Prima Categoria C / Continua la maledizione Montecosaro per la Cingolana SF tra mille rimpianti: 0-1 allo “Spivach”

Santagata al 41′ firma la terza vittoria consecutiva dei montecosaresi contro i cingolani. Follenti para un rigore a Mendoza al 64′, poi salva su Lovotti allo scadere. Biancorossi in zona play-out a due giornate dalla fine

CINGOLI, 21 aprile 2024 – Al Montecosaro basta il gol del solito Santagata per battere una sfortunata e imprecisa Cingolana SF, dominatrice del match per 70 dei 90 minuti della partita. Allo “Spivach”, infatti, gli ospiti hanno vinto 0-1 nella 28^ giornata, ipotecando la salvezza diretta nel girone C di Prima Categoria a due giornate dal termine.

I biancorossi di Ruggeri, dopo aver dominato per 40 minuti nel primo tempo, sciupano l’1-1 con l’ennesimo rigore sbagliato della stagione: questa volta dal dischetto Mendoza si è fatto ipnotizzare dall’ottimo Follenti, migliore in campo, dato che nel finale ha negato a Lovotti un gol che sembrava già fatto. Montemilone Pollenza e Urbis Salvia vincono e ora sarebbero fuori dagli spareggi, mentre la Cingolana SF in questo momento giocherebbe il play-out in casa contro il Pinturetta Falcor.

Primo tempo

La Cingolana San Francesco inizia subito attaccando i montecosaresi, memori delle due ultime partite contro la squadra avversaria in cui avevano perso di misura. In particolare quella del 20 maggio 2023 in cui i biancorossi furono retrocessi dopo il play-out davanti al proprio pubblico. Tittarelli e compagni vengono caricati dal tifo degli ultras de “L’Inferno Biancorosso”, assiepati in massa in tribuna per via delle condizioni atmosferiche avverse.

Dopo il velleitario tiro di Chierichetti al 2’, tre minuti più tardi Ciattaglia dalla destra si accentra e tira, la difesa respinge, Lovotti aspetta il momento giusto ma trova ancora il corpo di un difensore. Al 7’ Tittarelli batte una punizione dalla trequarti sulla destra, trovando Mangoni tutto solo dalla parte opposta, il quale controlla e preferisce giocare palla a terra all’indietro; sugli sviluppi dell’azione Lovotti si trova a centro area senza marcatura, ma la sua deviazione è debole verso Follenti.

Quindi Ciattaglia dalla destra crossa in mezzo per l’attaccante argentino che indirizza di testa, senza sorprendere l’estremo difensore ospite. Al 14’ Ippoliti scatta sulla destra e pennella il cross verso Lovotti, che va a vincere il contrasto con il portiere: non c’è nessun compagno nei paraggi, così Basili recupera e fa ripartre l’azione. Passano 4 minuti e Lovotti si coordina e calcia da fuori area dopo aver vinto un duello con un avversario ospite, la difesa si salva in corner.

Il gol del vantaggio del Montecosaro

Il Montecosaro torna a farsi vedere al 26’: Canuti al limite dell’area da posizione laterale crossa verso Chierichetti che spizza di testa, ma Emiliani controlla. Minuto numero 30: Tittarelli dal limite calcia un velenoso tiro a mezz’altezza, Moretti lo devia in rete ma da posizione di fuorigioco.

La beffa, poi, si materializza al 41’: Santagata riceve palla a campo aperto, Mangoni prova a respingere ma ancora il 10 montecosarese recupera, entra in area e con un destro velenoso batte Emiliani, per lo 0-1 che gela lo “Spivach”. Nel finale di tempo, Ippoliti scatta sulla sinistra, si accentra e calcia, senza trovare lo specchio della porta.

Il pre-gara di Cingolana SF-Montecosaro

Secondo tempo

Nella ripresa la Cingolana SF continua a giocare il suo calcio, ma nel momento decisivo sbaglia il rigore che avrebbe potuto cambiare il match. Al 47’ Ippoliti mette in mezzo per Lovotti, ma Follenti lo anticipa in due tempi. Due minuti dopo, Ciattaglia vede Lovotti che da 20 metri si coordina e calcia, senza trovare lo specchio. Dall’altra parte Santagata parte ancora in contropiede, si accentra dalla destra e prova la conclusione, colpendo il palo di appoggio della porta.

Minuto numero 63: Ippoliti, in seguito a una palla lunga dal centrocampo, viene atterrato in area di rigore. Per Recchia di Ascoli Piceno non ci sono dubbi ed è calcio di rigore. Dal dischetto si presenta il difensore Juan Mendoza, che calcia un potente rasoterra centrale che Follenti intuisce con i piedi, negando l’1-1.

I biancorossi non mollano e proseguono l’assedio. Il colpo di testa di Lovotti finisce tra le mani dell’estremo difensore ospite, quindi la punizione dal limite di Tittarelli viene ribattuta dalla difesa, poi il capitano ospite non centra la porta dopo la respinta. Il Montecosaro gioca solo di rimessa: un super Centanni salva in scivolata sul passaggio di Santagata a Chierichetti in area su situazione di due attaccanti contro un difensore. Al 79’ dopo un rimpallo aereo Lovotti crossa al centro verso Ippoliti che prova la deviazione a rete, un difensore salva gli ospiti in angolo. Quattro minuti dopo Santagata dal limite fa sponda verso Verdini che prova il tiro dal limite, Emiliani ci arriva in presa.

L’assedio finale

Al 90’ Lovotti lancia dal limite verso Ippoliti sulla sinistra, che attende il posizionamento dei compagni e scarica in mezzo per Giovanni Marchegiani, il suo tiro viene deviato da un difensore in corner. Nel quarto minuto di recupero, il 10 locali dalla sinistra pennella un cross perfetto verso la destra, dove c’è Falappa tutto solo da posizione defilata: l’esterno cingolano, a tu per tu con Follenti, non trova clamorosamente la deviazione vincente.

Il colpo di testa di Bianchi dopo il calcio d’angolo di Ippoliti termina a lato di un soffio. Al 97’ Lovotti in area di rigore tira a botta sicura, ancora Follenti salva i suoi parando con la gamba sinistra sulla linea di porta. L’arbitro, al 98’, non fa battere un calcio d’angolo ai locali, fischiando il triplice fischio.

Montecosaro bestia nera della Cingolana SF

Ancora Santagata dopo la rete dell’andata, ancora Montecosaro che vince allo “Spivach”. Con la vittoria di ieri la formazione di Cetera centra la terza vittoria di fila contro la Cingolana San Francesco, ricorrendo alla tattica del catenaccio all’italiana. La squadra di Ruggeri, infatti, ha creato molto di più rispetto ai propri avversari, soprattutto nel primo tempo. Come spesso accaduto in queste due ultime stagioni, alla prima disattenzione difensiva gli avversari fanno gol.

Pesa come un macigno anche l’ennesimo rigore sbagliato dai biancorossi: questa volta dal dischetto Mendoza ha fallito l’appuntamento con l’1-1. Ieri, poi, anche la sfortuna si è accanita contro i cingolani, con un super Follenti che nei minuti finali ha negato il gol a Giovanni Marchegiani e a Fabricio Lovotti. I

I tifosi de “L’Inferno Biancorosso”, in tribuna per via del maltempo, hanno incitato la squadra dal 1° all’ultimo minuto. Gli ultras cingolani hanno chiesto, al termine della gara, un impegno maggiore ai ragazzi, visto il tifo da categorie superiori. Non è stato gradito, infatti, l’atteggiamento troppo superficiale e individualista di qualche giocatore di casa.

La classifica

Le avversarie per la salvezza Montemilone Pollenza (uno ‘strano’ 0-4 al Montecassiano) e Urbis Salvia (1-0 all’Elite Tolentino) vincono, portandosi a 33 punti in classifica: gli urbisalviensi al momento sarebbero salvi per via del +10 dal Caldarola penultimo. La Cingolana SF scivola al 13° posto con 30 punti e, al momento, giocherebbe lo spareggio play-out in casa contro il Pinturetta Falcor, 14° a 24. Ci sono, però, ancora due partite da giocare. Sabato prossimo Tittarelli e compagni sfidano in trasferta l’Elite Tolentino nono, per poi concludere la regular season in casa contro il San Claudio, terzo in classifica e già qualificato ai play-off.

Tabellino

RETE – 41′ Santagata (M)

CINGOLANA SF – Emiliani, Mangoni, Centanni (93′ Romaldi), Tittarelli (80′ Poinsel), Pancaldi, Mendoza, Ciattaglia (87′ Bianchi), Moretti (63′ Falappa), Lovotti, Marchegiani G., Ippoliti. All. Ruggeri – A disp. Bracaccini, Bocci, Santamarianova, Angelucci, Tiranti.

MONTECOSARO – Follenti, Del Gobbo, Basili, Biagioli, Baiocco, Quintabà, Doda, Canuti (75′ Pancotto), Chierichetti, Santagata (79′ Camerlengo), Mazzante (95′ Verdini). All. Cetera – A disp. Torresi, Cartucci, Catalini, Messina, Strappa, Marziali.

ARBITRO – Recchia di Ascoli Piceno

NOTE – recupero 1’ + 7’; al 64′ Mendoza (C) sbaglia un rigore, parato da Follenti (M)

CLASSIFICASettempeda 62 (promossa in Promozione), Vigor Montecosaro 55, San Claudio 52, Montecassiano 49, Passatempese 45, Folgore Castelraimondo 39, Camerino 39, Portorecanati 38, Elite Tolentino 34, Montecosaro 34, Montemilone Pollenza 33, Urbis Salvia 33, Cingolana SF 30, Pinturetta 24, Caldarola 23, Esanatoglia (-1) 13 (retrocessa in Seconda Categoria)

Gli altri risultati di giornata – clicca qui

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Prima Categoria / Cingolana SF, mister Ruggeri contro la ‘sua’ Settempeda: “Una sfida sentita, per me e i ragazzi”

Il ritorno a ‘casa’ del tecnico settempedani dei cingolani: “Ho lasciato tanti ricordi con la società e i tifosi veri in oltre 20 anni con la squadra. Ciattaglia ha dimostrato di saper guidare una ‘Ferrari’. La mia Cingolana SF è cresciuta, ma deve dimostrare di essere maturata. Grazie ai sostenitori biancorossi: ci sono stati sempre, anche quando eravamo ultimi” 

CINGOLI, 10 aprile 2024 – Un settempedano che allena la Cingolana San Francesco, forse il settempedano per eccellenza, e un cingolano che dirige la Settempeda. Due amici che sabato 13 aprile si affronteranno nel girone C Prima Categoria al “Soverchia”. Parliamo, infatti, di Emanuele Ruggeri, tecnico dei biancorossi di Cingoli ed ex calciatore anche della Jesina, e di Lorenzo Ciattaglia, mister della formazione principe di San Severino Marche.

Dopo aver intervistato qualche settimana fa proprio quest’ultimo, alla vigilia di questo derby abbiamo intervistato Ruggeri, parlando del suo passato con il club di cui è stato capitano e allenatore per ben 28 anni.Alla Settempeda ho molti amici e sono cresciuto come allenatore – spiega a Vallesina.TV – ma come tutte le storie c’è un inizio e una fine. Con la Cingolana SF molto abbiamo fatto, ma c’è ancora tanto lavoro da fare: i ragazzi devono dimostrare di essere maturati, oltre alla crescita a livello tecnico che è sotto gli occhi di tutti”.

Chi è Emanuele Ruggeri – il giocatore

Emanuele Ruggeri è nato a San Severino Marche nel 1971. È cresciuto nel settore giovanile della Settempeda, debuttando in prima squadra nella stagione 1987-1988. Nelle sue prime 9 stagioni con la formazione della sua città, il club passa dalla Prima Categoria all’Eccellenza con due promozioni in 4 anni, e Ruggeri negli anni diventa il capitano per antonomasia.

Nel 1996-1997 va a giocare in Serie D al Montegranaro, per tornare subito alla Settempeda nell’annata successiva nella categoria inferiore. Torna in quarta serie dal 1998-1999, prima alla Monturanese, poi alla Jesina: con i leoncelli totalizza 29 presenze fino a dicembre 2000, quando decide di tornare a San Severino.

Emanuele Ruggeri, allenatore della Cingolana SF, ai tempi della Settempeda

Gli ultimi anni e l’esperienza da allenatore

Ha giocato, inoltre, anche per Potenza Picena, Fabriano e Porto Potenza in Promozione, Casette Verdini e Matelica in Prima Categoria. Torna definitivamente alla Settempeda a dicembre 2010, riportando la squadra in Promozione con la vittoria del campionato di Prima Categoria nel 2011-2012, prima di chiudere la carriera al Serralta in Seconda Categoria nel 2015-2016. In quest’ultima società inizia anche ad allenare come allenatore-giocatore, chiudendo il campionato al 12° posto. Dal 2016-2017 diventa mister della Settempeda in Seconda Categoria e, al terzo tentativo, vince il campionato, riportando la società in Prima nel 2019-2020.

Il ritorno a “casa”: “Con la Settempeda ho tanti ricordi: ringrazio il presidente Crescenzi e i ‘boys’, sono tifosi veri e ragazzi eccezionali”

A marzo 2023, dopo annate altalenanti, decide di dimettersi dopo 7 stagioni. Ora, con la sua Cingolana San Francesco, tornerà proprio in quel Soverchia che lo ha visto protagonista per tanti anni e in occasione della sfida che potrebbe decretare il ritorno in Promozione dei settempedani. “Sarà una partita molto sentitaspiega Ruggeri – , in primis dai miei ragazzi: andiamo a giocare sul campo della squadra di San Severino, contro la compagine più forte del campionato.

Sarà una sfida particolare anche e soprattutto per me, dato che fino all’anno scorso ho allenato la Settempeda dopo averci trascorso 20 anni come calciatore e 7 da allenatore. Ho tanti ricordi con i colori settempedani: sono stato lo storico capitano della squadra e ho vinto 5 campionati in biancorosso. Tra questi, uno l’ho vinto da calciatore con un certo Cristian Bucchi e un altro come allenatore con l’attuale presidente Marco Crescenzi, passando dalla Seconda alla Prima Categoria”

“Lo ringrazio – prosegue -, perché nei 7 anni in cui ho allenato la Settempeda mi ha dato fiducia, mi ha permesso di allenare, fare esperienza e quindi di migliorare. Ho ancora tanto da imparare. Come tutte le storie, anche quella tra me e la società di San Severino Marche ha un inizio e una fine. Ringrazio i tifosi, quelli veri, ovvero i ‘Boys’ e quelli che ci hanno seguito negli anni, anche quando le cose non stavano andando benissimo. Meritano un plauso perché sono ragazzi eccezionali, molti di loro li ho allenati e con loro ci sono anche i miei figli. Ho lasciato molti amici a San Severino, ma non mi riferisco a quei sostenitori che si presentano solo quando, proprio come ora, la Settempeda è prima. Questo vale per tutte le squadre”.

Il rapporto con Ciattaglia: “Mi ha allenato e ci sentiamo spesso. Ha dimostrato di saper guidare una Ferrari come la Settempeda”

Tra l’altro Emanuele Ruggeri è in ottimi rapporti con Lorenzo Ciattaglia, l’allenatore della squadra che ha rappresentato per oltre 20 anni. “Ci siamo scambiati paese (ride, ndr). Tra l’altro mister Ciattaglia mi ha allenato proprio a San Severino Marche all’inizio della sua carriera. C’è stato sempre rispetto e amicizia tra noi in questi 19 anni in cui ci conosciamo: ci siamo spesso sentiti per scambiarci gli auguri e per augurarci un ‘in bocca al lupo’ all’inizio delle stagioni calcistiche. Sta facendo un grande lavoro, perché la Settempeda è una Ferrari, ma è vero che bisogna saperla guidare e non tutti lo sanno fare”.

La festa della Cingolana SF con i tifosi al termine del match contro il Portorecanati

Ruggeri e la Cingolana SF: una stagione tra alti e bassi, in crescendo 

Per Ruggeri, però, il presente si chiama Cingolana San Francesco. Arrivato a luglio 2023 a Cingoli insieme ad Andrea Fattori, suo storico vice e allenatore della Juniores biancorossa, ha iniziato discretamente il campionato, con 4 pareggi e una vittoria nelle prime 5 partite fino al 21 ottobre. Nei successivi due mesi, però, la squadra ha totalizzato solo 3 punti in 8 sfide, senza vincere: alla fine del 2023 la Cingolana SF era ultima in classifica a quota 10.

All’inizio del 2024, però, arriva la svolta: con 7 risultati utili (3 vittorie e 4 pareggi) la Cingolana SF risale in classifica e si allontana quasi definitivamente dalla zona retrocessione diretta. Dopo le due dure sconfitte per 4-1 contro Vigor Montecosaro e Montecassiano, i biancorossi riescono comunque a risollevarsi. Prima vincono con il Pinturetta in trasferta poi, dopo il ko interno contro la Passatempese, riprendono sull’1-1 il Montemilone Pollenza e vincono 1-0 in casa contro il Portorecanati. La Cingolana SF sabato scorso è riuscita così a portarsi fuori dalla zona play-out, a +3 da Urbis Salvia e pollentini.

“Siamo una squadra giovane e ci vuole tempo. I ragazzi devono dimostrare di essere maturati”

“Sì – spiega l’allenatore dei biancorossi – , nel girone di ritorno abbiamo fatto molto meglio rispetto all’andata, anche se questo era prevedibile. Siamo una squadra giovane e ci vuole tempo per migliorare. Questo è stato possibile grazie ai ragazzi, mi seguono e si applicano in maniera straordinaria.

 A oggi abbiamo fatto tantissimo, però, se andiamo ad analizzare meglio la situazione, c’è ancora molto da fare. Le partite sono sempre meno: non si può più sbagliare. Mancano solo 4 partite: i ragazzi, oltre ad essere migliorati tecnicamente, devono dimostrare di essere maturati. Questo è fondamentale. Mi sto trovando benissimo a Cingoli, sia con la società che con i tifosi. Sono ragazzi eccezionali perché ci seguono sempre e sono stati sempre vicino a noi, anche quando eravamo all’ultimo posto in classifica”.

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Prima Categoria / La Cingolana SF batte il Portorecanati 1-0 allo Spivach ed è fuori dai play-out

Decide un calcio di rigore di Lovotti al 59′: il Portorecanati sfiora il pareggio, ma la squadra di Ruggeri rischia di raddoppiare, con un altro penalty dell’attaccante argentino sulla traversa. Biancorossi fuori dalla zona arancio dei play-out

CINGOLI, 7 aprile 2024 – La Cingolana SF batte il Portorecanati e lascia l’Urbis Salvia in zona play-out. I ragazzi di Ruggeri, infatti, hanno vinto 1-0 la gara della 26^ giornata del girone C di Prima Categoria grazie al rigore realizzato al 59’ da Lovotti. I biancorossi hanno giocato una grandissima gara di squadra e di sacrificio, vendicando la sconfitta del girone d’andata con un tifo da categorie superiori. La foto finale tra la rosa e gli ultras de “L’Inferno Biancorosso”, infatti, testimonia il feeling che si è creato nell’ambiente tra giocatori e tifosi.

Primo tempo – un inizio nervoso 

Nel primo tempo le due difese riescono a controllare bene gli attaccanti avversari, imprecisi sotto porta. Nei primi secondi Mendoza salva i suoi su Pantone involato sulla destra dopo una sbavatura della difesa locale. Dall’altra parte al 2’ Ippoliti dalla sinistra crossa verso Moretti che devia di testa a un passo dalla porta, Piangarelli controlla in due tempi.

Segue una fase in cui il direttore di gara ha un metro arbitrale diverso tra le due compagini: fischia tanti falli ai locali, estraendo ben 6 cartellini gialli nei primi 45’ ai giocatori di casa, mentre sorvola sulle irregolarità ospiti, specie su Lovotti lanciato a rete in un paio di occasioni. In particolare Toresani mette giù l’attaccante argentino in area di rigore a un passo da Piangerelli, ma per Lanciani di Macerata non ci sono gli estremi per un penalty sembrato solare dalla tribuna.

Siamo al 18°, invece, quando Pantone ci prova da fuori area, senza centrare lo specchio. Passano 9 minuti e Durazzi calcia una punizione dalla sinistra verso Ferro, la retroguardia cingolana si salva in corner prima dell’arrivo dell’attaccante portorecanatese. Dall’altra parte Tittarelli batte una punizione verso l’area di rigore, Lovotti si coordina bene di testa ma non trova la porta di un soffio, palla sopra la traversa di un nulla. Quindi Piangerelli di testa fuori dai 16 metri anticipa Lovotti lanciato dal centrocampo, facendo ripartire l’azione dalla difesa.

Gli ultimi minuti dei primi 45′

Al 41’ si fa vedere il Portorecanati: Toresani si mette in proprio e tenta il tiro della domenica da 40 metri, Emiliani si supera e devia in corner poco sotto la traversa. Pochi secondi dopo Camilletti si rende protagonista di un’incursione in area, vince un contrasto e tenta la conclusione d’esterno, sfera fuori di poco sul palo alla sinistra del portiere di casa. Al 44’ ancora Toresani crossa dalla destra verso Ferro, il quale colpisce di testa ma non trova la porta. Dall’altra parte Piangerelli respinge un calcio d’angolo ben battuto da Moretti e Pancaldi tenta la fortuna da fuori area al volo, senza impensierire il portiere ospite. Nel quarto dei 5 minuti di recupero, Piangerelli di pugno respinge una punizione di Tittarelli dai 20 metri sulla destra. Il primo tempo termina 0-0.

Secondo tempo – Cingolana in vantaggio

La Cingolana SF inizia meglio la ripresa e trova l’episodio per passare in vantaggio, rischiando addirittura di raddoppiare dopo aver sofferto il ritorno ospite. Al 51’ Falappa sulla destra vede al limite Tittarelli, che in area non riesce a controllare bene la palla e la sfera rasoterra termina tranquillamente tra le mani di Piangerelli. Poco dopo Moretti da posizione centrale lancia Ippoliti sulla sinistra, il quale prova un tiro-cross che viene deviato in corner da un difensore. Sugli sviluppi dell’angolo Lovotti manca la deviazione di testa. Dall’altra parte Emiliani è attento su un traversone dalla destra di Durazzi.

L’inerzia della partita cambia al 57’. Lovotti, infatti, lancia in area sulla sinistra Ippoliti tutto solo, costringendo Toresani al fallo: per Lanciani di Macerata è calcio di rigore e rosso diretto al numero 5 arancione per aver interrotto una chiara occasione da gol. Dal dischetto si presenta Lovotti che realizza l’1-0 spiazzando Piangerelli, mandando in estasi lo Spivach e in particolare la Curva Pini.

Mister Degano ridisegna la sua squadra, inserendo l’esterno Agostinelli al posto del mediano Moretti e schierando la difesa a 3. Il Portorecanati così si butta in avanti, alla ricerca del pari: Camilletti lancia in area Pantone, Emiliani ci arriva in presa. Al 69’ un cross dalla destra arriva in area verso Mafei Sales, entrato in campo da appena 5 minuti, la sua conclusione viene sporcata in angolo. Sugli sviluppi del corner la palla danza pericolosamente dalle parti proprio del numero 20 ospite, che non riesce però a trovare la deviazione vincente.

Il secondo rigore e il pressing finale ospite

Mister Ruggeri inserisce Santamarianova e Ciattaglia, così la Cingolana SF cresce, sfruttando la superiorità numerica. Al 77’ Santamarianova riceve palla in area su assist illuminante da 35 metri di Marchegiani, si accentra e appoggia in mezzo per Pancaldi che tira dal limite, il suo rastoerra finisce in bocca a Piangerelli. Pochi secondi più tardi ancora Marchegiani fa partire in contropiede Lovotti, che viene atterrato in area da Durazzi, schierato come braccetto di difesa dopo l’espulsione di Toresani. L’arbitro non può non fischiare rigore ed estrarre il giallo al numero 11 ospite. Dal dischetto si ripresenta Lovotti che sceglie lo stesso angolo del penalty, ma la parabola si alza e il pallone colpisce la traversa ed esce dal campo.

Il Portorecanati ci crede e tenta il tutto per tutto, alla ricerca del pareggio. La difesa biancorossa, però, difende il risultato strenuamente: prima Bianchi salva di testa su una pericolosa punizione dal limite, poi Falappa fa muro sul tiro di Pantone all’84’ sulla sinistra. Dall’altra parte, la Cingolana SF ha un’altra occasione per il 2-0: Lovotti, lanciato ottimamente dal centrocampo, tenta il tiro al volo da ottima posizione ma non trova lo specchio. Al 95’, dunque, il subentrato Angelucci, classe 2007, vede partire Ciattaglia sulla sinistra da situazione di 3 contro 1, ma l’arbitro ferma tutto per il fuorigioco dell’esterno cingolano.

L’esultanza della Cingolana SF sotto la Curva Pini

Una vittoria da incorniciare per la Cingolana SF

La Cingolana San Francesco batte 1-0 il Portorecanati con una prestazione di squadra e di sacrificio. I ragazzi di Ruggeri hanno dimostrato che lotteranno con le unghie e con i denti per raggiungere la salvezza, con la sana ignoranza made in Cingoli. I biancorossi tornano alla vittoria dopo quasi due mesi e lo fanno senza subire reti: è la quarta volta che capita in questa stagione. Tittarelli e compagni sono stati trascinati dal tifo incessante degli ultras de “L’Inferno Biancorosso” in Curva Pini, i quali hanno incitato la squadra dal primo all’ultimo secondo del match.

Continua l’ottimo momento di forma di Pietro Ippoliti, che si è guadagnato il rigore poi realizzato da Lovotti, al 12° gol stagionale: il classe 1998 argentino si è finalmente sbloccato, dato che non segnava da due mesi, proprio dall’ultima vittoria contro il Caldarola. Tra i migliori anche il portiere Emiliani, l’intera difesa Mangoni-Mendoza-Centanni e il centrocampista Giovanni Marchegiani, playmaker della squadra insieme a capitan Tittarelli. In casa Mangoni, tra l’altro, quella di ieri è stata una giornata da ricordare: Marcello ha vinto con la Cingolana SF, Filippo ha trovato il successo a Rubiera in Serie A Gold di pallamano con la Macagi Cingoli (leggi l’articolo).

La classifica ora vede la Cingolana SF fuori dalla zona arancio all’11° posto con 30 punti, a +3 dal duo Urbis Salvia e Montemilone Pollenza attualmente ai play-out. Nella prossima giornata c’è il derby con la Settempeda capolista al “Soverchia”: sarà una sfida particolare tra il cingolano Lorenzo Ciattaglia, allenatore della formazione di San Severino, e il settempedano Emanuele Ruggeri, tecnico dei cingolani.

Tabellino

RETE – 59′ Lovotti su rigore

CINGOLANA SF – Emiliani, Mangoni, Centanni (83′ Bianchi), Tittarelli, Pancaldi, Mendoza, Falappa, Moretti G.  (75′ Ciattaglia), Lovotti, Marchegiani (88′ Angelucci), Ippoliti (75′ Santamarianova). All. Ruggeri. A disp. Bracaccini, Bocci, Omrani, Poinsel, Tiranti.

PORTORECANATI – Piangerelli, Petrini, Angelici, Moretti N. (59′ Agostinelli), Toresani, Camilletti, Leonardi (79′ Perini), Giri (64′ Mafei Seles), Ferro, Pantone, Durazzi (79′ Carneiro). All. Degano. A disp. Bruschi, Ciminari, Trulli, Mhadebi, Perini, Mucciacciaro.

ARBITRO – Lanciani di Macerata

NOTE – recupero: 5’ + 5’; ammoniti: Petrini (P), Lovotti (C), Centanni (C), Marchegiani (C), Pancaldi (C), Mangoni (C), Moretti (C), Durazzi (P), Tittarelli (C); espulso al 57′ Toresani (P) per fallo da ultimo uomo; al 80′ Lovotti (C) sbaglia un rigore (traversa)

CLASSIFICASettempeda 59, Vigor Montecosaro 51, San Claudio 46, Montecassiano 43*, Passatempese 43, Folgore Castelraimondo 36, Portorecanati 35, Elite Tolentino 34, Camerino 33, Montecosaro 31, Cingolana SF 30, Urbis Salvia 27, Montemilone Pollenza 27, Caldarola 23, Pinturetta 23, Esanatoglia 14*

Gli altri risultati di giornata: clicca qui

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Prima Categoria / La Cingolana SF conquista un ottimo punto a Pollenza: 1-1 in casa del Montemilone

Belloni porta in vantaggio i locali dell’ex Mazzaferro al 3′. Nella ripresa Bartolini colpisce una traversa e l’eurogol di Falappa vale l’1-1

POLLENZA, 24 marzo 2024 – La Cingolana SF raccoglie un ottimo punto a Pollenza. I ragazzi di Ruggeri, infatti, hanno pareggiato 1-1 contro il Montemilone nel posticipo della 25^ giornata del girone C di Prima Categoria di calcio. I biancorossi mantengono il +3 sui pollentini e agganciano al 11° posto l’Urbis Salvia, a cavallo tra la salvezza diretta e i play-out.

Primo tempo

I locali iniziano meglio il match e dopo 4 minuti passano in vantaggio. Al 3’, infatti, Gianfelici tenta la conclusione da fuori ma non trova lo specchio: sulla successiva rimessa corta dal fondo, Romaldi sbaglia il controllo in area, la sfera arriva dalle parti di Balloni che con un colpo preciso realizza l’1-0 da distanza ravvicinata.

La Cingolana reagisce subito. Al 11° Marchegiani in progressione prova la botta, anche se disturbato da un difensore, pallone a lato. Poco dopo il tiro-cross di Falappa dalla destra termina di poco fuori oltre il secondo palo. Siamo al 17’ e Ippoliti d’esterno dalla sinistra vede Moretti in area, il quale non arriva sulla palla di un soffio. Tre minuti dopo Emiliani in uscita su un calcio d’angolo non è perfetto e Bah ci arriva in scivolata, senza riuscire a centrare lo specchio.

Al 24’ Falappa batte una rimessa laterale dalla destra verso Lovotti in area, che di sponda serve Moretti, il quale tenta la conclusione di prima intenzione ma non trova la porta dalla parte opposta. Due minuti dopo Properzi da fuori calcia al volo sugli sviluppi di un corner, pallone abbondantemente fuori. Poi la difesa fa buona guardia su Gianfelici servito in area, riuscendo a recuperare il possesso. Al 38’ Falappa di testa prolunga verso Lovotti che tenta la rovesciata, la conclusione è debole e Maccari recupera senza problemi. Il primo tempo termina 1-0.

Secondo tempo

Nella ripresa la Cingolana SF ha le occasioni per ritrovare il pari, rischia di capitolare, ma riesce a pareggiare meritatamente grazie a una magia di Edoardo Falappa. Al 46’ Marchegiani lancia in profondità Lovotti che con l’aiuto di una deviazione di Porfiri e si ritrova solo sulla sinistra. Quindi prova un tiro-cross a rientrare che finisce fuori oltre il secondo palo, senza nessun compagno pronto alla deviazione in rete. Passano 12 minuti e Moretti prova a servire Lovotti dalla sinistra verso l’area di rigore, Maccari anticipa l’attaccante argentino. Dall’altra parte Belloni tenta la botta quasi da fermo dalla sinistra, ma Emiliani controlla la sfera senza problemi.

Al 60’ Bah mette in mezzo verse i compagni, Romaldi spazza; poi Centanni di testa salva su un altro traversone dalla sinistra. Tre minuti dopo Balloni sulla sinistra controlla, avanza e calcia, sfera a lato ma il 9 locale è stato disturbato da Omrani. Dall’altra parte Marchegiani lancia Lovotti in profondità che fa rimbalzare il pallone e calcia, Maccari si supera e sulla ribattuta il puntero ospite non trova la porta con la ribattuta di prima intenzione.

Al 68’ l’arbitro concede un calcio di punizione dal limite ai locali: Bartolini calcia in porta e colpisce la traversa con la difesa biancorossa ad allontanare il pallone. Gol mangiato, gol subito: al 70’ Marchegiani verticalizza verso Ippoliti involato in contropiede, Porfiri si rifugia in rimessa laterale. Sugli sviluppi dell’azione la sfera arriva sulla sinistra a Centanni che al limite serve Lovotti in mezzo. Il 9 ospite non riesce a controllare bene il pallone che scorre a destra verso Falappa, che lasciato solo dai difensori avversari si coordina e al volo batte Maccari con uno splendido diagonale.   

Il Montemilone reagisce al 73’: Gianfelici, servito da Bartolini a 20 metri dalla porta, impegna Emiliani alla parata in due tempi. Quattro minuti più tardi il subentrato Bianchi di testa devia in corner un cross di Balloni dalla destra, salvando ancora i biancorossi. Che continuano ad attaccare: Marchegiani si avventa su una palla vagante e calcia di prima intenzione al volo, Maccari ci arriva in presa.

All’83, Carboni fa fallo su Tittarelli: l’arbitro Monterubbiano di Fermo sembra intenzionato ad ammonirlo e quindi ad espellerlo (essendo già stato ammonito), estraendo il cartellino giallo dalla tasca, ma decide di non sanzionarlo, forse messo sotto pressione dai giocatori di casa che non ravvisavano l’irregolarità. A due minuti dalla fine Tittarelli calcia una punizione da posizione defilata dalla destra, la sfera finisce fuori dalla parte opposta. Dall’altra parte Bartolini prova a prolungare verso Carboni, ma Emiliani anticipa l’11 di casa.

Al 92’ dopo un’azione prolungata in area locale il tiro di Tittarelli viene murato dalla difesa, cosi come dalla parte opposta la conclusione di Belloni viene intercettata dalla retroguardia ospite. Nei secondi finali l’arbitro lascia giocare su un contrasto spalla contro spalla in area tra Ciattaglia e un difensore locale.

Un punto prezioso per la Cingolana SF

La Cingolana SF pareggia per 1-1 contro il Montemilone Pollenza e mantiene il vantaggio di 3 punti proprio sulla squadra dell’ex Mazzaferro. I ragazzi di Ruggeri hanno fornito una buona prestazione e il pari è un risultato giusto per quello che si è visto in campo: la traversa di Bartolini 3 minuti prima dell’1-1 di un super Falappa ha salvato dalla sconfitta Tittarelli e compagni. Tra i migliori per la squadra ospite vanno citati, oltre all’autore del gol, anche Centanni e Marchegiani. Anche a Pollenza erano presenti gli ultras de “L’Inferno Biancorosso”, che hanno incitato la squadra per tutti e 95 i minuti di gara, trascinandola alla conquista del meritato pareggio.

I biancorossi raggiungono all’11° posto l’Urbis Salvia con 27 punti con il vantaggio dello scontro diretto, avendo realizzato un gol in trasferta contro gli urbisalviensi (0-0 allo Spivach, 1-1 a Urbisaglia). Se il campionato dovesse terminare oggi, dunque, la Cingolana sarebbe salva. Il cammino verso la permanenza in Prima Categoria, però, è ancora molto lungo: nel prossimo turno la banda di Ruggeri affronta in casa il Portorecanati settimo, nella gara in programma sabato 6 aprile.

Tabellino

RETI – 4 Balloni (M), 71’ Falappa (C)

MONTEMILONE POLLENZA – Maccari, Tramannoni, Eleonori, Properzi (88’ Mandolesi), Porfiri, Mengoni, Bah (71’ Camilloni), Gianfelici, Balloni, Bartolini, Carboni. All. Mazzaferro – A disp. Buratti, Tasselli, Ricciardi, Meschini, Forconi, Bonifazi, Pantanetti

CINGOLANA SF – Emiliani, Omrani (69’ Bianchi), Centanni, Tittarelli, Pancaldi, Romaldi (69’ Mangoni), Falappa, Moretti (60’ Ciattaglia), Lovotti, Marchegiani, Ippoliti. All. Ruggeri – A disp. Bracaccini, Bocci, Santamarianova, Angelucci, Poinsel, Tiranti

ARBITRO – Monterubbiano di Fermo

NOTE – recupero 1’ + 4’; ammoniti: Marchegiani (C), Moretti (C), Romaldi (C), Carboni (M), Camilloni (M), Lovotti (C), Gianfelici (M)

CLASSIFICASettempeda 58, Vigor Montecosaro 50, Montecassiano 43*, San Claudio 43, Passatempese 40, Folgore Castelraimondo 36, Portorecanati 35, Elite Tolentino 31, Camerino 30, Montecosaro 28, Cingolana SF 27, Urbis Salvia 27, Montemilone Pollenza 24, Caldarola 23, Pinturetta 23, Esanatoglia 14*

Gli altri risultati di giornata: clicca qui

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Prima Categoria / Tre punti d’oro per la Cingolana SF: 1-2 alla Pinturetta in extremis

I biancorossi di Ruggeri, in 10 per 50 minuti per l’espulsione discutibile dell’autore dell’1-0 Tittarelli, trovano il gol dell’1-2 al 93′ segnato da Pietro Ippoliti

PORTO SANT’ELPIDIO, 9 marzo 2024 – Una stoica Cingolana batte 1-2 la Pinturetta Falcor, strappando tre punti salvezza pesantissimi. I ragazzi di Ruggeri, infatti, vincono al “Belletti” di Porto Sant’Elpidio grazie al gol al 93’ di Pietro Ippoliti, nella gara della 23^ giornata del girone C di Prima Categoria. I biancorossi hanno giocato per 50 minuti in dieci, per via dell’espulsione (discutibile) di capitan Tittarelli, autore del momentaneo 0-1.

Primo tempo – Lo 0-1

Nei primi 45 minuti, nonostante una buona partenza ospite, la Pinturetta gioca bene a calcio, pervenendo al pareggio e rischiando anche di passare in vantaggio. Al 3’ Di Girolamo dalla destra serve in mezzo Pacini, il quale, da buona posizione in area, cicca clamorosamente il pallone. Dall’altra parte Mendoza lancia in profondità Lovotti, il quale non ci arriva di poco; sugli sviluppi dell’azione Moretti calcia fuori dal limite dell’area.

Siamo al 10’ quando Falappa, dalla destra crossa in mezzo verso Lovotti, una deviazione della difesa fa arrivare il pallone a Ciattaglia che tira di prima intenzione, Giacomelli respinge. E’ il preludio dello 0-1 pochi istanti dopo: ancora Lovotti scarica indietro verso Tittarelli che scaraventa in rete, portando in vantaggio gli ospiti. Poco dopo ancora il puntero argentino trova l’esterno della rete da ottima posizione in area, quindi la conclusione di Ciattaglia finisce tra le mani di Giacomelli.

Sale d’intensità di gioco la Pinturetta: al 15’ Conte ci prova da punizione dai 20 metri, sfera a lato di un soffio. Passano quattro minuti e Pacini ci prova di controbalzo dal limite, Emiliani respinge alla sua destra poi Centanni salva il calcio d’angolo, spazzando la sfera. Dall’altra parte Falappa si mette in proprio e tenta la gran botta da 35 metri, colpendo la rete sopra la traversa. Ciccini prova a imitarlo, ma con un tiro al volo su palla vagante, sfera bloccata da Emiliani con qualche difficoltà.

Il pareggio e l’espulsione di Tittarelli

Al 30’ i locali pareggiano: Pacini dalla sinistra scarica verso Di Girolamo dalla parte opposta in area, il quale serve Raffaeli che tutto solo a porta spalancata fa 1-1. Sette minuti più tardi Di Girolamo parte in contropiede sulla sinistra, arriva in area e tira, Emiliani controlla in due tempi. Poco dopo, su un errato disimpegno biancorosso, Raffaeli ha l’occasione per la doppietta personale poco dentro dei 16 metri, Emiliani prolunga il pallone in calcio d’angolo. Al 44’ l’arbitro Ballarò di Pesaro espelle clamorosamente capitan Nicola Tittarelli per la seconda ammonizione, una decisione molto discutibile, dato che il giocatore locale terminato a terra dopo il contrasto con il 4 biancorosso sembrerebbe aver accentuato di molto la caduta. Il primo tempo, comunque, termina 1-1.

Secondo tempo

Nella ripresa, nonostante l’inferiorità numerica, la Cingolana San Francesco gioca molto meglio rispetto ai padroni di casa e riesce a portae via l’intera posta allo scadere. Al 52’ Lovotti fa sponda per Marchegiani in area che calcia, Giacomelli ci arriva in presa, che riesce ad anticipare tutti anche sul successivo tiro-cross di Falappa.

Al 55’ Pacini ci prova in rovesciata, senza impensierire più di tanto Emiliani. Dall’altra parte, 7 minuti dopo, Moretti lancia Ciattaglia sulla sinistra: l’11 biancorosso entra in area e prova a servire Lovotti in mezzo, un difensore respinge, forse con un braccio, ma per l’arbitro si prosegue. Al 66’ il subentrato Santamarianova, servito da Falappa sulla destra, manca la porta di un nulla con un colpo di testa a due passi da Giacomelli. Quindi, tre minuti più tardi, Ciattaglia crossa dalla sinistra, Lovotti va a saltare, la palla vaga al limite dell’area e Marchegiani la conquista, per poi provare la conclusione che termina a lato.

Minuto numero 93: Santamarianova butta un pallone in area, Lovotti spizza di testa verso l’accorrente Ippoliti il quale, a un passo dalla porta, deposita in rete, facendo esultare di gioia gli Ultras de “L’Inferno Biancorosso” appostati in tribuna, vero e proprio undicesimo uomo in campo nel secondo tempo di Porto Sant’Elpidio.

La festa della squadra a fine partita con gli Ultras de “L’Inferno Biancorosso”

Vittoria pesante per la Cingolana SF

La Cingolana San Francesco batte 1-2 la Pinturetta Falcor e si porta a +3 dalla zona play-out. I ragazzi di Ruggeri, in 10 per tutto il secondo tempo, hanno meritato di vincere, agguantando i tre punti con cattiveria e determinazione. I locali di Bagalini sono durati solo un tempo, per poi venire beffati nella ripresa: non perdevano da 5 partite.

Decide la sfida il subentrato Pietro Ippoliti, che ha sostituito Ciattaglia a 20 minuti dalla fine. Tra i migliori per i biancorossi anche Lovotti (sempre di più faro dell’attacco cingolano), Tittarelli (malgrado l’espulsione molto dubbia), Falappa e Centanni. Con questo successo, la Cingolana SF resta decima a 26 punti, a +3 dai play-out (in attesa del cruciale Montemilone Pollenza-Urbis Salvia di domani). Nel prossimo turno, la squadra di Ruggeri sfida allo “Spivach” la Passatempese quinta, nella partita in programma sabato 16 marzo alle ore 15.00

Tabellino

RETI – 11′ Tittarelli (C), 30′ Raffaeli (P), 93’ Ippoliti (C)

PINTURETTA – Giacomelli, Ciccini, Dragjosci, Vergari, Marcantoni, Verdecchia, Raffaeli (64’ Postacchini), Bidini (80’ Gismondi), Di Girolamo (75’ Campanari), Conte (70’ Carnevali), Pacini. All. Bagalini – A disp. Papili, Carini, Cardinali, Nepa, Dagjosci A., Campanari.

CINGOLANA SF – Emiliani, Mangoni, Centanni, Tittarelli, Pancaldi, Mendoza, Falappa, Moretti (63’ Santamarianova), Lovotti, Marchegiani, Ciattaglia (70’ Ippoliti). All. Ruggeri. A disp. Bracaccini, Bocci, Romaldi, Angelucci, Omrani, Bianchi, Poinsel

ARBITRI – Ballaro di Pesaro

NOTE – recupero 2’ + 4’; ammoniti: Tittarelli (C), Mangoni (C), Pacini (P), Marcantoni (P); espulso al 44’ Tittarelli (C) per doppia ammonizione

Gli altri risultati di giornata: clicca qui

Giacomo Grasselli

©




Prima Categoria / La Cingolana SF ribalta il Caldarola ed esce dai play-out: 2-1 allo “Spivach”

I ragazzi di Ruggeri vanno sotto 0-1, ma ci pensa Pietro Ippoliti a ribaltarla: prima fa l’1-1, poi l’assist per il 2-1 di Lovotti. Sesto risultato utile e terza vittoria di fila in casa

CINGOLI, 11 febbraio 2024 – La Cingolana SF rimonta il Caldarola ed esce dalla zona play-out. I ragazzi di Ruggeri, infatti, hanno vinto 2-1 allo “Spivach” la gara della 19^ giornata del girone C di Prima Categoria, centrando la terza vittoria consecutiva in casa e il sesto risultato utile di fila.

Primo tempo

Il Caldarola inizia meglio la partita, ma i biancorossi riescono a ribaltare lo 0-1 iniziale, trascinati da un Pietro Ippoliti in giornata di grazia. Al 10’ Castelli batte una punizione dalla sinistra da posizione laterale, Emiliani salta e tocca il pallone, deviandolo in corner. Il numero 7 ospite ci riprova 4 minuti dopo una bella triangolazione dalla destra, senza trovare lo specchio.

