Connect with us

Calcio

Calcio / Seconda Categoria, il racconto della 22^ giornata dei gironi C e F

In vetta continua il testa a testa Ostra-Argignano, ma occhio ad Avis Arcevia e Olimpia Ostra Vetere. Torna in lotta per i play-off il Cupramontana

VALLESINA, 7 marzo 2024 – Non ci sono state grosse soprese nella 22^ giornata di Seconda Categoria. Le classifiche ormai si stanno delineando e sembrano chiare quali sono le squadre protagoniste delle diverse lotte, promozione, play-off, play-out e retrocessione.

Nel girone C, Ostra Calcio e Argignano stanno dando vita ad un avvincente duello per la testa della classifica, ma un passo falso di entrambe potrebbe far riavvicinare le inseguitrici Avis Arcevia e Olimpia Ostra Vetere, le quali sembrano aver trovato il ritmo giusto per puntare al bottino grosso.

Per il quinto posto, ultimo dei play-off (a patto che non si superino i 10 punti di distacco dalla seconda piazza), la lotta sembra allargata a 6 squadre, ovvero Corinaldo, Terre del Lacrima, Trecastelli, Monsano e Cupramontana, racchiuse in 6 punti. A centro classifica il Le Torri Castelplanio sembra essere tranquillo, con vantaggio di +14 dai play-out. Devono guardarsi le spalle, invece, Palombina Vecchia, Serrana e Leonessa Montoro: il +6 dal 14° posto, con 24 punti in palio, non consente a nessuna delle tre squadre di dormire sogni tranquilli.

Per la retrocessione, inoltre, è lotta a tre tra Rosora Angeli, Aurora Jesi e Olimpia Juventu Falconara: rosorani e jesini hanno 14 punti e attualmente si sfiderebbero ai play-out, inseguiti a 13 dai falconaresi. Si potrebbe profilare, dunque, anche lo scenario dell’arrivo a tre a pari merito.

Nel girone F, infine, la Treiese perde in casa lo scontro diretto contro il Borgo Mogliano ed ora è a -7 dalla vetta, raggiunta addirittura dalla Belfortese. Andiamo a scoprire tutto quello che è successo nello scorso fine settimana.

Girone C – Argignano 1-0 Corinaldo – 89’ Biagioli su rigore

L’Argignano resta a 4 punti dalla vetta con un altro gol in extremis. La squadra di Mannelli, infatti, ha battuto 1-0 il Corinaldo grazie al gol di Biagioli all’89°. Se i fabrianesi restano saldamente secondi, i corinaldesi di Giuliani scivolano al quinto posto con 37 punti, con solo una lunghezza di vantaggio sul Terre del Lacrima sesto.

Gianluca Biagioli

Il commento dell’Argignano

“Dopo il pareggio della scorsa settimana contro l’Arcevia – spiega l’autore del gol locale Gianluca Biagioli, eravamo chiamati ad affrontare un’altra pretendente per un posto play-off, quindi puntavamo ad un unico risultato.

Sapevano che andavamo a sfidare una squadra tosta e forte fisicamente, quindi è stato un primo tempo abbastanza equilibrato e di studio, visto la posta in paio. Da segnalare due grosse occasioni a tu per tu con il portiere dove non siamo stati bravi ad approfittarne, il Corinaldo risponde con un gran tiro da fuori area, bravo Latini a neutralizzare.

Nella ripresa sapevamo che, se riuscivamo a mantenere il risultato sullo 0-0, qualcosa loro nella parte finale avrebbero concesso. Infatti, nel forcing finale, siamo riusciti a portare a casa il bottino pieno. Ora testa alla prossima partita contro il Trecastelli, squadra in salute che ultimamente è risalita nella parte alta della classifica”.

Il commento del Corinaldo

Quinta sconfitta stagionale per il Corinaldo – spiegano gli ospiti – che subisce, ancora sul finale di gara, la rete di Biagioli su penalty molto contestato. Primo tempo equilibrato dove i ragazzi di Giuliani, dopo una sbandata iniziale, prendono le misure al roccioso Argignano. Sartini, sfruttando la sua velocità, sorprende per ben due volte la difesa corinaldese, ma prima conclude a lato con un diagonale mancino e poi sbatte sui pugni di Lattanzi.

