Connect with us

Calcio

Calcio / Prima Categoria, il racconto della 27^ giornata del girone B

Il Sassoferrato Genga resta in testa, la Real Cameranese sorpassa il Montemarciano al secondo posto. La Filottranese torna quarta grazie a un super Maccioni, solo 0-0 per l’Olimpia Marzocca contro il Castelbellino. Exploit Borgo Minonna in casa del Senigallia Calcio, Sampaolese fuori dai play-out

VALLESINA, 17 aprile 2024 – Il girone B di Prima Categoria sta continuando a regalarci grandi emozioni.Nelle gare che si sono giocate sabato scorso 13 aprile, valide per la 27^ giornata, ci sono stati alcuni stravolgimenti di classifica importanto.

Il Sassoferrato Genga non è caduto in casa del Pietralacroce, anzi, lo ha ribaltato al 90’ grazie al gol del capitano Piermattei, portandosi a +2 dalle inseguitrici. Questo perché il Montemarciano non è andato oltre l’1-1 contro una Sampaolese ora fuori dai play-out, mentre la Real Cameranese ha battuto lo Staffolo in casa e si è riportata al secondo posto.

Non va oltre lo 0-0 il Marzocca contro il Castelbellino, così ne approfitta la Filottranese per agganciarlo al quarto posto: lo 0-2 alla Labor è firmato Lorenzo Maccioni, autore proprio di una doppietta. SassoGenga 51, Real Cameranese 49, Montemarciano 48, Filottranese e Olimpia Marzocca 45: tre giornate alla fine della regular season e ogni scenario sembrerebbe aperto.

Proprio gli orange potrebbero essere gli unici che potrebbero rientrare in corsa per i play-off, visto il -3 dalla quarta piazza. Castelleonese e Borgo Minonna permettendo: la squadra di Luchetta battendo il Senigallia Calcio al “Bianchelli” si è mantenuta a -4 dagli spareggi.

In coda, il colpo del Chiaravalle in casa contro la formazione di Fiori vale il terz’ultimo posto. Se il campionato terminasse oggi, i play-out sarebbero Labor-Staffolo e Senigallia Calcio-Chiaravalle. Rinvia alle prossime settimane l’appuntamento con la retrocessione la Falconarese, che ha fermato il Borghetto sull’1-1. Andiamo a scoprire quello che è successo in questa 27^ giornata.

Olimpia Marzocca-Castelbellino 0-0

Il solito stoico Castelbellino strappa un gran punto a Marzocca. La squadra di Perini, infatti, ha pareggiato 0-0 contro i ragazzi di Profili, compromettendo la corsa promozione dei marzocchini, ora a -6 dalla capolista Sassoferrato Genga e raggiunti al quarto posto dalla Filottranese. Gli orange, al quarto risultato utile di fila, rimangono così a 3 punti dalla zona spareggi e sembrano la formazione più accreditata a mettere a rischio la partecipazione di filottranesi e olimpionici alle sfide promozione.

Il commento dell’Olimpia Marzocca

Sabatospiega il difensore Lorenzo Tomba dell’Olimpia Marzocca – abbiamo affrontato un avversario forte di cui in settimana avevamo studiato i punti di forza. Credo che nella prima frazione di gioco abbiamo disputato una buona prova, tenendo per larghi tratti il pallino del gioco ma non riuscendo a concretizzare in 2-3 occasioni.

Nel secondo tempo invece, complice il caldo e il valore dell’avversario, il ritmo della partita è calato e gli ospiti hanno avuto un paio di occasioni nel finale dove avrebbero potuto farci male. Credo che il pareggio che ne è scaturito sia il risultato giusto per quello che si è visto in campo e ci aiuta a muovere la classifica in vista del finale di stagione”.

Erik Piccinini ai tempi dello Staffolo

Il commento del Castelbellino

“Sapevamo – spiega Erik Piccinini del Castelbellino – che sabato scorso avremmo affrontato una squadra solida e in ottima forma, non per caso sono inciampati in una sola sconfitta nel girone di ritorno.

Inizialmente sono partiti meglio loro, noi abbiamo sbagliato diversi passaggi chiave e concesso qualcosina. Nella ripresa siamo entrati con il piglio giusto, abbiamo spinto sull’acceleratore, cercando il goal e questo ci ha portato a colpire un legno e a creare 2/3 azioni pericolose che potevamo gestire meglio.

