Tennis / “Città di Filottrano”, vincono Angelo Bianchi e Giorgia Vico. Brilla ancora la baby stella Federici

Il portacolori del TC Osimo ha battuto in una sofferta finale il 14enne terribile cingolano, tesserato con i padroni di casa del Tennis Club “Ottrano”. La fabrianese del TC Cerreto d’Esi ha vinto contro la chiaravallese Raffaella Bartozzi

FILOTTRANO, 16 luglio 2024 – L’osimano Angelo Bianchi e Giorgia Vico di Cerreto d’Esi vincono il Torneo “Città di Filottrano” del TC Ottrano di 4^ categoria. I portacolori dello Junior Tennis Osimo e del TC cerretano hanno vinto le rispettive finali contro il giovanissimo cingolano Cristian Federici e contro la chiaravallese Raffaella Bartozzi.

Per il Tennis Club filottranese del presidente e direttore tecnico Michele Giambartolomei c’è grande soddisfazione per la riuscita del torneo e per i piazzamenti per gli allievi della propria scuola tennistica.

Con la maglia celeste Angelo Bianchi

Il torneo maschile

Angelo Bianchi, dello Junior Tennis Osimo, si è aggiudicato il Torneo grazie alla vittoria per 7-6, 6-3 in finale contro Cristian Federici, dopo che in semifinale aveva battuto in tre set Gianmario Damiani del “Giuseppucci” di Macerata in rimonta (3-6, 6-2, 10-8). Ottimo anche il percorso del finalista, cingolano di soli 14 anni, allievo della scuola di Tennis filottranese e tesserato anche con il TC Cingoli. In semifinale, infatti, Federici ha battuto per 6-1, 6-4 l’osimano Paolo Falcetta. “Facciamo i complimenti al nostro Cristian – scrive il TC Ottrano – che è riuscito ad arrivare fino alla finale, partecipando al torneo con atleti molto più grandi ed esperti di lui”. Federici, allenato dal presidente e dt Giambartolomei, aveva già brillato lo scorso maggio per la vittoria del Torneo Under 16 Regionale (leggi qui).

A sinistra Cristian Federici

Il torneo femminile

Per quanto riguarda il torneo femminile, Giorgia Vico del TC Cerreto d’Esi ha vinto in finale contro la chiaravallese Raffaella Bartozzi del TC Chiaravalle in 6-3, 6-4. Vico era arrivata in finale grazie alla vittoria su Silva Rinaldini (TC Chiaravalle) per 7-6, 6-1, negando, dunque, il derby chiaravallese in finalissima. La Bartozzi, invece, ha vinto la semifinale contro Cristina Guerci (fabrianese) in tre set (6-4, 4-6, 10-7).

Giorgia Vico

Il Tennis Club Ottrano – scrive la società – ringrazia tutti i partecipanti. Un applauso anche a tutti gli allievi della scuola tennis che hanno partecipato al torneo, facendosi valere in campo e raggiungendo importanti miglioramenti”.

Raffaella Bartozzi

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Sport / Cingoli, restyling e manutenzione per il campo da tennis esterno di via Cerquatti e per il campetto polivalente di Villa Strada

I due interventi hanno visto una spesa complessiva di oltre 28 mila euro. Il sindaco Michele Vittori: “Quanto speso nello sport è di grande valore per la crescita sociale dei più giovani”

CINGOLI, 15 luglio 2024 – Il Comune di Cingoli rifà il look al campo da tennis esterno di via Cerquatti e al campetto polivalente della frazione di Villa Strada. Oggi, lunedì 15 luglio, infatti, il sindaco Michele Vittori sui social network ha annunciato la conclusione dei lavori di restyling e miglioramento dei due impianti sportivi, per un totale di quasi 29 mila euro di spesa più IVA.

Il campo sportivo polivalente di Villa Strada

A Villa Strada, in particolare, l’importo è stato più alto, di 19.800 euro più IVA, per la manutenzione straordinaria del campo polivalente, adibito principalmente al basket e alla pallavolo, in vista anche delle ormai imminenti Olimpiadi dei Bar della Polisportiva Victoria al 1° al 4 agosto. In pratica, è stata rifatta la pavimentazione ed è stato messo a punto un sistema laterale di regimentazione delle acque piovane.

Campo da tennis esterno di via Cerquatti a  Cingoli

Per il campo da tennis esterno di via Cerquatti gestito dal TC Cingoli, invece, si è speso 8.775 euro più IVA per la manutenzione della pavimentazione sportiva su una superfice di circa 675 metri quadrati.

Il sindaco di Cingoli, Michele Vittori

Prosegue – ha commentato il sindaco di Cingoli Michele Vittoril’opera di manutenzione e di miglioramento degli impianti sportivi del nostro Comune. Siamo convinti che quanto speso nello sport sia di grande valore per il fisico, per lo spirito e per la crescita sociale specie dei più giovani!”.

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Tennis / Fase Nazionale Over 50, buona la prima per il TC Cingoli: vittoria a Galatina per 0-2

In Puglia Giovagnoni ha battuto 6-1 6-3 Antonica, mentre Ottobri ha ribaltato Bray 1-6 6-2 6-3 grazie ai consigli di Pollonara: ora il prossimo turno contro lo Junior Tennis Milano il 26 maggio a Cingoli. Capitan Vittori: “Siamo i Davide della situazione in mezzo a tanti Golia. Siamo un bell’esempio per i nostri giovani e cerchiamo di fare una bella pubblicità alla nostra piccola realtà locale”

CINGOLI, 21 maggio 2024 – Inizia subito con il piede giusto l’avventura del Tennis Club Cingoli alla fase nazionale Over 50. Il poker Vittori-Ottobri-Giovagnoni-Pollonara campione regionale, infatti, ha sbaragliato la concorrenza del Circolo Tennis Galatina per 0-2, perdendo solo un set. Nei 5 disputati. Ora domenica prossima 26 maggio i cingolani affronteranno, negli impianti sportivi di Cingoli in via Cerquatti, il circolo Junior Tennis di Milano, vice-campione nazionale 2023: con una vittoria proseguirebbe il sogno tricolore made in “Balcone delle Marche”.

Il circolo di Galatina dove è nato Tsitsipas, numero 9 del mondo

Si tratta di una vittoria di assoluto prestigio quella in terra pugliese. Il prestigioso circolo leccese, infatti, ha fatto crescere e splendere l’astro nascente del tennis mondiale Stefanos Tsitsipas, ora 9° nel ranking ATP che è stato anche Top3 nel 2021. A Galatina il greco giocò dal 2014 al 2017, dai 16 ai 19 anni, contribuendo in maniera decisiva ad una storica qualificazione nel 2016 in Serie A2.Il ragazzo – spiegano dal TC Cingoli – viene ricordato dai soci come una persona solare e estremamente umile, dotata di grandissimo talento. In molti avevano già capito che sarebbe diventato uno dei tennisti più forti al mondo”.

Cingoli contro Galatina: le partite

Tornando al campionato Over50, il TC Cingoli ha schierato il top player Mauro Giovagnoni nella prima gara contro Luca Antonica, testa di serie dei leccesi, mentre Sergio Ottobri ha sfidato Paolo Bray. Giovagnoni, nel match d’apertura, ha giocato in maniera impeccabile ed eccellente, senza sbavature, chiudendo la pratica in 6-1 6-3.

Più sofferta, invece, la vittoria di Ottobri: il cingolano, abituato a giocare sulle superfici veloci, ha fatto fatica ad entrare in partita sul campo in terra rossa, ma poi ha recuperato e stravolto la sfida. Ha vinto in 1-6, 6-2, 6-3 grazie anche ai preziosi consigli del veterano David Pollonara. Game, set e incontro: Cingoli passa al turno successivo.

Da sinistra Mauro Vittori, Mauro Giovagnoni, David Pollonara e Sergio Ottbri

 

Il capitano Vittori: “Noi i Davide della situazione. Alla nostra età non è scontato fare queste lunghe trasferte: ci siamo assunti questo impegno, rispettando noi stessi e gli avversari perché rappresentiamo la nostra città”

“I salentini – commenta il capitano Mauro Vittori, che è anche vice-presidente del TC Cingoli – sicuramente non si aspettavano questo risultato. Nella fase nazionale, noi siamo i ‘Davide’ della situazione in mezzo a tanti ‘Golia’, di conseguenza ogni scontro sarà sempre più difficile”.

