Connect with us

Calcio

Calcio / Seconda Categoria, il racconto della 24^ giornata dei gironi C e F

Il Cupramontana batte l’Ostra e l’Argignano si riporta a -1, recuperano terreno anche Avis Arcevia e Olimpia Ostra Vetere. L’Aurora Jesi pareggia con il Trecastelli e torna 13^ in solitaria, tris del Monsano contro la Leonessa Montoro. Il Le Torri Castelplanio vince il derby contro il Rosora Angeli

VALLESINA, 20 marzo 2024 – Ci aspetta un finale di stagione scoppiettante in Seconda Categoria di calcio. Le gare dello scorso fine settimana, valide per la 24^ giornata, hanno riaperto tutti i giochi per la promozione nel girone C. L’Ostra Calcio, infatti, ha perso in casa del Cupramontana (che probabilmente si è svegliato troppo tardi) e l’Argignano, rimontando dallo 0-2 al 4-2 contro l’Olimpia Juventu Falconara, si è riportato a -1. Occhio, però, anche ad Avis Arcevia e Olimpia Ostra Vetere, che risalgono rispettivamente a -5 a -6 dalla vetta.

Al momento, il quinto posto non garantirebbe l’accesso ai play-off, poiché il Monsano e a -13 punti dalla seconda posizione. Si allontananoo dalla Top 5 un Corinaldo in caduta libera, battuto anche dal Palombina Vecchia, e il Terre Del Lacrima, sconfitto dall’Arcevia per 4-3. In coda, l’Aurora Jesi raccoglie un punto in casa del Trecastelli, mentre il Rosora Angeli perde il derby contro il Le Torri Castelplanio. Nel girone F, la Treiese non va oltre lo 0-0 contro il San Marco Petriolo: i rossoblù sono ora a -11 dalla prima posizione e sono scivolati al terzo posto. Andiamo a scoprire tutto quello che è successo.

Girone C – Monsano 3-0 Leonessa Montoro – 10’ e 65’ Lungarini, 51’ Sardella

Il Monsano rifila tre gol alla Leonessa Montoro e prosegue la corsa contro il tempo per agguantare i play-off. I rossoblù di Pelonara, infatti, hanno vinto 3-0 grazie alla doppietta di Lungarini e al gol di Sardella. La squadra monsanese è quinta in classifica, ma in questo momento sarebbe esclusa dagli spareggi promozione, perché è a -13 dall’Argignano secondo. I filottranesi di Fabrizi, invece, restano al 13° posto, a +4 dai play-out.

Il commento del Monsano

Bisognava dare continuità – spiegano i padroni di casa – e il Monsano ha risposto alla grande. Al comunale i rossoblù calano il tris, seconda vittoria consecutiva, quinto posto e zona playoff. Mentalità e cattiveria giuste. Bravi tutti!

Calcio d’inizio. Passano 10 minuti ed è Lungarini a firmare il vantaggio locale. Il classe 2002 entra in area e fa partire un sinistro preciso e potente. 1 a 0 per il Monsano. Inizia poi la giostra delle occasioni. Prima Santoni che di testa, da una punizione dalla trequarti di Martinelli spedisce alto. Poi Mattioli: dagli sviluppi di un corner, sempre di Martinelli, il capitano stacca più in alto di tutti, la sfera sfiora il pallo e scivola sul fondo.

Un momento di Monsano-Leonessa Montoro

Occasione più ghiotta la ha Sardella. Ennesimo corner al bacio di Martinelli, Sasà anticipa tutti sul primo pallo, incornata e girata da attaccante puro ma la palla colpisce la traversa. Ripresa che parte con gli stessi ritmi e Monsano che raddoppia. Da un contropiede, Lungarini viene pescato lungo, Giachè in uscita non è brillante e lo tocca. Per l’arbitro non ci sono dubbi è calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Sardella: botta sotto la traversa e 2 a 0 per il Monsano. Prima rete in maglia rossoblù per lui.