Si fanno vedere anche i locali: al 16’ Lovotti si tira su il pallone di tacco e parte in contropiede a campo aperto, costringendo Giustozzi ad uscire dalla sua porta e a spazzare in rimessa laterale. Passano 7 minuti e Aringoli da 40 metri tenta la gran botta, Emiliani devia in corner poco sotto la traversa.

Poco dopo il Caldarola trova il vantaggio. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Manfrini svetta più in alto di tutti e di testa segna il 0-1. La Cingolana SF, però, reagisce subito: al 27’ sugli sviluppi di una punizione di Tittarelli dalla destra, la palla spiove in area sulla mischia, una deviazione la fa arrivare in mezzo verso Ippoliti che con un missile da 15 metri realizza l’1-1.

I locali continuano a giocare palla a terra ma sono imprecisi, in particolare quando, al 35’, Buresta con l’esterno destro prolunga in area verso De Ronzi, il quale, in area di rigore, si allunga troppo il pallone ed Emiliani ci arriva in presa. Al 43’ i biancorossi di casa in maglia blu trovano il 2-1: Ippoliti sulla sinistra, vicino alla lunetta del calcio d’angolo, supera in velocità un avversario, entra in area e tocca verso Lovotti, che appoggia in rete. I primi 45’ di gioco terminano 2-1.

Secondo tempo

Nella ripresa la Cingolana SF va più volte vicina al tris, mentre gli attacchi del Caldarola sono sterili e non hanno particolare successo. Al 47’ Ippoliti dalla sinistra crossa in mezzo e la sfera arriva dalle parti di Marchegiani, il suo tiro dal limite viene deviato in corner da un difensore. Passano 11 minuti e Moretti vola sulla destra in area e prolunga verso Marchegiani che prova un rasoterra da ottima posizione, Giustozzi è attento in presa. In seguito Moretti e Tittarelli tentano la conclusione da fuori area, ma non centrano lo specchio.

Al 69’ Tittarelli batte una punizione dal limite defilata sulla sinistra, Giustozzi la blocca. Quattro minuti la difesa ospite sbroglia in corner un pericoloso cross da calcio d’angolo di Moretti. Quest’ultimo, al 78’, lancia in contropiede Ippoliti che si invola sulla sinistra, entra in area ma, al momento del tiro, viene disturbato da un difensore e la palla finisce ampiamente fuori.

C’è anche il Caldarola: all’83° Ruggeri si accentra dalla sinistra e calcia, Emiliani blocca in due tempi; dall’altra parte Lovotti sulla sinistra si libera bene di un difensore in area e mette in mezzo per Moretti che calcia a botta sicura, Giustozzi devia in corner. All’87’ il tiro di Ruggeri d’esterno si stampa sul fondo.

Terza vittoria di fila allo Spivach

La Cingolana SF vince 2-1 contro il Caldarola: la terza vittoria consecutiva allo “Spivach” conferma che la squadra di Ruggeri ha spezzato la maledizione dello stadio di casa. Tittarelli e compagni hanno avuto la forza di reagire subito allo svantaggio, rimontando nel primo tempo e dominando la ripresa, sfiorando il 3-1 a più riprese. Pietro Ippoliti è il migliore in campo: con un gol e un assist ha trascinato la squadra al quinto risultato utile. Per Fabricio Lovotti, invece, sono 11 le reti segnate fino a questo momento della stagione.

I biancorossi sono stati trascinati dagli ultras dell’Inferno Biancorosso, eccezionalmente in tribuna per via della pioggia: hanno trascinato instancabilmente la squadra dal 1° al 90° minuto, tanto da meritarsi la foto a ricordo della vittoria insieme alla squadra.

Con questo successo, la Cingolana SF esce dalla zona play-out, raggiungendo il Caldarola al 10° posto con 22 punti, a +1 da Camerino e Urbis Salvia attulamente agli spareggi. La settimana prossima la squadra di Ruggeri gioca ancora in casa, questa volta contro la Folgore Castelraimondo.

Tabellino

RETI – 24’ Manfrini (CA), 27’ Ippoliti (CI), 43’ Lovotti (CI)

CINGOLANA SF – Emiliani, Mangoni, Centanni (63’ Falappa), Tittarelli, Pancaldi, Romaldi, Ciattaglia (80’ Bocci), Moretti, Lovotti (95’ Santamarianova), Marchegiani, Ippoliti. All. Ruggeri – A disp. Bracaccini, Carotti, Squarcia, Skrijelj, Cola.

CALDAROLA – Giustozzi, Paparoni (72’ Staffolani E.), Falcone, Manfrini (72’ Di Marino), Aringoli, Rossi (63’ Ruggeri), Castelli (79’ Staffolani A.), Fioravanti, Ventresini, Buresta, De Ronzi. All. De Angelis – A disp. Tiberi, Staffolani F., Moscati, Pelati, Governatori

ARBITRO – Dattilo di Macerata

NOTE – recupero 2’ + 6’, ammoniti: Aringoli (CA), Rossi (CA), Ippoliti (CI), Centanni (CI), Paparoni (CA), Marchegiani (CI)

Gli altri risultati di giornata: clicca qui

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Prima Categoria / Ancora un pari tra Camerino e Cingolana SF: 1-1 al “Luzi”

Dopo il palo di Salvetti, al 91′ Lovotti porta in vantaggio i cingolani, ma i camerti pareggiano al 93′ con Storani

CAMERINO, 3 febbraio 2024 – 1-1 allo “Spivach”, 1-1 al “Luzi”: pareggiano ancora Camerino e Cingolana SF nella 18^ giornata del girone C di Prima Categoria. Succede tutto nei minuti di recupero del secondo tempo: Lovotti su rigore illude i ragazzi di Ruggeri, ma dopo pochi secondi Storani pareggia i conti.

Il pari è il risultato più giusto per quanto visto in campo, con i distacchi in classifica che restano invariati: la Cingolana SF, al quinto risultato utile, è sempre a -2 dalla salvezza diretta.

Primo tempo

Nei primi 45 minuti i ritmi sono più blandi, con il Camerino che ha alcune chances per passare in vantaggio. Al 6’ la parabola di Duca su calcio di punizione laterale dalla sinistra si stampa di qualche metro fuori dalla parte opposta, con Emiliani che non si era fidato dell’uscita. Tre minuti dopo Monserrat, sempre dal settore sinistro del campo, appoggia per Ulissi che si accentra e tira, ma la palla finisce alta sopra la traversa.

Si fa vedere anche la Cingolana all’11°, con il potente calcio di punizione di capitan Tittarelli da posizione centrale finito fuori. Due minuti più tardi ci prova Marchegiani con una conclusione rasoterra, dopo una deviazione difensiva Digifico raccoglie senza problemi. Al 22’ Moretti batte un calcio d’angolo, Lovotti spizza di testa verso la mischia in mezzo, il tocco ravvicinato finale di Marchegiani rotola lentamente a lato.

Quattro minuti dopo il piazzato di Monserrat dal limite da posizione defilata alla sinistra finisce in bocca ad Emiliani. Al 35’ Digifico in presa evita guai peggiori un piazzato teso dalla trequarti di Tittarelli, poi è attento sul tiro di Lovotti su assist di Marchegiani in mezzo al campo.

Siamo al 39’ quando Romoli dalla destra crossa in mezzo all’area verso Ulissi, il cui colpo di testa non trova lo specchio della porta. Poco dopo ci prova ancora Romoli con un tiro al volo su una palla vagante, sfera alle stelle. Quindi, al 42’, Duca batte un calcio d’angolo corto verso Lucaroni, lasciato solo dai difensori della squadra ospite: il numero 2 si coordina e calcia, Emiliani ci mette la mano e devia in corner. Qualche istante dopo Cottini si rende protagonista di una buona progressione, che si conclude con un tiro a lato. L’arbitro non concede recupero, così si va al riposo sullo 0-0.

Secondo tempo

La Cingolana SF cresce nella ripresa ed è pericolosa soprattutto in fase di ripiegamento, mentre il Camerino preferisce costruire azioni da rete con pazienza, passando dai piedi del regista avanzato Duca. Pronti-via e, sulla fascia sinistra, Bianchi e Lovotti si scambiano il pallone, l’attaccante argentino prova il tiro dal limite senza trovare lo specchio. Dall’altra parte Duca si accentra e tira, ma anche in questo caso la sfera finisce lontana dai pali.

Al 49’ Bianchi, solo in area sulla sinistra, prova a servire in mezzo Lovotti, Digifico anticipa il puntero cingolano. Tre minuti più tardi Falappa dalla destra mette un traversone a centro area per Bianchi, il cui colpo di testa termina abbondantemente fuori. Poco dopo Lovotti si libera bene di un difensore sulla sinistra, scatta e tenta la conclusione d’esterno, senza sorprendere il portiere camerte.

Cervelli fa qualche cambio per il suo Camerino e i padroni di casa cominciano a spingere. Al 56’ Centanni sulla linea salva su un tiro-cross dalla sinistra, mentre al 70’ Duca semina il panico, sempre dal settore sinistro: il suo passaggio finisce a Salvetti che calcia a botta sicura dentro l’area di rigore, colpendo il palo alla destra di Emiliani. I locali insistono: al 78’ Ulissi di testa trova le mani di Emiliani dopo un cross dalla sinistra; dall’altra parte Marchegiani al culmine di un contropiede prova la gran botta, costringendo Digifico a rifugiarsi in corner.

Siamo all’84° quando il subentrato Poinsel in area di rigore mette in mezzo verso Ippoliti, il quale tira in spaccata ostacolato da un avversario, Digifico riesce ad arrivarci in presa sulla linea di porta. Due minuti dopo la conclusione di Romoli dal limite dell’area termina a lato.

I due gol nei minuti di recupero

89° minuto: Poinsel viene atterrato in area di rigore sugli sviluppi di un’azione in mischia per gli ospiti e per l’arbitro è penalty, tra le proteste dei padroni di casa; dal dischetto Lovotti non sbaglia e segna lo 0-1 al 91’. I camerti, però, riescono a riacciuffare il pari due minuti più tardi: la Cingolana SF sbaglia a battere una rimessa laterale e i locali recuperano palla, verticalizzando subito verso Storani in area il quale, a tu per tu con Emiliani, segna l’1-1. Allo scadere, i padroni di casa anche il pallone della vittoria, ma ci pensa il portiere ospite a evitare la beffa, respingendo una deviazione sugli sviluppi di un calcio di punizione da posizione centrale di Storani.

Ancora 1-1 tra Camerino e Cingolana SF

Finisce 1-1, dunque, la partita tra Camerino e Cingolana SF. Come nel match di andata, i biancorossi di Ruggeri sono passati in vantaggio, per essere poi ripresi dai camerti. Il risultato nel complesso è giusto, dato che la squadra di casa ha avuto tante occasioni per passare in vantaggio, una su tutte il palo di Salvetti, ma la Cingolana SF ci ha creduto fino all’ultimo, illudendosi di portare a casa i tre punti.

Si tratta, comunque, del sesto risultato utile per Tittarelli e compagni, nonché decimo pareggio stagionale: nella classifica dei pari i cingolani sono primi, precedendo proprio i camerti (9 segni X). Presenti anche nella città ducale i sostenitori dell’Inferno Biancorosso con una discreta delegazione, che hanno incitato i ragazzi dall’inizio alla fine, soprattutto nel secondo tempo.

Il classe 2006 Mattia Poinsel, subentrato nel corso della ripresa, ha avuto un grande impatto sul match, guadagnandosi il rigore del momentaneo 1-0. Così come Storani, entrato in campo al posto di Monserrat, ha regalato ai suoi il gol del pari, mentre ancora una volta Loris Emiliani si è reso protagonista di parate salva-risultato.

Con questo pareggio, il Camerino mantiene 2 punti di vantaggio sulla Cingolana SF ma non dalla zona play-out, perché l’Urbis Salvia è a -1 e ha superato i biancorossi di Cingoli in classifica al 12° posto,vincendo 2-0 in casa contro la Folgore Castelraimondo. La squadra del “Balcone delle Marche”, ora tredicesima, allunga sul 14° posto, ora a -4.

Ora due partite casalighe attendono la squadra di Ruggeri: allo Spivach il 10 febbraio arriva il Caldarola nono a quota 22, mentre il 17 ci sarà la sfida alla Folgore Castelraimondo sesta a 25. Due partite da non sbagliare, per continuare la corsa salvezza.

Tabellino

RETI – 91′ Lovotti su rigore (CSF), 93′ Storani (CAM)

CAMERINO – Digifico, Romoli, Lucaroni, Cottini (79′ Moriconi), Lispi, Di Luca, Salvetti (80′ Gabrielli), Santamarianova S., Ulissi, Duca, Monserrat (65′ Storani). All. Cervelli – A disp. Pazzelli, Mancinelli, Velui, Aquili, Montironi, Pacini

CINGOLANA SF – Emiliani, Mangoni, Centanni, Tittarelli, Pancaldi, Mendoza (69′ Romaldi), Falappa (65′ Ciattaglia), Moretti (62′ Ippoliti), Lovotti, Bianchi (73′ Poinsel). All. Ruggeri – A disp. Bracaccini, Bocci, Santamarianova G., Compagnucci

ARBITRO: Borrino di San Benedetto del Tronto

NOTE – recupero 0′ + 8′; ammoniti: Salvetti (CAM), Mendoza (CSF), Pancaldi (CSF)

Gli altri risultati di giornata: clicca qui

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, Castellano risponde a Lovotti: 1-1 tra Cingolana SF e Settempeda

L’argentino segna su rigore, il 10 ospite pareggia a due minuti dalla fine: settempedani secondi, cingolani ultimi

CINGOLI, 9 dicembre 2023 – La Cingolana SF scappa e la Settempeda la riprende. Il derby dello “Spivach”, infatti, è finito 1-1, nella dodicesima giornata del girone C di Prima Categoria. Per i settempedani, in attesa di Lorenzo Ciattaglia alla guida tecnica, si tratta di un punto d’oro, visto anche il pareggio della Vigor Montecosaro a Passatempo, mentre i biancorossi di Ruggeri si mordono le mani e scivolano all’ultimo posto, nonostante una buona prestazione.

Primo tempo

In avvio di partita le due squadre provano ad entrare in area di rigore, ma le difese sono attente. Un fuorigioco salva Caracci nel primo quarto d’ora dopo un’azione volante dei padroni di casa. Al 29’ Castellano ci prova dal limite sulla sinistra, la difesa devia verso Cappelletti ma per l’arbitro è off-side. Due minuti dopo Montanari batte un calcio di punizione, Emiliani non trattiene però Mendoza spazza lontano. Al 36’ Cappelletti tenta la conclusione dai 20 metri, palla sul fondo.

In pieno recupero, Tittarelli batte una punizione dalla destra vicino alla lunetta del calcio d’angolo, Marchegiani a due passi dalla porta devia in rete ma un difensore settempedano salva sulla linea. Il primo tempo finisce 0-0.

Secondo tempo

Nella ripresa il vantaggio della Cingolana SF dura solo 11 minuti. I locali partono meglio nella ripresa: prima Marchegiani tenta il rasoterra dai 25 metri, senza trovare la porta, poi Lovotti, su cross di Tittarelli dalla sinistra, anticipa di testa Caracci, la sfera si alza sopra la traversa. La Settempeda risponde al 57’: Castellano dalla sinistra si accentra e tira, la palla finisce fuori dopo una deviazione impercettibile della difesa. Poco dopo Emiliani anticipa il numero 10 ospite lanciato a rete in contropiede.

Al 60’ Tittarelli da piazzato serve Bianchi che al volo devia a rete, Caracci è attento e blocca. Qualche istante più tardi, Ippoliti tenta la conclusione dal limite, il portiere ospite devia in corner. Minuto numero 75: la Cingolana SF parte in contropiede con Ippoliti il quale, in situazione di 2 contro 1, passa in area per Lovotti. L’attaccante argentino viene steso ed è calcio di rigore: dal dischetto il puntero non sbaglia e fa gioire i tifosi di casa, per l’1-0 biancorosso.

La Settempeda, però, non molla. All’83° Emiliani respinge un tiro di Eclizietta, servito in evidente posizione di fuorigioco. Passano 5 minuti e un cross dalla destra arriva sui piedi di Castellano, il quale con un tocco preciso indirizza in porta la palla dell’1-1. In pieno recupero, Gianfelici colpisce la traversa su assist di Eclizietta.

La partita finisce con un parapiglia tra le due squadre: Pancaldi fa fallo su Sfrappini, da questa situazione ne esce una rissa tra le due compagini che coinvolge anche alcuni tifosi in tribuna. Gli animi non si sono placati facilmente, costringendo l’arbitro a fischiare la fine della partita. Nella confusione, viene espulso Gianfelici della Settempeda e un dirigente dei locali. Il referto arbitrale e il comunicato del giudice sportivo contribuiranno a chiarire la situazione, nel frattempo il verdetto del campo dice 1-1.

La coreografia iniziale dell’Inferno Biancorosso

Pari amaro per la Cingolana SF

Continua la “maledizione” Spivach per la Cingolana SF. Il pari è il risultato più giusto per quanto visto in campo, anche se c’è rammarico da parte dei padroni di casa, viste le ottime occasioni da rete create, culminate con la rete dell’1-0.

Per i settempedani si tratta di un punto d’oro, dato che restano a -2 dalla vetta. I ragazzi di Ruggeri, invece, con una partita da recuperare scendono all’ultimo posto con 10 punti perché Montemilone Pollenza, Esanatoglia e Urbis Salvia hanno vinto.

Grande spettacolo sugli spalti hanno dato i tifosi, in particolare gli ultras dell’Inferno Biancorosso in Curva Pini, i quali hanno inaugurato un nuovo striscione e un nuovo bandierone, dando vita a una coreografia iniziale davvero suggestiva con i colori della città di Cingoli, il bianco e il rosso. Era presente anche una rappresentanza dei Boys della Settempeda. Nel prossimo turno, Tittarelli e compagni sfidano in trasferta il Montecosaro nono, nella partita della 13^ giornata in programma sabato 16 dicembre.

Tabellino

RETI – 77′ Lovotti su rigore (C), 88′ Castellano (S)

CINGOLANA SF – Emiliani, Mendoza, Centanni, Tittarelli, Bianchi, Omari, Ciattaglia (62′ Santamarianova), Pancaldi, Lovotti, Marchegiani, Ippoliti (87′ Moretti). All. Bracaccini, Romaldi, Bocci, Falappa, Mangoni, Cola, Gueye

SETTEMPEDA – Caracci, Dolciotti (49′ Mulinari), Marcaccio, Tacconi, Gianfelici, Quadrini, Castellano, Eclizetta, Montanari, Silla, Cappelletti (62′ Sfrappini). A disp. Scattolini, Codoni, Ronci, Maffei, Meschini, Lazzari, Copani.

ARBITRO: Cittadini di Macerata

NOTE – recupero 2′ + 7′; ammoniti: Quadrini (S), Gianfelici (S), Mendoza (C), Dolciotti (S), Marcaccio (S), Centanni (C), Sfrappini (S), Pancaldi (C); espulso al 95′ Gianfelici (S) per doppia ammonizione

Gli altri risultati di giornata: clicca qui

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, la Vigor Montecosaro spezza l’imbattibilità della Cingolana SF: 1-3 allo Spivach

Lovotti illude i biancorossi di Ruggeri dopo 3 minuti, ma i giallorossi ospiti rimontano con Guermandi, Beruschi e Morbidoni

CINGOLI, 28 ottobre 2023 – La capolista Vigor Montecosaro sbanca lo “Spivach” di Cingoli. La Cingolana SF, infatti, ha perso 1-3 contro i giallorossi di Pierantoni nella sesta giornata del girone C di Prima Categoria. I ragazzi di Ruggeri si sono illusi, con il gol al 3’ di Lovotti, per poi subire il dominio ospite, con le reti in rimonta di Guermandi, Beruschi e Morbidoni. I biancorossi perdono così l’imbattibilità dopo 6 giornate.

Primo tempo

I locali iniziano a sorpresa la gara, passando in vantaggio. Al 3’, infatti, Lovotti viene servito sul filo del fuorigioco, supera Calligari e deposita in rete, facendo esultare di gioia i tifosi, specialmente quelli dell’Inferno Biancorosso in Curva Pini. Il gol aumenta la fiducia dei biancorossi, che al 10’ vanno vicini al raddoppio. Mazzuferi lancia in profondità Moretti, che supera Calligari e arriva sul fondo, prova a mettere in mezzo ma non trova nessun compagno.

La Vigor, però, da questo momento dimostra il motivo per cui è al primo posto in classifica. Al 13’ Garofalo si rende protagonista di una bella percussione in area, supera un difensore e mette in mezzo, la retroguardia della Cingolana allontana. Poco dopo Emiliani blocca senza problemi una punizione lenta di Reucci. Al 18’ ci prova da fuori area Micucci, ma la sfera si stampa fuori.

È il preludio del pareggio ospite. Poco dopo, infatti, Guermandi viene servito dalla sinistra in area, controlla e infila un diagonale preciso che Emiliani non può intercettare, per l’1-1 della Vigor Montecosaro. L’inerzia della sfida si ribalta: al 24’ la punizione di Reucci da centrocampo trova la testa di Guermandi, la girata non sorprende Emiliani. Tre minuti più tardi Tulli vede sulla destra Guermandi tutto solo, l’attaccante entra in area ma Tittarelli devia in corner in scivolata. Sul calcio d’angolo successivo, la pennellata di Reucci finisce sulla testa di Beruschi, che indisturbato realizza l’1-2.

I montecosaresi continuano ad attaccare, con Micucci che semina il panico in area di rigore, prova il traversone in mezzo ma la difesa locale è attenta e respinge lontano. La Cingolana Sf si fa vedere in attacco al 42’, con il tiro-cross di Ippoliti, su assist di Lovotti, che finisce sul fondo. Il primo tempo termina 1-2.

Secondo tempo

Nella ripresa la Vigor Montecosaro gestisce il vantaggio e affonda il colpo in pieno recupero. Al 47’ Mangoni devia in corner un pericoloso traversone dalla destra, mentre un fallo in attacco salva i biancorossi nell’azione seguente. Nove minuti dopo, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Moretti mette in area verso la mischia, Marchegiani prova la rovesciata, però la sfera non trova la porta. Dall’altra parte, Guermandi devia verso lo specchio dopo un corner, Emiliani è attento e afferra la palla.

Il portiere cingolano rischia molto al 67’: non riesce ad andare in presa un rasoterra apparentemente innocuo e il pallone scivola verso Tulli, il quale, però, spara alto a porta spalancata. Nove minuti più tardi Emiliani è attento sul colpo di testa di Garofalo da angolo. La Cingolana SF si fa vedere all’81°: Ippoliti gioca con il pallone, appoggia verso Santamarianova che avanza e prova la conclusione dai 25 metri, la parabola non si abbassa sufficientemente ma sfiora la traversa. Poco dopo alcune proteste locali per un sospetto colpo di mano in area ospite.

Dall’altra parte Morbidoni tenta la conclusione da posizione angolata, Emiliani ci arriva con una presa a terra. In pieno recupero, il terzo gol della Vigor Montecosaro: Di Biagio fraseggia in contropiede con Morbidoni, il quale in area sfrutta la respinta di Emiliani per depositare il definitivo 1-3.

Prima sconfitta stagionale per la Cingolana SF

La Cingolana SF perde la prima gara stagionale nel girone C di Prima Categoria. I ragazzi di Ruggeri si sono illusi nei primi minuti, ma hanno dovuto alzare bandiera bianca per via della superiorità tecnica e fisica dei giallorossi ospiti. Continua, comunque, l’ottimo periodo di forma di Fabricio Lovotti, arrivato a 4 gol nelle sue prime 3 partite in biancorosso. Da sottolineare, infine, la presenza dei tifosi dell’Inferno Biancorosso in Curva Pini, che hanno sostenuto la squadra dal primo all’ultimo minuto.

La Cingolana SF è ora ottava a 7 punti, a 2 punti dalla zona play-off. Nel prossimo turno, Tittarelli e compagni sfidano in trasferta il Montecassiano, che condivide l’ottava posizione con i biancorossi.

Tabellino

RETI – 3′ Lovotti (C), 19′ Guermandi (V), 28′ Beruschi (V), 94′ Morbidoni (V)

CINGOLANA SF – Emiliani L., Mangoni, Centanni, Tittarelli, Mazzuferi (70′ Santamarianova), Mendoza, Ciattaglia (96′ El Kharchi), Moretti (65′ Faloppa), Lovotti, Marchegiani (84′ Tiranti), Ippoliti. All. Ruggeri – A disp. Bracaccini, Romaldi, Bianchi, Omrani.

VIGOR MONTECOSARO – Calligari, Garofalo, Beruschi, Pepi, Reucci, Bernabei (74′ Marcantoni), Cicconofri, Tulli (86′ Di Biagio), Guermandi (83′ Morbidoni), Micucci (69′ Baiocco), Biondi (74′ Bartolini). All. Pierantoni – A disp. Di Marco, Filacaro, Lelli, Emiliani A., Fontana

NOTE – ammoniti: Garofalo (V), Moretti (C), Tittarelli (C), Bernabei (V), Santamarianova (C), Morbidoni (V); recupero 2’ + 7’

Foto di Mattia Carotti 

Gli altri risultati di giornata – clicca qui

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, l’Appignanese torna in Promozione dopo 35 anni: 1-0 all’Azzurra SBT ai supplementari

Dopo il rigore sbagliato nel primo tempo dall’avversario Schiavi, l’autogol di Mattioli su punizione di capitan Gagliardini vale la vittoria e il salto di categoria

APPIGNANO, 3 giugno 2023 – L’Appignanese batte l’Azzurra SBT con un altro gol nei tempi supplementari e torna in Promozione dopo 35 anni. I ragazzi di Giulianelli hanno battuto per 1-0 i sambenedettesi nella finale play-off di Prima Categoria, grazie all’autogol di Mirtilli propiziato da un calcio di punizione ancora una volta di Edoardo Gagliardini. Nel primo tempo, inoltre, l’Azzurra ha fallito un rigore, con Schiavi che ha centrato il palo.

Primo tempo

La sfida è stata molto equilibrata, giocata a viso aperto da entrambe le squadre. L’Azzurra si fa vedere dopo 3 minuti: la gran botta da fuori area di Schiavi si stampa sul palo. Sei minuti più tardi, Perozzi respinge un tiro a rientrare di Montanari sugli sviluppi di un corner. Al 17′ Palladini ci prova da fuori su assist di Bolzan, Pettinari devia in calcio d’angolo. Dall’altra parte Camilloni non sorprende Perozzi, che in due tempi afferra il pallone.

Siamo al 21° quando Clementi batte una punizione, Pettinari si supera e devia in corner dopo che la parabola del piazzato aveva superato la barriera appignanese. Dieci minuti più tardi, l’episodio chiave del primo tempo: Argalia commette fallo su Palladini e per l’arbitro Skura di Jesi è calcio di rigore. Dal dischetto, però, Schiavi colpisce in pieno il palo, così si resta sullo 0-0. Quest’ultimo, poi, al 33′ colpirà anche una traversa, ma il risultato non cambia al termine dei primi 45 di gioco.

Secondo tempo

La sfida non si sblocca nemmeno nel secondo tempo, anche se l’Appignanese si salva in un paio di circostanze. Pronti e via e Palladini si invola solo in contropiede e supera Pettinari, Stura, tuttavia, riesce a salvare sulla linea e a buttare lontano il pallone. Dall’altra parte Medei entra in area e, a portiere battuto, colpisce la traversa.

Ancora Palladini e Medei mancano l’appuntamento con il gol, mentre Pettinari, al 69′, compie un grande intervento su Bolzan: sulla ribattuta dell’attaccante è Edoardo Gagliardini a spazzare la sfera. Al 82′ Mattioli, servito da Palladini, non trova la porta, mentre sul ribaltamento di fronte il diagonale di Montanari viene deviato in corner da Perozzi. Al termine del secondo minuto di recupero, il risultato è ancora di 0-0: si va all’extra-time.

Supplementari

Ai supplementari l’Appignanese ci crede di più e viene premiata, mentre l’Azzurra SBT resta addirittura in dieci uomini. Al 91′ Camilloni sfiora la traversa con una conclusione da buona posizione. Minuto numero 95: Edoardo Gagliardini, come a San Severino contro il Camerino, si presenta per battere un calcio di punizione, la traiettoria velenosa sbatte sul giocatore sambenedettese Mattioli e termina in rete, facendo esplodere di gioia i biancoazzurri. 

L’Azzurra sfiora subito il pari sul capovolgimento di fronte, ma ancora una volta Stura a porta vuota salva la sua squadra, rifugiandosi in corner. Al 107′ Camilloni impegna Perozzi al grande intervento che tiene in vita la sua squadra, ma al 110′ il subentrato Neroni viene espulso. Non ci sono altre emozioni e comincia la festa per la squadra di Appignano.

Appignanese in paradiso

L’Appignanese batte 1-0 l’Azzurra SBT e ritorna in Promozione dopo 35 anni, quando era il massimo campionato regionale. I ragazzi di Giulianelli hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo, riuscendo a battere una formazione molto forte, che ha lottato fino all’ultimo per raggiungere un pari che sarebbe stato meritato, viste le occasioni da rete create. Ancora una volta ci ha pensato capitan Edoardo Gagliardini a risolvere il match: la sua punizione, infatti, ha causato l’autogol decisivo di Mattioli, ancora una volta nel primo tempo supplementare. 

Alla gioia della società ha partecipato anche il Comune di Appignano con un post celebrativo.Vola in Promozione l’ U.S. Appignanese! – si legge – Un salto di categoria, super meritato dopo ben 2 partite vinte dei play off delle settimane precedenti e una partita finale tesissima arrivata ai supplementari. Appignano è orgogliosa dei suoi ragazzi, cresciuti in una società che da sempre crede nei valori dello sport e insegna che con impegno e passione grandi risultati possono essere raggiunti. Orgogliosi di tutte le nostre associazioni sportive, ambasciatrici della nostra comunità appignanese! Grande Appignano!”. 

Tabellino

APPIGNANESE – Pettinari, Stura, Carbonari (71′ Renzi), Gagliardini E., Argalia, Galassi, Tarquini, Selita (112′ Guerrero), Camilloni, Montanari, Medei (116′ Giulianelli). All. Giulianelli – A disp. Simoncini, Shoshaj, Marrocchi, Doga, Baldinelli, Buldorini.

AZZURRA SBT – Perozzi, Casini, Tommasi, Clementi (79′ Aloisi), Piemontese, Virgili, Gaetani (79′ Neroni), Schiavi, Mattioli (101′ Farias), Bolzan, Palladini. All. Morelli – A disp- Amici, Camilli, Croce, Trontini, Nespeca, Gagliardi.

ARBITRO – Skura di Jesi 

RETE – 95′ autogol Mattioli

NOTE – ammoniti Argalia (AP), Medei (AP), Virgili (AZ), Gagliardini E. (AP), espulso Neroni (AZ) al 115′, recupero 0′ + 2′; al 31′ Schiavi (AZ) sbaglia un rigore a favore; la partita si è giocata al Comunale “Villa San Filippo” di Monte San Giusto

Si ringrazia Alessio Spurio per la collaborazione

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, fattore San Severino per l’Appignanese: lo 0-1 al Camerino vale la finalissima play-off

Decide un gol su punizione di capitan Edoardo Gagliardini nel recupero del primo tempo supplementare: prossima avversaria l’Azzurra San Benedetto del Tronto 

SAN SEVERINO MARCHE, 27 maggio 2023 – L’Appignanese vince la finale play-off del girone C di Prima Categoria di calcio. I ragazzi di Giulianelli, infatti, hanno battuto il Camerino per 0-1 al “Soverchia” di San Severino grazie al gol di Edoardo Gagliardini nel primo tempo supplementare. Gli ospiti, tra l’altro, hanno giocato in 10 dal 65’, per via dell’espulsione di Nicola Gagliardini. I biancoazzurri ora si giocheranno la Promozione nella finalissima contro l’Azzurra SBT.

Primo tempo

La partita è stata molto equilibrata e incerta dall’inizio alla fine. Pronti-via e l’Appignanese passa all’attacco: Medei entra in area e crossa verso Camilloni, Palazzo è attento e respinge lontano il pallone. Al 10’ ci prova Tarquini con un rasoterra da fuori area, sfera sul fondo. Dall’altra parte Gabrielli impegna Pettinari da punizione, con la respinta di pugno del portiere ospite.

Siamo al 15° quando ancora Gabrielli batte un piazzato dalla destra verso Montecchia il quale, però, non riesce a deviare a rete da buona posizione perché la traiettoria del cross è troppo alta. Pochi secondi dopo Galassi perde palla in area di rigore, Duca ne approfitta, controlla la palla e tira, Pettinari è attento e respinge il tentativo. Dall’altra parte Medei ci prova dal vertice destro dell’area di rigore, senza sorprendere Palazzo, pronto alla presa.

Al 32’ Nicola Gagliardini prova il gol olimpico da calcio d’angolo, Palazzo allontana di pugno: sul capovolgimento di fronte, Duca serve Romoli con un gran filtrante, il tiro del numero 8, tutto solo in area, viene deviato in corner da un difensore ospite. In pieno recupero, la conclusione di Edoardo Gagliardini sugli sviluppi di un attacco biancoazzurro finisce sul fondo dopo il tocco della difesa locale: sull’angolo seguente Palazzo anticipa Medei pronto alla deviazione vincente, dopo il cross dalla bandierina di Nicola Gagliardini. Il primo tempo termina così 0-0.

Secondo tempo

Il punteggio non si sblocca nemmeno nei secondi 45 di gioco. Siamo al 48’ quando la punizione insidiosa di Duca da posizione centrale finisce sopra la rete della porta al di là della traversa. Dall’altra parte Selita dalla sinistra serve Medei, il quale tira a un passo da Palazzo, ma un difensore camerte protegge la porta ed è solo corner. Poco dopo Pettinari è attento sulla conclusione di Cottini da fuori area.

Al 65’ l’arbitro Cocci di Ascoli Piceno decide di espellere Nicola Gagliardini per un brutto fallo da dietro ad un avversario all’altezza della trequarti di centrocampo. In questo modo, il Camerino riesce a prendere le redini della gara, senza, però, riuscire a chiudere i conti. Al 72’ Montecchia parte in contropiede tutto solo, entra in area, ma sbaglia l’ultimo passaggio verso un compagno che avrebbe concluso a rete. Passano 4 minuti e sugli sviluppi di un corner Fede dalla sinistra, lasciato solo dalla retroguardia ospite, prova a servire Gabrielli, ma il mediano locale cicca il pallone; l’Appignanese riparte ci prova con Medei dai 25 metri, Palazzo afferra la sfera. Ancora l’attaccante treiese all’82’ entra in area dalla sinistra e calcia, costringendo la saracinesca camerte ad un intervento in due tempi.

Siamo all’85° quando Aquilanti fa sponda verso Duca che parte in velocità a campo aperto, entra in area e prova la conclusione rasoterra, troppo debole per sorprendere il sempre attento Pettinari. Nel recupero Duca prolunga in profondità verso Colonnelli dalla sinistra, il quale crossa in area verso Aquilanti, che spizza verso un compagno ma trova solo i difensori appignanesi. Anche il secondo tempo termina 0-0: si va ai tempi supplementari.

Supplementare

La sfida si sblocca nell’extra-time. Il Camerino continua il pressing: al 93’ Pettinari respinge lontano un corner pericoloso di Duca, con l’aiuto di un compagno di squadra, mentre quattro minuti dopo il portiere ospite si supera in tuffo su una punizione di Gabrielli a mezz’altezza dal limite dell’area. Al 100’ Aquilanti parte in progressione e vede Aquili in area, il suo tiro non sorprende Pettinari. Primo minuto di recupero del primo tempo supplementare: all’Appignanese viene concessa una punizione dalla sinistra da 30 metri. Sul punto di battuta si presenta Edoardo Gagliardini, che trova una traiettoria velenosa che si stampa sul palo a Palazzo battuto: il pallone, anzi che uscire verso il campo, rientra verso la porta e si insacca, tra la gioia degli oltre 200 appignanesi presenti nella tribuna scoperta.

Nel secondo tempo supplementare, gli assalti del Camerino alla ricerca del pari che avrebbe significato passaggio del turno sono ben controllati dalla difesa ospite. Al 107’ ancora Aquilanti va in progressione sulla sinistra, stoppa la palla e calcia, Pettinari respinge, anche se il guardalinee ha segnalato la posizione di offside. Quattro minuti più tardi Romoli raccoglie un passaggio e prova la botta di coordinazione, un difensore devia in corner. Allo scadere ancora Romoli ci prova al volo sugli sviluppi di un angolo di Duca, senza trovare lo specchio, mentre il colpo di testa di Di Luca, con il pallone raccolto da un traversone da centrocampo, finisce sul fondo.

L’Appignanese passa il turno

L’Appignanese batte il Camerino e passa alla finalissima per il salto di categoria. I ragazzi di Giulianelli sono stati bravi a crederci fino alla fine, sfruttando un calcio piazzato in inferiorità numerica. I camerti di Tiburzi, invece, si mangiano le mani, per non essere riusciti a concretizzare l’uomo in più: per certi tratti della sfida è parso che i biancorossi si accontentassero dello 0-0, che sarebbe bastato comunque per il passaggio del turno.

San Severino Marche, dunque, porta bene all’Appignanese, dopo la vittoria della semifinale contro la Settempeda padrona di casa di 7 giorni fa. La settimana prossima, sabato 3 giugno, arriva uno storico appuntamento per raggiungere la Promozione, nella finalissima in campo neutro contro l’Azzurra San Benedetto del Tronto, vincente per 3-0 contro la Cuprense.

Tabellino

Camerino-Appignanese 0-1 dopo tempi supplementari (0-0; 0-0; 0-1; 0-1)

CAMERINO – Palazzo, Fede (110’ Lattanzi), Colonnelli, Gabrielli, Di Luca, Francucci, Aquili, Romoli, Montecchia (78’ Aquilanti), Duca, Cottini (94’ Salvetti). All. Tiburzi – A disp. Sabbatucci, Tempestilli, Lucaroni, Moriconi, Veliu, Purilli.

APPIGNANESE – Pettinari, Galassi (90’ Stura), Selita (86’ Giulianelli), Gagliardini E., Argalia, Picchio, Tarquini, Gagliardini N., Camilloni, Montanari (67’ Guerrero), Medei (99’ Renzi). All. Giulianelli – A disp. Simoncini, Shoshaj, Marrocchi, Carbonari, Buldorini.

ARBITRO – Cocci di Ascoli Piceno

RETE – 105’ + 1’ Gagliardini E.

NOTE – recupero 2’+4’+2’+3’; ammoniti: Picchio (A), Montecchia (C), Guerrero (A), Tarquini (A); espulso Gagliardini N. (A) per fallo da dietro; spettatori: 700 circa.

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, l’Appignanese è in finale play-off: 1-2 alla Settempeda

Tarquini e Montanari trascinano la squadra di Giulianelli al turno successivo: sabato 27 maggio la finale contro il Camerino

SAN SEVERINO MARCHE, 21 maggio 2023 – La Settempeda espugna il “Soverchia” di San Severino Marche e vola in finale play-off nel girone C di Prima Categoria. I ragazzi di Giulianelli, infatti, hanno battuto 1-2 la Settempeda, guadagnandosi il diritto di disputare la sfida decisiva sabato prossimo 27 maggio contro il Camerino.

La gara si sblocca solamente nella ripresa, anche se nel primo tempo i biancoazzurri erano andati più volte vicino al gol, soprattutto con Medei, che si è visto negare il gol in due circostanze, mentre il terzo tentativo dell’attaccante treiese finisce fuori.

La ripresa si apre con il vantaggio ospite: dopo un’azione da Play Station su rimessa laterale sull’asse Camilloni-Gagliardini, Tarquini si trova tutto solo in area e batte Caracci sul suo palo. Pettinari fa buona guardia sul colpo di testa di Dolciotti, mentre Caracci respinge la conclusione di Montanari, protagonista di una bella incursione dai 20 metri verso la porta.

La Settempeda prova in tutti i modi a cercare il pareggio, mentre l’Appignanese riesce a gestire il vantaggio. A 10 minuti dalla fine, però, i locali protestano per un rigore non concesso su due trattenute in area di rigore in seguito a una punizione di Di Francesco dalla destra. Quest’ultimo a due passi dalla porta trova solo l’esterno della rete, mentre il colpo di testa di Sfrappini si stampa sul fondo.

A due minuti dal 90’, invece, arriva il raddoppio ospite: la squadra di Giulianelli parte in contropiede, il pallone arriva a Montanari che con un tiro a giro delizioso dal vertice sinistro dell’area di rigore batte Caracci per lo 0-2. La Settempeda riesce ad accorciare con il colpo di testa in tuffo di Mariani al 93’ per l’1-2: i biancorossi sfiorano addirittura il clamoroso pari, ma Capenti in contropiede, nel tentativo di anticipare Pettinari con un pallonetto a tu per tu, spedisce la palla fuori.

L’Appignanese passa così il turno. La squadra di Giulianelli è riuscita a sovvertire il pronostico, al termine di una sfida comunque molto equilibrata. Ora i biancoazzurri andranno a giocarsi la finale play-off del girone di C contro il Camerino in trasferta, secondo in classifica al termine della regular season.

Tabellino

Settempeda 1-2 Appignanese (0-0)

SETTEMPEDA – Caracci, Mariani, Kheder, Rossi, Campilia, Di Francesco, Quadrini (78’ Lleshi), Silla, Ulissi, Dolciotti, Capenti (67’ Sfrappini). All. Mancini – A disp. Palazzetti, Forresi, Minnucci, Broglia, Tabarretti, Vorioni, Verdolini.

APPIGNANESE – Pettinari, Stura, Carbonari, Gagliardini E., Argalia, Picchio (69’ Shoshaj), Tarquini, Gagliardini N. (74’ Selita), Camilloni, Montanari, Medei. All. Giulianelli – A disp. Simoncini, Galassi, Marrocchi, Renzi, Buldorini, Giulianelli

ARBITRO: El Mouhsini di Pesaro

RETI – 46’ Tarquini (A), 88’ Montanari (A), 93’ Mariani (S)

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, il racconto della 30^ giornata dei gironi B e C

Il Chiaravalle si qualifica ai play-off per la prima volta nella sua storia, harakiri Filottranese; salve Castelleonese e Real Cameranese: il play-out sarà MonSerra-Villa Musone

VALLESINA, 11 maggio 2023 – Si è conclusa con il botto la regular season di Prima Categoria per quanto riguarda i gironi B e C. Nelle partite di sabato 6 maggio, infatti, ci sono stati ben 53 reti nelle 10 sfide delle nostre compagini.

Nel girone B, il ribaltone più importante è arrivato con la sconfitta della Filottranese contro il Villa Musone e la contemporanea vittoria del Chiaravalle contro la Labor: i grigioneri riescono a strappare i play-off proprio contro i biancorossi, portandosi a -9 in classifica dal secondo posto. Nelle zone basse della classifica, vincono tutte e non cambia nulla: Castelleonese e Real Cameranese si salvano direttamente, così il play-out sarà MonSerra-Villa Musone.

Parlando del girone C, Appignanese e Cingolana SF pareggiano e non cambia la loro classifica: per i ragazzi di Giulianelli sarà semifinale play-off contro la Settempeda in trasferta, mentre i biancorossi di Canonici sfideranno a Cingoli il Montecosaro per il play-out secco che mette in palio la salvezza. Scopriamo nel dettaglio le emozioni di questa 30^ giornata.

Girone B – Castelbellino 2-3 Borgo Minonna – 2’ Spinelli (B), 27’ Braconi su calcio di rigore (B), 50’ Marchi su rigore (C), 53’ Italia (B), 80’ Marchi (C)

Il Borgo Minonna espugna il “Cercaci” di Castelbellino e si prepara nel migliore dei modi al play-off contro il Sassoferrato Genga. I ragazzi di Luchetta hanno battuto 2-3 gli orange di Ricci, portandosi in fuga già nel primo tempo.

La partita

I rossoblù passano in vantaggio già al 2° minuto, con il colpo di testa di Spinelli sul cross da angolo di Marchegiani. Il raddoppio ospite arriva al 27’: Braconi viene atterrato in area dal portiere Micci, per l’arbitro è rigore che lo stesso Braconi concretizza per lo 0-2 con cui si chiude il primo tempo.