Tutto sommato, considerando l’intera partita, penso che il risultato sia veritiero e specchio di una partita giocata alla pari. Sabato prossimo arriva il Pietralacroce, un’altra squadra ostica e difficile da affrontare”.

Pietralacroce-Sassoferrato Genga 1-2 – 9’ Potito (P), 46’ Turchi (SG), 90’ Piermattei E. (SG)

Il Sassoferrato Genga espugna il “Paolinelli” al 90’ e difende la testa della classifica dall’assalto della Real Cameranese. I sentinati di Ricci, infatti, hanno battuto il Pietralacroce 1-2, ribaltando nella ripresa il vantaggio iniziale degli uomini di Santarelli. Il “SassoGenga”, al quinto risultato utile, resta al primo posto con51 punti, a +2 dalla Real Cameranese alla vigilia dello scontro diretto di sabato prossimo. Il Pietralacroce, invece, scivola a -7 dai play-off ormai sfumati e con due punti nelle prossime 3 partite raggiungerebbe aritmeticamente la salvezza.

La partita

I locali, però, erano passati in vantaggio dopo 9 minuti, grazie al colpo di testa vincente di Potito su assist di Polidoro. Gli anconetani controllano il match nel primo tempo e rischiano addirittura di raddoppiare, ma Pifarotti salva i suoi. L’unica azione degna di nota degli ospiti arriva con Turchi, che sfiora il palo alla sinistra di Polenti con una conclusione dal limite.

La ripresa inizia subito con il pareggio proprio di Turchi: l’ex Castelbellino raccoglie un lancio in profondità e a tu per tu con il portiere di casa realizza l’1-1. Il Sassoferrato Genga prova a insistere, con le incursioni di Ricci e dello stesso autore del gol, ma il Pietralacroce si difende bene e non concede spazi alla capolista.

Emanuele Piermattei del Sassoferrato Genga

Anzi, i dorici sfiorano il nuovo vantaggio in contropiede con Consolazio e Daidone, tuttavia Pifarotti prima e Imperio in spaccata poi salvano i sentinati. Dall’altra parte, Passeri non è preciso e non centra lo specchio, mentre la difesa si salva su una deviazione in mischia di Federici. Ricci sciupa sotto porta una clamorosa palla gol creata da Paoletti.

Minuto numero 90: Zucca intercetta la sfera a metà campo, inventa un assist preciso che finisce sui piedi di Emanuele Piermattei, il quale, dal vertice sinistro dell’area di rigore, prima ubriaca il marcatore locale, poi fa partire una bordata sul secondo palo che non lascia scampo a Polenti e fa esultare il Sasso Genga per il definitvo 1-2.

Il commento del Pietralacroce

Per il Pietralacroce  – commentano i locali – ancora una buonissima prestazione, non supportata dal risultato.Quella di sabato al ‘Paolinelli’ contro la capolista Sassoferrato Genga è stata l’ennesima dimostrazione che nel calcio non sempre vince il migliore.

Senza nulla togliere alla squadra di mister Ricci che ha dimostrato le sue ottime qualità confermando il diritto a veleggiare in alta quota il risultato finale suona come una beffa per i rossoblù. La seconda frazione di gioco è stata subito contraddistinta dal pareggio degli ospiti che per una decina di minuti hanno approfittato del conseguente contraccolpo del Pietra.

Poi però la gara è ripresa seguendo l’andamento della prima frazione di partita e il Pietralacroce ha costruito due grandissime occasioni da gol che avrebbero potuto indirizzare la gara verso una meritata vittoria.

A tempo scaduto invece è arrivata la beffa grazie ad un eurogol di Piermattei che ha permesso al Sassoferrato di portare a casa una vittoria che da quanto visto in campo l’ha forse premiato oltre il dovuto”.

Il commento del Sassoferrato Genga

Al Federale “G. Paolinelli” di Ancona – rispondono i sentinati – il Sassoferrato Genga ottiene una vittoria fondamentale ai fini della classifica, e ci riesce al 90′ con un gol d’autore del capitano Emanuele Piermattei. Pronti via e il Sassoferrato Genga approccia bene la gara, ma dopo 9 minuti arriva la doccia gelata del vantaggio locale.