Gli ospiti rispondono con una bellissima conclusione dalla distanza di Baldassarri che Latini smanaccia sopra la traversa. Si chiude in parità la prima frazione di gioco molto fisica, dove le due compagini si affrontano a viso aperto.

Nella ripresa il Corinaldo rientra meglio e sfiora subito il vantaggio con Giuliani che anticipa il suo diretto avversario, ma la sua conclusione si stampa sulla traversa. Gli ospiti perdono distanze e lucidità, e l’Argignano ne approfitta. Tarsi con un disimpegno errato serve Biagioli che da buona posizione colpisce la parte alta della traversa. I locali spingono e collezionano una serie di calci piazzati. Da uno di questi Galluppa S spedisce alto sopra la traversa.

Episodio dubbio in area ospite tra Esposto-Sartini, ma l’arbitro non fischia. Rigore rimandato all’89’ minuto quando il direttore di gara decreta il penalty per un contatto dubbio avvenuto forse fuori area. Biagioli si presenta sul dischetto e firma l’1-0. Nei 6’ di recupero il Corinaldo si butta in avanti, ma prima Esposto non inquadra di testa la porta e poi Giuliani cicca la conclusione che si spegne a lato. C’è bisogno di una svolta, speriamo che la prima partita casalinga nel nuovo stadio di sabato prossimo lo sia!”.

Avis Arcevia 4-0 Aurora Jesi – 36’ Mariani, 57’ Pucci, 73’ Rossetti, 81’ Cossa su rigore

L’Avis Arcevia cala il poker e si conferma al terzo posto. I biancorossi di Sentinelli, infatti, hanno battuto l’Aurora Jesi per 4-0, grazie ai gol di Mariani, Pucci, Rossetti e Cossa su calcio di rigore, centrando il settimo risultato utile. Gli aurorini, invece, incappano nella terza sconfitta di fila e ora il Rosora Angeli li ha raggiunti al terzultimo posto a quota 14, con l’Olimpia Juventu Falconara ultima a 13.  

Il commento dell’Avis Arcevia

“Stiamo attraversando un buon momento – spiega Alessandro Cossa dell’Avis Arcevia -, dando continuità di risultati, cosa che ci ha permesso di arrivare al terzo posto. Sabato contro il Corinaldo possiamo consolidare ulteriormente il nostro piazzamento, speriamo di far bene.

Il rigore calciato da Alessandro Cossa

Contro l’Aurora Jesi abbiamo approcciato bene la partita: siamo riusciti a sbloccarla alla mezz’ora e in seguito la sfida si è messa meglio per noi. All’inizio del secondo tempo abbiamo raddoppiato e da lì abbiamo giocato più sereni e con tranquillità, riuscendo ad arrotondare ulteriormente il risultato. Nel complesso è stato un buon match contro una squadra che secondo me non merita i punti che ha, perché si è dimostrata combattiva. L’Aurora non molla mai e ha qualche valore importante. Non è mai facile giocare e vincere le partite, al di là della classifica. Guardiamo avanti con fiducia: c’è un bel gruppo con un buon ambiente, speriamo di concludere il campionato nel migliore dei modi”.

Il commento dell’Aurora Jesi

Sconfitta pesante per l’Aurora – spiega la società jesina – che esce sconfitta 4-0 sul sempre ostico campo dell’Arcevia terza in classifica. In gol per i locali Mariani, Pucci, Rossetti e il sempreverde Cossa. Non era probabilmente questa la partita più adatta per muovere la classifica, ora è tempo di focalizzarsi sull’impegno di settimana prossima, fondamentale, contro il Rosora Angeli.

Una gara tra due squadre a pari punti in classifica, 14, una lunghezza sopra il fanalino di coda Olimpia Juventu Falconara. Incontro importantissimo e per cui invitiamo già da oggi tutta la grande famiglia aurorina ad accorrere al San Sebastiano per incitare e dare una mano ai nostri ragazzi.

Cupramontana 3-2 Le Torri Castelplanio – 20’ su rigore e 93’ Ortolani (C), 31’ Petrini (L), 45’ Montecchiarini (L), 60’ Costarelli (C)

Il derby del Verdicchio è del Cupramontana (foto di copertina). La squadra di Ballini, infatti, ha battuto 3-2 il Le Torri Castelplanio con un gol al 93’. I rossoblù si erano portati in vantaggio con Ortolani su calcio di rigore, ma Petrini e Montecchiarini hanno trascinato la formazione di Fugante sull’1-2 prima della fine del primo tempo. Nella ripresa, Costarelli al 60’ pareggia i conti, quindi, in extremis, ancora Ortolani trova il colpo vincente del definitivo 3-2. Il Cupramontana, alla terza vittoria consecutiva, al momento è al 9° posto con 31 punti, a -6 dai play-off. Il Le Torri, invece, segue al decimo a quota 28, a +7 dal Palombina Vecchia undicesimo.