Ad inizio ripresa un altro penalty accorcia le distanze: Pistelli tocca di mano in area, dal dischetto Marchi non sbaglia e segna l’1-2. Nemmeno tre minuti ed ecco il nuovo allungo jesino: Italia prende palla, punta l’avversario, lo salta con un gran dribbling ed incrocia a rete. A 10 minuti dalla fine, ancora Marchi riapre il match, ma non ci sono altre emozioni e il Borgo Minonna vince 2-3. La squadra di Luchetta rinsalda la quarta posizione con 53 punti, mentre il Castelbellino chiude la regular season al sesto posto a quota 45, a pari merito con lo Staffolo

Cristiano Luchetta, tecnico del Borgo Minonna

I commenti

“E’ stata una partita molto bella – commenta la società orange -, colorata con tanti gol per il piacere del pubblico.  La stagione si conclude con un sesto posto consapevoli che si poteva fare qualcosa di più, ma come dice Giannis: ‘Nello sport non esiste la parola fallimento. Ci sono giornate buone e giornate cattive. Ci sono giornate in cui si vince e altre in cui vincono gli avversari, ma tutto è un passo verso un altro successo, perché nello sport c’è sempre un altro passo da fare’“.

Si chiude nel migliore dei modi il campionato regolare per il Borgo – risponde la società jesina -, vittoria ottenuta dopo una grande prestazione. Questo successo dà ancora più morale e forza per continuare a far bene e, perché no, realizzare il grande sogno. Ora sfruttiamo al massimo il tempo a disposizione per preparare la semifinale di playoff in programma sabato 20 maggio a Sassoferrato”.

Castelfrettese 3-4 Real Cameranese – 10’ Marchionne (R), 21’ Stocchi (R), 23’ e 25’ Rocchi (C), 41’ Baldelli (C), 67’ Bocci (R), 81’ autogol Lucchetti (C)

Nel giorno della festa per la promozione in casa Castelfrettese, la Real Cameranese ottiene la salvezza. La partita del “Fioretti”, infatti, è terminata 3-4 in favore della squadra di Pantalone, con l’autogol di Lucchetti a decidere il match.

La partita

I rossoneri passano in vantaggio al 10’: Casaccia da punizione trova Marchionne che di testa fa 0-1. 11 minuti più tardi Stocchi segna lo 0-2 grazie ad una conclusione al volo di pregevolissima fattura. La Castelfrettese, però, non ci sta ed in due minuti pareggia i conti: la doppietta di Rocchi ristabilisce la parità sul 2-2. Poco prima della pausa, i locali trovano addirittura il 3-2 con il colpo di testa di Baldelli su cross da calcio d’angolo di Parasecoli.

Nella ripresa la Real Cameranese ribalta il match. Al 67’Bocci dal limite fa 3-3, mentre a 10 minuti dalla fine l’autogol di Lucchetti in mischia vale la salvezza per i rossoneri per il definitivo 3-4. La Castelfrettese già promossa in Promozione perde la seconda gara stagionale in 30 giornate, dopo una serie positiva di 19 risultati utili consecutivi. I cameranesi, invece, chiudono la regular season con la salvezza aritmetica, arrivata grazie al 10° posto con 37 punti, a pari merito con Castelleonese e Labor, a solo +1 dalla zona play-out.

I commenti

Sette gol e tanto spettacolo – spiega la Castelfrettese -. Vincono le maggiori motivazioni della Real Cameranese che esulta per una sofferta salvezza all’ultima curva. La sconfitta, che interrompe la striscia positiva lunga 19 giornate, non compromette la grande festa della Castelfrettese, tornata in Promozione dopo nove anni. Le celebrazioni, iniziate con l’ingresso in campo delle due squadre accompagnate dai tesserati più piccoli del vivaio, proseguono a fine gara con un convivio esteso a dirigenti, tifosi e familiari dei biancorossi”. Ora per la Castelfrettese inizia il cammino per il titolo regionale di Prima Categoria: sabato 13 maggio i ragazzi di Bugari sfideranno in semifinale il Vismara, vincitore del girone A. La vincente di questa sfida affronterà in casa, il 20 maggio, la vincente di Elpidense Cascinare-Rapagnano.

Impresa della Real Cameranese – risponde la società rossonera – che espugna Castelferretti 4 a 3 e conquista la salvezza diretta, senza passare per il temutissimo playout. Tutto questo all’ultima curva, all’ultimo appuntamento del girone di ritorno. Grandi, grandi, grandi ragazzi! Questo traguardo ve lo siete meritato, dal giorno zero. Godiamocelo, perché l’anno prossimo giocheremo ancora in Prima Categoria. Possiamo urlarlo forte!”.

Castelleonese 4-2 Sassoferrato Genga – 8’ Monnati (C), 22’ Giudici (C), 31’ Pennacchini (C), 36’ Passeri (S), 42’ Emanuele Piermattei (S), 57’ Pennacchini (C)

La Castelleonese rifila quattro reti al Sassoferrato Genga e ottiene la salvezza. La squadra di Gasparoni batte 4-2 i ragazzi di Franceschelli, già certi della terza posizione in classifica e mentalmente proiettati al play-off contro il Borgo Minonna.

La partita

Il primo tempo vede ben 5 gol tra le due compagini. Dopo 8 minuti i locali trovano l’1-0 con Monnati, bravo ad appoggiare in rete su una respinta di Camilli. Giombi salva per ben due volte sul tentativo del pari di Passeri. Quindi il 2-0 al 22°: al termine di una bella azione, Giudice spiazza Camilli con un tiro preciso in area di rigore. Passano nove minuti ed ecco il tris, con la conclusione dal limite di Pennacchini che termina in rete.

Negli ultimi minuti del primo tempo, arriva la reazione del Sassoferrato Genga. Al 36’ Passeri segna il 3-1 con un tiro dal vertice sinistro dell’area, mentre Emanuele Pieramettei ribatte in rete al 42’ una palla finita sul palo per il 3-2 che chiude i primi 45’ di gioco.

Nella ripresa la Castelleonese trova il colpo decisivo per assicurarsi i tre punti. Camilli salva più volte i sentinati in avvio, ma non può nulla sul Pennacchini al 57’, bravo a concludere in gol un lancio in profondità di un compagno. Il Sassoferrato Genga prova a riportarsi in partita con i tentativi di Colombo e Bonci, però la difesa dei pesaresi fa buona guardia e la sfida termina 4-2. La Castelleonese si salva grazie al decimo posto con 37 punti, a pari merito con Labor e Real Cameranese.

Il commento

Un Sassoferrato Genga – spiega la società ospite – sicuro della terza posizione in classifica e con la testa già ai play off esce sconfitto dal campo di una Castelleonese che fin da subito fa la partita, alla ricerca dei punti necessari per la salvezza. Per il Sassoferrato Genga si prospettano due settimane di allenamenti in vista del primo turno play off contro il Borgo Minonna che si disputerà al Comunale di Sassoferrato sabato 20 maggio alle ore 16:30”.

Chiaravalle 2-0 Labor – 37’ Rocchetti D., 91’ Palloni

Incredibile al “Campo dei Pini”: il Chiaravalle (foto di copertina) batte la Labor e si qualifica per i play-off. La vittoria della squadra di Onorato contro i laborini già salvi vale il -9 dalla Filottranese, sconfitta a Villa Musone, così i grigioneri ottengono gli spareggi promozione di Prima Categoria nella prima volta nella loro storia.

La partita

Gli ospiti di Pesarini, però, partono meglio nel primo tempo. Nei primi minuti, infatti, i laborini vanno vicini tre volte al gol dello 0-1, in particolare con il tiro alto di Bassotti, con la conclusione di Marconi respinta da Cecchini e con l’incornata di Picciafoco a lato da pochi passi. Il detto dice “Gol mangiato, gol subito”, così il Chiaravalle passa in vantaggio: il tiro a giro sul secondo palo di Davide Rocchetti vale l’1-0 con cui si chiude la prima frazione. I grigioneri sono ancora a -10 dalla Filottranese, a causa del momentaneo 1-1 contro il Villa Musone.

Nella ripresa i chiaravallesi difendono e chiudono i conti, mentre dal “San Giobbe” arrivano buone notizie.La Labor, infatti, prova a recuperare, ma non riesce a superare il muro difensivo dei padroni di casa. Che trovano il 2-0 allo scadere: Palloni, pur partendo da una sospetta posizione di fuorigioco, realizza la rete che vale i tre punti. A Filottrano il Villa Musone vince 1-3, così è storia: il Chiaravalle giocherà la semifinale play-off per la prima volta nella sua storia proprio contro quella Filottranese che fino alla penultima giornata stava mantenendo la forbice dei 10 punti di distacco con il quinto posto.

La Labor, invece, chiude il campionato al 10° posto con 37 punti, un punto appena fuori dalla zona play-out ma con la salvezza arrivata aritmeticamente con un turno di anticipo.

I commenti

Grigioneri – spiega la società del Chiaravalle – entrano nella storia conquistando per la prima volta i play-off di Prima categoria nella stagione del ventennale dalla nostra fondazione. La sconfitta della Filottranese ci permette di accorciare a 9 punti il distacco dalla seconda in classifica. Godiamoci questo traguardo che adesso viene il bello…”.

Abbiamo fatto la nostra onesta partita – risponde il ds della Labor, Loris Gasparri -. Abbiamo preferito far riposare 4 giocatori diffidati, ma abbiamo affrontato il Chiaravalle con il giusto spirito e con la voglia di far bene. Siamo comunque soddisfatti, dato che hanno giocato 3 giocatori nati nel 2005, uno nel 2004 e uno nato nel 2003 per buona parte della sfida”.

Colle 2006 1-1 Staffolo – 36’ Storoni (S), 76’ Lucci (C)

Lo Staffolo pareggia contro il Colle 2006 e chiude la stagione al sesto posto. I ragazzi di Pasquini, infatti, vengono raggiunti sull’1-1 dai dorici del presidente Conti, in una sfida che non aveva più molto da dire per entrambe le squadre.

Dopo i tentativi di Monaco e Tiberi, apre le marcature l’attaccante cingolano Alessandro Storoni, con un gran tiro da fuori area. Il classe 1999 mette così alle spalle un periodo difficile, caratterizzato da un infortunio alla caviglia che lo ha tenuto lontano dal campo per oltre due mesi. Nella ripresa, Filippo Lucci pareggia i conti, per il definitivo 1-1 su una palla vagante che chiude i conti. Il Colle 2006 riesce a terminare l’annata al penultimo posto, a pari punti con il Loreto, sebbene fosse già retrocesso in Seconda Categoria da qualche giornata.

Alessandro Storoni dopo un gol, Foto di Alex Ciciliani

E’ stata una partita poco entusiasmante – commenta l’autore del momentaneo 0-1, Alessandro Storoni -, che non contava nulla per la classifica. I nostri avversari hanno conservato il possesso del pallone per gran parte della sfida, ma le occasioni più nitide le abbiamo avute noi”.

Filottranese 1-3 Villa Musone – 15’ Maccioni su rigore (F), 43’ De Martino su rigore (V), 71’ Manzotti (V), 81’ Ventresini (V)

Clamoroso al “San Giobbe”: il Villa Musone batte 1-3 la Filottranese, ma nessuna delle due squadre esce dal match di Filottrano contenta. I ragazzi di Malavenda, infatti, vedono sgretolarsi la possibilità di accedere direttamente alla finale play-off, con il Chiaravalle tornato a -9. La squadra di Monaldi, invece, resta 14^ e dovrà disputare ugualmente il play-out, per le contemporanee vittorie di tutte le avversarie per la salvezza diretta.

La partita

Eppure la partita sembrava essere iniziata per il verso giusto per i padroni di casa. Dopo un inizio di sfida molto equilibrato, i biancorossi passano in vantaggio: Maccioni conquista un calcio di rigore per fallo del portiere Cingolani e lo realizza, laureandosi capocannoniere di tutti e quattro i gironi di Prima Categoria con 25 gol, uno in più di Montanari della Pergolese, fermo a 24.

Il Villa Musone reagisce immediatamente. Al 25’ Ventresini si invola verso la porta e va a contrasto con Candidi: per l’arbitro è fallo in attacco, tra le proteste dei gialloneri che chiedevano il rigore. Dieci minuti dopo, Paialunga sfiora il raddoppio con una gran botta da fuori area che termina a lato.

Poco prima della fine del primo tempo, arriva l’episodio che cambia la sfida. Palmieri sbaglia il controllo su un passaggio di un compagno, De Martino ruba palla ma viene atterrato dal portiere di casa: per l’arbitro è calcio di rigore ed espulsione per la saracinesca filottranese. Dal dischetto, De Martino realizza l’1-1, battendo Grilli, che ha sostituito Maccioni per sopperire all’assenza di Palmieri. Il primo tempo termina così in parità e la squadra di casa mantiene ancora 11 punti di distacco dal Chiaravalle quinto.

Nella ripresa i villains approfittano della superiorità numerica e conquistano i tre punti. Il vantaggio ospite arriva al 58’: un lancio lungo di Stacchiotti finisce tra i piedi di Manzotti che in contropiede si invola e realizza l’1-2 a tu per tu con Grilli. Un quarto d’ora più tardi arriva addirittura la terza rete ospite, con il contropiede di Ventresini, bravo a sfruttare un errore di Capomagi in fase di impostazione, che sorprende Grilli, uscito a vuoto per cercare di sventare l’attacco. Nel finale la Filottranese resta addirittura in 9, per l’espulsione di Paialunga, ma il dramma ormai è servito: il Chiaravalle vince contro la Labor e costringe i filottranesi alla semifinale play-off proprio contro i grigioneri. Anche il Villa Musone esce con l’amaro in bocca dal “San Giobbe”, dato che le avversarie per la salvezza vincono tutte e la classifica non cambia, con i gialloneri 14esimi e costretti al play-out contro il MonSerra in trasferta.  

I commenti

La Filottranese – commenta la società di casa – nell’ultima di campionato cade in casa contro un ottimo Villa Musone, che racimola punti importanti, ma non abbastanza da evitare i play-out. Per la Nese si tratta dell’ennesima sconfitta casalinga, un risultato inaspettato, che sommato alla vittoria del Chiaravalle, costringe i biancorossi alla semifinale play-off”.

Innanzitutto – commenta mister Monaldi del Villa Musone – devo fare i complimenti ai ragazzi per come hanno interpretato la partita sotto tutti i punti di vista contro un’ottima squadra. In una bella cornice abbiamo imposto il nostro gioco, tenuto la palla, e sfoderato una prestazione di assoluto livello contro una formazione di livello. Peccato che tutto ciò non sia bastato per raggiungere la salvezza diretta e di questo sono molto amareggiato”.

Loreto 0-1 Monserra – 20’ Brega

E’ una vittoria di “Pirro” anche quella del MonSerra sul già retrocesso Loreto. La squadra di Morettiespugna il “Capodaglio”, per via delle contemporanee vittorie di Real Cameranese e Castelleonese, resta al 13° posto e dovrà affrontare il play-out contro il Villa Musone.

La partita

L’unico gol del match arriva al 20’ con Brega, alla 13^ rete stagionale. I biancorossi provano a raddoppiare con Castignani e Gambadori, ma Droghetti è attento ed evita lo 0-2. I lauretani reagiscono con una conclusione di Angeloni, Pigliapoco.

Nella ripresa Pigliacampo e Marta sfiorano più volte il pari, scaldando i guantoni del portiere ospite. Il MonSerra si difende e mantiene il vantaggio, anche se rischia l’1-1 nei minuti finali con la gran botta di Pigliacampo parata da un super Pigliapoco. A 10 minuti dalla fine, Droghetti è attento sul tiro di Brega, arrivato dopo una bella percussione. Il risultato non cambia, gli ospiti vincono ma rimangono al 13° posto, ad appena un punto dalla zona salvezza diretta: sarà play-out in casa contro il Villa Musone.

I commenti

Il Monserra supera il Loreto – spiega il dirigente loretano Giovanni Pespani – ma le contemporanee vittorie del Real Cameranese e Castelleonese costringono gli uomini di Moretti a disputare i play out contro il Villa Musone. Il Loreto da par suo è raggiunto dal Colle e chiude il campionato in ultima posizione. Nonostante il caldo le due compagini si fronteggiano a viso aperto, anche se poi le motivazioni fanno la differenza. Per il Loreto è stata una stagione da dimenticare, ma la società sta lavorando per una pronta risalita”.

Termina con una vittoria – rispondono gli ospiti – il campionato del MonSerra, che si impone sul Loreto per 1 a 0 grazie al goal di Brega. Tre punti che però, visti anche i risultati degli altri campi, non bastano ai biancorossi per evitare i play out e raggiungere così la salvezza diretta. Salvezza che andrà ora conquistata Sabato 20 Maggio contro il Villa Musone: il match si svolgerà tra le mura amiche del Comunale ed avremo due risultati a disposizione per raggiungere l’obiettivo”.

Sampaolese 4-3 Montemarciano – 7’ Calvanese (S), 20’ Paialunga (S), 29’ Pascucci (M), 44’ Catani (S), 71’ Pascucci (M), 74’ Magini (M), 88’ Diagne (S)

Ci sono voluti 88 minuti alla Sampaolese per superare il Montemarciano nell’ultima partita stagionale. La sfida tra la squadra di Togni e gli uomini di Caccia, infatti, è terminata con il 4-3 per i biancorossi, nel giorno dell’addio al calcio del classe 1977 degli ospiti Andrea Ruggeri.

La partita

La Sampaolese va subito in doppio vantaggio nei primi 20 minuti. Al 7’ Calvanese realizza l’1-0 da pochi passi, mentre la percussione di Paialunga vale il 2-0. I biancoazzurri, dopo aver sfiorato il gol con i tentativi di Clementi e Pascucci, accorciano al 29’: sugli sviluppi di un corner ancora Pascucci realizza il 2-1 con un colpo di testa vincente. La Sampaolese, però, allunga nuovamente: ci pensa Catani a indirizzare il primo tempo sul 3-1, grazie a un bel tiro al volo da fuori area.

Nella ripresa, dopo un rigore negato agli ospiti per un presunto tocco di mano, i biancoazzurri trovano l’incredibile pari, prima di capitolare a due minuti dal 90°. Pascucci al 70’ realizza la doppietta personale, ancora una volta di testa. Poi Magini, quattro minuti più tardi, fa 3-3 con una punizione magistrale.

La Sampaolese torna in avanti alla ricerca del gol vittoria. Paraescoli mura Paialunga, ma non può nulla su Diagne, che di testa al 88’ regala i tre punti ai padroni di casa. Con questo successo, la squadra di Togni termina il campionato all’ottavo posto con 40 punti, uno in più dei montemarcianesi noni a 39.

I commenti

Mister Togni e i suoi ragazzi – esulta la società di casa – si congedano dai propri tifosi e chiudono questo campionato con una vittoria. Le due squadre avevano già raggiunto i propri obiettivi e i 3 punti piazzano la Sampaolese all’8° posto nella classifica finale”.

Il Monte – spiegano gli ospiti – chiude la stagione con una sconfitta per 4 a 3 sul campo della Sampaolese. La partita si apre con l’emozionante saluto al calcio di Andrea Ruggeri, campione dentro e fuori dal campo”.

Girone C – Appignanese 1-1 Folgore Castelraimondo – 65’ Gagliardini N. (A), 85 Bisbocci (F)

L’Appignanese termina il campionato regolare con un pari. I ragazzi di Giulianelli, infatti, non sono andati oltre l’1-1 contro la Folgore Castelraimondo sesta, essendo comunque già certi del quarto posto play-off. La settimana prossima i biancoazzurri sfideranno in trasferta la Settempeda nella semifinale degli spareggi.

Il pari è un risultato giusto per quanto visto in campo. Simoncini e Turcu fanno buona guardia sui tentativi di Bisbocci e Selita, con quest’ultimo che sfiora la traversa alla mezz’ora con un colpo di testa. Turcu si supera su Camilloni, deviando il suo diagonale sul palo. A fine primo tempo, è Simoncini, invece, a mandare sulla traversa il tiro di Bisbocci a seguito di un contropiede.

I gol arrivano nella ripresa, dopo i tentativi a vuoto di Selita e Lori. Siamo al 65’ quando Nicola Gagliardini mette un cross in area verso Camilloni: quest’ultimo non colpisce la sfera, ma con il suo movimento inganna Turcu che esce a vuoto, con la palla che termina in rete, per lo 0-1 dell’Appignanese.

A cinque minuti dalla fine, ecco il pareggio locale. Rocchi consegna palla a Bisbocci, il quale si libera bene di un difensore e infila la porta difesa da Bandinelli, per il definitivo 1-1. Per l’Appignanese questo pari non cambia la quarta posizione in classifica, che vale la semifinale play-off contro la Settempeda il 20 maggio a San Severino. La vincente di questa sfida (un pari basterebbe ai settempedani per passare il turno, ndr) affronterà il Camerino in trasferta nella finalissima del girone C.

Tittarelli della Cingolana SF dopo il gol (foto: Ufficio Stampa Montemilone Pollenza)

Montemilone Pollenza 2-2 Cingolana SF – 3’ Tittarelli (C), 31’ Carboni F. (M), 50’ Moretti (C), 71’ Bartolini su rigore (M)

La Cingolana San Francesco chiude la stagione regolare con il 13° pareggio del 2022-2023. I ragazzi di Canonici, infatti, sono stati raggiunti sul 2-2 dal Montemilone Pollenza. L’Esanatoglia ha battuto l’Elpidiense Cascinare campione, così per i biancorossi è ufficiale la disputa dei play-out, nella sfida del 20 maggio allo “Spivach” contro il Montecosaro.

La partita

La Cingolana inizia meglio la gara. Dopo il contropiede di Ippoliti sventato da Monteverde in anticipo, ci pensa Tittarelli al 3’ con un gran tiro a giro a portare in vantaggio i biancorossi. Gli ospiti insistono in attacco, ma non riescono a trovare il raddoppio.

Il Montemilone Pollenza, invece, avanza la linea offensiva e trova il pareggio. Prima Emiliani fa gli straordinari sul tiro di Gonzalez, poi non può nulla sugli sviluppi di un piazzato fortunoso: il rasoterra di Gonzalez finisce sulla mischia in area, dopo una serie di rimpalli Federico Carboni trova la deviazione vincente per l’1-1 che chiude la prima metà di gioco.

Nella ripresa la Cingolana SF si riportaavanti ma è subito raggiunta dai locali. Siamo al 50’ quando Moretti sfrutta una topica del portiere Monteverde in area per infilare in rete il pallone di testa. Il vantaggio dura solo 21 minuti: il classe 2006 Forconi finisce a terra in area di rigore, per l’arbitro è rigore e dal dischetto Bartolini fa 2-2. Non ci sono altre emozioni e le due squadre si accontentano del pareggio.

Per la Cingolana SF resta una partita da giocare in questa stagione: il play-out allo “Spivach” contro il Montecosaro, in programma sabato 20 maggio. Con una vittoria o un pareggio al termine dei 120 minuti, i biancorossi sarebbero salvi.

I pronostici di mister Carletti

Castelbellino-Borgo Minonna – pronostico X – risultato 2

Castelfrettese-Real Cameranese – pronostico 2 – risultato 2

Castelleonese-Sassoferrato Genga – pronostico 1 – risultato 1

Chiaravalle-Labor – pronostico 1 – risultato 1

Colle 2006-Staffolo – pronostico 2 – risultato X

Filottranese-Villa Musone – pronostico 1 – risultato 2

Loreto-MonSerra – pronostico 2 – risultato 2

Sampaolese-Montemarciano – pronostico X – risultato 1

Appignanese-Folgore Castelraimondo – pronostico X – risultato X

Montemilone Pollenza-Cingolana SF – pronostico 2 – risultato X

Totale di giornata: 5/10 – Totale complessivo: 120/224

Classifiche e marcatori

Prima Categoria – girone B

CLASSIFICA – Castelfrettese 62, Filottranese 58, Sassoferrato Genga 54, Borgo Minonna 53, Chiaravalle 49, Castelbellino 45, Staffolo 45, Sampaolese 40, Montemarciano 39, Labor 37, Castelleonese 37, Real Cameranese 37, MonSerra 36, Villa Musone 35, Colle 2006 12, Loreto 12 

PLAY-OFF – Sassoferrato Genga-Borgo Minonna (a Sassoferrato, sabato 20 maggio); Filottranese-Chiaravalle (a Filottrano, domenica 21 maggio)

PLAY-OUT – MonSerra-Villa Musone (a Montecarotto, sabato 20 maggio)

MARCATORI 25 gol: Maccioni (Filottranese); 14 gol: Ricci (Sassoferrato Genga); 13 gol: Beta (Castelfrettese) e Brega (MonSerra); 12 gol: Carboni (Sassoferrato Genga), Passeri (Sassoferrato Genga) e Rocchi (Castelfrettese); 11 gol: Bassotti (Labor) e Parasecoli (Castelfrettese); 10 gol: Massei (Staffolo), Vincioni (Labor), Pigliacampo (Loreto) e Ventresini (Villa Musone); 9 gol: Massucci (Filottranese), May (Borgo Minonna) e Giudici (Castelleonese); 8 gol: Grassi (Filottranese), Defendi (Real Cameranese) e Cossa (Sassoferrato Genga); 7 gol: Corinaldesi (Castelbellino), Ferrante (Borgo Minonna), Bresciani (Borgo Minonna), Paialunga (Filottranese), Apolloni (Sampaolese), Ledesma (Castelbellino), Marchionne (Real Cameranese), Piermattei E. (Sassoferrato Genga), Rocchetti D. (Chiaravalle), Diagne (Sampaolese) e Braconi (Borgo Minonna).

Prima Categoria – girone C

CLASSIFICAElpidiense Cascinare 70, Camerino 61, Settempeda 57, Appignanese 53, Vigor Montecosaro 48, Folgore Castelraimondo 46, PortoRecanati 42, Montemilone Pollenza 39, Urbis Salvia 39, Elfa Tolentino 36, Esanatoglia 35, Caldarola 34, Cingolana SF 31, Montecosaro 28, Sarnano 20, Cska Corridonia 15

PLAY-OFF – Settempeda-Appignanese (a San Severino, sabato 20 maggio ore 16.30) – Camerino in finale (sabato 27 maggio)

PLAY-OUT – Cingolana SF-Montecosaro (a Cingoli, sabato 20 maggio ore 16.30)

MARCATORI – 19 gol: Castellano (Elpidiense Cascinare); 16 gol: Storani (Elfa Tolentino); 15 gol: Bisbocci (Folgore Castelraimondo); 14 gol: Buresta (Caldarola); 13 gol: Capenti (Settempeda); 10 gol: Tarquini (Appignanese) e Montecchia (Camerino); 9 gol: Duca (Camerino), Pietrella (Urbis Salvia), Ulissi (Settempeda), Tulli (Vigor Montecosaro) e Piccolini (Esabnatoglia); 8 gol: Mannucci (Appignanese), Curzi (Urbis Salvia), Gjuci (Esanatoglia) Sfrappini (Settempeda), Santagata (Montecosaro), Seculini (Sarnano) e Bartolini (Montemilone Pollenza).

Marcatori (Cingolana SF): 4 gol: Agosto e Michele S.; 3 gol: Zitti; 2 gol: Marchegiani, Tittarelli e Moretti; 1 gol: Ciattaglia, Ippoliti, Mossotti, Tomassoni, Bufarini, Fratoni e Santini

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, il racconto della 29^ giornata dei gironi B e C

Lo Staffolo batte il Chiaravalle e lo fa scivolare a -12 dalla Filottranese, fermata sul pari dal Borgo Minonna; il Castelbellino espugna Sassoferrato; Labor e Sampaolese salve; l’Appignanese cade a San Severino

VALLESINA, 3 maggio 2023 – La 29^ giornata dei gironi B e C di Prima Categoria non è stata solo quella dei trionfi di Castelfrettese ed Elpidiense Cascinare, vincitrici dei due campionati con 90 minuti di anticipo. Le gare di sabato 29 aprile, infatti, hanno di fatto aumentato l’incertezza in vista della post-season.

Nel girone B, la Filottranese dice addio ai sogni promozione diretta ma si assicura la finale play-off, a patto di mantenere i 10 punti di distacco dal Chiaravalle quinto, sconfitto a Staffolo e scivolato a -12. Sassoferrato Genga e Borgo Minonna, di contro, sono già certe di affrontarsi nel primo turno degli spareggi promozione, con il terzo e il quarto posto ormai in cascina.

In zona salvezza, Labor e Sampaolese pareggiano tra loro e si assicurano la salvezza diretta,lasciando a lottare per i play-out Real Cameranese, Castelleonese, MonSerra e Villa Musone. Solo due di queste formazioni disputeranno lo spareggio promozione, con cameranesi e pesaresi in vantaggio di un solo punto rispetto alla zona calda della graduatoria. Il Loreto già retrocesso vince a sorpresa a Montemarciano e si toglie dall’ultimo posto.

Nel girone C, vi abbiamo già parlato della vittoria della Cingolana San Francesco contro il Montecosaro. L’Appignanese, invece, perde a San Severino e in questo modo perde ogni speranza di tornare al terzo posto: dovrà giocare la semifinale play-off in casa proprio della Settempeda già certa del gradino più basso del podio. Andiamo a scoprire quello che è successo nella 29^ giornata dei nostri gironi.

Girone B – Borgo Minonna 1-1 Filottranese – 83’ Braconi (B), 94’ Meschini (F)

Il Borgo Minonna infrange i sogni promozione diretta della Filottranese e festeggia il raggiungimento aritmetico dei play-off. La squadra di Luchetta, infatti, grazie all’1-1 al “Petraccini” contro la seconda della classe, si assicura la certezza di terminare la regular season al quarto posto, con la qualificazione alla semifinale degli spareggi promozione contro il Sassoferrato Genga. I ragazzi di Malavenda, invece, riescono ad acciuffare il pari all’ultimo respiro: sebbene sia sfumata la vittoria del girone, i biancorossi sono comunque certi del secondo posto che, al momento, vale la finale play-off.

La partita

Gli ospiti iniziano meglio la partita. Nel primo tempo Corneli e compagni, infatti, si vedono annullare due gol: uno per fallo su portiere di Perna, l’altro per fuorigioco di Massucci. Morresi fa buona guardia sugli assalti della Filottranese con due ottimi interventi. Nella ripresa, invece, esce fuori il Borgo Minonna. Palmieri fa gli straordinari sui tentativi di Bresciani da punizione, di Barbaresi dalla distanza e di Ferrante a pochi passi dalla porta.

Cristiano Luchetta, tecnico del Borgo Minonna

All’83’ i rossoblù trovano il meritato vantaggio: Bresciani batte una punizione verso l’area di rigore e trova la testa di Braconi, che infila Palmieri e realizza l’1-0. I rossoblù sfiorano due volte il raddoppio, ma la Filottranese trova il colpo dell’1-1 in pieno recupero. Siamo al 94° quando Meschini scambia il pallone con Massucci in area di rigore e realizza la rete del pari con un preciso rasoterra a fil di palo.

I commenti

Siamo ai playoff! Obiettivo raggiunto in casa Borgo Minonna – spiega la società jesina – con una grandissima prestazione, dove la nostra squadra si fa raggiungere solo nel finale. Ora prepariamoci bene per l’ultima partita del campionato dove saremo ospiti del Castelbellino per chiudere al meglio, prima di concentrarci per lo spareggio a Sassoferrato”. “Con questo pareggio – rispondono da Filottrano – e il risultato della Castelfrettese, per la Filottranese si spengono aritmeticamente le speranze della promozione diretta, mentre alla porta bussa la sfida play-off. Il gol finale di Meschini è servito quanto meno ad evitare la sconfitta”.

Lorenzo Togni (allenatore della Sampaolese)

Labor 0-0 Sampaolese

La Labor e la Sampaolese non si fanno male e con lo 0-0 raggiungono aritmeticamente la salvezza. Il pareggio di Santa Maria Nuova, infatti, porta sia la squadra di Pesarini che quella di Togni a +4 dalla zona play-out a una giornata dal termine.

Come da pronostico, le emozioni sono state veramente pochissime e le compagini hanno preferito non rischiare. Nel primo tempo ci sono state buone azioni da parte di entrambe le formazioni, tuttavia senza azioni degne di nota. A inizio ripresa, invece, la Sampaolese va vicina allo 0-1 pochi istanti dopo il fischio di inizio, quindi Strappini colpisce un palo. Al di là di queste due occasioni da rete, la partita non regala altri sussulti e le due squadre festeggiano la salvezza aritmetica, grazie al contemporaneo 0-0 tra Real Cameranese e Castelleonese.

E’ una salvezza meritata per la Labor – spiega il ds laborino Loris Gasparri -, anche se è arrivata un po’ tardi, visto il valore della squadra. Va bene anche così, visto il cambiamento radicale che abbiamo effettuato a inizio stagione. Contro la Sampaolese era scontato non rischiare: nessuna delle due squadre voleva perdere e ed entrambi i club hanno raggiunto la salvezza aritmetica”.

MonSerra 1-1 Castelfrettese – 38’ Rocchi (C), 53’ Togni (M) – leggi l’articolo

Montemarciano 0-2 Loreto – 11’ Massimiliani, 17’ Pigliacampo

Un cinico Loreto piazza il colpo a sorpresa a Montemarciano e si toglie dall’ultimo posto. La squadra di Bernabei, già retrocessa in Seconda Categoria, ha battuto per 0-2 i ragazzi di Caccia già salvi. I biancoazzurri, però, hanno creato una gran mole di gioco, senza riuscire a capitalizzare le tante occasioni da gol create.

La partita

I locali, infatti, erano partiti subito forte, con la conclusione di Gramazio da centro-area, calciata sopra la traversa, dopo una bella azione sull’asse Gorini-Clementi. Al 9’ Magini serve con un filtrante Pellonara, la cui conclusione in diagonale fa la barba al palo. Il Loreto passa al primo tiro in porta con il colpo di testa di Massimiliani.

Il Montemarciano reagisce subito con Pellonara: prima non trova lo specchio dopo che era stato servito in profondità, poi il suo rasoterra dal limite viene bloccato da Pedol a terra. Gli ospiti ringraziano e trovano il bis al 17’, con il contropiede vincente di Pigliacampo, concluso con un bel diagonale in rete.

I locali non si scoraggiano e cercano in tutti i modi di recuperare la gara. Al 25’ Clementi pesca in area Gramazio che a botta sicura calcia fuori. Dall’altra parte il Loreto sfiora lo 0-3 con il tiro di Mascia alto a porta vuota. Sul ribaltamento di campo, il palo nega l’1-2 a Lucci da disanza ravvicinata. Pedol anticipa Marchesini dopo una bella azione personale dalla destra, mentre la conclusione di Clementi dal limite sfiora lo specchio.

Nella ripresa il Montemarciano ha provato ad assediare la porta loretana, costringendo gli ospiti nella propria metà campo. La squadra di Caccia, però, non concretizza, con i ragazzi di Bernabei bravi a mantenere la porta inviolata.

I commenti

Il Monte – spiega il club montemarcianese – sciupa l’impossibile e cade in casa contro il Loreto, bravo a capitalizzare al massimo le occasioni create. Appuntamento a sabato prossimo per l’ultima di campionato in trasferta sul campo della Sampaolese”. “Il Loreto – rispondono gli ospiti – vince in trasferta e lascia l’ultima posizione. Siamo già al lavoro per la prossima stagione, ma portiamo a casa tre punti meritati”.

Real Cameranese 0-0 Castelleonese

Come Labor e Sampaolese, non si fanno male nemmeno Real Cameranese e Castelleonese. Al “Montenovo” di Camerano, infatti, lo scontro salvezza finisce 0-0: sia la squadra di Pantalone che quella di Gasparoni restano a +1 dalla zona play-out e si giocheranno la permanenza diretta in Prima Categoria all’ultima giornata.

I rossoneri di casa hanno cercato fino alla fine di cercare i tre punti, ma si sono scontrati contro il muro difensivo dei pesaresi. L’occasione più grande per il colpo del ko è arrivata nei minuti finali del secondo tempo: Defendi ha messo un cross in area verso Marchionni, che prova a deviare in rete ma trova i guantoni di Giombi.

“I rossoneri – spiega la Real Cameranese – si devono accontentare di un punto che consente loro di essere ancora padroni del proprio destino. La volata per mantenere la categoria si deciderà sabato prossimo, con la Real impegnata sul campo della capolista Castelferretti, fresca di vittoria del campionato e conseguente balzo in Promozione. Peccato. Ma non è ancora detta l’ultima parola, anzi, saremo proprio noi a decidere il nostro destino. Testa a sabato, alla ricerca dell’impresa!”. La Castelleonese, invece, ospita in casa il Sassoferrato Genga.

Sassoferrato Genga 0-1 Castelbellino – 66’ Ledesma

Proprio i sentinati di mister Franceschelli, già certi della terza posizione in classifica, sabato scorso sono stati sconfitti dal Castelbellino dell’ex Ricci per 0-1. Gli orange si avvicinano così al quinto posto, a -1 dal Chiaravalle, grazie alla zampata di Ledesma nel secondo tempo.

La partita

E’ stata una partita combattuta, aperta a qualsiasi risultato. Parte meglio il Sassoferrato Genga: al 20’ Carboni prova il gol da cineteca dalla distanza vedendo Pettinelli fuori dalla porta, il portiere castelbellinese recupera in tempo e devia in corner. 18 minuti dopo Cossa tenta il tiro dal limite, un difensore devia il pallone sul palo e Pettinelli lo raccoglie. Dall’altra parte le ripartenze del Castelbellino non impensieriscono Buriani, con la difesa locale attenta su alcuni corner a sfavore. Il primo tempo termina 0-0.

Ledesma (Castelbellino)

Nella ripresa, l’equilibrio si spezza al minuto numero 66: Ledesma riceve palla in profondità, perde inizialmente il contrasto con Lippolis ma il difensore sentinate scivola e prova a rinviare, il fantasista orange intercetta la sfera e trova la conclusione vincente per lo 0-1.

Il Sassoferrato Genga a questo punto si lancia in avanti alla ricerca del pari. Carboni non trova lo specchio in area dopo un passaggio di Ricci, così come Emanuele Piermattei sfiora la porta dopo essersi liberato bene dei difensori, a tu per tu con Pettinelli. Il risultato, però, non cambia e il Castelbellino riesce a conquistare i tre punti.

I commenti

Il Sassoferrato Genga – spiega la società di casa – viene sconfitto a domicilio dal Castelbellino Calcio al termine di una partita combattuta. In virtù dei risultati dagli altri campi, abbiamo la certezza della terza posizione in classifica, che vuol dire 1° turno play-off al Comunale di Sassoferrato previsto per sabato 20 Maggio contro il Borgo Minonna”. “Una grande prova di carattere per il Castelbellino – rispondono gli orange -, che porta a casa l’intero bottino, dopo una sfida molto vivace ed equilibrata. Le due formazioni si sono affrontate a viso aperto”.

Staffolo 1-0 Chiaravalle – 53’ Monaco

Lo Staffolo vince di misura contro il Chiaravalle, regalandosi i tre punti nell’ultima gara interna. Basta un gol di Monaco, infatti, ai ragazzi di Pasquini per battere la squadra di Onorato, ora obbligata a vincere sabato prossimo per continuare a sperare nei play-off. I grigioneri, infatti, al momento sono quinti a -12 dalla Filottranese e potrebbero disputare la semifinale proprio contro i biancorossi se vincessero in casa contro la Labor e la Filottranese perdesse al “San Giobbe” contro il Villa Musone.

La partita

I giallorossi fin da subito hanno cercato la via del gol, mentre il Chiaravalle ha preferito difendersi nella propria metà campo e a cercare i contrattacchi per colpire la formazione di casa. Il primo tempo termina 0-0. Al 53’ lo Staffolo passa in vantaggio: Massei pennella in area un cross verso Monaco sul secondo palo, il quale realizza l’1-0 da pochi passi dalla porta.

Nicolò Monaco (Staffolo)

I grigioneri a questo punto si riversano in avanti alla ricerca del pari, ma un super Verdolini mantiene la porta inviolata fino alla fine del match. La banda di Pasquini resta settima a 44 punti, ma si prende la soddisfazione di aver praticamente negato i play-off agli avversari. Della serie: “Se non li facciamo noi, non li dovete fare nemmeno voi”.

I commenti

Lo Staffolo – spiega la società di casa – si aggiudica il penultimo scontro del campionato prendendosi la rivincita del match dell’andata. I giallorossi tornano alla vittoria dopo la sconfitta della scorsa giornata. E’ un peccato non essere riusciti a centrare i play-off per il secondo anno consecutivo, ma resta comunque un’ottima stagione per i ragazzi di mister Pasquini. Ora cerchiamo di chiudere il campionato con l’ultima vittoria, contro l’ormai retrocesso Colle 2006”. “I Grigioneri – risponde il Chiaravalle – sbattono sul portiere locale e non riescono a portare a casa punti importanti per un piazzamento play-off che sarebbe il giusto premio per la fantastica stagione dei ragazzi di Mr Onorato. È durissima, ma l’aritmetica non ci condanna ancora. Lotteremo fino alla fine”.

Villa Musone 3-0 Colle 2006 – 28’ Domizi, 58’ Manzotti, 73’ Ventresini

Il Villa Musone batte il Colle 2006 e continua a sperare nella salvezza diretta. I ragazzi di Monaldi, infatti, hanno vinto 3-0 contro i dorici già retrocessi, portandosi a -2 dal 12° posto a 90’ dal termine del campionato.

La partita

La partita si è sbloccata alla mezz’ora: Ventresini dalla destra vede Domizi tutto solo, per il quale è un gioco da ragazzi realizzare l’1-0. I villains controllano il gioco senza creare grandi grattacapi al portiere avversario, così il risultato non cambia alla fine del primo tempo.

Nella ripresa il Colle 2006 crolla fisicamente ed il Villa Musone ne approfitta. Al 48’ Sall Cheick ci prova da fuori area con il destro ma non trova lo specchio di un nulla, mentre Ventresini sciupa il cross dalla sinistra di Domzi, spedendo la palla sul fondo. De Martino colpisce una traversa al 54’, mentre Ventresini viene ipnotizzato da Montuoso nell’uno contro uno, scaturito da un lancio della propria difesa.

E’ il preludio del 2-0 4 minuti più tardi: Ventresini dalla destra trova Manzotti, il quale sorprende la saracinesca ospite e realizza il gol a porta vuota. Al 73’ ecco il tris: dopo i due assist a Domizi e Manzotti, è Ventresini ad entrare meritatamente nell’elenco dei marcatori, per il definitivo 3-0 che chiude il match.

I commenti

Abbiamo colto tre punti importanti – ha spiegato mister Luca Monaldi del Villa Musone – che ci permettono di tenere aperto il discorso salvezza all’ultima giornata ed era il nostro obiettivo. I ragazzi sono stati bravi a conquistare la vittoria, anche se siamo stati un po’ contratti perché non è facile giocare partite di questo genere. Ora siamo concentrati in vista della sfida di Filottrano”.

È stata una bella sfida – ha risposto il presidente del Colle 2006, Claudio Conti -. Ci siamo presentati con molte assenze e siamo acciaccati dal punto di vista fisico. Siamo stati in partita finché abbiamo retto, poi il Villa Musone ha imposto la propria superiorità: il risultato è giusto. Non abbiamo rammarico per questa stagione, speravamo in qualcosa di meglio ma il nostro progetto va avanti: abbiamo puntato sui giovani a inizio stagione, ma ci è mancata l’esperienza in mezzo al campo e il livello del campionato si è alzato moltissimo. Siamo contenti di aver dato a tanti ragazzi della Juniores la possibilità di debuttare in Prima Categoria. Stiamo già lavorando per proseguire il nostro progetto anche l’anno prossimo in Seconda”.

Girone C – Cingolana SF 2-0 Montecosaro – 32’ Moretti, 91’ Marchegiani – leggi l’articolo

Girone C – Settempeda 2-0 Appignanese – 29’ e 57’ Sfrappini

Con un gol per tempo la Settempeda batte l’Appignanese e per la squadra di Giulianelli sfuma la possibilità di disputare la semifinale play-off ad Appignano. Una doppietta di Sfrappini, infatti, ha regalato il successo ai ragazzi di Mancini.

Gli appignanesi restano al quarto posto a 52 punti, a -5 dalla squadra di San Severino Marche: con una giornata ancora da giocare, l’Appignanese non potrà andare oltre i 55 punti anche vincendo sabato prossimo contro la Folgore Castelraimondo. La semifinale play-off, dunque, sarà nuovamente Settempeda-Appignanese e si giocherà ancora al “Soverchia” sabato 13 maggio. In questa giornata, infine, oltre alla Castelfrettese anche l’Elpidiense Cascinare ha festeggiato la vittoria del girone C di Prima Categoria battendo 4-2 il Cska Corridonia.