Passano 15 minuti e Lungarini firma la doppietta. Su errore dell’estremo difensore ospite, Lungarini è il più lesto, riconquista la sfera e con la porta semi vuota deposita la palla in rete. Monsano cala il tris. Triplice fischio! Grande vittoria. Gara dominata. Lungarini sale a 9 reti in campionato. La squadra è già in campo per preparare la trasferta di Castelplanio”.

Il commento della Leonessa Montoro

Vittoria meritata del Monsano – spiega mister Francesco “Kekko” Fabrizi del Monsano -: abbiamo preso gol dopo 12 minuti e la partita è finita lì, non siamo riusciti a reagire. Purtroppo non stiamo passando un buon momento. Speriamo di tirarci fuori da questa situazione, sono fiducioso, ma nello stesso tempo consapevole delle difficoltà che abbiamo”.

Argignano 4-2 Olimpia Juventu Falconara – 10’ Borgognoni (O), 12’ Garden (O), 15’ autogol Melchiorre (A), 41’ Biagioli (A), 52’ Galuppa S. (A), 66’ Sartini (A)

L’Argignano va sotto di due gol dopo 12 minuti, rimonta e si riporta a -1 dall’Ostra Calcio. I fabrianesi di Mannelli, hanno vinto 4-2 contro il fanalino di coda Olimpia Juventu Falconara in una partita incredibile, ricca di colpi di scena. Borgognoni al 10’ e Garden al 12’ portano sullo 0-2 gli ospiti, ma l’autogol di Melchiorre tre minuti dopo riapre la sfida.

Prima della fine del primo tempo, Biagioli ristabilisce la parità. Nella ripresa, Stefano Galuppa segna il 3-2 al 52’, quindi Sartini chiude le marcature al 66’ sul definitivo 4-2. A 6 giornate dalla fine, dunque, solo un punto separa Ostra Calcio (52) e Argignano (51). Attenzione anche alle inseguitrici, dato l’Avis Arcevia a 47 e l’Olimpia Ostra Vetere a 46 punti potrebbero inserirsi nella lotta promozione, in caso di passi falsi delle due battistrada.

L’Argignano vincitore della Coppa Marche Seconda Categoria 2022-2023

Il commento dell’Argignano

“È stata una partita dura, difficile, ostica – spiega Stefano Galuppa dell’Argignano – Pronti via e dopo 10 minuti eravamo già sotto di due gol! Nonostante ci fossimo detti di mantenere alta la concentrazione, il Falconara ci ha sorpreso in due situazioni nelle quali potevamo far sicuramente meglio! Molto bravi, prima Borgognoni, poi Garden a punirci e comunque realizzare due bei gol!

Dopo aver preso questi due sonori schiaffi, ci siamo svegliati e abbiamo accorciato le distanze con Gabriele Galuppa su un’azione di calcio d’angolo! Abbiamo continuato a metter pressione fino quando, quasi allo scadere del primo tempo, il nostro evergreen Biagioli non ha trovato un pallonetto che si è infilato all’incrocio dei pali.

Fortunatamente siamo andati all’intervallo sulla parità ed il secondo tempo, sempre su un’azione da calcio d’angolo, ho trovato il 3-2 che ci ha permesso di ribaltare il risultato. A quel punto, non senza soffrire, visto che il Falconara ci ha impensierito ancora, abbiamo gestito la partita e l’abbiamo chiusa al 70esimo quando sul solito rilancio lungo di Latini, il nostro bomber Sartini si è involato verso la porta scartando il portiere e depositando in rete.

Sono stati 3 punti d’oro vista la concomitante sconfitta dell’Ostra ed i punti recuperati su di loro! Ma anche dietro Arcevia e Ostra Vetere non mollano e quindi dobbiamo esser bravi e attenti ogni partita! Sabato ci ha dimostrato che tutte le partite sono da giocare e nessuna squadra ti regala nulla”.