Il commento del Cupramontana

“Il match – commenta Alex Ortolani del Cupramontana – è stato sentito fin da subito, come tutti i derby. Questa volta, a differenza di tante altre sfide, siamo partiti benissimo, andando in vantaggio e sfiorando subito il raddoppio. Nella fase centrale del primo tempo stavamo giocando molto bene, poi due sbavature hanno creato i due gol del Le Torri Castelplanio, chiudendo l’intervallo sotto nel risultato.

A inizio ripresa i nostri avversari hanno cercato di fare il terzo gol, ma fortunatamente ci siamo difesi bene. In seguito abbiamo a costruire tantissime occasioni e siamo riusciti a finalizzare, prima su calcio d’angolo abbiamo pareggiato e poi con un’azione nei minuti di recupero che ci ha fatto esultare. La nostra è stata un’ottima prestazione di squadra: tra l’altro segnalo l’ottimo esordio del portiere classe 2005 Coppari. Questa vittoria ci lascia qualche speranza aperta (anche se minima) per provarci ad agganciare al treno play-off”.  

Il commento del Le Torri Castelplanio

E’ stata una partita particolare – spiega Nicola Petrini del Le Torri -, sapevamo di trovare una squadra ben organizzata ed esperta in un campo difficile. Nel primo tempo abbiamo preso goal su calcio di rigore ma, nonostante le difficoltà, siamo riusciti a sfruttare le occasioni e ci siamo portati in vantaggio. Nel secondo tempo, complice anche un po’ di sfortuna, non riusciamo a finalizzare per indirizzare la sfida e ci troviamo a soffrire, per poi prendere il goal del pareggio e del successivo sorpasso allo scadere. Resta l’amaro in bocca per la sconfitta, ma ora come ora dobbiamo pensare alle prossime sfide”.

Monsano 0-3 Terre del Lacrima – 31’ Marchegiani, 75’ Orianda, 90’ Santinelli

Il Monsano perde in casa dopo quasi tre mesi. La squadra di Pellonara, infatti, perde per 0-3 contro il Terre del Lacrima, alla prima vittoria nel girone di ritorno, grazie ai gol di Marchegiani, Orianda e Santinelli, in una gara che ha visto i locali lamentarsi per l’arbitraggio. Se i monsanesi scivolano all’ottavo posto, superati dal Trecastelli, a -5 dai play-off, i belvederesi salgono a -1 dalla quinta posizione.

Il commento del Monsano

Termina con una sconfitta – spiega il Monsano – la ventiduesima giornata di campionato. Le Terre del Lacrima si impongono per tre reti a zero al Comunale di Monsano. Calcio d’inizio e squadre che si studiano concedendo poco l’una all’altra. Ci prova Orianda da fuori e il tiro finisce alto. Occasione più pericolosa capita sul piede di Bisi che di destro trova il grande intervento di Fortuna.

Poi il vantaggio ospite. Dagli sviluppi di un corner velenoso di Rossini, è Marchegiani a trovare la testata vincente. Primo tempo che finisce con il Monsano sotto.

La ripresa vede la reazione dei ragazzi di mister Pelonara che chiudono nella propria meta campo le Terre del Lacrima. Ma poi nuovamente doccia gelata dovuto anche alla complicità del direttore di gara che prima assegna un dubbio calcio di punizione dal limite: Perez para il tiro velenoso di Orianda e spedisce in angolo.

Poi dagli sviluppi dello stesso corner Orianda spizza sul primo palo, la palla sbatte sul palo e viaggia sulla linea di porta. Mattioli la spazza via, ma l’arbitro incredibilmente assegna la rete. Clamoroso errore che costa anche l’espulsione per Bocchini (appena entrato) per proteste.

Partita spezzata da questo episodio. Monsano in 10 e terza rete che arriva dopo un tiro di Santinelli da fuori, Perez impreciso ma l’entusiasmo della gara era già stato segnato da prima. Ci portiamo a casa questa sconfitta.

