Connect with us

Calcio

Calcio / Prima Categoria, il racconto della 18^ giornata dei gironi B e C

La Filottranese e il Sassoferrato Genga continuano a correre, si ferma la Castelfrettese. Vittorie importanti per Borgo Minonna, Castelbellino, MonSerra e Appignanese, primo sorriso stagionale del Loreto

VALLESINA, 9 febbraio 2023 – Importanti colpi di classifica segnano la 18^ giornata dei gironi B e C di Prima Categoria per le squadre della Vallesina e dintorni. Nelle gare di sabato 4 febbraio, infatti, abbiamo assistito a match divertenti, alcuni giocati sul filo dell’equilibrio, altri con risultati indiscutibili.

Nel girone B, la Filottranese espugna Montemarciano al 89’ e mantiene la vetta della classifica, con il Sassoferrato Genga sempre a +1 grazie alla vittoria contro lo Staffolo. Scivola a -4 dalla vetta la Castelfrettese, al settimo pareggio in dieci gare contro l’ottima Labor, mentre Borgo Minonna, Castelbellino e l’outsider Chiaravalle si confermano in lotta per i play-off. Torna alla vittoria il MonSerra e finalmente arriva il primo successo in stagione per il Loreto.

Nel girone C, infine, la Cingolana SF crolla in casa contro la capolista Camerino e l’Appignanese si mantiene terza, trovando un importante 0-1 in trasferta contro il Sarnano. Andiamo a scoprire quello che è successo.

18^ giornata – Prima Categoria 

Girone C – Cingolana SF 0-3 Camerino – 14’ Fogli, 47’ e 64’ Montecchia 

La Cingolana SF va incontro alla terza sconfitta di fila. La squadra di Ballini, dopo i ko contro Appignanese e Sarnano, perde anche contro la nuova capolista Camerino, con netto 0-3 in favore dei biancorossi camerti.

Primo tempo

Gli ospiti sono passati in vantaggio al 14’: Duca quasi da fermo ci prova dalla distanza, Emiliani devia sul palo ma sulla ribattuta Fogli, lasciato tutto solo in area, insacca lo 0-1. La Cingolana prova a reagire subito, quando il nuovo arrivo Ruben Carboni, classe 1983 ex Porto Potenza, Osimana, Castelfidardo, Trodica, Tolentino e Filottranese, batte una punizione dalla destra e trova la testa di Agosto, la deviazione del bomber osimano trova i guanti di Palazzo.

I biancorossi di casa, dopo aver temuto lo 0-2 con un colpo avversario pericolo in area verso il 20’, si rifanno vedere al 40’, quando, in seguito ad una bella azione manovrata, Evangelisti tenta la conclusione da fuori area, il tiro debole è controllato da Palazzo. Qualche istante più tardi Duca in contropiede impegna Emiliani, sul capovolgimento di fronte la palla in profondità verso Agosto non arriva all’attaccante locale. Al 42’ ancora Duca ci prova dalla distanza, Emiliani è reattivo. Allo scadere, l’arbitro lascia giocare su un intervento discutibile al limite dell’area ai danni di Marchegiani, il quale non riesce a coordinarsi al meglio e non trova lo specchio. ll primo tempo termina così 0-1. 

Foto di Sasha Bratti

Secondo tempo

Nella ripresa, il Camerino trova subito il raddoppio e, proprio quando la Cingolana SF stava cercando l’1-2, infligge la definitiva stoccata. Siamo al 47’ quando Cottini vede il taglio di Montecchia tra le maglie della difesa: il numero 9 ospite dalla sinistra entra in area e trova la conclusione vincente sul primo palo di Emiliani, con i locali a protestare per un presunto fuorigioco dell’attaccante ospite, ma per l’arbitro è 0-2.