“Da ‘vecchietto’ – aggiunge -, inoltre, posso dire che siamo un bell’esempio per i nostri giovani. Alla nostra età non è così scontato fare trasferte così lunghe nel fine settimana, per giocare qualche partita e poi ritornare a casa. Al di là del risultato, partecipare a competizioni sportive come squadra però implica questo: assumere degli impegni, rispettando i propri compagni, gli avversari e tenendo sempre in mente che ovunque andiamo rappresentiamo la nostra città e il nostro circolo di appartenenza. Con sacrificio e dedizione cerchiamo sempre di fare una bella pubblicità al nostro Tennis club e di rappresentare nel miglior modo possibile la nostra piccola realtà locale. Speriamo, infatti, che sempre più giovani si avvicinino a questo bellissimo sport e si leghino ai valori del nostro club”.

Il prossimo turno: arrivano a Cingoli i vice-campioni del Circolo Junior Tennis Milano

Ora il prossimo turno, la sfida contro i vice-campioni nazionali del Circolo Junior Tennis di Milano. “Anche in questo caso – conclude il capitano Mauro Vittori – posso dire che partiremo sfavoriti, tuttavia la mia esperienza mi ha insegnato che in queste sfide decisive l’aspetto psicologico influisce il 60% sul risultato di una partita. Noi ce la giocheremo sempre con il nostro stile: vincendo un punto alla volta, un gioco alla volta, un set alla volta”. Cingoli-Milano: a voi due!

Si ringrazia Lorenzo Vittori e il Tennis Club Cingoli 

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Tennis / Il cingolano Cristian Federici vince il Torneo Under 16 di Tolentino

Il classe 2009 ha battuto il tolentinate Ercoli per 6-2, 6-4, la soddisfazione di papà Sergio: “Questa vittoria corona i nostri sacrifici”

CINGOLI, 2 maggio 2024 – Il giovanissimo cingolano Cristian Federici vince il Torneo Under 16 regionale di Tennis. Il classe 2009 del TC Cingoli, infatti, ieri mercoledì 1° maggio ha vinto la finale contro il coetaneo Alessandro Ercoli con i parziali di 6-4, 6-2, portandosi a casa la medaglia d’oro.

Chi è Cristian Federici 

Nato il 12 novembre 2009, Cristian è il figlio di Sergio, noto carrozziere originario di Apiro, e Anna Maria Paolucci, cingolana che è stata tra i titolari dell’ex supermercato di Largo Donatori del Sangue. Gioca a tennis da 7 anni e si allena 4 volte alla settimana, due volte al Tennis Club di Cingoli e due volte al Circolo di Filottrano, seguito dal maestro nazionale Michele Giambartolomei, osimano.

Due giorni a settimana – spiega papà Sergio Federici – Cristian si allena per un’ora e mezza, i restanti due per 2 ore e mezza, inclusa la preparazione atletica. Per conseguire ottimi risultati a scuola stringe i denti e spesso rinuncia a uscire con gli amici. Per noi genitori la vittoria di ieri è stata una grande soddisfazione che corona i nostri sacrifici”.

La vittoria di Tolentino

A Tolentino, nello specifico, Cristian ha effettuato un percorso netto.  In finale si è sbarazzato del paladino di casa Alessandro Ercoli in un match scintillante, come ce lo ha definito il padre. Ha vinto, infatti, con i parziali di 6-4 e 6-2 nei due set. E’ nata una stella a Cingoli? Lo sport cingolano ci spera, quel “Balcone delle Marche” che ha avuto nell’arbitro internazionale Carlo Alberto Carloni il suo massimo esponente.

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Jesi / Tennis mania, effetto Janik Sinner

Anche a Jesi e Vallesina crescono e aumentano le iscrizioni nelle scuole tennis. Non solo giovani: anche chi aveva riposto la racchetta in soffitta ha già pensato di impugnarla di nuovo

JESI, 23 febbraio 2024 – L’effetto Sinner è arrivato anche a Jesi e nelle scuole tennis della città e della Vallesina, da Moie a Chiaravalle, i successi del campione nazionale in Coppa Davis e poi agli Australian Open e a Rotterdam, ha già avuto un impatto importante in grado di coinvolgere nuovi appassionati.

I calcoli veri e propri si faranno asicuramente a Giugno al termine dell’anno scolastico con i nuovi corsi che verranno proposti ma già l’interesse e le richieste, anche e solo come curiosità, non sono mancate.

Ne abbiamo avuto testimonianza diretta e Massimiliano Albarella, responsabile del Centro Sportivo Mta in via Matteo Ricci a Jesi di recente ci aveva detto: “Penso che con il tempo avremo dei vantaggi ad avere un campione simile. Allo stato attuale si nota sicuramente che tutti parlano di Sinner ed adesso tocca ai Circoli sfruttare nel miglior modo possibile questa situazione”.

Sulla stessa lungheza d’onda anche Alessandro Carbonari maestro al Circolo Tennis del Circolo Cittadino di Jesi e la fame di tennis non riguarda solo chi si avvicina al tennis per la prima volta ma sta emergendo anche il fatto che molti appassionati dello sport che avevano, per un motivo o per un altro, dimenticato la racchetta in soffitta si stanno riproponendo sognando di essere Sinner magari per una partita contro gli amici.

Insomma il campione trentino è diventato il simbolo del movimento ed i ragazzini che chiedono le iscrizioni ai circoli tennis lo fanno perchè vedono in lui l’esempio giusto e positivo. Anche i genitori approvano questo stato di cose, spingendo, qualora ce ne fosse bisogno, i propri figli a calpestare i campi in terra rossa che nella Vallesina e dintorni ce ne sono ed anche con la presenza di istruttori qualificati e competenti.

Evasio Santoni

©riproduzione riservata




Jesi / “Doppia Carriera Atleta-Studente – Un binomio di successo”, il convegno del Rotary Club Federico II a Palazzo Bisaccioni

Lunedì 26 febbraio il convegno rivolto agli studenti del Liceo Scientifico e alle 14.30 per la cittadinanza, relatori le atlete Lenardon e Pantaleo e lo psicologo della FederTennis Brandi 

JESI, 19 febbraio 2024 – I campioni dello sport locale incontrano gli studenti e la cittadinanza di Jesi per parlare di doppie carriere sport-lavoro. Lunedì prossimo 26 febbraio, infatti, il Rotary Club Federico II, in collaborazione con il Club Panathlon jesino, propone a Palazzo Bisaccioni il convegno dal titolo “Doppia Carriera Atleta-Studente – Un binomio di successo”.

I relatori saranno l’avvocato Cristina Lenardon, pallamanista ex Nazionale italiana, la laureata in giurisprudenza Elena Pantaleo, campionessa di Kick Boxing, e il dottor Marco Brandi, psicologo clinico e preparatore mentale della FederTennis.

Il programma del convegno

In mattinata il convegno sarà proposto agli studenti del Liceo Scientifico di Jesi, quindi alle 14.30 si ripeterà a Palazzo Bisaccioni per tutta la cittadinanza. La conferenza è stata pensata per un pubblico di studenti-atleti e mira ad illustrare i benefici psico-fisici connessi al perseguire gli studi contemporaneamente alla pratica sportiva. Verranno quindi illustrati i programmi di doppia carriera previsti nelle università italiane.

Dopo gli interventi della presidente del Rotary Federico II Roberta Carotti, del presidente del Club Panathlon di Jesi Andrea Moriconi e del Governatore Area 5 Emilia-Romagna Marche del Panathlon International Francesco Franceschetti, la parola passerà ai tre relatori.

Le due relatrici sportive Lenardon e Pantaleo

Cristina Lenardon, cingolana residente a Chiaravalle, è un avvocato del Foro di Ancona, ma è tutt’ora una giocatrice e allenatrice di pallamano nella Publiesse Chiaravalle. Ha giocato in Serie A con Ariosto Ferrara, Vigasio e Cingoli ed è stata nazionale sia di handball che di beach handball. Ha fatto parte, in particolare, del programma FIGH Futura Roma in vista delle Olimpiadi di Rio 2016, vestendo la fascia di capitano.

Cristina Lenardon

Da sempre impiegata a difesa dei diritti degli atleti, ha ricoperto vari ruoli in ambito di dirigenza sportiva tra cui quello di Consigliere federale della FIGH e attualmente quello di componente della Commissione Nazionale Atleti del Coni. Dopo la laurea in giurisprudenza, ha conseguito il master in “Diritto e Management dello Sport”.

Elena Pantaleo, palermitana, è impegnata presso la Corte di Cassazione (nell’Ufficio del Processo) e anch’essa fa parte della Commissione Nazionale Atleti del Coni. Attiva nel KickBoxing, è stata campionessa italiana per 11 volte, con 3 titoli mondiali e 5 europei. Oltre alla laurea in giurisprudenza, possiede un master in “Geopolitica”. Fa parte anche del dipartimento sport del Partito Democratico ed è progettista europea a Palermo.

