Calcio, Ascoli, Pulcinelli: «Nessun problema per l’iscrizione in C»

Il patron chiarisce la situazione finanziaria del Club dopo le tante voci del post retrocessione che avevano messo in dubbio la partecipazione dei bianconeri al prossimo campionato di C

VALLESINA, 18 maggio 2024 – Ad Ascoli non si spengono ancora gli echi di una retrocessione sanguinosa, che ha fatto sorgere tanti punti interrogativi sul futuro della società bianconera. All’indomani della caduta in C, il patron Massimo Pulcinelli ha voluto far chiarezza sulla situazione in casa Ascoli, confermando la volontà di ripartire dalla serie C, senza mettere in dubbio l’iscrizione dei bianconeri al prossimo campionato.

Queste le parole del patron: ».

La curva bianconera (foto profilo FB ufficiale Ascoli Calcio)

Scese in campo intanto, alcune delle formazioni impegnate nei Play-Off e quelle invece coinvolte nel Play-Out.

Play-Off (gara unica):

Palermo-Sampdoria 2-0 (Palermo qualificato per il turno successivo)

Catanzaro-Brescia (sabato 18 maggio, ore 20:30)

Play-Out (gara con andata e ritorno)

Bari-Ternana 1-1

Ternana-Bari (giovedì 23 maggio, ore 20:30)

Le altre formazioni che accederanno al turno successivo dei Play-Off, perché meglio classificate, sono Venezia e Cremonese. I match, questa volta, saranno disputati con partite di andata e ritorno.

Questi i verdetti già definitivi: Promosse in serie A Parma e Como. Ai Play-Off: Venezia, Cremonese, Catanzaro, Palermo, Sampdoria e Brescia. Ai Play-Out: Ternana e Bari. Retrocedono in Serie C: Ascoli, FeralpiSalò e Lecco

©riproduzione riservata




Serie C / Play-out, il primo round va alla Recanatese: un gol di Melchiorri piega la Vis Pesaro (1-0)

Un gol dell’attaccante treiese su assist di Alessandro Sbaffo decide la sfida contro i biancorossi di Stellone: ritorno domenica prossima 19 maggio al “Benelli”

RECANATI, 12 maggio 2024 – La Recanatese si aggiudica l’andata del play-out del girone C di Serie C contro la Vis Pesaro. I ragazzi di Filippi, infatti, hanno vinto 1-0 grazie alla rete del suo giocatore più rappresentativo, Federico Melchiorri, su assist del capitano Alessandro Sbaffo. I pesaresi di Stellone nella ripresa hanno provato a insidiare l’area giallorossa, senza successo. Ora la formazione di Recanati deve difendere al “Benelli” (domenica prossima 19 maggio alle 18.00) il vantaggio di una rete conquistato per restare in terza serie. 

Primo tempo 

La Recanatese inizia il match in attacco nei primi 10 minuti: già al 2′ Raimo lancia Carpani in profondità al limite dell’area, ma il centrocampista recanatese commette fallo di mano solo davanti a Neri. Passano due minuti e Melchiorri intercetta il pallone, la difesa della Vis Pesaro non si intende su un campanile e l’ex Cagliari si fionda di testa a due passi dalla porta, Neri respinge in corner. Al 7′ ancora Melchiorri dalla sinistra lancia dalla parte opposta Raimo in area, il quale controlla e appoggia in mezzo per Lipari, stop e tiro, Neri si allunga in corner.

Due minuti dopo si fa vedere anche la Vis Pesaro: Di Paola tenta il traversone da 40 metri verso la mischia in area, tuttavia Meli ci arriva in presa. Segue una fase in cui le due squadre continuano a studiarsi a centrocampo, senza affondare il colpo. Per vedere una nuova azione da rete occorre aspettare il 23′: Sbaffo incorna al volo su suggerimento di Longobardi dalla sinistra, palla fuori ma il capitano giallorosso commette fallo in attacco.

Quindi, sul ribaltamento dell’azione Pucciarelli riceve palla al limite, la controlla e calcia, Meli ci arriva; la Recanatese riparte dal basso ma i pesaresi, rimasti in attacco, intercettano il pallone, conquistando un calcio di punizione dal limite. Di Paola si incarica della battuta: la conclusione si stampa sull’esterno della rete, ma un brivido passa lungo la schiena del pubblico del “Tubaldi”. Meli sbaglia la successiva ripartenza corta e Molina calcia subito in area, sfiorando il secondo palo ma senza trovare lo specchio.

Gli ultimi 10 minuti del primo tempo

Al 30′  dalla metà campo recanatese parte un lancio verso Sbaffo sulla trequarti, il quale di testa spezza verso Lipari, tuttavia Neri intercetta la sfera con le mani. Dall’altra parte Di Paola prova il cross verso Molina, il portiere di casa è attento. Siamo al 37′ quando Molina in area prova al volo su palla vagante, Meli in presa. L‘arbitraggio è molto all’inglese, dato che il direttore lascia giocare molto su contrasti di gioco giudicati regolare. La Vis Pesaro cresce, mantenendo il pallino del gioco, ma non riesce ad essere incisiva davanti alla porta. Meli salva su Karlsson lasciato tutto solo in area in contropiede, però l’attaccante ospite partiva da posizione irregolare.

Proprio dopo la punizione nata da questo off-side, nasce la rete del vantaggio della Recanatese, da parte dei suoi due tenori. Sbaffo dalla destra, infatti, pennella un assist al bacio per Melchiorri in area, il quale deve solo appoggiare di testa in rete. La Vis Pesaro sfiora subito il pari, con il tiro al volo ravvicinato di Karlsson su suggerimento di testa di Mattioli, ma ancora una volta il 20 biancorosso partiva da una posizione irregolare. Il primo tempo termina 1-0. 

Secondo tempo

Nella ripresa gli affondi della Vis Pesaro sono sterili, mentre la Recanatese preferisce difendersi e aspettare le mosse dell’avversaria. Al 50′ Di Paola batte una punizione, la palla attraversa tutta l’area e finisce sulla testa di Obi che prolunga in mezzo, Meli respinge ma la mischia ributta il pallone in avanti, fortunatamente per i locali  lateralmente rispetto alla porta. Al 53′ Melchiorri viene ammonito: salterà il match di ritorno per somma di ammonizioni.

Insiste la Vis Pesaro: sugli sviluppi di una punizione al 56′ Zagnoni di testa prolunga verso Mattioli, Meli mura la conclusione di quest’ultimo, tuttavia il guardalinee segnala una posizione di fuorigioco. Dall’altra parte, il colpo di testa volante di Ferrante sugli sviluppi di una mischia in area non sorprende Neri.

Al 66′ ci prova Melchiorri dal limite sulla sinistra, sfera alle stelle. Passano tre minuti e serve un super Meli a scongiurare un colpo di testa ravvicinato di Gian Marco Neri, deviandolo in corner, sugli sviluppi di un quale un’altra incornata fa tremare lo stadio ma termina a lato. La Vis Pesaro continua a presidiare la metà campo recanatese, però la difesa locale è attenta a chiudere tutte le porte agli attaccanti pesaresi. Dall’altra parte il più pericoloso è sempre Melchiorri al 77′, con un colpo di testa da due passi respinto dal portiere Neri. Ci prova anche Longobardi dal limite, la saracinesca ospite afferra in due tempi.

Al 88′ Pucciarelli sulla sinistra in area si ritrova da solo, ma sbaglia il passaggio decisivo verso i compagni appostati in mezzo. In pieno recupero, Karlsson si tuffa di testa e sfiora il primo palo alla destra di meli, anche se l’attaccante ospite partiva da una posizione di fuorigioco. Poi Pucciarelli va a contrasto con Meli e Karlsson si ritrova la porta spalancata: Crezzini di Siena, però, fischia fallo in attacco

Vittoria Recanatese, non tutto è perduto per la Vis Pesaro  

Finisce 1-0, dunque, la sfida del “Tubaldi” tra Recanatese e Vis Pesaro. Il pari forse sarebbe stato il risultato più giusto, ma la partita è stata risolta dalle giocate dei due giocatori simbolo giallorossi: assist del capitano Sbaffo, incornata dell’ex Serie A Federico Melchiorri, originario di Treia. La Vis Pesaro, pur sconfitta, può giocarsi le sue chance al ritorno: anche un 1-0 potrebbe bastare per mantenere la Serie C. Grande spettacolo fuori dal campo, tra coreografie e cori, lo hanno dato le due tifoserie.

La festa è doppia a fine gara in casa Recanatese: le ragazze della squadra femminile hanno vinto il campionato di Eccellenza e giocheranno in Serie C nella prossima stagione 2024-2025. Categoria che spera di mantenere anche la formazione maschile. Festeggia, infine, anche un professionista di Cingoli: l‘osteopata dottor Gian Marco Ugolini, cingolano doc e attaccante del Villa Strada, segue settimanalmente proprio Federico Melchiorri nel suo studio sul “Balcone delle Marche”. 

Tabellino 

RETI – 41′ Melchiorri

RECANATESE (3-4-3): Meli; Shiba, Ferrante, Allievi (86′ Veltri); Raimo, Carpani (81′ Raparo), Fiorini (86′ Morrone), Longobardi (86′ Rizzo); Lipari (46′ Mazia), Melchiorri, Sbaffo. All. Filippi – A disp. Ahmetaj, Ferretti, Guidobaldi, Mascolo, Pelamatti, Peretti, Prisco, Tiberi.

VIS PESARO (3-4-1-2): Neri F.; Neri G.M., Zagnoni, Rossoni (68′ Alfonso Peixoto); Mattioli, Di Paola, Obi (61′ Rossetti), Da Pozzo; Pucciarelli; Molina (81′ Valdifiori), Karlsson. All. Stellone – A disp. Ceccacci, Foresta, Giorgini, Gulli, Iervolino, Loru, Mariani, Nina, Pecile, Polverino, Tonucci.

ARBITRO – Crezzini di Siena (assistenti: Regattieri di Finale Emilia, Pressato di Latina; quarto ufficiale: Zanotti di Rimini; var: Gariglio di Pinerolo, avar: Di Martino di Teramo)

NOTE – recupero: 2′ + 4′, ammoniti: Melchiorri (R), Shiba (R), Karlsson (V). Carpani (R), Raparo (R)

Giacomo Grasselli 

©riproduzione riservata




Serie C / All’Ancona basta lo 0-0 per salvarsi: parità al “Del Conero” e Fermana retrocessa

Davanti a circa 6000 spettatori la squadra di Boscaglia centra la salvezza senza passare dai play-out, per via del +11 sui canarini di Fermo

ANCONA, 28 aprile 2024 – Il più dolce dei pareggi contro la Lucchese (0-0) decreta la permanenza in Serie C dell’Ancona. La squadra di Boscaglia festeggia al termine della 38^ giornata del girone B davanti ai suoi tifosi del “Del Conero”, condannando la Fermana al ritorno in Serie D per via della regola dei 10 punti di scarto tra 16^ e 19^.

I biancorossi, trascinati dal tifo caloroso della Curva Nord e dei tutti i suoi circa 6000 tifosi, creano tante occasioni da rete, ma non riescono a concretizzarle, rischiando anche di prendere il gol che li avrebbe condannati ai play-out. Alla fine, però, il “Del Conero” tira un sospiro di sollievo e guarda a un futuro in terza serie per la quarta stagione di fila. 

Primo tempo

Già dai primi secondi della sfida l’Ancona ha voglia di salvezza: ne passano 30 e Gatto entra in area sulla destra  appoggia per Saco che non riesce a controllare a tu per tu con Coletta, il portiere recupera. Al 9′ il tiro-cross dalla destra di Cella attraversa tutta l’area e termina a lato. Poco dopo ancora Saco si invola sulla sinistra e al momento del tiro un difensore devia in corner, sugli sviluppi dell’angolo testa Pasini sul fondo. Siamo al 18′ quando Martina batte un calcio d’angolo, Paolucci da fuori tenta la fortuna ma non trova lo specchio.

Due minuti l’Ancona troverebbe anche il gol del vantaggio, con la deviazione a rete di Saco su suggerimento dalla destra di Cella, ma l’arbitro Leone di Barletta annulla la rete per fuorigioco. Al 27′ ennesimo traversone basso dalla destra del 4 locale, un difensore devia in corner prima dell’arrivo di Spagnoli, che sarebbe stato a tu per tu con Coletta.

La Lucchese si fa vedere al 30′: Yeboah non arriva su una buona verticalizzazione dai 25 metri. Dall’altra parte l’Ancona insiste: Martina mette in mezzo verso Saco che prova a deviare di testa ma un difensore si frappone e la Lucchese recupera. Al 37′ Spagnoli da due passi schiaccia di testa il cross di Paolucci, Coletta raccoglie; dall’altra parte Alagna dalla destra trova Russo in mezzo che prova la mezza rovesciata, la sfera rotola sul fondo.

Secondo tempo

Nella ripresa l’Ancona continua a creare, ma non concretizza e alla fine anche la Lucchese ha le sue chances per vincere la gara. Al 48′ Saco in mezzo all’area prolunga a sinistra per Cioffi, che attende troppo e calcia quando Coletta ormai ha intuito. Dall’altra parte la difesa salva su filtrante dalla sinistra di Visconti. Passano 6 minuti e  Cioffi mette in mezzo per Paolucci il quale, tutto solo in area, non trova la deviazione a rete in scivolata.

Siamo al 57′ quando Spagnoli colpisce la palla di testa sul cross da calcio d’angolo, ma non trova la porta di un nulla. La Lucchese, dall’altra parte, si invola in contropiede, ci pensa Cella a salvare tutto con il petto verso Perucchini. Al 61′ Russo va in contrattacco in posizione sospetta, la difesa si salva all’ultimo, rifugiandosi in corner. Qui Astrologo prova il gol olimpico, Perucchini respinge.