I pronostici di mister Carletti

Borgo Minonna-Filottranese – pronostico 2 – risultato X

Labor-Sampaolese – pronostico X – risultato X

MonSerra-Castelfrettese – pronostico 2 – risultato X

Montemarciano-Loreto – pronostico 1 – risultato 2

Real Cameranese-Castelleonese – pronostico X – risultato X

Sassoferrato Genga-Castelbellino – pronostico 1 – risultato 2

Staffolo-Chiaravalle – pronostico 1 – risultato 1

Villa Musone-Colle 2006 – pronostico 1 – risultato 1

Girone C – Cingolana SF-Montecosaro – pronostico 1 – risultato 1

Settempeda-Appignanese – pronostico 2 – risultato 1

Totale di giornata: 5/10 – Totale complessivo: 115/214

Classifiche e marcatori

Prima Categoria – girone B

CLASSIFICA – Castelfrettese 62, Filottranese 58, Sassoferrato Genga 54, Borgo Minonna 50, Chiaravalle 46, Castelbellino 45, Staffolo 44, Montemarciano 39, Labor 37, Sampaolese 37, Castelleonese 34, Real Cameranese 34MonSerra 33, Villa Musone 32, Loreto 12, Colle 2006 11

MARCATORI24 gol: Maccioni (Filottranese); 14 gol: Ricci (Sassoferrato Genga); 13 gol: Beta (Castelfrettese); 12 gol: Brega (MonSerra); 12 gol: Carboni (Sassoferrato Genga); 11 gol: Passeri (Sassoferrato Genga), Bassotti (Labor) e Parasecoli (Castelfrettese); 10 gol: Massei (Staffolo), Vincioni (Labor), Pigliacampo (Loreto) e Rocchi (Castelfrettese); 9 gol: Massucci (Filottranese), May (Borgo Minonna) e Ventresini (Villa Musone); 8 gol: Grassi (Filottranese), Defendi (Real Cameranese), Giudici (Castelleonese) e Cossa (Sassoferrato Genga); 7 gol: Onuorah (Castelbellino), Corinaldesi (Castelbellino), Ferrante (Borgo Minonna), Bresciani (Borgo Minonna), Paialunga (Filottranese), Apolloni (Sampaolese) e Ledesma (Castelbellino).

Prima Categoria – girone C

CLASSIFICA – Elpidiense Cascinare 70, Camerino 61, Settempeda 57, Appignanese 52Folgore Castelraimondo 45, Vigor Montecosaro 45, PortoRecanati 41, Montemilone Pollenza 38, Urbis Salvia 36, Elfa Tolentino 35, Caldarola 34, Esanatoglia 32, Cingolana SF 30, Montecosaro 25, Sarnano 20, Cska Corridonia 15

MARCATORI18 gol: Castellano (Elpidiense Cascinare); 16 gol: Storani (Elfa Tolentino); 14 gol:Bisbocci (Folgore Castelraimondo); 13 gol: Capenti (Settempeda); 12 gol: Buresta (Caldarola); 10 gol:Tarquini (Appignanese) e Montecchia (Camerino); 9 gol: Duca (Camerino), Pietrella (Urbis Salvia), Ulissi (Settempeda) e Tulli (Vigor Montecosaro); 8 gol: Mannucci (Appignanese), Curzi (Urbis Salvia), Gjuci (Esanatoglia), Piccolini (Esanatoglia) e Sfrappini (Settempeda).

MARCATORI (Cingolana SF)4 gol: Agosto e Michele S.; 3 gol: Zitti; 2 gol: Marchegiani; 1 gol: Ciattaglia, Ippoliti, Mossotti, Tomassoni, Bufarini, Fratoni, Santini, Tittarelli, Moretti.

Foto di copertina di Alex Ciciliani (ufficio Stampa SSD Staffolo)

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, la Cingolana SF torna a vincere: 2-0 al Montecosaro allo “Spivach”

Moretti e Marchegiani conquistano tre punti importantissimi per la banda di Canonici, ora a -2 dalla salvezza aritmetica

CINGOLI, 29 aprile 2023 – La Cingolana San Francesco torna a vincere dopo tre giornate e resta aggrappata alla salvezza aritmetica. I biancorossi di Canonici, infatti, hanno battuto 2-0 il Montecosaro allo “Spivach”, nella 29^ giornata del girone C di Prima Categoria di calcio. Grazie alla contemporanea vittoria della Vigor Montecosaro sull’Esanatoglia, i cingolani tornano a -2 dai biancoazzurri di Ortolani. Con il successo sui montecosaresi, inoltre, Tomassoni e compagni si assicurano di disputare il play-out in casa nel caso in cui non riuscissero ad acciuffare la salvezza diretta sabato prossimo 6 maggio.

Primo tempo

La Cingolana SF ha meritato di vincere, anche se ha dovuto faticare e non poco per raggiungere il vantaggio. Le prime occasioni, infatti, sono state di marca ospite: al 3’ il colpo di testa di Mazzante in area finisce debole tra le mani di Emiliani, mentre al 9’ Camerlengo tutto solo in area in contropiede anzi di tirare preferisce passare a Stebner, che poi non riuscirà a concretizzare l’azione.

I biancorossi si fanno vedere due minuti dopo, con il colpo di testa di Santini finito sopra la traversa. Al 16’ Ippoliti mette un cross dalla sinistra verso Carboni sulla destra, l’inzzuccata di quest’ultimo trova i guanti di Mari. Nemmeno 120 secondi e Moretti tenta il tiro al volo sugli sviluppi di un corner, anche se non centra lo specchio.

Il Montecosaro reagisce al 23’, con una punizione potente di Biagioli che si stampa sul fondo. Dall’altra parte Tittarelli al limite dell’area controlla e calcia, senza trovare la porta. Emiliani poco dopo controlla un pericoloso tiro-cross di Camerlengo. Al 27’ Marchegiani si rende protagonista di un’incursione in area dopo il triangolo con Tittarelli e Moretti: il tiro del numero 10 cingolano viene deviato in corner. Siamo al 29° quando Catinari dalla sinistra mette in area verso Perugini, che di testa colpisce la traversa; sulla ribattuta il numero 10 trova i guantoni di Emilani a deviare in calcio d’angolo.

A questo punto entra in gioco la dura legge del calcio: gol mangiato, gol subito. Al 31’ Moretti si libera bene di un difensore con una finta e appoggia in area per Ippoliti sulla sinistra, l’esterno classe 2004 controlla e tira ma non trova lo specchio da posizione invitante. Sull’azione seguente, Ippoliti vince il contrasto in pressione su un difensore, Marchegiani recupera palla in area sul fondo e vede Moretti tutto solo davanti a Mari, il colpo di testa dell’attaccante finisce in rete, per l’1-0 dei locali. Al 38’ Tittarelli dalla destra serve Ippoliti all’altezza del dischetto del rigore: il tiro al volo del numero 9 di casa termina a lato di un soffio. Il primo tempo finisce 1-0.

Secondo tempo

Nella ripresa la Cingolana SF rischia poco, difende bene grazie a Santini e Fratoni in giornata di grazia e raddoppia in pieno recupero. Il secondo parziale inizia con tre cambi da parte di mister Diamanti del Montecosaro, in particolare con gli ammoniti Mazzante e Stebner sostituiti da Santagata e Del Gobbo.

Sono i biancorossi, però, a tenere il pallino del gioco. Al 53’ Carboni ci prova con un rasoterra da fuori area, palla a lato. Passano 6 minuti e Zitti vede Marchegiani in area che si gira, controlla e tira, Mari controlla in presa. Quindi Ippoliti sulla sinistra arriva sul fondo, vede Carboni in mezzo all’area da solo e lo serve, la conclusione del 7 finisce ampiamente furi. Al 65’ Marchegiani verticalizza per Moretti, che si libera di un difensore con un sombrero e prova la conclusione d’esterno, la palombella del pallone finisce sopra la traversa di un soffio.

Si fanno vedere anche gli ospiti al minuto numero 70, con la conclusione di Basili che non centra lo specchio della porta. Al 74’ Tittarelli da punizione impegna Mari alla respinta in corner. Due minuti dopo, la difesa di casa mura una conclusione ravvicinata in area di Santagata. Ancora Cingolana: a 11’ dalla fine Ippoliti lancia in profondità Carboni, il quale entra in area da solo, fa rimbalzare la sfera e tira, il tentativo si stampa sul fondo.

Al 81’ Michele S. in area sulla destra si gira e prova il tiro-cross, senza trovare né i compagni né la porta. A due minuti dalla fine, Emiliani riesce ad arrivare in presa su un piazzato potente di Catinari da oltre 30 metri.

Il raddoppio dei biancorossi arriva in pieno recupero. Mari riesce a salvare due volte da una conclusione creata sul tandem Ippoliti-Marchegiani, ma Michele S. recupera il pallone e vede Marchegiani tutto solo davanti alla porta e il numero 10 in scivolata realizza il 2-0 che chiude le ostilità.

Terza vittoria casalinga: la salvezza a -2

La Cingolana San Francesco batte 2-0 il Montecosaro e continua a rimanere aggrappata alla salvezza aritmetica. I ragazzi di Canonici, trascinati dal tifo incessante della Curva Pini, hanno meritato la vittoria: l’intera retroguardia Emiliani-Bianchi-Santini-Fratoni-Zitti ha disputato una partita autoritaria, concedendo pochissimo agli avversari, soprattutto nella ripresa. Tra i migliori, inoltre, i due autori dei due gol, Giacomo Moretti e Giovanni Marchegiani, l’attaccante Pietro Ippoliti e il centrocampista Francesco Schiavoni: recuperato dall’infortunio che lo aveva tenuto lontano dal campo le scorse giornate, la sua presenza in mezzo al campo si è fatta sentire.

I biancorossi con questo successo raggiungono quota 30 punti, a -2 dall’Esanatoglia 12^ a 32,attualmente salva aritmeticamente per via dei 12 punti di distacco dal Sarnano penultimo. Con una vittoria a Pollenza contro il Montemilone e una sconfitta della squadra di Ortolani contro l’Elpidiense Cascinare promossa in Promozione, la Cingolana SF sarebbe aritmeticamente salva se il Sarnano dovesse perdere o pareggiare in casa del Cska Corridonia. In caso contrario, Tomassoni e compagni disputeranno i play-out in casa contro il Montecosaro, con due risultati su tre a disposizione per mantenere la categoria.

Tabellino

CINGOLANA SF – Emiliani, Zitti, Bianchi, Schiavoni, Santini, Fratoni, Carboni, Tittarelli, Ippoliti, Marchegiani, Moretti (65’ Michele S.). All. Canonici – A disp. Bracaccini, Falappa, Vitali, Centanni, Santamarianova, Mazzolani, Ciattaglia, Agosto.

MONTECOSARO – Mari, Catalini (46’ Quintabà), Basili, Biagioli, Marziali, Mancini, Mazzante (46’ Santagata), Catinari, Stebner (46’ Del Gobbo), Perugini, Camerlengo (79’ Renzi). All. Diamanti – A disp. Torresi, Paccacerqua, Pancotto, Cataldi, Bettin.

ARBITRO – Mancini di Ancona

RETI – 32’ Moretti, 91’ Marchegiani

NOTE – recupero: 1’ + 3’; ammoniti: Moretti (C), Mazzante (M), Stebner (M), Biagiola (M)

Clicca qui per gli altri risultati della 29^ giornata

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, il racconto della 28^ giornata dei gironi B e C

Pari nel big match tra Castelfrettese e Sassoferrato Genga, torna a vincere il Castelbellino; vittorie importanti in ottica salvezza per Labor, Sampaolese e Real Cameranese

VALLESINA, 25 aprile 2023 – La 28^ giornata dei gironi nostrani di Prima Categoria ci ha regalato molti temi su cui discutere. Nelle gare di sabato 22 e domenica 23 aprile, infatti, ci sono stati dei risultati importanti, utili utili nel proseguimento della rincorsa agli obiettivi delle squadre della Vallesina e dintorni a 180 minuti dal termine della stagione regolare.

Nel girone B la Castelfrettese si è fatta rimontare dal 2-0 al 2-2 dal Sassoferrato Genga, ma si è avvicinata ulteriormente al traguardo promozione, ora distante solamente 3 punti. La Filottranese, però, si è avvicinata a -4 e non mollerà da qui alla fine del campionato. Lo 0-0 del Borgo Minonna a Castelleone di Suasa fa avvicinare il Chiaravalle (vincente a Collemarino): gli jesini hanno un vantaggio di 3 lunghezze sui grigioneri. E’ tornato a vincere il Castelbellino dopo un lungo digiuno dal successo.

In zona salvezza, i successi di Labor, Sampaolese e Real Cameranese contro Montemarciano, MonSerra e Loreto valgono doppio a questo punto della stagione. Nel girone C, infine, perdono sia Appignanese che Cingolana San Francesco: se i biancorossi di Canonici sono a un passo dalla certezza dei play-out, i ragazzi di Giulianelli sono scivolati al quarto posto e rischiano addirittura di non disputare i play-off. Andiamo ad analizzare, dunque, le 10 partite di questo fine settimana appena concluso.

Girone B – Castelbellino 1-0 Villa Musone – 19’ Monno su rigore

Monno (Castelbellino)

Torna a vincere il Castelbellino dopo quasi due mesi. I ragazzi di Ricci, infatti, hanno battuto 1-0 il Villa Musone e sono tornati al sesto posto, superando lo Staffolo. La squadra di Monaldi, invece, alla seconda sconfitta di misura in due giornate, resta 14^: per evitare i play-out, deve recuperare 4 punti nelle ultime due gare di regular season.

La partita

La sfida è stata decisa da Monno al 19’, bravo a concretizzare un calcio di rigore per un tocco di mano di Lorenzetti in area sulla conclusione di Simonetti. Il penalty è stato contestato dagli ospiti. A questo punto i locali hanno controllato le operazioni, senza riuscire a chiudere la partita. Nel finale, l’arbitro ha annullato un gol agli ospiti per fuorigioco.

I commenti

Abbiamo dominato la partita – spiegano da Castelbellino – per tutti e 90 i minuti: è una vittoria meritata”. “Nel primo tempo – risponde il mister ospite Monaldi – abbiamo subito l’aggressività del Castelbellino che non ci ha permesso di giocare, anche se di fatto non abbiamo subito grossi pericoli a parte il gol nato da questo presunto tocco di mano. Nella ripresa i padroni di casa hanno abbassato i ritmi mentre noi siamo riusciti a venire fuori. Riuscendo a spostare la palla con più velocità, siamo stati più efficaci trovando un paio di situazioni insidios, tra cui due punizioni dal limite dell’area. L’arbitro ha lasciato correre su un contrasto in area di rigore locale su Ascani. Al di là del risultato, la prestazione dei ragazzi c’è stata e sono stati bravi a rimanere sempre in partita”.

Castelfrettese 2-2 Sassoferrato Genga – 15’ Paniconi (C), 45’ + 1’ Rocchi (C), 45’ + 3’ Chiocchiolini (S), 65’ Carboni (S)

La Castelfrettese scappa, il Sassoferrato Genga la riprende e la Filottranese ringrazia (per il momento). Il big match tra le compagini di Bugari e Franceschelli è terminato 2-2, con un pari che avvicina alla vittoria del campionato i locali: basteranno tre punti nel prossimo turno per volare in Promozione, anche se l’inseguitrice ha accorciato a -4. I sentinati, invece, restano al terzo posto al sesto risultato utile e con un successo blinderebbero il podio nella 29^ giornata. Si fermano a 9 le vittorie consecutive dei “Frogs”, imbattuti da 18 giornate.

La partita – Primo tempo

I biancorossi sfruttano gli errori difensivi degli ospiti e provano la fuga. Al 3’ Chiocchiolini mette in profondità verso i compagni in avanti, Sollitto esce male, la palla rimbalza sulla schiena di Passeri a porta sguarnita ma la difesa controlla. La Castelfrettese risponde al 14’, con il tiro da fuori di Marini che finisce sopra la traversa.

Qualche istante dopo, Carletti Orsini sbaglia il passaggio in mezzo verso il compagno, la palla arriva a Paniconi che arriva davanti a Burioni e realizza l’1-0. I sentinati a questo punto continuano ad attaccare, prima con il tiro dal limite di Passeri deviato in corner, poi con il colpo di testa di Ricci in area respinto da Mazzarini.

Luca Rocchi (Castelfrettese)

Al 19’ Ruiu colpisce la traversa con un tiro-cross dalla destra. Dieci minuti più tardi Anconetani ci prova dai 20 metri, la conclusione finisce a lato di un soffio. Sollitto è attento in due occasioni: prima arriva in due tempi sulla conclusione di Ricci dal limite dell’area al 40’, poi respinge lontano il preciso diagonale di Cossa quattro minuti più tardi.

Nei minuti di recupero del primo tempo arriva il raddoppio dei locali: Paniconi e Beta lottano contro i difensori sentinati, il pallone finisce a Rocchi che si aggiusta il pallone e scaglia il preciso rasoterra dai 25 metri che vola sul 2-0. Il Sassoferrato Genga, però, riesce ad accorciare prima della fine del primo tempo. Siamo al terzo minuto di recupero quando Carboni batte velocemente una punizione sulla metà campo, servendo più avanti Chiocchiolini, il quale scaglia un bolide dai 30 metri che sorprende Sollitto, per il 2-1. I sentinati hanno anche l’occasione per pareggiare prima della pausa con Carboni, ma il suo tiro è troppo debole per impensierire Sollitto. Il primo tempo termina così 2-1.

Secondo tempo

Nella ripresa gli ospiti credono di poter ribaltare il match e riescono a pareggiare i conti, sfiorando anche il clamoroso ribaltone. Al 48’ Carboni ci prova da fuori area, il portiere locale è attento e respinge. Poco dopo Sollitto controlla senza problemi il tiro debole rasoterra dai 20 metri di Arcangeli. I sentinati vanno vicini al pari anche con un colpo di testa di Ricci sugli sviluppi di un corner, la palla rimbalza sul terreno e finisce sopra la traversa di un metro.

Marco Carboni (Sassoferrato Genga)

Il pareggio, però, arriva al 66’ con una grande azione da parte del Sasso Genga. Ruiu da metà campo appoggia a Carboni, il quale passa a Passeri, fa velo verso Arcangeli che prolunga per Ricci, il quale fa sponda ancora per Carboni che controlla di destro, se la mette sul sinistro e dal limite infila Sollitto per 2-2.

I sentinati prendono fiducia e vanno vicini al colpaccio. Passeri non è reattivo a deviare in rete a porta vuota un pasticcio tra Sollitto e un difensore locale, poi il diagonale di Cossa al 69’ si infrange sui piedi della saracinesca biancorossa. La Castelfrettese si rifà vedere solo nel finale, con il colpo di testa di Mazzarini ampiamente a lato su rimessa lunga di Luchetti. Al 92’, Carboni, servito da Arcangeli, si libera bene e prova dai 20 metri, Sollitto devia in corner con un volo d’angelo e chiude il match sul 2-2.

I commenti

Con questo pareggio – spiega il mister locale Yuri Bugariabbiamo tagliato fuori dalla corsa promozione una diretta concorrente, lasciandola a 7 punti con due partite da giocare: era tra i nostri obiettivi di giornata. Se guardiamo, invece, a come è andata la sfida, dato che eravamo in vantaggio di due reti, potremmo recriminare qualcosa, però penso che il pari sia il risultato più giusto. A dire il vero, forse avrebbero meritato qualcosa in più i nostri avversari. Il Sassoferrato Genga ha forti individualità: sapevano quando c’era da accelerare o da rallentare e con due colpi di qualità hanno raggiunto il pari. Ora ci aspettano due partite difficili: il MonSerra in piena lotta play-out cercherà di vincere a tutti i costi. Ci aspetta l’ennesima finale e in palio, questa volta, c’è l’aritmetica promozione nella categoria superiore”.

E’ un punto che vale tanto – risponde il tecnico ospite Marco Franceschellial cospetto di una squadra con una serie importante di risultati utili consecutivi ancora in corso. Si è trattato di una sfida di categoria superiore rispetto alla Prima Categoria. C’è rammarico, perché la Castelfrettese non aveva bisogno nel primo tempo di avere un vantaggio così importante, regalando un gol e mezzo. Di contro abbiamo creato tanto, siamo stati bravi a non mollare: siamo stati sul pezzo e abbiamo provato anche a vincere. Sollitto alla fine si è guadagnato la pagnotta con quel gran intervento su Carboni a evitare il 2-3 finale. Sono soddisfatto della bella prestazione dei ragazzi: il nostro obiettivo è prepararci al meglio per i play-off e, se possibile, migliorare l’attuale terza posizione”.

Castelleonese 0-0 Borgo Minonna

La Castelleonese ferma sullo 0-0 il Borgo Minonna ed esce momentaneamente dalla zona play-out, a +1 dal MonSerra. La squadra di Gasparoni ha resistito agli affondi dei rossoblù di Luchetta, che restano quarti a -5 dal Sassoferrato Genga, ma vedono arrivare il Chiaravalle a -3.

La partita

E’ stata una partita equilibrata. Nel primo tempo non ci sono grandi emozioni, a parte un tiro di Morbidelli deviato in corner dalla difesa locale ed un presunto rigore negato agli ospiti su Ferrante. Nella ripresa, gli jesini sfiorano il gol a più riprese ma non riescono a superare il muro della Castelleonese. Ferrante, servito da Bresciani, ci prova con un destro da buona posizione, Giombi respinge lontano. Il Borgo Minonna recrimina per un altro penalty non concesso anche nei secondi 45’ sullo stesso Ferrante. Nel finale la Castelleonese va più volte vicino al colpo del ko, ma Morresi riesce sempre a cavarsela.

Ferrante (Borgo Minonna)

Il commento

Pareggio esterno per i rossoblù – spiega la società jesina – che non riescono a chiudere la pratica playoff. Serve a ben poco, anche se il sogno playoff è più vivo che mai: testa alla difficilissima partita casalinga contro la Filottranese, ricarichiamo le pile e facciamoci trovare pronti per la prossima battaglia. Segnaliamo che in occasione della prossima giornata di campionato, sarà istituita la giornata rossoblù”.

Labor 1-0 Montemarciano – 3’ Vincioni

Alla Labor basta un gol di Vincioni nei primi minuti per ottenere tre punti pesantissimi in ottica salvezza. A Santa Maria Nuova la squadra di Pesarini vince 1-0 e si porta a +4 dai play-out. La squadra di Caccia saluta aritmeticamente i play-off, fermando la striscia di 8 risultati utili in fila, ma ha ottenuto la salvezza aritmetica a causa della contemporanea sconfitta del MonSerra.

La partita

I laborini passano subito in vantaggio con Vincioni: l’attaccante locale parte in contropiede, supera due avversari e scaglia un tiro preciso che si stampa in rete. Dopo l’1-0, la squadra di casa gestisce il risultato senza rischi, mentre i biancoazzurri non si fanno vedere mai concretamente nell’area avversaria.

La Labor 2022-2023

Nella ripresa gli ospiti creano qualche buona occasione, ma la Labor riesce comunque a controllare le operazioni. Al 46’ il tiro di Gorini viene murato dalla difesa locale, mentre 5 minuti più tardi la conclusione di Gramazio dal limite finisce di poco fuori. Dall’altra parte Marconi non trova lo specchio da buona posizione.

Al 77’ Pascali fa sponda verso Pellonara, il quale prova la botta ma non impensierisce Cola. Tra minuti dopo Marconi finisce a terra in area di rigore dopo un contrasto, ma per l’arbitro non c’è il penalty. Nei minuti finali, Gorini calcia una punizione sulla testa di Severini ma la deviazione finisce sopra la traversa. Quest’ultimo prova poi il gol olimpico nei minuti di recupero, telefonato per il portiere di casa. Al 94’ Strappini ha la palla del 2-0 in contropiede ma non riesce a segnare a Fabrizzi battuto.

I commenti

Bella e meritata vittoria della Labor – spiega il ds laborino Loris Gasparriche batte un Montemarciano che ambiva ancora ad entrare nei playoff. Dopo il gol del vantaggio, gli ospiti avevano provato a spingere di forza, ma i nostri ragazzi hanno coperto bene e non hanno concesso occasioni. È stata una Labor completamente diversa rispetto a quella vista contro il MonSerra: abbiamo vinto una partita fondamentale per la salvezza diretta”.

Il Monte – risponde la società biancoazzurra – esce sconfitto per 1 a 0 dal campo della Labor ed interrompe la striscia di 8 risultati utili consecutivi. I padroni di casa capitalizzano al meglio l’ottimo inizio di match. I ragazzi di mister Caccia non riescono a sfondare il muro locale e tornano a casa senza punti”.

Loreto 0-1 Real Cameranese – 88’ Rossetti

La Real Cameranese batte il Loreto in zona Cesarini ed esce dalla zona play-out, a +1 dal 13° posto. La squadra di Pantalone ha sofferto più del previsto contro i ragazzi di Bernabei, aritmeticamente retrocessi dalla scorsa giornata.

Primo tempo

Gli ospiti partono subito con l’acceleratore pigiato. Al 13’ Marchionne vede salvare da Cinesi sulla linea un gol già fatto, poi colpisce un palo al 28’. L’occasione più grande per il vantaggio, però, ce l’hanno i padroni di casa. Al 38’ l’arbitro concede un calcio di rigore ai loretani per fallo del portiere Fatone su Mobili: la saracinesca ospite rimedia all’errore neutralizzando il penalty battuto da bomber Pigliacampo. Nel finale Droghetti devia in corner un preciso colpo di testa del solito Marchionne, mentre Fatone fa ancora gli straordinari, questa volta sulla botta dell’ex Piccini.

Il pre-gara di Loreto-Real Cameranese

Nella ripresa la Real Cameranese trova il colpo del ko. Defendi colpisce una traversa al 51’, ma il Loreto poi difende in maniera ordinata, senza soffrire più di tanto. Anzi, al 84’ il diagonale di Socci sfiora il palo.

Siamo al 88° quando Mascia mette in mezzo verso Piccini, la botta a colpo sicuro di Piccini è respinta da Fatone; sul rovesciamento di fronte Rossetti è il più lesto di tutti a mettere in rete il cross di Principi, regalando i tre punti alla squadra di Camerano.

I commenti

La Real Cameranese – risponde il dirigente locale Giovanni Pespani – passa a Loreto nei minuti finali, dopo una partita emozionante, con la compagine di Bernabei che ha messo in campo una delle migliori prestazioni stagionali, nonostante il divario di punti e la retrocessione aritmetica”.

Vittoria che profuma di ossigeno puro per la Real Cameranese – spiega la società di Camerano -. I rossoneri passano a Loreto 1-0, grazie alla rete di Rossetti, arrivata all’ultimo respiro, alle parate decisive di Fatone e nonostante i tre legni colpiti dalla formazione di mister Giorgio Pantalone. I padroni di casa stanno onorando alla grande il campionato nonostante la retrocessione. Ora siamo nuovamente padroni del nostro destino, contiamo un mini vantaggio di un punto sulla zona playout, quando mancano due giornate al termine del girone di ritorno. Ricarichiamo le pile e prepariamoci al match casalingo di sabato, contro la Castelleonese”.

Sampaolese 3-1 MonSerra – 1’ Gambadori su rigore (M), 27’ su rigore e 62’ Apolloni (S), 78’ Bediako (S) (foto di copertina)

L’altro grande colpo in ottica salvezza nella 28^ giornata lo fa la Sampaolese. I ragazzi di Togni, infatti, hanno battuto 3-1 il MonSerra in rimonta, portandosi a +4 proprio dagli uomini di Moretti. Con un successo nella prossima giornata, la squadra di San Paolo di Jesi sarà aritmeticamente salva.

La partita

Gli ospiti passano immediatamente in vantaggio, ma vengono raggiunti a metà del primo tempo. Dopo 20 secondi l’arbitro concede un rigore al Monserra: l’ex Gambadori non sbaglia dal dischetto e segna l’1-0. La rete è una dura mazzata per i locali, che rischiano di prendere gol in altre due occasioni pericolose degli avversari.

Il match, però, cambia alla mezz’ora. Il direttore di gara concedere il penalty per un fallo del portiere Pigliapoco su Diagne. Dal dischetto Apolloni ristabilisce la parità, per l’1-1 con cui si chiudono i primi 45’ di gioco.

Nella ripresa, la Sampaolese trova i colpi del ko. Al 62’ Diagne vede tutto solo in area Apolloni, il quale di testa realizza il gol del sorpasso sul 2-1. A 12 minuti dalla fine, ancora l’autore dei primi due centri biancorossi fa partire Conte sulla fascia, il quale serve in mezzo Bediako, per il quale è un gioco da ragazzi realizzare il definitivo 3-1.

Lorenzo Togni (allenatore della Sampaolese)

I commenti

Sono 3 punti fondamentali – spiega la Sampaolese nei propri canali social -, conquistati contro una diretta concorrente per evitare i play-out. A 180 minuti dal termine, pur con una discreta posizione in classifica, non bisogna mollare niente. Sabato contro la Labor ci sarà da soffrire e non poco!”.

“Trasferta amara – commentano gli ospiti – per il MonSerra che torna da San Paolo con 0 punti. I padroni di casa ribaltano il vantaggio ospite con Gambadori e si impongono per 3 reti a 1, avvicinandosi così sempre di più alla salvezza diretta. Per i biancorossi sarà ora cruciale lo scontro di sabato prossimo al Comunale di Montecarotto in cui ospiteremo la capolista Castelfrettese”.

Un momento di Colle 2006-Chiaravalle (foto di Genny Giorgetti)

Colle 2006 1-3 Chiaravalle – 22’ D’Urzo su rigore (CH), 36’ Rossolini (CH), 93’ Palloni (CH), 94’ Mondaini (CO)

Il Chiaravalle vince a Collemarino e continua a sperare nei play-off. La squadra di Onorato, infatti, ha battuto 1-3 il Colle 2006 già retrocesso e si è portata a -3 dal Borgo Minonna quarto. Restano 11 i punti di distacco dalla Filottranese seconda: se gli esini mantengono la posizione e recuperano due lunghezze alla formazione di Malavenda, disputeranno i play-off, altrimenti dovranno scavalcare gli jesini per entrare nella griglia degli spareggi promozione.

E’ stato un match senza storia, con il Chiaravalle in vantaggio di 0-2 già nel primo tempo con il rigore di D’Urzo e la rete di Rossollini. Nella ripresa, succede tutto in pieno recupero: Palloni al 93’ segna lo 0-3 e dopo un minuto Mondaini realizza il gol della bandiera per i dorici.

Vittoria importante – spiega la società chiaravallese – per i Grigioneri, che portano a casa tre punti fondamentali per la volata finale”.

Filottranese 2-1 Staffolo – 15’ Maccioni (F), 34’ Tigano (S), 90’ Paialunga (F) – leggi l’articolo

Girone C – Sarnano 1-0 Cingolana SF – 5’ Papa Ndiour

Dopo il successo dello “Spivach”, il Sarnano si conferma bestia nera della Cingolana San Francesco. I ragazzi di Canonici, infatti, hanno perso 1-0 in casa della penultima in classifica: i play-out sembrano ormai ad un passo per i biancorossi, a -5 da Esanatoglia ed Elfa Tolentino.

I locali trovano il vantaggio al 5’, con un rasoterra dal limite di Papa Ndiour a fil di palo. Gli ospiti, senza gli squalificati Fratoni e Moretti, l’infortunato Schiavoni e l’acciaccato Santini, reagiscono solo nella ripresa. Marchegiani di testa trova le mani del portiere avversario, poi Ippoliti si vede deviare un corner il tentativo da buona posizione. L’occasione più ghiotta ce l’ha Michele S., con il palo che gli nega la quinta rete stagionale da due passi.

L’Esanatoglia vince contro il Cska Corridonia, così la Cingolana SF vede allontanarsi la truppa di Ortolani a 5 punti. Per evitare i play-out, dunque, bisognerà vincere le prossime partite contro il Montecosaro e contro il Montemilone Pollenza il 7 maggio e sperare in due sconfitte dell’Esanatoglia contro Settempeda ed Elpidiense Cascinare o in un punto in due giornate dell’Elfa Tolentino (impegnato con Camerino e PortoRecanati).

Se tolentinati (con i quali la Cingolana SF ha gli scontri diretti a favore) ed esanatogliesi riuscissero a chiudere regular season davanti ai cingolani con i risultati del prossimo turno, l’obiettivo minimo per i ragazzi di Canonici sarà quello di mantenere il 13° posto per giocare il play-out allo Spivach. Con una vittoria sabato prossimo a Cingoli contro il Montecosaro, in un antipasto del probabile spareggio, la posizione sarebbe aritmetica.

L’allenatore-giocatore dell’Appignanese, Valerio Giulianelli

Appignanese 0-1 Urbis Salvia – 32’ Pettinari

L’Appignanese, infine, perde in casa e rischia di dire addio ai play-off. La squadra di Giulianelli, infatti, ha perso 0-1 contro l’Urbis Salvia ed è scivolata al quarto posto, per via della vittoria della Settempeda contro il Montemilone a Pollenza nel posticipo di domenica.

Decide un gol di Pettinari alla mezz’ora. Al momento, ai play-off andrebbero Camerino, Settempeda e Appignanese, con i camerti già in finale per i 19 punti di vantaggio sulla quinta posizione. I biancorossi, però, hanno un vantaggio di 7 punti dalla formazione di San Severino: se alla 30^ giornata il distacco tra seconda e terza raggiunge o supera i 10 punti, il Camerino volerà direttamente agli spareggi con le vincenti dei play-off degli altri gironi.

Un’eventualità da scongiurare per l’Appignanese e la Settempeda. Intanto, la squadra di Giulianelli domani mercoledì 26 aprile si gioca il primo trofeo della stagione, con la Finale di Coppa Marche Prima Categoria al “Paolinelli” di Ancona contro la Vismara Pesaro.

I pronostici di mister Carletti

Castelbellino-Villa Musone – pronostico X – risultato 1

Castelfrettese-Sassoferrato Genga – pronostico 1 – risultato X

Castelleonese-Borgo Minonna – pronostico X – risultato X

Colle 2006-Chiaravalle – pronostico 2 – risultato 2

Filottranese-Staffolo – pronostico 1 – risultato 1

Labor-Montemarciano – pronostico X – risultato 1

Loreto-Real Cameranese – pronostico 2 – risultato 2

Sampaolese-MonSerra – pronostico 1 – risultato 1

Girone C – Sarnano-Cingolana SF – pronostico 2 – risultato 1

Girone C – Appignanese-Urbis Salvia – pronostico 1 – risultato 1

Totale di giornata: 5/10 – Totale complessivo: 110/204

Classifiche e marcatori

Prima Categoria – girone B

CLASSIFICACastelfrettese 61, Filottranese 57, Sassoferrato Genga 54, Borgo Minonna 49, Chiaravalle 46, Castelbellino 42, Staffolo 41, Montemarciano 39, Labor 36, Sampaolese 36, Castelleonese 33, Real Cameranese 33, MonSerra 32, Villa Musone 29, Colle 2006 11, Loreto 9

MARCATORI24 gol: Maccioni (Filottranese); 14 gol: Ricci (Sassoferrato Genga); 13 gol: Beta (Castelfrettese); 12 gol: Carboni (Sassoferrato Genga); 11 gol: Passeri (Sassoferrato Genga), Bassotti (Labor) e Parasecoli (Castelfrettese); 10 gol: Massei (Staffolo) e Vincioni (Labori); 9 gol: Pigliacampo (Loreto), Massucci (Filottranese), May (Borgo Minonna) e Rocchi (Castelfrettese); 8 gol: Grassi (Filottranese), Defendi (Real Cameranese), Ventresini (Villa Musone), Giudici (Castelleonese) e Cossa (Sassoferrato Genga); 7 gol: Onuorah (Castelbellino), Ferrante (Borgo Minonna), Bresciani (Borgo Minonna), Paialunga (Filottranese), Apolloni (Sampaolese).

Prima Categoria – girone C

CLASSIFICA – Elpidiense Cascinare 67, Camerino 61, Settempeda 54, Appignanese 52Folgore Castelraimondo 42, Vigor Montecosaro 42, PortoRecanati 38, Urbis Salvia 36, Montemilone Pollenza 35, Caldarola 34, Elfa Tolentino 32, Esanatoglia 32, Cingolana SF 27, Montecosaro 25, Sarnano 20, Cska Corridonia 15

MARCATORI –  17 gol: Castellano (Elpidiense Cascinare); 16 gol: Storani (Elfa Tolentino); 14 gol:Bisbocci (Folgore Castelraimondo); 13 gol: Capenti (Settempeda); 12 gol: Buresta (Caldarola); 10 gol: Tarquini (Appignanese); 9 gol: Montecchia (Camerino), Duca (Camerino), Pietrella (Urbis Salvia), Ulissi (Settempeda) e Tulli (Vigor Montecosaro); 8 gol: Mannucci (Appignanese), Curzi (Urbis Salvia), Gjuci (Esanatoglia) e Piccolini (Esanatoglia).

MARCATORI (Cingolana) – 4 gol: Agosto e Michele S.; 3 gol: Zitti; 1 gol: Ciattaglia, Ippoliti, Mossotti, Tomassoni, Bufarini, Fratoni, Santini, Marchegiani, Tittarelli.

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, il racconto della 27^ giornata dei gironi B e C

Colle 2006 e Loreto aritmeticamente retrocesse in Seconda Categoria; alla Castelfrettese mancano 4 punti per la promozione, ma Filottranese e Sassoferrato Genga continuano a sperare a suon di vittorie

VALLESINA, 19 aprile 2023 – Siamo arrivati alle ultime battute del campionato di Prima Categoria nei gironi B e C e, di conseguenza, arrivano i primi verdetti stagionali. Nella 27^ giornata di sabato 15 aprile, infatti, è stata decretata la retrocessione aritmetica di Colle 2006 e Loreto, dato che entrambe non rientrerebbero nella soglia dei 10 punti per disputare i play-out anche se vincessero le restanti tre gare.

Alla Castelfrettese, invece, basteranno 4 punti per laurearsi campione del girone B: la vittoria di misura a Villa Musone conferma il periodo di grazia della truppa di Bugari. Hanno vinto anche Filottranese e Sassoferrato Genga, che così mantengono la speranza aritmetica di raggiungere la capolista. Con il Borgo Minonna ormai sicuro del quarto posto e di disputare la semifinale play-off, la quinta posizione rischia di non garantire un posto agli spareggi: il Chiaravalle (vincente nello scontro contro il Chiaravalle), infatti, è a -11 dal secondo posto e, se il campionato terminasse oggi, non rientrerebbe nella griglia dei play-off.

La lotta play-out, invece, è molto più incerta: nella 27^ giornata spiccano le vittorie di Montemarciano e MonSerra contro Real Cameranese e Labor, mentre la Castelleonese ha raccolto un importante pari in quel di Staffolo, allungando a +2 il vantaggio sulla 13^ posizione. Nel girone C, infine, l’Appignanese mantiene la terza posizione ma non va oltre lo 0-0 contro la Vigor Montecosaro. Andiamo analizzare tutto quello che è successo sabato scorso.

Girone B – Borgo Minonna 2-0 Loreto – 17’ e 82’ May

Il Borgo Minonna batte il Loreto all’inglese e lo condanna alla retrocessione diretta. La squadra di Luchetta, infatti, è tornata al successo dopo la sconfitta di Castelferretti. I lauretani di Bernabei sono aritmeticamente retrocessi in Seconda Categoria: anche se vincessero le restanti tre partite, infatti, arriverebbero al massimo a -14 dal 12° posto dal -23 attuale e per la forbice dei 10 punti di distanza non disputeranno i play-out anche se arrivassero penultimi.

La partita

I rossoblù hanno dominato il match per tutti e 90 i minuti di gioco. Nei primi minuti Morbidelli colpisce una traversa, ma è May a portare in vantaggio gli jesini con una conclusione ravvicinata al 17’. Nonostante le tante occasioni da gol create, il Borgo Minonna chiude il primo tempo solo sull’1-0.

Luca May del Borgo Minonna

Nella ripresa il più intraprendente è Ferrante, che ci prova più volte e arriva a colpire un palo. La rete del definitivo 2-0 la mette a segno ancora Luca May a 8’ dalla fine: lo stesso Ferrante gli fa sponda di testa e lui non sbaglia da pochi passi. Con questo successo, gli jesini rafforzano la quarta posizione, mantenendo il +5 di vantaggio dal Chiaravalle quinto.

Il commento

Torna alla vittoria – spiegano dalla società rossoblù – il Borgo Minonna, regolando la pratica Loreto senza tante difficoltà. Un successo importante per raggiungere l’obiettivo finale: non siamo inciampati nella trappola post-sosta e abbiamo portato a casa 3 punti fondamentali.Ora testa alla trasferta di Castelleone, dove servirà un’altra prestazione degna di nota per avvicinarci ancora di più all’obiettivo play-off”.

MonSerra 3-0 Labor – 12’ Serpicelli, 79’ Brega, 87’ Togni

Dopo due sconfitte consecutive, il MonSerra torna alla vittoria. La squadra di Moretti, infatti, ha vinto 3-0 lo scontro diretto contro la Labor ed è uscita momentaneamente dalla zona play-out, tornando a -1 proprio dalla compagine di Pesarini, che torna a perdere dopo tre risultati utili.

La partita

I biancorossi hanno meritato il successo. L’1-0 arriva dopo 12 minuti: gli arancioneri perdono palla in difesa, Serpicelli la raccoglie e infila in rete dal limite. Gli ospiti reagiscono al 35’, quando Vincioni non trova la porta da pochi passi. Il primo tempo termina 1-0.

Nella ripresa il MonSerra continua a essere più pericoloso, mentre la Labor non riesce a impensierire la difesa e il portiere avversari. Cola sventa il raddoppio al 55’ con un intervento di piede, mentre Pigliapoco dall’altra parte evita il pareggio sul tiro di Vincioni con una grande parata.

La formazione di Santa Maria Nuova viene punita sulle disattenzioni difensive: Brega recupera palla al 79’ e realizza senza particolari problemi. Il tris, infine, lo disegna Togni da punizione, con la sfera che passa in mezzo alla barriera e termina alle spalle di Cola.

La festa del MonSerra a fine partita

I commenti

Grande prova dei biancorossi – commenta la società di Montecarotto e Serra dei Conti – che tornano alla vittoria superando per 3 reti a 0 la Labor. Testa ora all’ennesimo scontro diretto di sabato prossimo quando faremo visita alla Sampaolese”.

La Labor esce sconfitta meritatamente – ammette il direttore sportivo dei laborini, Loris Gasparridal campo di un Monserra determinato e grintoso. Si è visto subito che la Labor non era con la giusta testa in uno scontro diretto per evitare i play out. E’ stata una partita da dimenticare: non c’è niente da salvare”.

Real Cameranese 0-2 Montemarciano – 5’ Tunnera, 92’ Marchesini

Il Montemarciano batte la Real Cameranese e ipoteca la salvezza. La squadra di Caccia ha vinto 0-2 a Camerano contro gli uomini di Pantalone, ottenendo il secondo successo in fila e l’ottavo risultato utile. Passati in vantaggio nel primo tempo, i biancoazzurri hanno rischiato il pari nella ripresa nonostante la superiorità numerica, per poi chiudere i giochi all’ultimo minuto della sfida. I rossoneri, alla seconda sconfitta consevutiva, restano in piena zona play-out, a -2 dalla salvezza.

La partita

I montemarcianesi dominano il primo tempo ma gettano al vento diverse occasioni da gol. Nei minuti iniziali la difesa locale salva sulle incursioni di Giancamilli e Pellonara, ma non può nulla al 5’: Gorini serve con un gran lancio Tunnera, che azzecca l’inserimento e di testa realizza l’1-0.

Nove minuti dopo Gorini riceve palla da Gramazio e prova la conclusione, sulla traiettoria Giancamilli devia di testa e la palla finisce sopra la traversa di un nulla. Al 21’ il tentativo Gorini fa la barba al palo. La Real Cameranese si fa vedere solo a fine primo tempo, con un tentativo debole che si stampa dopo aver recuperato palla.

In pieno recupero Defendi ci prova dal limite, Fabbrizi controlla in due tempi. Dall’altra parte Gramazio lancia in profondità Silverstrini, il tiro di quest’ultimo termina a lato di poco. Sugli sviluppi di un corner, Magini scaraventa un rasoterra verso la porta avversaria, Fatone va in presa a terra. Si va alla pausa sull’1-0.

Nella ripresa gli ospiti rischiano di farsi riacciuffare, ma chiudono la contesa solo nel recupero. Tunnera prova la doppietta nei primi minuti con una conclusione dal limite dell’area che, però, non trova lo specchio. Al 55’ Casaccia viene espulso per doppia ammonizione: questo episodio, anziché motivare il Montemarciano, provoca la reazione della Real Cameranese, che tenta in tutti i modi di pareggiare.

Dopo il tiro di Gramazio acciuffato da Fatone, la difesa montemarcianese pasticcia con il pallone, ma i locali non riescono a superare Fabbrizzi, attento con i piedi. Fatone anticipa Gorini in contropiede al 75’, mentre 7 minuti dopo Defendi di testa da due passi sciupa clamorosamente l’1-1. Al 92’ la squadra di Pantalone colpisce anche una traversa dopo un corner: sul ribaltamento di fronte, Marchesini parte in contropiede, arriva davanti a Fatone e lo supera con un pallonetto perfetto, per il 2-0 che chiude le ostilità.  Basterà un punto nel prossimo turno al Montemarciano per mantenere la Prima Categoria anche nel 2023-2024.