Elena Pantaleo

Il relatore Brandi dietro ai successi della FederTennis

Il dottor Marco Brandi, infine, è fermano ed è preparatore mentale della FederTennis, e opera come psicologo clinico e dello Sport. Collabora con numerose società sportive ed atleti del territorio marchigiano, occupandosi in particolare della formazione e della preparazione mentale.

Marco Brandi

Il convegno, organizzato dal Rotary Club Federico II con la collaborazione del Club Panathlon leoncello, è patrocinato dal Comune di Jesi, con il sostegno del Comitato regionale del Coni, della BCC di Ostra Vetere e della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi.

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Amarcord / Via la racchetta, sulle braccia una chitarra: John McEnroe a Senigallia

Nel 1994, 30 anni fa, uno dei più grandi tennisti della storia per la prima e unica volta in città ma non per giocare, bensì per cantare (così così) e suonare i classici del rock

SENIGALLIA, 18 Gennaio 2024 – “John McEnroe è in Italia, ma non per imbracciare una racchetta, bensì una chitarra. Poca voce ma tanta passione.

SuperMac per il tennis è perso per sempre?”.

E’ il 1994, estate di 30 anni fa.

Uno dei più grandi campioni della storia del tennis, esempio di genio e sgregolatezza come pochi, è in Italia, ma non per giocare, bensì per fare concerti.

Trentacinquenne, McEnroe non si è ancora completamente ritirato ma il tennis ormai non è più la sua attività principale da quando un paio di anni prima ha vinto la sua quinta e ultima Coppa Davis: inevitabile la curiosità di tanti nel vedere il campionissimo statunitense – vincitore di 17 titoli del Grande Slam e 5 Coppa Davis – al centro dell’attenzione stavolta non di uno stadio ma di un palco.

E, incredbilmente, McEnroe arriva anche a Senigallia: la Spiaggia di Velluto per anni, tra i 60′ e i 70′, ha ospitato un importante torneo internazionale, dove hanno giocato e vinto tra gli altri Nicola Pietrangeli, Ion Tiriac, Ilie Nastase e Adriano Panatta.

E Sergio Palmieri, che di McEnroe è manager.

Il capitolo di Senigallia, in una ideale storia del tennis, non è irrilevante grazie a quel Trofeo D’Argento che per anni fa straboccare di pubblico i gloriosi campi da tennis del Ponterosso ma SuperMac nelle Marche per giocare non si è mai visto.

E invece tra la sorpresa generale SuperMac, nel pieno dell’estate, arriva proprio a Senigallia: stavolta però palline gialle e terra rossa nulla c’entrano, mentre la stampa si chiede tra l’incuriosito e il perplesso:

“non si sa davvero cosa gli sia passato per la testa.

Lui, uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi, abituato a folle osannanti, in giro per l’Italia in piccoli locali con la sua band, la Mac, chiedendo di essere giudicato per quello che fa sul palco oggi, non per quello che faceva ieri a Wimbledon.

No tennis tonight, only music, le sue parole mentre sale sui piccoli palchi di periferia”.

Chissa se è genuina passione, o lo sfizio di un miliardario annoiato, fatto sta che il grande John si presenta al giardino del Bravo, luogo ormai perso nella memoria degli stessi senigalliesi, dopo aver suonato a Riccione, Santa Margherita Ligure, Firenze e Forte dei Marmi.

Ad accoglierlo “di gente ubriacata di mitologia ce ne è tanta. Prima del concerto, quando si è sparsa la voce che stava provando in una saletta di Palazzo Augusti che ospita la rassegna del Bravo una folla di fans si è radunata dietro la porta, assolutamente invalicabile”, scrive la stampa (nelle foto il Corriere Adriatico di allora con gli articoli di Roberto Paradisi e Gianluca Fenucci).

Gli appassionati, di tennis, più che di musica, lo amano, ma non sembrano concedergli troppa fiducia nella nuova veste, anche per qualche stonatura di cui non si può proprio fare finta di non accorgersi.

Jeans e camicia a quadri, richieste da star consumata quale tenere lontani i giornalisti come quando sui campi da tennis in mondovisione scandalizzava i puristi prendendosela platealmente con giudici, avversari e pubblico, con quel suo stile un po’ scontroso e imprevedibile, non di rado irascibile ed ingestibile, John compare davvero in una lontana estate senigalliese.

Ma McEnroe resta SuperMac, e tanto basta, dentro il campo da tennis o su un palco: sono sufficienti un paio di cover di Jimi Hendrix, di Chuck Berry (che curiosamente, molti anni dopo, in una sua rarissima visita in Italia, sarà davvero in concerto a Senigallia, ospite del Summer Jamboree) e di altri miti del rock – come Kurt Cobain, morto pochi mesi prima – lui che mito lo è non di meno, anche se in tutt’altro campo, per strappare applausi convinti.

La carriera musicale di The Genius, altro appellativo che ben contraddistingueva il campione del Queen’s di New York, figlio di un militare di origine irlandese, dopo quel concerto senigalliese non prese mai il volo, come prevedibile, rimanendo quello che era fin dall’inizio, una passione.

Ma pure il tennis giocato non tornò che saltuariamente al centro degli interessi del campione, con la partecipazione nel doppio misto in coppia con Steffi Graf a Wimbledon nel 1999, ormai quarantenne, e soprattutto con la clamorosa vittoria a San Josè nel 2006, a 47 anni, ancora in doppio, stavolta con lo svedese Bjorkman: il torneo numero 79 vinto in carriera che vale il record di quattro decenni consecutivi con almeno un torneo nel palmares per il campione a stelle e strisce.

Poi McEnroe sarà soprattutto allenatore di giocatori e capitano di Coppa Davis, nonché apprezzato commentatore, diretto come quando giocava, ma finalmente più rasserenato e ironico.

La sua autobiografia di qualche anno fa diventa presto un bestseller, mentre uno splendido film racconterà la sua epica rivalità con Bjorn Borg culminata nella “miglior partita della storia” – uno dei momenti più iconici della storia dello sport – a Wimbledon 1980.

Tutto questo, però, in quella serata di agosto 1994 a Senigallia, è ancora lontano.

Per i senigalliesi che accorrono curiosi a Palazzo Augusti, John McEnroe è ancora l’eroe del tennis che prova a incendiare il pubblico non con la solita racchetta ma con una chitarra suonata con competenza, ma in maniera un po’ scolastica.

Ma in fondo va bene lo stesso, perché da una racchetta Dunlop a una chitarra Gibson il mancino di John McEnroe, SuperMac, The Genius, nell’immaginazione di chi assiste suscita la stessa magia, allora come oggi, nel ricordo di chi c’era.

©riproduzione riservata

 




Tennis / “I campi delle Saline di Senigallia sono fatiscenti”

Unione Civici Marche: “degrado più assoluto, mai visto prima, di quello che era un fiore all’occhiello”

SENIGALLIA, 16 Gennaio 2024 – Durissimo attacco di Unione Civici Marche per la situazione di degrado ai campi da tennis delle Saline, dove ha ceduto la copertura.

“L’immagine del cedimento definitivo dei campi coperti di tennis del centro Saline e del fatiscente abbandono di quello che anni fa era il più rinomato centro tennistico cittadino è la fotografia più espressiva della parabola delle politiche messe in atto dall’assessorato allo sport – sottolinea Unione Civici Marche con Roberto Paradisi e Maurizio MugianesiUn degrado mai visto prima e che conferma le fortissime criticità, in termini di mancanza di iniziative, superficialità, disinteressamento e doppiopesismo politico messo in campo dal responsabile delle politiche sportive, che evidentemente non fa controlli dove dovrebbe e non garantisce l’interesse pubblico alla riqualificazione e al decoro di uno strategico impianto pubblico. Politiche che, purtroppo, violano il patto tra gli elettori e la compagine di centro destra che ben altro aveva scritto nel proprio programma”. 

“La società che gestisce il centro sportivo delle Saline, società di cui la Uisp è anima e motore, doveva realizzare, nell’ambito del progetto di finanza approvato, una serie di lavori (iniziando fin dal 2020, termine poi prorogato all’infinito) per circa 930 mila euro, comprensivi di sicurezza sui lavori e iva – sottolinea ancora Unione Civici – Si trattava di lavori di rifacimento dei campi da tennis, rifacimento delle coperture, manutenzione del verde, corpo spogliatoio, illuminazione, impianti …. , oneri strettamente connessi al progetto di finanza e al percepimento da parte dei gestori del ricchissimo compenso contrattuale. 

Non solo non è stato fatto nulla ma la struttura, una volta fiore all’occhiello di Senigallia, è stata lasciata nel degrado più assoluto (venendo anche meno a molti oneri manutentivi ordinari) fino allo sconcio dei giorni nostri. 