Due minuti dopo, trema il “Del Conero”: Yeboah a due passi dalla porta si mangia clamorosamente lo 0-1 in caduta da due passi, dopo un passaggio in area dalla destra. Al 67′ Cella dal limite dell’area sulla destra crossa verso Gatto, il quale di testa prolunga in mezzo verso Cioffi; l’11 sbaglia il tiro dal dischetto del rigore, palla sul fondo. Ci pensa poi Perucchini a mettere le sue mani sulla salvezza: Russo tira a botta sicura a un passo dalla porta dopo una bella azione dalla sinistra sull’asse Cangianello-Alagna-Yeboah, ma il portiere dorico devia in corner.

Siamo al 72′ quando Saco dalla destra si accentra e tira, Coletta respinge. Altri 6 minuti e Yeboah entra in area e calcia, la difesa sporca il pallone quel tanto che basta per deviarlo in corner. L’Ancona ha poi un brivido sul successivo calcio d’angolo per un colpo di testa in mischia, il quale si stampa sul fondo. L’ultima emozione della sfida arriva all’81°, quando Spagnoli devia devia fuori un cross dalla destra di Barnabà sugli sviluppi di un corner.

Ancona salva, Fermana retrocessa

A fine partita il “Del Conero” festeggia la permanenza in Serie C per il secondo anno di fila, terzo se si considera anche la denominazione Ancona-Matelica. A fine partita i 6000 spettatori presenti tirano un sospiro di sollievo e, anzi, festeggiano una salvezza ai danni di rivali di sempre della Fermana, che invece retrocedono in Serie D. Non manca una piccola nota polemica di un’instancabile Curva Nord a fine partita.

E’ finito questo tormento… Tiong e Giocatori che vi sia d’insegnamento, questa tifoseria va sempre onorata, dalla prima all’ultima giornata”. Con il coro “Meritiamo di più” a mettere in chiaro a tutti quali devono essere le ambizioni del club dorico.

Tabellino

ANCONA (4-3-3) – Perucchini; Cella, Pasini, Mondonico (87′ Clemente), Martina (80′ Agyemang); Gatto, Basso, Paolucci; Cioffi (79′ Barnabà), Saco (86′ Giampaolo), Spagnoli. All. Boscaglia – A disp. Vitali, Testagrossa, Energe, Marenco, D’Eramo, Pellizzari, Prezioso, Radicchio, Vogiatzis, Moretti.

LUCCHESE (4-4-2) – Coletta; Quirini, De Maria, Fazzi, Visconti (75′ Djbril); Cangianello (85′ Ndiaye), Russo (84′ Leone), Tumbarello, Alagna; Yeboah, Guadagni (63′ Perotta). All. Testini  – A disp. Berti, Chiorra, Perotta, Toma, Rizzo Pinna, Tumbarello, Fedato, Benassai, Leone,, Magnaghi

ARBITRO – Leone di Barletta (assistenti Moretti di Bergamo, Farina di Brescia; quarto ufficiale Spera di Barletta)

NOTE – spettatori circa 6000; recupero 3′ + 5′; ammoniti: Alagna (L), Martina (A), Astrologo (L), Spagnoli (A)

Giacomo Grasselli 

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / L’Ancona ipoteca la salvezza, la Fermana con un piede in D

Preziosissima vittoria dei dorici a Pescara che fa compiere un passo avanti per la salvezza, ancora non matematica. Ko dolorosissimi per Fermana, quasi in D, e Vis. Pari Recanatese

VALLESINA, 21 aprile 2024  – Per l’Ancona il derby di Pescara si presentava alla vigilia, come la gara della vita, prima degli ultimi 90’, assolutamente da non fallire.

Match che ha visto partite meglio i padroni di casa, pericolosi già al 4’ con Vergani, che trova un attento Perucchini. La gara poi passa ad una fase di studio, sino al vantaggio dell’Ancona con il solito Spagnoli al 33’, bravo ad anticipare tutta la difesa pescarese e a sfruttare l’assist del compagno di squadra Cioffi.

La gara si sblocca ed il Pescara cerca di reagire con l’ex ascolano Brosco, ma la sua conclusione è neutralizzata da Perucchini.

Nella ripresa, raddoppia subito l’Ancona ancora con Spagnoli, bravo a concretizzare un’ottima azione di Saco.

Il bomber biancorosso Spagnoli, ormai uomo della provvidenza (foto profilo FB ufficiale Ancona Calcio)

Al 55’ i dorici potrebbero addirittura triplicare, ma l’estremo difensore pescarese Plizzari riesce a salvare i suoi.

I due tecnici cercano poi di cambiare qualcosa ma la gara, che diminuisce pian piano di ritmo, termina con la vittoria dell’Ancona che compie un gran passo in avanti verso la salvezza, ancora non matematica pero, visti i 10 punti di vantaggio sulla Fermana, penultima.

Pareggio casalingo per la Recanatese che serve davvero a poco ai fini della salvezza. Con i Play-Out ormai certi, i leopardiani aumentano di una sola lunghezza il vantaggio su Vis Pesaro e Fermana, ma non riescono a dare quello strappo che serviva, anche in concomitanza della vittoria dell’Ancona a Pescara.

Gara che si sblocca al 13’ con il Gubbio che passa per prima in vantaggio con l’ex dorico Di Massimo su calcio di rigore.

Il capitano della Recanatese Sbaffo, oggi autore di una doppietta (foto profilo FB ufficiale Recanatese Calcio)

Giallorossi che trovano poi il pari con capitan Sbaffo al 31’, ma gli ospiti passano nuovamente nella ripresa ancora con Di Massimo all’80’. Il pari definitivo arriva all’84’ sempre con Sbaffo, che realizza un calcio di rigore.

Sconfitta pesantissima per la Vis di Stellone, che regala in pratica la salvezza alla diretta concorrente Sestri Levante. Liguri in vantaggio con Forte già al 6’ e pareggio dei biancorossi con Neri al 25’, che poi effettuano addirittura il sorpasso al 48’ con Nicastro.

I padroni di casa però, reagiscono e riescono a ribaltare definitivamente il risultato con una doppietta di Clemenza, in rete al 51’ ed al 65’. Per la Vis, rimane ora solo la via dei Play-Out.

Il tecnico della Vis Pesaro Roberto Stellone (foto profilo FB ufficiale Vis Pesaro)

Altra sconfitta durissima da digerire è quella della Fermana ad Alessandria, con la Juventus Next Gen che, addirittura in 10 uomini, relega i canarini a ben 10 punti dall’Ancona, ricordando che in caso di arrivo ad 8 punti di distacco o più, i gialloblù retrocederanno direttamente. Con l’attuale distacco, rimangono pochissime le speranze salvezza per gli uomini di Mosconi.

Per la cronaca, bianconeri in vantaggio al 15’ con Guerra, ma al 43’ la Fermana acciuffa il pareggio con Sorrentino. Nella ripresa, nonostante l’inferiorità numerica per l’espulsione al 60’ di Guerra, la Juventus Next Gen piazza il colpo decisivo con Nonge al 79’.

Per i canarini, un’annata da incubo, che sta finendo nel peggiore dei modi.

I risultati della 37ma giornata di campionato: Juventus Next Gen-Fermana 2-1, Lucchese-Carrarese 0-1, Perugia-Arezzo 1-1, Pescara-Ancona 0-2, Pontedera-Olbia 2-2, Recanatese-Gubbio 2-2, Rimini-Virtus Entella 1-0, Sestri Levante-Vis Pesaro3-2, Spal-Pineto 2-0, Torres-Cesena 1-1

Questo l’ultimo turno di campionato delle formazioni marchigiane:

38ma giornata: Ancona-Lucchese

38ma giornata: Fermana-Pescara

38ma giornata: Virtus Entella-Recanatese

38ma giornata: Vis Pesaro-Juventus Next Gen

La classifica : Cesena 93, Torres 74, Carrarese 70, Perugia 63, Gubbio 56, Juventus Next Gen 54, Pescara e Pontedera 52, Arezzo e Rimini 50, Spal 46, Lucchese, Pineto e Sestri Levante 44, Virtus Entella 42, Ancona 41, Recanatese 38, Vis Pesaro 36, Fermana 31, Olbia 26.

Il prossimo turno, domenica 28 aprile, ore 16:30, con tutte le gare giocate in contemporanea: Ancona-Lucchese, Arezzo-Sestri Levante, Carrarese-Pontedera, Cesena-Perugia, Fermana-Pescara, Gubbio-Rimini, Olbia-Spal, Pineto-Torres, Virtus Entella-Recanatese, Vis Pesaro-Juventus Next Gen

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / Ancona, la panchina a Roberto Boscaglia

Dopo l’esonero di Colavitto e di tutto lo staff tecnico contratto fino a giugno, e rinnovo automatico in caso di salvezza, per il tecnico che ha avuto esperienze in serie B

VALLESINA, 25 marzo 2024 – L’Ancona ha scelto per il dopo Colavitto, esonerato insieme a tutto lo staff, Roberto Boscaglia.

Il neo tecnico, contratto fino a giugno e rinnovo automatico in caso di salvezza, dirigerà oggi l’allenamento al Del Conero in vista della gara di campionato in programma sabato 30 marzo in casa contro la Spal.

“Al tecnico gelese è stata affidata la guida tecnica della prima squadra fino al 30 giugno 2024, con rinnovo automatico in caso di salvezza” si legge nella nota societaria. “Cinquantacinque anni, Boscaglia inizia la sua esperienza di allenatore nel 2003 in Sicilia partendo dai dilettanti, con il Licata prima e l’Akragas poi, dove al suo secondo anno vince la Coppa Italia Regionale, mentre con Alcamo e Nissa nei due anni successivi trionfa nei campionati di eccellenza raggiungendo la Serie D. Il tecnico nel 2009 passa al Trapani, dove inizia la cavalcata dalla Serie D fino al raggiungimento della serie cadetta nella stagione sportiva 2012/2013, ottenendo vittorie di squadra a successi personali come Panchine d’argento e oro. Dopo 10 anni trascorsi in terra siciliana si trasferisce in Lombardia, dove guida per due anni il Brescia intervallato da un anno in Piemonte con il Novara, entrambe nel campionato di Serie B. Nel 2018 Boscaglia inizia il suo capitolo con la Virtus Entella, portando i liguri alla vittoria del campionato all’ultima giornata ai danni del Piacenza. L’anno successivo con il club di Chiavari taglia il traguardo delle 200 panchine in B. Nel suo percorso, Boscaglia, è poi tornato in Sicilia a Palermo, prima di fare tappa a Foggia. Boscaglia, dirigerà già oggi l’allenamento al Del Conero. Al mister i migliori auguri da parte della società e il benvenuto in biancorosso”.

©riproduzione riservata

 




Calcio Serie C / L’Ancona esonera mister Gianluca Colavitto e tutto lo staff tecnico

Dopo la sconfitta a Recanati, le dimissioni di Micciola e la contestazione dei tifosi ai giocatori il club dorico ha deciso di sollevare anche il tecnico

VALLESINA, 24 marzo 2024 – La sconfitta in casa della Recanatese, nell’ultimo turno di campionato, che ha portato alle dimissioni del diesse Micciola e

alla contestazione dei tifosi nei confronti dei giocatori è arrivato l’esonero di mister Colavitto e di tutto lo staff tecnico.

A comunicarlo una nota della società U.S.Ancona: “L’U.S. Ancona comunica di aver sollevato Gianluca Colavitto dall’incarico di allenatore della prima squadra. Il club biancorosso ringrazia mister Colavitto, il vice Marco Noviello e il collaboratore tecnico Michele De Feudis, per l’attività sin qui svolta. Il club, inoltre, comunica di aver accettato le dimissioni del Direttore sportivo Francesco Micciola che ringrazia per il lavoro svolto. Nelle prossime ore la società comunicherà il nome del nuovo allenatore”.

©riproduzione riservata




Pallanuoto / La Jesina vince a Carpi, ora nel mirino l’imbattuta Bologna

9-15 il risultato finale. Sabato prossimo la capolista sarà alle Saline. Ma quel che conta di più sarà fare la corsa su Fermo e sulla Persicetana seconde in classifica

JESI, 10 marzo 2024 – La Jesina fa il suo e vince a Carpi.

Gara fondamentale per la classifica per restare in scia del Fermo e della Persicetana seconde e dell’imbattuta Bologna che sabato prossimo sarà a Senigallia alle Saline per l’ultima partita del giorne d’andata.

La Jesina ha vinto 9-15 e va sottolineata la prova dei vari Gabriele Chiorrini, Emanuele Gambelli e, soprattutto, di Matteo Moreschi autore quest’ultimo di 6 gol. Anche il portiere Nitrati sta confermando le proprie capacità e questo da sicurezza a tutta la squadra che ha nei due boa Gioele e Lorenzo Zannini elementi di affidabilità.

Insomma la Jesina ha vinto meritatamente a Carpi.
La gara, disputata nello splendido impianto carpigiano, un sogno per le strutture delle nostre parti, è stata combattuta e divertente.
Partita equilibrata fino alla metà del terzo tempo, quando i granata, sono riusciti a rompere la zona emiliana con tiri piú precisi dal perimetro, mettondo la freccia, grazie anche ad una maggior esperienza.
COOPERNUOTO CARPI: Raimondi, Ferrari, Rebecchi, Simonazzi, Manfredini 1, Tadolini, Stefani 3, Calabrese 3, Soncini, Ascari, Bertesi, Golinelli 1, Cortelloni 1. All. Caprara
JESINA PALLANUOTO: Nitrati, Zannini G. 3, Rosiglioni, Gambelli, Coacci 1, Ciampichetti, Zannini L. 2, Grilli, Chitarroni 2, Paolucci 1, Chiorrini, Sebastianelli, Moreschi 6. All. Vastola
Parziali: 2-3  3-2  2-6  2-4
©riproduzione riservata



Serie C / Arriva la Referee Cam, come vedere le azioni dalla prospettiva dell’arbitro

L’accordo raggiunto tra Serie C Now e Sky Sport rivoluziona il modo di vedere il calcio. L’apripista domenica prossima in occasione di Cesena – Pineto

ANCONA,  21 febbraio 2024 – È in arrivo l’ultima innovazione per la Lega Pro nata dall’intesa tra Serie C Now e  Sky Sport

Per la prima volta in assoluto, i telespettatori avranno l’opportunità di vedere le azioni di gioco direttamente dalla prospettiva del giudice di gara.

