Connect with us

Calcio

Eccellenza / Fenucci: “squadra in salute ma morale sotto i tacchi: ci proveremo”

Conosco Sbarbati, stimo Pierandrei. Mi aspetto molto da Rossetti ma anche,ad esempio, da Medici, Nacciarriti, Droghini, Gagliardi, Maiorano

MARINA, 15 novembre 2022Gianluca Fenucci ritorna ai piani alti del calcio marchigiano alla guida del Marina in Eccellenza.

Compito arduo visto il percorso che la formazione allenata fino ad oggi da Giorgini prima e Barattini poi ha compiuto con solo tre pareggi (2-2 a Fabriano, 2-2 in casa contro il Castelfidardo, 1-1 a Urbino) su dieci gare disputate con 9 reti all’attivo e 18 subite.

“La situazione del Marina è sicuramente difficile” ci dice il neo mister del club biancoazzurro “la squadra si è comportata bene ed è stata allenata bene e di questo va dato atto prima a Igor Giorgini e poi a Roberto Barattini. Credo di ereditare una squadra in salutecontinua Fenuccicerto con il morale sotto i tacchi. Dovremo prima di tutti lavorare da un punto di vista psicologico. La situazione è delicata, difficile, lo sanno tutti ed è sotto gli occhi di tutti. A me piacciono le sfide, non è una situazione impossibile perchè ci sono da giocare ancora 20 partite e bisogna crederci. Il momento è un po’ nuovo anche per me. In tanti anni di carriera da allenatore, circa 20, non sono mai subentrato a campionato in corso, tranne una volta a Montecchio, e credo che si debba lavorare sodo ma vedo che ci sono margini e condizioni da affrontare e da correggere”.

Ha chiesto già rinforzi?

“Non ho chiesto rinforzi, valuteremo la cosa con la società. Sono abituato a lavorare con i ragazzi che trovo ed ho a disposizione. Certo alcuni correttivi andranno fatti, ne parleremo insieme con il presidente Sandro Santini e con i dirgenti. Non entrerò a gamba tesa ma in punta di piedi ma la squadra deve seguirmi e cercare di recepire quei pochi dettami tattici e quelle idee che cercherò di trasmettere”.

Conosce già qualche giocatore della rosa?

“Ritrovo soprattuto Lorenzo Sbarbati che per me è un giocatore del cuore. L’ho avuto a Chiaravalle e poi a Montegiorgio e l’ho portato anche a Fermo seppur la parentesi è stata breve. Un ragazzo forte, fortissimo che dovrà dare il massimo ed il meglio insieme ad altri che ho allenato come ad esempio Medici, che ho avuto alla Biagio, altro difensore bravisismo. Stimo molto Pierandrei ma stimo anche i giovani come Rossetti. Per me Maiorano, ad esempio, è un giocatore importante per la categoria. Diversi altri che andrò ad allenare li conosco perchè affrontati da avversari come Droghini, Gagliardi, Nacciarriti. Sono ragazzi in gamba, giocatori bravi e tutti insieme dobbiamo di meritarci la categoria perchè vogliano mantenerla e costruire qualcosa nel tempo”.

Dopo la parentesi Promozione ritorna in Eccellenza?

“Dopo l’esperienza in Promozione torno in Eccellenza, intrigante e coinvolgente. Se fosse dipeso da me l’esperienza con l’Osimostazione sarebbe continuata ma nell’ultimo mese, e forse un po’ di più, il clima si era deteriorato, il patron Orlandoni evidentemete aveva deciso altro. La cosa particolare è stato che ad avvicendarmi è stato l’amministratore delegato Robereto Girolomini ed il mio esonero, praticamente ed ufficialmente, è stato firmato nella lettera inviatami dallo stesso Girolomini che mi ha poi sostituito. Un fenomeno più unico che raro dove l’amministratore delegato esoneri l’allenatore e poi si sieda lui stesso in panchina. Va bene così, non ci sono problemi, volevano un’altra soluzione, l’hanno trovata. Mi dispiace molto per i dirigenti e i giocatore con i quali avevo instaurato un rapporto speciale ed auguro loro di fare un campionato importante. Adesso devo pensare in maniera pressante e presente al Marina perchè la situazione è certamente in salita”.

©riproduzione riservata

 

image_pdfimage_print

Advertisement

TI POTREBBE INTERESSARE…

More in Calcio