Eppure risulta che la società che gestisce il centro (che ha decuplicato le tariffe senza che l’assessorato allo sport abbia messo in campo le iniziative tese al calmieramento delle stesse, iniziative previste dallo stesso contratto all’art. 5.2) continui a percepire il compenso annuo per la gestione pari alla cospicua somma di 262 mila oltre iva. I lavori erano (e sono essenziali) nella previsione del progetto di finanza alla doverosa riqualificazione di tutto il centro sportivo. 

Un atteggiamento di “comprensione” oltre ogni limite e di sostegno acritico che stride di fronte alle penalizzazioni e al trattamento riservato alle altre società sportive senza santi in Paradiso, vessate da ormai tre anni. Così le coperture delle Saline cedono in un quadro di oggettivo e desolante degrado, le aree sportive vengono dismesse, i patti violati (i campi da tennis dovevano restare aperti fin dal 2022 tutto l’inverno!), i lavori di riqualificazione dimenticati…  senza che nemmeno l’assessorato invochi la risoluzione del contratto per inadempimento del concessionario (prevista dall’art. 25 del contratto firmato nell’ottobre del 2021). 

Perché? E’ il momento di andare a fondo”. 

©riproduzione riservata




Tennis / Un racconto racconta la Coppa Davis del 1976 vinta dall’Italia

Nel libro “Storie di Natale 2023”, rivive grazie a Marco Severini l’epica sfida di Santiago.
Fazio Fabini parla dell’emozione del calcio amatoriale, ma nel volume c’è pure tanto altro: presentazione a Senigallia il 23 dicembre

SENIGALLIA, 22 Dicembre 2023 – Si parla anche di sport sabato 23 dicembre a Senigallia nella prima presentazione pubblica di “Storie di Natale 2023”, alle ore 18 alla Piccola Fenice.

Il libro è un appuntamento fisso dell’Associazione di Storia Contemporanea da anni e ancora una volta il ricavato delle vendite del volume, che proprio sabato esce per la prima volta nella sua nuova edizione, andrà a famiglie bisognose della città.

Il testo contiene i racconti di 16 autori (Loredana Bruni, Sara Carbone, Roberto Cresti, Monica Diambra, Fazio Fabini, Roberto Ferretti, Rita Forlini, Simona Guerra, Raffaella Inglese, Roberto Mancini, Andrea Pongetti, Vincenzo Prediletto, Lidia Pupilli, Vanessa Sabbatini, Marco Severini, Sara Staffolani).

Nel racconto «Partite incrociate» Marco Severini racconta la leggendaria Coppa Davis vinta dall’Italia in Cile 1976, con protagonisti che era facile allora incrociare al circolo tennis del Ponterosso, dove si svolgeva un importante torneo.

Infatti, proprio al Ponterosso, il capitano di Santiago, Nicola Pietrangeli, affrontò in una delle prime volte il suo erede Adriano Panatta, che fu il principale protagonista in campo a Santiago, e non è azzardato dire che anche a Senigallia la rivalità tra i due, che a distanza di anni resiste ancora oggi, cominciò ad accendersi.

Panatta vinse proprio a Senigallia, nel 1971, il suo primo torneo Atp in carriera.

Nel libro anche il racconto di Fazio Fabini sul calcio amatoriale, tra la tragedia di Superga del Grande Torino nel 1949 e splendori, errori ed orrori (sportivi, ovviamente) del calcio di provincia, fatto di passione e dilettantismo puro.

Tanta Senigallia negli altri racconti: si segnalano quello di Simona Guerra e Vanessa Sabbatini, dedicato a Maria Spes Bartoli, fotografa senigalliese recentemente riscoperta e quello di Andrea Pongetti, giornalista di Vallesina Tv, che narra la storia del Mamamia, dall’apertura del 1997 ad oggi, ricordando tutti i più importanti artisti e concerti che si sono svolti nel locale icona del rock del centro Italia.

©riproduzione riservata




Jesi / Tennis, Michele Mecarelli vince in Marocco ed entra per la prima volta nella Top 900

Il successo dopo aver superato in semifinale la testa di serie numero uno Bouyacoub e battuto in finale per 4-6 6-1 6-4 il giocatore di casa Missoum

JESI, 26 novembre 2023 – Michele Mecarelli vince in Marocco il torneo Under 18.

Nelle stesse ore dove i campioni nazionali Sinner, Arnaldi, Musetti e Sonego, guidati dal capitano non giocatore Filippo Volandri, conquistavano in Spagna la finale di Coppa Davis in programma domani il giovane 16enne jesino batteva in finale il padrone di casa Missoum per 4-6 6-1 6-4.

Il tennista jesino, dopo la performance della settimana scorsa in California, dove con la nazionale italiana alla Ic Rod Laver Junior Challenge aveva conquistato l’argento dietro l’India, ha superato in semifinale la testa di serie numero uno Bouyacoub.

Con questa affermazione Mecarelli sarà best ranking entrando per la prima volta nella Top 900.

©riproduzione riservata




Jesi / Tennis, l’Italia chiude al secondo posto: Michele Mecarelli protagonista

In California la nazionale italiana alla Ic Rod Laver Junior Challenge chiude dietro l’India che ha vinto tutte le partite

JESI, 12 novembre 2023 – Grande successo della formazione dell’Italia di tennis alla Ic Rod Laver Junior Challenge che si è svolta a San Diego in California.

Michele Mecarelli

L’Italia ha chiuso al secondo posto dietro all’India che ha vinto tutte le partite, terza la Gran Bretagna.

Gli ultimi due incontri per gli azzurrini sono stati i successi sulla Gran Bretagna 4-2 e sul Sudafrica 6-0.

Tra i protagonisti in campo lo jesino Michele Mecarelli.

La Nazionale guidata da Luca Ronzoni non ha avuto alcun problema contro i sudafricani, vincendo tutte le partite in due rapidi set, ad eccezione del doppio maschile in cui Lorenzo Angelini e Michele Mecarelli hanno avuto bisogno del super tie-break per imporsi e del doppio femminile che ha visto Ilary Pistola (giocatrice del tennis club di Montemarciano) e Ylenia Zocco imporsi per ritiro delle avversarie. Nella gara del singolare Mecarelli ha vinto 6-3, 6-2 contro Ngwenya.

I risultati complessivi degli italiani, nella settimana americana sono stati: Italia contro Usa 4-2, Argentina contro Italia 2-4, India contro Italia 4-2, Gran Bretagna contro Italia 2-4, Sudafrica contro Italia 0-6.

©riproduzione riservata




Tennis / L’Italia batte Usa e Argentina alla Junior Challenge Rod Laver in California

In squadra lo jesino Michele Mecarelli protagonista in positivo per i successi fin qui ottenuti dal team azzurro. Oggi in campo contro l’India. In evidenza anche l’altra marchigiana Ilary Pistola 

JESI, 9 novembre 2023 – Prosegue nel migliore dei modi l’esperienza azzurra di Michele Mecarelli, e di pari passo quella della nazionale Italiana, impegnato nelle finali della IC Rod Laver Junior Challenge Finals che si stanno svolgendo a La Jolla (foto primo piano) nella contea di San Diego, in California (Stati Uniti).

L’Italia con Michele Mecarelli primo a sinistra e Ilary Pistola prima da destra

La formazione azzurra capitanata da Luca Ronzoni e composta da Lorenzo Angelini, Michele Mecarelli, Ilary Pistola (club tennis Montemarciano) e Ylenia Zocco ha vinto alla prima uscita contro la squadra di casa degli Usa per 4-2, bissando risultato e punteggio contro l’Argentina.

Nella seconda uscita Mecarelli, Angelini e Pistola hanno vinto i rispettivi singolari (in particolare lo jesino ha battuto Ramiro Toninelli 6-2 6-4). L’altro punto è arrivato nel doppio femminile composto da Pistola/Zocco mentre Mecarelli in coppia con Angelini ha perso la sua sessione di doppio.

Oggi l’Italia di nuovo in campo contro l’India e poi a seguire nei prossimi giorni contro la Gran Bretagna ed il Sudafrica.

Il format dell’IC Rod Laver Junior Challenge prevede che ogni squadra sia composta da 2 ragazzi e 2 ragazze under 16 e le gare comprendono 2 singolari maschili, 2 singolari femminili, un doppio maschile e un doppio femminile. In caso di parità viene disputato un doppio misto. L’Italia si è qualificata per le finali che si disputeranno dal 6 all’11 di novembre negli Stati Uniti, perché lo scorso anno ha vinto l’European Regional Challenge che si è giocato in Lussemburgo battendo Gran Bretagna, Ungheria, Slovenia, Lussemburgo 1 e Lussemburgo 2.