Gli ospiti accusano il colpo e non riescono a dare fluidità alla manovra, con il Pietralacroce che prova ad approfittarne alla mezzora. Il Sassoferrato Genga cresce alla distanza e al 40′, dopo una bella azione di squadra, arriva per la prima volta alla conclusione in porta.

Inizia la ripresa e il Sassoferrato Genga impiega 40 secondi per segnare. Gli ospiti iniziano a credere al colpaccio e provano ancora a graffiare con le incursioni di Turchi e il gioco di Ricci, ma il Pietralacroce regge bene e prova comunque a ripartire in contropiede. A metà secondo tempo, dopo i cambi di mister Ricci, la manovra del Sassoferrato Genga diventa insistente. Nel finale la rete di Edoardo Piermattei potrebbe valere una stagione. Dopo 5 minuti di recupero, con il Pietralacroce che non sembra avere la forza di reagire, termina così la partita con la vittoria del Sassoferrato Genga all’ultimo respiro”.

Real Cameranese-Staffolo 2-0 – 37’ Cola, 94’ Portaleone

La Real Cameranese batte lo Staffolo all’inglese e si porta al secondo posto. La squadra di Pantalonecon un gol per tempo manda i giallorossi di Pasquini in penultima posizione. Se i rossoneri superano il Montemarciano e restano a -2 dalla capolista, gli staffolani (alla terza sconfitta di fila) vengono raggiunti dal Chiaravalle ma, in virtù degli scontri diretti, al momento sarebbero al 15° posto, comunque a -1 dal Senigallia Calcio e sempre a -6 dalla Labor alla vigilia del derby infuocato contro la Sampaolese in casa, ora a -7 dai giallorossi.

La partita

Gli ospiti hanno combattuto a viso aperto contro la vice-capolista, reduce dalla sconfitta in Finale di Coppa Marche contro la Vigor Montecosaro, in un match condizionato dal forte caldo. Al 19’ Mobili ha la palla dello 0-1 solo davanti a Fatone, ma spara fuori. Il vantaggio, però, è dei locali: al 37’ Cola va in slalom tra difensori giallorossi e deposita la palla in rete con una fucilata a giro che non lascia scampo al portiere.

Nella ripresa lo Staffolo va vicino al pari: Monaco da calcio di punizione impegna Fatone, che si rifugia in corner. Dopo una fase di controllo da parte dei rossoneri, ci pensa bomber Portaleone a raddoppiare: Defendi parte dalla sua area in contropiede e serve al limite dell’area l’ex Falconarese, che a tu per tu con Verdolini non sbaglia e sigla lo 0-2.

Thomas Portaleone della Real Cameranese

Il commento della Real Cameranese

La Real Cameranese – commenta la società di casa – dimentica subito la sconfitta in finale di Coppa e vince, ancora, in campionato. I rossoneri si impongono all’inglese contro lo Staffolo, arrivato al Montenovo con la volontà di strappare punti pesanti in ottica salvezza. Mister Pantalone e ragazzi si godono così la seconda piazza della graduatoria, quando mancano tre giornate al termine del girone di ritorno.

Due gol, tre punti e sorpassato il Montemarciano. La vetta dista due lunghezze. E sabato prossimo dove giocheranno i rossoneri? In casa del Sassoferrato Genga, la capolista e grande favorita alla vittoria finale. Non servono appelli, non servono altre parole, venite a sostenerci: che qua di svegliarci dal sogno non ne abbiamo proprio intenzione!”.

Il commento dello Staffolo

“Per noi è un momento difficile – spiega il capitano dello Staffolo, Stefano Masseiperò l’unica cosa positiva è che anche sabato a Camerano non abbiamo demeritato. Per due volte abbiamo sfiorato il vantaggio, prima di subire l’1-0: ci capita spesso in questa parte di stagione. La nostra reazione c’è stata, proprio come a Montemarciano. Abbiamo sbagliato completamente la partita contro il Chiaravalle, ma contro due delle tre prime della classe non meritavamo di perdere.

Sabato prossimo c’è il derby contro la Sampaolese, più sentito che mai perché entrambe le squadre stanno vivendo una situazione difficile. In casa nostra dobbiamo assolutamente vincere la sfida e farla nostra: solo così possiamo respirare un po’ e affrontare il finale di campionato con più serenità. Abbiamo bisogno di dare una svolta a questa stagione”.