Ad annunciarlo è stato l’ufficio stampa dell’Us Ancona per un’iniziativa del tutto singolare e interessante riguardante la Lega Pro.

D’ora in poi sarà possibile assistere alle azioni delle gare di Serie C direttamente  dal campo tramite una telecamera indossata dall’arbitro.

Claudio Allegretta della sezione di Molfetta sarà il primo giudice di gara ad indossare la referee cam in occasione della 28º giornata di domenica 25 febbraio tra Cesena e Pineto.

‘Grazie a questa innovazione, Serie C Now offre l’opportunità ai telespettatori di vedere tutto ciò che circonda il direttore di gara dalla sua visuale per permettere agli appassionati di immedesimarsi in prima persona nel ruolo dell’arbitro, di cogliere prospettive particolari in ogni azione di gioco’ come descritto nel comunicato. La Referee cam verrà inoltre utilizzata in una partita di ogni turno dei playoff.

Il Presidente della Lega Pro Matteo Marani entusiasta dell’iniziativa, ringrazia in primis la Figc e l’Associazione Italiana Arbitri. Il Presidente Carlo Pacifici e al designatore Maurizio Ciampi per la pronta collaborazione e disponibilità attua a rendere possibile il tutto.

Un passo in avanti verso un calcio sempre più moderno e all’avanguardia che Lega Pro ha voluto realizzare con la rete Sky in quanto – come aggiunge infine l’Exetcutive Vice President Sport di Sky, Marzio Perrelli – ‘Sky è stata sempre in primo piano nella ricerca della modernizzazione tecnologica nonché punto di riferimento per tifosi e appassionati di calcio’.

©riproduzione riservata




Serie C / L’Ancona riprende la Carrarese al 94′: 2-2 al “Del Conero”

Nei primi 20 minuti Finottto apre le marcature, Energe pareggia e Schiavi da punizione fa l’1-2; nella ripresa Saco allo scadere regala ai dorici il terzo risultato utile di fila

ANCONA, 18 febbraio 2024 – Saco al 94’ regala all’Ancona il terzo risultato utile consecutivo. I dorici di Colavitto, infatti, hanno raggiunto sul 2-2 la Carrarese, nel match della 27^ giornata del girone B di Serie C di calcio. I toscani, in vantaggio 1-2 al 18’ del primo tempo, hanno preferito difendere il risultato anziché cercare il colpo del ko e sono stati puniti proprio allo scadere. Per i biancorossi, invece, si tratta di un punto d’oro al termine di una prestazione non brillantissima.

Primo tempo

La gara si sblocca nei primi 20 minuti. Al 6’ Paolucci verticalizza per Spagnoli con uno loeb morbido, Bleve anticipa l’attaccante locale; la Carrarese riparte in contropiede con Finotto, ma Perucchini esce dai 18 metri e spazza in rimessa laterale. Minuto numero 9: Finotto riceve palla sul vertice sinistro dell’area di rigore, se la aggiusta in palleggio e calcia, realizzando lo 0-1.

L’Ancona reagisce subito e dopo 5 minuti pareggia. Martina sulla sinistra riceve palla in area e appoggia in mezzo verso Energe, il quale stoppa il pallone e lo infila in rete da due passi, per l’1-1. Altri 4 giri di lancette ed ecco l’1-2: l’arbitro concede un fallo agli ospiti sulla sinistra da 25 metri, alla battuta si presenta Schiavi che con una botta secca realizza il nuovo vantaggio toscano mettendo la palla sotto l’incrocio dei pali. La rete gela il “Del Conero” festoso dopo il momentaneo pari.

A questo punto la Carrarese preferisce difendere il vantaggio, mentre l’Ancona non riesce a creare occasioni pericolose dalle parti di Bleve. Al 30’ sugli sviluppi di un calcio d’angolo dalla destra Pellizzari fa sponda di testa verso Cella ma la sfera rotola fuori dell’area di rigore. Passano 5 minuti e Finotto vede Perucchini fuori posizione e prova il pallonetto da 40 metri, il pallone termina fuori sopra la traversa di qualche metro.

I toscani attaccano sul finale di tempo. Al 39’ gli ospiti tagliano la difesa locale in due con un filtrante verso Zanon sulla destra, il quale entra in area e prolunga verso Capezzi che tira a botta sicura, Perucchini devia in corner. Tre minuti dopo ci prova Cicconi da buona posizione sulla destra al limite, ancora l’estremo difensore dorico devia in corner. Dall’altra parte, Spagnoli si invola in contropiede e viene fermato con un fallo da Cicconi: l’arbitro estrae solo il cartellino giallo al giocatore della Carrarese. La seguente punizione di Energe da 20 metri non si abbassa sufficientemente e termina sul fondo. Il primo tempo termina così 1-2.

Secondo tempo

La ripresa è più confusionaria rispetto al primo tempo, ma proprio quando l’Ancona segnava essersi rassegnata alla sconfitta è arrivato lo squillo di Saco. Al 53’ i dorici sbagliano un disimpegno difensivo, Capello ci prova dal limite ma la difesa respinge lontano. Dall’altra parte Saco dalla sinistra appoggia indietro verso Spagnoli che calcia dal limite, Bleve raccoglie in presa.

Al 65’ Capello incorna di testa sugli sviluppi di un cross dalla destra, ma non trova lo specchio. Nell’azione seguente Saco si coordina e calcia da 20 metri, la conclusione si stampa ampiamente a lato sul fondo. Siamo al 74’ quando Finotto sulla sinistra entra in area, passa in orizzontale all’indietro dall’altra parte per Zanon che controlla male da buona posizione, la difesa locale spazza in corner.

Passano 6 minuti e il subentrato Vogiatis per l’Ancona calcia da 25 metri sulla sinistra, proprio dalla stessa posizione del gol dell’1-2, ma la traiettoria non si abbassa verso lo specchio. All’84’ Basso fa ripartire i dorici in contropiede dal centro, prolunga verso Cioffi in area sulla sinistra lasciato solo in area, il quale però si allunga troppo il pallone e torna indietro verso i compagni. Quindi ancora Vogiatis tenta l’eurogol da 40 metri, senza troppa fortuna.

Al 90’ Schiavi in area riceve palla dal centro e tenta il pallonetto a giro a sorprendere Perucchini, il tentativo finisce alto sopra la traversa. Due minuti dopo, Cioffi calcia alle stelle un piazzato da 20 metri: alcuni spettatori cominciano già a lasciare il campo dalla tribuna centrale. Poco dopo l’ex Juve Giannetti, entrato in campo nel secondo tempo, sciupa la palla dell’1-3 da buona posizione sulla sinistra.

Minuto numero 94: Saco recupera palla dai 25 metri, triangola con Giampaolo sulla destra e, una volta ricevuto il passaggio dal compagno, calcia a botta sicura, bucando le mani di Bleve. E’ 2-2 ed il “Del Conero” esplode di gioia per un pareggio d’oro.

Terzo risultato utile

L’Ancona, dunque, ferma sul pari la Carrarese all’ultimo respiro. La squadra di Colavitto è stata brava a crederci fino alla fine, andando a raccogliere l’applauso della Curva Nord a fine gara. Gli ospiti si mangiano le mani per non aver portato a casa l’intera posta contro una squadra biancorossa non lucidissima, ma che è riuscita comunque a conquistare il terzo risultato utile di fila.

Con questo pareggio, i dorici salgono a 30 punti in classifica al 14° posto, a +2 dalla Spal momentaneamente in zona play-out. Nel prossimo turno, l’Ancona sfida in casa il Rimini, nella gara della 28^ giornata in programma sabato 24 febbraio alle 16.15.

Tabellino

RETI – 9’ Finotto (C), 14’ Energe (A), 18’ Schiavi (C), 94’ Saco (A)

ANCONA (3-5-2): Perucchini; Pellizzari (46’ Marenco), Cella, Mondonico; Clemente (82’ Basso), Paolucci (63’ Cioffi), Prezioso (63’ Vogiatis), Saco, Martina; Energe (63’ Giampaolo), Spagnoli. All. Colavitto – A disp. Vitali, Testagrossa, Agyemang, D’Eramo, Radicchio, Barnabà, Moretti.

CARRARESE (3-5-2): Bleve; Illanes, Coppolaro (53’ Di Gennaro), Imperiale; Panico (89’ Palmieri), Cicconi, Capezzi, Schiavi, Zanon; Finotto (89’ Giannetti), Capello (80’ Cerretelli). All. Calabro – A disp. Tampucci, Mazzini, Palmieri, Zuelli, Maccherini, Boli.

ARBITRO – Mirabella di Napoli (AA1: Caldirola di Milano; AA2: Brunetti di Milano; AAE: Buzzone di Enna)

NOTE – spettatori: 3244; recupero: 2’ + 7’; ammoniti: Coppolaro (C), Cella (A), Cicconi (C), Clemente (A), Paolucci (A), Illanes (C)

Risultati e classifica – Serie C girone B

27^ giornata: Fermana-Spal 1-1, Torres-Perugia 1-0, Ancona-Carrarese 2-2, Pineto-Olbia 1-0, Arezzo-Recanatese 2-0, Rimini-Pontedera (18/02 ore 18.30), Juventus NG-Lucchese (18/02 ore 20.45), Vis Pesaro-Pescara (18/02 ore 20.45), Gubbio-Entella (19/02 ore 20.30), Sestri Levante-Cesena (19/02 ore 20.45)

CLASSIFICA – Cesena 65*, Torres 56, Carrarese 49, Perugia 46, Gubbio 43*, Pescara 41*, Pontedera 39, Juventus Next Gen 36*, Pineto 36, Arezzo 34, Entella 32*, Rimini 32*, Lucchese 31*, Ancona 30, Vis Pesaro 29*, Spal 28, Sestri Levante 28*, Recanatese 24, Olbia 21, Fermana 18.

NOTE – *: una partita in meno per ogni asterisco

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / Recanatese, si decide per la panchina: tra gli eventuali papabili anche Gianluca Dottori

La società in queste ore sta decidendo se confermare Pagliari o sostituirlo. Altro nome caldo è quello di Marco Alessandrini

VALLESINA, 14 febbraio 2024 – La sconfitta interna contro il Rimini ha creato agitazione in casa Recanatese e la panchina di mister Giovanni Pagliari è in discussione.

In queste ore la società sta valutando il da farsi e non è da escludere la decisione di dare una scossa a squadra ed ambiente.

Se Pagliari sarà sollevato dal suo incarico i nomi più accreditati per la sua sostituzione sembrano essere quelli di Gianluca Dottori e Marco Alessandrini.

Per Dottori, jesino, patentino Uefa A, si tratterebbe di una promozione in quanto già in società come allenatore delle giovanili.

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / Prossimo turno, crocevia fondamentale per le marchigiane

Ognuna alle prese con gravi problemi di classifica, le formazioni della nostra Regione sono attese da importanti risposte sul campo. Su tutte, spicca il derby Fermana-Vis Pesaro

9 febbraio 2024 – In un torneo che sta entrando nel momento cruciale della stagione, le formazioni marchigiane, tutte alle prese con una classifica non certo invidiabile nonostante innumerevoli innesti nel mercato di gennaio, saranno chiamate nel prossimo turno ad importanti risposte sul campo.

Un 2024 non certo benevolo soprattutto per Ancona e Recanatese, che hanno visto gettar via punti importanti e scivolare sempre più in classifica. Vis poi, sempre alle prese con le poche vittorie anche se sempre uscita dal campo con ottime prestazioni, forse la più regolare di tutte, e Fermana ancora relegata in coda alla classifica, ma che ha dimostrato in più di un’occasione di essere più che viva e di voler giocarsi le proprie chanche salvezza sino alla fine.

Il tecnico dei dorici Gianluca Colavitto (foto profilo FB Ancona Calcio)

L’Ancona di mister Colavitto, sarà chiamata domenica a un match da non fallire al “Del Conero” con l’Olbia, formazione attualmente penultima in classifica, che sembra aver perso quella solidità dimostrata nell’ultima stagione. Reduci dalla sconfitta di Alessandria contro la Juve Next Gen, per i dorici sarà fondamentale tornare ad una vittoria per risalire la china verso posizioni più tranquille, e non entrare in un vortice pericolosissimo.

La Recanatese, anch’essa reduce da una pesantissima sconfitta interna per 5-4 col Pontedera, sarà impegnata nel difficilissimo match di Ferrara contro la Spal, grande delusa del torneo, che in settimana ha richiamato in panchina mister “MimmoDi Carlo. Anche se gara dalle mille incognite e dai seri pericoli, gli uomini di Pagliari dovranno evitare di uscire dal “Mazza” senza punti. Anche in questo caso, il rischio sarebbe quello di non avere più certezze dopo un ottimo cammino iniziale, letteralmente “sporcato” dai risultati delle ultime settimane.

Il tecnico della Fermana Stefano Protti (foto profilo FB Fermana Calcio)

Infine, il match più atteso, il derby del “Recchioni” di Fermo tra Fermana e Vis Pesaro. Da una parte, i canarini potrebbero riaprire un campionato sino a qualche settimana sembrato chiuso con una retrocessione annunciata, dall’altra, la Vis che potrebbe dare una svolta a una stagione che sicuramente l’ha vista raccogliere molto meno rispetto a quanto meritato, a causa dei troppi pareggi che ne hanno condizionato il cammino.