Un risultato bugiardo per quello dimostrato sul campo dai rossoblù. Sappiamo che il Monsano ha un gruppo più che unito e compatto e lo stesso gruppo risponderà sul campo già da sabato prossimo a Falconara”.

Orianda ai tempi dell’Aurora Jesi

Il commento del Terre del Lacrima

“Finalmente! – commenta, invece, la società di Belvedere Ostrense – Prima vittoria del girone di ritorno per le Terre del Lacrima e che vittoria, un netto 3-0 in trasferta nel derby contro il Monsano, che si presentava alla sfida di sabato con la miglior difesa del torneo. Un successo importantissimo, frutto del lavoro corale della squadra, che ci consente di tornare a 1 solo punto dalla zona playoff.

Prima fase di studio, locali pericolosi con Bisi su cui è bravo Fortuna a opporsi. Le Terre crescono e colpiscono alla mezz’ora: angolo di Rossini su cui Marchegiani mette la testa mandando la palla in rete. Senz’altro il miglior modo per festeggiare il compleanno e la nascita del primo figlio per il nostro centrocampista.

La partita si gioca a centrocampo, senza grandi occasioni per ambo le squadre. La svolta decisiva arriva alla mezz’ora della ripresa, ancora su azione d’angolo: il neoentrato Merico calcia bene, Orianda colpisce di testa mandando la palla sul secondo palo, legno interno e pallone che rotola sulla linea di porta, varcandola secondo l’arbitro Manfredi!

I locali protestano e rimangono in 10, così nel finale Le Terre amministrano e trovano anche il terzo gol con Santinelli che dal limite dell’area lascia partire un tiro che trova impreparato l’estremo difensore locale Gomez. Ora bisogna dare continuità e ritrovare il successo in quel di Belvedere Ostrense. Prossimo avversario il Cupramontana”

Olimpia Ostra Vetere 3-1 Leonessa Montoro – 6’ e 11’ Cavaliere (O), 20’ Paniconi (O), 85’ Ceci (L)

Sembra aver ingranato la marcia giusta l’Olimpia Ostra Vetere. I ragazzi di Curzi, infatti, hanno battuto 3-1 la Leonessa Montoro, ottenendo la seconda vittoria consecutiva e il quinto risultato utile di fila, che li proietta al terzo posto con 40 punti, a -9 dal vertice della classifica. Il capocannoniere Cavaliere ha aperto le marcature con un terribile uno-due tra il 6’ e l’11’, quindi Paniconi arrotonda il risultato al 20’. Il gol di Ceci per i filottranesi rende meno amara la sconfitta per la squadra di Fabrizi, che mantiene il +6 dalla zona play-out.

Simone Cavaliere ai tempi della Biagio Nazzaro

Il commento della Leonessa Montoro

“Niente da fare – hanno spiegato i biancorossi – per la Leonessa Montoro contro l’Olimpia Ostra Vetere del capocannoniere Cavaliere autore oggi di una doppietta e a quota 15 gol stagionali.

I padroni di casa partono fortissimo e vanno sul 2-0 già al 10′ con i due gol di Cavaliere e trovano il tris al 37′ con Paniconi.

Nel secondo tempo i Red Lions provano a riaprire il match, spingono molto ma sciupano troppo e il gol che accorcia le distanze arriva solo all’80’ con un bel tiro di Jacopo Ceci. Finale con i montoresi ancora in forcing ma il risultato non cambia.

Al cospetto di un’ottima squadra oggi per il Montoro resta il rammarico di aver concesso un intero tempo agli avversari, ma la reazione del secondo tempo ha dimostrato che la squadra è viva e mai doma, le partite si possono perdere ma lo spirito è quello giusto. Ed ora testa alla prossima giornata”.

Palombina Vecchia 0-3 Trecastelli – 14’ Angeloni, 45’ Kone, 71’ Malerba

Continua il buon momento di forma anche del Trecastelli. I ragazzi di Rodolfo Gallotta, infatti, battono 0-3 il Palombina Vecchia allo Stadio “Amadio” di Falconara Marittima, grazie ai gol di Angeloni, Kone e Malerba. I biancoazzurri, alla seconda vittoria di fila, salgono al settimo posto con 34 punti, avvicinandosi a 3 punti dai play-off. Il Palombina Vecchia, invece, resta undicesimo con 21 punti, a +7 dai play-out, ma nelle 10 ultime gare ha totalizzato solamente 2 punti, una media da zona retrocessione.