Falconarese-Borghetto 1-1 – 34’ Cercaci (B), 56’ Santinelli (F)

La Falconarese rinvia il triste appuntamento con la retrocessione diretta alle prossime giornate. La squadra di Cosentino, infatti, ha fermato sull’1-1 il Boghetto al “Rocchegiani”, scivolando a -9 dal duo Chiaravalle-Staffolo: a tre giornate dalla fine, i falchetti dovrebbero vincerle tutte per sperare di disputare lo spareggio retrocessione.

E con tre scontri diretti ravvicinati: Chiaravalle e Senigallia Calcio in trasferta, Staffolo in casa. In caso di arrivo a pari punti tra tre o più squadre, per decretare le squadre ai play-out e allo spareggio retrocessione si andrà a considerare la classifica avulsa. Quindi è chiaro che non potrebbe bastare nemmeno vincerle tutte per la banda di Cosentino.

Parlando della partita, il Borghetto di Latini si era portato in vantaggio al 34’ con Cercaci, mentre nella ripresa Santinelli ha timbrato il definitivo 1-1. La formazione di Monte San Vito scivola a -7 dai play-off: come il Pietralacroce, con 2 punti nelle prossime 3 partite sarà salvezza aritmetica.

Il commento della Falconarese

“Il tabellino a fine partita – spiega il mister locale Vitaliano Cosentinodiceva 8 a 2, quella degli angoli è solo una statistica, ma dimostra il peso della nostra fase offensiva in questa gara. Al primo tiro importa abbiamo preso goal, Purtroppo si tratta di un leitmotiv di questa stagione. Affrontavamo una squadra sulla carta molto forte, guidata da un allenatore che non ha bisogno di presentazioni, ma credo che la differenza di punti oggi in campo non si sia vista.

Nell’intervallo ho chiesto ai ragazzi di continuare a giocare la gara del primo tempo, abbiamo corretto solo due piccole situazioni tattiche, sapevamo che la partita non era chiusa. Poi, dopo il meritato pareggio, ero certo che avremmo potuto portare a casa i tre punti e, se non fosse stato per un assurdo fuorigioco fischiato, magari potevamo riuscirci. Mi rendo conto che le mie sono parole forti, sono convinto nella buona fede degli arbitri, ma inconsciamente chi viene ad arbitrare la Falco lo fa con la classifica nella testa. Sono troppi gli episodi negativi nelle ultime 7/8 giornate, si dice sempre che la ruota gira, ma per noi quest’anno non è stato così.

Adesso vogliamo solo onorare il nostro amato sport, scendendo in campo sempre con l’obiettivo di vincere. Se saremo noi i giudici della salvezza altrui, vogliamo essere imparziali. Voglio anche continuare il percorso di crescita dei nostri tanti giovani, dando loro minuti in partite vere in un campionato difficile come quello di prima categoria. Mi ripeto, da fuori la nostra situazione può sembrare disastrosa, ma da dentro non è così”. 

Chiaravalle-Castelleonese 2-0 – 18’ Rocchetti D., 84’ D’Urzo

Lo aveva detto il nostro better Cesare Carletti: la Castelleonese poteva cadere al “Campo dei Pini”. E così è stato, per merito del Chiaravalle di mister Giovanni Fenucci, che si è imposto all’inglese con un gol per tempo. I grigioneri, alla seconda vittoria di fila e al settimo risultato utile consecutivo, raggiungono lo Staffolo al 14° posto con lo scontro diretto a favore, a -1 dal Senigallia Calcio. Al momento i chiaravallesi disputerebbero il play-out al “Bianchelli”. La squadra di Fiori, invece, scivola a –4 dai play-off.

La partita

La partita è stata molto combattuta. I locali passano in vantaggio al 18’: Davide Rocchetti approfitta di una doppia respinta avversaria in area dopo un cross dalla destra e in spaccata fa l’1-0. La Castelleonese si riorganizza e domina il gioco nella restante parte del primo tempo: un super Cecchini neutralizza un calcio di rigore calciato da Gioele Ghetti. Il 9 ospite colpisce anche una traversa da piazzato. Ancora Cecchini salva i suoi in un altro paio di circostanze.