Queste le gare in programma tra venerdì, sabato e domenica: Gubbio-Pescara, Pontedera-Arezzo, Rimini-Cesena, Sestri Levante-Perugia, e Spal-Recanatese (venerdì 9 febbraio, ore 20:45), Pineto-Lucchese, Torres-Juventus Next Gen (sabato 10 febbraio, ore 16:15), FermanaVis Pesaro e Virtus Entella-Carrarese (ore 20:45), Ancona-Olbia (domenica 11 febbraio, ore 14:00)

La Classifica: Cesena 59, Torres 50, Perugia 43, Carrarese 42, Pescara 41, Gubbio 40, Pontedera 38, Virtus Entella 31, Juventus Next Gen, Arezzo e Lucchese 30, Pineto e Rimini 29, Ancona, Vis Pesaro e Sestri Levante 25, Recanatese 24, Spal 21, Olbia 20, Fermana 17.

©riproduzione riservata




Calcio Serie B / Ascoli ecco Streng, tanti i movimenti anche in Serie C

Continuano i movimenti di mercato tra le formazioni professionistiche marchigiane. L’Ascoli annuncia Streng, la Recanatese Guidobaldi e Shiba, la Fermana Condello, Fiumanò e Niang

17 gennaio 2024 – Dopo l’ottimo pareggio di Parma che ha portato nuova linfa agli uomini di Castori, la società ha appena annunciato un altro arrivo, quello di David Jeremiah Kristoffersson Streng. Attaccante di origine finlandese classe 2001 proveniente dal SJK Seinajoki, ha vestito tutte le maglie delle selezioni giovanili sino all’Under 20. Streng, si va ad aggiungere ai nuovi acquisti Celia e Valzania, già annunciati nei giorni scorsi. Da registrare anche alcune operazioni in uscita, con le partenze di Gnahorè alla Dinamo Bucarest e di Vincenzo Millico, ceduto invece al Foggia.

Prossimo impegno per i bianconeri, sabato 20 gennaio al “Del Duca” con il Bari, anch’esso uscito rafforzato dal mercato, per un match da non sbagliare per risalire ancora in classifica.

In Serie C l’Ancona, dopo gli arrivi di Giampaolo, Moretti, Mondonico e Prezioso, ha annunciato le partenze di Gavioli al Monterosi e di Kristofferssen alla Pro Sesto. Non sono esclusi comunque, altri movimenti, sia in entrata che in uscita.

(foto profilo FB Recanatese Calcio)

Anche la Recanatese, sempre attenta a cogliere eventuali occasioni sul mercato, ha annunciato il ritorno di Filippo Guidobaldi, attaccante classe 2004 dalla Fiorentina, dopo alcuni mesi di esperienza nel capoluogo toscano, e Christian Shiba, difensore classe 2001 proveniente invece dal Südtirol, dopo l’attaccante classe 2002 Ahmetaj e il difensore Pelamatti, classe 2004, già annunciati.

Il 3 acquisti della Fermana Simone Condello, Filippo Fiumanò e Ousmane Niang (foto profilo FB Fermana Calcio)

Per quanto riguarda la Vis invece, detto della partenza del bomber Sylla, destinazione Perugia, nei giorni scorsi è stato annunciato l’arrivo di Francesco Nicastro, attaccante classe 1991 dal Pontedera, andato in rete proprio domenica scorsa ad Olbia, realizzando il gol decisivo dell’1-0 finale che ha deciso la gara. In uscita invece, Marcandella in direzione Fermo.

La Fermana infine, formazione tra le più attese sul mercato per risolvere una posizione di classifica complicatissima, ha annunciato un tris di acquisti, dopo quelli dell’attaccante classe 2001 Elia Petrilli dalla Pro Sesto, e del pari ruolo Davide Marcandella, classe 1997, dalla Vis Pesaro.

Gli ultimi 3 arrivi invece, riguardano l’attaccante classe 2004 Simone Condello, il difensore classe 2003 Filippo Fiumanò e il centrocampista classe 2002 Ousmane Niang, tutti provenienti dalla Pro Vercelli, ed arrivati con la formula del prestito sino a fine stagione.

©riproduzione riservata




Calcio femminile C / Jesina, solo pari a Villorba nella prima del 2024: 1-1

Le leoncelle in vantaggio con un gol della Mella su rigore sono state raggiunte sul finale (92′) sempre su tiro dagli undici metri. Rammarico per una vittoria mancata

JESI, 14 gennaio 2024 – Dopo una lunghissima, e forse anomala, sosta durata circa 60 giorni si è ritornato a giocare per la 13° giornata del girone d’andata.

La Jesina ha fatto visita al Villorba per cercare punti importanti per disegnare una classifica migliore. La squadra di Casaccia ha retto bene agli assalti della squadra di casa ed anzi ha cercato con insistenza di fare la partita contro una avversaria fisica molto ben disposta a centrocampo.

Il vantaggio su rigore della Mella sembrava aver segnato la svolta ed invece sul finale è giunto il pari delle padrone di casa che ha buttato a monte una vittoria che senz’altro ci stava.

“Partita approcciata beneil commento a caldo di mister Casacciacon delle buone occasioni create sia nel primo che nel secondo tempo. La nostra mole di gioco ci ha portato a sbloccare il risultato nel secondo tempo grazie a un calcio di rigore trasformato da Mella. Nel recupero per un errore di disattenzione abbiamo subito da una nostra palla persa in uscita il rigore del pareggio. Un punto che ci sta stretto ma che ci fa capire che dobbiamo ancora migliorare per ritornare alla vittoria. Spero che il modo in cui è arrivato questo pareggio sia da stimolo per fare bene con il Trento domenica prossima”.

 

VILLORBA – Bianda, Ciferri, Morettin, Cecchinato, Ghezze, Foltran, Sperduto, Rossi, Trevisol, Oleucci, Gava. All. Melissano – A disp. Donadel, Zilli D., Sandi, Bistaffa, Fighera, Storgato, Colombo, Zilli C.

JESINA – Generali C., Zambonelli, Generali F., Costadura, Gambini, Montesi Corda, Crocioni, Mella, Fiorella, Daple Pinto. All. Casaccia – A disp. Piersantelli, Gigli, Modesti, Enriconi, Cavagna, Coscia, Ventura

ARBITRO – Passarotti di Mestre

RETE – 28′ st Mella, 47′ st Foltran

CAMPIONATO SERIE C FEMMINILE

13° GIORNATA risultati

Spal – Treviso 3-1, Riccione – Venezia 1985 1-1,  L’Aquila – Chieti 1-2, Sudtitol – Padova 0-0, Trento – Perugia 5-0, Venezia –  Triestina 2-0,  Vicenza – Merano 2-2, Villorba – Jesina 1-1

CLASSIFICA

Merano 31; Venezia 29; Trento 28; Sudtirol 27; Riccione 25; Venezia 1985 23; Chieti 21; Padova, Villorba 19; Jesina 14; Vicenza,  Triestina 12; Spal 11; L’Aquila 9; Treviso 7; Perugia 0

Promozione, play out, retrocessione

MARCATORI

reti 20: Nischler (Merano); reti 13; Zuanti (Venezia); reti 11 Ponte (Vicenza), Rosa (Trento); reti 8: Longato (Venezia 1985); reti 7: Jasczczyszyn (Spal), Scarpelli (Riccione)

PROSSIMO TURNO 21 gennaio 2024

Chieti – Spal, Treviso – Venezia, Riccione – Sudtirol, Jesina – Trento, Merano – Triestina, Padova – L’Aquila, Perugia – Vicenza, Venezia 1985 – Villorba

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / Il Latina esonera Di Donato, fatali le ultime tre sconfitte consecutive

Il tecnico, ex allenatore leoncello, era al suo terzo campionato consecutivo sulla panchina del club laziale 

VALLESINA, 14 gennio 2024 – Finita la stagione di Daniele Di Donato, ex allenatore della Jesina, sulla panchina del Latina.

Fatale l’ultima sconfitta a Potenza, terza consecutiva. Il Latina, serie C girone C, occupa attualmente la 12esima posizone con 27 punti conquistati frutto di 7 successi e 6 pareggi su 21 gare disputate.

A Di Donato il Latina aveva chiesto ad inizio di stagione almeno di migliorare la posizione della scorsa stagione, obiettivo insomma la settima poszisione, ma gli ultimi risultati hanno indotto il club laziale a cambiare rotta affidando la squadra al vice Esposito che in estate aveva preso il posto di Daniele Bedetti. Quest’ultimo aveva conclusa autonomamente l’esperienza al Latina e, come secondo dello stesso Di Donato, avendo in precedenza lavorato con comtinuità con lui ad Arzignano (promozione dalla serie D alla C), Arezzo (play off), Trapani, Vis Pesaro ed appunto Latina dalla stagione 2021-22.

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / L’Ancona si rafforza con Daniel Giampaolo

L’attaccante classe 1995 ex Recanatese pronto a dare man forte all’undici di Colavitto. Attese anche delle  uscite e da decidere il destino del bomber Spagnoli

ANCONA, 6 gennaio 2024 – Il mercato prosegue e la US Ancona ha messo a segno un altro colpo per quanto riguarda il reparto offensivo. A dare a man forte al tridente d’attacco Energe, Spagnoli, Cioffi c’è Daniel Giampaolo.

Ufficializzato dal club dorico, ha firmato a titolo definitivo fino al 30 giugno 2024 con opzione di rinnovo. Per l’attacante classe 1995 ex Reacnatese, un’operazione “last minute” dato che sembrava già pressoché fatto il passaggio alla Sambenedettese in Serie D (anche se la Recanatese stessa ha rimarcato il fatto che il giocatore in questione era si sul mercato ma senza alcun accordo definitivo con alcuno) ha già realizzato 14 presenze, 1 rete e 1 assist. Presente già nella fortunata stagione  dei giallorossi valsa la promozione tra i professionisti  nel 2022. Giocatore versatile, può essere impiegato sia come seconda punta che lungo le fasce come ala sinistra. In linea quindi con l’idea di gioco di mister Gianluca Colavitto caratterizzato da un gioco di stampo offensivo e di velocità sfruttando le ripartenze.

Ad ogni modo, le operazioni non sono certo terminate qui. Il DS Miccola è già al lavoro nelle operazioni di mercato con l’obiettivo ipotetico di almeno sei uscite. Sulla via dei saluti sembrerebbero Kristoffersen, Peli, Marenco, Nador, Gavioli e Mattioli.

Intanto, domani si ritorna sui campi da gioco e al Del Conero alle 16,15 è attesa la Virtus Entella. Formazione attualmente che rientra nella zona play off con la sua 9º posizione a pari punti con la Lucchese a 24 punti e tre lunghezze avanti la dorica. Quest’ultima ferma a 21 punti, si trova in una zona intermezza tra play out e play off.

Data la classifica corta, necessita quindi di mettere in cascina al più presto punti preziosi per lasciarsi alle spalle definitamente lo spauracchio retrocessione e raggiungere l’obiettivo dichiarato del mantenimento della categoria.

 

20º GIORNATA

Arezzo – Rimini, Fermana – Carrarese, Vis Pesaro – Spal, Juventus Next Gen – Pescara, Torres – Recanatese, Ancona – Entella, Cesena – Olbia, Perugia – Lucchese, Pineto – Gubbio, Sestri Levante – Pontedera.

CLASSIFICA

Cesena 46; Torres 44; Carrarese 34;  Pescara 32; Perugia 30; Pontedera 29; Pineto 27; Gubbio, Entella, Lucchese 24; Recanatese, Arezzo, Rimini 23; Ancona 21; Vis Pesaro, Juventus Next Gen, Spal 19; Sestri Levante 18; Olbia 17; Fermana 13

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / L’Ancona riparte da Prezioso e Mondonico

Ufficializzati i primi due rinforzi  in difesa e a centrocampo con due ritorni per la squadra dorica, Mondonico e Prezioso. Dutu ad un passo dal Francavilla

ANCONA, 3 gennaio 2024 – Il mercato è iniziato ufficialmente ieri, martedì 2 gennaio, e ha già messo a segno i primi colpi in casa biancorossa.

Dopo l’anticipazione di Federico Moretti, il diesse Micciola non perde tempo e come preannunciato si sta adoperando per riportare in squadra giocatori che conoscono già la piazza e il gioco di mister Colavitto al fine di un cambiamento di rotta il più repentino possibile a cominciare da domenica.

Per la prima giornata del 2024, l’Ancona infatti ospiterà al Del Conero la Virtus Entella alle ore 16,15.

Intanto la squadra ieri pomeriggio ha ripreso gli allenamenti e per l’occasione sono stati ufficialmente presentati i primi due arrivi: Davide Mondonico e Mario Prezioso.

foto fonte US Ancona come la stessa in primo piano

Il primo, difensore centrale classe 1997, cresciuto nelle giovanili del Milan è in arrivo dal Renate dove ha collezionato nella stagione in corso 9 presenze e una rete, ha trovato l’accordo con il club dorico a titolo definitivo con contratto fino al 30 giugno 2025.

Mario Prezioso, centrale classe 1996, di ritorno anche lui al club dorico dal Potenza dove da settembre ha avuto 7 presenze con la formula del prestito fino al 30 giugno 2024.

Mondonico, difensore d’esperienza, potrebbe fungere da spalla a Cella e Pellizzari che fino a oggi si sono visti a sprazzi nel corso di questa prima parte di stagione, anche se quest’ultimo sembra sia poi riuscito gradualmente ad emergere dopo i grattacapi di inizio stagione.

Con a centrocampo Prezioso, altro giocatore che come Moretti sa essere veloce, combattivo e versatile ricoprendo più ruoli nella metà campo, il gruppo potrebbe trovare nuovo vigore. Giocatori motivati, da non ultima, una certa voglia di riscatto dopo delle ultime stagioni non proprio eccellenti.