Avis Arcevia 4-3 Terre del Lacrima – 40’ Rossetti (A), 43’ e 50’ su rigore Cossa (A), 47’ Togni (T), 67’ Giuliani (T), 74’ Mariani (A), 88’ Ferrante (T)

Italia-Germania 4-3? No grazie, meglio Avis Arcevia 4-3 Terre del Lacrima. C’è stato il festival del gol, infatti, in terra arceviese tra i biancorossi di Sentinelli e i belvederesi di Bocchini. Ad aprire le marcature, al 40’, c’ha pensato Rossetti, poi il raddoppio è stato firmato dall’evergreen Cossa prima della fine del primo tempo. A inizio ripresa Togni accorcia, ma dall’altra parte ancora Cossa su rigore ristabilisce il 3-1. Dopo il 3-2 di Giuliani al 67’, ci pensa Mariani a ristabilire il 4-2. Ferrante riapre il match a due minuti dalla fine, però la sfida non si schioderà più dal 4-3.

L’Arcevia, con questi 3 punti, ottiene la terza vittoria di fila e il nono risultato utile: sognare non costa nulla, con i play-off ormai ipotecati e il primo posto distante 5 punti. Prosegue, invece, il periodo di appannamento del Terre del Lacrima, alla seconda sconfitta di fila, con una sola vittoria nelle ultime nove. I belvederesi ora sono ottavi a 36 punti, a -2 dalla quinta posizione ma a -15 dall’Argignano, per cui varrebbe lo stesso discorso del Monsano.

Il secondo gol di Rossetti in Avis Arcevia-Terre del Lacrima

Il commento dell’Avis Arcevia

Venivamo da 9 risultati utili consecutivi – spiega Federico Rossetti dell’Avis Arcevia – e dalla vittoria di Corinaldo, che era uno scontro diretto molto importante per noi, visto che nella prima parte di campionato con le squadre di alta classifica non eravamo riusciti ad imporci come volevamo.

Sul piano mentale eravamo ben concentrati e carichi, sapevamo bene che sarebbe stata una partita difficile, complici soprattutto i numerosi infortuni di queste settimane (a Corinaldo eravamo 16, contro il Terre del Lacrima 14). Eravamo chiamati a fare una grande prestazione e così è stato. Nel primo tempo ci siamo portati sul doppio vantaggio, ma nella ripresa è successo di tutto.

Le Terre del Lacrima hanno accorciato le distanze al primo minuto, poco dopo ci siamo riportati sul doppio vantaggio, così via fino al 4-3 finale. È stata una grande soddisfazione vincere anche questo importantissimo scontro diretto. Nonostante tutte le difficoltà, la forza di questa squadra è proprio questa: siamo un gruppo molto unito e nei momenti critici sappiamo soffrire tutti insieme e aiutarci l’un l’altro. Adesso massima concentrazione per quest’ultima parte di campionato, dove ci aspettano 6 partite da giocare al meglio delle nostre possibilità, poi tireremo le somme alla fine. Cedendo il percorso fatto fino adesso, credo che l’Arcevia meriti di togliersi qualche soddisfazione”.

Il commento del Terre del Lacrima

“Le Terre – commenta ironico il club ospite – segnano 3 gol in trasferta ma riescono nell’impresa di tornare a casa senza punti dalla trasferta di Arcevia. Termina infatti per 4-3 in favore dei locali la partita valida per la 24^ giornata di campionato.

Primo tempo equilibrato l’Arcevia però nel finale di frazione accelera e trova il doppio vantaggio alla fine dei conti decisivo per l’esito finale della gara grazie alle reti sottoporta di Rossetti e Cossa.

A inizio ripresa il subentrato Togni accorcia le distanze con un bel tiro al volo al primo pallone toccato; 5 minuti dopo però è ancora Cossa a ristabilire le distanze su rigore. Le Terre non si arrendono, su azione d’angolo Togni tira male al volo ma trova Giuliani sul secondo palo, il nostro difensore non lascia scampo all’estremo locale riaprendo ancora la gara.

L’Arcevia si porta sul 4-2 alla mezz’ora con Mariani che approfitta di un nuovo nostro errore difensivo. Le Terre non sono dome e accorciano ancora al 87’: cross di Togni e Ferrante di testa ridà speranze ai biancorossi. Il forcing finale però non porta al pareggio. Per i playoff la situazione è ora diventata complicatissima, non ci resta che fare del nostro meglio nelle prossime 6 sfide e sperare.