L’esultanza al primo gol del Chiaravalle (foto di Genny Giorgetti)

La partita cambia al 55’, con l’espulsione di Angeletti. Il Chiaravalle ne approfitta: Giampieri colpisce un palo da punizione, poi, a sei minuti dalla fine, D’Urzo approfitta di un errore in fase di impostazione degli ospiti per chiudere il match sul 2-0.

Il commento del Chiaravalle

Davide Rocchetti nel primo tempo – commenta il Chiaravalle – e D’Urzo nella ripresa firmano la vittoria dei Grigioneri in una partita molto combattuta. Cecchini ha dovuto anche parare un rigore per mantenere la porta inviolata, contro una squadra molto forte, soprattutto in attacco”.

Il commento della Castelleonese

“Una sconfitta immeritata per noi – risponde mister Alessio Fiori della Castelleonese -, ma il Chiaravalle c’ha messo più cattiveria agonistica per portare via il risultato. Siamo stati un po’ ingenui su i due gol concessi, il primo da una rimessa laterale a mio avviso invertita, ma dovevamo stare più attenti noi in area di rigore. Abbiamo reagito subito: Ghetti ha sbagliato un rigore, poi ha preso una traversa su punizione, per non parlare di tre palle gol sbagliate davanti al portiere.

Nel secondo tempo siamo rimasti in 10 su un’ingenuità difensiva: abbiamo provato ad attaccare, ma non siamo riusciti a buttare in rete il pallone. Nel finale ci hanno rubato palla e ci hanno fatto gol. Purtroppo è andata così: c’è molto rammarico, ma ancora siamo in lotta per i play-off. Fino all’ultima giornata cercheremo di restare attaccati a quel treno. Questa settimana recuperiamo qualche infortunato, per arrivare al match di sabato contro il Senigallia Calcio nel migliore dei modi. Ce la metteremo tutta”.

Labor-Filottranese 0-2 – 34’ e 52’ Maccioni

La Filottranese batte la Labor e torna a vincere in trasferta dopo quasi 3 mesi e si riporta al quarto posto. Un super Lorenzo Maccioni, autore di una doppietta con due pallonetti, trascina la squadra di Strappini alla seconda vittoria di fila. A tre giornate dalla fine restano 6 i punti di distacco dal primo posto.I laborini di Giovagnetti, invece, alla seconda sconfitta consecutiva dopo la vittoria contro la Sampaolese, tornano in zona play-out, a +5 dal Senigallia Calcio e a +7 dal duo Chiaravalle-Staffolo.

La partita

I filottranesi hanno giocato una delle miglior partite stagionali, per qualità del palleggio. Storani e Perna impensieriscono la Labor con due colpoi di testa, ma Bellelli e Coppetti salvano i locali. Al 20’ Maccioni, dopo aver bucato la difesa locale, non trova la porta da buona posizione. È solo il preludio del gol dello 0-1: Corneli da metà campo con un gran lancio fa partire Maccioni che controlla il tentativo di rientro di un difensore avversario, aspetta che il portiere provi ad anticiparlo e lo infila con uno stupendo pallonetto dalla destra.

La ripresa inizia con il bis dell’attaccante cingolano, ora al terzo posto della classifica marcatori con 13 reti. Ancora un lancio dal limite dell’area ospite giunge sulla trequarti locale, dopo un contrasto Maccioni recupera palla, si invola sulla sinistra e con un’altra palombella infila Coppetti. Capitan Corneli, poi, può segnare il tris: solo la traversa nega il gol al numero 8 ospite. La Labor prova a reagire con i subentrati, ma non riesce ad impensierire la Nese.

Lorenzo Maccioni esulta con la squadra dopo il primo gol in Labor-Filottranese

Il commento della Labor

Non c’è molto da dire – spiega il mister locale Cesare Giovagnetti -, la Filottranese ha dimostrato tutta la sua forza e ha vinto con merito. Noi dobbiamo guardare avanti e fare più punti possibile nelle ultime 3 partite.

Il commento della Filottranese

A Santa Maria Nuova – risponde la società ospite – i biancorossi esprimono un buon calcio, primeggiano e ottengono un ottimo risultato. La Filottranese è stata padrona del gioco e ha gestito sapientemente il risultato fino allo scadere”.