I commenti

“Gira tutto storto – spiega la società cameranese –, usciamo sconfitti 2-0 dal match casalingo contro il Montemarciano. Ma quanta sfortuna. I rossoneri hanno sfiorato più e più volte il gol del pareggio, per poi essere puniti all’ultimo respiro con la rete del raddoppio. La situazione di classifica è complicata: mancano tre partite e bisogna conquistare più punti possibili. Fare calcoli al momento è deleterio. Testa alta e reagiamo, a partire da sabato prossimo!”.

Partita pazza del Monte – rispondono i biancazzurri – che domina fino al 60’ creando e sciupando numerose occasioni, poi nel momento in cui la partita sembrava mettersi nel migliore dei modi per l’espulsione di Casaccia, i biancoazzurri si distraggono e vengono sorpresi dalla reazione dei locali, rischiando più volte di subire il pari. I biancoazzurri con questa vittoria allungano la striscia positiva, ma sarà utile far tesoro dei troppi errori commessi soprattutto nella parte finale del match per chiudere nel migliore dei modi la stagione. Appuntamento a sabato prossimo per la trasferta di Santa Maria Nuova contro la Labor”.

Sassoferrato Genga 2-1 Sampaolese – 22’ Cossa (SG), 45’ Ricci (SG), 78’ Chiariotti (SA)

Il Sassoferrato Genga si conferma la terza forza del campionato. I ragazzi di Franceschelli, infatti, hanno vinto 2-1 contro la Sampaolese, centrando la terza vittoria consecutiva e il quinto risultato utile. La squadra di Togni resta fuori dalla zona play-out, mantenendo 3 punti di vantaggio sulla Real Cameranese dodicesima.

La partita

Il match è stato molto equilibrato, giocato su ritmi molto alti. Gli ospiti sfiorano il vantaggio alle battute iniziali: il retropassaggio di Imperio verso Buriani finisce di poco sopra la traversa per via di una strana traiettoria spunta dal pallone.

I sentinati, però, cominciano a creare e trovano il vantaggio al 22’. Cossa dalla trequarti si inventa una traiettoria velenosa che sorprende la difesa avversaria ed è 1-0. Belardinelli è provvidenziale su Emanuele Piermattei, ma non può nulla al 45’, quando Ricci dal limite dell’area infila il portiere della Sampaolese con una precisa conclusione di sinistro a fil di palo. Il primo tempo finisce 1-0.

Alessandro Cossa

Nella ripresa la squadra locale sfiora più volte il tris, ma i biancorossi riescono a riaprire la gara a 10 minuti dalla fine. Paoluzzi sugli sviluppi di un corner sfiora il tris con un colpo di testa che sfiora la porta, mentre Belardinelli si supera sul tentativo di Emanuele Piermattei.

Siamo al 78’ quando la Sampaolese trova il 2-1: un traversone in area viene respinto da Buriani, ma sulla ribattuta Chiariotti trova il rap-in vincente. I sentinati, però, tornano in avanti alla ricerca dal terzo gol, con Cossa che sfiora la doppietta: ancora una volta Belardinelli dice no agli attaccanti di casa.

Il commento 

Il Sassoferrato Genga – spiegano i sentinati – batte la Sampaolese per 2 a 1 al termine di una partita giocata ad alti ritmi da entrambe le formazioni. Abbiamo legittimato la vittoria per quanto visto in campo”.

Staffolo 2-2 Castelleonese – 4’ Giudici (C), 9’ Tigano (S), 72’ Monaco (S), 73’ Bombagioni (C)

La Castelleonese strappa un punto a Staffolo. La squadra di Gasparoni, infatti, ha fermato sul 2-2 i giallorossi di Pasquini, superati al quinto posto dal Chiaravalle. I pesaresi portano a +2 il vantaggio sulla zona play-out.

La partita

E’ stato un match equilibrato tra due formazioni determinate a conquistare i tre punti. Gli ospiti passano in vantaggio dopo 4 minuti, con il diagonale da fuori di Giudici. Lo Staffolo non ci sta e pareggia al 9’: Monaco crossa in area verso Tigano, il quale di testa realizza l’1-1.

Qualche istante più tardi i locali lamentano un rigore negato ai danni di Piccini, mentre Tigano viene ipnotizzato da Giombi da buona posizione. Il primo tempo finisce 1-1.

Nella ripresa non cambia il copione del match. Siamo al 72’ quando Faris si libera dei difensori avversari e vede Monaco, il quale a porta vuota realizza il 2-1. La Castelleonese pareggia immediatamente, grazie al tiro di Bombagioni. I pesaresi sfiorano anche il clamoroso exploit, ma due grandi interventi di Verdolini evitano ulteriori guai ai giallorossi, per il definitivo 2-2.

Nicolò Monaco festeggia dopo il gol (foto di Alex Ciciliani – ufficio stampa SSD Staffolo)

I commenti

È stata una bella partita – spiega Nicolò Monaco dello Staffolo – , con diversi gol. La Castelleonese è una buona squadra, ben attrezzata in attacco: ha saputo metterci in difficoltà. Abbiamo giocato un buon match, però non siamo riusciti a portarci a casa i 3 punti e questo ci ha un po’ allontanati dalla zona playoff. Siamo ancora in corsa!”.

Sabato – aggiunge il dirigente dello Staffolo Simone Capitaniper la prima volta in stagione, hanno giocato insieme i tre giovani che ho voluto e cercato allo Staffolo in accordo con la società, ovvero Verdolini, Monaco e Mosci. Per me si tratta di una bella soddisfazione personale: Verdolini ha fatto delle parate magistrali, sventando tanti attacchi ospiti, mentre Monaco, oltre al gol, ha fatto l’assist per la rete di Tigano nel primo tempo”.

Villa Musone 0-1 Castelfrettese – 69’ Paniconi

La Castelfrettese viaggia come un treno e conquista i tre punti anche in casa del Villa Musone. La nona vittoria consecutiva dei ragazzi di Bugari, nonché 17° risultato utile in fila, fa mantenere il +6 dalla Filottranese a tre giornate dalla fine: altri 4 punti ed i “Frogs” saranno promossi in Promozione. I villains di Monaldi, invece, restano al 14° posto, a -3 dalla salvezza diretta, con la certezza di non retrocedere senza aver prima disputato i play-out in caso di arrivo in 13^ o 14^ posizione.

La partita

La capolista, però, ha dovuto sudare più del previsto contro un Villa Musone agguerrito, determinato a piazzare il colpaccio. Dopo una prima fase di studio, le prime occasioni da gol arrivano da parte dei locali. Al 20’ Ventresini tenta un tiro-cross da posizione defilata, Sollitto è attento in presa. Passano 5 minuti e ci prova Manzotti in area, il portiere ospite ci arriva senza patemi. Ci prova anche Sall Cheick con una bella inzuccata, ma la conclusione è lenta e l’ex Filottranese blocca il pallone. Al 44’ ancora Villa Musone: De Martino intercetta un passaggio di Sollitto, supera i difensori, entra nell’area piccola e calcia, la saracinesca ospite è attenta. Il primo tempo termina così 0-0.

La sfida si decide nella ripresa grazie ad un episodio. Al 47’ Rocchi sfiora un palo da posizione impossibile sulla linea di fondo campo. Passano 10 minuti e De Martino raccoglie un lancio di un compagno dalla parte opposta del campo, si aggiusta la sfera e sferra una sassata che termina alta sopra la traversa. Il Villa Musone continua ad attaccare: siamo al 62’ quando Ventresini, a tu per tu con Sollitto in area di rigore, calcia incredibilmente fuori.

Gol mangiato, gol subito: 7 minuti dopo Anconetani serve in contropiede Paniconi, Cingolani prova ad anticipare il giocatore avversario, che lo infila con un colpo da biliardo. I locali, però, hanno protestato vibratamene per una presunta posizione di off-side dello stesso Paniconi al momento del passaggio di Anconetani. A farne le spese l’allenatore Monaldi e il preparatore atletico Mangiaterra, entrambi allontanati dal campo.

Nel finale Manzotti sfiora il palo con un’azione personale, mentre viene annullato lo 0-2 ospite per via di un fuorigioco ravvisato su Rocchi, autore della rete non convalidata. Non ci sono altre emozioni e la Castelfrettese conquista i 3 punti.

I commenti

È stata una partita equilibrata – chiarisce Luca Monaldi, allenatore del Villa Musone -, siamo stati all’altezza della capolista senza mai snaturarci, cercando di fare le cose fatte nelle ultime giornate. Con i nostri pregi e difetti siamo riusciti a giocare come sappiamo. Si tratta di una sconfitta di misura che fa malissimo a questo punto della stagione: siamo abbattuti solo per il risultato, perché la prestazione è stata positiva e ci dà forza per affrontare queste ultimi 270 minuti di campionato. Non parlo del gol e della mia espulsione: sono due cose assurde”.

La sfida di Villa Musone – ammette Yuri Bugari, mister della Castelfrettese – è stata la più difficile del girone di ritorno. Mi aspettavo questo match, contro una squadra molto forte e organizzata: i villains hanno tenuto molto bene il campo sia dal punto di vista fisico che da quello tecnico, giocando molto bene a calcio. Chi sbaglia di meno in queste partite le porta a casa: ci siamo riusciti, questi tre punti valgono doppio. Giocare a Villa Musone non è mai facile, soprattutto dopo l’arrivo di mister Monaldi, che ha dato un’impronta precisa alla squadra. Continuiamo a lavorare con la stessa voglia e intensità, cercando di chiudere i conti il prima possibile. Sabato prossimo affrontiamo il Sassoferrato Genga in un buonissimo momento”.

Chiaravalle 2-1 Castelbellino – 45’ Palloni su rigore (CH), 60’ Cecati (CA), 70’ Giacomelli (CH)

Il Chiaravalle vince lo scontro diretto contro il Castelbellino e torna al quinto posto in solitaria. La squadra di Onorato, infatti, ha vinto 2-1 contro i ragazzi di Ricci, raccogliendo la seconda vittoria consecutiva dopo il colpaccio di Filottrano. Per gli orange, invece, si tratta della seconda sconfitta di fila, con la quinta piazza ora lontana 4 punti.

La partita

I grigioneri passano in vantaggio a fine primo tempo: Zucca colpisce il pallone di mano in area di rigore e l’arbitro fischia il calcio di rigore, realizzato da Palloni. Il Castelbellino pareggia al 60’: Pettinelli lancia dalla sua porta verso Corinaldesi che prolunga di testa verso Cecati, il quale con un pallonetto realizza la rete dell’1-1.

Il pari dura solo 10 minuti, poi i locali tornano in vantaggio: ci pensa Giacomelli con un tiro di prima intenzione rasoterra dal limite a realizzare il gol del definitivo 2-1 per gli uomini di Onorato. Al momento, però, il Chiaravalle non disputerebbe i play-off, per via degli 11 punti di distacco dalla Filottranese seconda.

I commenti

Torna la vittoria interna per i Grigioneri – commenta il club chiaravallese – che negli scontri d’alta classifica si fanno sempre trovare pronti. A regalare i tre punti ai ragazzi di mister Onorato è capitan Giacomelli”.

“Finisce con un secco 2-1 – risponde il Castelbellino – l’incontro tra Chiaravalle e Castelbellino. E’ un periodo difficile per la squadra di mister Ricci, che non trova la vittoria dal 25 febbraio contro il Loreto”. 

Colle 2006 0-8 Filottranese – 17’ Paialunga, 26’ Maccioni su rigore, 42’ Perna, 60’ Paialunga, 63’ Corneli, 68’ Lorenzini, 74’ Maresca, 83’ Massucci

La Filottranese scaccia la crisi con gli interessi. La squadra di Malavenda, infatti, ha battuto con un netto 0-8 il Colle 2006, condannandolo alla retrocessione diretta: gli anconetani, anche se vincessero tutte e tre le rimanenti partite da qui alla fine, resterebbero comunque a -12 dal 12° posto. I biancorossi, invece, si mantengono a -6 dalla Castelfrettese e a +1 dal Sassoferrato Genga, alla vigilia dello scontro diretto tra queste due compagini.

La partita

La squadra di Collemarino è stata letteralmente travolta dalla voglia di rivalsa della Filottranese, che era reduce da un periodo negativo, caratterizzato da due punti in quattro partite. Al quarto d’ora Paialungasegna lo 0-1 dopo una bella azione corale, mentre Maccioni conquista e realizza il calcio di rigore dello 0-2. Il tris arriva poco prima della pausa, con il colpo di testa di Perna su assist di Nicoletti Pini: il primo tempo termina 0-3.

Mirco Paialunga (Filottranese)

Nella ripresa arrivano altre 5 reti. Al 60’ Paialunga pesca il jolly con una gran botta da fuori area; 8 minuti dopo il classe 2006 Lorenzini, alla prima gioia stagionale in prima squadra, fa 5-0. La sesta rete arriva al 74’ per opera di capitan Corneli, la settima la segna Maresca da punizione, mentre il definitivo 0-8 è siglato da Massucci a 7 minuti dalla fine del match. Come spiegato in precedenza, in questo momento la Filottranese sarebbe qualificata automaticamente alla finale play-off, a causa del +11 dalla quinta posizione.

Il commento

Dopo le scorse prestazioni opache e i diversi risultati sfavorevoli – spiegano dalla società filottranese -, che hanno reso la Filottranese da inseguita ad inseguitrice, la partita di sabato risolleva non di poco il morale di casa biancorossa, tornando a ben sperare per questo rush finale di campionato”.

Girone C – Folgore Castelraimondo 0-0 Cingolana SF – leggi l’articolo

Vigor Montecosaro 0-0 Appignanese

Non va oltre lo 0-0 l’Appignanese in casa della Vigor Montecosaro. I ragazzi di Giulianelli restano al terzo posto, mantenendo inalterato il vantaggio di +1 sulla Settempeda.  I locali hanno creato tanto, colpendo anche una traversa, ma gli Appignanesi hanno stretto i denti, conquistando un utile punto per confermare il terzo posto.

In questo momento, i biancazzurri sfiderebbero in semifinale play-off la Settempeda quarta in casa ad Appignano. L’obiettivo per la squadra del ds Gagliardini è duplice: mantenere la soglia dei 10 punti dalla terza posizione (ora l’Appignanese è a -8 dal Camerino) e restare al terzo posto, per giocare la semifinale tra le mura amiche. Il Camerino, inoltre, è già sicuro di disputare la finalissima degli spareggi, grazie al +21 su Folgore Castelraimondo e Vigor Montecosaro quinte. 

I pronostici di mister Carletti

Borgo Minonna-Loreto – pronostico 1 – risultato 1

Chiaravalle-Castelbellino – pronostico 1 – risultato 1

Colle 2006-Filottranese – pronostico 2 – risultato 2

MonSerra-Labor – pronostico 1 – risultato 1

Real Cameranese- Montemarciano – pronostico 1 – risultato 2

Sassoferrato Genga-Sampaolese – pronostico 1 – risultato 1

Staffolo-Castelleonese – pronostico 1 – risultato X

Villa Musone-Castelfrettese – pronostico 2 – risultato 2

Girone C – Folgore Castelraimondo-Cingolana SF – pronostico 2 – risultato X

Vigor Montecosaro-Appignanese – pronostico 2 – risultato X

Totale di giornata: 6/10 – Totale complessivo: 105/194

Classifiche e marcatori

Prima Categoria – girone B

CLASSIFICA – Castelfrettese 60, Filottranese 54, Sassoferrato Genga 53, Borgo Minonna 48, Chiaravalle 43, Staffolo 41, Castelbellino 39, Montemarciano 39, Labor 33, Sampaolese 33, MonSerra 32, Castelleonese 32, Real Cameranese 30, Villa Musone 29, Colle 2006 11, Loreto 9

MARCATORI – 23 gol: Maccioni (Filottranese); 14 gol: Ricci (Sassoferrato Genga); 13 gol: Beta (Castelfrettese); 12 gol: Brega (MonSerra); 11 gol: Carboni (Sassoferrato Genga), Passeri (Sassoferrato Genga), Bassotti (Labor) e Parasecoli (Castelfrettese); 10 gol: Massei (Staffolo); 9 gol: Vincioni (Labor), Pigliacampo (Loreto), Massucci (Filottranese) e May (Borgo Minonna); 8 gol: Grassi (Filottranese), Defendi (Real Cameranese), Rocchi (Castelfrettese), Ventresini (Villa Musone), Giudici (Castelleonese) e Cossa (Sassoferrato Genga); 7 gol: Ferrante (Borgo Minonna), Bresciani (Borgo Minonna), Onuorah (Castelbellino) e Paialunga (Filottranese).

Prima Categoria – girone C

CLASSIFICA – Elpidiense Cascinare 66, Camerino 60, Appignanese 52, Settempeda 51, Folgore Castelraimondo 39, Vigor Montecosaro 39, PortoRecanati 38, Montemilone Pollenza 35, Urbis Salvia 33, Elfa Tolentino 32, Caldarola 31, Esanatoglia 29, Cingolana SF 27, Montecosaro 25, Sarnano 17, Cska Corridonia 15

MARCATORI –  17 gol: Castellano (Elpidiense Cascinare); 15 gol: Storani (Elfa Tolentino); 13 gol: Capenti (Settempeda); 12 gol: Bisbocci (Folgore Castelraimondo); 11 gol: Buresta (Caldarola); 10 gol: Tarquini (Appignanese); 9 gol: Montecchia (Camerino), Duca (Camerino), Pietrella (Urbis Salvia) e Ulissi (Settempeda); 8 gol: Mannucci (Appignanese), Tulli (Vigor Montecosaro) e Curzi (Urbis Salvia).

MARCATORI (Cingolana) – 4 gol: Agosto e Michele S.; 3 gol: Zitti; 1 gol: Ciattaglia, Ippoliti, Mossotti, Tomassoni, Bufarini, Fratoni, Santini, Marchegiani, Tittarelli.

Giacomo Grasselli

Foto di copertina di Genny Giorgetti 

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, la Cingolana SF non sfonda il muro della Folgore Castelraimondo: finisce 0-0

I ragazzi di Canonici creano tanto ma non riescono a concretizzare, anche se manca un rigore su Zitti ed è stato annullato un gol ad Agosto per un fuorigioco molto dubbio

CINGOLI, 15 aprile 2023 – La Cingolana San Francesco crea tanto ma non riesce a sfondare il muro casalingo della Folgore Castelraimondo. E’ finita 0-0, infatti, la sfida della 27^ giornata del girone C di Prima Categoria di calcio: i ragazzi di Canonici hanno cercato in tutti i modi di segnare, senza trovare l’acuto vincente. Ai cingolani, però, manca un rigore su un fallo in area non sanzionato su Zitti nel primo tempo, mentre nella ripresa è stato annullato un gol ad Agosto per dubbia posizione di off-side.

Primo tempo

I biancorossi hanno tenuto il pallino del match per gran parte dei 90 di gioco, difendendo con ordine, senza però trovare il guizzo vincente. Al 6’ Michele S. dalla sinistra appoggia indietro verso capitan Tittarelli, che controlla e calcia, la sfera finisce alta sopra la traversa. Passano 8 minuti ed Ippoliti fa partire sulla fascia destra Ciattaglia: l’esterno arriva sul fondo e trova nuovamente Pietro Ippoliti in mezzo all’area il quale, a tu per tu con Tafa, prova la conclusione a botta sicura ma non centra lo specchio.

Ancora Cingolana SF al 25’, quando Tittarelli dalla sinistra vede in area Ciattaglia e lo serve con una palla alta, dopo due rimpalli Ippoliti tenta il tiro, tuttavia se lo vede respingere dal corpo di un difensore locale. Poco dopo ancora Ippoliti pesca Ciattaglia in area con un gran taglio, il quale stoppa e tira, Tafa è provvidenziale a deviare in corner.

I biancorossi non concretizzano l’angolo e concedono le prime due occasioni alla Folgore Castelraimondo. Al 28’ Di Filippo parte in contropiede con la difesa ospite scoperta, vede tutto solo Dashi davanti a Emiliani e lo serve, ma il numero 11 cicca il pallone: l’arbitro ferma tutto per la posizione di off-side. Ancora Dashi, due minuti dopo, si ritrova la sfera sulla testa sugli sviluppi di una punizione dai 40 metri sulla sinistra, i difensori della Cingolana SF sporcano la deviazione, consentendo ad Emiliani di arrivare in presa.

Al 35’ Zitti viene atterrato in area con uno sgambetto. Per l’arbitro si può continuare, con il colpo del fallo sul corpo del giocatore cingolano che si è sentito fin in tribuna. Gli ospiti non demordono e insistono in attacco. La barriera devia in corner una punizione dal limite di Michele S. e sugli sviluppi il numero 10 biancorosso si ritrova solo sulla sinistra e prova a servire un compagno in mezzo all’area di rigore. Nessun cingolano è pronto a ribattere in rete e la sfera finisce sul fondo dopo una serie di deviazioni fortuite. In pieno recupero, Ippoliti si libera bene in area e prova a mettere al centro, il passaggio, però, non arriva ai calciatori ospiti. Il primo tempo termina 0-0.

Secondo tempo

Nella ripresa l’intensità della gara diminuisce notevolmente e il risultato non cambia, anche se gli ospiti recriminano un gol annullato per dubbia posizione di fuorigioco. Al 48’ Michele S. recupera palla dai 25 metri e serve in verticale Ippoliti, una deviazione di un difensore locale permette a Tafa di controllare senza problemi. Sei minuti più tardi ci prova dal limite Moretti con un tiro d’esterno, sfera sul fondo.

Canonici a questo punto si gioca la carta Renè Agosto al posto dello stesso Moretti, scelta che avrebbe poi dato i suoi frutti. Cinque minuti dopo il suo ingresso, infatti, proprio Agosto aveva messo la palla in rete, servito da un grande passaggio in profondità di Evangelisti: per Del Piccolo di Pesaro, però, l’attaccante di Osimo era partito da posizione di fuorigioco, scatenando le proteste incredule degli ospiti, per un off-side molto dubbio.

Siamo al 67’ quando Ciattaglia in contropiede riceve il pallone in area ma scivola al momento del tiro ad un passo da Tafa. Poco dopo il contrattacco di Ippoliti viene fermato dall’ultimo uomo della Folgore Castelraimondo, ma per Del Piccolo di Pesaro si può proseguire. Quindi, sugli sviluppi di un corner, Tittarelli alza un campanile verso Agosto. L’attaccante ci prova al volo appena dentro l’area di rigore, la sfera finisce alle stelle.

Al 77’ si fanno vedere anche i locali, con la punizione di Sparvoli controllata in presa da Emiliani. Sul ribaltamento di fronte, altra grande occasione della Cingolana SF. Ippoliti vede tutto solo Agosto in area, il bomber osimano non riesce a concludere al meglio, perché Tafa lo ipnotizza in presa. Al 80’ Bisbocci controlla dai 25 metri, si gira e tira, Emiliani controlla senza problemi. A tre minuti dalla fine, Michele S. vede in mezzo all’area di rigore Ippoliti, il colpo di testa debole del numero 9 cingolano a due passi dalla porta viene controllato da Tafa.

Pari e patta: tutto invariato

Finisce 0-0 tra Folgore Castelraimondo e Cingolana San Francesco, con i biancorossi a raccogliere il 12° pareggio stagionale, quarto senza reti. I ragazzi di Canonici hanno provato in tutti i modi a raggiungere il gol vittoria con una buona prestazione di tutta la squadra, ma non sono riusciti a superare il muro difensivo della banda di Carucci. Tittarelli e compagni, però, sono stati sfavoriti dagli episodi: nel primo tempo c’era un rigore su Zitti, mentre nella ripresa la rete annullata ad Agosto per fuorigioco lascia più di qualche dubbio. Anche i locali si sono lamentati di una direzione di gara a tratti confusionaria.

Non cambia molto la classifica del girone C di Prima Categoria, con la Cingolana San Francesco ancora 13^ con 27 punti, a -2 dall’Esanatoglia attualmente salva direttamente. La formazione di Ortolani, infatti, ha pareggiato 2-2 in casa con il Camerino, riuscendo a mantenere sia il +2 dai cingolani, che il +12 dal Sarnano penultimo e attualmente retrocesso aritmeticamente. Nella prossima giornata saranno proprio i sarnanesi ad attendere la Cingolana SF sul proprio manto erboso, nella partita in programma sabato 22 aprile.

Tabellino

FOLGORE CASTELRAIMONDO – Tafa, Di Filippo, Granili, Lori S. (79’ Agasi), Sparvoli, Varone, Rossi, Scuriatti (66’ Lori G.), Bisbocci, Albanese T. (71’ Albanese N.), Dashi (75’ Di Donatantonio). All. Carucci – A disp. Zallocco, Binanti, Giuli, Giorgetti, Rocchi.

CINGOLANA – Emiliani, Zitti, Centanni, Evangelisti, Carboni, Fratoni, Ciattaglia, Tittarelli, Ippoliti, Michele S., Moretti (57′ Agosto). All. Canonici – A disp. Bracaccini, Vitali, Falappa, Bianchi, Santini, Santamarianova, Mazzolani, Tomassoni.

ARBITRO – Del Piccolo di Pesaro

NOTE – recupero 2’ + 4’; ammoniti: Di Filippo (F), Granili (F), Moretti (C), Lori G. (F)

Gli altri risultati: clicca qui

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, il racconto della 26^ giornata dei gironi B e C

La Castelfrettese vola a +6 dalla Filottranese, mentre il Sassoferrato Genga si riporta a -1 dal secondo posto; vincono Staffolo, Montemarciano, Labor, Sampaolese, Villa Musone e Appignanese; ko Cingolana SF allo Spivach 

VALLESINA, 4 aprile 2023 – La 26^ giornata del campionato di Prima Categoria, per quanto riguarda i gironi B e C, sembra aver delineato i possibili scenari che si verificheranno negli ultimi 4 fine settimana dopo la pausa pasquale. Non sono mancati i “Pesci d’Aprile” nelle le sfide di sabato scorso 1° aprile.

La 26^ giornata in sintesi

Nel girone B la Castelfrettese ha rimontato il Borgo Minonna e, approfittando del ko della Filottranese in casa contro il Chiaravalle, si è portata a +7 in classifica: ora solo i “Frogs” possono perdere questo campionato. Torna a -1 dal secondo posto, invece, il Sassoferrato Genga, che ha dovuto sudare e non poco contro un Loreto che non vuole arrendersi, nonostante una retrocessione ormai scritta. Lo Staffolo vince il derby contro il Castelbellino e dimostra di credere nei play-off. Montemarciano, Labor, Sampaolese e Villa Musone, infine, raccolgono successi importanti in ottica salvezza.

Parlando del girone C, l’Appignanese mantiene il terzo posto battendo l’Elfa Tolentino, nella prima partita della gestione Giulianelli, mentre una Cingolana SF ai minimi termini deve inchinarsi alla Settempeda, rimanendo comunque attaccata al treno della salvezza diretta. Andiamo a scoprire nel dettaglio tutto quello che è successo.

Castelbellino 0-2 Staffolo – 28’ Massei su rigore, 60’ Tigano

Il derby della Vallesina lo vince lo Staffolo. I ragazzi di Pasquini battono all’inglese il Castelbellino e lo sorpassano al quinto posto in classifica, ottenendo la seconda vittoria consecutiva. Gli orange di Ricci, invece, non vincono da cinque partite e sono scivolati al settimo posto.

La partita

I giallorossi passano in vantaggio alla mezz’ora. Lucarini commette fallo su Sassaroli in area di rigore: dal dischetto Massei non sbaglia e realizza il decimo gol stagionale. Faris, Piccinini, Fuoco e Sassaroli sfiorano il raddoppio, ma il primo tempo termina 0-1.

Nei secondi 45 di gioco sono sempre gli ospiti a tenere il pallino del gioco, anche se il Castelbellino ha provato una timida reazione all’inizio della ripresa. Lo 0-2 arriva, però, al 60’: Faris in slalom salta tre difensori e scarica verso Tigano, per il quale, a tu per tu con il portiere ospite, è un gioco da ragazzi realizzare il gol che chiude i conti. Nel finale c’è spazio per l’espulsione di Sassaroli per doppia ammonizione.

Gianmarco Verdolini

I commenti

Non abbiamo creato – spiegano da Castelbellino – molte occasioni di gol. Pesano le assenze di Monno e Stamate: abbiamo subito il gioco maschio e ben organizzato di uno Staffolo che, al contrario, si è presenta al completo e in grande forma. I giallorossi si portano avanti in classifica ma la corsa play-off è ancora aperta”.

Abbiamo giocato una bella partita – spiega il portiere giallorosso Gian Marco Verdolini -, dove in difesa non abbiamo rischiato nulla di concreto, mentre in attacco siamo stati bravi a creare molto; infatti nel primo tempo siamo passati in vantaggio e abbiamo raddoppiato nella ripresa. Il Castelbellino ha provato a costruire qualcosa ma la nostra difesa ha respinto tutti gli attacchi avversari mantenendo la porta inviolata. È una vittoria importantissima perché ci rilancia nella corsa a un posto per i playoff e alza ulteriormente il morale dell’ambiente”.

Castelfrettese 2-1 Borgo Minonna – 16’ Morbidelli (B), 57’ Parasecoli (C), 67’ Rocchi (C)

La Castelfrettese sembra inarrestabile ed è ormai lanciata verso la promozione diretta, volando a +6 dala Filottranese. I ragazzi di Bugari, infatti, hanno battuto 2-1 il Borgo Minonna, ottenendo l’ottava vittoria consecutiva e il sedicesimo risultato utile consecutivo. Gli jesini di Luchetta però, sconfitti dopo 11 partite senza perdere, lamentano l’arbitraggio di Ciccioli di Fermo, dato che i rossoblù hanno terminato la partita in 9 uomini.

Primo tempo

La giornata del Fioretti non è iniziata nel migliore dei modi. Al 6° minuto, infatti, la sfida è stata sospesa per una violenta grandinata che ha colpito Castelferretti: dopo 9 minuti, tuttavia, si è ripreso a giocare. Poco dopo Tommaso Mazzarini ci prova in girata in area, Morresi controlla il lento rasoterra. Dall’altra parte, arriva il vantaggio del Borgo Minonna: Morbidelli si guadagna il piazzato e lo pennella in rete, sorprendendo sul suo palo Sollitto. Jesini in vantaggio 0-1. La reazione dei “Frogs” non si fa attendere: al 21’ Durazzi crossa dalla sinistra per Mazzarini dalla parte opposta del campo, il quale di controbalzo serve Beta, la sua rovesciata al volo, però, termina ampiamente a lato.

Paniconi da punizione fa la barba alla traversa sette minuti dopo, quindi ancora Beta si mangia il pareggio spedendo fuori da un metro sul passaggio di Marini sugli sviluppi di un bel contropiede biancorosso. Ancora Beta si vede negare il gol al 35’: il suo colpo di testa post corner viene salvato sulla riga di porta da Mazzieri. Qualche istante dopo proprio quest’ultimo viene espulso per doppia ammonizione, scatenando le proteste di mister Luchetta, a sua volta allontanato dal campo dal direttore di gara al 40’.

La Castelfrettese insiste e l’occasione più ghiotta per pareggiare ce l’ha con Paniconi. Il numero 10 in area riesce a crearsi lo spazio ma spara clamorosamente alle stelle ad un passo dalla porta. Quindi un super Morresi salva di piede sul tiro ravvicinato di Beta, consegnando lo 0-1 al Borgo Minonna alla fine del primo tempo.

Foto di Giovanni Giacconi

Secondo tempo

Nella ripresa i biancorossi riescono a ribaltare il match. Al 50’ Tommaso Mazzarini raccoglie al volo il cross dalla destra e lo prolunga in mezzo per Parasecoli, che in spaccata trova ancora una volta i guantoni di Morresi. Il gol è nell’aria e arriva al 57’, dopo quello annullato a Pjetri per fuorigioco. Paniconi dalla sinistra pennella un cross preciso per la testa di Parasecoli, che batte il portiere rossoblù e realizza l’1-1.

La rete dà fiducia alla Castelfrettese. Paniconi conquista un calcio di rigore, ma dal dischetto Morresi ipnotizza Beta. Il raddoppio è questione solo di minuti: al 67’, infatti, Mazzarini serve in area Beta, il quale vede tutto solo il subentrato Rocchi, il quale da due passi realizza il 2-1 tornando in rete dopo un lungo digiuno. Potrebbe arrivare anche il 3-1 con Beta, ma la conclusione ravvicinata del capocanonniere dei biancorossi termina sul fondo.

Gli jesini restano poi in 9 a 10 minuti dalla fine, per via dell’espulsione di Korchi per doppia ammonizione: riguardando le immagini, il secondo giallo sembra essere molto generoso. Nonostante questo, i rossoblù sfiorano il pari allo scadere, quando un calcio di punizione alla disperata arriva in area e il pallone viene deviato di testa a lato da Italia in tuffo. La Castelfrettese riesce così a conquistare 3 punti che rischiano di diventare pesantissimi, a 4 giornate dalla fine.

I commenti

E’ stata una partita dura – ha commentato l’allenatore dei “Frogs”, Yuri Bugaricome pensavo che fosse. In questo momento affrontare il Borgo Minonna non è facile, dato che veniva da tanti risultati utili ed è una formazione che sa come non far giocare le altre. Aver fornito questo tipo di prestazione mi inorgoglisce: bisogna fare i complimenti ai ragazzi. Quando sei costretto solo a vincere può subentrare un po’ di nervosismo e di ansia, invece siamo stati bravi. Nonostante lo svantaggio sull’unica azione degli ospiti, siamo stati intelligenti a continuare a giocare. Paradossalmente abbiamo creato di più contro gli jesini che nelle ultime 8 partite. L’arbitro è stato molto fiscale, ma i rossoblù hanno chiuso in doppia inferiorità numerica perché hanno fatto più falli. Anche noi, però, abbiamo ricevuto delle ammonizioni sui pochi contrasti irregolari che abbiamo effettuato. Da qui alla fine conterà di più l’aspetto mentale che quello fisico”.

Yuri Bugari con il ds della Castelfrettese, Daniele Tittarelli

Secondo me i ragazzi hanno interpretato bene la gara – ha spiegato l’allenatore del Borgo Minonna, Cristiano Luchetta -, facendo quello che avevo chiesto loro. In casa della prima in classifica dovevamo essere quasi perfetti. Nei primi 25 minuti abbiamo tenuto bene il confronto con un recupero di palla alto e con ripartenze: siamo andati in vantaggio meritatamente, dato che abbiamo giocato sempre nella metà campo avversaria. L’espulsione di Mazzieri, secondo me ingiusta, ha determinato l’andamento della gara. Ho scelto di chiudere il primo tempo con un 4-4-1, in modo da mantenere il vantaggio. Alla lunga, però, ha avuto la meglio la Castelfrettese, una squadra superiore a noi sotto tutti i punti di vista, costruita e studiata dall’inizio per il salto di categoria. Abbiamo preso un uno-due micidiale per merito del loro reparto attaccanti, veramente di livello superiore, siamo rimasti in 9 e a quel punto, però, abbiamo avuto la chance di pareggiare e portare a casa un punto. Non ci siamo riusciti, ma i meriti vanno agli avversari”.

Castelleonese 1-2 Villa Musone – 22’ De Martino (V), 33’ Ventresini (V), 49’ Giudici su rigore (C)

Continua il periodo positivo del Villa Musone, che ora vede la salvezza diretta a un solo punto. I ragazzi di Monaldi, infatti, hanno vinto 1-2 in casa della Castelleonese, centrando il quarto risultato utile di fila.

La partita

Gli ospiti hanno chiuso la pratica nel primo tempo, segnando due reti in 11 minuti con De Martino e Ventresini. I villains hanno tenuto il pallino del gioco, affrontando il match a viso aperto. Ad inizio ripresa, la squadra di Gasparoni è riuscita ad accorciare, grazie al penalty realizzato da Giudici.

Il Villa Musone, dopo non aver sfruttato l’occasione dell’1-3 su contropiede, sono rimasti in dieci per l’espulsione di Lorenzetti per fallo da ultimo uomo. Proprio in questa circostanza i locali hanno conquistato un altro calcio di rigore: questa volta, però, il tiro dagli 11 metri finisce alle stelle. La Castelleonese rimane fuori dai play-out all’undicesimo posto, ma si vede arrivare proprio il Villa Musone a -2. I gialloneri, invece, agganciano il MonSerra in classifica.

Luca Monaldi, allenatore del Villa Musone

Il commento

È stata una partita difficile perché conoscevamo le qualità dell’avversario – ha commentato il mister ospite, Luca Monaldi –, L’abbiamo preparato bene e interpretata bene per quella che è stata una vittoria del gruppo. I ragazzi hanno messo in campo voglia di vincere e spirito di sacrificio per questi tre punti importanti”.

Labor 5-0 Colle 2006 – 4’ Strappini, 7’ Bassotti, 72’ Vincioni, 78’ Strappini, 83’ Vincioni

Dopo 9 giornate torna a vincere la Labor, e lo fa travolgendo un Colle 2006 ad un passo dalla retrocessione. La prima vittoria con mister Pesarini in panchina, infatti, ha visto prevalere la squadra di Santa Maria Nuova con un netto 5-0.

La partita

È stato un match senza storia. Gli arancioneri al 10’ sono già in vantaggio di 2-0: al 4’ un tiro a giro di Strappini si stampa in rete all’altezza del secondo palo, quindi il tap-in da opportunista di Bassotti dopo tre minuti. Nonostante altre due occasioni con Vincioni e Bassotti, il primo tempo termina 2-0.

La Labor 2022-2023

Nella parte finale del match nella ripresa arrivano gli altri tre gol. Al 72’ Vincioni spara un missile terra-aria da fuori area e fa 3-0; il poker è targato Strappini sei minuti più tardi, quindi il definitivo 5-0 è siglato al 83’ ancora da Vincioni. Con questo successo, la Labor passa al nono posto con 33 punti, a +4 dai play-out. Il Colle 2006, invece, resta 15° a quota 11: attualmente sarebbe retrocesso aritmeticamente, per via dei 19 punti di distacco dalla Real Cameranese dodicesima, che a sua volta ad oggi sarebbe salva senza passare dai play-out. In caso di sconfitta nel prossimo turno, la retrocessione sarebbe aritmetica, dato che la squadra di Collemarino non riuscirebbe più ad evitare un passivo minore di 10 punti dalla 12^ posizione.

Il commento

La Labor – spiega il ds laborino Loris Gasparri – ha vinto in scioltezza una partita che poteva nascondere delle insidie, contro un Colle 2006 oramai in seconda categoria. Da segnalare l’esordio di Cappelletti Daniele in porta, un classe 2005 che ha dimostrato sicurezza e personalità”.

Loreto 2-4 Sassoferrato Genga – 15’ Cossa (S), 27’ Pigliacampo (L), 29’ Chiocchiolini (S), 43’ Ricci (S), 44’ Pigliacampo (L), 60’ Cossa (S)

Il Sassoferrato Genga espugna il Capodaglio di Loreto con un pirotecnico 2-4 e si porta a -1 dalla Filottranese. La squadra di Franceschelli ottiene la terza vittoria nelle ultime quattro partite ma soffre più del previsto contro i lauretani di Bernabei, ormai ad un passo dalla retrocessione ma con l’obiettivo di evitare l’ultima casella della classifica.

Primo tempo

La sfida è stata ricca di occasioni da gol. Al 8’ Pedol è attento sul calcio di punizione di Ricci. Minuto numero 14: Buriani impegna in uscita Pigliacampo (secondo i padroni di casa la parata dell’ex Staffolo è avvenuta fuori dall’area di rigore, ma l’arbitro ha fatto proseguire il gioco); sul ribaltamento di fronte la palla arriva a Cossa in area, il quale con un tiro di precisione realizza lo 0-1. I sentinati sfiorano il raddoppio con Emanuele Piermattei, la sua conclusione non centra lo specchio.

Dall’altra parte il Loreto non molla e al 20’ Mascia impegna alla parata Buriani, concedendo un corner. È il preludio del gol del pareggio: sette minuti più tardi, infatti, Pigliacampo si inventa una conclusione millimetrica sulla quale il portiere avversario non può nulla, 1-1.  Nemmeno due minuti d’orologio e i sentinati trovano il nuovo vantaggio. Ci pensa Chiocchiolini, infatti, a segnare l’1-2 grazie ad un missile dai trenta metri, imprendibile per Pedol.

La rete dà fiducia al Sassoferrato Genga, che sul finire del primo tempo vola sull’1-3. Imperio corre sulla sinistra, vede in area Ricci, per il quale è un gioco da ragazzi segnare il suo 13° centro stagionale. I lauretani, però, riaprono subito il match. Il solito Pigliacampo recupera palla sulla trequarti, entra in area e con un delizioso pallonetto supera Buriani, per il 2-3 con cui si chiude un divertente primo tempo.

Secondo tempo

Ad inizio ripresa, il Loreto reclama per un rigore non concesso su trattenuta in area ai danni di Mascia. Dall’altra parte, però, ci pensa Alessandro Cossa a chiudere le ostilità. Il suo destro chirurgico al 60’ vale il 2-4 finale e la settima marcatura di questa stagione. Al 75’ Pedol è provvidenziale su una conclusione di Emanuele Piermattei, mentre la partita si può riaprire a quattro minuti dalla fine.

L’arbitro, infatti, concede un calcio di rigore ai padroni di casa per un tocco di mano di Paoluzzi. Dal dischetto, però, Piccini spedisce fuori il possibile 3-4 che avrebbe reso il finale di partita effervescente. Il Sassoferrato Genga sale a 50 punti in classifica: i play-off sono ormai certi, ma resta da capire in quale posizione, visto il -1 dalla Filottranese. La promozione diretta sembra essere molto difficile da raggiungere, dato che la Castelfrettese mantiene un +7 dai sentinati. A 4 giornate dalla fine, però, può succedere di tutto.

I commenti

Il Sassoferrato Genga passa a Loreto – spiega il dirigente loretano Giovanni Pespanidopo una partita ben giocata da ambo le squadre e tenuta viva, per tutti i 90 minuti da un buon Loreto che, nonostante la retrocessione dietro l’angolo, ha saputo giocare ad armi pari con la terza in classifica. Un Loreto volitivo che ha tenuto testa al Sassoferrato. Tra i migliori Pigliacampo per la doppietta e l’impegno; da segnalare anche le prestazioni di Graciotti nella prima frazione e del sempre sicuro Pedol. Tra gli ospiti Cossa, doppietta per lui, è una spanna sopra gli altri; bravo anche Imperio sulla fascia sinistra. Per i mariani ormai l’obiettivo è arrivare almeno penultimi”. Per il Loreto vale lo stesso discorso del Colle 2006: una sconfitta nel prossimo turno potrebbe decretare aritmeticamente una retrocessione già scritta.

Il Sassoferrato Genga – rispondono i sentinati – espugna il Capodaglio di Loreto al termine di una sfida vibrante e ricca di gol, con i locali che giocano un’ottima partita mettendo gli ospiti in difficoltà in più frangenti. Abbiamo meritato di vincere, ma facciamo i complimenti agli avversari per la partita disputata”.

Montemarciano 2-1 MonSerra – 3’ Clementi (MM), 20’ Calcina (MS), 72’ Gemini (MM)

Prosegue il periodo positivo anche del Montemarciano, con la salvezza che adesso sembra dietro l’angolo. La squadra di Caccia, infatti, ha raccolto il settimo risultato utile battendo 2-1 il MonSerra: i play-out ora distano ben 7 punti. Per i ragazzi di Moretti, la salvezza diretta si complica e non poco, dato che il Villa Musone ha ora agganciato in classifica i biancorossi.

La partita

Come si può intuire dal risultato, è stata una partita equilibrata. I locali passano in vantaggio dopo 3 minuti: sugli sviluppi di un corner Pellonara in girata prova la deviazione vincente, sulla traiettora ci pensa Clementi di testa a spiazzare Campana, per l’1-0 del “Monte”. Il MonSerra non ci sta e prova subito a pareggiare, con Brega che non trova lo specchio a due passi dalla porta.

Al 20’, però, gli ospiti trovano l’1-1. Calcina si inventa un tiro-cross che beffa Fabrizzi per via di una deviazione di un difensore. A questo punto la sfida diventa confusa, con i biancoazzurri a sbagliare diversi disimpegni e gli avversari che non riescono a sfruttare gli errori dei locali. Il primo tempo finisce così 1-1.

Ad inizio ripresa Fabrizzi salva su un pericoloso contrattacco di Brega. Il gol del 2-1 arriva al 72’: il Montemarciano batte un calcio d’angolo, sul cross svetta più in alto di tutti e realizza il nuovo vantaggio della squadra di casa. Poco dopo Clementi non trova la porta da buona posizione dopo un triangolo con Clementi. Il MonSerra si tuffa in avanti alla ricerca del pari, soprattutto affidandosi a lanci lunghi. Al 90’ Galatelli ci prova dal limite, sfera a lato di un nulla; in pieno recupero Brescini si libera bene in area di rigore, si gira e da posizione defilata tenta la conclusione ma non trova la porta.

