Connect with us

Calcio

JESINA CALCIO / Pari di rigore nel derby contro il Fabriano Cerreto

Espulso il tecnico fabrianese Pazzaglia, squadre ancora in rodaggio. Battisti tra i migliori in campo. Assenze di rilievo in casa leoncella

JESI, 27 settembre 2020 – Jesina e Fabriano Cerreto si dividono la posta nel Derby che segna il debutto stagionale.

Jesina – Fabriano rigore Gabrielloni

I cartai possono recriminare per aver visto sfumare i tre punti nel finale, mentre una Jesina giovane e vogliosa ha il merito di aver lottato fino in fondo.

Mister Strappini ha dovuto fare i conti con le assenze: squalificato Nicola Moretti, infortunati Edoardo Moretti, Domenichetti e all’ultimo anche Cameruccio. Non poca roba.

Su sponda Fabriano invece, spazio a centrocampo per Trofo e panchina per l’ultimo arrivo Colonna.

Porte chiuse al Carotti, ma gli encomiabili ultras Jesini non fanno comunque mancare il proprio supporto da fuori.

Si gioca su un terreno allentato dalla pioggia, e con ritmi tutt’altro che frenetici la partita si incanala sul binario dell’equilibrio.

Un guizzo porta gli ospiti in vantaggio. Bello spunto da sinistra di Battisti che centra in area dove Marengo è il più lesto a trovare la girata vincente.

La reazione della Jesina è tutta in un tiro di Zagaglia abbondantemente alto.

La squadra di Mister Pazzaglia potrebbe anche trovare il raddoppio al 31’. Punizione da sinistra, ed è provvidenziale Anconetani in uscita su Perri. Tra i padroni di casa, volenterosi ma senza spunti, prova ad uscire dal guscio Papa al 41’, ma la sua conclusione è debole e non crea problemi a Santini.

Nella ripresa la Jesina prova ad aumentare i giri del proprio motore, guadagnando metri in campo. Il Fabriano Cerreto controlla con buona autorità.

A decidere la storia della gara è il valzer delle punte. Pazzaglia è costretto a far uscire Perri e la sua squadra perde inevitabilmente peso offensivo. Poco dopo Strappini si gioca la carta Gabrielloni e la mossa risulta vincente.

Proprio il bomber Jesino cerca la sponda in area per Papa, e la traiettoria del pallone viene sporcata dal braccio di Pagliuca. Per Giorgiani è calcio di rigore , trasformato dalla stesso Gabrielloni, giunto al gol numero 46 in maglia biancorossa.

Gli animi si scaldano nel finale, e a farne le spese è il tecnico fabrianese Pazzaglia che si becca il rosso.

Battisti, uno dei migliori, tenta l’ultima stoccata con un fendente dalla distanza, ma Anconetani risponde presente.

Al triplice fischio si può registrare un pareggio sostanzialmente giusto, tra due squadre che hanno ancora il cartellone in bella vista con la scritta “lavori in corso”.

JESINA: Anconetani, Martedì, Calcina (75’ Gabrielloni), Zagaglia, Lucarini, Mistura, Rossini (62’ Garofoli), Giovannini, Papa, Sampaolesi, Barchiesi. All. Strappini

FABRIANO CERRETO: Santini, Buldrini, Candolfi (48’ Colonna), Trofo, Stortini, Lispi, Spuri (75’ Ciciani), Marengo, Perri (68’ Mulas), Pagliuca, Battisti. All. Pazzaglia

Arbitro: Sig. Andrea Giorgiani di Pesaro

Reti: 13’ Marengo, 38’ Gabrielloni (rig)

Marco Piagliapoco

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Advertisement

TI POTREBBE INTERESSARE…

More in Calcio