Montemarciano-Sampaolese 1-1 – 13’ Gorini (M), 23’ Diagne (S)

La Sampaolese ferma sul pari il Montemarciano e si riporta fuori dalla zona play-out. La squadra di Togni costringe gli uomini di Caccia, nel giorno del 98° compleanno della società, al secondo pari di fila, scivolando a -3 dalla vetta della classifica in terza posizione. Il “Monte” osserva interessato il big match di sabato prossimo tra Sassoferrato Genga e Real Cameranese per accorciare nuovamente sulla vetta, mentre Staffolo-Sampaolese può valere una bella fetta di salvezza per i biancorossi.

La partita

I biancoazzurri partono forte, portandosi in vantaggio prima del quarto d’ora di gioco. Morgante anticipa Moschini al 8’, ma 5 minuti dopo ecco l’1-0: Giancamilli arriva sulla sinistra, crossa in mezzo verso Gorini che deposita in rete da centro-area. La Sampaolese, però, reagisce subito e pareggia al 23’: un calcio d’angolo viene battuto sulla testa di Diagne per l’1-1. Non ci sono altre grandi emozioni nei restanti 20 minuti del primo tempo, anche se Morgante ha rischiato grosso al 30’: su un cross di Moschini dalla sinistra, la sua smanacciata termina sui piedi di Giancamilli, che da ottima posizione non riesce a inquadrare lo specchio.

La coreografia celebrativa degli ultras del Montemarciano per i 98 anni della società

Nella ripresa le due squadre continuano a fronteggiarsi a viso aperto. Moschini non impensierisce Morgante al 49’, mentre due minuti dopo Marchegiani va in percussione in area e calcia, la sfera attraversa pericolosamente la linea di porta ma termina sul fondo. Magini colpisce una traversa, mentre dall’altra parte Fabrizzi ipnotizza ancora Marchegiani in contropiede. Al 61’ il diagonale di Passeggio non trova lo specchio di un nulla.

A 5 minuti dal 90’, inoltre, Magini si mette in proprio e tira da 30 metri, la bordata termina alta sopra la traversa. Sanviti colpisce una traversa su assist di Rossi dalla destra. Dall’altra parte Mazzoli, al termine di un contropiede al 93’, si vede negare l’1-2 da una grande parata di Fabrizzi con la mano di richiamo.

Il commento del Montemarciano

Il Monte – commentano i padroni di casa – non riesce ad abbattere la difesa della Sampaolese e porta a casa un punto. I biancoazzurri ci provano fino all’ultimo secondo ma non riescono a sfondare il muro ospite. Un risultato amaro che allontana i biancoazzurri dalla vetta, ora scavalcato al secondo posto dal Real Cameranese”.

Senigallia Calcio-Borgo Minonna 1-3 – 51’ Bresciani su rigore (B), 60’ Sassaroli (B), 72’ Terrone (S), 91’ Paialunga R. (B)

Il Borgo Minonna piazza il tris al “Bianchelli” e continua a credere nei play-off. La squadra di Luchetta, infatti, ha battuto 1-3 il Senigallia Calcio, fermandolo dopo 5 risultati utili. Gli jesini restano a -4 dal quinto posto. I senigalliesi di Frulla, invece, sono sempre in 13^ posizione, ma ora sono a -6 dalla salvezza diretta, con il Chiaravalle arrivato a -1.

La partita

I locali si sono lamentati dell’arbitraggio, senza nulla togliere alla grande prestazione dei rossoblù.Succede tutto nella ripresa: Bresciani realizza il calcio di rigore dello 0-1 al 51’, con i senigalliesi che hanno protestato perché non hanno ravvisato gli estremi per la concessione del penalty. Passano 9 minuti e Leonardo Sassaroli raddoppia: riceve palla da un piazzato dalla sinistra e batte Belogi, vincendo la concorrenza avvesraria. Dopo lo 0-2, il direttore di gara ha espulso l’ospite Simone Romagnoli, sventolando il rosso diretto.

Al 72’ così l’Aesse accorcia, con il tocco di Terrone sugli sviluppi di un’altra mischia in area. In pieno recupero il Borgo Minonna lancia Riccardo Paialunga in profondità, il quale vince un contrasto con un avversario, arriva davanti al portiere ospite, lo supera e deposita in rete il definitivo 1-3. In precedenza gli jesini avevano sbagliato un altro rigore che aveva portato all’espulsione di un giocatore locale: il Senigallia Calcio, infatti, ha terminato la gara in 9, per i rossi a Posanzini e Impiglia.