Grande vittoria – spiega Federico Malerba del Trecastellicontro una squadra forte e dal valore tecnico importante, che nel girone di andata ha battuto sia Ostra che Ostra Vetere con due punteggi netti. Nel primo tempo hanno mostrato subito la loro bravura nel fraseggio che ha portato qualche conclusione da fuori poco pericolosa.

Una volta prese le misure siamo stati poi bravi a limitarli per poi renderci pericolosi più volte in contropiede, concludendo il primo tempo col doppio vantaggio. Nel secondo tempo ci hanno inizialmente schiacciato un po’, ma siamo stati bravi a non fargli riaprire la partita e a chiuderla poi col terzo gol. Adesso ci attendono due partite casalinghe che ci diranno di più sui nostri obiettivi di fine campionato”.

Rosora Angeli 1-1 Olimpia Juventu Falconara – 50’ Lombardi (R), 81’ Borgognoni (O)

Il Rosora Angeli chiama, l’Olimpia Juventu Falconara risponde. Lo scontro diretto salvezza, infatti, termina 1-1, con Borgognoni a replicare alla rete di Lombardi per i locali. A sorridere sono più i locali che gli ospiti, perché ora raggiungono al terz’ultimo posto l’Aurora Jesi. I falconaresi restano ultimi, a -1 dal duo che attualmente disputerebbe i play-out.

In caso di arrivo a pari punti tra la 15^ e la 16^ si disputerà uno spareggio in campo neutro che deciderà la squadra retrocessa. Se le formazioni a pari punti, invece, saranno tre, si andrà a guardare la classifica avulsa: la squadra con che avrà scontri diretti, differenza reti e gol segnati maggiori delle altre giocherà il play-out in casa contro la vincente dello spareggio che si disputerà tra le restanti due compagini.

“Potevamo sicuramente vincere – commenta Alessandro Lombardi del Rosora Angeli – e sull’1-0 dovevamo chiudere la partita, dato che abbiamo avuto varie occasioni per il raddoppio. In quel momento dovevamo essere più cattivi. Un’incomprensione difensiva ci ha portato al pareggio: all’80°, poi, non è facile ritornare in vantaggio”.

Serrana 0-1 Ostra Calcio – 75’ su rigore Zupo

L’Ostra Calcio non si ferma e batte la Serrana. La squadra di De Filippi, infatti, ha vinto 0-1 grazie al rigore di Zupo, ottenendo il decimo risultato utile consecutivo che consente di mantenere il +4 dall’Argignano secondo. I rossoverdi di Azzeri perdono dopo quattro pareggi di fila, con la vittoria che manca dallo scorso 14 ottobre: restano 6, comunque, le lunghezze di vantaggio dalla zona play-out.

Il commento dell’Ostra Calcio

“Testa, cuore e gambe! – spiega la società ospite – L’Ostra Calcio espugna l’Ugo Duca di Serra San Quirico superando di misura per 0-1 la Serrana. Gara non semplice per i ragazzi di mister De Filippi, su un campo che per le ridotte dimensioni non favorisce il bel gioco e contro un avversario ben strutturato fisicamente.

Primo tempo sostanzialmente equilibrato, in cui le poche occasioni da rete nascono da calci piazzati, in uno di questi è Mattia Marchetti ad impensierire il portiere locale che respinge con i pugni. Al 30′ minuto la partita si complica per l’Ostra, che rimane in 10 uomini per l’espulsione per doppia ammonizione di Biagio Marzano.

I festeggiamenti post-post dell’Ostra Calcio

Nonostante l’inferiorità numerica i ragazzi contengono gli attacchi avversari e nella ripresa hanno nei piedi le migliori occasioni per passare in vantaggio. Al 67′ è il subentrato Bachetti a mancare di un soffio il tap-in vincente, mentre 2 minuti più tardi è Lorenzo Olivi a sfiorare l’euro goal con un colpo di tacco.

Al terzo tentativo l’Ostra fa centro, Lorenzo Olivi sfrutta un’incomprensione nella retroguardia avversaria e viene atterrato dal portiere in uscita. Il direttore di gara non ha dubbi e assegna il calcio di rigore che Mirko Zupo trasforma con freddezza. Negli ultimi minuti la Serrana prova l’arrembaggio, ma l’Ostra si difende con determinazione fino al triplice fischio.

