Connect with us

Calcio

CALCIO / Eccellenza, due gironi da 12 squadre? Forse si può fare

Giovedì 9 luglio rappresentanti dei club si incontreranno con il Consiglio di presidenza della Figc composto da Cellini, Panichi, Sassaroli, Castellana

JESI, 6 luglio 2020 – Monta la richiesta di un diverso format, almeno per il campionato d’Eccellenza.

Cellini Paolo

E’ questo quello emerso nei giorni scorsi in un incontro tenutosi a Loreto dove hanno partecipato oltre 40 club tra società di Eccellenza, Promozione e Prima Categoria marchigiana.

La domanda è chiara. Considerato che la prossima stagione non sarà per niente regolare, ad iniziare dalla data d’inizio delle attività ancora tutta aleatoria, e considerato che nessuno vuol giocare turni infrasettimanali, i presidenti di società chiedono che l’Eccellenza venga organizzata con due giorni da 12 squadre, a differenza di quello che attualmente è stato programmato con un girone unico a 18 squadre, fermo restando il campionato di Promozione con due giorni a 16 squadre.

Nell’incontro già tenutosi a Loreto si è costituito un comitato di rappresentanti che nel pomeriggio di giovedì 9 luglio sarà ricevuto dal Consiglio di Presidenza della Figc Marche, composto da Cellini, Panichi, Sassaroli e Castellana, proprio per parlare di tutto ciò e per stimolare l’idea della novità, forse pure necessaria.

Come finirà? Nè ottimismo nè preclusione, ma l’idea è interessante e tra i promotori l’intenzione di provarci e di fare sul serio è tanta.

Tanto che poi sempre giovedì sera, dopo il faccia a faccia in Federazione, è già stato convocato un secondo incontro in un Hotel di Civitanova dove la partecipazione dei club potrebbe allargarsi.

Il malcontento insomma è diffuso, come la richiesta di un nuovo format, ma anche la speranza di aperture è concreta.

E’ evidente che il presidente Cellini dovrà tenere conto dello stato attuale e delle richieste che i suoi club avanzano. Per di più in un momento dove il Comitato Regionale marchigiano è in fase di scadenza di mandato e quasi di certo dopo l’estate, prima dell’inizio dell’attività agonista, si terranno le elezioni per i rinnovi.

In testa a queste società che vogliono un cambiamento la Maceratese e la Civitanovese che guarderebbero ben volentieri all’Eccellenza senza aver vinto nulla sul campo e, ad esempio, il Loreto e la Vigor Castelfidardo che giunte seconde nel girone A e B di Promozione speravano di poter salire di categoria tramite i play off.

Come si sono comportati nelle altre regioni? Molte hanno deciso di cambiare format non ultimo il Comitato Pugliese che nelle ultime ore ha deciso per “un cambio dei format in ogni caso” aumentando i gironi non solo di Eccellenza ma anche di Promozione, diminuendo le gare per premiare la vicinanza territoriale tra club e club. Poi alla fine per decidere il salto di categoria per merito o le retrocessioni faranno appello ad una formula play off e play out da studiare a tavolino.

Tutto quanto sopra però se non ci saranno novità in chiave ripescaggi o ricorsi che potrebbero ancora disegnare un futuro diverso per Sangiustese, Jesina e Anconitana. A quel punto ogni ipotesi dovrà essere rivalutata e rivista.

Evasio Santoni

©RIPRODUZIONE RISERVATA

image_pdfimage_print

Advertisement

More in Calcio

Segnala a Zazoom - Blog Directory