I commenti

Il Monte – spiega la squadra di casa – conquista tre punti importanti, per staccare la zona calda della classifica. Partita complicata dove i biancoazzurri hanno faticato più del solito nel far gioco e creare occasioni. I biancoazzurri allungano così striscia positiva”.

“Il MonSerra – rispondono da Montecarotto e Serra dei Conti – torna a mani vuote anche da Montemarciano. Non ci siamo abbatutti e abbiamo sfiorato il gol a più riprese, sfiorando il gol del pareggio all’ultimo secondo di gara”.

Sampaolese 2-0 Real Cameranese – 6’ Diagne, 39’ Menotti

La Sampaolese vince lo scontro diretto contro la Real Cameranese e si allontana dalla zona play-out.La squadra di Togni, infatti, ha battuto all’inglese i ragazzi di Pantalone, staccandoli in classifica, a +4 dal 13° posto.

La partita

I biancorossi di casa passano in vantaggio al 6° minuto. Cocilova batte un preciso calcio d’angolo sulla testa di Diagne, il quale salta più in alto di tutti e realizza l’1-0. A questo punto la sfida di sviluppa prevalentemente a centrocampo. Siamo al 35° quando Casaccia indirizza da corner la sfera verso Marchionne, il quale colpisce il palo e finisce sulla linea, venendo allontanato dai difensori sampaolesi; sulla ripartenza successiva, Menotti riceve palla e con un destro al volo realizza il 2-0.

Nella ripresa non ci sono molte occasioni, con gli ospiti a tentare di pareggiare e i locali a gestire l’ampio vantaggio conquistato. Bellardinelli salva sul tiro di Defendi, mentre Michele Marchegiani colpisce la traversa con una conclusione dal limite dell’area.

I commenti

Torna alla vittoria la Sampaolese – commenta la società locale – e lo fa al cospetto di un’ottima squadra, in uno degli scontri diretti validi per uscire dal vortice play-out. Sono tre punti importantissimi e meritati: ora la sosta pasquale, prima del rush finale!”.La Real Cameranese – rispondono i rossoneri – esce sconfitta dallo scontro salvezza in casa della Sampaolese. I locali passano 2-0, nonostante un match equilibrato e dove i rossoneri hanno provato a imporre il proprio gioco per lunghi tratti della gara. Ma non è bastato, i biancorossi hanno mostrato più cinismo, sorpassandoci in classifica. Vantiamo un punto di vantaggio sulla zona playout, quando mancano quattro giornate. C’è da lottare, sudare e dare tutto fino alla fine. Il destino è nelle nostre mani!”.

Filottranese 1-2 Chiaravalle – 16’ Maccioni (F), 25’ Giampieri (C), 70’ D’Urzo (C) – leggi l’articolo

Girone C – Appignanese 2-0 Elfa Tolentino – 5’ Giulianelli, 72’ Camilloni

Dopo l’accesso alla finale di Coppa Marche, l’Appignanese batte l’Elfa Tolentino e difende il terzo posto in classifica dagli assalti della Settempeda.  La sfida ha visto l’esordio del nuovo allenatore-giocatore Valerio Giulianelli, classe 1992 già presente in rosa in questa stagione: come il Chiesanuova, dunque, anche la squadra di Appignano ha optato per la soluzione interna.

Proprio il nuovo mister porta in vantaggio i suoi uomini dopo 5 minuti, mentre al 72’ ci pensa Camillonia chiudere le ostilità sul definitivo 2-0. L’Appignanese sale così a 51 punti, mantenendo il +3 sul quarto posto.

L’allenatore-giocatore dell’Appignanese, Valerio Giulianelli

Cingolana SF 0-2 Settempeda – 5’ Ulissi, 51’ Capenti

Una Cingolana San Francesco falcidiata dalle assenze perde il derby contro la Settempeda allo Spivach e resta in zona play-out. I ragazzi di Canonici, infatti, non sono riusciti ad evitare lo 0-2 contro i biancorossi di Mancini: hanno pesato gli infortuni di Santini, Fratoni e Schiavoni, oltre a quello di Bufarini, e il turno di squalifica di Tittarelli.

La partita

Gli ospiti passano in vantaggio dopo appena 5 minuti: un cross dalla trequarti sugli sviluppi di una rimessa laterale arriva sulla testa di Ulissi, che indirizza il pallone in porta, Emiliani prova a respingere ma la sfera finisce in rete. La Cingolana SF accusa il colpo e non riesce a creare nessun pericolo, mentre la Settempeda sfiora più volte il raddoppio con Di Francesco e Quadrini, con Emiliani e Centanni reattivi ad evitare il colpo del ko.

Il pregara di Cingolana SF-Settempeda (dal canale YouTube di IG Sport)

Che arriva, però, nella ripresa. Dopo un tiro di Dolciotti dal limite che finisce a lato e il colpo di testa di Tomassoni su punizione di Michele S. consegnato sui guantoni di Caracci, gli ospiti conquistano un calcio d’angolo: la difesa osserva la traiettoria del pallone e a Capenti prolungare leggermente il piede per trovare la deviazione vincente dello 0-2.

E’ la mazzata definitiva per i cingolani, che riescono ad evitare lo 0-3 grazie alle parate di Emiliani su Capenti. Dall’altra parte Zitti dal limite non trova la porta di un nulla, ma il risultato non cambia. Da segnalare solo l’espulsione di Giovanni Marchegiani per doppia ammonizione. Fuori dal campo, non hanno fatto mancare il proprio sostegno le due tifoserie, l’Inferno Biancorosso in Curva Pini e i “Boys” settempedani nel settore riservato agli ospiti.

Il commento

Il gol dopo 5 minuti ci ha scombussolato – spiega l’allenatore della Cingolana SF David Canonici -. Eravamo partiti comunque sotto tono. Mi prendo la responsabilità della sconfitta: sono diverse settimane che sono qua e volevo vedere un altro tipo di impatto sulla sfida e un altro tipo di atteggiamento. Complimenti alla Settempeda, ha giocatori di qualità per la categoria. Noi dobbiamo migliorare tanto, cercando di raccogliere anche le briciole per salvarci. Ci vuole un altro tipo di mentalità: abbiamo fatto due passi indietro. Bisogna fare punti e dobbiamo avere voglia di raggiungere la salvezza, a costo di conquistarla anche il 20 maggio all’ultima giornata”.

L’allenatore della Cingolana SF, David Canonici

Con questa sconfitta, i biancorossi restano al 13° posto con 26 punti, a -2 dall’Esanatoglia dodicesima e a -3 dall’Elfa Tolentino. Domani, mercoledì 5 aprile, un’occasione di riscatto può arrivare con la semifinale di Coppa Marche contro il Vismara, in programma alle 19 allo Spivach: in caso di vittoria, la Cingolana SF volerebbe alla finale del 13 aprile contro l’Appignanese.

Classifiche e Marcatori

Prima Categoria – girone B

CLASSIFICA – Castelfrettese 57, Filottranese 51, Sassoferrato Genga 50, Borgo Minonna 45, Staffolo 40, Chiaravalle 40, Castelbellino 39Chiaravalle 37, Montemarciano 36, Labor 33, Sampaolese 33, Castelleonese 31, Real Cameranese 30, MonSerra 29, Villa Musone 29, Colle 2006 11, Loreto 9

MARCATORI22 gol: Maccioni (Filottranese); 13 gol: Beta (Castelfrettese) e Ricci (Sassoferrato Genga); 11 gol: Brega (MonSerra), Carboni (Sassoferrato Genga), Passeri (Sassoferrato Genga), Bassotti (Labor) e Parasecoli (Castelfrettese); 10 gol: Massei (Staffolo); 9 gol: Vincioni (Labor) e Pigliacampo (Loreto); 8 gol: Massucci (Filottranese), Grassi (Filottranese), Defendi (Real Cameranese), Rocchi (Castelfrettese) e Ventresini (Villa Musone); 7 gol: Onuorah (Castelbellino), Corinaldesi (Castelbellino), Ferrante (Borgo Minonna), May (Borgo Minonna), Bresciani (Borgo Minonna), Giudici (Castelleonese), Cossa (Sassoferrato Genga); 6 gol: Cola (Real Cameranese), Marchionne (Real Cameranese), Ledesma (Castelbellino), Piermattei E. (Sassoferrato Genga), Rocchetti (Chiaravalle), Sassaroli (Staffolo), Gorini (Montemarciano), Mazzarini T. (Castelfrettese) e Diagne (Sampaolese)

Prima Categoria – girone C

CLASSIFICAElpidiense Cascinare 63, Camerino 59, Appignanese 51, Settempeda 48, Folgore Castelraimondo 38, Vigor Montecosaro 38, PortoRecanati 37, Montemilone Pollenza 32, Caldarola 31, Urbis Salvia 30, Elfa Tolentino 29, Esanatoglia 28, Cingolana SF 26, Montecosaro 25, Sarnano 17, Cska Corridonia 14

MARCATORI16 gol: Castellano (Elpidiense Cascinare); 14 gol: Storani (Elfa Tolentino); 13 gol: Capenti (Settempeda); 12 gol: Bisbocci (Folgore Castelraimondo); 11 gol: Buresta (Caldarola); 10 gol: Tarquini (Appignanese); 9 gol: Montecchia (Camerino) e Duca (Camerino); 8 gol: Pietrella (Urbis Salvia), Mannucci (Appignanese), Tulli (Vigor Montecosaro) e Ulissi (Settempeda)

Marcatori Cingolana SF4 gol: Agosto e Michele S.; 3 gol: Zitti; 1 gol: Ciattaglia, Ippoliti, Mossotti, Tomassoni, Bufarini, Fratoni, Santini, Marchegiani, Tittarelli.

Giacomo Grasselli

©riproduzione risrervata




Calcio / Prima Categoria, il momento decisivo: il calendario delle ultime 5 giornate dei gironi B e C

I calendari completi delle squadre invischiate nelle varie lotte nei due gironi: promozione, play-off, play-out e salvezza

VALLESINA, 30 marzo 2023 – Saranno 5 fine settimana di passione calcistica e puro agonismo quelli che ci attendono in Prima Categoria, nei gironi B e C. Tra il 1° aprile e il 6 maggio si giocheranno le partite tra la 26^ e la 30^ giornata. Si tratta, dunque, del momento decisivo per le squadre invischiate nelle varie lotte promozione e salvezza.

In questo articolo vi proponiamo il calendario delle ultime 5 giornate delle formazioni invischiate in ben quattro “mini campionati”: abbiamo preparato delle grafiche ad hoc proprio per l’occasione. Andiamo ad analizzare nel dettaglio, dunque, le varie “battaglie” del campionato.

Girone B – Lotta promozione

Il girone B di Prima Categoria sembra avere ormai due antagoniste principali per la vittoria del campionato: Castelfrettese e Filottranese. In queste ultime 5 giornate, entrambe avranno tre partite in casa e due in trasferta. Gli ostacoli più difficili per i “Frogs” di Bugari sono Borgo Minonna (26^) e Sassoferrato Genga (29^), entrambe in lotta per il terzo posto, anche se non sarà facile nemmeno affrontare Villa Musone (27^), MonSerra (28^) e Real Cameranese (30^), con queste tre compagini invischiate nella lotta play-out. Il destino è nelle mani dei biancorossi di Castelferretti: con 5 vittorie di fila, vincerebbero il campionato.

Non è da meno il calendario dei filottranesi di Malavenda: Chiaravalle (26^), Staffolo (28^) e Borgo Minonna (29^) sono avversarie scomode da affrontare. La trasferta di Collemarino alla 27^ sembra essere la partita più “semplice” da affrontare, mentre all’ultima giornata contro il Villa Musone potrebbe rivelarsi una sfida decisiva per entrambe le compagini con obiettivi diversi. Le ultime due giornate, inoltre, si giocheranno in contemporanea, quindi la sfida contro i villains si giocherà sabato 6 maggio al “San Giobbe” e non di domenica.

La Filottranese, ora a -3 dalla Castelfrettese, deve cercare di vincere tutte le partite per tornare in testa: in caso di parità al termine della 30^ giornata, uno spareggio deciderà la vincitrice del girone B. Attualmente, inoltre, la squadra al secondo posto è qualificata direttamente alla finale play-off, per via dei 12 punti di distacco dal quinto posto: sulla grafica vedete l’asterisco proprio per spiegare questa eventualità

Girone B – Lotta Play-off/Play-out

Dati i risicati distacchi in classifica, è impossibile stabilire con esattezza quali squadre inserire nelle lotte play-off e play-out: per questo abbiamo deciso di unire le due grafiche. Sono ben 12 le squadre coinvolte in questo “mini campionato”: Sassoferrato Genga, Borgo Minonna, Castelbellino, Chiaravalle, Staffolo, Montemarciano, Castelleonese, Labor, Real Cameranese, Sampaolese, MonSerra e Villa Musone. Le uniche aritmeticamente salve sono il Sassoferrato Genga e il Borgo Minonna, mentre al Castelbellino mancano 5 punti per festeggiare l’aritmetica sicurezza della permanenza nella categoria.

Sassoferrato Genga-Borgo Minonna: chi finirà al terzo posto? 

Sentinati e jesini attualmente sono saldi al terzo e al quarto posto e i play-off sembrano ormai assicurati. Le due squadre al momento si affronterebbero a vicenda negli spareggi: resta da decidere se a Sassoferrato o al “Petraccini” di Jesi. Il calendario è leggermente più favorevole al SassoGenga, dato che affronterà Loreto (26^), Sampaolese (27^) e Castelleonese (30^), con gli unici grandi scogli chiamati Castelfrettese (28^) e Castelbellino (29^). Il Borgo, invece, dovrà affrontare entrambe le prime della classe (alla 26^ a Castelferretti e alla 29^ in casa contro la Filottranese), oltre a Loreto (27^), Castelleonese (28^) e Castelbellino (30^).

La lotta per il quinto posto: per i play-off o solo per la gloria?

Passando alla lotta per il quinto posto, rischia di diventare una battaglia fine a se’ stessa. Come spiegato prima il Castelbellino, infatti, al momento ha 12 punti di distacco dalla Filottranese prima e in questo caso non si disputerebbero i play-off per l’ultima formazione che rientra nella griglia spareggi, che invece ci saranno per la squadra quinta classificata se ha meno di 10 punti dalla seconda. La squadra di Ricci non ha un calendario semplice, con ben 4 scontri diretti (Staffolo, Chiaravalle, Sassoferrato Genga e Borgo Minonna).

Sperano di approfittarne Chiaravalle e Staffolo, a un passo dai 40 punti che significherebbero salvezza quasi aritmetica. I grigioneri, oltre alla sfida di domenica contro la Filottranese, affronteranno, in successione, Castelbellino, Colle 2006, Staffolo e Labor; i giallorossi, oltre ai due sfide dirette contro orange (26^) e chiaravallesi (29^), giocheranno contro Castelleonese (27^), Filottranese (28^) e Colle 2006 (30^).

La lotta play-out: in 6 per 4 posti salvezza

Arriviamo a parlare, quindi, della lotta per evitare i play-out, che coinvolge 6 squadre in appena 7 punti. Il Montemarciano guida il gruppetto a quota 33. I ragazzi di Caccia sfideranno ben quattro avversarie per la salvezza diretta sulle 5 partite rimanenti (MonSerra, Real Cameranese, Labor e Sampaolese). Segue la Castelleonese a 31 e il calendario dei ragazzi di Gasparoni vede la presenza delle squadre attualmente ai play-off. Parliamo di Borgo Minonna (28^) e Sassoferrato Genga (30^), e due scontri diretti (Villa Musone alla 26^ e Real Cameranese alla 29^).

Labor, Real Cameranese e Sampaolese al momento sarebbero salve aritmeticamente con 30 punti. I laborini di Pesarini, dopo la sfida casalinga contro il Colle 2006, affronteranno le rivali MonSerra (27^), Montemarciano (28^) e Sampaolese (29^). I rossoneri di Pantalone, invece, sabato sfidano subito la Sampaolese, poi andranno a Sassoferrato. Prima del rush finale di scontri diretti: in ordine MonSerra, Labor e Montemarciano. La squadra al 12° posto, al momento, sarebbe aritmeticamente salva, per via della regola della forbice di 10 punti tra 12^ e 15^: tra in 10^ posizione e la penultima piazza ci sono, al momento, ben 19 lunghezze di distacco. 

Al momento, quindi, si disputerebbe un unico play-out tra la 13^ e la 14^, ad oggi MonSerra e Villa Musone. I ragazzi di Moretti, a quota 29 punti, si giocano la salvezza nelle prossime tre giornate, sfidando in successione Montemarciano, Labor e Sampaolese. Alla 29^ la difficilissima sfida in casa contro la Castelfrettese, poi il Loreto (probabilmente già retrocesso in quell’occasione) all’ultima giornata.

Sarà un cammino tutto in salita anche per il Villa Musone. I ragazzi di Monaldi sabato affrontano la trasferta di Castelleone di Suasa, poi ospitano la Castelfrettese in casa. Non sarà facile strappare punti nemmeno a Castelbellino, ma la sfida da non sbagliare è quella in casa contro il Colle 2006. Per chiudere quindi la regular season contro la Filottranese.

Girone C – Lotta Salvezza/Play-out

Parliamo del girone C di Prima Categoria e della lotta salvezza che coinvolge la Cingolana San Francesco. Con le posizioni di vertice già delineate (Elpidiense Cascinare prima, Camerino, Appignanese e Settempeda ai play-off), i biancorossi di Canonici si giocheranno la permanenza diretta nella categoria con Montemilone Pollenza, Caldarola, Urbis Salvia, Elfa Tolentino, Esanatoglia e Montecosaro. Dopo aver battuto i tolentinati nello scorso weekend, la Cingolana inizia le ultime 5 giornate stagionali con il derby interno contro una Settempeda a caccia del riscatto. I settempedani, infatti, sono reduci dall’addio dell’allenatore Ruggeri e da alcuni risultati negativi.

Un’esultanza a fine partita della Cingolana

Alla 27^ Tomassoni e compagni sfideranno la Folgore Castelraimondo quinta, mentre alla 28^ ci sarà la trasferta di Sarnano. La squadra sarnanese al momento sarebbe retrocessa: anche in questo caso per via della regola dei 10 punti tra 12^ e 15° posto. I biancoazzurri sono a -11 dall’Esanatoglia. Quindi, al momento si giocherebbe un unico play-out tra 13^ e 14^, ad oggi Cingolana SF e Montecosaro. Un anticipo di questa probabile sfida decisiva si giocherà alla 29^ giornata allo “Spivach”. La stagione regolare dei cingolani si chiuderà a Pollenza, ma non di domenica: per via della contemporaneità delle gare delle ultime due giornate, infatti, la partita dell’ultima giornata si giocherà sabato 6 maggio. 

LEGENDA – grassetto: gare in casa; C: casa, F: fuori.

Giacomo Grasselli 

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, il racconto della 25^ giornata dei gironi B e C

Tanti pareggi, specialmente tra squadre in lotta per la salvezza; vittorie importanti per Castelfrettese, Sassoferrato Genga, Staffolo e Cingolana SF 

VALLESINA, 30 marzo 2023 – E’ stata la giornata dei pareggi la 25^ dei gironi B e C di Prima Categoria di calcio. Sono finite in parità, infatti, ben 5 partite sulle 10 delle nostre squadre: parliamo di Real Cameranese-Labor, Borgo Minonna-Montemarciano, Villa Musone-Sampaolese, Filottranese-Castelbellino e Cska Corridonia-Appigananese.

La Castelfrettese, invece, vince a Chiaravalle e vola a +3 dal secondo posto, così come il Sassoferrato Genga resta terza da sola grazie al 4-0 rifilato al MonSerra. Vincono anche Staffolo e Cingolana SF, con i giallorossi a un passo dalla salvezza e i biancorossi che accorciano sulle avversarie in lotta per evitare i play-out. Andiamo a vedere quello che è successo nello scorso weekend.

Real Cameranese-Labor 0-0

Real Cameranese e Labor non si fanno male e conquistano un punto a testa. Lo scontro salvezza è finito 0-0, in una gara in cui le due squadre hanno badato più a difendere che a provare a conquistare i tre punti.

I rossoneri di Pantalone si sono resi protagonisti di qualche pericoloso calcio piazzato con Casaccia, ma la squadra di Pesarini non si è fatta superare dai tentativi dei locali. Dall’altra parte Bassotti sfiora la porta con una conclusione da fuori, mentre Baldini di testa da calcio d’angolo non è riuscito a centrare lo specchio da due passi. La classifica così resta invariata: sia rossoneri che laborini salgono a quota 30 punti al decimo posto, a +1 dai play-out.

Vincono le difese! – spiega la Real Cameranese sui social – Lo scontro salvezza non vede vincitori, nonostante i rossoneri abbiano comunque provato a strappare l’intera posta in palio fino alla fine. Il punto conquistato consente di tornare a muovere la classifica ma ci sarà da lottare fino alla fine. La classifica parla chiaro dopo questo turno: ci sono 6 formazioni in appena 5 punti, un paio di queste disputeranno il playout. Il destino è nelle nostre mani e sabato, in casa della Sampaolese, la posta in palio sarà altissima!”.

Pareggio giusto tra Real Cameranense e Labor, – spiega, invece, il ds ospite Loris Gasparri – dove ha vinto la paura di perdere. Nel secondo tempo zero, emozioni con ritmi della partita in calo anche per il caldo che si faceva sentire. Penso sia un punto a testa che fa comodo ad entrambe nella corsa play-out”.

Borgo Minonna-Montemarciano 1-1 – 40’ Magini (M), 51’ Morbidelli (B)

Anche Borgo Minonna e Montemarciano non si fanno male e pareggiano, allungando le rispettive strisce di risultati utili consecutivi. I locali di Luchetta non perdono da 11 partite, mentre la squadra di Caccia ha raccolto il terzo pari di fila, con l’ultima sconfitta datata 11 febbraio.

La partita

È stata una partita equilibrata: il pronostico di mister Carletti è stato rispettato. Al 5’ Clementi dal fondo serve in mezzo Giancamilli, Morresi mura la conclusione. Una decina di minuti più tardi, ci prova Magini dalla trequarti, trovando i guantoni del portiere locale.

Il vantaggio ospite arriva al 38’: ancora Magini tira fuori dal cilindro un tiro imparabile dai 25 metri e realizza lo 0-1 con cui si chiudono i primi 45 minuti.

Cristiano Luchetta (mister Borgo Minonna)

Nel secondo tempo, il Borgo Minonna entra in campo per pareggiare la contesa e ci riesce. Al 50’ Mazzieri sfiora l’incrocio dei pali da buona posizione. Per il pari è questione di pochi secondi: una punizione dalla trequarti finisce sulla testa di Morbidelli, che segna l’1-1.

Continuano le occasioni da rete. Fabrizzi salva sul piazzato di Brescini, mentre la difesa locale è attenta sul passaggio di Pellonara in progressione verso Gramazio. Al 73’ Ferrante non trova la porta da ottima posizione; dall’altra parte a tre minuti dalla fine del match il diagonale di Pellonara su assist di Gramazio sfiora il palo. In pieno recupero, Fabbrizzi salva su un tiro ravvicinato, salvando il punto per i biancazzurri. I rossoblù scivolano così al quarto posto con 45 punti, mentre il “Monte” resta ottavo a 33, a +4 dalla zona play-out.

Cristiano Caccia (allenatore Montemarciano)

I commenti

Si ferma – spiega la società jesina – la striscia di vittorie per il Borgo Minonna. Pareggio giusto visto l’andamento della partita. Perdiamo la terza posizione, ma il pari ci trasmette più forza e ulteriore voglia di far meglio. Testa ora alla difficilissima trasferta in casa della capolista Castelfrettese, dove servirà la miglior prestazione per continuare a sognare”. “Il match – risponde il Montemarciano – finisce con un pari giusto che muove la classifica di entrambe le squadre. Appuntamento a sabato prossimo al ‘Di Gregorio’ contro il Monserra”.

Chiaravalle-Castelfrettese 1-2 – 5’ Beta (CF), 31’ Parasecoli (CF), 81’ Dellabarba (CH)

Non si ferma più la Castelfretttese, che ora vola a +3 dal secondo posto. I “Frogs” di Bugari, infatti, hanno battuto 1-2 il Chiaravalle al Campo dei Pini, strappando la settima vittoria consecutiva e il quindicesimo risultato utile di fila, dato che Fratesi e compagni non perdono proprio dal match di andata contro gli esini. Si svegliano troppo tardi i grigioneri dell’ex Onorato, che vedono così allontanarsi i play-off, con la salvezza aritmetica non ancora acquisita.

La partita

La capolista passa dopo appena 5 minuti: Durazzi con un cross con il contagiri pesca Beta che insacca di testa, confermandosi vice-capocannoniere del girone con 13 reti. Il raddoppio arriva al 31’ e lo segna il chiaravallese Parasecoli, dopo che Paniconi in precedenza aveva sfiorato il gol. Il primo tempo termina 0-2.

Aleks Beta

Negli spogliatoi Onorato scuote i suoi e il Chiaravalle prova a tornare in partita. Papili ci prova in due circostanze dal limite, sfiorando prima il palo, poi costringendo Sollitto alla parata. La Castelfrettese si fa rivedere con il contropiede di Parasecoli, ma Cecchini è attento e lo anticipa. I locali riaprono il match a nove minuti dalla fine: Dellabarba di testa sugli sviluppi del corner segna l’12. L’assedio finale dei grigioneri, però, non sorprende la rocciosa difesa della capolista.

I commenti

Non riesce la rimonta – spiega il Chiaravalle – ai grigioneri che in un primo tempo sottotono vanno sotto di due reti. Nella ripresa i ragazzi di mister Onorato provano a riaprire la partita, riuscendo però solo ad accorciare le distanze grazie all’inzuccata di Dellabarba”.

La settima vittoria consecutiva – risponde il club della frazione di Falconara Marittima – permette alla Castelfrettese di aggiudicarsi un derby sentito e di conservare il primato. Non bissa l’impresa del 26 novembre il Chiaravalle, unica squadra finora ad aver battuto la capolista e a non averla fatta segnare”.

Sassoferrato Genga-MonSerra 4-0 – 19’ Cossa, 29’ Ricci, 51’ Carletti Orsini, 85’ Ricci

Riconquista il terzo posto solitario il Sassoferrato Genga. I ragazzi di Franceschelli battono il Monserra con un netto 4-0 e si scrollano di dosso il Borgo Minonna, ora quarto a -2.

La partita

L’equilibrio del match dura solo venti minuti. In quel frangente, la squadra di Moretti aveva provato a creare buone trame in velocità con Brega e Sartini, ben controllate dalla difesa locale. I sentinati, però, prendono le misure e passano in vantaggio al 19′: Chiocchioli si inventa una conclusione potente dalla distanza che sbatte sul palo, come un falco Alessandro Cossa arriva sulla respinta del legno e supera Campana grazie ad un delizioso tiro a giro, per l’1-0 del SassoGenga.

Il MonSerra non riesce a reagire, quindi i locali raddoppiano dopo 10 minuti. Un calcio d’angolo dalla destra finisce dalla parte opposta verso Paoluzzi, che rimette in mezzo il pallone per Ricci, il quale di testa realizza il 2-0. La formazione di casa cerca il terzo gol prima della fine del primo tempo, ma i biancorossi riescono ad evitare il tris: il primo tempo termina 2-0.

Carboni e Ricci (Sassoferrato Genga)

L’appuntamento con la terza marcatura, però, è solo rimandato ad inizio ripresa. Siamo al 51′ quando Arcangeli pennella da punizione un crossa la bacio per Carletti Orsini, il quale ci arriva in torsione e di testa infila Campana per il 3-0. Il MonSerra prova in tutti i modi ad accorciare e ci va molto vicino: solo un super Buriani salva il 3-1,deviando un preciso tiro ospite sulla traversa.

Dall’altra parte, invece, arriva il 4-0 a 5 minuti dalla fine. Bonci parte in contrattacco e vede Carboni in area, il tiro di quest’ultimo viene ribattuto dalle parti di Ricci, per il quale è un gioco da ragazzi segnare la doppietta personale del match. Il MonSerra scivola così al tredicesimo posto, in piena zona play-out.

I commenti

“Il Sassoferrato Genga – spiegano i sentinati – cala il poker e si porta al terzo posto solitario in classifica. L’affermazione è stata netta”. “Torna alla sconfitta il MonSerra – il commento degli ospiti -, con il Sassoferrato Genga che si impone per 4 reti a 0. Testa ora a sabato prossimo, quando faremo visita al Montemarciano“.

Staffolo-Loreto 4-1 – 28’ Mascia (L), 37’ Monaco (S), 45’ Massei (S), 50’ Santini (S), 85’ Tiberi (S)

Si mantiene in scia ai play-off lo Staffolo, battendo 4-1 un Loreto ormai ad un passo dalla retrocessione diretta. I ragazzi di Pasquini, però, hanno dovuto soffrire più del previsto, soprattutto nel primo tempo, quando i lauretani di Bernabei erano riusciti a portarsi in vantaggio.

La partita

Alla mezz’ora, infatti, gli ospiti sfruttano una disattenzione difensiva dei locali: una conclusione dalla distanza del Loreto si stampa sulla traversa, sulla deviazione il più sveglio di tutti è Mascia che di testa realizza lo 0-1 a sorpresa. La rete scuote i giallorossi, anche se al 32′ capitan Massei sbaglia un calcio di rigore, calciandolo sulla traversa.

Omar Tiberi festeggia il gol con Marco Sassaroli (foto di Alex Ciciliani – ufficio stampa SSD Staffolo)

Il pareggio, però, è nell’aria: 5 minuti più tardi ci pensa Monaco, infatti, a realizzare l’1-1, sfruttando la respinta corta di Pedol. Allo scadere dei primi 45 minuti, Massei regala il vantaggio allo Staffolo grazie ad una gran sassata da fuori area che si infila sotto l’incrocio dei pali. Il primo tempo finisce 2-1.

I locali trovano la fuga definitiva nella ripresa. Al 50′ l’evergreen Santini in area di rigore avversaria si trova il pallone tra i piedi e realizza il 3-1: si tratta del terzo gol stagionale per il 46enne jesino. In conclusione, a 5 minuti dalla fine arriva la prima gioia del 2022-2023 per Omar Tiberi: Sassaroli lo trova in area con un bel cross e l’attaccante giallorosso ringrazia con un preciso colpo di testa. 

Il commento 

“Non non era una partita facile da affrontare – spiega proprio Tiberiperché nessuno ti regala niente. Siamo stati bravi con l’approccio alla gara, creando subito qualche pericolo. Nonostante il vantaggio del Loreto, la squadra ha reagito bene e prima della fine del primo tempo siamo riusciti al ribaltare il risultato. Nella ripresa siamo rimasti concentrati e siamo riusciti a conquistare i 3 punti segnando altri due gol”.

Villa Musone-Sampaolese 0-0

Anche per Villa Musone e Sampaolese vale lo stesso discorso di Real Cameranese-Labor: il punto non fa male a nessuno. Questa sfida (foto in copertina), come quella di Camerano, è terminata 0-0, lasciando invariate le posizioni di classifica a ridosso dei play-out, anche se i villains di Monaldi vedono ora a -3 il MonSerra. 

La partita

L’incontro è stato equilibrato dall’inizio alla fine. La prima occasione è dei locali con Camilletti, che di poco non centra lo specchio. Al 9′ il tiro a giro di Lorenzetti si stampa sul palo dopo una deviazione: sulla ribattuta ancora Camilletti si avventa, ma spedisce fuori di un nulla. I biancorossi di Togni rispondono 8 minuti più tardi, quando Ferretti mette in mezzo un cross preciso che non trova nessun compagno; in seguito Apolloni sfrutta il vento a favore per scagliare una gran botta, la sfera, però, finisce sulla traversa e poi sul fondo.

Ancora Sampaolese: Marchegiani in contropiede arriva a tu per tu con Cingolani ma non riesce a inquadrare la porta. Il portiere giallonero fa un grande intervento al 37′ su una conclusione velenosa di Troilo. Dall’altra parte Domizi e De Martino impegnano Bellardinelli, senza riuscire a sfondare.

Nella ripresa le due squadre continuano a fronteggiarsi a viso aperto. Al 62′ Marchegiani sfiora il palo con un bel diagonale, poi Giampieri di testa non trova lo specchio. A 15 minuti dalla fine, Cocilova prova il gol olimpico, Cingolani vola e salva il risultato. Non ci sono altre emozioni e il match termina 0-0.

Il commento 

Sapevamo – ha spiegato il tecnico del Villa Musone, Luca Monaldi – che affrontavamo una partita difficilissima. La Sampaolese ha vinto 4 partite fuori casa ed ha un ruolino di marcia molto più importante lontano dal proprio stadio. Il primo gran caldo della stagione ha un po’ condizionato la sfida, ma sono molto contento perché siamo stati bravi e tenaci nei momenti difficili dell’incontro. Gli avversari ci hanno creato qualche difficoltà e noi ne abbiamo create a loro: la squadra ha risposto alla grande quando c’era bisogno di combattere e non tirarsi indietro“.

“Venivamo a Villa Musone – ha risposto mister Lorenzo Togni della Sampaolese – con l’obiettivo di non ripetere la prestazione fornita contro il Borgo Minonna. Ho visto nei ragazzi l’intensità e la concentrazione giusta, da questo punto di vista sono abbastanza soddisfatto. La classifica resta invariata: siamo riusciti a mantenere il +4 dai gialloneri, è stato fondamentale evitare la riduzione di questo distacco. Questa partita poteva essere sbloccata da un episodio: non c’è stato e va benissimo così. Ci prendiamo il punto”. 

Colle 2006-Castelleonese 1-3 – Cesaroni (CO), Spadoni (CA), Monnati (CA), Pennacchini (CA)

Si tira fuori dai play-out la Castelleonese. I ragazzi di Gasparoni, infatti, hanno battuto 1-3 il Colle 2006 e si sono portati al nono posto con 31 punti, a +2 dalla zona calda. Sono stati decisivi i gol di Spadoni, Monnati e Pennacchini, mentre il gol della bandiera dei dorici è stato segnato da Cesaroni. La squadra di Collemarino resta penultima a 11 punti: al momento non disputerebbe i play-out e sarebbe retrocessa aritmeticamente, per via dei 19 punti di distacco dal 12° posto. 

Filottranese-Castelbellino 0-0 – leggi l’articolo

Girone C – Cska Corridonia-Appignanese 1-1 – 13’ Giuli (C), 55’ Medei (A)

L’Appignanese evita il clamoroso harakiri in casa della Cska Corridonia. La sfida contro l’ultima della classe del girone C, infatti, è terminata 1-1: al gol di Giuli al 13′ ha risposto l’attaccante ospite Nicola Medei. Al termine del match, però, il mister della squadra di Appignano Simone Cicarè ha deciso di rassegnare le dimissioni (leggi l’articolo).

Nicola Medei dell’Appignanese

In attesa di conoscere il nome del nuovo allenatore, l’Appignanese resta al terzo posto, a -12 dall’Elpidiense Cascinare capolista e a +3 dalla Settempeda quarta. Al momento, dunque, i biancoazzurri giocherebbero la semifinale play-off in casa contro i settempedani: la vincente affronterebbe il Camerino in trasferta nella finalissima.

Elfa Tolentino-Cingolana 0-1 – 17’ Michele S.

Torna finalmente alla vittoria la Cingolana San Francesco. Tomassoni e compagni, infatti, hanno raccolto il primo successo dell’era Canonici, battendo 0-1 l’Elfa Tolentino: per i biancorossi si tratta del secondo risultato utile, con la salvezza diretta distante solamente un punto. 

Ci pensa Michele S. a portare in vantaggio i cingolani al 17′: si tratta della quarta rete stagionale per il calciatore arrivato a gennaio. Nel primo tempo l’Elfa Tolentino ha sfiorato il pari colpendo un palo, mentre nella ripresa Ippoliti ha sfiorato per ben due volte il raddoppio, prima sbagliando una conclusione non impossibile, poi vedendosi parare il tentativo. Nel finale, è stato espulso per doppia ammonizione Nicola Tittarelli, reo, secondo il direttore di gara, di aver simulato il fallo in area di rigore.

Con questa vittoria, la Cingolana SF sale a 26 punti, restando comunque al 13° posto per via della contemporanea vittoria dell’Esanatoglia. La squadra di Ortolani, dodicesima a 27, al momento sarebbe salva, per via del +11 dal Sarnano penultimo: i biancorossi, quindi, devono recuperare solo un punto per evitare lo spareggio play-out, che al momento sarebbe contro il Montecosaro terzultimo.

I pronostici di mister Carletti

Borgo Minonna-Montemarciano – pronostico X – risultato X

Chiaravalle-Castelfrettese – pronostico 1 – risultato 2

Colle 2006-Castelleonese – pronostico X – risultato 2

Filottranese-Castelbellino – pronostico 1 – risultato X

Real Cameranese-Labor – pronostico 1 – risultato X

Sassoferrato Genga-MonSerra – pronostico 1 – risultato 1

Staffolo-Loreto – pronostico 1 – risultato 1

Villa Musone-Sampaolese – pronostico 1 – risultato X

Girone C – Elfa Tolentino-Cingolana SF – pronostico X – risultato 2

Cska Corridonia-Appignanese – pronostico 2 – risultato X

Totale di giornata: 3/10 – Totale complessivo: 99/184

Classifiche e marcatori

Prima Categoria – girone B

CLASSIFICA – Castelfrettese 54, Filottranese 51, Sassoferrato Genga 47, Borgo Minonna 45, Castelbellino 39Chiaravalle 37, Staffolo 37, Montemarciano 33, Castelleonese 31, Real Cameranese 30, Sampaolese 30, Labor 30, MonSerra 29, Villa Musone 26, Colle 2006 11, Loreto 9

MARCATORI21 gol: Maccioni (Filottranese); 13 gol: Beta (Castelfrettese); 12 gol: Ricci (Sassoferrato Genga); 11 gol: Brega (MonSerra), Carboni (Sassoferrato Genga) e Passeri (Sassoferrato Genga); 10 gol: Bassotti (Labor) e Parasecoli (Castelfrettese); 9 gol: Massei (Staffolo); 8 gol: Massucci (Filottranese), Grassi (Filottranese) e Defendi (Real Cameranese); 7 gol: Rocchi (Castelfrettese), Vincioni (Labor), Onuorah (Castelbellino), Corinaldesi (Castelbellino), Ferrante (Borgo Minonna), May (Vorgo Minonna), Pigliacampo (Loreto), Ventresini (Villa Musone) e Bresciani (Borgo Minonna); 6 gol: Cola (Real Cameranese), Marchionne (Real Cameranese), Ledesma (Castelbellino), Giudici (Castelleonese), Piermattei E. (Sassoferrato Genga), Rocchetti D. (Chiaravalle), Sassaroli M. (Staffolo), Gorini (Montemarciano) e Mazzarini T. (Castelfrettese).

Prima Categoria – girone C

CLASSIFICAElpidiense Cascinare 60, Camerino 56, Appignanese 48, Settempeda 45, Folgore Castelraimondo 38, PortoRecanati 37, Vigor Montecosaro 35, Montemilone Pollenza 32, Caldarola 31, Urbis Salvia 30, Elfa Tolentino 29, Esanatoglia 27, Cingolana SF 26, Montecosaro 22, Sarnano 16, Cska Corridonia 14

MARCATORI – 15 gol: Castellano (Elpidiense Cascinare); 14 gol: Storani (Elfa Tolentino); 12 gol: Capenti (Settempeda) e Bisbocci (Folgore Castelraimondo); 10 gol: Tarquini (Appignanese) w Buresta (Caldarola); 9 gol: Montecchia (Camerino), Mannucci (Appignanese) e Duca (Camerino); 8 gol: Pietrella (Urbis Salvia) e Tulli (Vigor Montecosaro).

Marcatori Cingolana SF – 4 gol: Agosto e Michele S.; 3 gol: Zitti; 1 gol: Ciattaglia, Ippoliti, Mossotti, Tomassoni, Bufarini, Fratoni, Santini, Marchegiani, Tittarelli.

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, il racconto della 24^ giornata dei gironi B e C

La Castelfrettese sorpassa la Filottranese in testa, il Borgo Minonna agguanta il terzo posto grazie allo 0-0 tra Montemarciano e Sassoferrato Genga, vincono Chiaravalle, MonSerra e Villa Musone; nel girone C, l’Appignanese si inchina all’Elpidiense Cascinare e scivola a -12 dalla vetta

VALLESINA, 22 marzo 2023 – La 24^ giornata di Prima Categoria di calcio, giocata tra il 18 e il 19 marzo 2023, sarà ricordata come quella del sorpasso. La Castelfrettese, infatti, battendo lo Staffolo è balzata in testa al girone B, approfittando del pareggio della Filottranese in casa della Labor. Il Borgo Minnona vince a valanga in trasferta contro la Sampaolese e aggancia al terzo posto un Sassoferrato Genga fermato sullo 0-0 dal Montemarciano. Torna a vincere il Chiaravalle, mentre il Colle 2006 strappa uno 0-0 il Castelbellino. Il derby di Loreto viene vinto da un Villa Musone che ora vede la salvezza diretta a 4 punti.

Per il girone C, vi abbiamo già parlato del pari della Cingolana SF contro l’Urbis Salvia. L’Appignanese, invece, ha perso in casa contro la capolista Elpidiense Cascinare, balzata a +12 dalla formazione di Cicarè. Andiamo a scoprire tutto quello che è successo.

Girone B – Castelbellino 0-0 Colle 2006

Il Colle 2006 ferma sul pari il Castelbellino al “Cercaci”. I dorici, dopo la vittoria contro il Loreto, raccolgono un punto sul campo degli orange, costringendoli ad un pari che, per via dei 13 punti di distacco dal secondo posto con una partita in meno, al momento li escluderebbe dai play-off.

La squadra di Ricci ha cercato in ogni modo di sbloccare la gara nel corso del match, ma un super Pieroni è riuscito a salvare a più riprese la squadra di Collemarino sui tentativi di Lucarini, Bando e Corinaldesi.

Un mix di sfortuna – spiega il Castelbellino sui propri canali social -, imprecisione e grandi parate di Pieroni hanno fatto rimanere il risultato sullo 0-0. Dopo un assedio costante dei padroni di casa, la squadra di mister Ricci rischia la beffa nel finale, concedendo un contropiede non concretizzato dagli ospiti. Contro la Castelleonese (la sfida si gioca stasera, mercoledì 22 marzo, ndr) vogliamo continuare a sognare”.

Castelfrettese 2-0 Staffolo – 64’ Beta, 68’ Mazzarini

La Castelfrettese, dopo aver vinto lo scontro diretto a Filottrano, riesce a conquistare la vetta della classifica (foto di copertina). La squadra di Bugari, infatti, ha battuto in casa per 2-0 lo Staffolo: si tratta della sesta vittoria consecutiva e del quattordicesimo risultato utile in fila.

La partita

La sfida si è sbloccata solamente nella ripresa. Nel primo tempo, infatti, i ragazzi di Pasquini hanno tenuto bene il campo, fronteggiando a viso aperto i”Frogs”. Faris ci prova con un rasoterra, Sollitto controlla. Dall’altra parte Rocchi tenta il colpo da punizione ma non centra la porta da posizione defilata. I giallorossi sono pericolosi anche con un colpo di testa di Sassaroli sugli sviluppi di un piazzato, controllato dal portiere avversario senza grossi problemi.

A metà della ripresa, la Castelfrettese riesce a trovare le due reti della vittoria. Al 64’ Beta defilato sulla sinistra scaglia un tiro preciso che sorprende Verdolini, ingannato dal movimento di un difensore, per lo 0-1. Passano 4 minuti e Tommaso Mazzarini, dopo il gol vittoria del “San Giobbe” di Filottrano, devia in rete di testa il cross da punizione di Anconetani. Nel resto del match i locali gestiscono il risultato, mentre gli staffolani non riescono mai ad essere pericolosi.

I commenti

Fa piacere vincere sei partite di fila – commenta l’allenatore della Castelfrettese, Yuri Bugari -: da qui alla fine sarà difficilissimo. Prima dovevamo vincerle tutte e sperare nei risultati delle altre squadre, ora, invece, il destino sembra essere nelle nostre mani. Affrontiamo squadre che lottano per altri obiettivi e non sarà semplice. Non abbiamo concesso quasi nulla allo Staffolo, siamo stati bravi a non sbilanciarci. Ci aspettavano e si chiudevano dietro, però siamo stati concentrati, sfruttando le occasioni che ci hanno concesso. Ora andiamo avanti e pensiamo alla prossima gara”.

Abbiamo cercato di disputare un buon match – spiega, invece, mister Massimo Pasquini dello Staffolo -, in una settimana tosta a causa di qualche assenza in allenamento. Sono comunque soddisfatto della prestazione della squadra, anche perché abbiamo fatto qualche buona azione. Il primo errore lo abbiamo pagato e abbiamo preso il gol 4 minuti più tardi. La prestazione, comunque, rimane: andiamo avanti. A gennaio abbiamo pagato alcune alcune assenze pesanti, ma ci siamo ripresi in queste ultime giornate con buone partite. Il primo obiettivo è rimanere nella categoria, poi quello che viene di più è tanto di guadagnato”. Lo Staffolo scivola a -3 dai play-off, ma resta a +7 dai play-out.

