Connect with us

Calcio

Calcio / Prima Categoria, il commento della 22^ giornata dei gironi B e C

La Real Cameranese è la nuova capolista, ko Sassoferrato Genga e Montemarciano. Pareggi per Sampaolese, Borgo Minonna e Castelbellino

VALLESINA, 5 marzo 2024 – Nemmeno gli sceneggiatori dei migliori film internazionali d’azione si immaginerebbero quello che sta succedendo in Prima Categoria di calcio. Nel girone B, in particolare, la 22^ giornata ha sconvolto quelle che sembravano essere delle certezze. Il Senigallia Calcio ha fermato dopo 19 risultati utili il Sassoferrato Genga: la Real Cameranese ringrazia e passa in testa,anche se soffre più del previsto contro una Labor mai doma.

Chi non approfitta della sconfitta dei sentinati è il Montemarciano, anch’esso fermato in casa da un ottimo Pietralacroce. Ci sono stati, inoltre, tre pareggi, precisamente in Borgo Minonna-Castelleonese, Castelbellino-Chiaravalle e Sampaolese-Olimpia Marzocca. Prosegue, invece, la crisi dello Staffolo, sconfitto da un Borghetto che ora crede nei play-off.

Nel girone C, la Cingolana SF subisce il secondo 1-4 di fila, questa volta per mano del Montecassiano,in una partita dal risultato troppo severo e bugiardo. Andiamo a scoprire tutto quello che è successo.

Girone B – Real Cameranese 3-2 Labor – 5’ Baldini (RC), 40’ Strappini, 58’ Marchionne su rigore (RC), 75’ su rigore Ortolani (L), 91’ Casaccia (RC)

La Real Cameranese batte la Labor all’ultimo respiro e si porta in vetta. La squadra di Pantalone, infatti, ha vinto 3-2 contro i ragazzi di Giovagnetti, con la rete decisiva di Casaccia in pieno recupero di secondo tempo. I rossoneri salgono in testa alla classifica con 41 punti, a +1 dal Sassoferrato Genga,mentre la formazione di Santa Maria Nuova resta all’12° posto a 27, a +13 dalla Falconarese penultima e quindi, al momento, salva aritmeticamente.

La partita

Gli ospiti per ben due volte sono riusciti a pareggiare i conti, dimostrando di meritare ben altra posizione di classifica. Dopo 5 minuti i rossoneri passano in vantaggio, con il colpo di testa di Baldini sugli sviluppi di un calcio d’angolo. I laborini pareggiano poco prima della fine del primo tempo: Strappini approfitta di una disattenzione locale ed infila Fatone.

Nella ripresa la Real Cameranese ritorna in vantaggio al 58’, con il calcio di rigore segnato da Marchionne. Diciassette minuti dopo, Ortolani segna il 2-2, anche lui dagli 11 metri. In pieno recupero, proprio mentre le squadre sembravano accontentarsi del pari, Anconetani dalla fascia serve Casaccia il quale, da oltre 20 metri lui da posizione defilata, trova la rete del 3-2 con un tiro preciso su cui Boria non può nulla.

I festeggiamenti della Real Cameranese dopo la vittoria contro la Labor

Il commento della Real Cameranese

C’è una nuova capolista solitaria – festeggiano i rossoneri -: è la Real Cameranese. I rossoneri battono la Labor e approfittano dei passi falsi delle rivali. Termina 3-2 al Montenovo, decisivo un siluro, dritto all’incrocio, di capitan Casaccia all’ultimo respiro. I ragazzi di mister Giorgio Pantalone non conoscono limiti e vincono una gara vietata ai deboli di cuore. Il capitano l’ha spedita all’incrocio, il capitano ha spedito la Real in vetta alla classifica. Non svegliateci!”.