Tra le probabili partenze: Eduard Dutu. Il centrale difensivo classe 2001 di proprietà della Fiorentina, con buone probabilità, starebbe per essere ceduto, dato il poco utilizzo visto finora con la dorica da settembre. Sarebbe pressoché fatta con la Virtus Francavilla.

Altri giocatori già pressoché con le valigie in mano per quanto riguarda il reparto avanzato, Kristoffersen e Mattioli ma anche Nador.

©riproduzione riservata




Calcio a 5 / Finals Cup a Jesi, domani si comincia: la guida completa

Domani inizia al PalaTriccoli la più importante kermesse del futsal regionale: il programma completo e le interviste agli allenatori delle squadre della Vallesina e dintorni coinvolte 

JESI, 3 gennaio 2024 – Il PalaTriccoli di Jesi è pronto ad accendere i riflettori per le Finals Cup di calcio a 5. Tra domani giovedì 4 e domenica 7 gennaio, infatti, il palasport jesino ospiterà le partite della più importante kermesse di futsal a livello regionale, che deciderà i campioni di Coppa Italia Serie C Marche Maschile e Femminile, Coppa Marche Serie D, Under 21, Under 19, Under 17 e Under 15. La manifestazione è stata resa possibile grazie all’impegno dell’Asd Jesi, organizzatrice dell’evento insieme alla Lnd Marche.

Coppa Italia Serie C Marche Maschile, i commenti di Giordano, Pieralisi e Novelli

Le sfide inaugurali della manifestazione saranno quelle dei Quarti di Finale di Finale Coppa Italia Serie C previste per domani, giovedì 4 gennaio. Alle 15 si giocherà Nuova Juventina-Pianaccio, mentre alle 17 sarà la volta di Cagli-Pietralacroce. “Sarà una partita non semplice – spiega l’allenatore-giocatore dei dorici, Renato Giordanodopo tre settimane di stop per le festività. Con il Cagli negli ultimi anni sono state sempre sfide belle e tirate, mi aspetto quindi un match equilibrato fino alla fine”.

Renato Giordano, allenatore-giocatore del Pietralacroce

Alle 19 si prosegue con Gagliole-Caselle, ma alle 21 ci sarà la sfida più attesa, quella tra i padroni di casa dello Jesi e i cingolani dell’Avenale.

“Siamo molto contenti – spiega Gabriele Pieralisi, allenatore della formazione leoncella – perché la federazione ci ha scelti per ospitare queste Finals. Giochiamo al PalaTriccoli, un impianto stupendo: non vediamo l’ora che inizi la kermesse. Speriamo vada tutto per il meglio, dato che abbiamo la responsabilità dell’organizzazione. Parlando della sfida contro l’Avenale, in Coppa la storia ci insegna che i livelli e le categorie valgono fino a un certo punto. Contano principalmente il fattore emotivo, il momento e altre cose che possono far venir fuori risultati a sorpresa.

Mister Gabriele Pieralisi dello Jesi C5

Sarà una sfida molto difficile per noi, anche perché abbiamo i favori del pronostico. L’Avenale ha giocatori molto interessanti e bravi, ne conosciamo diversi che abbiamo affrontato in passato, sono di categoria importante. Il momento che stanno attraversando non rispecchia il valore reale della squadra, che secondo me ha un livello almeno di play-off di C2. Nella partita secca tutto può accadere: chi è più sereno, concentrato e abituato a questo tipo di partite ha più possibilità di andare avanti rispetto al valore della rosa. Aspettiamo questa gara difficilissima e ci auguriamo possa andare nella maniera migliore”.

Simone Novelli, allenatore dell’Avenale

“Sicuramente – risponde l’allenatore dell’Avenale, Simone Novelliil sorteggio ci ha abbinato a una delle squadre favorite per la vittoria finale. Noi ci giocheremo la nostra partita e vedremo come andrà. Sicuramente sarà una bella sfida: stiamo bene e ci siamo allenati nel migliore dei modi in questo periodo di festività. Daremo filo da torcere allo Jesi fino all’ultimo minuto”.

Le semifinali di Coppa Serie C si giocheranno sabato 6 gennaio alle 19 e alle 21, mentre la finalissima è in programma domenica 7 alle ore 18.30 e sarà trasmessa in diretta streaming sul sito www.futsaltv.it.

Coppa Italia Serie C Femminile, il commento di Quinellato

Qualche ora prima, esattamente alle 16.45 di domenica, si giocherà la finale della Coppa Italia Serie C Femminile tra Gls Dorica Torrette Mantovani e Santa Maria Apparente. Si tratta del big match del calcio a 5 in rosa regionale, dato che le civitanovesi precedono di 3 punti in campionato le doriche, allenate da mister Carlos Henrique Quinellato.

L’allenatore della Dorica Torrette Mantovani Femminile, Carlos Henrique Quinellato

“Innanzitutto – spiega l’allenatore – è un bel traguardo aver raggiunto la finale, sia per la società che è in finale per il secondo anno di fila, sia a livello personal, perché nella mia prima esperienza in panchina sono arrivato fino a qu . Penso che abbiamo meritato di giocare questa sfida, per tutto quello che le ragazze stanno facendo da inizio stagione, per l’impegno e la voglia. Sarà un match molto difficile: conosciamo le ragazze del Santa Maria Apparente perché le abbiamo già affrontate in campionato. Sarà una partita molto tattica, dato che hanno giocatrici di qualit, ma io ho fiducia nella mia squadra e per questo sono sicuro che faremo di tutto per portare a casa la coppa”.

Coppa Marche Under 21, il commento di Alianello

L’ultima squadra della Vallesina e dintorni coinvolta nelle Finals è il Real Fabriano, che porta a Jesi la sua squadra Under 21, la quale sfiderà da campione in carica i pari età dell’Italservice Pesaro, nella finalissima di sabato 6 gennaio alle ore 15. “L’anno scorso abbiamo vinto la Coppa – ricorda mister Claudio Alianello-, proveremo a bissare questo risultato. Speriamo che l’ultimo periodo tra covid, influenze e virus intestinali non decimi le due squadre, che meritano inequivocabilmente di disputare questa finale. D’altronde, noi abbiamo perso in casa loro e loro hanno perso in casa nostra: le formazioni sono di livello. Sarà una buona partita tra due squadre abituate a giocare a calcio a 5, che fanno della tattica e della tecnica individuale il loro punto di forza. Spero di avere a disposizione tutti e 12 i ragazzi. Che vinca il migliore: sarà una grande finale!”.

Claudio Alianello, allenatore dell’Under 21 del Real Fabriano

Le altre competizioni

Nella tre giorni jesina del PalaTriccoli, infine, si giocheranno anche gli atti decisivi di altre 4 competizioni.Innanzitutto, si giocheranno semifinali e finali di Coppa Marche Serie D, con una squadra tra San Biagio, Urbino, Grottammare e Futsal Recanati che alzerà il trofeo. Quindi andranno in scena le finalissime di Coppa Marche Under 19 (Fermana-Amici del Centro Sportivo), Under 17 (Fight Bulls Corridonia-Amici del Centro Sportivo) e Under 15 (Amici del Centro Sportivo-Cantine Riunite Tolentino). Come si può notare, la società Amici del Centro Sportivo Mondolfo rischia di mettere a segno uno storico triplete di vittorie nelle finali giovanili.

VallesinaTV sarà presente al PalaTriccoli per seguire le partite di Coppa Italia Serie C, al termine delle quali saranno proposti degli highlights nel canale YouTube della testata. In tutti e 4 i giorni della manifestazione l’ingresso sarà gratuito. L’Asd Jesi si è reso protagonista di un grande sforzo organizzativo, compresi i costi di utilizzo per quattro giorni del PalaTriccoli. Di seguito, il programma completo della manifestazione.

Il PalaTriccoli di Jesi, sede dell’evento

Programma Finals Cup Jesi 2024

Giovedì 4 gennaio – Quarti di Finale Coppa Italia Serie C Marche

  • Nuova Juventina vs Pianaccio – Di Luigi e Capecci di San Benedetto del Tronto– ore 15.00 (A)
  • Cagli vs Pietralacroce – Del Dotto di Fermo, Frelli di Macerata – ore 17.00 (B)
  • Gagliole vs Futsal Caselle – Spadoni e Cognini di Ancona – ore 19.00 (C)
  • Jesi vs Avenale – Petruzzelli e Gobbi di Macerata – ore 21.00 (D)

Venerdì 5 gennaio

  • Finale Coppa Marche Under 19: Fermana-Amici del Centro Sportivo – Angelini di Ascoli Piceno, Giannoni di Ancona – ore 17.30
  • Semifinale Coppa Marche Serie D: San Biagio-Urbino – Scarpetti di San Benedetto del Tronto, Mancini di Fermo – ore 19.30
  • Semifinale Coppa Marche Serie D: Grottammare-Futsal Recanati – Mengoni di Ancona, Olivi di Jesi – ore 21.30

Sabato 6 gennaio

  • Finale Coppa Marche Under 21: Italservice Pesaro-Real Fabriano – ore 15.00
  • Finale Coppa Marche Under 17: Fight Bulls Corridonia-Amici del Centro Sportivo – ore 17.00
  • Semifinale Coppa Italia Serie C Marche: vincente A vs vincente B – ore 19.00
  • Semifinale Coppa Italia Serie C Marche: vincente C vs vincente D – ore 21.00

Domenica 7 gennaio

  • Finale Coppa Marche Under 15: Amici del Centro Sportivo-Cantine Riunite Tolentino – ore 11.30
  • Finale Coppa Marche Serie D – ore 15.00
  • Finale Coppa Italia Serie C Marche Femminile – Gls Dorica Torrette Mantovani-Santa Maria Apparente – ore 16.45
  • Finale Coppa Italia Serie C Marche – ore 18.30

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Serie C / Ancona, il 2024 potrebbe aver portato la firma di Federico Moretti

L’attaccante abruzzese classe 1994, ceduto quest’estate al Brindisi, dovrebbe ritornare: mancherebbe solo l’ufficialità in attesa dell’inizio del mercato in data 2 gennaio

ANCONA, 1 gennaio 2024 – Sembra che il 2024 si stia aprendo con il botto per la US Ancona.

Da giorni girano voci e indiscrezioni circa eventuali ritorni di qualche ex in casa biancorossa a seguito delle parole del ds Francesco Micciola circa il riportare in squadra “uomini di fiducia”.

Mister Colavitto avrebbe difatti già fornito chiare indicazioni su come poter procedere nel mercato invernale di riparazione.

Interventi diventati ormai inevitabili e indispensabili a fronte di una situazione attuale sopratutto in relazione al posizionamento in classifica, che non sta ad oggi gratificando nessuno.

Il Presidente Tony Tiong in primis, come ha fatto sapere nella lettera di auguri di fine anno pubblicata sui canali ufficiali US Ancona, riportandone testuali parole :”dico con franchezza che non sono affatto contento della classifica. Altre volte siamo riusciti a fare bene, ma ad oggi, invece, i risultati non ci danno (per il momento) ragione. Insieme dobbiamo reagire e provare a cambiare l’inerzia di questi eventi. La squadra spesso ha fornito segnali contraddittori. È evidente che non sono soddisfatto. E prosegue  la sola cosa che posso promettere è che non lascerò niente di intentato per migliorare la nostra posizione. A tal proposito, l’Ancona non rimarrà immobile”.

In questi giorni si sono rincorsi nomi di ex quali, Rolfini, Faggioli e Di Renzo tanto per citarne alcuni. Ma il nome più accreditato era sin da subito quello di Federico Moretti. L’attaccante classe 1994, dopo essere stato ceduto al Brindisi nello scorso mercato estivo, stando alle ultimissime indiscrezioni, avrebbe già fatto le valigie direzione Ancona.

Giocatore versatile dalle spiccate potenzialità  sopratutto nelle ripartentenze in contropiede, già nel Matelica si era messo in luce agli occhi del mister campano volendolo con sé anche nella nuova avventura in Serie C con l’Ancona Matelica prima ed oggi US Ancona. Ceduto in estate a seguito del cambio panchina quasi al termine della scorsa stagione con l’arrivo di Marco Donadel, il ripristinato Colavitto, non ci avrebbe pensato due volte a reclamarlo. Da sempre ritenuto uno dei giocatori che meglio si addicono ai propri schemi nonché  alla sua impronta di gioco.

Il mercato invernale inizierà ufficialmente il 2 gennaio, ora non resta che vedere come intenderà procedere la società dorica a riguardo: quando eventualmente dare l’ufficialità di questo primo colpo di mercato, e come voler  procedere con altri acquisti e cessioni.  

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / Derby dell’Adriatico: Ancona e Pescara si dividono la posta in palio

Finisce 1-1 al Del Conero. Un tempo per uno per un match dalle tinte accese, non facendosi troppo del male. Al triplice fischio tutti soddisfatti

ANCONA, 18 dicembre 2023 – 18º giornata, girone di andata.

Allo stadio del Conero si disputa il derby dell’Adriatico tra Ancona e Pescara.

I biancorossi di Gianluca Colavitto sono reduci da due sconfitte consecutive, necessitando di aggiungere punti preziosi ad una classifica relativamente corta. Pescara, di contro, è reduce da tre risultati positivi consecutivi, anche se dovrà fare a meno del tecnico Zeman a causa del recente malore subito.

L’Ancona parte subito bene a ritmi sostenuti guadagnandosi anche il primo angolo della gara. Al 6’ è biancorossa la prima rete firmata Coli Saco, che segna di tacco da un cross arrivato a centro area da Cioffi dalla linea di fondo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Al 17’ arriva la risposta del Pescara con il pareggio di Cangiano: su errore di Vitali, che respinge di pugno al tiro del pescarese, la palla colpisce il palo e finisce alle sue spalle.

