol: Fiecconi (Belfortese); 21 gol: Okere (Borgo Mogliano)M 17 gol: Francucci F. (Treiese); 15 gol: Santoni (Pievebovigliana), Vrioni (Fabiani Matelica) e Correnti (Sefrense); 14 gol: Patrassi F. (Treiese); 12 gol: Albanese (MR Pioraco), Boe (Ripe San Ginesio) e Aquino (Lorese); 11 gol: Di Francesco Alex (Belfortese), Ndiour (Sarnano) e Sosa (Lorese); 10 gol: Micarelli (Camerino Castelraimondo), Acciarresi (San Marco Petriolo) e Pettinari E. (Palombese); 8 gol: Ofili (MR Pioraco), Cesari (Camerino Castelraimondo), Ajrardinovski (Sarnano), Millaci (MR Pioraco) e Biordi (Sefrense).

Giaocmo Grasselli

©riproduzione riservata

image_pdfimage_print

Advertisement
Advertisement

More in Calcio

Segnala a Zazoom - Blog Directory