Risparmiamo infine qualsiasi altro commento sulla pochezza dei nostri avversari, capaci di prendere 5 gol in 2 partite da una squadra scarsa, ma che sicuramente non avranno difficoltà, dall’alto della loro forza, a trionfare nei playoff, e sull’arbitro sig. Shala, riuscito a complicarsi una partita non cattiva con delle scelte alquanto singolari, come non concedendo distanze su calci di punizione, scene mai viste sui campi da calcio e su cui il fischietto dorico si è addirittura chiamato ragione dandoci dei maleducati e ignoranti del regolamento. Non perdiamo sicuramente per colpa sua, ma ogni tanto guardarsi allo specchio e fare un bagno di umiltà non farebbe male”.

Cupramontana 2-1 Ostra Calcio – 10’ Landi (O), 80’ Ortolani (C), 94’ Mancini (C)

Il Cupramontana non si ferma più e ferma la capolista Ostra Calcio. I ragazzi di Ballini, infatti, hanno rimontato lo 0-1 iniziale di Landi nel secondo tempo, con i gol di Ortolani all’80° e di Michele Mancini in pieno recupero. I rossoblù, alla quinta vittoria di fila, sono sesti a 37 punti, a -1 dal Monsano quinto. Gli ostrensi di De Filippi, invece, perdono l’imbattibilità dopo 11 partite senza perdere e ora hanno solo un punto di vantaggio sull’Argignano secondo.

Il commento del Cupramontana

Grande vittoria dei nostri ragazzi – esulta il Cupramontana – impegnati in una difficile sfida casalinga contro la capolista Ostra. La formazione ospite trova subito il vantaggio nei primi minuti, ma i nostri ragazzi reagiscono e per tutto il primo tempo creano buone trame di gioco, senza creare grandi occasioni da rete.

Nella ripresa, stesso copione, l’Ostra si limita a contenere, mentre noi cerchiamo il gol del pareggio. Che arriva al 80’ con una bella giocata del solito Ortolani, l’uomo in più di questa squadra. Ma il pareggio non ci accontenta, al 94° Ortolani mette una buona palla a Mancini che con una gran giocata dribbla il suo marcatore ed insacca la rete della vittoria. Non è finita: al 96° colpiamo anche un clamoroso palo. Bravi ragazzi, questo è il Cupra che vogliamo e che non si arrende mai!”.

Simone Cavaliere ai tempi della Biagio Nazzaro

Olimpia Ostra Vetere 4-0 Serrana  – 10’ e 22’ Cavaliere, 24’ Piangerelli, 43’ Paniconi

L’Olimpia Ostra Vetere rifila un poker alla Serrana e comincia a pensare in grande. I rossoblù di Curzi, infatti, hanno vinto 4-0, grazie alla doppietta di Cavaliere e alle reti di Piangerelli e Paniconi, chiudendo la sfida già nei primi 45 minuti.

Gli olimpici, con la quarta vittoria di fila e il settimo risultato utile, blindano i play-off e si portano a -6 dalla capolista Ostra Calcio alla vigilia dello scontro diretto di sabato al Comunale di Pianello. La Serrana, invece, si ferma dopo la vittoria di Montoro, tornando al 12° posto con 23 punti, a +7 dai play-out.

Palombina Vecchia 3-1 Corinaldo – 52’ Giantomasi F. (P), 61’ e 81’ De Vincenzo (F), 85’ Esposto G. (C)

Che fine ha fatto il Corinaldo? La squadra prima in classifica alla 16^ giornata, è ora settima e lontanissima dai play-off. I ragazzi di Giuliani, infatti, hanno perso anche a Falconara contro un Palombina Vecchia ormai salvo e senza particolari obiettivi per 3-1. In 8 giornate, i corinaldesi hanno totalizzato solo 3 punti: una crisi che ha condizionato il loro campionato. Il Palombina Vecchia, invece, torna all’11° posto, ricacciando indietro la Serrana.