Al 27’ altra occasione ghiotta dell’Ancona con Saco di testa ma Plizzari sventa e la palla finisce sopra la traversa.

La gara diventa combattuta e al 31’ Cella fa un bel salvataggio sulla linea su un tiro sicuro di Cuppone.

Dopo l’intervallo bene l’Ancona ma al 18′ altra occasione di Cangiano respinta da Vitali.

Il resto della gara prosegue senza particolari occasioni degne di nota e dopo i 5’ di recupero la parità sta bene a tutti.

US ANCONA: Vitali, Martina, Cella, Gatto(19,46st Nador), Spagnoli, Energe (42’st Gavioli), Cioffi (25’st Peli), Paolucci, Clemente, Pellizzari, Saco (19,46st Basso), A disposizione Testagrossa, Perucchini, Marenco, Agyemang, Kristoffersen, Dutu, Radicchio, Barnabà, Mattioli. All. Colavitto

PESCARA CALCIO: Plizzari, Milani, Sauizzato, Aloi (21,23st Tunjov), Merola (36’st Accornero), Brosco (39’st Di Pasquale), Floriani, Mesik, Cuppone(36’st Tommasini), Dagasso, Cangiano. A disposizione Ciocci, Barretta, Masala, Vergani, Pierno, Mora, Manu, Staver, Moruzzi, De Marco. All. Bucaro

RETI: 6’pt Saco, 17′ pt Cangiano

ARBITRO: Centi di Terni

©riproduzione riservata

IL PUNTO SULLA SERIE C di Michele Grilli (leggi qui…)




Calcio Serie C / Pari e patta tra Ancona e Spal: 2-2

Finisce in parità allo stadio Mazza, un risultato che a poco serve ad entrambe per smuovere la classifica. In gol Paolucci, Peda, Rosafio, Spagnoli

ANCONA, 25 novembre 2023 – Nella giornata contro la violenza sulle donne, le squadre scendono in campo con i rispettivi capitani  con sull’avambraccio le fasce rosse.

Dopo un iniziale botta e risposta, al gol dalla distanza di Paolucci al 5’, risponde la Spal al 13’ con Peda.

1-1 all’intervallo. Nella ripresa gli spallini ribaltano il risultato e passano in vantaggio con Rosalfio al 68’. Ma dopo 8 minuti, come successo nel primo tempo, a parti inverse, la impatta Spagnoli al 76’. 

Un pareggio che serve a poco ad entrambe: la Spal interrompe la striscia di tre sconfitte consecutive ma rimane in zona play out. L’Ancona manca la prima vittoria fuori sede della Colavitto gestione e sale a 20 punti.

SPAL: Alfonso, Bruscagin, Antenucci, Orfei (79’ Fiordaliso),:Bassoli (66’ Valentini), Carraro, Peda, Rao(41’ Rosafio), Tripaldelli (66’ Celia), Maistro, Rao, Puletto (45’ Collodel). A disposizione Meneghetti, Del Favero, Bertini, Rabbi, Parravicini, Saiani, Breit, Dumbravanu, Angeletti. All. Colucci

US ANCONA: Perucchini, Martina, Cella, Gatto (59’Nador), Spagnoli, Energe (88’ Basso), Paolucci (74’ Peli), Clemente, Pellizzari, Gavioli (58’ Cioffi), Saco. A disposizione Vitali, Testagrossa, Marenco, Agyemang, Kristoffersen, Dutu, Radicchio, Barnabà, Mattioli. All.  Colavitto.

RETI: 5’ Paolucci, 13’ Peda, 68’ Rosafio, 76’ Spagnoli

Arbitro: Diop di Treviglio 

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / Derby Ancona – Recanatese la parola all’ex Federico Melchiorri

Il ‘cigno’ giallorosso pronto per la gara di sabato: “tornerò al Del Conero rimanendo concentrato sull’obiettivo: prendere punti”

ANCONA, 16 novembre 2023 – Sabato 18 novembre, ore 18,30, derby marchigiano di serie C Ancona – Recanatese.

La squadra dorica ospiterà infatti al Del Conero i vicini giallorossi per una partita dai risvolti interessanti in chiave classifica.

La Recanatese è ad oggi la squadra marchigiana con il miglior piazzamento nella classifica generale, 21 punti, che le vale la sesta posizione. I dorici, dall’altra, si trovano a metà classifica all’11º posizione, 16 punti a referto.

Melchiorri il giorno della presentazione in Ancona la stagione scorsa – gennaio 2023

Il cambio panchina, ritorno di Colavitto, sembra aver giovato all’Ancona che prova a risalire: in 4 gara disputate è stasta sconfitta solo domenica scorsa in casa della prima della classe, la Torres. La Recanatese dall’altra, sta vivendo un periodo di piena evoluzione e l’ultima vittoria 4-1 sull’Olbia lo conferma. Una delle formazioni più in forma del girone, e il merito è dovuto anche alla presenza di giocatori d’esperienza come Federico Melchiorri. L’attaccante marchigiano classe 1987, è attualmente capo cannoniere tra le file giallorosse con 4 gol all’attivo e sabato i fari saranno puntati anche su di lui, per il suo ritorno al Del Conero da ex.

Il derby è da sempre considerato tra i match più sentiti. Che sensazione sarà tornare, a distanza di pochi mesi, su quel campo dove ha giocato fino a poco tempo prima?

“Il derby non mi preoccupa più di tanto, a dir la verità. È una sfida come un’altra e tornerò ad Ancona con il chiaro scopo di portare a casa punti. Sono concentrato sul mio obiettivo. Stiamo facendo un buon campionato e dobbiamo garantire continuità. Rimango attento, senza lasciare spazio ad emozioni, scenderò in campo cercando di fare una buona gara. Però devo ammettere che lo stadio Del Conero mi piaceva molto. Ha un bel manto erboso, era ben tenuto ed è uno stadio di tutto rispetto per queste categorie. Poi a fare la differenza era la tifoseria, sempre molto calorosa”.

Parlando dei suoi avversari, con il cambio allenatore in 4 gare hanno realizzato 7 punti. Dove pensa che possa arrivare questa Ancona e cosa teme di più del gioco di mister Colavitto? 

“L’Ancona si è rimessa in carreggiata e auguro loro di centrare i play off. A mio avviso hanno le carte in regola per poterci puntare. Ci sono stato per sei mesi, l’anno scorso, e la loro mentalità è quella di fare sempre meglio dell’anno precedente, perciò credo che il loro obiettivo sia almeno centrare i playoff. Cosa temo di più degli avversari? Ovvio che cercheremo di contrastare le tre punte ma rimanendo sempre concentrati sul nostro gioco e la nostra filosofa di giocare”.

Nel corso della sua lunga carriera ha militato in molte squadre, anche di massima serie. Come crede che Recanati abbia fatto il salto di qualità negli ultimi anni, tra Serie D e Lega Pro?

“La Recanatese è una società seria che non ha mai fatto progetti o proclami al di fuori delle proprie potenzialità ed è composta da elementi molto validi nello svolgere le proprie mansioni. Lavorare ogni anno step by step in maniera razionale, selezionando accuratamente gli elementi da inserire a cominciare dallo staff e poi la squadra, li hanno portati ai risultati che vediamo oggi”.

Che differenza sostanziale ha trovato a Recanati?

“A Recanati ho trovato un ambiente molto positivo. Mi diverto a giocare con i compagni e con quello che ci propone il mister. Ho trovato la giusta fiducia e soprattutto mi sento bene fisicamente, fattore fondamentale. In sostanza, si è tutto incastrato nel modo giusto per me”.

La chimica perfetta con chi l’ha trovata in particolare?

“Come detto prima, mi trovo molto bene con tutto l’ambiente. In particolare c’è molta intesa con Sbaffo. Un gran campione che ogni gara ci regala sempre quel qualcosa in più”.

E sabato?

“Cercheremo di mettere questo ‘qualcosa in più.’ Andremo in Ancona a prendere punti essenziali, senza sconti”.

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / La Fermana cede nel finale ad Olbia

Nell’anticipo del turno infrasettimanale i canarini di Protti, dopo essere passati in vantaggio, subiscono la rimonta dei padroni di casa

VALLESINA, 25 ottobre 2023 – La Fermana era attesa dalla trasferta di Olbia per tornare a far punti dopo lo scivolone casalingo di domenica scorsa con l’Entella.

In una gara ricca di colpi di scena, la squadra di mister Protti, dopo essere passata per prima in vantaggio, ha subito la rimonta dell’Olbia che è passato nel finale.

Fermana dunque in vantaggio subito già al 12’ con Montini che, con un bel colpo di testa in tuffo, riesce ad infilare la difesa avversaria.

L’Olbia riparte subito andando più volte vicino alla rete del pareggio, senza trovarla nella prima frazione di gioco, chiusa ancora con il vantaggio dei gialloblù.

Nella ripresa, i sardi spingono di più, trovando il pareggio con l’ariete Ragatzu al 65’, bravo a ristabilire la parità con una bella parabola a giro.

Il portiere della Fermana Alessio Furlanetto, che ha neutralizzato un calcio di rigore (foto sito Fermana Calcio)

Sulle ali dell’entusiasmo per il pareggio appena raggiunto, l’Olbia continua nel forcing cercando la rete del successo, guadagnandosi un calcio di rigore al 71’ con Nanni. Sul dischetto ancora Ragatzu, ma il bomber questa volta si fa ipnotizzare dall’estremo difensore della Fermana Furlanetto che intuisce la sfera.

Nonostante lo scampato pericolo, la Fermana subisce ancora il pressing dei padroni di casa, siglano la rete del successo con Dessena, altro giocatore di rilievo della squadra di casa, che all’86’ regala la vittoria ai suoi.

 

L’attaccante gialloblù Mattia Montini, autore della rete del vantaggio (foto sito Fermana Calcio)

Per la Fermana, ancora una sconfitta che relega la squadra al penultimo posto in classifica, in attesa di vedere cosa riuscirà a fare il nuovo tecnico, alle prese però, con una squadra ancora giovane che andrà comunque rinforzata, non appena la riapertura del mercato lo consentirà.

Tra gli altri anticipi, importantissimo successo della capolista Torres che, vincendo a Pescara 2-1, contro la seconda forza del torneo, allunga in vetta, portando il proprio vantaggio a 6 punti dagli abruzzesi. Pareggio per 1-1 infine, tra Gubbio e Juventus Next Gen.

Le altre marchigiane scenderanno in campo invece giovedì.

L’attenzione sarà tutta volta al “Del Conero” per vedere all’opera il nuovo tecnico dei dorici Colavitto, tornato nel capoluogo dopo l’esonero dell’ex mister Donadel, cui è stato fatale il pessimo avvio di torneo.

Altra gara da non perdere, Recanatese-Perugia, con i leopardiani chiamati ad un pronto riscatto dopo la sconfitta nel derby di Pesaro.

Pesaresi invece all’opera a Pontedera, in una gara ricca di insidie, che dovrà confermare però l’ottimo momento della squadra di Banchieri.

Questi i risultati delle gare di oggi: Gubbio-Juventus Next Gen 1-1, Olbia-Fermana 2-1, Pescara-Torres 1-2

Queste invece le gare di giovedì 26 ottobre: Ancona-Arezzo, Carrarese-Pineto, Pontedera-Lucchese, Rimini-Vis Pesaro e Spal-Sestri Levante (giovedì 26 ottobre, ore 18:30), Recanatese-Perugia e Virtus Entella-Cesena (ore 20:45)

La classifica parziale dopo le gare di oggi: Torres 26, Pescara e Cesena 20, Perugia 17, Carrarese e Gubbio 16, Recanatese 13, Lucchese e Pineto 12, Virtus Entella, Arezzo e Olbia 11, Pontedera 10, Vis Pesaro e Ancona 9, Spal, Sestri Levante e Juventus Next Gen 8, Fermana 6, Rimini 5.

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / Ancona, in panchina ritorna Guanluca Colavitto

Questa la scelta della società dopo l’esonero in mattinata di Donadel. Il mister, che era sotto contratto, sarà in panchina giovedì in casa contro l’Arezzo

VALLESINA, 23 ottobre 2023 – L’Ancona dopo l’esonero in mattinata di Donadel ha deciso di richiamare per la guida tecnica della squadra Gianluca Colavitto: “L’U.S. Ancona comunica – si legge – di aver affidato la guida tecnica della squadra a Gianluca Colavitto. Il tecnico ritorna in biancorosso con il vice Marco Noviello. Domani, martedì 24 ottobre, presso il “Paolinelli”, dirigerà l’allenamento per preparare la gara casalinga con l’Arezzo. La società augura al mister un sincero in bocca al lupo”.

©riproduzione riservata




Calcio / Daniele Bedetti: «l’Eccellenza ormai una D/2. Un plauso alla Jesina»

L’ex vice allenatore del Latina Daniele Bedetti, jesino doc, fa un primo bilancio del cammino delle marchigiane nei rispettivi tornei, tra conferme, sorprese e delusioni

Il tecnico Daniele Bedetti, ex allenatore del settore giovanile della Jesina, vice di Bacci e di Di Donato in prima squadra e, successivamente, match analyst di Di Donato ad Arzignano e vice dello stesso ad Arezzo, Trapani, Vis Pesaro e Latina, fa un primo bilancio delle nostre formazioni impegnate nei tornei di C, D ed Eccellenza.

Mister Daniele Bedetti

Bedetti, dopo metà girone di andata, è già tempo di primissimi bilanci. Cosa ne pensi delle marchigiane impegnate in Serie C?

».

In Serie D, nel girone F, ci sono altre 5 marchigiane, ognuna con i suoi obiettivi, come le vedi?

».

Anche l’Eccellenza, quest’anno più competitiva che mai, ha già visto moltissime sorprese.