Foto di Genny Giorgetti

Castelleonese 1-3 Chiaravalle – 29’ Bugari su rigore (CH), 60’ D’Urzo (CH), 68’ Monnati (CA), 74’ D’Urzo (CH)

Torna a vincere il Chiaravalle. La squadra di Onorato, infatti, dopo due sconfitte di fila rialza la testa e batte la Castelleonese di coach Gasparoni in trasferta per 1-3, tornando al quinto posto a pari merito con il Castelbellino.

Gli ospiti passano in vantaggio alla mezzora, con Bugari che concretizza un calcio di rigore. Al 60’ D’Urzo sigla il raddoppio, dopo otto minuti Monnati accorcia ma al 74’ ancora D’Urzo chiude la gara sul definitivo 1-3.

I Grigioneri – spiegano dalla società esina – si sono imposti in maniera netta, tornando alla vittoria”. La Castelleonese, invece, resta al 13° posto con 27 punti, a -2 dalla salvezza diretta.

Labor 1-1 Filottranese – 55’ Strappini (L), 81’ Maccioni (F)

L’era Pesarini alla Labor inizia con un pareggio interno di prestigio nel derby contro la Filottranese. Al “Comunale” di Santa Maria Nuova finisce 1-1, con i biancorossi di Malavenda che perdono il primo posto dopo 14 giornate, scivolando a -1 dalla vetta. La sfida è stata disputata davanti al pubblico delle grandi occasioni, anche perché le due città sono distanti tra loro solo 11 km.

La partita

Il primo tempo è stato avaro di emozioni, giocato a ritmi bassi da entrambe le formazioni, incapaci di creare occasioni da rete, per paura di concedere spazio agli avversari. La squadra di casa passa in vantaggio al 55’, con il classico gol dell’ex: Andrea Strappini, passato dalla Filottranese alla Labor a gennaio, parte dalla sinistra, si accentra e spara un bolide che sorprende Palmieri, per l’1-0 locale.

La Labor 2022-2023

La rete scuote Corneli e compagni, che hanno una supremazia territoriale ma non riescono a creare palle gol degne di note. Fino al 81’: Palmieri fuori dalla propria area sventa un contropiede locale e lancia Iannaci sul filo del fuorigioco, il quale avanza e vede Maccioni, subentrato nella ripresa. Per il capocannoniere del girone B è un gioco da ragazzi appoggiare in rete a porta spalancata, per il 21° centro stagionale. Il pressing degli ospiti nel finale di partita non basta, così i locali conquistano un prezioso punto in ottica salvezza: la formazione di Santa Maria Nuova appaia a 29 punti MonSerra, Real Cameranese e Sampolese, a +2 dai play-out.

I commenti

È stato un pareggio giusto – ci spiega il ds della Labor, Loris Gasparri -, davanti ad una platea da categoria superiore. Ha vinto lo spettacolo, in campo e fuori”. “È un pareggio – rispondono dalla Filottranese – utile a sventare il peggio, ma non abbastanza da salvaguardare il primato in classifica, mantenuto dalla decima giornata e passato ora alla Castelfrettese”.

Loreto 0-1 Villa Musone – 40’ Sall Cheick

“Derby della Cupola” lo vince il Villa Musone. La squadra di Monaldi, infatti, ha battuto per 0-1 il Loreto ed ora riapre la corsa salvezza, portandosi a -4 dal 12° posto. Resta ultima la squadra del nuovo allenatore Bernabei, che con questa sconfitta ha l’aritmetica certezza di passare quanto meno dai play-out per ottenere la permanenza in Prima Categoria.

La partita

Gli ospiti passano in vantaggio verso la fine del primo tempo. Partono meglio gli ospiti: Sall Cheick sfiora il palo dopo il primo minuto, poi De Martino prima impegna Pedol al 10’, quindi non centra lo specchio al 22’. I “villains” insistono e sfiorano ancora il gol con Ventresini; dall’altra parte, al 38’ Cingolani è attento sulla conclusione di Socci in area.

Minuto numero 41: la palla vaga pericolosamente dalle parti di Pedol, Sall Cheick ha l’intuizione giusta e con una splendida rovesciata batte l’ex Chiesanuova, per lo 0-1. Nella ripresa, dunque, il Villa Musone gestisce le forze, mentre gli attacchi del Loreto sono sterili e non impensieriscono Cingolani. Pedol non si fa sorprendere dai tentativi gialloneri di cercare il raddoppio; il portiere ospite sul finale è attento sulla conclusione di Piccini.

I commenti

Abbiamo giocato un buon primo tempo – spiega l’allenatore del Loreto, Giordano Bernabeipoi nella ripresa siamo un po’ calati. Ho provato a fare qualche cambio per dare freschezza, ma ci siamo allungati e non siamo più riusciti ad essere pericolosi. È stata una sfida equilibrata, dove abbiamo rischiato solo sulle loro veloci ripartenze. Il pareggio ci serviva poco, quindi abbiamo rischiato per cercare la vittoria. Il gol in rovesciata ha minato il morale, ma il Loreto ha corso, si è dato da fare e ha reagito bene. La situazione non è semplice ma fino a quando l’aritmetica non ci condanna noi ci proveremo, cercando di vincere tutte le partite rimanenti”.

I ragazzi sono stati determinati per tutta la partita – risponde il mister del Villa Musone, Luca Monaldi -, l’abbiamo interpretata bene. Siamo costretti a dare continuità ai risultati positivi, per cercare di rimanere attaccati al treno salvezza. Abbiamo gestito i ritmi della sfida e siamo riusciti a sbloccarla fine del primo tempo. La squadra ha fatto quello che doveva fare, creando gioco e occasioni, tenendo la palla per tutta la sfida. Forse nel secondo abbiamo abbassato troppo i ritmi, potevamo verticalizzare di più e potevamo essere più precisi nell’ultimo passaggio”.

MonSerra 2-1 Real Cameranese – 5’ Calcina (M), 70’ Serpicelli (M), 83’ Defendi su rigore (R)

E’ servito il cambio di allenatore al MonSerra per ritornare alla vittoria. I biancorossi del nuovo mister Moretti, infatti, hanno battuto 2-1 la Real Cameranese, agganciandola in classifica al nono posto, nel gruppone insieme a Sampaolese e Labor.

I biancorossi passano in vantaggio dopo 5 minuti, grazie al bel diagonale di Yuri Calcina. Verso la fine del primo tempo, Casaccia da punizione fa tremare la porta, trovando l’incrocio dei pali. Nella ripresa, nel miglior momento degli ospiti arriva il raddoppio del MonSerra. Al 70’, infatti, Serpicelli in contropiede segna lo 0-2, anche se la Real Cameranese ha lamentato un colpo di mano del compagno che gli ha passato il pallone. A 7 minuti dalla fine la squadra di Pantalone accorcia con la rete di Defendi, su assist di Cola. Il pareggio sarebbe pure arrivato, in pieno recupero, con il colpo di testa di Baldini sugli sviluppi di una punizione di Casaccia: per l’arbitro Skura di Jesi, però, il giocatore ospite partiva da una posizione di fuorigioco.

“Torna finalmente alla vittoria il MonSerra – spiega la società di casa -. Buona prestazione dei ragazzi di mister Moretti. Testa ora a sabato prossimo quando andremo alla ricerca di punti in casa del Sassoferrato Genga”. “Una Real Cameranese non brillantissima – commenta, invece, il club rossonero – esce sconfitta dal campo del Monserra 2-1, ma quanta amarezza. Il più classico degli scontri salvezza non regala grandi occasioni, ne viene fuori una gara maschia ma molto corretta. Una gara, purtroppo, viziata da un paio di errori arbitrali decisivi. Peccato, perché un punto avrebbe fatto comodissimo. Ma sangue freddo e testa alta, il destino è nelle nostre mani. Sperando di essere ‘più fortunati’ in determinati episodi, testa alla prossima!”.

Montemarciano 0-0 Sassoferrato Genga

Finisce a reti bianche il big match tra Montemarciano e Sassoferrato Genga, così le due squadre che si allontanano dai rispettivi obiettivi. I sentinati di Franceschelli scivolano a -7 dalla vetta, venendo agguantati dal Borgo Minonna, mentre i ragazzi di Caccia restano a -5 dal quinto posto con tre squadre davanti.

La partita

E’ stata una sfida equilibrata, con occasione da ambo le parti. Al 2’ Silvestrini, su passaggio di Gorini, prova il tiro ma non centra la porta. Passano 5 minuti e Giancamilli spedisce a lato il pallone in area su assist di Tunnera dalla destra. La prima occasione sentinate arriva al 9’, quando Carletti Orsini colpisce di testa sugli sviluppi di un calcio di punizione, pallone fuori.

Una bella combinazione sull’asse Gemini-Giancamilli propizia il cross verso Clementi, il quale calcia al volo, trovando i guantoni di Buriani a terra. Il portiere ospite poi respinge con i pugni su un pericoloso tiro-cross di Clementi. Al 38’, il Sassoferrato Genga è vicino al gol: Fabrizzi smanaccia un calcio di punizione, sulla respinta Bonci da posizione defilata calcia a porta vuota ma non trova lo specchio. Il primo tempo finisce 0-0.

Nella ripresa la squadra di Franceschelli crea di più rispetto ai locali, grazie ad un pressing efficace sulla difesa del Montemarciano. Al 54’ Arcangeli di testa da calcio d’angolo impegna Fabrizzi; sul ribaltamento di fronte Buriani anticipa di testa un attaccante, Gorini da metà campo prova il tiro al volo, però la sfera finisce fuori. Ricci non trova il gol in due occasioni: prima colpisce un palo di testa su assist di Cossa da punizione, poi non sorprende Fabrizzi su un’altra incornata. L’assedio finale del Sassoferrato Genga viene controllato dalla retroguardia locale, così la partita finisce 0-0, anche se gli ospiti lamentano un calcio di rigore non concesso per fallo su Passeri.

I commenti

Monte e Sassogenga – scrive la squadra di casa – si dividono la posta in una partita dove entrambe le squadre hanno cercato la vittoria, senza però trovare lo spunto vincente. Il pari è il risultato giusto per quanto si è visto in campo”. “La sfida – risponde il Sassoferrato Genga – è terminata a reti bianche, ma avremmo meritato i tre punti per quanto creato nel secondo tempo: per questo motivo siamo rammaricati”.

Sampaolese 1-5 Borgo Minonna – 10’ Braconi (B), 24’ Marchegiani Y. (B), 30’ Bresciani su rigore (B), 36’ Apolloni (S), 42’ Marchegiani Y. (B), 55’ Morbidelli (B)

Dopo la Castelfrettese, il Borgo Minonna è la seconda squadra più in forma del campionato. I ragazzi di Luchetta escono dal campo della Sampaolese con una goleada: l’1-5 rifilato alla squadra di Togni vale la quarta vittoria consecutiva con cui i rossoblù hanno agganciato al terzo posto il Sassoferrato Genga.

Mister Cristiano Luchetta e il presidente del Borgo Minonna Centanni

Gli jesini sono passati in vantaggio dopo 10 minuti. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Braconi svetta e di testa realizza l’1-0. Quasi un quarto d’ora dopo, sempre grazie ad un corner, Sassaroli prolunga di testa sul secondo palo verso Yuri Marchegiani, che trova la zampata vincente da due passi per il 2-0. Il tris è arrivato alla mezz’ora esatta, quando Barbaresi conquista un calcio di rigore e Bresciani lo realizza.

La Sampaolese accorcia al 36’: Apolloni sfrutta una disattenzione difensiva del Borgo Minonna e si invola in rete. Prima della fine del primo tempo, però, c’è il quarto gol ospite: Ferrante vede il taglio di Yuri Marchegiani, che solo davanti al portiere fa 1-4. I locali sono tramortiti e nel secondo tempo i rossoblù attaccano per trovare il 5° gol, arrivato al 55’ grazie a Morbidelli, sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

Il commento

Non si ferma più il Borgo – racconta la società di Minonna -, quarta vittoria consecutiva e ancora grande prestazione dei ragazzi di mister Luchetta. È stato un successo davvero importante e di spessore, che rappresenta lo stato di forma e di animo della squadra. Testa ora a sabato, dove al Petraccini arriverà il Montemarciano, squadra molto difficile da affrontare”.

Girone C – Appignanese 0-1 Elpidiense Cascinare – 5’ Castellano

L’Appignanese viene battuta con il minimo scarto in casa dall’Elpidiense Cascinare e dice addio, con ogni probabilità, al sogno promozione diretta. Alla capolista, infatti, è bastata la rete del capocannoniere Castellano di testa dopo 5 minuti per vincere la partita.

A 6 giornate dalla fine, la squadra di Cicarè scivola a -12 dalla vetta. Anche il Camerino ha vinto, così anche il secondo posto si allontana di 6 punti, mentre la Settempeda quarta è risalita a -2. Sul campo del Cska Corridonia ultimo, dunque, l’Appignanese deve assolutamente difendere il terzo posto, per cercare di rimanere attaccata quanto meno alla seconda piazza.

Cingolana SF 1-1 Urbis Salvia – 65’ Michele S. (C), 72’ Curzi su rigore (U) – leggi l’articolo

I pronostici di mister Carletti

Castelbellino-Colle 2006 – pronostico 1 – risultato X

Castelfrettese-Staffolo – pronostico 1 – risultato 1

Castelleonese-Chiaravalle – pronostico X – risultato 2

Labor-Filottranese – pronostico 2 – risultato X

Loreto-Villa Musone – pronostico 2 – risultato 2

MonSerra-Real Cameranese – pronostico 1 – risultato 1

Montemarciano-Sassoferrato Genga – pronostico 1 – risultato X

Sampaolese-Borgo Minonna – pronostico 2 – risultato 2

Girone C – Appignanese-Elpidiense Cascinare – pronostico 1 – risultato 2

Girone C – Cingolana SF-Urbis Salvia – pronostico 1 – risultato X

Totale di giornata: 4/10 – Totale complessivo provvisorio: 96/173

Classifiche e Marcatori

Prima Categoria – girone B

CLASSIFICA – Castelfrettese 51, Filottranese 50, Sassoferrato Genga 44, Borgo Minonna 44, Castelbellino 37*,Chiaravalle 37, Staffolo 34, Montemarciano 32, Real Cameranese 29, Sampaolese 29, Labor 29, MonSerra 29, Castelleonese 27*, Villa Musone 25,Colle 2006 11, Loreto 9

MARCATORI – 21 gol: Maccioni (Filottranese); 12 gol: Beta (Castelfrettese); 11 gol: Brega (MonSerra), Carboni (Sassoferrato Genga), Passeri (Sassoferrato Genga); 10 gol: Bassotti (Labor) e Ricci (Sassoferrato Genga); 9 gol: Parasecoli (Castelfrettese); 8 gol: Masucci (Filottranese), Grassi (Filottranese), Massei (Staffolo) e Defendi (Real Cameranese); 7 gol: Rocchi (Castelfrettese), Vincioni (Labor), Onuorah (Castelbellino), Corinaldesi (Castelbellino), Ferrante (Borgo Minonna), May (Borgo Minonna), Pigliacampo (Loreto), Ventresini (Villa Musone) e Bresciani (Borgo Minonna); 6 gol: Cola (Real Cameranese), Marchionne (Real Cameranese), Ledesma (Castelbellino), Giudici (Castelleonese), Piermattei E. (Sassoferrato Genga), Rocchetti D. (Chiaravalle), Sassaroli (Staffolo), Gorini (Montemarciano) e Mazzarini T. (Castelfrettese)

Prima Categoria – girone C

CLASSIFICA – Elpidiense Cascinare 59, Camerino 53, Appignanese 47, Settempeda 45, Folgore Castelraimondo 37, PortoRecanati 37, Vigor Montecosaro 34, Caldarola 31, Montemilone Pollenza 31, Elfa Tolentino 29, Urbis Salvia 27Esanatoglia 24, Cingolana SF 23, Montecosaro 21, Sarnano 15, Cska Corridonia 13

MARCATORI15 gol: Castellano (Elpidiense Cascinare); 14 gol: Storani (Elfa Tolentino); 12 gol: Capenti (Settempeda); 10 gol: Tarquini (Appignanese), Buresta (Caldarola) e Bisbocci (Folgore Castelraimondo); 8 gol: Montecchia (Camerino), Mannucci (Appignanese), Duca (Camerino), Pietrella (Urbis Salvia) e Tulli (Vigor Montecosaro).

Marcatori Cingolana SF – 4 gol: Agosto; 3 gol: Zitti e Michele S.; 1 gol: Ciattaglia, Ippoliti, Mossotti, Tomassoni, Bufarini, Fratoni, Santini, Marchegiani, Tittarelli.

Foto di copertina di Riccardo Rocchetti

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima e Seconda Categoria, i pronostici, il programma e gli arbitri della 24^ giornata

Nel girone B di Prima Categoria ci sono i big match Castelfrettese-Staffolo e Montemarciano-Sassoferrato Genga, nel C Appignanese-Elpidiense Cascinare; in Seconda, la classica Avis Arcevia-Le Torri Castelplanio

VALLESINA, 17 marzo 2023 – Siamo alle porte di un’altra grande giornata di calcio in Prima e Seconda Categoria marchigiana. Nelle gare della 24^ giornata di campionato, in programma domani venerdì 17 marzo, ci sono delle sfide da non perdere che vedono protagoniste le squadre della Vallesina e dintorni. Scopriamole insieme con il commento di mister Cesare Carletti, allenatore della Cameratese: come al solito, oltre ai pronostici, troverete il programma completo, gli arbitri e le classifiche aggiornate alla 23^ giornata per ogni girone.

I pronostici di mister Carletti

Prima Categoria

Girone B – Castelbellino-Colle 2006 1

E’ una partita senza storia: 1 fisso, i ragazzi di Ricci conquisteranno i tre punti e consolideranno il posto nei play-off”. Il Castelbellino è quinto in classifica con 36 punti e una partita da recuperare, mentre il Colle 2006è 15° a quota 10. Nel match di andata, gli orange avevano vinto 2-3 a Collemarino.

Massimo Pasquini (allenatore Staffolo)

Castelfrettese-Staffolo 1

“Il big match della settimana scorsa ha fatto il suo e adesso la Castelfrettese vuole rimanere agganciata alla Filottranese. Non può fare passi falsi e credo che vincerà facilmente in casa con lo Staffolo”. I “Frogs” di Bugari sono secondi a quota 45, gli staffolani di Pasquini, invece, sono sesti a 34 punti. La gara di andata è terminata 2-2.

Castelleonese-Chiaravalle X

“La Castelleonese vuole fare risultato, per non rimanere invischiatissimo nelle sabbie mobili. Allo stesso tempo anche il Chiaravalle potrebbe esserne risucchiato e non può perdere. Per questo credo che ci possa stare un pareggio: il punto serve ad entrambe le squadre, anche se ai locali ne farebbero comodo tre, ma dico comunque X”. I ragazzi di Gasparoni sono al 12° posto con 27 punti: al momento non disputerebbero i play-out per via dei 17 punti di distanza dalla penultima posizione. La formazione di Onorato, invece, è sesta a quota 34, a -2 dai play-off. Anche in questo caso, all’andata il match si concluse sul 2-2.

Labor-Filottranese 2

“È stato inaspettato cambio di panchina a Santa Maria Nuova: non so cosa possa essere successo in casa Labor. Il debutto del mio carissimo amico Pesarini (a cui ho fatto gli auguri telefonicamente per questa avventura) sarà molto complicato, contro la Filottranese capolista. Metto 2 sulla schedina”. I laborini sono all’11° posto con 28 punti, mentre la formazione di Malavenda guida la classifica a 49. Al “San Giobbe” la Filottranese vinse 3-1.

Gianmarco Malavenda, allenatore della Filottranese

Loreto-Villa Musone 2 

“Anche in questo caso non so cosa è successo a Loreto. La squadra è ormai retrocessa, non so se ci sono state altre problematiche per cambiare guida tecnica. Il Villa Musone ne deve approfittare assolutamente, perché farebbe un bel balzo in avanti per uscire dalle zone pericolose. Dico 2”. I loretani del nuovo tecnico Bernabei sono sedicesimi e ultimi in classifica con 9 punti, preceduti al 14° posto dai “Villains” di Monaldi. Il derby di andata si era concluso con la vittoria dei gialloneri per 2-0.

MonSerra-Real Cameranese 1

“Il MonSerra è la terza squadra che ha cambiato allenatore, facendo rimanere Pietrelli alla guida del settore giovanile. E’ arrivato Gionata Moretti, un ragazzo che conosco bene. Si prenderà una bella patata bollente e deve assolutamente vincere contro la Real Cameranese. Il mio 1 è di buon auspicio verso una squadra della Vallesina”. I biancorossi di Montecarotto e Serra dei Conti sono al 13° posto con 26 punti, tre in meno della squadra di Pantalone. A Camerano vinse il MonSerra per 0-2.

Montemarciano-Sassoferrato Genga 1

“Non me ne voglia il mio amico Franceschelli, ma sto vedendo un Sassoferrato Genga ridotto ai minimi termini, che vince con fatica da qualche partita a questa parte. Il Montemarciano è rilanciatissimo in questo girone di ritorno, proprio come la scorsa stagione: rischia di agguantare i play-off, quindi dico 1 fisso”. I biancazzurri di Caccia sono ottavi a 31 punti, mentre i sentinati sono terzi a 43. A Sassoferrato i locali vinsero 3-0.

Cristiano Luchetta (mister Borgo Minonna)

Sampaolese-Borgo Minonna 2

“La Sampaolese ha preso una boccata d’ossigeno a Chiaravalle, ma contro il Borgo Minonna sarà difficile vincere. La squadra di Luchetta vuole agganciare il terzo posto, l’ambiente è carico e va a mille: per me è 2”. I ragazzi di Togni sono decimi con 29 punti; i rossoblù, invece, sono quarti a quota 41. Al “Petraccini” finì in parità per 2-2.

Girone C – Appignanese-Elpidense Cascinare 1

“Resto coerente e continuo a credere l’Appignanese. Questa sfida è l’ultima chiamata per cercare quanto meno di restare in lotta per la seconda posizione. Mi sbilancio verso l’1”. La squadra di Cicarè è terza nel girone C di Prima Categoria con 47 punti, preceduta a 56 proprio dall’Elpidiense Cascinare capolista. Il match di andata era terminato per 3-1 in favore dei rossoblù.

Cingolana SF-Urbis Salvia 1

“Era quasi improponibile sperare in una vittoria della Cingolana SF a Cascinare, anche se ho saputo che ha proposto un buon calcio. In questa partita contro l’Urbis Salvia i ragazzi di Canonici si aggiudicheranno sicuramente i tre punti e torneranno a vedere la zona salvezza diretta. Dico 1”. I biancorossi sono tredicesimi a quota 22, mentre gli urbisalviensi sono all’undicesimo posto a 26 punti. A Urbisaglia ci fu uno 0-0.

Seconda Categoria: Olimpia Ostra Vetere-Serrana 1, Avis Arcevia-Le Torri Castelplanio X

Olimpia Ostra Vetere-Serrana è un bel match, ma dico 1 fisso, perché i padroni di casa non si faranno sfuggire la grande occasione di agguantare il primo posto, vista la battuta d’arresto del Borghetto sabato a Monsano. L’Olimpia è a 3 punti dalla vetta e ormai ha preso le misure del campionato. Anche Avis Arcevia-Le Torri Castelplanio è una bella partita. I locali non perdono da 17 giornate: ci può stare il pari, perché le due formazioni si equivalgono e sperano ancora di agguantare i play-off poco distanti”.

Programma, arbitri e classifiche

Prima Categoria

24^ giornata

Girone B – sabato 18 marzo ore 15.00

Castelbellino-Colle 2006 – Gismondi di Macerata

Castelfrettese-Staffolo – Pignotti di San Benedetto del Tronto

Castelleonese-Chiaravalle – Persichini di Macerata

Labor-Filottranese – Motzo di Pesaro

Loreto-Villa Musone – Rossetti di Ancona

MonSerra-Real Cameranese – Skura di Jesi

Montemarciano-Sassoferrato Genga – Bartomioli di Pesaro

Sampaolese-Borgo Minonna – Bardi di Macerata

CLASSIFICAFilottranese 49, Castelfrettese 48, Sassoferrato Genga 43, Borgo Minonna 41, Castelbellino 36*, Chiaravalle 34, Staffolo 34, Montemarciano 31, Real Cameranese 29, Sampaolese 29, Labor 28, Castelleonese 27*, MonSerra 26, Villa Musone 22, Colle 2006 10, Loreto 9

Girone C – sabato 18 marzo ore 15.00

Appignanese-Elpidiense Cascinare – Gasparoni di Jesi

Cingolana SF-Urbis Salvia – Domizi di Macerata

Caldarola-CSKA Corridonia  – Diouane di Fermo

Montecosaro-Vigor Montecosaro – Fiermonte di Macerata

PortoRecanati-Esanatoglia – De Florio di Pesaro

Sarnano-Camerino – Ferretti di Ascoli Piceno

Settempeda-Folgore Castelraimondo – Raiola di Pesaro

Montemilone Pollenza-Elfa Tolentino – Di Rago di Macerata – domenica 19 marzo ore 15.00

CLASSIFICA – Elpidiense Cascinare 56, Camerino 50, Appignanese 47, Settempeda 41,Folgore Castelraimondo 37, PortoRecanati 34, Vigor Montecosaro 31, Elfa Tolentino 29, Caldarola 28, Montemilone Pollenza 28, Urbis Salvia 26Esanatoglia 24, Cingolana SF 22, Montecosaro 21, Sarnano 15, Cska Corridonia 13

Seconda Categoria

24^ giornata

Girone B – sabato 18 marzo ore 15.00

Atletico River Urbinelli-Senigallia Calcio – Taddei di Jesi

Real Gimarra-Trecastelli – Di Bella di Pesaro

Le altre: Arzilla-Monte Porzio, Muraglia-Torre San Marco, Cuccurano-Villa Ceccolini, Della Rovere-Csi Delfino Fano, Marottese-Pontesasso, Usav Pisaurum-Hellas Pesaro

CLASSIFICA – Usav Pisaurum 51, Senigallia Calcio 49, Cuccurano 46, Villa Ceccolini 41, Pontesasso 39, Della Rovere 38, Muraglia 36, Arzilla 34, Monte Porzio 33, Real Gimarra 29, Hellas Pesaro 27, Csi Delfino Fano 25, Marottese Arcobaleno 21, Atletico River Urbinelli 19, Trecastelli 9, Torre San Marco 6 (1 punto di penalizzazione)

Girone C – sabato 18 marzo ore 15.00

Aurora Jesi-Misa Calcio – Carriero di Jesi – ore 14.30

Borghetto-Corinaldo – Simonetti di Ancona – ore 14.45

Argignano-Maiolati United – Aquilanti di Jesi

Avis Arcevia-Le Torri Castelplanio – Pace di Ancona

Terre del Lacrima-Monsano – Campoli di Ancona

Valle del Giano-Cupramontana – Micheli di Jesi

Victoria Strada-Fabiani Matelica – Sacco di Macerata

Olimpia Ostra Vetere-Serrana – Gorreja di Ancona – ore 15.15

CLASSIFICABorghetto 49Olimpia Ostra Vetere 46, Argignano 42, Misa 41, Cupramontana 37, Serrana 35, Avis Arcevia 35, Victoria Strada 33, Le Torri Castelplanio 33, Corinaldo 32, Aurora Jesi 31, Monsano 30, Terre del Lacrima 19, Valle Del Giano 16, Fabiani Matelica 16, Maiolati United 7

Girone D – sabato 18 marzo ore 15.00

Pietralacroce-Olimpia Juventu Falconara – Massei di Macerata – ore 14.30

Cameratese-Candia Baraccola Aspio – Giustozzi di Macerata

Falconarese-Osimo Five – Dovesi di Ancona

Calcio Castelfidardo-Leonessa Montoro – Brega di Ancona

Le altre: Agugliano Polverigi-Gls Dorica Ancona, Piano San Lazzaro-Palombina Vecchia, Ankon Dorica-Nuova Sirolese, San Biagio-Osimo 2011

CLASSIFICAPietralacroce 46, Falconarese 45, Nuova Sirolese 42, Agugliano Polverigi 42, San Biagio 41, Candia Baraccola Aspio 38, Osimo 2011 35, Olimpia Juventu Falconara 31, Osimo Five 31, Palombina Vecchia 30, Leonessa Montoro 26, Ankon Dorica 24, Calcio Castelfidardo 22, Piano San Lazzaro 18, Gls Dorica 18, Cameratese 13

Girone F – sabato 18 marzo

Treiese-Mancini Ruggero Pioraco – Nicoletti di Macerata – ore 14.30

Borgo Mogliano-Amatori Appignano – Fontinovi di Fermo – ore 15.00

Le altre: Palombese-Belfortese, Juventus Club Tolentino, Vis Gualdo, Pennese-Pievebovigliana, Ripe San Ginesio-Vigor Macerata, San Marco Petriolo-Atletico Macerata, Sefrense-San Claudio

CLASSIFICASan Claudio 59, Vigor Macerata 52, Borgo Mogliano Madal 47, San Marco Petriolo 40, Juventus Club Tolentino 40, Atletico Macerata 36, Belfortese 34, Mancini Ruggero Pioraco 29, Pievebovigliana 26, Treiese 26, Ripe San Ginesio 25, Vis Gualdo 22, Pennese 21, Amatori Appignano 18, Sefrense 17, Palombese 11

Giacomo Grasselli 

© riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, il racconto della 23^ giornata dei gironi B e C

Il Borgo Minonna rimonta la Real Cameranese e si conferma quarta forza del campionato, si rilanciano Sampaolese e Villa Musone; pareggia l’Appignanese, un altro ko per la Cingolana SF

VALLESINA, 16 marzo 2023 – La 23^ giornata dei gironi B e C di Prima Categoria non è stata solo Filottranese-Castelfrettese. Nelle altre gare che si sono giocate sabato 11 marzo, infatti, ci sono tanti episodi meritevoli di attenzione.

Innanzitutto, questo fine settimana ha visto ben tre esoneri nel girone B, come vi abbiamo raccontato negli scorsi giorni: sono stati sollevati dai rispettivi incarichi Tizzoni (Labor), Pietrelli (MonSerra) e Poggi (Loreto). Il merito va alle squadre vincenti contro queste formazioni, ovvero Sassoferrato Genga (tornata a -6 dalla vetta), Villa Musone e Colle 2006. Senza dimenticare l‘exploit della Sampaolese a Chiaravalle: la squadra di Togni ha violato l’imbattibilità stagionale dei grigioneri al Campo dei Pini.

Nel girone C, infine, l’Appignanese viene raggiunta sul pari dal Camerino e vede allontanarsi a 9 punti la capolista Elpidiense Cascinare, che ha battuto la Cingolana SF per 2-0 in casa: i biancorossi restano invischiati in zona play-out. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa è successo in questa 23^ giornata.

Girone B – Borgo Minonna 3-2 Real Cameranese – 15’ Defendi (R), 52’ May (B), 55’ Defendi (R), 60’ Ferrante (B),0’ Bresciani (B)

Il Borgo Minonna rimonta la Real Cameranese e si conferma quarta forza del campionato. La squadra di Luchetta vince 3-2 al Petraccini contro i ragazzi di Pantalone, ottenendo la terza vittoria consecutiva e il nono risultato utile in fila.

La partita

I rossoneri passano in vantaggio dopo 7 minuti, grazie alla zampata di Defendi, sfiorando il raddoppio poco dopo. I rossoblù non riescono ad impensierire gli ospiti, così il primo tempo termina 0-1.

Nella ripresa, gli jesini entrano in campo con un piglio diverso e ribaltano il match per due volte. Al 52’ May segna il pareggio grazie ad un grande conclusione dal limite che si stampa in rete sotto l’incrocio dei pali.

Passano quattro minuti e la Real Cameranese torna in vantaggio: Defendi sfrutta una disattenzione della difesa avversaria e fredda Morresi in contropiede, per l’1-2.

Altri 4 minuti ed ecco il nuovo pareggio. Una palla vagante in area ospite viene capitalizzata da Ferrante, che realizza il 2-2 battendo un’incolpevole Fatone. Al 90’, l’episodio decisivo: Yuri Marchegiani è atterrato in area di rigore e per l’arbitro è calcio da rigore. Bresciani non sbaglia e regala i tre punti al Borgo Minonna.

Ferrante (Borgo Minonna)

I commenti post-gara

E’ una vittoria importantissima – commentano i rossoblù – per continuare il nostro cammino e confermarci tra le prime 4. I ragazzi di mister Luchetta hanno disputato una partita di carattere e cuore, dimostrazione chiara di quanto sia affiatato questo fantastico gruppo”.

Non basta una prova generosissima dei rossoneri – commentano da Camerano – che vengono rimontati due volte dai padroni di casa. Capitan Casaccia e compagni tornano a casa a mani vuote, ma sicuramente a testa alta. Non era così scontato giocarsela alla pari e meritare un risultato positivo in un campo così ostico, contro un organico che ha quasi blindato un piazzamento playoff. Nessun dramma, ci siamo e lo stiamo dimostrando. Il percorso è ancora lungo e il destino nelle nostre mani!”. La Real Cameranese resta nona con 29 punti, a pari merito con la Sampaolese, a +3 dai play-out.

Chiaravalle 0-1 Sampaolese – 50’ Calvanese

Proprio la Sampaolese espugna di corto muso il Campo dei Pini di Chiaravalle, prima squadra a riuscire nell’impresa di vincere sul campo dei grigioneri nel 2022-2023. I ragazzi di Togni tornano a vincere dopo due sconfitte e si portano momentaneamente fuori dalla zona play-out, mentre la squadra di Onorato, alla seconda sconfitta di fila dopo il ko di Loreto, resta in orbita play-off ma viene raggiunta dallo Staffolo al sesto posto.

Il gol decisivo è arrivato al 50’: Apolloni si libera di un avversario con una bella giocata e serve in area Calvanese, il quale tutto solo di testa realizza lo 0-1. I biancorossi sfiorano poi il raddoppio con le occasioni di Apolloni, Bediako e Troilo, riuscendo comunque a difendere la vittoria su un campo dove la capolista Filottranese non è riuscita a vincere.

Cade l’imbattibilità interna – spiegano da Chiaravalle – dei grigioneri, che non riescono a reagire al gol subito in avvio di ripesa. E’ un difficile, da superare al più presto, per non buttare quanto di buono fatto fino ad ora”.

Porta a casa l’intera posta in palio la Sampaolese – questo il commento della squadra ospite -, dalla difficile trasferta di Chiaravalle, e lo fa con un’ottima prestazione generale e 96’ di gran concentrazione e abnegazione, meritando i 3 punti, dopo alcune giornate di buone prestazioni in cui però sono arrivate solo sconfitte. La formazione di mister Togni sta esprimendo un buon calcio e una buona intensità. Da segnalare il ritorno in campo di Rodolfo Pellegrini, che torna a calcare i campi di calcio dopo un purgatorio di 10 mesi”.

Sassoferrato Genga 2-1 Labor – 18’ Bassotti (L), 31’ Ricci (S), 89’ Cossa (S)

Continua a sperare il Sassoferrato Genga, che riesce a ribaltare in extremis la sfida contro la Labor. I ragazzi di Franceschelli, infatti, hanno vinto 2-1 e tornano a -6 dalla vetta. Per gli arancioneri, risucchiati in zona play-out, è finita in casa dei sentinati l’era Tizzoni: da sabato in panchina ci sarà Pesarini.

La partita

I biancoblù partono meglio e sfiorano il vantaggio: prima Ricci sfiora il palo alla destra di Boria, poi Buriani ci prova direttamente da calcio di rinvio, impegnando il portiere ospite con un provvidenziale intervento all’ultimo momento.

Gli ospiti trovano il gol alla prima occasione: Buriani salva una conclusione laborina in contropiede, ma sulla respinta Bassotti anticipa i difensori locali e segna lo 0-1 al 18’. Il pareggio arriva dopo 12 minuti, quando Chiocchiolini lancia in profondità Ricci, il quale supera un difensore in velocità e supera Boria con un preciso diagonale. Il primo tempo finisce 1-1.

Alessandro Cossa (Sassoferrato Genga)

Nella ripresa le due squadre continuano a fronteggiarsi a viso aperto, con i sentinati a manovrare il gioco e la Labor a difendere ordinatamente. Al 75’ Carletti Orsini sfiora il gol con un colpo di testa alto sopra la traversa. Il SassoGenga crede di più nella vittoria e la conquista al minuto numero 89: sugli sviluppi di una mischi in area, Cossa arpiona il pallone e con un pallonetto supera Boria, facendo impazzire di gioia il pubblico di Sassoferrato. Sul finale, il laborino Barbaresi viene espulso per fallo di reazione.

Il commento

Il Sassoferrato Genga – spiega la società locale – riesce a domare sul filo di lana un’intraprendente Labor, al termine di una partita giocata a buoni ritmi. La sfida è stata condizionata anche da un fastidioso vento”.

Staffolo 1-1 Montemarciano – 10’ Gorini (M), 54’ Sassaroli (S) – leggi l’articolo

Villa Musone 4-0 MonSerra – 43’ Ventresini, 71’ Monteverde, 76’ Ventresini, 87’ Manzotti

Il Villa Musone trova la prima vittoria dell’era Monaldi e si rimette in corsa per la salvezza diretta, costringendo il MonSerra al cambio di allenatore. I “villains”, infatti, hanno battuto 4-0 i biancorossi e si sono portati a -4 proprio dalla formazione espressione di Montecarotto e Serra dei Conti, che ha incaricato Gionata Moretti come nuovo tecnico, con Simone Pietrelli rimasto in società ma sollevato dall’incarico.

La partita

Dopo un’iniziale occasione sull’asse Manzotti-Ventresini e alcune incursioni ospiti che non impensieriscono Cingolani, al 25’ Marzotti sfiora il palo con una conclusione precisa, mentre poco dopo Monteverde non centra lo specchio da lontano. Pigliapoco è attento sul tiro di Ventresini su assist di De Martino, poi Manzotti sbaglia il tap-in vincente da buona posizione.

Il vantaggio arriva a due minuti dalla fine del primo tempo: Ventresini trova il gol olimpico direttamente da calcio d’angolo, con la parabola del pallone che supera i giocatori in area in mischia. Il primo tempo finisce 1-0.

Nella ripresa, i locali dilagano. Al 63’ De Martino aspetta Pigliapoco che esce in anticipo e lo sorprendere facendogli passare la palla sotto le gambe, ma un difensore salva sulla linea. Subito dopo, la zampata di Monteverde in mischia vale il 2-0. Il tris è firmato Ventresini: siamo al 74’ quando con un’azione personale arriva in area, supera Pigliapoco con una finta e deposita in rete.

Il poker definitivo arriva a tre minuti dalla fine: Manzotti dopo un corner trova la deviazione vincente che vale il 4-0. In pieno recupero, Cingolani mantiene la porta inviolata con una grande parata un contropiede ospite.

I commenti

La posta in palio era elevatissima – spiega l’allenatore del Villa Musone, Luca Monaldi -. Questa partita, per noi, era determinante. Siamo riusciti a trovare delle buone giocate, una buona intensità e siamo riusciti a liberarci della pressione iniziale. La vittoria è un segnale importante. La squadra ha contenuto e valore per giocarsela ogni domenica e raggiungere l’obiettivo finale”.

Ennesima sconfitta per il MonSerra – laconico il commento degli ospiti – che viene travolto per 4-0 dal Villa Musone”. I biancorossi, alla terza sconfitta di fila, sono tredicesimi a 26 punti, a -1 dalla Castelleonese e a +4 dal Villa Musone. 

Colle 2006 2-1 Loreto – 20’ Jammeh (C), 55’ Pigliacampo (L), 65’ Mondaini (C)

Il Colle 2006 si conferma bestia nera del Loreto. I dorici, infatti, hanno battuto 2-1 i loretani, cogliendo la seconda vittoria stagionale dopo il successo dell’andata. La squadra di Collemarino rispedisce all’ultimo posto i biancazzurri, che hanno cambiato il terzo allenatore in questa stagione: Poggi, infatti, è stato esonerato ed al suo posto è arrivato Bernabei.

Il primo tempo era terminato 1-0, grazie alla rete di Jammeh al 20’. Nella ripresa, Pigliacampo ha ristabilito il pari al 55’, ma dopo 10 minuti Mondaini ha trovato la zampata del definitivo 2-1.

Il Colle 2006 torna penultimo con 10 punti, il Loreto scivola all’ultima casella a quota 9. In questo momento le due compagini sarebbero entrambe retrocesse: la squadra penultima dovrebbe recuperare 8 punti per disputare i play-out, dati i 17 punti di svantaggio dalla Castelleonese.

Filottranese 0-1 Castelfrettese – 37’ Mazzarini – leggi l’articolo

Castelbellino-Castelleonese – rinviata al 22 marzo 

Girone C – Camerino 1-1 Appignanese – 70’ Tarquini su rigore (A), 89’ Cottini (C)

L’Appignanese stava assaporando la vittoria ma è stata raggiunta in extremis dal Camerino, scivolando a 9 punti dalla vetta alla vigilia dello scontro diretto contro l’Elpidiense Cascinare. La squadra di Cicarè, infatti, ha pareggiato 1-1 contro i camerti secondi.

Dopo il vantaggio ospite firmato Tarquini al 70’ su calcio di rigore, ci pensa Cottini ad agguantare il pari, che permette alla squadra biancorossa di mantenere 3 punti di vantaggio proprio sull’Appignanese. La classifica del girone C di Prima Categoria ora dice: Elpidiense Cascinare 56, Camerino 50, Appignanese 47. La sfida di sabato ad Appignano tra la prima e la terza della classe assomiglia all’ultima spiaggia per i ragazzi di Cicarè, che altrimenti dovranno accontentarsi del piazzamento play-off.

Elpidiense Cascinare 2-0 Cingolana SF – 32’ Amadio, 75’ Doci

La Cingolana SF, infine, non è riuscita a compiere l’impresa sul campo della capolista. L’esordio in panchina di David Canonici, infatti, non è stato particolarmente fortunato, data la vittoria dell’Elpidiense Cascinare per 2-0. I biancorossi di Cingoli, però, hanno tenuto bene il campo e non hanno sfigurato contro la corazzata del girone C.

David Canonici, il nuovo allenatore della Cingolana SF

Dopo mezz’ora a reti bianche, i padroni di casa passano in vantaggio al 32′ con Amadio. Gli ospiti hanno provato ad imbastire alcune ottime trame di gioco, senza però trovare la via della porta. Dopo un contrasto al limite del regolamento in area di rigore dell’Elpidiense Cascinare su un attaccante cingolano, al 75′ Doci trova il gol del 2-0. Sul finale, Zitti sciupa l’occasione per accorciare tutto solo in area di rigore.

Si tratta della seconda partita persa di fila per la Cingolana SF, che non vince dal 15 febbraio, ovvero dal recupero contro il Caldarola: da allora sono arrivati 2 pareggi e 2 sconfitte. La salvezza diretta ora dista 4 punti, con Tomassoni e compagni scivolati al tredicesimo posto, dietro anche all’Esanatoglia.

I pronostici di mister Carletti

Borgo Minonna-Real Cameranese – pronostico 1 – risultato 1

Castelbellino-Castelleonese – pronostico 1 – rinviata al 22 marzo

Chiaravalle-Sampaolese – pronostico 1 – risultato 2

Colle 2006-Loreto – pronostico 2 – risultato 1

Sassoferrato Genga-Labor – pronostico 1 – risultato 1

Staffolo-Montemarciano – pronostico X – risultato X

Villa Musone-MonSerra – pronostico 1 – risultato 1

Girone C – Camerino-Appignanese – pronostico 2 – risultato X

Girone C – Elpidiense Cascinare-Cingolana – pronostico 2 – risultato 2

Totale provvisorio di giornata: 5/9 – Totale complessivo: 92/163

Classifiche e Marcatori

Prima Categoria – girone B

CLASSIFICA – Filottranese 49, Castelfrettese 48, Sassoferrato Genga 43, Borgo Minonna 41, Castelbellino 36*, Chiaravalle 34, Staffolo 34, Montemarciano 31, Real Cameranese 29, Sampaolese 29, Labor 28, Castelleonese 27*, MonSerra 26, Villa Musone 22, Colle 2006 10, Loreto 9

MARCATORI – 20 gol: Maccioni (Filottranese); 11 gol: Brega (MonSerra), Beta (Castelfrettese), Carboni (Sassoferrato Genga) e Passeri (Sassoferrato Genga); 10 gol: Bassotti (Labor) e Ricci (Sassoferrato Genga); 9 gol: Parasecoli (Castelfrettese); 8 gol: Massucci (Filottranese), Grassi (Filottranese) e Massei (Staffolo); 7 gol: Rocchi (Castelfrettese), Vincioni (Labor), Onuorah (Castelbellino), Corinaldesi (Castelbellino), Ferrante (Borgo Minonna), May (Borgo Minonna), Pigliacampo (Loreto), Defendi (Real Cameranese), Ventresini (Villa Musone); 6 gol: Cola (Real Cameranese), Marchionne (Real Cameranese), Ledesma (Castelbellino), Giudici (Castelleonese), Piermattei E. (Sassoferrato Genga), Rocchetti D. (Chiaravalle), Bresciani (Borgo Minonna), Sassaroli (Staffolo) e Gorini (Montemarciano).