Continua il momento no del Corinaldo – spiegano gli ospiti – che torna dalla trasferta di Falconara con 0 punti. Nei primi minuti gli ospiti partono con un buon pressing alto che permette loro di recuperare molti palloni. Campolucci al 9’ ci prova con un tiro a giro che si spegne debole tra le braccia del portiere. Al 17’ Esposto J., alla prima da titolare, arpiona una palla e si invola verso la porta concludendo purtroppo a lato.

Poco dopo Mazzanti con una bella giocata si libera sulla sinistra e crossa, Giuliani si coordina non trovando però l’impatto con la sfera. I locali si rendono pericolosi allo scadere di tempo, quando Giantomasi calcia di prima intensione una corta respinta della difesa e sfiora il palo.

Nella ripresa, nonostante i cambi, il Corinaldo si disunisce. Al 56’ il Palombina va in vantaggio con un colpo di testa di Giantomasi, lasciato clamorosamente solo sugli sviluppi di calcio piazzato. Gli ospiti sbandano e subiscono poco dopo il raddoppio locale con De Vincenzo che parte dalla sinistra, si accentra, e di destro batte Lattanzi. Mister Giuliani inserisce centimetri in avanti per cercare di alzare il baricentro. Prima Tranquilli di testa colpisce la traversa, poi Lorenzo Giuliani in girata spara alto da buonissima posizione. Sembra il preludio al gol corinaldese e invece un altro errore difensivo regala la palla a De Vincenzo che sguscia in mezzo a due e firma il 3-0. Il gol della bandiera arriva solo all’88’ con Esposto che sovrasta tutti e di testa gonfia la rete.Così non ci siamo ragazzi, le parole stanno a zero. È ora di tirare fuori gli attributi!”.

Trecastelli 2-2 Aurora Jesi – 43’ Santoni (A), 69’ e 90’ Grossi (T), 74’ Gasparrini (A)

L’Aurora Jesi strappa un punto al Trecastelli e riconquista il vantaggio di giocare il play-out in casa. Gli aurorini di Campanelli, infatti, hanno pareggiato 2-2 contro i biancoblù, riportandosi a +1 dal Rosora Angeli. Il Trecastelli, invece, resta nono a 35 punti, a -3 dalla quinta posizione.

Il commento del Trecastelli

Purtroppo l’approccio non è stato dei migliori – commenta l’autore della doppietta dei locali, Luca Grossi -, forse abbiamo preso un po’ sotto gamba l’impegno. Probabilmente a causa degli strascichi della partita con l’Argignano, che ha lasciato un po’ di delusione e ci ha portato ad una situazione di classifica a cui è conseguito un calo mentale. Complessivamente, nonostante ci sia ormai poco spazio per eventuali obiettivi di classifica, è un pareggio che ci lascia l’amaro in bocca, specialmente per non aver messo in campo una prestazione in linea con le nostre potenzialità. Adesso testa all’importante derby col Corinaldo, dove dovremo dimostrare chi siamo veramente“.

Il commento dell’Aurora Jesi

Altro prezioso punto per l’Aurora – scrivono gli jesini – che pareggia 2-2 sul difficile e caldo campo del Trecastelli. Una X viziata da un clamoroso errore arbitrale che permette ai locali di segnare il gol del definitivo pareggio fischiando durante lo svolgimento dell’azione sugli sviluppi di una punizione battuta dai locali. Un errore di cui il direttore di gara ha fatto poi ammenda negli spogliatoi a danno però ormai fatto.

È stata comunque un’Aurora ottima e gagliarda quella odierna. Vantaggio nel primo tempo con Luca Santoni che realizza di testa su bel cross di Cerioni. A inizio ripresa pari locale con il talentuoso Kone che si libera di tre uomini in dribbling e serve un pallone da spingere in rete a Grossi.

Nuovo vantaggio arancioblu con Gasparrini che, imbeccato da Trotta, piazza un tiro a giro imparabile per il portiere locale. Poi il patatrac finale con ancora Grossi a segnare il 2-2 finale.