©riproduzione riservata




Jesi / Tennis, Michele Mecarelli negli Usa a rappresentare l’Italia alla Rod Laver Junior Challenge

Oltre allo jesino che si allena al club tennis Ancona anche Ilary Pistola del club tennis Montemarciano. Gli azzurri, under 16, gareggeranno in California a novembre

JESI, 8 ottobre 2023Michele Mecarelli, jesino doc, iscritto al club tennis Ancona è stato convocato in azzurro per partecipare alla IC Rod Laver Junior Challenge. Con lui altre tre giovani promesse tra le quali Ilary Pistola del club tennis Montemarciano.

La manifestazione nata nel 2005 prende il nome da Rod Laver un’ icona del tennis.

Il format del torneo prevede che ogni squadra sia composta da 2 ragazzi e 2 ragazze under 16 e le gare comprendono 2 singolari maschili, 2 singolari femminili, un doppio maschile e un doppio femminile.

In un anno solare si disputa un evento, detto “Regional Challenge”, in ciascuno dei cinque continenti e i vincitori dei rispettivi eventi accedono alle finali mondiali dell’anno successivo, insieme al paese ospitante. L’Italia si è qualificata per le finali che si disputeranno dal 6 all’11 di novembre negli Stati Uniti, perché lo scorso anno ha vinto l’European Regional Challenge che si è giocato in Lussemburgo con la squadra composta da Lorenzo Carboni, Lorenzo Angelini, Vittoria Paganetti e Alessandra Teodosescu, capitanati dal coach Luca Ronzoni.

Quest’anno il Team Italy che a novembre partirà per gli Stati Uniti direzione La Jolla, in California,  è composto da: Michele Mecarelli, Lorenzo Angelini, Ilary Pistola e Ylenia Zocco sempre capitanati da Luca Ronzoni.

Mecarelli da noi raggiunto ci ha dichiarato: “sono molto soddisfatto di questa chiamata, felice e contento perchè questa convocazione mi ha fatto capire che il lavoro fatto ha dato i suoi frutti”.

©riproduzione riservata




Tennis / Il Sena Senigallia under 16 alla fase nazionale

Due belle vittorie in quella di macro-area con Sciahbasi-Dionigi

SENIGALLIA,  20 Settembre – Il Sena Tennis vince il tabellone macroarea Centro-Nord (nazionale) under 16 ed accede all’ultima fase nazionale.

Risultato storico per il club che dopo aver vinto il campionato regionale U16 lo scorso giugno, con la coppia Sciahbasi-Dionigi mette il punto esclamativo anche nella fase macroarea Centro-Nord (nazionale) giocata al C.T. Osimo in una competizione che ha visto altre tre squadre antagoniste (lo Sporting Carpi ‘’A’’, il C.T. Pontedera e lo Junior Tennis Perugia S.S.D. ‘’A’’).

La prima partita della squadra senigalliese, giocata sabato 16 settembre contro lo Sporting Carpi ‘’A’’, ha visto le vittorie di Matteo Sciahbasi (categoria 2.3) contro Gianmarco De Pietri (3.1) per 6-2 6-1 e di Edoardo Dionigi (2.8) che ha portato a casa lo scalpo di Alessandro Venuta (3.1) con lo score di 7-5 7-5. 2-0 netto per la compagine di Senigallia che aveva così ottenuto l’accesso al match decisivo.

E domenica 17 settembre il Sena Tennis sconfiggendo il C.T. Pontedera sempre con il punteggio 2-0, grazie alle vittorie di Matteo Sciahbasi contro Duccio Caciolli (2.6) con il risultato di 6-3 5-7 6-2, ed Edoardo Dionigi che dopo aver lottato nel primo, vince agevolmente il secondo, 7-6 6-0 contro Alberto Schold (2.8), ha così vinto la competizione. 

Non può che essere soddisfatto il capitano della squadra Matteo Gabbianelli, non solo per il risultato ottenuto ma anche per i suoi giovani che hanno dato il massimo in campo mettendo in mostra un tennis solido pur con qualche acciacco fisico.

Il prossimo appuntamento sarà l’ultima fase nazionale, che prevede la partecipazione di tutte le rispettive squadre vincitrici del proprio torneo di area, dal 22 al 24 settembre a Vigevano (PV) presso il Selva Alta Sporting Club.

©riproduzione riservata




Tennis / Michele Mecarelli campione regionale

In finale, sui campi del Ct Ancona, si è imposto su Leonardo Primucci mentre in campo femminile a vincere il titolo marchigiano è stata Francesca Tassi

VALLESINA, 19 settembre 2023 – Michele Mecarelli classe 2007, del Circolo tennis Ancona, nato e cresciuto tennisticamente parlando al tennis club Circolo Cittadino Jesi, è il nuovo campione regionale Marche.

Il titolo conquistato sui campi del Circolo Tennis Ancona nel week end scorso alla presenza di tutti i massimi esponenti del tennis marchigiano.

Nella stessa giornata Francesca Tassi del Baratoff Pesaro, ma che si allena a Jesi, ha conquistato il titolo femminile.

Mecarelli, che risiede da sempre a Jesi, di recente a Milano aveva vinto il prestigioso torneo ‘Avvenire’, in finale si è imposto per 7-5, 7-6 su Leonardo Primucci.  Gara, che come dice il punteggio, è stata combattuta ed anche tecnicamente di livello.

Francesca Tassi, invece, ha battuto in finale Aurora Curzi per 7-5, 6-1.

Il tennista ha così commentato il successo ed in particolare la finale:è stata una partita molto difficile e ho dovuto sudare la vittoria fino all’ultimo punto, sono molto soddisfatto del risultato raggiunto e ringrazio i maestri che lavorano con me ogni giorno”.

©riproduzione riservata




Tennis / Nicola Pietrangeli: “quando a Senigallia aiutavo Ion Tiriac a forza di morsi ai bicchieri…”

Il grande campione azzurro, 90 anni appena compiuti, ricorda il mitico torneo del Ponterosso e le goliardate di allora.
Oggi solo silenzio e degrado in quei campi, finalmente in procinto di rinascere

SENIGALLIA,  6 Settembre – Il torneo non c’è più da ben 50 anni, i leggendari campi da tennis da una decina anche se il declino era iniziato diverso tempo prima, col passaggio dalla terra rossa al veloce, ma il ricordo del circolo tennis del Ponterosso – sul lungomare di Senigallia, a due passi dalla Rotonda – che negli anni Sessanta e Settanta ospitava uno dei più importanti tornei professionistici europei, è ancora vivo nel cuore degli appassionati.

E in quello di chi quel torneo giocava.

Come il grande Nicola Pietrangeli, che, intervistato nei giorni scorsi dal Corriere della Sera per i suoi 90 anni, ha ricordato proprio una edizione del torneo senigalliese, andando oltre l’aspetto puramente sportivo per entrare in quello goliardico-mondano: nella Senigallia degli anni Sessanta-Settanta, invasa da turisti e turiste straniere, il torneo era infatti anche questo, un modo per attirare interesse mediatico e presenze, richiamate dai grandi nomi che imbracciavano la racchetta sui campi in terra rossa – su tutti il “vecchio” Pietrangeli e il giovane Panatta – eroi di un’epoca in cui i campioni dello sport erano decisamente più naif e avvicinabili dalla gente comune.

E’ proprio Pietrangeli a testimoniarlo al Corriere della Sera: 

“al torneo di Senigallia avevo incontrato il tennista Ion Tiriac, un ragazzo intelligentissimo, che parlava sette lingue ma non aveva una lira – dichiara Pietrangeli – Così organizzai un giro di scommesse. Il mio amico rumeno mangerà un bicchiere! – garantiva il campione azzurro vincitore due volte del Roland Garros a Parigi – Tiriac in realtà non li mangiava, ma li spezzava a morsi. A quel punto io gridavo: Ion ha vinto la scommessa!!! Ora è diventato il secondo uomo più ricco della Romania”.

Sempre oggi, però, in un triste contrappasso, il torneo Senigallia Open-Trofeo d’Argento Città di Senigallia invece è giunto a mezzo secolo senza edizioni dopo l’ultima del 1973.

Pietrangeli, che vinse la prima edizione del 1965, ha 90 anni ma continua a rilasciare interviste nostalgiche su quel periodo d’oro; Panatta, che si aggiudicò quella del 1971, suo primo torneo vinto in carriera, ne ha 73 e nelle stesse interviste spesso si trova a replicare allo stesso Pietrangeli, con il quale la rivalità si accese proprio negli anni Settanta sulla Spiaggia di Velluto: allora erano il passato e il futuro del tennis azzurro, uno di fronte all’altro, proprio sui campi del Ponterosso.

Tiriac, dopo essere diventato un campione di tennis tra i più grandi a livello mondiale, è arrivato a 84 anni, ma continua a macinare soldi e non ha decisamente più bisogno di mordere bicchieri per guadagnarsi da vivere: è stato il primo rumeno a entrare nella lista dei miliardari stilata da Forbes nel 2007.