Il commento della Labor

Si tratta di una sconfitta amarissima per noi – spiega, invece, l’attaccante della Labor Andrea Strappini -, soprattutto perché arrivata dopo una buonissima prestazione. Forse il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto, ma se la Real Cameranese è prima in classifica ci deve essere un motivo. Abbiamo preso gol da calcio piazzato, ma siamo stati bravi a non farci mettere sotto, trovando il pareggio nei minuti finali del primo tempo.

Nella ripresa siamo andati di nuovo in svantaggio con un rigore discutibile, però siamo rimasti in partita e siamo riusciti a ribaltare l’inerzia del gioco. Abbiamo pareggiato con un penalty ben battuto da Ortolani, freddo a spiazzare Fatone. Sul 2-2 abbiamo avuto diverse occasioni per andare avanti nel risultato, ma quando sprechi chiare palle gol, poi dall’altra parte basta un tiro da 20 metri perfetto che si insacca sotto l’incrocio dei pali: non puoi far altro che toglierti il cappello e applaudire la giocata. Il 3-2, di fatto, ci ha tagliato le gambe.

Nonostante la sconfitta, comunque, stiamo facendo buone prestazioni: dobbiamo rimanere concentrati per conquistare punti nelle sfide che rimangono prima della fine della stagione. Il calendario, sulla carta, è molto difficile e ci mancano due-tre pedine fondamentali, che in questo momento forse avrebbero fatto comodo. Inutile, però, piangersi addosso: lavoriamo in settimana per cercare di portar via più punti possibili partita dopo partita. Vogliamo arrivare il prima possibile a una zona di tranquillità in classifica: abbiamo dimostrato, nel corso di questo campionato, che possiamo giocarcela con tutti e siamo in grado di mettere in difficoltà qualsiasi squadra”.

Borgo Minonna 1-1 Castelleonese – 40’ Fontana (C), 84’ Morbidelli (B)

Il Borgo Minonna riesce a strappare un punto in extremis alla Castelleonese. La squadra di Luchetta, infatti, ha pareggiato 1-1 contro i ragazzi di Fiori. Al 40’ Fontana segna la rete del vantaggio ospite, con il pareggio degli jesini arrivato a 6 minuti dalla fine grazie al subentrato Morbidelli, con gli avversari in 10 per via dell’espulsione di Mattioli. Il pari accontenta più i castelleonesi che i rossoblù, dato il sesto posto a 35 punti, a -1 dalla quinta posizione. Il Borgo Minonna, invece, rimane a -5 dai play-off.

I commenti

“Il risultato è giusto – spiega il mister locale Cristiano Luchetta -. Abbiamo preso gol su un calcio d’angolo alla fine del primo tempo. Nella ripresa abbiamo cambiato assetto, riuscendo ad attaccare la Castelleonese sulle fasce. Con gli innesti del secondo tempo la squadra ne ha tratto vantaggio: il subentrati hanno portato parecchia dinamicità. Siamo riusciti a segnare all’84’ e potevamo anche raddoppiare. Abbiamo fatto una grande gara contro un’ottima formazione. I miei ragazzi sono in ripresa: ora andiamo a giocarcela contro il Borghetto, con la consapevolezza che ci aspetta una battaglia, con fondamentali punti in palio”.  

“La prima frazione di gioco – risponde, invece, l’autore del gol ospite Michele Fontana è stata molto spezzettata, con tanti falli, poco gioco e senza molte occasioni da ambo le parti. Diciamo che. oltre all’occasione dello 0-1, si è visto poco altro. Il secondo tempo invece, anche per via del fatto che siamo rimasti in 10 per più di mezz’ora, è stato più vivace. A causa dell’espulsione, infatti, ci siamo abbassati e il Borgo Minonna per cercare il pareggio portavano parecchi uomini nella nostra metà campo, creandoci delle situazioni di pericolo.

Noi comunque, sia nonostante l’inferiorità numerica quando riuscivamo ripartivamo in contropiede e sia prima che dopo il goal del pareggio subito, abbiamo avuto occasioni nitide per raddoppiare. Dispiace per il pareggio, perché avevamo improntato bene la partita e se fossimo rimasti in 11 contro 11 probabilmente riuscivamo a portare a casa i 3 punti. Peccato, cercheremo di rifarci con il Castelbellino, un’altra squadra forte e difficile da affrontare”.