In classifica Aurora ora solitaria al terzultimo posto con un punto di vantaggio sul Rosora Angeli e tre sull’Olimpia Juventu Falconara”.

Simone Fugante (allenatore Le Torri Castelplanio)

Rosora Angeli 0-2 Le Torri Castelplanio – 6’ Mariotti, 32’ Petrini

Il Le Torri Castelplanio si aggiudica il derby dell’Alta Vallesina contro il Rosora Angeli. La squadra di Fugante, infatti, ha vinto 0-2 con i gol di Mariotti e Petrini. I rossoblù restano al decimo posto con 31 punti, mentre i ragazzi del duo Lucarini-Baldarelli scivolano al 15° posto, sempre a +2 dall’Olimpia Juventu Falconara ultima.

Il commento del Rosora Angeli

Le Torri – commenta la società di casa – con il minimo sforzo hanno vinto su due indecisioni difensive. Si è trattato della peggior partita dell’anno, senza un minimo di reazione della nostra squadra. Ringraziamo i tifosi che anche sabato hanno gremito il ‘Comunale’. La Società si scusa con loro per la presentazione non all’altezza di un derby, alla fine Le Torri potevano arrotondare ma per imprecisione e legni colpito il risultato è rimasto questo”.

Il commento del Le Torri Castelplanio

“Sono contento per i ragazzi e soprattutto per la società – spiega mister Simone Fugante del Le Torri Castelplanio -, che ci teneva a vincere il derby. Non è stata una sfida a ritmi alti: siamo stati bravi a sfruttare queste due chances da palla inattiva con Mariotti e Petrini. Quest’ultimo, classe 2005, ha segnato il secondo gol stagionale: è un giocatore interessante. Abbiamo avuto altre situazioni per poter fare altre reti, mentre i nostri avversari hanno avuto un’occasione importante, ma il nostro portiere Ale Priori ha fatto una bella parata.

Sono tre punti importanti per il morale: la classifica parla chiaro e il sogno play-off è ormai sfumato. Cerchiamo di onorare le restanti partite del campionato nel miglior modo possibile. La mia soddisfazione più grande, in questi due anni, è stata quella di aver fatto esordire in prima squadra diversi giovani, nati tra il 2005 e il 2006: alcuni di loro, come Brocanelli, Bruschi e Petrini, sono ormai dei titolari. Era quello che mi era stato chiesto dalla società. Non è obbligatorio far giocare i giovani: vanno messi in campo, facendoli crescere con i giusti tempi. Il giovane, come qualsiasi altro giocatore, deve meritarsi di giocare in prima squadra e di saperci restare.

Sicuramente si poteva fare di più, ma se siamo al decimo posto vuol dire che ci meritiamo questo. Anche i più anziani hanno dato il loro contributo, ma alcuni di loro sono venuti a mancare per infortunio nel corso della stagione. Ci è mancata un po’ di esperienza e un po’ di sana ignoranza, che in questi campionati servono come il pane. Siamo una squadra un po’ troppo buona.

I giovani devono crescere e altri giocatori si stanno giocando la riconferma per la prossima stagione. Io stesso mi metto sotto esame, perché al momento non so quello che farò nel 2024-2025. Ora penso a terminare bene quest’annata, per poi valutare il da farsi con molta calma. Ci sono stati diversi problemi, ma abbiamo sopperito bene: credo che io e il mio vice Valerio Maccioni abbiamo fatto un grandissimo lavoro. Continueremo a dare il massimo fino alla fine della stagione. Sabato prossimo arriva il Monsano, una delle mie bestie nere da una vita. Ce la giocheremo”.

Girone F – Treiese 0-0 San Marco Petriolo

La Treiese non va oltre lo 0-0 contro il San Marco Petriolo e scivola al terzo posto nel girone F di Seconda Categoria. La squadra di Compagnoni, infatti, è uscita dal match del “Capponi” con solo un punto e, per via della contemporanea vittoria della Belfortese, è ora in terza posizione, a -11 dalla capolista Borgo Mogliano Madal.