Cristiano Luchetta (mister Borgo Minonna)

Il commento del Senigallia Calcio

“È stata una partita particolare – spiega l’autore del gol locale Luca Terrone. Forse abbiamo accusato un po’ la pressione di poter arrivare vicino alle squadre sopra di noi. C’è anche un po’ di stanchezza mentale, visto lo sforzo delle ultime settimane per ottenere tanti risultati utili consecutivi. Per non parlare di un arbitraggio molto discutibile.

Tutte queste componenti ci hanno reso nervosi e non siamo riusciti a fare la prestazione che volevamo. Ma una battuta d’arresto dopo tanto tempo forse è naturale e ci può stare. Ora siamo pronti a ripartire per queste ultime tre giornate di campionato, più carichi di prima”.

Il commento del Borgo Minonna

“Quello contro il Senigallia Calcio – risponde Leonardo Sassaroli del Borgo Minonna – è stato un match difficile, molto tosto. Sapevamo della forte ripresa dell’Aesse, visti i grandi risultati del girone di ritorno. L’abbiamo giocato soprattutto a livello mentale: loro volevano vincere a tutti i costi per evitare i play-out, avevano tutte le carte in regola per uscire dalla zona arancio degli spareggi. Lo dicono i numeri: sono la miglior squadra del girone di ritorno. Per noi, invece, si trattata dell’ultima spiaggia per continuare la lotta ai play-off.

È stata anche una partita fisica, ma a livello psicologico è stata veramente complicata. Nel primo tempo ci hanno messo sotto, ma sapevamo benissimo che sarebbero partiti forte. Giocano in un campo sintetico grande che conoscono molto bene, ma tutto sommato ci siamo difesi bene nel primo tempo. Nella ripresa siamo venuti fuori noi, sfruttando il loro calo. Siamo stati premiati con un rigore e con alcune incursioni nella loro area nei primi minuti: eravamo convinti che prima o poi avremmo segnato, e così è stato.

Dopo lo 0-1 il Senigallia Calcio mentalmente è calato, magari perché non si aspettavano di subire lo svantaggio, così siamo riusciti a raddoppiare. Da lì, però, l’arbitro ci ha espulso Simone Romagnoli: il fallo c’era, ma a mio avviso non era da rosso diretto. Così sono ritornati ad attaccarci ed hanno accorciato le distanze. Noi, tuttavia, siamo stati bravissimi a non mollare e a continuare a riversarci nella loro metà campo.

Abbiamo conquistato un altro rigore, a mio avviso sacrosanto, per via della brutta entrata di un giocatore locale poi espulso. Abbiamo sbagliato il penalty, ma al 91’ abbiamo chiuso il match con Riccardo Paialunga: è stato bravissimo quando è entrato, perché ha messo in crisi la difesa avversaria.

Dobbiamo continuare così: crediamo ai play-off e non molleremo fino al 90° dell’ultima partita. In questa stagione siamo partiti male e abbiamo avuto un sacco di infortuni. Dobbiamo dare il 100% per l’ambiente, per la società, per i compagni in infermeria e per noi stessi”.

Girone C – Settempeda-Cingolana SF 3-2 – 2’ Lovotti (C), 10’ Moretti (C), 20’ autogol Bianchi (C), 50’ Cappelletti (S), 78’ Castellano (S) – leggi l’articolo

I pronostici di mister Carletti

Chiaravalle-Castelleonese – pronostico 1 – risultato 1

Falconarese-Borghetto – pronostico 2 – risultato X

Labor-Filottranese – pronostico 2 – risultato 2

Olimpia Marzocca-Castelbellino – pronostico 1 – risultato X

Montemarciano-Sampaolese – pronostico 1 – risultato X

Pietralacroce-Sassoferrato Genga – pronostico X – risultato 2

Real Cameranese-Staffolo – pronostico 1 – risultato 1

Senigallia Calcio-Borgetto – pronostico 1 – risultato 2

Settempeda-Cingolana SF – pronostico 1 – risultato 1

Totale di giornata: 4/9 – Totale complessivo: 112/243

La top ten di giornata

Portiere: Cecchini (Chiaravalle)