Al 51’ Duca parte in contropiede dalla sinistra e apre la difesa, in mezzo trova Montecchia tutto solo il quale, però, controlla la sfera e consente ad Emiliani di respingere il pallone lontano. I biancorossi si fanno vedere al 60’: Agosto da punizione trova la barriera e sulla respinta prova il tiro al volo, Palazzo salva in corner prolungando sopra la traversa la conclusione. Sugli sviluppi del calcio d’angolo, Agosto viene atterrato a terra, ma per il direttore di gara non ci sono gli estremi per il calcio di rigore.

Il tris vincente degli ospiti

A questo punto il Camerino trova il tris vincente. 64° minuto: Duca approfitta di una disattenzione della difesa, arriva davanti ad Emiliani, lo supera e appoggia dalla sinistra in mezzo verso Montecchia, per il quale è un gioco da ragazzi depositare in rete lo 0-3. I locali provano a reagire subito dopo con un tiro al volo di Marchegiani che finisce fuori, ma non hanno più la forza di trovare quanto meno il gol della bandiera.

I camerti hanno due occasioni per lo 0-4: prima con Lattanzi che non trova lo specchio, poi allo scadere su un contropiede non finalizzato da Aquilanti grazie all’uscita in anticipo di Emiliani. I locali, invece, non vanno oltre un colpo di testa di Moretti in area su cross di Vitali: troppo poco per impensierire Palazzo. Non è bastato ai cingolani il supporto incondizionato dalla Curva Pini, che ha incitato la squadra dal primo all’ultimo minuto.

Il Camerino vince a Cingoli e torna in testa al girone B di Prima Categoria, approfittando della sconfitta dell’Elpidiense Cascinare a Urbisaglia. Per la Cingolana SF, invece, arriva la terza sconfitta di fila, dopo i ko con Appignanese e Sarnano. I ragazzi di Ballini restano in zona play-out al quart’ultimo posto con 17 punti, con la sfida interna da recuperare contro il Caldarola in programma il 15 febbraio, dopo la trasferta di Porto Recanati.

Sarnano 0-1 Appignanese – 27’ Medei

Conferma il terzo posto l’Appignanese, alla quarta vittoria consecutiva. Alla squadra di Cicarè è bastata la rete di Nicola Medei poco prima della mezz’ora del primo tempo per superare un coriaceo Sarnano, reduce dall’exploit dello Spivach contro la Cingolana SF nel recupero del 1° febbraio.

Nicola Medei dell’Appignanese

La gara si è giocata alle 12.30 a causa dei funerali della giovane 19enne Caterina Piergentili, figlia maggiore del sindaco sarnanese Luca. Con questa vittoria, l’Appignanese si conferma al terzo posto con 38 punti, a -7 dal Camerino capolista.

Girone B – Real Cameranese 0-2 Chiaravalle – 43’ Lorenzini, 77’ Papadoupolos 

Passiamo al girone B. Il Chiaravalle continua a stupire e batte anche la Real Cameranese, ottenendo la seconda vittoria consecutiva e restando a -1 dalla zona play-off. I Grigioneri di Onorato hanno espugnato Camerano all’inglese con un gol per tempo.

Al 43’ Lorenzini di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo segna lo 0-1, mentre un rigore dell’ex Staffolo Marco Papadopoulos fissa il risultato sullo 0-2. La Real Cameranese di Pantalone aveva sfiorato il pari con una botta dalla lunga distanza di Defendi, non riuscendo ad evitare la decima sconfitta stagionale e quinta in casa. I rossoneri restano comunque tredicesimi con 20 punti, a -2 dalla salvezza diretta.

La graduatoria è cortissima – commenta, infatti, il club di casa -, nessun dramma, il discorso salvezza diretta è più aperto che mai! Rialziamo la testa ragazzi. I prossimi obiettivi sono chiari: recuperare i diversi giocatori acciaccati e preparare al meglio la trasferta di Collemarino. Sarà uno scontro salvezza fondamentale!”. “Diamo continuità ai risultati – rispondono da Chiaravalle -, ritrovando il successo anche in trasferta”.