Nel primo tempo – spiega il portiere rossoblù Lorenzo Tamburrici è mancato solo il gol. Dopo aver trovato la quadra, abbiamo avuto due occasioni nitide per passare in vantaggio. Nella ripresa siamo calati, abbiamo corso un po’ male, ma abbiamo tenuto la partita in mano. Non abbiamo avuto la lucidità di voler far male. Alla fine abbiamo rischiato anche di perdere, ma fortunatamente è andata bene. Ci teniamo stretto questo punto, ma dobbiamo risalire presto la china e ritrovare la vittoria. Se riusciremo a riconquistare i tre punti, sono sicuro che torneremo quelli di inizio stagione. Ci aspetta un gran finale di campionato e siamo tutti molto carichi con il nuovo mister. Non vediamo l’ora di tornare a giocare per riscattarci: siamo pronti”.

I pronostici di mister Carletti

Avis Arcevia-Terre del Lacrima – pronostico X – risultato 1

Cupramontana-Ostra Calcio – pronostico 1 – risultato 1

Totale di giornata: 1/2 – Totale complessivo: 25/48

Classifiche e marcatori

Girone C

CLASSIFICA Ostra Calcio 52, Argignano 51, Avis Arcevia 47, Olimpia Ostra Vetere 46, Monsano 38, Cupramontana 37, Corinaldo 37, Terre del Lacrima 36, Trecastelli 35, Le Torri Castelplanio 31, Palombina Vecchia 24, Serrana 23, Leonessa Montoro 20, Aurora Jesi 16, Rosora Angeli 15, Olimpia Juventu Falconara 13

MARCATORI18 gol: Cavaliere (Olimpia Ostra Vetere); 12 gol: Ortolani (Cupramontana), Orianda (Terre del Lacrima) e Grossi (Trecastelli); 11 gol: Marchetti (Ostra Calcio), Ferrante (Terre del Lacrima), Biagioli (Argignano) e Donzelli (Palombina Vecchia); 10 gol: Montecchiarini (Le Torri Castelplanio), Giuliani L. (Corinaldo), Sartini (Argignano) e Rossetti (Avis Arcevia); 9 gol: Cammarino (Aurora Jesi), Bucci D. (Serrana) e Lungarini (Monsano); 8 gol: Mancini (Cupramontana), Apolloni (Serrana), Galuppa G. (Argignano), Lenci (Corinaldo) e Garden (Olimpia Juventu Falconara); 7 gol: Brescini (Avis Arcevia), Zupo (Ostra Calcio) e Mariani (Avis Arcevia).

Girone F

CLASSIFICABorgo Mogliano Madal 61,  Belfortese 51, Treiese 50, Ripe San Ginesio 40, MR Pioraco 37, Palombese 33, Pievebovigliana 33, Sefrense 30, San Marco Petriolo 28, Camerino Castelraimondo 27, Vis Gualdo 27, Sarnano 25, Fabiani Matelica 24, Pennese 21, Abbadiense 18, Lorese 17

MARCATORI18 gol: Okere (Borgo Mogliano); 16 gol: Fiecconi (Belfortese); 15 gol: Santoni (Pievebovigliana); 13 gol: Vrioni (Fabiani Matelica) e Francucci (Treiese); 12 gol: Correnti (Sefrense); 10 gol: Micarelli (Camerino Castelraimondo), Acciarresi (San Marco Petriolo) e Patrassi F. (Treiese); 9 gol: Di Francesco Alex (Belfortese), Pettinari E. (Palombese), Boe (Ripe San Ginesio) e Aquino (Lorese); 8 gol: Ofili (MR Pioraco), Cesari (Camerino Castelraimondo), Ndiour (Sarnano) e Albanese (MR Pioraco); 7 gol: Biordi (Sefrense) eAjradinoski (Palombese).

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata

image_pdfimage_print

Advertisement
Advertisement

More in Calcio

Segnala a Zazoom - Blog Directory