Al Ponterosso invece, non manca solo il Trofeo d’Argento, perché per tutti – anche per i tanti tennisti amatori della domenica – le gialle palline non rimbalzano più da tempo mentre il ristorante, dopo essere stato covo di sbandati, è diventato obiettivo dei writers; pure la superficie in cemento, erede mai amato dai praticanti della vecchia terra rossa è ormai stato travolto da buche, né si sente più l’eco della folla che circondava i tre campi e rendeva quella manifestazione un appuntamento imperdibile per campioni, appassionati, gente comune, a caccia di un autografo o di una avventura estiva.

Il Comune, anche recentemente, ha garantito che in breve tempo, forse già la prossima estate, il Ponterosso tornerà a vivere e un bando per la gestione è già stato realizzato.

Chissà che un giorno anche il trofeo d’Argento non possa tornare, riproponendo schermaglie, scherzi e innocenti goliardate tra i campioni della racchetta: gli oltre 300 iscritti a un gruppo facebook che giornalmente discutono di quegli anni magici del tennis senigalliese lo sperano da tempo, ma forse – chissà – anche Pietrangeli, Panatta e Tiriac ne sarebbero felici.

Nelle foto, Nicola Pietrangeli impegnato a Senigallia; un match di doppio sul Centrale del Ponterosso; i campi come si presentano oggi; Ion Tiriac in una immagine più recente.

©riproduzione riservata

 




Jesi / Tennis, Michele Mecarelli sbaraglia il campo a San Marino all’Open Junior 2023

Si è imposto su Marigliano (numero 6 del tabellone) per 6-1, 6-4 provenendo dalle qualificazioni. Poche settimane fa a Milano aveva vinto il torneo dell’Avvenire. E’ nato nella scuola tennis del Circolo Cittadino

JESI, 15 luglio 2023Michele Mecarelli ha vinto a San Marino lo Junior Open 2023, decima edizione del torneo riservato agli Under 18.

Questo slideshow richiede JavaScript.

In finale, sui campi del Centro Tennis Cassa di Risparmio di Fonte dell’Ovo, si è imposto su Antonio Marigliano (numero 6 del tabellone) per 6-1, 6-4. 

Mecarelli, che si allena al Circolo Tennis Ancona, è stato il primo tennista nella storia della manifestazione a vincere provenendo dalle qualificazioni.

La giovane promessa jesina ha iniziato ad impugnare la racchetta da tennis e colpire le prime palline sui campi del Circolo Cittadino Jesi all’età di 8 anni con il maestro Alessandro Carbonari raggiungendo subito una semifinale al suo primo torneo Lemon Bowl a Roma.

Poi nel corso della sua maturazione si è trasferito in Ancona e negli ultimi anni è cresciuto sempre di più fino ad ottenere risultati lusinghieri e promettenti come quello di recente, nelle settimane scorse a Milano, al 56° torneo dell’Avvenire, dove il classe 2007 aveva battuto  l’ungherese Kolos Kincses per 6-4, 5-7, 1-6.

Il commento a caldo di Michele che frequenta il Liceo Sportivo a Jesi: “sicuramente sono soddisfatto per i risultati ottenuti negli ultimi mesi, ma questo è frutto del lavoro messo in campo ogni giorno quindi bisogna continuare su questa strada per ottenere altri risultati positivi”.

Vincere il prestigioso torneo di San Marino è senza dubbio un trampolino di lancio, in prospettiva, per grandi firme. C’è un precedente che va annoverato come buon auspicio. Nel 2019, lo stesso torneo, fu vinto dal danese Holger Rune oggi nella top ten del circuito mondiale del tennis.

©riproduzione riservata




Moie / Tennis femminile, sfiorati i play off per salire di categoria

Le moiarole sono state superate dal Camerata Picena e da Ancona. Soddisfatti i tecnici Gianluca Manco e Luca Latini per la salvezza ottenuta

MOIE, 13 luglio 2023 – La formazione di D1 femminile del Moie Sporting Club  non è riuscita per un soffio a raggiungere i play-off per la serie C.

E’ stato un campionato impegnativo durato ben sei giornate con squadre attrezzate per il salto di categoria.

Le moiarole Ciciliani Nicole (3,3), Maltoni Chiara (3,5) e Manieri Patrizia (4,2) pur avendo tentato di dare il massimo non sono riuscite a raggiungere il tabellone finale.

Quest’ultimo è stato raggiunto invece dal CT Camerata Picena, con le quali le tenniste moiarole hanno perso di misura e il TC Ancona che invece si è rivelata superiore data la sconfitta per 3-0.

Soddisfatti comunque i tecnici Gianluca Manco e Luca Latini per la tranquilla salvezza raggiunta, con la speranza per il prossimo campionato di raggiungere i play-off promozione.

©riproduzione riservata




Jesi / Fiordelmondo al Foro Italico di Roma per l’esposizione delle ‘Balette’

A Roma, agli internazionali di tennis, il Sindaco per la consegna delle palline da tennis che saranno esposte durante la manifestazione sportiva

JESI, 8 maggio 2023 – Gli Internazionali di Tennis di Roma, che si sono aperti oggi al Foro Italico, vedranno quest’anno protagonista anche Jesi.

Le celebri “balette” della prima metà del Seicento – antesignane palline da tennis ritrovate nella nostra città – saranno infatti esposte per tutta la durata del torneo nel salottino della tribuna autorità del campo centrale.

Fiordelmondo – Pietrangeli

La consegna è avvenuta oggi, in occasione dell’intitolazione della sala stampa del Foro Italico all’indimenticato Gianni Clerici, il giornalista per antonomasia quando si parla del tennis.

Proprio Clerici aveva fondato infatti a Jesi il Club delle balette, dato che la nostra città ne può annoverare ben 9, il numero più alto in assoluto mai ritrovato nelle città italiane e non solo.

Dunque ghiotta è stata l’occasione per affiancare all’intitolazione della sala stampa anche una presentazione ufficiale al pubblico del Foro Italico di queste particolari palline che venivano utilizzate per il gioco della pallacorda, come si chiamava allora il tennis.

Ad intervenire alla cerimonia di consegna della balette è stato il sindaco Lorenzo Fiordelmondo, accompagnato dalla vicepresidente del Club delle balette Carla Saveri.

Ad accogliere la delegazione jesina – presenti anche funzionari della Pinacoteca civica dove sono custodite le storiche palline – l’ex presidente della Corte Costituzionale Giuliano Amato, grande amico di Gianni Clerici ed autore della prefazione del libro “Pallacorda e non solo” di Marco Droghini che ripercorre la storia delle balette di Jesi. Insieme a lui, il grande campione di tennis Nicola Pietrangeli ed il presidente di Sport e Salute, Vito Cozzoli.

“Per Jesiha sottolineato Fiordelmondo è un grande momento che lega sport, storia e cultura, nel ricordo di una grande personalità, come Gianni Clerici, particolarmente legato alla nostra città. Ringrazio tutti coloro che hanno permesso l’organizzazione di questa iniziativa che sono certo offrirà una bella immagine di Jesi, avvicinando appassionati e semplici curiosi alla scoperta della fondamenta del gioco del tennis e della nostra città in particolare”.

©riproduzione riservata




Tennis femminile C / Mta vince il derby di Jesi: Circolo Cittadino sotto per 3-1

Dopo due turni di campionato la squadra del maestro Albarella a punteggio pieno, quella di Carbonari ancora senza vittorie

JESI, 11 aprile 20223-1 il risultato della gara d’andata della fase regionale a Gironi serie C di tennis femminile tra il club Mta Jesi allenato da Massimiliano Albarella ed il Circolo Cittadino Jesi guidato da Alessandro Carbonari.

Nel Girone 1 i risultati del derby sono stati: Scuppa – Benitez 60,63; Giorgi – Bernardini 63,62; Marasca – Bruno 64,63; Marasca/Giorgi – Benitez/Sartini 36-26.

La classifica parziale vede in testa la coppia Tennis Macerata e Mta Jesi con 6 punti; Baratoff  Pesaro 3; Circolo Cittadino Jesi, Recanati, Baia Pesaro 0.

Dunque, dopo due giornate di campionato, l’Mta è a punteggio pieno mentre il club Tennis Circolo Cittdino è ancora a secco di vittorie: c’è davanti tutto il tempo per confermare o per rifarsi.

Prossimo turno domenica 16 aprile ore 9: Circolo Cittadino Jesi – Baratoff Pesaro, Macerata – Baia Pesaro, Mta Jesi – Recanati.