Borgo Minonna 2-0 Villa Musone – 57’ Ferrante, 61’ Sassaroli 

Il Borgo Minonna ha ormai messo il turbo e trova il terzo successo in quattro giornate. La squadra di Luchetta, infatti, ha battuto 2-0 il Villa Musone con due reti nella ripresa nell’arco di quattro minuti, confermando la quarta posizione in classifica, a -3 dalla Castelfrettese sul podio.

Primo tempo

Gli jesini hanno gestito il match dall’inizio alla fine. Il primo tempo, terminato 0-0, ha visto due nitide occasioni dei locali, prima con Ferrante con un tiro a giro fuori finito a lato di poco e poi con la rete annullata sempre di Ferrante sul suo colpo di testa. Il Villa Musone di Agushi ha provato ad impensierire in contropiede Morresi con Ventresini e De Martino, senza successo.

Secondo tempo

I gol arrivano nel secondo tempo. Siamo al 57’ quando ancora Ferrante di testa beffa Cingolani con un’incornata vincente sugli sviluppi di un calcio d’angolo: questa volta la rete è valida, 1-0 per i locali. Passano quattro minuti ed ecco il raddoppio: ancora da corner Sassaroli arriva prima di tutti sul pallone e segna il 2-0, siglando la terza rete consecutiva in tre partite. Nei minuti finali può arrivare il tris con Ferrante a provare una magia dalla trequarti campo, Cingolani è attento a bloccare la sfera. Il forcing finale dei “villains” non dà frutti, con gli ospiti che non riescono a replicare le imprese casalinghe contro Filottranese e Staffolo.

Torna a vincere il Borgo! Una partita – spiegano gli jesini – mai scivolata di mano e gestita nel migliore dei modi per tutti i 90 minuti. E’ una vittoria importantissima per tenere alto il morale e le ambizioni per raggiungere l’obiettivo prefissato”. “Il Villa Musone – risponde il club giallonero – non riesce a strappare punti dall’insidiosa trasferta contro il Borgo Minonna. I villans, dopo un match giocato alla pari, cedono per 2-0 al cospetto di una squadra organizzata che ha saputo capitalizzare al massimo le occasioni create, sfruttando la propria fisicità come arma a proprio vantaggio. I giovani gialloblu non hanno demeritato, mostrando comunque dei progressi, che permetteranno loro di riuscire a invertire il trend esterno”.

L’azione del gol della Castelfrettese (foto di Riccardo Rocchetti)

Labor 1-1 Castelfrettese – 16’ Beta (C), 32’ Bassotti (L)

Anche la Labor ferma la Castelfrettese. I ragazzi di Tizzoni condannano i “Frogs” al terzo pareggio consecutivo, dopo quelli contro Montemarciano e Sampaolese: la banda di Bugari è ora a -4 dal primo posto, occupato dalla Filottranese. La compagine di Santa Maria Nuova non perde da sei partite ed è ancora imbattuta nel 2023, grazie a 4 vittorie e 2 pareggi.

Succede tutto nel primo tempo. Nei minuti iniziali i locali recriminano per un rigore negato su un tocco di mano presunto in area di Anconetani dopo un colpo di testa locale. Quindi gli ospiti trovano lo 0-1 al 16’: Paniconi si libera sulla sinistra e mette in area verso Parasecoli, Boria respinge la conclusione di testa sui piedi di Beta, che realizza la rete del vantaggio a porta spalancata.

Il pari arriva alla mezz’ora. la Labor è brava a approfittare di un errato disimpegno della Castelfrettese e Bassotti viene servito in contropiede, dribbla Sollitto e pareggia i conti con lo specchio spalancato.Nella ripresa, i locali sfiorano più volte il 2-1, in particolare con una traversa di Ortolani e con il tentativo di Bassotti parato da Sollitto. Nel finale, una precisa punizione di Beta sfiora l’incrocio dei pali. Per la squadra di Castelferretti, si tratta del settimo pareggio nelle ultime 10 giornate. La Labor, invece, scivola al settimo posto con 26 punti, a -3 dal quinto posto play-off.