«L’Eccellenza è diventata ormai una vera e propria D/2 per il nome delle piazze, il blasone e la portata della loro storia. Ci sono formazioni indicate alla vigilia come delle “ammazzacampionato” che non stanno rispettando le attese, come Tolentino, Maceratese, Osimana e Sangiustese. Stanno invece facendo benissimo ad esempio, Urbino, Urbania e Montefano, con un bravissimo allenatore come Mariani, che ogni anno fa compiere un passo in avanti alla squadra, dotata poi di grande solidità difensiva. È un campionato davvero avvincente. Penso comunque, che i valori effettivi delle rose debbano venire ancora fuori. Il campionato è ancora tutto da scrivere, con Tolentino e Maceratese che potrebbero avere una grande spinta dai nuovi tecnici. Penso davvero sia prematuro dare giudizi oggi».

La “tua” Jesina infine, sta andando al di là delle più rosee aspettative, trascinata da un Trudo straordinario in queste prime gare.

«L’emblema è che nel calcio non c’è mai una regola scritta. Credo che vada fatto un plauso ad allenatore e società. Essi stanno facendo un lavoro egregio con una rosa non di primissimo piano, che si sta rivelando invece, importante. Ci sono giovani che si stanno riconfermando come Lucarini, Giovannini, Garofoli, altri che costituiscono liete sorprese come Re o Marcucci, ed altri ancora, dei veri e propri evergreen come Trudo e Zandri, che sono riusciti a far bene grazie al lavoro quotidiano. Nessuno avrebbe scommesso sugli 11 punti attuali della Jesina. La bravura sta nel saper allenare giocatori e dare i giusti stimoli. Nel caso della Jesina, non penso sia un fuoco di paglia. La squadra ha espresso solidità in tutti i reparti, in ogni gara. Penso che i punti siano stati tutti meritati, e dovranno essere utilizzati ora per lavorare con tranquillità».

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / L’Ancona prova il colpaccio ma raccoglie solo un punto a Rimini

Dorici in vantaggio nel primo tempo con Basso. I padroni di casa pareggiano nella ripresa su rigore per mani di Martina con Morra

ANCONA 23 ottobre 2023 – Termina 1-1 allo stadio “Romeo Neri” di Rimini.

L’Ancona tenta il colpaccio, lo trova inizialmente Basso al termine della prima frazione che vede i dorici creare tante occasioni. Ma è durante la ripresa che i padroni di casa con Morra impattano dagli 11 metri, cambiando volto alla partita. Al triplice fischio, un punto ciascuno che sostanzialmente non smuove di tanto la classifica.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Mister Troise schiera un 3-5-2 così come l’avversaria. La prima occasione è del Rimini con Lamesta sulla destra ma il cross va lungo e diventa facilmente preda della difesa dorica. Il Rimini prova a fare il proprio gioco ma l’Ancona difende bene.

Al 7’ calcio d’angolo per l’Ancona, gli ospiti in questa prima fase creano tante occasioni specie su calci da fermo cercando di dare linea al proprio gioco.

Rimini al 36’ prova l’affondo con Ubaldi, ma la difesa dorica sventa. I dorici alzano il baricentro senza mai concludere. Al 43’ Basso sblocca la partita: parte il cross di Martina dalla sinistra, Spagnoli fa sponda per Basso che a tu per tu con il portiere insacca.

Alla ripresa cambi per i locali che iniziano il secondo tempo con un 4-3-3, cambi che risulteranno poi provvidenziali. Al 56’ pareggio del Rimini che sfrutta un errore della difesa dorica: il giocatore locale batte la punizione ma Martina tocca con un braccio e per il giudice di gara è penalty. L’ultimo entrato Morra non sbaglia dagli 11 metri riaprendo di fatto i giochi.

Il Rimini acquista sempre più sicurezza costringendo Donadel a schierare due punte, Energhe e Kristoffersen al posto di Spagnoli e Pellizzari. Prova ancora il Rimini a riaffacciarsi dalle parti di Perucchini ma la difesa dorica riesce sempre a sventare le incursioni avversarie.

Nel recupero ultima occasione dell’Ancona da corner battuto da Paolucci, anticipo di Basso che tenta il colpo ma Colombi blocca, mettendo fine definitamente ad ogni ambizione dei biancorossi ospiti.

RIMINI FOOTBALL CLUB (3-5-2): Colombi, Pietrangeli, Gigli (Semerano 76’), Megelaitis, Lombardi (Rosini 86’) Langella, Ubaldi (Morra 46’), Acampa (Capanni 46’), Iacoponi (Tofanari 46’), Lampesta, Lepri. A disposizione Colombo, Gorelli, Stanga, Bouabre, Leoncini, Selvini. All. Troise

US ANCONA (3-5-2): Perucchini, Dutu, Marenco, Martina, Pellizzari (Energhe 85’), Nador (Gatto 46’), Paolucci, Basso, Clemente (Gavioli 76’), Cioffi, Spagnoli (Kristoffersen 85’). A disposizione Vitali, Testagrossa, Cella, Ayemang, Radicchio, Mattioli, Saco. All. Donadel

RETI: 43’ Basso, 55’ Morra

Arbitri: Manzo di Torre Annunziata, Rinaldi di Lodi e Russo di Nichelino.

9º GIORNATA, 22 ottobre 2023

Fermana – Entella 0-2; Juventus Next Gen – Perugia 0-2; Torres – Pontedera 0-0; Gubbio – Olbia 1-0; Lucchese – Pescara 1-4; Pineto – Cesena 1-1; Rimini – Ancona 1-1; Pesaro – Recanatese 1-0. Sestri Levante – Cararrese, Arezzo – Spal.

CLASSIFICA
Torres 23; Cesena, Pescara 20; Perugia 17; Carrarese 16; Gubbio 15; Recanatese 13; Lucchese, Pineto 12; Entella 11; Pontedera 10; Pesaro, Ancona 9; Spal, Arezzo, Olbia 8; Juventus Next Gen 7; Fermana 6; Sestri Levante, Rimini 5.

PROSSIMO TURNO, 10º giornata

Gubbio – Juventus Next Gen, Olbia- Fermana, Pescara – Torres, Ancona – Arezzo, Carrarese – Pineto, Pontedera – Pesaro, Rimini – Lucchese, Spal – Sestri Levante, Recanatese – Perugia, Entella – Cesena

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / Tanti gol e un punto a testa nel derby di Ancona, colpo Recanatese

Pareggio ricco di gol nel derby al “Del Conero” tra Ancona e Vis: 3-3. Exploit Recanatese a Rimini (2-3), in una girandola di emozioni

VALLESINA, 8 ottobre 2023 – Dopo i verdetti della Coppa Italia, che ha visto in settimana l’eliminazione dal trofeo di Ancona e Recanatese, eliminate in casa rispettivamente da Pineto e Vis Pesaro, le marchigiane erano attese oggi da impegni importanti per confermare i rispettivi passi avanti registrati nell’ultimo turno.

In attesa del posticipo di lunedì che vedrà la Fermana di Bruniera impegnata al “Recchioni” col Perugia, oggi il calendario prevedeva un interessantissimo derby tra Ancona e Vis Pesaro e il match RiminiRecanatese.

Il match al “Del Conero”, ricco di emozioni e gol, è finito in parità con un 3-3 che ha visto le due squadre rincorrersi e compiere anche qualche errore difensivo di troppo. Ancona in vantaggio per prima grazie alla rete di Spagnoli al 12’, ma la Vis è riuscita a reagire subito pareggiando al 26’ con Di Paola. Neanche il tempo di riprendere il match, che gli ospiti sono riusciti nella rimonta grazie alla rete del vissino Mattioli al 31’, concludendo il primo tempo in vantaggio.

Nella ripresa, l’Ancona è riuscita a ristabilire la parità al 48’ con Basso. Non paghi, gli uomini di Donadel hanno spinto sull’acceleratore compiendo a loro volta il sorpasso al 90’ con Agyemang. Quando tutto sembrava ormai deciso, la Vis ha avuto l’ultimo scatto d’orgoglio trovando la rete del definitivo 3-3 con Sylla al 92’, regalando a mister Banchieri un punto preziosissimo.

Il vissino Sylla, autore della rete del 3-3 al “Del Conero” (foto profilo FB Vis Pesaro Calcio)

L’attaccante della Recanatese Gianluca Carpani (foto profilo FB Recanatese Calcio)

A Rimini invece, la Recanatese è riuscita a portare a casa l’intera posta in palio, dopo aver ipotecato in un primo momento la gara, subendo però, successivamente, la rimonta del Rimini. La squadra di Pagliari infatti, è andata per prima in vantaggio già al 2’ con Carpani. Poco dopo, all’8’, è stato il solito Melchiorri a colpire ancora e a portare al doppio vantaggio i suoi.

Il Rimini però, è riuscito ad accorciare le distanze pochi minuti prima della pausa al 47’ con Lamesta, riaprendo di fatto la gara. Nella ripresa, i romagnoli hanno spinto ancora pervenendo al pareggio allo scadere, al 91’, con Morra. La Recanatese però, all’ultimo sussulto, è riuscita a trovare la rete decisiva con Longobardi al 92’, bravo a regalare 3 punti importantissimi ai suoi.

Per quanto riguarda la classifica, da registrare la sorprendente Torres di mister Greco, primatista assoluta con ben 21 punti in 7 gare, frutto di un cammino straordinario fatto di sole vittorie.

RISULTATI

Torres-Luchese 2-0, Virtus Entella-Olbia 3-1, Pineto-Pontedera 4-1, Spal-Pescara 1-2, Ancona-Vis Pesaro 3-3, Rimini-Recanatese2-3, Sestri Levante-Juventus Next Gen 0-0

Arezzo-Cesena, Fermana-Perugia e Gubbio-Carrarese (lunedì 9 ottobre, ore 20:45)

CLASSIFICA

Torres 18, Pescara 16, Cesena 15, Carrarese 13, Lucchese 11, Perugia e Recanatese 10, Gubbio 9, Ancona, Pineto, Arezzo e Olbia 8, Juventus Next Gen 7, Pontedera e Spal 6, Vis Pesaro, Fermana e Virtus Entella 5, Rimini e Sestri Levante 4.

©riproduzione riservata




Calcio Serie C / L’Ancona si presenta: cori, bandiere e fumogeni

Al Passetto un bagno di folla. Patron Tiong “basi solide per questa società”. Mauro Canil: “a breve, l’inizio del lavori della cittadella sportiva”

ANCONA, 31 agosto 2023 – L’US Ancona  mette il Passetto in festa per la presentazione della stagione sportiva 2023/24.

Il celebre monumento dei caduti, simbolo per eccellenza del capoluogo marchigiano, è stata la location scelta dalla società biancorossa per presentare ai propri  supporter squadra e staff a pochi giorni  dal fischio di inizio ufficiale.

Una kermesse in grande stile per omaggiare sia Ancona città che tutti gli  irriducibili  sostenitori.

Prima dell’arrivo del bus della squadra, sono stati presentati  tutti i ragazzi dei settori giovanili: come da sempre sostenuto, il progetto include anche l’investire sui piccoli campioni di domani.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La serata è stata aperta, dopo l’arrivo della prima squadra, con l’introduzione  del Patron Mauro Canil, che ha riportato le parole del Presidente  Tony Tiong: “stiamo lavorando per costruire delle basi molto solide per questa società”. Canil ha inoltre confermato che il progetto riguardante la costruzione del centro  sportivo sta dando avanti: dopo l’assegnazione del lotto, si è in attesa di superare gli  ultimi step burocratici come l’assegnazione definitiva che, ha anticipato, avverrà a breve. Riconoscenza espressa inoltre al presidente per l’impegno messo in questo progetto con la promessa dell’ormai imminente  inizio dei lavori. Entro il 2023 o inizio del prossimo anno.

Soddisfazione inoltre  per il raggiungimento degli oltre 2200 abbonamenti  e gratitudine ai supporter per la vicinanza mai venuta meno alla squadra.

Dopo i ringraziamenti finali, l’intervento dell’AD Roberta Nocelli che ha confermato quali siano i pilastri fondamentali: “grazie per averci creduto sempre, sia quando perdiamo che quando vinciamo. L’importante è tenere vivo questo concetto, per me fondamentale: sudare la maglia e aver rispetto per questo colori.” Con l’iniziativa, per l’occasione, di prolungare per altri due giorni i prezzi ridotti degli abbonamenti. Lo scopo dichiarato è di riaccendere interesse verso la squadra cittadina.

Alla serata presente anche un ospite d’eccezione: l’anconetano doc, neo campione mondiale di fioretto Tommaso Marini. “Dopo il recente intervento al legamento della spalla, spero di riprendere il prima possibile gli allenamenti. Vincere un mondiale e sentire  il popolo italiano vicino è stato fantastico. – e riguardo l’Ancona – “avete una grande fortuna  ad avere così tanti tifosi che vi supportano e che vi danno la carica.  È fondamentale per un atleta. Io ci sono nato con l’Ancona essendo mio padre uno storico tifoso. Ho una maglietta regalatami  da lui come atto scaramantico per il mio primo mondiale dove vinsi l’argento. In tutte le gare decisive, ora la indosso sempre.”

Dopo l’intervento di Marini, si è passato alla presentazione della squadra vera e propria. Gli interventi del DS Francesco  Micciola e il Supervisore dell’Area Tecnica Roberto  Ripa, anticipando l’arrivo di un ultimo innesto, un esterno. Infine giocatori, staff e le maglie della nuova stagione.

Per concludere, l’Amministratore Delegato Nocelli ha espresso lode per l’iniziativa Integration League. La squadra di calcio allestita dalla società composta dai rifugiati e alcuni tifosi.

©riproduzione riservata




Calcio serie C / Per le marchigiane si avvicina l’esordio in campionato

A due settimane dall’inizio del torneo di serie C, Ancona, Fermana, Recanatese e Vis Pesaro continuano a lavorare tra ulteriori arrivi e partenze, per farsi trovare pronte al via

Jesi, 19 agosto 2023 – Mancano solamente 2 settimane al via del campionato di serie C girone B, che vedrà quest’anno protagoniste sempre 4 formazioni marchigiane: Ancona, Fermana, Recanatese e Vis Pesaro.