©riproduzione riservata




Tennis femminile C / Domani il derby leoncello: Mta contro Circolo Cittadino

Incontro con inizio alle ore 9 negli impianti di via Matteo Ricci. I maestri Albarella e Carbonari presentano le loro migliori atlete

di Evasio Santoni

JESI, 1 aprile 2023 – Seconda giornata del campionato di serie C femminile a squadre e il calendario propone il derby tutto jesino tra le giocatrici del Club Mta e quelle del Circolo Cittadino.

Appuntamento ore 9,00 al Circolo Tennis in via Matteo Ricci.

Nel turno d’esordio il team del maestro Massimiliano Albarella (foto primo piano) ha vinto a Pesaro per 3-1 mentre quello di Alessandro Carbonari ha perso sui campi di casa contro Macerata per 4-0.

Per la Mta scendono sulla terra rossa Asia Scuppa, Maria Silvia Marasca, Giulia Giorgi, Alice Savoretti, Caterina Micheloni, Agnese Mengoni mentre per il Circolo Cittadino le atlete sono Anastasia Fazi, Iris Sartini, Luciene Benitez, Valentina Bruno, Martina Bernardini, Jazmin Amicuzi Maria, Nikita Maria Liebkind.

Per chi fosse interessato è prevista a presenza del pubblico.

©riproduzione riservata




Tennis femminile C / Jesi, vince Mta perde il Circolo Cittadino

Partito il campionato con la formazione allenata da Albarella che è andata a vincere a Pesaro. Domenica prossima il derby

JESI, 27 marzo 2023 – Primo turno del campionato di serie C femminile Marche con risultati alterni per le due formazioni jesine della Mta e Circolo Cittadino.

La prima ha vinto a Pesaro in casa della Sportiva dilettantistica Coop Pesaro Tennis, la Baratroff,  per 3-1. Il team jesino, allenato da Massimiliano Albarella, è composto da Asia Scuppa, Maria Silvia Marasca, Giulia Giorgi, Alice Savoretti, Caterina Micheloni e Agnese Mengoni.

Di seguito i risultati: Asia Scuppa– Pierini Anna 2/6 6/2 6/1; Giorgi Giulia– Foglietti Elena 7/5 5/7 6/2; Alice Savoretti– Ovarelli 6/1 6/1; doppio Asia Scuppa- Giorgi Giulia / Foglietti Elena- Pierini Anna vinto da Pesaro al tie break el terzo set.

Tuttaltro risultato invece per il team del Circolo Cittadino sconfitto in casa per 4-0 dalla dilettantistica ‘Giuseppucci’ di Macerata. Il team jesino è composto da: Luciene Benitez Boiero, Martina Bernardini, Iris Sartini, Maria Jazmin Amicuzi, Valentina Abril Bruno, Anastasia Fazi e Nikita Maria Liebkind. Allenatore Alessandro Carbonari.

Prossimo turno il derby in casa della Mta negli impianti di via Matteo Ricci.

©riproduzione riservata




Tennis femminile C / Via al campionato: Jesi rappresentata dal Circolo Cittadino e Mta

Carbonari e Albarella gli allenatori. Nel girone dei due club jesini ci sono anche Pesaro, Baratoff , Guzzini Recanati, Macerata 

JESI, 24 marzo 2023 – Domenica prossima prende il via il campionato di serie C di tennis femminile.

Jesi è rappresentta da due squadre: Circolo Cittadino e Mta.

Nel girone dei due club jesini ci sono anche Ct Pesaro, Tc Baratoff Pesaro, Guzzini Recanati, Macerata. 

CIRCOLO CITTADINO

La squadra del Circolo debuterrà domenica sui campi di via del Molino ospitando Macerata. La squadra allenata da Alessandro Carbonari è composta dalle atlete Anastasia Fazi, Iris Sartini, Luciene Benitez, Valentina Bruno, Martina Bernardini, Jazmin Amicuzi Maria, Nikita Maria Liebkind.

MTA

Il debutto sarà domenica il 26 marzo contro il TC Baratoff. La squadra allenata da Massimiliano Albarella è composta da Alice Savoretti Alice (capitano), Caterina Micheloni, Asia Scuppa, Agnese Mengoni, Giulia Giorgi, Maria Silvia Marasca

 




Moie / Tennis, allo Sporting Club vince l’argentino Pedro Zancul Ortega

In finale ha superato Gianluca Manco. L’argentino si allena a Foligno in una scuola a 5 stelle che la Federazione italiana Tennis ha istituito

MOIE, 9 gennaio 2023 – L’ A.S.D. Moie Sporting club ha organizzato di recente il Rodeo Weekend 2° Cat. Lim 2.6 singolare maschile e femminile di tennis.

Alla manifestazione hanno partecipato una cinquantina di atleti provenienti non solo dalla Regione Marche, ma anche dalla vicina Umbria.

Il Torneo, nei punteggi, è stato valido per il circuito Fit 2023 e potevano iscriversi i classificati fino al max 2.6.

I semifinalisti sono stati Mirza Davide, gioiellino del Circolo tennis locale e Rosei Riccardo di Fabriano, che si allena al Moie Sporting Club.

I finalisti hanno disputato un ‘avvincente gara, Manco Gianluca è stato superato dal bravo argentino Pedro Zancul Ortega con il risultato di 6-4, 5-7, 7-6.

L’argentino vincitore del Torneo di Moie, si allena presso l’ASD Tennis Training Villa Candida di Foligno che è una scuola a 5 stelle nella nuova classificazione delle scuole Tennis che la Federazione italiana Tennis ha istituito.

©riproduzione riservata




Moie / Tennis Sporting Club, bene le formazioni di D1

Mirza Davide, Lucidi Tommaso, Mirza Denis e Candelaresi Matteo si sono piazzati secondi dietro Riviera tennis

MOIE, 27 agosto 2022 – Bene si sono comportate le due formazioni moiarole di serie D1.

La formazione maschile era  inserita nel girone 2 con Riviera Tennis , Asd Montemarciano tennis, CT Corinaldo Asd, Gemast e Janus Tennis Team dove ha visto prevalere la compagine del Riviera tennis con 15 punti. I giovani moiaroli sono giunti al secondo posto con 12 punti, perdendo solo lo scontro diretto 4-1 con la forte formazione del Riviera Tennis.

Nella successiva fase regionale, nel tabellone ad eliminazione diretta ad 8 squadre, la compagine del Moie Sporting Club è stata eliminata da quotate formazioni che poi sono state promosse in serie C.

La formazione moiarola è composta da: Mirza Davide 2.8, Lucidi Tommaso 3.1, Mirza Denis 3.3 e Candelaresi Matteo 4.3.

La squadra femminile pur priva della forte titolare Biagioli Irene 3.2, causa un brutto infortunio, ha ottenuto una tranquilla salvezza. Le atlete scese in campo, Ciciliani Nicole 3.2 e Maltoni Chiara 3.5 si sono egregiamente comportate sia come singolariste che come doppiste.

Il tecnico Luca Latini si dimostra soddisfatto di entrambe le squadre, conscio della giovane età degli atleti e quindi dei margini di miglioramento che potrebbero avere in futuro.




Jesi / Tennis al Circolo Cittadino con la 9° edizione dell’ “Itas Open”

Montepremio di 3500€. Il torneo di svolgerà sui tre campi principali del tennis club jesino in via del Molino

JESI, 27 giugno 2022 – E’ confermato che dal 2 al 20 luglio prossimo presso gli impianti da tennis del Circolo Cittadino di Jesi in via del Molino sarà riproposto l’“Itas Open Trofeo Yalos” giunto alla 9° edizione.

Torneo singolare maschile e femminile con la presenza dai 4nc alla categoria 3.5.

Il montepremio è di 3.500 € e la manifestazione si conferma come il torneo Open più importante della regione Marche.

La edizione 2022 viene organizzata grazie al contributo dei due Main Sponsor del Torneo (ITAS Assicurazioni e Yalos Glass Tecnology) e di altre partnership ( Opel Almauto, Donzelli Group, Massimo Massaccesi parrucchiere uomo donna).

L’iscrizione potrà essere effettuata tramite il sito www.federtennis.it o per email al torneiccjesi@gmail.com o per whatsapp: 3479149483. 

©riproduzione riservata




Tennis / Serie C femminile, Circolo Cittadino Jesi alla 2° fase

Valentina Bruno Abril, Anastasia Fazi, Iris Sartini, Luciene Benitez ed Nikita Maria Liebkind allenate da Alessandro Carbonari 

JESI, 18 maggio 2022 – Bene le ragazze del Circolo tennis Circolo Cittadino che si sono classificate al primo posto, a pari merito con Tolentino, ed accedono alla seconda fase per la promozione in serie B.

Le ragazze Valentina Bruno Abril, Anastasia Fazi, Iris Sartini, Luciene Benitez ed Nikita Maria Liebkind, allenate da Alessandro Carbonari, superato il Girone Regionale, le prime due in classifica accedono appunto alla fase interregionale, ora affronteranno una delle due formazioni dell’Umbria qualificatesi per poi, se vincenti, affrontare la finale. Chi vince sarà in serie B.