Loreto 2-0 Castelleonese – 45’ + 2’ Piccini, 53’ Oviahon 

Al 18° tentativo, finalmente il Loreto riesce a strappare la prima vittoria in questo campionato. I ragazzi di Poggi battono la Castelleonese sotto l’ombra della Santa Casa con due gol a cavallo tra i due tempi, riuscendo a portarsi a -1 dal Colle 2006.

Primo tempo

Nel primo tempo le due compagini si sono affrontate a viso aperto. L’ospite Sebastianelli colpisce una traversa al 17’, mentre dall’altra parte Francoletti salva sulla conclusione di Oviahon. Al 38’ Colantuono fallisce l’1-0 a tu per tu con il portiere. Allo scaere del primo tempo, il Loreto guadagna un calcio di rigore per un fallo di mano dei pesaresi: dal dischetto Francoletti respinge il tiro di Piccini, ma sulla ribattuta l’ex Real Cameranese realizza l’1-0, che è anche il suo 150° gol in carriera nei campionati dilettantistici.

Le squadre schierate prima di Loreto-Castelleonese

Secondo tempo

Nella ripresa i lauretani trovano subito il raddoppio. Siamo al 53’ quando Oviahon entra in area, supera due difensori e segna il 2-0, battendo la saracinesca ospite. Mentre la Castelleonese prova a riaprire il match, Pigliacampo sciupa il tris, sfiorando il palo in contropiede. Nel finale Pedol salva sui tentativi di Zandri e Todari, mentre i locali gestiscono la prima vittoria del 2022-2023. Si conferma altalenante il rendimento della Castelleonese: dopo le due vittorie consecutive contro Borgo Minonna e Real Cameranese, sono arrivate 3 sconfitte e il pareggio contro il MonSerra.

Complimenti al Loreto – commenta mister Gasparoni della Castelleonese -, decisamente un’altra squadra in confronto all’andata. Non siamo scesi in campo, in modo particolare nella ripresa, non abbiamo reagito nemmeno al doppio svantaggio. Decisamente una giornata storta”. “Mi complimento con i ragazzi – risponde l’allenatore del Loreto, Poggi -. Da tanto cercavamo la vittoria, già nel turno precedente l’abbiamo sfiorata. La mia squadra ha meritato e i tre punti e, anche se la classifica ad oggi ci condanna, noi lotteremo fino alla fine, poi tireremo le somme. Crediamo fermamente nella salvezza e venderemo cara la pelle su ogni campo”.

Monserra 2-0 Colle 2006 – 37’ Puerini, 60’ Brega 

Dopo due giornate torna al successo il MonSerra, che con una marcatura per tempo risolve la pratica Colle 2006, al termine di una partita dominata dai ragazzi di Pietrelli.

Dopo gli ottimi interventi di Montuoso sui tentativi dei locali, al 37’ la punizione di Togni impatta sulla traversa, sulla respinta Puerini segna l’1-0. Quando mancano trenta minuti dalla fine, Castignani di testa fa sponda verso Brega, che controlla e realizza il definitivo raddoppio, con l’11° gol stagionale che lo conferma al secondo posto della classifica marcatori, dietro a Lorenzo Maccioni della Filottranese. Il MonSerra aggancia lo Staffolo all’ottavo posto con 25 punti, a -4 dal Castelbellino. Il Colle 2006, invece, resta penultimo a quota 7, ora solamente a +1 dal Loreto ultimo. In questo momento sia i dorici di Moschini che i lauretani sarebbero retrocessi in Seconda Categoria, dati gli 11 punti di distacco dalla terz’ultima Villa Musone.