Castelbellino 1-1 Chiaravalle – 42’ Simonetti (CB), 72’ Dellabarba (CH)

Si dividono la posta in palio anche Castebellino e Chiaravalle (foto di copertina). Al “Cercaci”, infatti, è finita 1-1 la gara tra orange di Perini e grigioneri di Fenucci. Anche qui un gol per tempo: al vantaggio locale di Simonetti al 42’ ha risposto Dellabarba al 72’. Tutto invariato in classifica: i padroni di casa sono sempre settimi a 34, a -2 dal quinto posto, mentre i chiaravallesi restano ultimi in classifica a quota 13, accorciando a -1 dalla Falconarese penultima.

I commenti

“Sicuramente meritavamo di più del pareggio – spiega l’autore del gol locale, Marco Simonetti -:  abbiamo avuto diverse occasioni da gol importanti, ma non siamo riusciti a sfruttare al meglio.

La partita, comunque, è stata combattuta, in particolar modo nel secondo tempo a causa dell’espulsione di un nostro compagno (secondo me dubbia), dalla quale è nato anche il gol del Chiaravalle. Da lì in poi la partita è stata molto difficile e non siamo riusciti a ritrovare il vantaggio. Non dobbiamo comunque piangerci addossoper l’occasione persa: ora dobbiamo pensare solo a una partita alla volta”.  

Con una bella incoronata di Dellabarba – spiega il Chiaravalle – i Grigioneri nella ripresa riescono meritatamente a pareggiare lo svantaggio subito nel finale del primo tempo”.

Montemarciano 0-1 Pietralacroce – 15’ Daidone

Il Pietralacroce ferma il Montemarciano. Dopo 7 risultati utili, infatti, la squadra di Caccia viene sconfitta di “corto muso” dai dorici di Santarelli, scivolando al terzo posto, a -2 dalla Real Cameranese. Gli anconetani, invece, si riportano a -3 dai play-off, ipotecando la salvezza.

La partita

A fare il match sono i padroni di casa, ma i tre punti prendono la strada di Ancona. Al 7’ Giancamilli ci prova al volo, senza centrare lo specchio. Passano 8 minuti ed ecco il gol decisivo della gara: in ripartenza il Pietralacroce scappa sulla fascia destra e la palla arriva in mezzo dove Daidone di prima intenzione batte Fabrizzi, per lo 0-1. Il Montemarciano reagisce subito: il colpo di testa di Sanviti termina sopra la traversa. Dall’altra parte, Bellavigna non trova la porta con un altro tiro al volo.

Al 35’ Gorini recupera palla in pressing al limite dell’area, ma non riesce a concretizzare per via del recupero dei difensori ospite. Poco dopo Moschini ci prova al volo in profondità, ma non impensierisce la saracinesca dorica. Il primo tempo termina 0-1.

Il pre-gara di Montemarciano-Pietralacroce

Nella ripresa il Montemarciano continua il pressing, ma non riesce a trovare il pareggio. Prima Passeggio da testa non trova la porta, poi Sanviti, sempre con la nuca, colpisce il palo. Al 61’ Passeggio triangola con Moschini, entra in area e calcia, palla sul fondo. Passano 14 minuti e Pellonara sulla destra vince lo sprint con un difensore ospite e al momento del tiro scivola, così la sfera si impenna e vola sopra la traversa. Dopo le proteste locali per un presunto tocco di mano in area ospite, i tentativi di Gramazio, Gianluca e Filippo Lucci non sono sufficienti a impensierire Montuoso. Così il Pietralacroce conquista i tre punti a Montemarciano.