Con tante novità nel girone, Arezzo, Juventus Next Gen, Spal, Perugia, Pescara, Pineto e Sestri Levante, il torneo si preannuncia sempre difficilissimo, ma al tempo molto affascinante.

Uscite intanto date ed orari della prima gara ufficiale, che prevede già un turno spezzatino. Questi gli orari: Carrarese-Fermana, Gubbio-Pineto, Lucchese-Perugia, Pontedera-Sestri Levante e Rimini-Arezzo venerdì 1 settembre alle ore 20:45, Pescara-Juventus Next Gen, Recanatese-Torres, Spal-Vis Pesaro, Virtus Entella-Ancona, sabato2 settembre ore 20:45 e Olbia-Cesena, domenica 3 settembre ore 20:45.

L’Ancona continua a sudare allo stadio “Dorico”, tornato ad essere quartier generale dei biancorossi, in attesa di effettuare un’amichevole nel pomeriggio a Teramo contro il Monterosi Tuscia, formazione di serie C inserita nel girone B.

Le ultime novità, riguardano l’arrivo dall’Atalanta dell’esterno classe 2000 Lorenzo Peli. Nella scorsa stagione, Peli ha militato prima nel Novara, per poi passare in corso di stagione con il Pontedera, scendendo in campo 13 volte e realizzando 4 reti.

La Fermana, partita in ritardo, terminato il ritiro di Sefro sta accorciando i tempi per allestire una rosa che sia al più presto pronta per il torneo. Dopo alcuni importanti arrivi di giovanissimi provenienti dal settore dell’Inter ed altri rinforzi, i gialloblù di mister Bruniera sono alla ricerca di uomini di sostanza ed esperienza da affiancare ad una rosa ancora inesperta per un torneo di livello come la C.

Il DS Galassi è comunque al lavoro a tempo piano per cercare di recuperare tutto il tempo perduto.

Il nuovo attaccante giallorosso Destiny Egharevba (Foto profilo ufficiale FB Recanatese Calcio)

La Recanatese, che ha confermato gran parte dell’ossatura della precedente stagione con innesti di qualità, su tutti, Federico Melchiorri, ha annunciato nelle ultime ore un’ultima novità, l’attaccante classe 2003 di scuola Fiorentina, Destiny Egharevba.

Percorso inverso invece, è stato compiuto dal giovanissimo Filippo Guidobaldi, messosi in grande evidenza con la formazione Primavera giallorossa nella scorsa stagione, siglando anche 1 gol in serie C nel derby con l’Ancona.

Il giovanissimo centrocampista biancorosso Mattia Gulli (Foto profilo ufficiale FB Vis Pesaro Calcio)

Grande soddisfazione ovviamente, è stata espressa da tutta la società per l’esito dell’operazione che vede un altro giovane spiccare il volo verso palcoscenici importantissimi.

La Vis Pesaro infine, ha annunciato l’ingresso definitivo in prima squadra del giovanissimo Mattia Gulli, centrocampista classe 2003, proveniente dalla Primavera biancorossa, in passato anche nella Primavera del Pisa.

Intervento al ginocchio invece per Davide Zagnoni, che ritornerà disponibile tra circa un mese.

Nel pomeriggio intanto, la squadra parteciperà ad un triangolare a Corticella (BO), insieme alla locale formazione ed il Trento, militante in serie C girone A, per dei test sicuramente indicativi per mister Banchieri.

©riproduzione riservata




Calcio serie C / Terminati i ritiri per le marchigiane, tante ancora le novità

Tutte le marchigiane ritornate ormai a lavorare in sede. Tanti i volti nuovi annunciati negli ultimi giorni da Ancona, Fermana e Vis Pesaro. Amichevole Portuali Ancona – Ancona 1-2

VALLESINA, 12 agosto 2023 – Con il rientro in sede di Ancona e Fermana, che hanno lasciato i rispettivi ritiri di Cingoli e Sefro, ultime a rientrare a “casa”, si chiude ufficialmente la prima fase della stagione 2023/24.

L’Ancona ha disputato una amichevole al ‘Giuliani’ di Torrette ospite dei Portuali. Il match test è terminato 2-1 a favore dell’undici di Donadel che nella ripresa è andato in gol con Mattioli e Lombardi su rigore. Sul finale i padroni di casa hanno accorciato con Polenta. 

Tutto ancora aperto invece, per quanto riguarda la costruzione delle rispettive rose, con tanti annunci arrivati nelle ultime ore da parte di Ancona, Fermana e Vis Pesaro. Recanatese invece che, mossasi prima delle altre sul mercato tra conferme ed arrivi, è in cerca ormai solo di qualche elemento che completi la rosa, senza alcun affanno.

Per quanto riguarda i dorici, nelle ultime ore ufficializzato l’attaccante classe 2002 Antonio Cioffi, cresciuto con il settore giovanile del Napoli sino ad arrivare in prima squadra, prima di passare al Pontedera, dove ha giocato nell’ultima stagione collezionando 31 presenze e 6 reti. Si tratta di un tassello importante per la formazione biancorossa, da tempo alla ricerca di un elemento di valore in avanti. Ma il lavoro per il DS Micciola non è ancora finito.

I nuovi acquisti della Fermana Dennis Curatolo e Nicolò Biral (Fonte Profilo FB Fermana Calcio)

Altri due arrivi invece per la Fermana, squadra partita in grandissimo ritardo rispetto alle altre, che è riuscita a piazzare due importanti colpi sul mercato, in prospettiva futura. Si tratta infatti di due elementi giovanissimi scuola Inter: Dennis Curatolo e Nicolò Biral, il primo attaccante, il secondo esterno, entrambi classe 2004.

Curatolo, fiore all’occhiello del settore giovanile nerazzurro, vanta anche alcune convocazioni sia in campionato che in Champions League, ed ha concluso due stagioni fa il torneo Under 18 sempre con la maglia dell’Inter, realizzando 14 reti in 20 presenze. Nell’ultima stagione invece, ha realizzato 4 reti con la formazione Primavera dei nerazzurri.

Biral è cresciuto invece nel settore giovanile dell’Atalanta, passando successivamente a quello dell’Inter, giocando lo scorso torneo con l’Under 18, mettendo a segno 1 gol nelle 9 presenze effettuate.

A proposito della riorganizzazione societaria che ha riguardato la società canarina, questo il comunicato ufficiale con il quale si è voluto far chiarezza sull’attuale momento gialloblù: «La Fermana FC ha in corso un importante processo di riorganizzazione interna volto ad una stabilizzazione della governance societaria. Pertanto nella giornata di ieri si è svolta una riunione societaria programmata da tempo e che si è rivelata essere estremamente proficua. Tutta la società tiene a smentire qualsiasi “terremoto” all’interno del sodalizio gialloblù e non si capacita di come la stampa locale sia sempre pronta a cercare polemiche e ipotetici dissidi all’interno del club canarino, che nella scorsa stagione in tutte le sue componenti ha realizzato un lavoro egregio riuscendo a mantenere la categoria e guadagnandosi sul campo il settimo anno consecutivo di Lega Pro. La Fermana FC ha a cuore i tifosi, gli sponsor e tutta la città di Fermo. In merito all’articolo uscito online in serata, il club vuole chiarire di anteporre a tutti i livelli il merito professionale e a tal scopo la società si sta avvalendo dei migliori consulenti possibili per provvedere ad un riassetto societario sempre più imminente. Ulteriori informazioni saranno fornite nei prossimi giorni a tutela della società, dei tifosi e della Città di Fermo che meritano il meglio».

Angelo Foresta, l’ultimo rinforzo annunciato dalla Vis Pesaro (Fonte Profilo FB Vis Pesaro Calcio)

Novità infine, anche per la Vis Pesaro, che ha presentato alla stampa il giovane Angelo Foresta dal Sassuolo. Centrocampista classe 2004, Foresta è cresciuto nelle giovanili di Parma e Sampdoria. Con la maglia neroverde, Foresta ha anche vinto le ultime edizioni 2022 e 2023 del prestigioso “Torneo di Viareggio”. Oltre all’ex Sassuolo, annunciato l’arrivo anche dell’ex Chieti Francesco D’Innocenzo. Centrocampista, D’Innocenzo è cresciuto nel settore giovanile del Pescara, prima di passare al Chieti dove ha collezionato 30 presenze nell’ultimo torneo di serie D.

Il nuovo arrivo in casa biancorossa, Francesco D’Innocenzo (Fonte profilo FB Vis Pesaro Calcio)

Da segnalare anche alcuni movimenti in partenza, che hanno riguardato Fabio Gavazzi, ceduto alla Virtus Francavilla, Nicola Rastelletti, ceduto in prestito al Barletta e Giovanni Gambino, ceduto in prestito al Casarano. Rescissione consensuale invece, per Tomas Sosa e Mamadou Bara Ngom.

©riproduzione riservata




Serie C / Ancona, un altro pareggio: 1-1 contro il Corticella a Cingoli

Succede tutto nella ripresa: dopo il gol di Lombardi il pareggio su rigore di Trombetta; presente il sindaco di Ancona Silvetti

CINGOLI, 9 agosto 2023 – L’Ancona pareggia ancora. L’ultimo allenamento congiunto del ritiro di Cingoli contro il Corticella (Serie D), infatti, è terminato 1-1. Succede tutto nel secondo tempo: al gol di Lombardi in avvio di ripresa ha risposto Trombetta su rigore. I dorici hanno colpito anche due traverse nei secondi 45 minuti.

Primo tempo

Il primo tempo non regala grandi emozioni, con mister Donadel che fa partire dall’inizio le seconde linee. Al 3’ Martelli arriva in presa su una punizione di Lombardi dalla destra, mentre tre minuti più tardi Vitali è bravo a respingere un potente piazzato di Trombetta. Al 7’ Moretti dalla destra crossa in mezzo per Simonetti, il quale non riesce a deviare bene di testa: Martelli riesce a recuperare il pallone senza grossi patemi.

Minuto numero 16: Farinelli sulla sinistra si libera bene in area con una finta, mette in mezzo ma non trova nessun compagno, consentendo agli anconetani di recuperare il possesso. Passano tre minuti e Moretti ha una grossa occasione da centro area sugli sviluppi di un corner: la conclusione è troppo debole e non sorprende Martelli. Al 35’ Lombardi si libera bene sulla destra e prolunga in area di rigore verso Mattioli che tira, Martelli respinge lontano. Il primo tempo termina 0-0.

Secondo tempo

La ripresa si apre con il vantaggio dell’Ancona. Nemmeno 20 secondi, infatti, e Simonetti si libera di un avversario tra le linee e vede Lombardi solo in avanti, che raccoglie il passaggio del compagno, entra in area e supera Martelli con un bel diagonale, per l’1-0 dei biancorossi in maglia bianca. Subito dopo il Corticella colpisce un palo con Trombetta a tu per tu con Vitali. Al 55’ è Lombardi a colpire una traversa dopo una punizione ben calciata. Dall’altra parte Rocchi si libera bene sulla destra di un difensore, Trombetta approfitta di una deviazione in area e calcia, trovando l’esterno della rete.

Al 59’ Lombardi batte una punizione in mezzo, Marenco è sulla traiettoria e colpisce di testa, senza trovare lo specchio a due passi dalla porta. Nell’azione successiva, il Corticella si guadagna il calcio di rigore che Trombetta realizza tirando centrale e spiazzando Vitali, per l’1-1. A questo punto Mister Donadel inserisce i giocatori più rappresentativi della squadra, nel tentativo di vincere la sfida. Al 77’ Energe batte un calcio d’angolo e trova la testa di Bugari, il quale non riesce a centrare la porta. Passano 5 minuti e lo stesso Energe colpisce una traversa da centro area al termine di una bella azione manovrata. Nei minuti finali, le occasioni di Mazzoni ed Energe non riescono a schiodare il risultato dall’1-1, mentre il match si conclude con un tiro al volo dai 30 metri di Lo Giudice che finisce di poco alto sopra la traversa.

Secondo pari consecutivo per l’Ancona

Dopo lo 0-0 contro il Ravenna, l’Ancona pareggia 1-1 contro il Corticella, altra formazione emiliana di Serie D. Non è stato un allenamento congiunto emozionante, con ritmi di gara ancora troppo bassi, vista la condizione dei giocatori reduci dalle fatiche della preparazione pre-campionato. Al match ha assistito anche il sindaco di Ancona, Daniele Silvetti. I ragazzi di Donadel resteranno a Cingoli fino a sabato 12 agosto, per poi proseguire la preparazione ad Ancona.

Tabellino

ANCONA – Vitali (63’ Perucchini), Barnabà (61’ Dutu), Agyemang (61’ Martina), Useini (46’ Paglialunga), Marenco, (73’ Cella), Camigliano (61’ Basso), Lombardi (73’ Mazzoni), Gatto (73’ Nador), Mattioli (73’ Spagnoli), Simonetti (73’ Energe), Moretti (61’ Bugari). All. Donadel – A disp. Paolucci, Testagrossa, Bugari.

CORTICELLA – Martelli, Prasso (57’ Farinelli), Cavallini (57’ Sarni), Chimangui, Ferretti, Amayah (85’ Mezzadri), Farinelli (46’ Rocchi), Bertani (76’ Lo Giudice), Trombetta (85’ Allegrucci), Mordini (85’ Bottura), Gozzo (46’ Biondelli). All. Miramari – A disp. Cuccoli, Bonetti, Rocchi.

RETI – 46’ Lombardi (A), 60’ Trombetta su rigore (C)

NOTE – recupero 5’ + 4’; ammoniti: Mordini (C), Basso (A); spettatori: circa 150

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata