Connect with us

Calcio

JESI / Tributo del popolo sportivo leoncello a ‘Leopo’

Striscione nei pressi dello stadio Carotti a Leopoldo Latini: “A Leopo’ te volemo be’”. Stesso slogan di Cattolica del 3 giugno 1984

JESI, 18 novembre 2020 – Dai meno giovani ai più giovani, compresi quelli che certe partite della Jesina e certe soddisfazioni le hanno viste solo dai filmati ora stanno ricordando la figura di Leopoldo Latini.

La fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80 avevano prodotto per la squadra di calcio a guida Latini presidente tre salti di categoria, dai dilettanti alla C1, passando per la serie D, che, per chi li ha vissuti dal vivo, difficilmente saranno dimenticati.

La figura di Leopoldo Latini viene ricordata da tutti come un presidente alla mano, un padre per tutti, dai giocatori ai tifosi, e quei momenti di giubilo oggi vengono riportati alla luce e l’occasione è per un tributo meritato verso un personaggio che ha dato tantissimo al popolo sportivo leoncello.

Da qui lo striscione appeso nelle vicinanze del campo sportivo, in viale Verdi, che recita: “A Leopo’ te volemo be’”.

Lo stesso slogan dopo la vittoria di Cattolica 2-1 del 3 giugno 1984 che catapultò la Jesina in C1.

In giornata, tra i tanti ricordi, vogliamo riportare la testimonianza di Osvaldo Presti, uno dei massimi dirigenti dell’attuale settore giovanile della Jesina, all’epoca d’oro dei successi della Jesina dipendente della ditta ‘Latini Cucine’ e dirigente del largo Europa.

Presti scrive: “Vorrei anch’io dire due parole sul Presidente Latini, una persona eccezionale ed umana che ha fatto conoscere a Jesi ed a tutta la Vallesina il grande calcio ma che ha fatto tanto anche in altri sport: basket, ciclismo, rugby. Per me è stata una notizia devastante anche perché ho lavorato nella sua azienda ed è stato anche al mio matrimonio. Vorrei anche ricordare che aveva instaurato un contratto con le Società minori di Jesi e della Vallesina di allora per prelevare ogni anno un massimo di tre giovani calciatori per la cifra di 1 milione di lire a calciatore. All’epoca ero dirigente del Largo Europa che cedette alla Jesina un certo Luca Marchegiani e mi sembra che la scelta fu davvero importante. Riposa in pace grande Presidente”.

Ricordiamo che la salma di Latini è da oggi a disposizione di quanti lo vorranno, e lo sarà anche domani all’Obitorio del Carlo Urbani e successivamente alla casa del commiato Santarelli a Monsano.

Appena possibile la salma sarà cremata e poi tumulata al cimitero di Jesi dove riceverà l’ultima benedizione.

Evasio Santoni

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Advertisement

TI POTREBBE INTERESSARE…

More in Calcio