I commenti

“Il Monte – spiega la società biancoazzurra – cade in casa contro la bestia nera Pietralacroce, in un match dove i biancoazzurri hanno fatto la partita, ma non sono stati in grado di trovare la via della rete per raddrizzare il risultato. Sconfitta amara per i ragazzi di Mister Caccia, che non sono riusciti a concretizzare la mole di gioco creata. Appuntamento a sabato prossimo, per la trasferta sul campo della Labor”.

Giornata da incorniciare – commentano, esultanti, i dorici – quella vissuta sabato dal Pietralacroce allo stadio Di Gregorio di Montemarciano dove i rossoblù hanno superato i locali per 0- 1. Partita intensa, vibrante, sofferta, lottata e piena di sacrificio quella disputata dai ragazzi di Mister Santarelli.

La gara è stata per larghi tratti nelle mani del Montemarciano che non è però riuscito a concretizzare la sua supremazia territoriale. Dall’altra parte i dorici hanno concesso veramente pochissimo ai loro avversari pungendo ripetutamente nelle loro ripartenze sempre ficcanti e pericolose. Il gol è nato su una stupenda costruzione in linea che ha visto coinvolti tutti gli uomini di centrocampo ed è stata finalizzata ottimamente da Daidone. Veramente una stupenda azione degna di palcoscenici superiori.

Il Montemarciano ha confermato le sue qualità e sarà una sicura contendente per la vittoria finale, il Pietralacroce non vuole fare altro che confermare il diritto a partecipare ad un campionato importante come è la Prima Categoria e fino ad ora lo sta facendo con indubbio merito. Da segnalare l’ottimo rientro di Lodovico Basilici dopo il grave infortunio dello scorso anno: bentornato Lodo! Avanti così e sempre Forza Pietra!”.

Sampaolese 0-0 Olimpia Marzocca

Non ci sono state reti in Sampaolese-Olimpia Marzocca. Al “Comunale” di San Paolo di Jesi, infatti, è terminata 0-0 la gara tra i biancorossi di Togni e i marzocchini di Profili, con quest’ultimi che scivolano dal quarto al quinto posto con 36 punti, a -5 dalla vetta. I locali, invece, allungano sulla Labor, ora a -2.

Quella di sabato – spiega mister Lorenzo Togni della Sampaolese – è stata una bella partita, aldilà di quello che possa far credere il risultato. Il primo tempo è stato molto equilibrato mentre nel secondo tempo c’è stata una lieve supremazia ospite, anche se al netto delle occasioni siamo stati più incisivi noi. Giovagnoli, infatti, ha salvato lo 0-0 in un paio di occasioni. Il pareggio, comunque, credo che alla fine sia il risultato più giusto”.

Lorenzo Togni, allenatore della Sampaolese

“Il match è stato combattuto – commenta l’allenatore dell’Olimpia Marzocca, Andrea Profili -. Abbiamo cercato di conquistare i tre punti in tutti i modi e secondo me abbiamo giocato un buon primo tempo, aggressivo, creando diverse occasioni in cui potevamo sbloccare la partita. Abbiamo fatto diversi errori nella finalizzazione e in conclusione dell’azione e per questo non abbiamo trovato il gol. Anche la Sampaolese ha avuto le sue chances per andare in vantaggio: la ripresa è stata equilibrata, quindi alla fine il pareggio ci può stare. Ora andiamo avanti, cercando di metterci tutto l’impegno per fare il meglio possibile nelle giornate che rimangono da giocare”.  

Sassoferrato Genga 0-1 Senigallia Calcio – 94’ Terrone

Davide batte Golia e provoca un clamoroso scossone in vetta alla classifica. Il Senigallia Calcio ex-ultimo in classifica, infatti, espugna il “Faggioni”, fermando dopo 19 risultati utili il Sassoferrato Genga ex-capolista. Decide un gol al 94’ di Terrone, con la formazione dell’allenatore ad interim Frulla ora terz’ultima e ai play-out grazie alla terza vittoria nelle ultime 4 partite. I sentinati, invece, si vedono scavalcare dalla Real Cameranese al primo posto, con un solo punto a separare le due compagini.