Difensori: Piccinini (Castelbellino), Tomba (Olimpia Marzocca), Terrone (Senigallia Calcio), Sassaroli (Borgo Minonna)

Centrocampisti: Marchegiani G. (Cingolana SF), Cola (Real Cameranese), Marchegiani M. (Sampaolese)

Attaccanti: Maccioni (Filottranese), Rocchetti D. (Chiaravalle), Piermattei E. (Sassoferrato Genga)

 Allenatori: Giovanni Fenucci (Chiaravalle) e Cristiano Luchetta (Borgo Minonna)

A disposizione: Moretti (Cingolana SF), Fabrizzi (Montemarciano), Potito (Pietralacroce), Diagne (Sampaolese), D’Urzo (Chiaravalle)

Risultati, classifiche e marcatori

Girone B

27^ giornata: Olimpia Marzocca-Castelbellino 0-0, Pietralacroce-Sassoferrato Genga 1-2, Real Cameranese-Staffolo 2-0, Falconarese-Borghetto 1-1, Chiaravalle-Castelleonese 2-0, Labor-Filottranese 0-2, Montemarciano-Sampaolese 1-1, Senigallia Calcio-Borgo Minonna 1-3

CLASSIFICASassoferrato Genga 51, Real Cameranese 49, Montemarciano 48, Olimpia Marzocca 45, Filottranese 45, Castelbellino 42Castelleonese 41, Borgo Minonna 41, Pietralacroce 38, Borghetto 38, Sampaolese 31, Labor 30, Senigallia Calcio 25, Chiaravalle 24, Staffolo 24, Falconarese 15

MARCATORI16 gol: Giudici (Castelleonese) e Serrani (Senigallia Calcio); 13 gol: Bassotti (Labor), Bartoloni (Falconarese), Ghetti (Castelleonese), Portaleone (Real Cameranese) e Maccioni (Filottranese); 10 gol: Braconi (Borgo Minonna) e Api (Castelbellino); 9 gol: Marchegiani (Sampaolese) e Moschini (Montemarciano); 8 gol: Marchionne (Real Cameranese), Daidone (Pietralacroce) e Capecci (Borghetto); 7 gol: Strappini (Labor), Consolazio (Pietralacroce), Mancini (Castelleonese), Ricci (Sassoferrato Genga), Storani (Filottranese), Gramazio (Montemarciano) e Razgui (Real Cameranese)

Girone C

27^ giornata: Settempeda-Cingolana SF 3-2, Elite Tolentino-Camerino 0-1, Portorecanati-Caldarola 3-1, Montecassiano-Pinturetta Falcor 5-0, Montecosaro-Urbis Salvia 2-3, Passatempese-Vigor Montecosaro 1-1, San Claudio-Esanatoglia 3-1, Montemilone Pollenza-Folgore Castelraimondo 2-1

CLASSIFICASettempeda 62 (promossa in Promozione), Vigor Montecosaro 52, San Claudio 49, Montecassiano 46*, Passatempese 44, Portorecanati 38, Folgore Castelraimondo 36, Camerino 36, Elite Tolentino 34, Montecosaro 31, Montemilone Pollenza 30, Cingolana SF 30, Urbis Salvia 30, Caldarola 23, Pinturetta 23, Esanatoglia 14*

MARCATORI19 gol: Pantone (Portorecanati); 17 gol: Tulli (Vigor Montecosaro); 16 gol: Castellano (Settempeda); 13 gol: Guermandi (Vigor Montecosaro), Lovotti (Cingolana SF) e Ibii Ngwang (San Claudio); 10 gol: Bisbocci (Folgore Castelraimondo), Mihaylov (Passatempese) e Duca (Camerino); 9 gol:Bartolini (Montemilone Pollenza); 8 gol: Capenti (Elite Tolentino), Chiaraberta (Montecassiano) e Chierichettti (Montecosaro); 7 gol: Donzelli (Passatempese), Serantoni (San Claudio) e Ferro (Portorecanati).

Foto di copertina di Genny Giorgetti per l’SS Chiaravalle 

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata

image_pdfimage_print

Advertisement
Advertisement

More in Calcio

Segnala a Zazoom - Blog Directory