È stata una partita – spiegano da Montecarotto e Serra dei Conti – dominata in lungo e in largo dai biancorossi, ma che fatica per trovare il gol del vantaggio. Testa ora a domenica prossima, quando faremo visita alla capolista Filottranese”.

Montemarciano 0-1 Filottranese – 89’ Paialunga 

Il commento del MonSerra ci dà lo spunto per parlare dell’importante vittoria proprio della Filottranese a Montemarciano per 0-1, con il gol in zona Cesarini di Paialunga. I ragazzi di Malavenda, grazie a questo successo, mantengono il +1 dal Sassoferrato Genga (che all’88’ era momentaneamente in vetta della classifica) e allungano a +4 dalla Castelfrettese.

Primo tempo

È stata una gara entusiasmante, giocata a viso aperto dalle due squadre. La prima a farsi vedere in avanti è la squadra di casa, con la conclusione di Giancamilli controllata da Palmieri. Dall’altra parte al 16’ Fabbrizzi blocca sul tiro di Grassi dal centro dell’area. Il portiere locale intuisce il diagonale di Massucci, mentre Lucci da punizione trova i guantoni della saracinesca ospite. Ancora Grassi al 40’ colpisce un palo su una ripartenza, poi allo scadere la sua parabola ad effetto si stampa a lato di poco fuori.

Il pre-gara di Montemarciano-Filottranese

Secondo tempo

Ad inizio del secondo tempo, i locali recriminano per un rigore non concesso su Silvestrini. Sul ribaltamento di fronte, Dignani colpisce una traversa. Al 68’ Giancamilli sfrutta il contropiede creato dai compagni e calcia in girata, Palmieri è provvidenziale con un salvataggio di piede. Poco dopo Gramazio ci prova al volo su una palla arrivata dalla sinistra, senza trovare lo specchio. Maccioni e Massucci non riescono a sorprendere Fabrizzi. Il match, nonostante le tante occasioni da rete create, sembra avviarsi verso lo 0-0, come da pronostico di mister Carletti.

Il gol vittoria

Mentre il Sassoferrato Genga assaporava il primato solitario, ecco il gol vittoria della capolista.Manca un minuto alla fine dei regolamentari e Maresca vede l’inserimento di Paialunga con un delizioso filtrante, il centrocampista non ci pensa due volte a calciare al volo di destro, gelando i  “Di Gregorio” di Montemarciano, fino a quel momento animato dai cori di entrambe le tifoserie.

Il “Monte” prova a trovare il pari alla disperata, ma non riesce ad evitare il ko. La squadra di Caccia resta comunque a -1 dalla salvezza diretta, con i play-off distanti 8 punti, alla vigilia della trasferta di Castelbellino. “Rimane l’amaro in bocca – spiegano da Montemarciano – per aver visto svanire un risultato positivo proprio allo scadere, dopo che i biancoazzurri erano riusciti a battere colpo su colpo la miglior formazione vista al Di Gregorio questa stagione”. “Nonostante il risultato – chiariscono da Filottrano – è indiscutibile il valore del Montemarciano, mentre per la Filottranese è una vittoria all’ultimo respiro che le concede il primato solitario in classifica, visto il pareggio della Castelfrettese”.

Sampaolese 0-1 Castelbellino – 6’ Monno 

Il Castelbellino di corto muso batte la Sampaolese nel derby della Vallesina e rimane in zona play-off (foto di copertina). Gli orange di Ricci, infatti, battono la squadra di Togni grazie al gol di Monno dopo pochi minuti. Gli ospiti si rialzano subito dalla sconfitta interna contro la Real Cameranese. Si tratta della seconda vittoria consecutiva in trasferta.

Si tratta di un exploit esterno meritato per gli arancioni, che hanno creato una grande mole di azioni da gol. La prima è stata subito concretizzata da Monno dopo appena 6 minuti. Bellardinelli ha resistito poi alle sortite ospiti negli 84 minuti restanti del match.