La partita

Il Senigallia Calcio ha meritato la vittoria, grazie a una grande intraprendenza dimostrata in tutto l’arco del match. A inizio gara gli ospiti, infatti, hanno costretto più volte Pifarotti a interventi in uscita. I sentinati escono fuori nel finale del primo tempo, con la conclusione dal limite di Emanuele Piermattei deviata in corner da Belogi.

Nella ripresa mister Ricci effettua qualche cambio e la squadra locale sfiora il vantaggio a più riprese. Turchi non sorprende Belogi, mentre Federici a centro area non trova l’aggancio decisivo. I senigalliesi ci provano in contropiede, con le sgroppate di Serrani e Bodili: prima Pifarotti salva con un grande intervento, poi gli attaccanti ospiti non trovano la porta. Al 94’ il gol decisivo: Terrone, sugli sviluppi di un calcio di punizione, è più lesto di tutti e realizza il gol del definitivo 0-1.

I commenti

“Al Comunale ‘Armando Faggioni’ di Sassoferrato – commentano i locali – il Senigallia Calcio si impone all’ultimo respiro legittimando una buona prestazione al cospetto di un Sassoferrato Genga che ha sofferto a più riprese l’intraprendenza ospite. Si tratta della seconda sconfitta stagionale”.

Siamo arrivati a Sassoferrato tutti molto carichi – spiega, invece, il match winner Luca Terrone -, con la consapevolezza di trovarci in casa della prima della classe, ma con la convinzione di poter fare la nostra partita senza timore e a viso aperto. E siamo riusciti, con un atteggiamento aggressivo e propositivo, a tenerli nella loro metà campo per i primi 25 minuti, anche se non siamo riusciti a concretizzare quanto creato.

Poi, come naturale che sia, pian piano sono venuti fuori anche i nostri avversari. Siamo stati bravi a contenerli e, una volta ripartiti, nel secondo tempo abbiamo continuato a creare occasioni da gol, alcune molto nitide che non siamo comunque riusciti a finalizzare, ma che ci hanno rafforzato la consapevolezza di potercela fare. Al 94’ ci siamo conquistati un calcio di punizione sulla tre quarti avversaria, e grazie ad un ottimo cross e all’aiuto dei miei compagni per liberarmi dalla marcatura, sono riuscito a segnare il gol che ci ha dato i 3 punti che abbiamo dimostrato di meritare.

Questa vittoria rispecchia la mentalità che da dopo la sconfitta contro l’Olimpia Marzocca abbiamo iniziato a mettere in campo. Da lì c’è stata una svolta in termini di atteggiamento e cattiveria. Grazie ai cosiddetti senatori e ai tanti giovani che si sono completamente messi a disposizione, siamo riusciti a ritrovare quello che da sempre contraddistingue questa squadra, ovvero l’unità del gruppo. Non sappiamo a cosa ci porterà questo finale di stagione, ma siamo sicuri della strada che dobbiamo continuare a percorrere, a prescindere dai risultati”.

Per quanto riguarda il match Real Cameranese-Senigallia Calcio, la società rossonera, nonostante la bocciatura del giudice sportivo al ricorso per il gol del decisivo 1-2, segnato in fuorigioco, ha preannunciato di fare un ulteriore ricorso. La società senigalliese è molto infastidita dall’atteggiamento del club di Camerano, anche perché, a detta dell’Aesse, nel match di andata al “Bianchelli” ci sarebbero stati degli episodi arbitrali che avrebbero favorito la Real Cameranese. In quel caso non ci fu alcun ricorso. Vallesina.TV, come sempre, è a disposizione di entrambe le società per eventuali prese di posizione, nel rispetto delle opinioni di tutti e dei risultati sul campo.