Il migliore in campo di questa settimana è il gruppo, nonostante le difficoltà i ragazzi hanno reagito con carattere e determinazione, conquistando tre punti importanti su un campo difficile e mantenendo il vantaggio in classifica sull’Argignano”.

Girone F – Treiese 1-3 Borgo Mogliano – 2’ De Angelis (B), 43’ su rigore e 47’ Okere (B), 88’ Patrassi F. (T)

La Treiese perde lo scontro diretto contro il Borgo Mogliano e vede ridursi al lumicino le chances per la promozione diretta nel girone F. I rossoblù di patron Micucci, infatti, hanno perso al “Capponi” per 1-3, per via del gol iniziale di De Angelis e della doppietta del capocannoniere Okere, arrivato a 17 reti stagionali.

La decima rete in campionato di Francesco Patrassi all’88° serve solo a rendere meno amara la sconfitta. La Treiese, infatti, scivola a -7 dai moglianesi, con la Belfortese che aggancia proprio i treiesi al secondo posto e può addirittura accorciare sul primo posto con il big match della prossima giornata a Mogliano. Santanatoglia e compagni, invece, affrontano in trasferta la Sefrense nel posticipo domenicale del 10 marzo.

I pronostici di mister Carletti

Argignano-Corinaldo – pronostico 1 – risultato 1

Treiese-Borgo Mogliano Madal – pronostico 1 – risultato 2

Totale di giornata: 1/2 – Totale complessivo: 24/44

Classifiche e marcatori

Girone C

CLASSIFICA – Ostra Calcio 49, Argignano 45, Avis Arcevia 41, Olimpia Ostra Vetere 40, Corinaldo 37, Terre del Lacrima 36, Trecastelli 34, Monsano 32, Cupramontana 31, Palombina Vecchia 21, Serrana 20, Leonessa Montoro 20, Aurora Jesi 14, Rosora Angeli 14, Olimpia Juventu Falconara 13

MARCATORI – 15 gol: Cavaliere (Olimpia Ostra Vetere); 11 gol: Marchetti (Ostra Calcio), Orianda (Terre del Lacrima) e Donzelli (Palombina Vecchia); 10 gol: Ortolani (Cupramontana), Giuliani (Corinaldo), Ferrante (Terre del Lacrima) e Grossi (Trecastelli); 9 gol: Montecchiarini (Le Torri Castelplanio), Cammarino (Aurora Jesi), Sartini (Argignano) e Biagioli (Argignano); 8 gol: Apolloni (Serrana), Galuppa G. (Argignano), Bucci (Serrana), Lenci (Corinaldo), Rossetti (Avis Arcevia) e Kone (Trecastelli); 7 gol: Brescini (Avis Arcevia), Mancini (Cupramontana), Zupo (Ostra Calcio) e Garden (Olimpia Juventu Falconara); 6 gol: Olivi (Ostra Calcio) e Lungarini (Monsano).

Girone F

CLASSIFICA – Borgo Mogliano Madal 55, Treiese 48, Belfortese 48, Ripe San Ginesio 34, Pievebovigliana 33, MR Pioraco 33, Sefrense 29, Palombese 27, San Marco Petriolo 27, Camerino Castelraimondo 26, Vis Gualdo 24, Fabiani Matelica 24, Sarnano 22, Pennese 18, Abbadiense 15, Lorese 14

MARCATORI – 17 gol: Okere (Borgo Mogliano); 15 gol: Fiecconi (Belfortese); 13 gol: Vrioni (Fabiani Matelica), Santoni (Pievebovigliana) e Francucci (Treiese); 12 gol: Correnti (Sefrense); 10 gol: Micarelli (Camerino Castelraimondo), Acciarresi (San Marco Petriolo) e Patrassi F. (Treiese); 9 gol: Boe (Ripe San Ginesio) e Aquino (Lorese); 8 gol: Ofili (MR Pioraco) e Cesari (Camerino Castelraimondo); 7 gol: Pettinari E. (Palombese) e Albanese (MR Pioraco); 6 gol: Pettinari M. (Borgo Mogliano), Millaci (MR Pioraco), Biordi (Sefrense), Ndiour (Sarnano), Ajradinoski (Palombese) e Di Gioia (Palombese).

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata

image_pdfimage_print

Advertisement
Advertisement

More in Calcio

Segnala a Zazoom - Blog Directory