Connect with us

Calcio

Calcio / Melissa Marchetti è la nuova responsabile tecnica del settore giovanile del Loreto

L’ex calciatrice della Jesina Femminile in A2, dopo le esperienze da allenatrice maschile ai Giovanissimi della Jesina maschile, al San Costanzo (vice di Crespi) e alla Juniores del Castelfidardo, coordinerà il settore tecnico del vivaio loretano.

La nostra intervista: “Ho accettato perché la società punta sulla crescita tecnica e umana di bambini e ragazzi. Il calcio femminile è cresciuto molto e rapidamente: ora le bambine hanno modelli da seguire. A Jesi mi sono sempre trovata bene” 

LORETO, 9 luglio 2024 – La nuova avventura di Melissa Marchetti si chiama settore giovanile del Loreto. La fidardense, ex calciatrice anche nella Jesina Femminile, dopo le esperienze da vice-allenatrice del San Costanzo e allenatrice della Juniores del Castelfidardo, infatti, ha accettato la proposta della società loretana per diventare responsabile tecnica del settore giovanile. “Mi piace la filosofia della società – spiega a Vallesina.TV -, perché punta sulla crescita dei ragazzi, sia a livello tecnico che a livello di sviluppo umano”.

Chi è Melissa Marchetti: la giocatrice e l’allenatrice

Originaria di Castelfidardo e laureata in Giurisprudenza e Criminologia, prima di diventare allenatrice ha giocato a calcio e a calcio a 5, arrivando a giocare in Serie A sia a 11 (Oristano e Senigallia) che a 5 (Flaminia). A 11 ha giocato in Serie A2 con la Jesina Femminile e nella sua carriera ha segnato circa 200 gol.

Nel 2019 ha ottenuto il patentino UEFA A presso il Centro Tecnico Federale di Coverciano. Dopo gli inizi nel settore giovanile della Filottranese (piccoli amici e primi calci), la prima esperienza in una panchina agonistica è targata 2021, quando la Jesina maschile l’ha chiamata ad allenare i Giovanissimi. Nel 2022-2023 è stata vice di Crespi al San Costanzo, in Promozione: il 23 maggio 2023 ha guidato la squadra per la prima volta da allenatrice nella sfida contro il Sant’Orso, per via della squalifica del capo allenatore. Nell’ultima stagione ha allenato la Juniores del Castelfidardo.

Melissa Marchetti ai tempi del San Costanzo

Il nuovo incarico a Loreto: “Ci concentreremo sulla crescita dei bambini e dei ragazzi”

Ora, per Melissa Marchetti, il nuovo incarico come responsabile tecnica del settore giovanile del Loreto, vivaio che ha lanciato un certo Walid Cheddira, giocatore di proprietà del Napoli che ha debuttato in Serie A nella passata stagione con il Frosinone.  “Mi sono trovata – spiega la fidardense – in linea con il progetto e la filosofia della società. Il settore giovanile del Loreto è in crescita e punta sullo sviluppo dei ragazzi: principalmente è questa la motivazione che mi ha spinto ad accettare l’incarico”

“Lavorerò ulteriormente – continua Marchetti – in questo senso, sulla crescita dei ragazzi, perché ogni categoria ha la sua importante tappa evolutiva. Vogliamo far risaltare i punti salienti del periodo nell’evoluzione dei bambini e dei ragazzi. Ovviamente teniamo conto della crescita non solo a livello tecnico, ma anche della persona, sia individualmente che a livello collettivo. Il rispetto delle regole, comunque, è fondamentale e rappresenta uno dei cardini del nostro modo di lavorare”.

Il calcio femminile: “L’arrivo del professionismo ha dato alle bambine modelli da seguire”

Con Melissa Marchetti è inevitabile parlare della crescita del calcio femminile in questi ultimi anni. “Sia a livello professionistico – spiega – che a livello dilettantistico ha avuto un’evoluzione assolutamente importante, arrivata in poco tempo. Il movimento ha avuto una crescita considerevole, anche perché il calcio femminile è diventato solo da poco uno sport professionistico. Per una bambina appassionata del pallone è importante avere un modello imitativo e ambire, un domani, a giocare in Serie A. Il professionismo ha aumentato sia la qualità delle giocatrici, ma anche il livello dei tecnici, che devono avere il patentino UEFA A per poter allenare in A e B femminile”.

Nel dilettantismo – prosegue -, l’evoluzione si è vista soprattutto all’interno dei settori giovanili: sempre più bambine stanno iniziando a giocare a calcio. Attualmente ci sono società di puro settore femminile che andranno ad aumentare e avranno tutte le categorie di squadre, dalle più piccoline dai piccoli amici in su, andando avanti con l’età. Anche le società maschili sono sempre più preparate e competenti nell’abbracciare bambine e bambini insieme”.

Marchetti Melissa ai tempi della Jesina come allenatrice dei Giovanissimi

Il rapporto con Jesi: “Mi sono sempre trovata bene con entrambe la società”

Chiudiamo la nostra intervista con un breve commento sulle sue esperienze nella Jesina femminile e nella società maschile. “A Jesi mi sono sempre trovata bene – racconta Melissa Marchetti -, con entrambe le società. Negli anni in cui ho fatto parte dei due club il lavoro è stato serio. La Jesina Femminile è una delle poche realtà che è riuscita a resistere negli anni a tutti i cambiamenti che ha avuto il calcio. Rispetto ad anni fa i numeri delle squadre femminili si sono ridotti drasticamente e sono aumentate le squadre di calcio a 5.

Nella Jesina maschile, invece, ho allenato nei Giovanissimi nel 2020-2021 e mi sono trovata bene con tutti, dal responsabile tecnico, alla dirigenza, con i ragazzi stessi. Posso solo parlare bene di entrambi i club, perché sono stata bene sia con l’uno, che con l’altro”.

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata

image_pdfimage_print

Advertisement

More in Calcio

Segnala a Zazoom - Blog Directory