Un momento di Staffolo-Borghetto (foto di Alex Ciciliani)

Staffolo 0-2 Borghetto – 42’ Marchegiani A., 60’ Cercaci

Il Borghetto vince anche a Staffolo e ora è pronto a dire la sua anche in ottica play-off. La squadra di Latini, infatti, ha vinto 0-2 contro i giallorossi ed ora è a-3 dalla quinta posizione: la sconfitta è costata la panchina a mister Domenico Giugliano dopo sole due settimane. È tornato in panchina Massimo Pasquini (leggi l’articolo), per cercare di risollevare una squadra reduce da cinque sconfitte consecutive, a -6 dalla salvezza diretta.

Vinciamo meritatamente – spiega il Borghetto – su un campo difficile come quello di Staffolo per 2-0, un risultato che ci sta addirittura stretto viste le tante occasioni sprecate: i goal portano la firma di Ale Marchegiani al 42° del primo tempo mentre nella ripresa arriva subito il raddoppio di Nico Cercaci abile a battere l’estremo difensore ospite su invito al bacio di Sahli”.

Filottranese 3-0 Falconarese – 49’ Gasparini, 54’ Storani, 60’ Capomagi – Leggi l’articolo

Girone C – Cingolana SF 1-4 Montecassiano – 28’ e 68’ Stura (M), 55’ Falappa (C), 87’ e 90’ Raimondi (M)

La Cingolana San Francesco incappa nella seconda sconfitta di fila, ancora per 1-4. La squadra di Ruggeri, infatti, è stata battuta dal Montecassiano, anche se il risultato non rispecchia quello che si è visto allo “Spivach” sabato pomeriggio.

Primo tempo

I biancorossi, infatti, creano nitide occasioni di gol e mantengono il pallino del gioco per gran parte della sfida. Al 5’ Mendoza di testa sugli sviluppi di un corner battuto da Moretti impegna al miracolo Laconi: sulla respinta Lovotti calcia a botta sicura ma il portiere ospite si supera nuovamente, respingendo il pallone. L’attaccante argentino, al 12’, ci prova dopo aver saltato due difensori ospiti, ancora Laconi respinge con i pugni.

Minuto numero 27: Maccari ci prova da fuori area, Emiliani respinge in corner; sul calcio d’angolo di Chiaraberta, Stura sul secondo palo realizza lo 0-1. Nonostante lo svantaggio, la Cingolana SF continua ad attaccare: al 42’ Ippoliti, solo davanti al portiere, non è freddo e gli tira addosso. Il primo tempo termina 0-1.

Il pre-gara di Cingolana SF-Montecassiano

Secondo tempo

Nella ripresa la Cingolana SF pareggia e può anche vincere la gara, ma nel finale si segna praticamente da sola e subisce il poker ospite. Siamo al 55’ quando Ippoliti sulla sinistra semina gli avversari e mette in mezzo verso Falappa, il quale realizza l’1-1. Passano 13 minuti ed Emiliani non blocca un tiro all’apparenza semplice: Stura come un falco approfitta della sbavatura del portiere di casa e segna l’1-2. Al 87’ il Montecassiano fa il tris: Emiliani esce a vuoto fuori dalla propria area di rigore, Raimondi ringrazia e a porta vuota segna l’1-3. Al 90’, ancora Raimondi completa il poker con un colpo di testa vincente. (Si ringrazia Leonardo Massaccesi per la cronaca del match)

Resta caotica la situazione nella seconda metà della classifica del girone C: la Cingolana SF è decima con 23 punti, a pari merito con Urbis Salvia, Caldarola e Montecosaro, a cavallo tra salvezza diretta e play-out. In generale, comunque, tra il Camerino nono (26) e il duo Pinturetta-Montemilone Pollenza al 14° posto (22) ci sono solo 4 punti di margine. Nel prossimo turno, i biancorossi non possono sbagliare lo scontro diretto in casa della Pinturetta Falcor.

