Connect with us
Federico Ligi

Basket

BASKET SERIE B / Senigallia, un sentito derby per cercare i primi 2 punti stagionali

Domenica 17 ottobre al PalaPanzini la Goldengas, ancora senza vittorie, affronta Jesi: il general manager Federico Ligi è ex di turno

SENIGALLIA, 14 Ottobre 2021Secondo derby stagionale tra Goldengas Senigallia e The Supporter Jesi, ma quello di domenica 17 ottobre, ore 18, al PalaPanzini, pesa assai di più di quello vinto dalla Goldengas 75-71 qualche settimana fa nel primo turno della Supercoppa di Lega, anche se valse la qualificazione alla fase successiva.

Jesi reduce da un netto ed inatteso ko interno contro Giulianova, con inoltre la penalizzazione di un punto in classifica, ma comunque davanti ad una Goldengas ancora senza vittorie dopo due giornate, nelle quali ha ricevuto complimenti per le prestazioni all’altezza contro Roseto e NPC Rieti, ma non punti in classifica.

È un derby che vale molto per entrambe dunque e che per il general manager della Goldengas Federico Ligi, ex di turno tornato a Senigallia, dove era già stato per molti anni, in estate proprio dopo l’esperienza leoncella, susciterà emozioni particolari.

Ligi, per la prima volta in campionato da ex contro l’Aurora: che effetto fa?

“Sicuramente per me sarà una partita particolare. Quella jesina in serie A2 è stata un’esperienza gratificante. A Jesi conservo ancora amicizie e, ci tengo ed evidenziarlo, sarò sempre grato all’Aurora. Chiaro, per noi domenica è un match da vincere”.

La The Supporter è uscita con le ossa rotte dalla partita contro il Giulianova: un vantaggio o uno svantaggio per voi?

“Sicuramente uno svantaggio, su questo non ho dubbi. Verrà a Senigallia con ancora più voglia di rifarsi”.

Due partite ed altrettante sconfitte per la Goldengas: è preoccupato?

No. Il nostro obiettivo è la salvezza, ma questo è un campionato molto difficile, con tante squadre che puntano in alto ed un livello medio elevato. Ne abbiamo incontrate subito due nelle prime due giornate (Roseto e NPC Rieti) e ce la siamo giocata: ci è mancata un po’ di precisione al tiro e a Rieti abbiamo fatto qualche palla persa di troppo. Ma considerando che siamo una squadra rinnovata al 90% e molto giovane, potevano mettere in conto qualche difficoltà. Lo spirito e l’atteggiamento del gruppo sono però molto positivi e questo mi lascia ben sperare per il proseguo della stagione”.

Domenica si torna al 60% della capienza, che al PalaPanzini significa 565 posti disponibili. Che pubblico si aspetta?

“Mi auguro che la gente torna ad appassionarsi alla pallacanestro e alle partite del vivo. Da noi, come altrove, c’è stato un calo di abbonamenti ma credo sia fisiologico, lo abbiamo notato ancora più sensibile pure in piazze più grandi: dopo così tanto tempo a porte chiuse molte persone hanno comprensibilmente perso l’abitudine a venire al palazzo. Questa opportunità ora c’è, in un ambiente sicuro come il PalaPanzini, dove le norme sono rispettate scrupolosamente ed è pure possibile un certo distanziamento: sarebbe bello domenica rivedere un bel pubblico”.

Anche perché Senigallia-Jesi, non solo per Ligi, non è mai una partita come le altre, e stavolta – pur capitando già alla terza giornata – pesa non solo per la rivalità del derby ma anche per la classifica.

Andrea Pongetti

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Advertisement

TI POTREBBE INTERESSARE…

More in Basket