I biancorossi di casa, comunque, avevano sfiorato l’1-0 con Bediako, per poi mancare il pareggio con le occasioni del secondo tempo di Cocilova e Fioranelli. La Sampaolese resta fuori dalla zona play-out, a +1 dal Montemarciano, ma non vince da ben sei partite. “Si dovrà invertire la rotta – spiegano da San Paolo di Jesi – e trovare al più presto i tre punti per risalire la china. Un pochino di fortuna in più non sarebbe male, le qualità ci sono e le occasioni si creano. Abbiamo bisogno di una reazione”.

Sassoferrato Genga 3-0 Staffolo – 47’ Carboni su rigore, 81’ e 84’ Ricci 

Sembra inarrestabile la marcia del Sassoferrato Genga, che dopo i 6 gol del recupero contro il Colle ne infligge altri 3 ad un buon Staffolo, privo di capitan Massei e di Piersanti, squalificato. I ragazzi di Franceschelli avevano trovato addirittura la testa della classifica fino al 88’, prima del gol partita di Paialunga a Montemarciano per la Filottranese.

Primo tempo

A dispetto di quanto dica il risultato, nel primo tempo le due squadre si sono fronteggiate a viso aperto. Le occasioni più nitide arrivano dai piedi di Marco Sassaroli con alcuni contropiedi, controllati agevolmente dall’ex Buriani. Il Sassoferrato Genga è pericolo solo con un calcio di punizione di Cossa che si stampa sul fondo.

Secondo tempo

Ad inizio ripresa, i locali si portano in vantaggio grazie ad un calcio di rigore. L’anticipo di Pepe su Passeri viene giudicato falloso dal direttore di gara. Dal dischetto Carboni batte l’estremo difensore staffolano spiazzandolo.

Cossa e Passeri sfiorano il 2-0. Il primo tira dalla distanza trovando i guantoni di Pepe, e il secondo a non centra la porta sulla ribattuta della saracinesca ospite. Lo Staffolo di mister Pasquini non molla e risponde con il tandem Sassaroli-Tigano. L’ex Jesina serve due volte la punta, che prima vede pararsi il tiro da Buriani, poi non trova lo specchio di testa.

L’allungo decisivo

Carboni e Ricci (Sassoferrato Genga)

La legge del calcio, però, è spietata: gol mangiati, gol subiti. Ci pensa Ricci, infatti, a mettere in cassaforte i tre punti, che segna una doppietta in tre minuti. Al 81’ raccoglie il passaggio di Imperio e fa 2-0, mentre al 84’ finalizza “alla Giroud” una splendida azione corale creata da Carboni e Passeri. Con i 9 gol messi a segno in due giornate, inoltre, i sentinati hanno segnato 40 gol in stagione, arrivando a -2 reti dal primato dei biancorossi di Filottrano in questa classifica. Passeri (10) Carboni (10), Ricci (9) ed Emanuele Piermattei (6), tutti nella top ten dei marcatori del girone, insieme hanno segnato ben 35 reti sulle 40 in questa annata del SassoGenga.

I commenti post-partita

Il Sassoferrato Genga – commenta il club di casa – conquista tre punti importantissimi al cospetto di un ottimo Staffolo, che soprattutto nel primo tempo è bravo ad imbrigliare la manovra locale. La vittoria è legittima, grazie ad un gran secondo tempo”. “Il gol ad inizio ripresa – spiega il dirigente ospite Simone Capitanici ha tarpato le ali, con un calo mentale che ci è costato la partita. Anche se sull’1-0 abbiamo il forte sospetto che all’inizio dell’azione del rigore subito la palla fosse uscita dal campo. Il guardalinee non ha segnalato la rimessa laterale. Senza questo episodio, credo che sì, avremmo perso ugualmente, ma non con questo passivo”.

Particolarmente importante, infine, il gesto di Angelo Fuoco, che ha deciso, pur avendone titolo, di lasciare la fascia di capitano al cingolano Erik Piccinini, terzino classe 1998, per via della contemporanea assenza di Massei e Piersanti. “Ormai – commenta Capitani – sono passati cinque anni che sono allo Staffolo. Nei miei 17 anni da dirigente in giro tra Pianello, la Vallesina e nel settore giovanile della Jesina, mi sono passati diversi giocatori, giovani o meno giovani. Ma Erik Piccinini è un ragazzo di una serietà e di una bontà impagabile: un ragazzo d’oro. Se lo spogliatoio giallorosso e le sue gerarchie anno fatto questa scelta, è perché il ragazzo, con il sua carisma e la sua lealtà, è un pezzo molto importante della nostra realtà. Ma posso dire che Erik Piccinini, con le sue doti umane e di qualità da giocatore, un giorno potrà essere un capitano di una squadra di calcio”. 

I pronostici di mister Carletti – 18^ giornata 

Girone B – Borgo Minonna-Villa Musone – pronostico 1, risultato 1

Labor-Castelfrettese – pronostico 2, risultato X

Loreto-Castelleonese – pronostico X, risultato 1

MonSerra-Colle 2006 – pronostico 1, risultato 1

Montemarciano-Filottranese – pronostico X, risultato 2

Real Cameranese-Chiaravalle – pronostico 1, risultato 2

Sampaolese-Castelbellino – pronostico 2, risultato 2

Sassoferrato Genga-Staffolo – pronostico 1, risultato 1

Cingolana SF-Camerino – pronostico X, risultato 2

Sarnano-Appignanese – pronostico 2, risultato 2

Totale di giornata: 5/10 – Totale complessivo provvisorio: 56/113 

Classifiche e Marcatori 

Prima Categoria – Girone B

CLASSIFICAFilottranese 37, Sassoferrato Genga 36, Castelfrettese 33, Borgo Minonna 30, Castelbellino 29, Chiaravalle 28, Labor 26, Staffolo 25, Chiaravalle 25, MonSerra 25, Castelleonese 23, Sampaolese 22, Montemarciano 21, Real Cameranese 20, Villa Musone 18, Colle 2006 7, Loreto 6

MARCATORI15 gol: Maccioni (Filottranese); 11 gol: Brega (MonSerra); 10 gol: Passeri (Sassoferrato Genga) e Carboni (Sassoferrato Genga); 9 gol: Beta (Castelfrettese), Bassotti (Labor) e Ricci (Sassoferrato Genga); 8 gol: Massucci (Filottranese); 7 gol: Rocchi (Castelfrettese), Grassi (Filottranese), Vincioni (Labor) e Onuorah (Castelbellino); 6 gol: Cola (Real Cameranese), Corinaldesi (Castelbellino), Massei (Staffolo), Marchionne (Real Cameranese), Ledesma (Castelbellino), Giudici (Castelleonese) e Piermattei E. (Sassoferrato Genga)

Girone C

CLASSIFICACamerino 45, Elpidiense Cascinare 43, Appignanese 38, Settempeda 37, Folgore Castelraimondo 25, Urbis Salvia 24, PortoRecanati 23*, Caldarola 22*, Elfa Tolentino 22, Montemilone Pollenza 20, Vigor Montecosaro 19, Esanatoglia 18, Cingolana SF 17*, Montecosaro 13*, Cska Corridonia 11, Sarnano 10*

MARCATORI13 gol: Castellano (Elpidiense Cascinare); 9 gol: Storani (Elfa Tolentino) e Capenti (Settempeda); 8 gol: Tarquini e Mannucci (Appignanese).

Cingolana SF – 4 gol: Agosto; 3 gol: Zitti; 1 gol: Ciattaglia, Ippoliti, Mossotti, Tomassoni, Bufarini, Michele S., Fratoni, Santini.

Giacomo Grasselli 

©riproduzione riservata

image_pdfimage_print

Advertisement
Advertisement

More in Calcio

Segnala a Zazoom - Blog Directory