I pronostici di mister Carletti

Borgo Minonna-Castelleonese – pronostico X – risultato X

Castelbellino-Chiaravalle – pronostico 1 – risultato X

Filottranese-Falconarese – pronostico 1 – risultato 1

Montemarciano-Pietralacroce – pronostico 1 – risultato 2

Real Cameranese-Labor – pronostico 1 – risultato 1

Sampaolese-Olimpia Marzocca – pronostico X – risultato X

Sassoferrato Genga-Senigallia Calcio – pronostico 1 – risultato 2

Staffolo-Borgetto – pronostico 2 – risultato 2

Cingolana SF-Montecassiano – pronostico X – risultato 1

Totale di giornata: 5/9 – Totale complessivo: 88/190

La top 11 di giornata

Portiere: Morgante (Sampaolese)

Difensori: Falappa (Cingolana SF), Gasparini (Filottranese), Terrone (Senigallia Calcio), Dellabarba (Chiaravalle)

Centrocampisti: Casaccia (Real Cameranese), Morbidelli (Borgo Minonna), Fontana (Castelleonese)

Attaccanti: Strappini (Labor), Daidone (Pietralacroce), Cercaci (Borghetto)

Allenatore: Santarelli (Pietralacroce)

A disposizione: Belogi (Senigallia Calcio), Baldini (Real Cameranese), Simonetti (Castelbellino), Tomba (Olimpia Marzocca), Bartolucci (Borghetto)

Classifiche e marcatori

Girone B

CLASSIFICA – Real Cameranese 41, Sassoferrato Genga 40, Montemarciano 39, Filottranese 38, Olimpia Marzocca 36, Castelleonese 35Castelbellino 34, Pietralacroce 33, Borghetto 33, Borgo Minonna 31, Sampaolese 29, Labor 27, Staffolo 21, Senigallia Calcio 15, Falconarese 14, Chiaravalle 13

MARCATORI – 15 gol: Giudici (Castelleonese); 13 gol: Bassotti (Labor); 12 gol: Serrani (Senigallia Calcio); 11 gol: Bartoloni (Falconarese); 10 gol: Ghetti (Castelleonese), Portaleone (Real Cameranese) e Maccioni (Filottranese); 9 gol: Marchegiani (Sampaolese); 8 gol: Moschini (Montemarciano) e Marchionne (Real Cameranese); 7 gol: Strappini (Labor), Capecci (Borghetto), Braconi (Borgo Minonna) e Api (Castelbellino); 6 gol: Nicoletti Pini (Filottranese), Ricci (Sassoferrato Genga), Massei (Staffolo), Consolazio (Pietralacroce), Mancini (Castelleonese), D’Antonio (Pietralacroce), Storani (Filottranese), Daidone (Pietralacroce) e Casaccia (Real Cameranese).

Girone C

CLASSIFICA – Settempeda 49, Vigor Montecosaro 46, Montecassiano 39*, San Claudio 38, Folgore Castelraimondo 31, Passatempese 31, Portorecanati 30, Elite Tolentino 29, Camerino 26, Montecosaro 23, Cingolana SF 23, Caldarola 23Urbis Salvia 23, Montemilone Pollenza 22, Pinturetta 21, Esanatoglia 14*

MARCATORI – 17 gol: Pantone (Portorecanati); 16 gol: Tulli (Vigor Montecosaro); 13 gol: Castellano (Settempeda); 11 gol: Lovotti (Cingolana SF), Guermandi (Vigor Montecosaro) e Ibii Ngwang (San Claudio); 9 gol: Bisbocci (Folgore Castelraimondo), Mihaylov (Passatempese) e Bartolini (Montemilone Pollenza); 7 gol: Capenti (Elite Tolentino); 6 gol: Duca (Camerino), Chiaraberta (Montecassiano), Traorè (Elite Tolentino), Ferro (Portorecanati) e Gianfelici (Settempeda).

Foto di copertina di Genny Giorgetti

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata

image_pdfimage_print

Advertisement
Advertisement

More in Calcio

Segnala a Zazoom - Blog Directory