Il prossimo impegno dunque il 29 maggio a Foligno.

©riproduzione riservata




TENNIS / Sena Senigallia, grande debutto in serie C

Battuto 6-0 il Grottammare all’esordio

SENIGALLIA, 30 Marzo 2022 – Il Sena Tennis Senigallia non sbaglia e domina al suo debutto in Serie C 2022 con una vittoria a punteggio pieno per 6-0 in casa contro il C.T. Beretti Grottammare.

E’ la quarta partecipazione consecutiva per la società senigalliese, fondata nel 2012, al campionato regionale, che apre le porte alla serie B nazionale.

La domenica si apre con le vittorie di Luca Compagnucci (categoria 2.7) contro Marco Vespasiani (3.4) per 6-0 6-1 e di Leonardo Angeloni (2.6) contro Luca Straccia (3.2) con lo score di 6-0 6-0; Giacomo Gabbianelli (3.1) batte agevolmente Mario Iobbi (3.4) con il punteggio di 6-1 6-1 ed Edoardo Dionigi (3.2) vince contro Lorenzo Poletti (3.5), 6-3 6-0.

Singolari che vedono dunque la squadra di Senigallia in vantaggio per 4-0.

Anche i doppi parlano senigalliese e grazie alle vittorie di Leonardo Angeloni e Giacomo Gabbianelli contro Lorenzo Poletti e Lorenzo Pinna (3.5) per 6-2 6-3 e Matteo Sciahbasi (2.5) ed Edoardo Dionigi opposti a Francesco Bruni (4.1) e Luca Straccia con il risultato di 6-0 6-3: la Sena Tennis porta a casa il risultato finale con un netto 6-0, per la soddisfazione del capitano della squadra Matteo Gabbianelli.

Appuntamento per la seconda giornata domenica prossima 3 aprile in casa alle ore 9 presso i campi del Vivere Verde contro l’A.S.D. Tolentino.

Andrea Pongetti

©RIPRODUZIONE RISERVATA




JESI / Tennis Club Circolo Cittadino, il 2022 l’anno del rilancio

In via del Molino non solo tennis ma anche padel, beach tennis, beach volley e calcio. Ampliato lo staff tecnico ed investimenti mirati per la formazione dei ragazzi

JESI, 1 gennaio 2022 – Si è chiuso un anno importante per il Tennis Club Circolo Cittadino diretto dal maestro Alessandro Carbonari e quello che si è appena aperto viene definito come quello di rilancio.

Alessandro Carbonari

Sono stati fatti investimenti consistenti e mirati per dare sempre maggior slancio ad un club pronto ad accogliere sempre più giovani indirizzati ad una disciplina che ha molto consenso ma anche ad altre attività sportive in forte crescita.

Il 2001, scrive Carbonari, “è stato un anno complesso che ha messo tutti alla prova con la speranza che non si ripeterà più. Per quanto sia stato difficile si è cercato di organizzare tutti gli appuntamenti secondo la programmazione”.

Tra i progetti in cantiere è andata a buon fine la nascita del T-Zone Academy, con l’intento di formare ragazzi/e pronti per intraprendere una futura carriera tennistica. I risultati agonistici hanno premiato questo aspetto con la vittoria del campionato regionale U.12 maschile, grazie alla partecipazione di Matteo Pirani e Paolo Fulgione, e la permanenza della squadra femminile (C. Bassotti, A. Scuppa, L. Serenelli, A. Silvi) nel campionato serie C, capitanate dai maestri Alessandro e Gianluca.

Ottimi i risultati anche sul piano individuale di Pirani Matteo, classe 2009, semifinalista dei campionati regionali U.12 M., è presenza agli ottavi di finale dei Campionati Italiani a Milano oltre alla convocazione, per la prima volta, alla Coppa Belardinelli per rappresentare la regione Marche. Infine Pirani è entrato a far parte del settore tecnico nazionale della FIT presso il Piatti Tennis Center.

Marasca Maria Silvia, classe 2009, finalista ai campionati regionali U.12 Femminile.

Menzione va fatta anche per Paolo Fulgione, Antonio Romitelli, Matilda Duca, Iris Sartini, Anastasia Fazi con le ultime tre entrate nelle finali, alcune anche vinte, di tappe Junior Regionali.

Considerati i successi il Tennis Club Circolo Cittadino ha anche ampliato lo staff tecnico con l’inserimento di Stefano Sampaolesi (Direttore Sportivo), Lorenzo Battistini (Responsabile della scuola tennis), e gli istruttori Simone Lombardi, Federico Robuffo e Martino Moretti.

Sul piano organizzativo sono stati allestiti 10 tornei FIT e l’ 8a edizione dell’ “ITAS Open” maschile e femminile, montepremi 4000 €, con il riconoscimento di torneo Open più importante della regione Marche. 

L’impianto sportivo di via del Molino ha anche ampliato l’offerta migliorando sul piano strutturale con importanti investimenti ed allestimento di nuovi impianti per altri sport variegati: realizzazione del nuovo “string lab & office”; campo da Padel; servizio “food & beverage”; tre campi da Beach Tennis e Beach Volley che hanno permesso di organizzare 13 tornei per animare le serate estive;  miglioramento del settore Calcio con la realizzazione dei nuovi spogliatoi che hanno permesso di ospitare la Scuola Calcio Aurora Jesi; nuovissimo impianto di illuminazione a led dei campi 2 e 5 di tennis e l’installazione del sistema di illuminazione del campo 4; miglioramento della palestra con l’inserimento di nuove attrezzature per dar vita ai corsi Fitness, curati dal Dott. Trainer Gianluca Palanca.

(redazione)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




CHIARAVALLE / Circolo Tennis Roberto Beni: Cesare Marcorelli confermato presidente

Altri componenti del direttivo sono Giulio Torelli, Lorenzo Torbidoni, Vincenzo Palumbo, Fabio Tramannoni, Enrico Corradini e Raffaella Bartozzi

CHIARAVALLE, 22 dicembre 2021 –  Grande festa al Circolo Tennis Roberto Beni di Chiaravalle, dove si sono tenuti il pranzo sociale e l’elezione del nuovo consiglio direttivo che ha confermato il presidente uscente, Cesare Marcorelli.

Gli altri componenti del direttivo del circolo tennis sono Giulio Torelli, Lorenzo Torbidoni, Vincenzo Palumbo, Fabio Tramannoni, Enrico Corradini e Raffaella Bartozzi.

#gallery-2 { margin: auto; } #gallery-2 .gallery-item { float: left; margin-top: 10px; text-align: center; width: 33%; } #gallery-2 img { border: 2px solid #cfcfcf; } #gallery-2 .gallery-caption { margin-left: 0; } /* see gallery_shortcode() in wp-includes/media.php */

Cesare Marcorelli ha dato linfa al sodalizio chiaravallese che vanta un ambiente unico e campi perfetti, tra i migliori della regione.

Marcorelli è nato sulla terra rossa del circolo ed è ancora un ottimo interprete dei gesti bianchi. Membro di una dinastia di tennisti (l’indimenticabile Gianni è stato tra i fondatori del circolo negli anni Sessanta), Cesare Marcorelli ha 60 anni, due figlie ed è responsabile d’area per le Marche dell’azienda Menarini per il settore farmaceutico.

Il circolo tennis chiaravallese può vantare su un numero imponente di soci, ben 170, con un incremento costante e tra gli obiettivi del consiglio direttivo c’è quello di incentivare e migliorare costantemente l’attività giovanile, coordinata dal maestro Giulia Belegni che è coadiuvata dai due istruttori Ermanno Savini e Marco Palumbo.

Una parentesi simpatica e goliardica si è tenuta al circolo tennis pochi giorni fa con il pranzo sociale a cui hanno preso parte molti dei volti più noti dello sport chiaravallese, da Sergio Novelli a Massimo Balducci, da Giuliano Garbati a Luciano Marini (che ha ricevuto anche una lettera a Babbo Natale personalizzata), da Sandro Gobbi a Luigi Marchini, Bebo Giampieri.

Tra aneddoti e battute, sorrisi e applausi, ricordando anche i tanti amici che non ci sono più, è stato presentato il bel quadro di Sandro Sbrollini, il “Ligabue” del circolo tennis, che ha raffigurato due figure mitiche del gruppo, Andrea Giuliani e Francesco Vitali mentre l’impareggiabile cuoca Fiorella ha proposto ai tennisti le sue inimitabili tagliatelle e un arrosto misto da leccarsi i baffi.

Gianluca Fenucci

©RIPRODUZIONE RISERVATA