Prima Categoria – girone C

CLASSIFICA – Elpidiense Cascinare 56, Camerino 50, Appignanese 47, Settempeda 41,Folgore Castelraimondo 37, PortoRecanati 34, Vigor Montecosaro 31, Elfa Tolentino 29, Caldarola 28, Montemilone Pollenza 28, Urbis Salvia 26Esanatoglia 24, Cingolana SF 22, Montecosaro 21, Sarnano 15, Cska Corridonia 13*

MARCATORI – 14 gol: Storani (Elfa Tolentino) e Castellano (Elpidiense Cascinare); 10 gol: Capenti (Settempeda), Tarquini (Appignanese) e Bisbocci (Folgore Castelraimondo); 8 gol: Buresta (Caldarola), Mannucci (Appignanese), Duca (Camerino), Pietrella (Urbis Salvia).

Marcatori Cingolana SF – 4 gol: Agosto; 3 gol: Zitti; 2 gol: Michele S.; 1 gol: Ciattaglia, Ippoliti, Mossotti, Tomassoni, Bufarini, Fratoni, Santini, Marchegiani, Tittarelli.

Foto di copertina di Genny Giorgetti

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima e Seconda Categoria, i pronostici, il programma e gli arbitri della 23^ giornata

Nel girone B Il Sassoferrato Genga deve vincere per mantenere la speranza, Staffolo-Montemarciano vale i play-off. Nel C l’Appignanese sfida il Camerino secondo, mentre mister Canonici debutta con la Cingolana in casa della capolista. In Seconda Categoria, c’è il derby Cupramontana-Serrana

VALLESINA, 10 marzo 2023 – La 23^ giornata dei campionati di Prima e Seconda Categoria non è solo Filottranese-Castelfrettese. Nelle gare tra domani sabato 11 e domenica 12 marzo, infatti, ci sono diversi spunti di interesse su cui focalizzare l’attenzione.

I temi della 23^ giornata

Nel girone B di Prima Categoria, oltre alla super sfida di cui abbiamo già parlato ieri, sulla Gola della Rossa passa l’ultimo treno per la Sassoferrato Genga per tentare la rimonta sul primo posto, contro una Labor che vende sempre cara la pelle. Spera di approfittare di uno scivolone dei sentinati il Borgo Minonna, che affronterà proprio quella Real Cameranese vincente contro la banda di Franceschelli. Un’altra sfida da non perdere è il remake della finale play-off della passata stagione tra Staffolo e Montemarciano, tra due delle compagini più in forma del campionato.

Parlando del girone C di Prima Categoria, invece, la Cingolana San Francesco inizia l’era Canonici in casa della capolista Elpidiense Cascinare, che a sua volta spera di ricevere buone notizie da Camerino, dove i camerti saranno attesi dal big match contro l’Appignanese terza in classifica.

In Seconda Categoria, infine, Cupramontana-Serrana può decidere molto in zona play-off, mentre il Borghetto dovrà affrontare l’esame Monsano per capire se può aspirare ad una fuga definitiva.

Come al solito, anche in questa settimana avremo i pronostici di mister Cesare Carletti, allenatore della Cameratese. In fondo all’articolo, inoltre, potrete trovare il programma completo della 23^ giornata, con gli arbitri e le classifiche aggiornate, girone per girone. Prima dell’inizio di ogni partita, sarà osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime del naufragio di migranti a Cutro, in Calabria. 

I pronostici della 23^ giornata

Prima Categoria

Girone B – Borgo Minonna-Real Cameranese 1

“E’ una sfida da 1 fisso, perché il Borgo Minonna se vince in casa potrebbe agguantare la terza posizione: non si farà sfuggire questa occasione. La Real Cameranese troverà difficolta nel campo stretto in erba naturale del ‘Petraccini’ “. I rossoblù di mister Luchetta sono quarti in classifica con 38 punti, mentre i rossoneri di Pantalone sono noni a quota 29. Gli jesini vinsero il match di andata a Camerano per 0-2.

Una partita del Borgo Minonna al Petraccini

Castelbellino-Castelleonese 1

“Anche qui penso sia una partita da 1 fisso. Il Castelbellino in casa penso non lasci scampo alla Castelleonese”. I ragazzi di Ricci sono quinti a 36 punti, con i pesaresi di Gasparoni undicesimi a 27. A Castelleone di Suasa finì 1-1. Il match è stato rinviato a mercoledì 15 marzo alle ore 20.00 a causa di un lutto che ha colpito la dirigenza orange. Di conseguenza, anche la partita di Coppa Marche tra Castelbellino e Cingolana SF, originariamente in programma il 15, è stata rimandata al 22 marzo.

Chiaravalle-Sampaolese 1

“Si può dire che per la Sampaolese questo incontro è uno spareggio, un crocevia importante. Se dovesse perdere anche sul Campo dei Pini del Chiaravalle, i play-out diventerebbero quasi una certezza. Credo, comunque, che i padroni di casa non si lascino scappare questa occasione di vincere: dico 1 fisso”. I Grigioneri di Onorato sono sesti a quota 34; i biancorossi di Togni, invece, stazionano al 12° posto con 26 punti, a pari merito con il MonSerra. La Sampaolese vinse all’andata per 2-0.

Riccardo Onorato, allenatore del Chiaravalle

Colle 2006-Loreto 2

“E’ lo scontro tra le ultime due della classifica. A questo punto il Loreto mi sembra abbia più entusiasmo e voglia di onorare il campionato rispetto al Colle 2006, quindi credo possa vincere a Collemarino: metto 2”. I dorici sono al 16° e ultimo posto con soli 7 punti, preceduti a 9 dai lauretani di Poggi. Sotto la Santa Casa, il Colle 2006 vinse 0-3: è tutt’ora l’unica vittoria stagionale del club.  

Filottranese-Castelfrettese X (leggi qui la presentazione del match)

“E’ la classica partita da tripla. Non è detto che il fattore campo possa dare un vantaggio alla Filottranese, perché la Castelfrettese è abituata a giocare su un manto erboso di grandi dimensioni, credo non possa cambiare più di tanto. Se dovesse vincere la squadra di casa, i giochi per la promozione sarebbero chiusi; con un pareggio resterebbe tutto invariato, mentre una vittoria ospite riaprirebbe la questione. In questo caso, è d’obbligo l’X”. I ragazzi di Malavenda sono al primo posto in classifica con 49 punti, seguti al secondo dai “Frogs” di Bugari a 45. A Castelferretti i padroni di casa vinsero 1-0.

Sassoferrato Genga-Labor 1

“Ultima chiamata per il Sassoferrato Genga. Con una vittoria potrebbe tornare a -6 nel caso di una vittoria della Castelfrettese a Filottrano, ma resterebbero comunque tanti punti da recuperare a 7 giornate dalla fine. Metto 1 fisso perché se i sentinati non fanno risultato contro la Labor rischiano di mandare a monte tutto il lavoro fatto fin qui. Senza dimenticare che verrebbero risucchiati nella lotta per giocare i play-off”. La squadra di Franceschelli è terza a 40 punti, mentre gli arancio-neri di Tizzoni sono decimi a quota 28. A Santa Maria Nuova ci fu un pareggio per 0-0.

Carletti Orsini e Piermattei del Sassoferrato Genga

Staffolo-Montemarciano X

“Stiamo assistendo alla solita rimonta del Montemarciano nel girone di ritorno, come avviene da alcuni anni a questa parte. Se dovesse vincere a Staffolo, rischia di avvicinarsi ulteriormente alla zona play-off. Il campo dei giallorossi, però, è ostico: dico X”. I biancazzurri di Caccia sono ottavi a 30 punti, preceduti dalla banda di Pasquini a 33. Gli staffolani vinsero a Montemarciano per 1-2.

Villa Musone-MonSerra 1

“Per il MonSerra vale lo stesso discorso della Sampaolese. Ha fatto grandi campionati nelle passate stagioni, ma quest’anno si stanno giocando la salvezza diretta, cercando di evitare i play-out. È ancora vicino di 3-4 punti alle altre squadre, però credo che il Villa Musone possa vincere. I villains, in caso di risultato negativo, direbbero addio anche alla speranza di giocare gli spareggi per evitare la retrocessione, per via della famosa forbice di 10 punti tra 13^ e 14^”. I gialloneri di Monaldi sono al 14° posto con 19 punti, preceduti al 12° dai biancorossi di Pietrelli a 26. A Montecarotto i locali si imposero per 1-0.

Girone C – Camerino-Appignanese 2

“Continuo a insistere sull’Appignanese per la vittoria del campionato, anche se a Camerino non sarà facile. Se dovesse vincere, le due squadre sarebbero appaiate in classifica. Dico 2”. I camerti sono secondi nel girone C con 49 punti, seguiti a 46 proprio dalla squadra di Cicarè. Ad Appignano vinse il Camerino per 0-1.

David Canonici, il nuovo allenatore della Cingolana SF

Elpidiense Cascinare-Cingolana SF 1

“E’ un turno facile per la capolista Elpidiense Cascinare. Vedo poche speranze per Cingolana SF, anche se ha cambiato allenatore: i fermani non butteranno via un possibile match ball per la vittoria del campionato. Faccio un grosso in bocca al lupo, comunque, a David Canonici per il suo debutto sulla panchina dei biancorossi: sarà un’impresa ardua strappare punti a Cascinare”. L’Elpidiense Cascinare è al primo posto con 53 punti, mentre la Cingolana SF è 12^ a quota 22. Allo Spivach i rossoblù vinsero 0-1.

Seconda Categoria: Cupramontana-Serrana 1, Osimo 2011-Falconarese 2

Cupramontana-Serrana è un bellissimo derby, tra due club che hanno fatto calcio a buoni livelli. Penso che i cuprensi possano vincere la partita: anche se sono divise da un solo punto in classifica, il fattore campo può determinare l’1 per la squadra di Micarelli. E’ un bel match anche Osimo 2011-Falconarese. I falchetti potrebbero dare una botta decisiva al campionato se dovessero vincere fuori casa dai ‘senzatesta’, ma dovranno affrontare una squadra ostica, che spera di agguantare i play-off. Dico 2, per amore della mia ex società”.

Una partita del Cupramontana

Programma, arbitri e classifiche

Prima Categoria

23^ giornata

Girone B – sabato 11 marzo ore 15.00

Borgo Minonna-Real Cameranese – Nocelli di Ancona

Chiaravalle-Sampaolese – Cesca di Macerata

Sassoferrato Genga-Labor – Gismondi di Macerata

Staffolo-Montemarciano – De Florio di Pesaro

Villa Musone-MonSerra – Domizi di Macerata

Colle 2006-Loreto – Biagini di Pesaro – ore 19.00

Filottranese-Castelfrettese – Chiariotti di Macerata – domenica 12 marzo ore 15.00

Castelbellino-Castelleonese – mercoledì 15 marzo ore 20.00

CLASSIFICAFilottranese 49, Castelfrettese 45, Sassoferrato Genga 40, Borgo Minonna 38, Castelbellino 36, Chiaravalle 34, Staffolo 33, Montemarciano 30, Real Cameranese 29, Labor 28, Castelleonese 27, Sampaolese 26, MonSerra 26, Villa Musone 19, Loreto 9, Colle 2006 7

Girone C – sabato 11 marzo ore 15.00

Camerino-Appignanese – Tarli di Ascoli Piceno

Elpidiense Cascinare-Cingolana SF – Lombi di Macerata

Cska Corridonia-Montemilone Pollenza – Caporaletti di Macerata – ore 14.30

Elfa Tolentino-Folgore Castelraimondo – Ferretti di Ascoli Piceno

Esanatoglia-Montecosaro – Paoletti di Fermo

PortoRecanati-Caldarola – Francesca Montalboddi di Macerata

Urbis Salvia-Sarnano – Vagnoni di Fermo

Vigor Montecosaro-Settempeda – Cerolini di Macerata

CLASSIFICAElpidiense Cascinare 53, Camerino 49, Appignanese 46, Settempeda 41, Folgore Castelraimondo 34, Porto Recanati 31, Elfa Tolentino 29, Caldarola 28, Vigor Montecosaro 28, Montemilone Pollenza 25, Urbis Salvia 25, Cingolana SF 22, Esanatoglia 21, Montecosaro 18*, Sarnano 14, Cska Corridonia 13*

Seconda Categoria

23^ giornata

Girone B – sabato 11 marzo ore 15.00

Senigallia Calcio-Real Gimarra – Gorreja di Ancona

Trecastelli-Hellas Pesaro – Virgini di Ancona

Le altre: Csi Delfino Fano-Cuccurano, Monte Porzio-Della Rovere, Muraglia-Atletico River Urbinelli, Villa Ceccolini-Arzilla, Pontesasso-Usav Pisaurum, Torre San Marco-Marottese Arcobaleno

CLASSIFICAUsav Pisaurum 48, Senigallia Calcio 46, Cuccurano 46, Villa Ceccolini 40, Pontesasso 39, Della Rovere 37, Muraglia 33, Arzilla 33, Monte Porzio 32, Real Gimarra 29, Hellas Pesaro 27, Csi Delfino Fano 21, Atletico River Urbinelli 19, Marottese Arcobaleno 18, Trecastelli 6, Torre San Marco 6 (1 punto di penalizzazione)

Girone C – sabato 11 marzo ore 15.00

Corinaldo-Aurora Jesi – Dovesi di Ancona

Cupramontana-Serrana – Doda di Jesi

Fabiani Matelica-Argignano – Montecchiani di Jesi

Le Torri Castelplanio-Valle del Giano – Vallesi di Macerata

Maiolati United-Olimpia Ostra Vetere – Varlese di Jesi

Monsano-Borghetto – Speciale di Ancona

Victoria Strada-Avis Arcevia – Micheli di Jesi

Misa Calcio-Terre del Lacrima – Fermani di Jesi – ore 15.30

CLASSIFICABorghetto 49Olimpia Ostra Vetere 43, Argignano 41, Misa 38, Serrana 35, Cupramontana 34, Avis Arcevia 34, Victoria Strada 32, Corinaldo 31, Aurora Jesi 30, Le Torri Castelplanio 30, Monsano 27, Terre del Lacrima 19, Valle Del Giano 16, Fabiani Matelica 15, Maiolati United 4

Girone D – sabato 11 marzo

Olimpia Juventu Falconara-Agugliano Polverigi – Aquilanti di Jesi – ore 15.00

Osimo 2011-Falconarese – Baldassarri di Ancona – domenica 12 marzo ore 15.00

Leonessa Montoro-Cameratese – Cavaliere di Jesi – domenica 12 marzo ore 15.00

Le altre: Palombina Vecchia-Calcio Castelfidardo, Gls Dorica Ancona-Candia Baraccola Aspio, Piano San Lazzaro-Pietralacroce, Nuova Sirolese-San Biagio

CLASSIFICAPietralacroce 43, Nuova Sirolese 42, Falconarese 42, Agugliano Polverigi 39, San Biagio 38, Candia Baraccola Aspio 37, Osimo 2011 35, Olimpia Juventu Falconara 31, Palombina Vecchia 30, Osimo Five 28, Ankon Dorica 24,  Leonessa Montoro 23, Calcio Castelfidardo 19, Piano San Lazzaro 18, Gls Dorica 17, Cameratese 13

Girone F – sabato 11 marzo ore 15.00

Amatori Appignano-San Claudio – Giustozzi di Macerata

Vigor Macerata-Treiese – Fontinovi di Fermo

Le altre: Belfortese-Ripe San Ginesio, Atletico Macerata-Pennese, Mancini Ruggero Pioraco-Palombese, Pievebovigliana-Sefrense, San Marco Petriolo-Juventus Club Tolentino, Vis Gualdo-Borgo Mogliano

CLASSIFICA – San Claudio 56, Vigor Macerata 46*, Borgo Mogliano Madal 44, San Marco Petriolo 39, Juventus Club Tolentino 39, Atletico Macerata 33, Belfortese 31, Mancini Ruggero Pioraco 26, Pievebovigliana 26*, Ripe San Ginesio 25,  Treiese 23*, Vis Gualdo 22*, Pennese 21, Amatori Appignano 18, Sefrense 14, Palombese 11

Foto di copertina di Alex Ciciliani (Ufficio Stampa SSD Staffolo)

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, il racconto della 22^ giornata dei gironi B e C

Filottranese e Castelfrettese dettano il passo, frena il Sassoferrato Genga. Vincono anche Borgo Minonna, Staffolo e Montemarciano. Nel girone C, pari per l’Appignanese, dura sconfitta per la Cingolana SF

VALLESINA, 7 marzo 2023 – Anche la 22^ giornata dei gironi B e C di Prima Categoria di calcio è andata in archivio. Nelle gare che si sono giocate tra sabato 4 e domenica 5 marzo, infatti, non sono mancati i colpi di scena.

I temi della 22^ giornata

Nel girone B, il Sassoferrato Genga cade a Camerano e scivola a -9 dalla vetta della classifica, con Filottranese e Castelfrettese entrambe vincenti. La squadra di Malaveda ha espugnato Castelleone di Suasa, mentre i “Frogs”di Bugari hanno rimontato il Colle 2006 ultimo in classifica. Sì, ultimo, perché il Loreto ha battuto il Chiaravalle e ha sorpassato i dorici, relegandoli all’ultima casella della graduatoria.

A sfruttare lo scivolone degli esini sono Staffolo e Montemarciano: i tre punti contro Sampaolese e Villa Musone rilanciano le ambizioni play-off di queste due squadre, visto anche l’1-1 tra Labor e Castelbellino. Il Borgo Minonna passa a Montecarotto e si conferma quarta forza del campionato.

Nel girone C, l’Esanatoglia di mister Ortolani frena la rincorsa dell’Appignanese alla testa della classifica, mentre la disastrosa sconfitta interna della Cingolana SF nello scontro diretto contro la Vigor Montecosaro ha provocato le dimissioni dell’allenatore biancorosso Luca Ballini. Scopriamo insieme cosa è successo in questa giornata.

Angeletti della Real Cameranese

Girone B – Real Cameranese 1-0 Sassoferrato Genga – 28’ Angeletti

L’impresa di giornata la firma la Real Cameranese, alla quale basta un gol per fermare sull’1-0 il Sassoferrato Genga. I rossoneri di Pantalone fanno scivolare gli uomini di Franceschelli a -9 dalla vetta della classifica: a 8 partite dalla fine del campionato, i sentinati sono quasi fuori dalla lotta promozione, a meno di clamorose rimonte sulle prime della classe.

La sfida

I padroni di casa hanno meritato la vittoria. Nei minuti iniziali, gli ospiti reclamano un calcio di rigore, con Passeri terminato a terra: per l’arbitro il contrasto era regolare. Fatone poi si supera di piede sul diagonale di Ricci. Dopo aver sfiorato l’1-0 a più riprese con Stocchi, la rete del vantaggio arriva al 28’, quando Fraternale lancia in profondità Cola, che supera i difensori in velocità e crossa in mezzo, dove Angeletti di testa spiazza Buriani. A questo punto la Real Cameranese gestisce il vantaggio, difendendo con ordine e senza concedere nulla agli avversari.

L’occasione del pareggio arriva al 84’: Michele Piermattei serve in area Ricci, ma Fatone è bravo a mantenere la porta inviolata. Nei minuti finali il classe 2003 Francelli prova l’eurogol dalla lunghissima distanza, senza riuscire ad impensierire Buriani, così la partita finisce 1-0.

I commenti post-gara

Per i cameranesi si tratta di una vittoria fondamentale in ottica salvezza, che consente di allungare a +3 dal dodicesimo posto, occupato da Sampaolese e MonSerra.La Real Cameranese – esulta la squadra di casa – batte meritatamente la corazzata Sassoferrato Genga 1-0 e compie un grande salto in classifica. Prestazione maiuscola dei rossoneri, per agonismo, determinazione e sacrificio. Tutto questo, contro una formazione di blasone, costruita per la vittoria del campionato.  I tifosi presenti allo stadio al fischio finale si sono alzati in piedi, per applaudire i loro ragazzi. Tre punti in tasca, merito di una prestazione sontuosa”. “Il Sassoferrato Genga torna senza punti dalla trasferta di Camerano – commenta il club sentinate -, al termine di una partita con poche occasioni da rete, dove i locali sono stati bravi a capitalizzare un errata valutazione degli ospiti. I locali hanno dimostrato maggiore dinamismo rispetto agli ospiti”.

Castelfrettese 3-1 Colle 2006 – 34’ Consolazio (CO), 57’ Parasecoli (CF), 63’ Paniconi (CF), 84’ Beta (CF)

Anche il Colle 2006 stava per sfiorare il colpaccio, ma la Castelfrettese nella ripresa ha imposto meritatamente la legge del più forte. I “Frogs” di Bugari, infatti, hanno vinto 3-1 contro la nuova Cenerentola del girone, rimontando dal momentaneo 0-1 dei dorici nella prima frazione. I biancorossi, alla quarta vittoria in fila e all’11^ partita senza sconfitte, restano a -4 dalla Filottranese alla vigilia del big match.

La partita

I locali hanno creato molto nella prima frazione, ma a segnare sono stati i dorici ancora senza allenatore. Al 8’ Parasecoli in area dal fondo mette in mezzo per Beta che ci prova di prima a botta sicura, un difensore salva il pallone sulla linea. Qualche minuto più tardi una precisa punizione dal limite di Paniconi viene parata da Pieroni. Dall’altra parte, Consolazio sugli sviluppi di una rimessa laterale impegna alla presa Sollitto.

Al 24’ Beta non trova la porta su passaggio di Anconetani, poi 6 minuti dopo Paniconi sbaglia un rigore in movimento, tirando alto dal centro dell’area di rigore. Il vantaggio ospite arriva al 35’: Consolazio svetta più in alto di tutti su un calcio d’angolo e porta il Colle 2006 sullo 0-1 a sorpresa.

Nella ripresa, la Castelfrettese ribalta il parziale. 57° minuto: Paniconi inventa una palla in profondità per Parasecoli, che fa rimbalzare il pallone e anticipa Pieroni con un suntuoso pallonetto di sinistro. Passano 6 minuti e Paniconi si incarica di una punizione dai 20 metri, con la parabola morbida sul palo del portiere che si insacca per il 2-1. Un altro piazzato dello stesso Paniconi a mezz’altezza viene intuito dal portiere dorico, che salva anche su un pericoloso contropiede.

Il Colle 2006 si rifà vedere al 74’, quando Mondaini vede Consolazio in area, ma l’attaccante non riesce ad arrivare sul pallone e la sfera sfila a lato. Parasecoli si mangia il 3-1 a tu per tu con il portiere, mentre Sollitto è attento in due tempi sul tiro da fuori di Mondain. La terza rete dei locali arriva a 6 minuti dalla fine: ancora Paniconi mette in mezzo dalla trequarti per Beta, che insacca di testa a due passi dalla porta.

I commenti post-gara

La Castelfrettese riesce così a mantenersi a -4 dalla Filottranese, alla vigilia del big match di domenica al “San Giobbe”. “Siamo riusciti a vincere una partita difficile – spiega l’MVP Eros Paniconi (foto in primo piano), un gol e due assist -. Siamo andati in svantaggio poi nella ripresa, con calma, siamo riusciti a sbloccarci e a conquistare i tre punti. Per 60 minuti abbiamo dimostrato di essere alla pari con il Colle 2006 e questo ci deve far riflettere su tutta la settimana di allenamento che abbiamo affrontato: l’abbiamo preparata male.

Non siamo stati concentrati e abbiamo pensato più al prossimo match. Non dobbiamo pensare più del dovuto, dobbiamo solo dare il massimo e affrontare ogni partita come se fosse una finale. Se pensiamo che siamo più bravi e più forti degli avversari, facciamo delle brutte figure”. “Ancora una sconfitta – il commento del Colle 2006 – ma in una partita giocata con onore ed entusiasmo”.

Castelleonese 0-1 Filottranese – 35’ Perna

Un eurogol di Perna al limite dell’area basta alla Filottranese per ottenere il successo sul difficile campo della Castelleonese. I biancorossi di Malavenda ottengono la sesta vittoria nelle ultime 7 partite, presentandosi allo scontro contro la Castelfrettese con un vantaggio di 4 punti e allungando a +9 sul Sassoferrato Genga.

Mattia Perna (Filottranese)

La sfida si decide al 35’: un batti e ribatti nell’area locale finisce sui piedi di Perna, che non ci pensa due volte e con un gran tiro al volo realizza lo 0-1. I padroni di casa nella ripresa provano a trovare il pareggio in più occasioni, ma hanno trovato uno splendido Palmieri a negare la gioia del gol, in particolare allo scadere, deviando sul palo il tiro a botta sicura di Monnati.

Sono tre punti preziosi – spiega la Filottranese – che permettono alla squadra di proseguire la corsa e concentrarsi al prossimo match, arricchiti dalla prova di forza fornita a Castelleone di Suasa”. La Castelleonese, invece, scivola all’11° posto, a solo un punto di vantaggio sui play-out.

Labor 1-1 Castelbellino – 16’ Mazzieri (L), 20’ Simonetti (C)

Finisce in parità il derby tra Labor e Castelbellino. A Santa Maria Nuova i ragazzi di Tizzoni, dopo essersi portati in vantaggio, sono stati subito raggiunti dagli orange di Ricci. I locali allungano a +2 dai play-out, mentre gli ospiti restano in zona play-off, allungando a +2 dal Chiaravalle.

La gara

La Labor passa in vantaggio al 16’: Marconi si inventa un traversone per Mazzieri, il quale non sbaglia e realizza l’1-0. Marconi sciupa il 2-0 qualche istante dopo e si attiva subito la legge del calcio: gol mangiato, gol subito. Al 20’, infatti, il Castelbellino pareggia grazie a Simonetti, bravo a ribattere sulla traversa la pennellata di Monno deviata dal difensore locale Burattini. A cinque minuti dalla fine del primo tempo, gli ospiti restano in 10 per l’espulsione di Ulissi, per un fallo da dietro.

Nella ripresa le due formazioni si affrontano a viso aperto ed hanno grandi occasioni per andare in vantaggio: gli ospiti con Corinaldesi e Marchi, i locali con Ortolani e Strappini. I due portieri, però, fanno buona guardia e la sfida termina sull’1-1.

I commenti

È stata una partita – commenta il ds locale, Loris Gasparridai ritmi molto alti. Forse il cartellino rosso a Ulissi è stato eccessivo, ma pochi minuti prima doveva essere espulso Musumeci, per una brutta entrata con le gambe alte. Il pareggio, comunque, è giusto, con il Castelbellino che merita la classifica che si trova e la Labor che, nonostante le diverse assenze, è in crescita. Da segnalare l’ottima prestazione di Marco Ausili, un classe 2005 che ha giocato una partita da veterano nel ruolo di centrale difensivo al posto di Belelli”.

Un pareggio che – spiega la società ospite -, nonostante l’inferiorità numerica per più di un tempo, lascia l’amaro in bocca alla squadra di mister Ricci. Il Castelbellino fa la partita ma alla prima disattenzione difensiva i locali passano in vantaggio, ma la risposta degli “Orange” era arrivata 4 minuti dopo. Un pari che allontana la Labor dalla zona playout e permette il Castelbellino di rimanere dentro i playoff”.

Loreto 2-0 Chiaravalle – 14’ Pigliacampo, 95’ Brahimi

Dopo 22 giornate, il Loreto si tira via dall’ultimo posto. La squadra di Poggi, infatti, ha battuto 2-0 in casa il Chiaravalle, superando in classifica il Colle 2006. Al momento, però, i lauretani sarebbero comunque retrocessi: devono recuperare 9 punti a Sampaolese e MonSerra per disputare quanto meno i play-out. I “Grigioneri” di Onorato, invece, restano a due passi dai play-off, ma si confermano la squadra più “strana” del campionato.

La partita

L’agonismo e il nervosismo hanno fatto da padroni in questo match. Il Loreto è riuscito a sbloccare la sfida al quarto d’ora: Pigliacampo supera in slalom un paio di difensori, entra in area e batte Cecchini. Gli ospiti reagiscono con Papili e Rocchetti: la conclusione del primo viene ribattuta da Pedol, mentre il secondo non trova la porta.

Alla mezz’ora, il Chiaravalle si guadagna un calcio di rigore per il fallo di Gerbaudo su Marinangeli, Dagli 11 metri Pedol intuisce il tiro di Papadopoulos. Poco dopo Rossolini non trova la porta di un nulla di testa, su cross di Moretti. Nei minuti finali della prima frazione, i padroni di casa sfiorano il 2-0 con una bella triangolazione Oviahon-Pigliacampo controllata dai difensori chiaravallesi, mentre nel ribaltamento dell’azione Pedol controlla sulla conclusione di Rocchetti.

Il pre-gara di Loreto-Chiaravalle

Nella ripresa il Loreto difende il risultato e gestisce le iniziative del Chiaravalle, pericoloso solo da calci di punizione. Al 70’ vengono espulsi Papili e Tomassini, così le due squadre restano in 10. In pieno recupero, Brahimi segna il 2-0 in contropiede, mentre Gerbaudo viene espulso per doppia ammonizione poco prima del triplice fischio.

I commenti

“Un Loreto tutto cuore – racconta il dirigente loretano Giovanni Pespanilascia l’ultima posizione di classifica al Colle 2006, che sfiderà nel prossimo turno. La squadra ha saputo imbrigliare il Chiaravalle, giocando alla pari nonostante la differenza di classifica. Pedol è stato il migliore, mentre una menzione particolare va a Pigliacampo per il gol che ha sbloccato l’incontro e per il sacrificio messo in campo. Il Chiaravalle ha giocato una partita incolore, non sfruttando il rigore per rientare in gara: decisamente una giornata no per gli uomini di Onorato”. “Ancora una sconfitta esterna per i Grigioneri – il commento esino -, che non riescono a dare continuità alla vittoria contro il MonSerra”.

MonSerra 0-3 Borgo Minonna – 27’ Braconi, 79’ May, 88’ Korchi

Si conferma la quarta forza del campionato il Borgo Minonna. I ragazzi di Luchetta, infatti, hanno battuto 0-3 il MonSerra in trasferta, ottenendo l’ottavo risultato utile consecutivo. I biancorossi di Pietrelli, invece, sono alla seconda sconfitta in due giornate e restano in piena zona play-out, a pari punti con la Sampaolese.

La partita

I locali sfiorano il vantaggio nei primi secondi del match, con Brescini che sciupa una ghiotta occasione a due passi dalla porta. Dall’altra parte, il Borgo Minonna non perdona: Braconi riceve palla in area da punizione e supera Campana con una precisa zampata. C’è qualche dubbio, però, su un presunto colpo di mano dell’attaccante ospite sul controllo.

Cristiano Luchetta (mister Borgo Minonna)

Nella ripresa il MonSerra ha provato a imporre il proprio gioco per trovare il pari, ma sono gli jesini a chiudere la pratica nel finale. La palla gol più nitida ce l’ha avuta Ceccarelli, servito da Brega: la sua conclusione a tu per tu con il portiere è intuita da Morresi. Al 79’, quindi, May segna il 2-0 a porta vuota, dopo un errore della saracinesca locale Campana, mentre a due minuti dalla fine Korchi insacca il 3-0 dopo una respinta corta dei difensori ospiti.

I commenti

Un’altra sconfitta per il MonSerra – spiega la società di casa – che viene superato per 3 reti a 0 dal Borgo Minonna, non riuscendo così ad invertire il trend negativo delle ultime settimane”. Seconda vittoria consecutiva – commentano gli jesini – per i rossoblù! L’approccio alla partita è stato giusto: la prestazione è stata da squadra ambiziosa e vogliosa di dimostrare il proprio valore. Portiamo a casa altri 3 punti importanti, per continuare a mantenere le posizioni nobili e raggiungere l’obiettivo. Siamo già al lavoro per il prossimo impegno nelle mura amiche, dove ospiteremo la Real Cameranese, pronti per una nuova battaglia”.

Montemarciano 1-0 Villa Musone – 86’ Clementi

È tornato definitivamente in lotta per il play-off il Montemarciano. La squadra di Caccia ha battuto per 1-0 il Villa Musone con un gol a quattro minuti dalla fine, concretizzando la terza vittoria consecutiva, che la proietta a 6 punti dagli spareggi promozione. Per i “villains” di Monaldi, invece, arriva un’altra beffa, dopo quella contro il Sassoferrato Genga: la salvezza diretta, comunque, resta a 7 punti.

La gara

I biancoazzurri cercano la vittoria già dai primi minuti, ma gli ospiti reggono. Al 20’ Gramazio trova in area Pascali, il colpo di testa viene respinto da Grottini. Passa un quarto d’ora e si fanno vedere anche i gialloneri: De Martino prova il tiro dal limite, Parasecoli devia in corner volando all’incrocio. Dall’altra parte Zoppi non trova la porta, mentre sul finale il colpo di testa di Passaggio sugli sviluppi di una punizione finisce alto sopra la traversa.

Nel secondo tempo, parte meglio la squadra locale. Grottini ed un suo difensore salvano sulle conclusioni di Silvestrini e Gramazio, mentre Clementi non centra la porta dal limite dell’area. Quest’ultimo, però, trova la deviazione vincente a quattro minuti dalla fine, concretizzando un traversone dalla sinistra di Passeggio. Gli ospiti sfiorano il pari al 90’, ma un super Parasecoli nega la gioia del gol a De Martino da posizione ravvicinata.

I commenti

Il ‘Monte’ – esultano i biancoazzurri – conquista la terza vittoria consecutiva e si allontana dalla zona calda della classifica. Appuntamento a sabato prossimo per la sfida sul difficile campo dello Staffolo”. “Il Villa Musone – rispondono i ‘villains” – inciampa sul finale a Montemarciano. Contro la compagine dell’ex Cristiano Caccia, i villans disputano un buon match giocando alla pari. Non è bastata una prova generosa per i ragazzi di mister Luca Monaldi per riuscire a cogliere almeno un pareggio che sarebbe stato il risultato più giusto”.

Sampaolese 1-2 Staffolo – 32’ Massei su rigore (ST), 45’ + 1’ Diagne (SA), 83’ Piccinini (ST)

Crede nei play-off anche lo Staffolo, ora a -3 dal quinto posto grazie alla seconda vittoria consecutiva, nonché quarto risultato utile. La squadra di Pasquini, infatti, ha vinto per 1-2 il derby del Verdicchio contro la Sampaolese, portandosi, inoltre, ad un rassicurante +7 dai play-out, occupati proprio dalla squadra di Togni.

Il match

La sfida è stata caratterizzata dal grande agonismo e da qualche scintilla tra le due squadre. Ci pensa il capitano ospite Massei a sbloccare l’incontro alla mezz’ora, realizzando un calcio di rigore procurato da Marco Sassaroli (che oggi, 7 marzo, compie gli anni, ndr). I locali riescono a trovare il pareggio in pieno recupero dei primi 45’ grazie al colpo di testa di Diagne.

L’esultanza di Erik Piccinini (Foto di Alex Ciciliani, ufficio stampa SSD Staffolo)

L’attaccante locale in un contrasto di gioco procura la rottura del setto nasale a Piccinini: tra il primo e il secondo tempo viene espulso dall’arbitro per comportamento violento, nel corso di una discussione con i giocatori staffolani riguardo proprio il contrasto con il terzino cingolano. Proprio il classe 1998, con il naso rotto, decide la sfida a 7 minuti dalla fine, con un colpo di testa sugli sviluppi di una mischia. In precedenza, la Sampaolese aveva impegnato più volte Pepe, bravo a respingere i tentativi dei biancorossi. Tra i giallorossi è tornato in campo Leonardo Compagnucci, dopo la rottura del legamento crociato subita nella finale play-off della passata stagione contro il Montemarciano.

I commenti

Brutto scivolone interno della Sampaolese – spiega la squadra di casa -. Nella ripresa, giocata in inferiorità numerica, gli uomini di Togni sono bravi a contenere gli attacchi giallorossi senza mai soffrire, proponendosi in avanti con azioni di rimessa ben costruite. La beffa arriva a pochi minuti dal termine. È stata una sconfitta immeritata, per quanto visto in campo: la salvezza è ancora tutta da conquistare”.

“Si tratta sempre di un bel derby – spiega l’ex di turno, Youseff Faris, ora ai giallorossi -, perché c’è un po’ di rivalità. L’ho sentita anche io la partita, perché ho giocato a San Paolo in passato. Lo Staffolo sta facendo il suo cammino, peccato per qualche punto perso in giro. Si poteva ambire sicuramente ai play-off, ma ad oggi i giochi sono tutti quanti aperti: tenteremo di ritagliarci un posto tra le prime 5. Non sarà facile, ma provarci non costa nulla.

Non sono tanto soddisfatto del mio rendimento. Venivo da una stagione in cui sono stato praticamente fermo e in questa stagione mi sono portato dietro qualche problemino fisico. Comunque, sono sempre a disposizione quando la squadra ha bisogno di me, anche se fossero soltanto 10 minuti: mi faccio trovare sempre pronto. Sono rimaste 8 partite e spero di dare il mio contributo in tutti i match, sperando di non avere altri acciacchi. Posso dare il mio contributo per lo sprint finale del campionato”.

Girone C – Appignanese 0-0 Esanatoglia

L’Esanatoglia di mister Angelo Ortolani, dopo aver fermato la Cingolana, blocca sul pari anche l’Appignanese. I ragazzi di Cicarè non sono andati oltre lo 0-0 sul campo di casa di Appignano. Medei e compagni le hanno provate tutte per cercare la vittoria, ma gli ospiti sono stati bravi a resistere, conquistando un punto d’oro nella lotta salvezza.

Con la sconfitta del Camerino a Caldarola e la vittoria dell’Elpidiense Cascinare a Pollenza, l’Appignanese scivola a -7 dal primo posto, ma arriva a -3 dai camerti. Attualmente, la squadra seconda volerebbe in finale play-off, per via del +15 del Camerino sulla Folgore Castelraimondo: la semifinale sarebbe al momento tra gli appignanesi e la Settempeda. Anche il secondo posto, dunque, può essere un obiettivo concreto per gli uomini di Cicarè, alla vigilia proprio dello scontro diretto contro il Camerino.

Cingolana SF 0-3 Vigor Montecosaro – 55’ Tulli, 75’ Micucci, 85’ Baiocco

Con un secondo tempo da incubo, la Cingolana SF perde per la seconda volta per 0-3 allo “Spivach” e resta in piena zona play-out. La netta sconfitta ha scaturito le dimissioni di mister Luca Ballini, da 6 anni sulla panchina biancorossa e protagonista della promozione in Prima Categoria della scorsa stagione.

I montecosaresi si fanno già pericolosi al primo minuto: solo un super Fratoni salva il gol ospite sulla linea. La Cingolana SF non crea molto ed è pericolosa solo con un calcio di punizione di Tittarelli, respinto da Renzi con qualche difficoltà.

Nella ripresa, lo sprofondo biancorosso. Al 55’ Tulli realizza lo 0-1, poi dopo venti minuti Micucci raddoppia di testa in area, sfruttando una disattenzione locale. A cinque minuti dalla fine, Baiocco concretizza lo 0-3, facendo passare la palla rasoterra sotto il corpo di Emiliani, che si era tuffato per respingere.

La Vigor Montecosaro vince con merito a Cingoli e si porta a +6 dai play-out. Alla fine della partita, mister Luca Ballini ha rassegnato le dimissioni irrevocabili: in queste ore la dirigenza della Cingolana SF sta scegliendo il nuovo allenatore. Sicuramente non sarà il capitano Claudio Tomassoni a prendere il posto di Ballini. Il nuovo tecnico prenderà in eredità una situazione ancora non compromessa, dato che la salvezza diretta dista soltanto tre punti, con 8 partite da giocare da qui alla fine del campionato.

I pronostici di mister Carletti

Castelfrettese-Colle 2006 – pronostico 1 – risultato 1

Castelleonese-Filottranese – pronostico 2 – risultato 2

Labor-Castelbellino – pronostico X – risultato X

Loreto-Chiaravalle – pronostico X – risultato 1

MonSerra-Borgo Minonna – pronostico X – risultato 2

Montemarciano-Villa Musone – pronostico 1 – risultato 1

Real Cameranese-Sassoferrato Genga – pronostico 2 – risultato 1

Sampaolese-Staffolo – pronostico 1 – risultato 2

Girone C – Appignanese-Esanatoglia – pronostico 1 – risultato X

Cingolana SF-Vigor Montecosaro – pronostico 1 – risultato 2

Totale di giornata: 4/10 – Totale complessivo: 87/154

Classifica e marcatori

Prima Categoria – girone B

CLASSIFICAFilottranese 49, Castelfrettese 45, Sassoferrato Genga 40, Borgo Minonna 38, Castelbellino 36, Chiaravalle 34, Staffolo 33, Montemarciano 30, Real Cameranese 29, Labor 28, Castelleonese 27, Sampaolese 26, MonSerra 26, Villa Musone 19, Loreto 9, Colle 2006 7

MARCATORI20 gol: Maccioni (Filottranese); 11 gol: Brega (MonSerra), Carboni (Sassoferrato Genga), Passeri (Sassoferrato Genga) e Beta (Castelfrettese); 9 gol: Bassotti (Labor), Ricci (Sassoferrato Genga) e Parasecoli (Castelfrettese); 8 gol: Massucci (Filottranese), Grassi (Filottranese) e Massei (Staffolo); 7 gol: Rocchi (Castelfrettese), Vincioni (Labor), Onuorah (Castelbellino) e Corinaldesi (Castelbellino); 6 gol: Cola (Real Cameranese), Marchionne (Real Cameranese), Ledesma (Castelbellino), Giudici (Castelleonese), Piermattei E. (Sassoferrato Genga), Ferrante (Borgo Minonna), Rocchetti (Chiaravalle), May (Borgo Minonna) e Pigliacampo (Loreto)

Prima Categoria – girone C

CLASSIFICAElpidiense Cascinare 53, Camerino 49, Appignanese 46, Settempeda 41, Folgore Castelraimondo 34, Porto Recanati 31, Elfa Tolentino 29, Caldarola 28, Vigor Montecosaro 28, Montemilone Pollenza 25, Urbis Salvia 25, Cingolana SF 22, Esanatoglia 21, Montecosaro 18, Sarnano 14, Cska Corridonia 13

MARCATORI – 14 gol: Storani (Elfa Tolentino) e Castellano (Elpidiense Cascinare); 10 gol: Capenti (Settempeda); 9 gol: Tarquini (Appignanese); 8 gol: Buresta (Caldarola), Mannucci (Appignanese), Bisbocci (Folgore Castelraimondo), Duca (Camerino), Pietrella (Urbis Salvia)

Marcatori Cingolana SF – 4 gol: Agosto; 3 gol: Zitti; 2 gol: Michele S.; 1 gol: Ciattaglia, Ippoliti, Mossotti, Tomassoni, Bufarini, Fratoni, Santini, Marchegiani, Tittarelli.

Giacomo Grasselli

Foto di copertina di Riccardo Rocchetti

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, Luca Ballini non è più l’allenatore della Cingolana SF

Dopo la sconfitta contro la Vigor Montecosaro allo Spivach, l’allenatore ha rassegnato le dimissioni: incognita sul successore

CINGOLI, 4 marzo 2023 – Luca Ballini ha rassegnato le dimissioni come allenatore della Cingolana San Francesco. Dopo la sconfitta per 0-3 contro la Vigor Montecosaro in casa nella 22^ giornata del girone C di Prima Categoria, infatti, il tecnico ha deciso di fare un passo indietro.

Termina così un matrimonio durato 6 anni, dato che aveva rilevato la squadra a gennaio 2017 in Seconda Categoria quando la società si chiamava ancora San Francesco Cingoli. Il classe 1963 è stato protagonista della promozione della scorsa stagione dalla Seconda alla Prima Categoria, con la vittoria anche del titolo regionale in finale contro il Comunanza.

Il tecnico ha rassegnato le dimissioni dopo 4 vittorie, 10 pareggi ed 8 sconfitte nel girone C di Prima Categoria. Lo 0-3 interno di oggi contro la Vigor Montecosaro, in uno scontro diretto per evitare i play-out, ha fatto maturare questa decisione. La situazione ancora non è compromessa, con la salvezza diretta distante solo 3 punti.

Per la nomina del nuovo allenatore, la società sta valutando diversi profili.

Giacomo Grasselli 

©riproduzione riservata




Calcio / Prima e Seconda Categoria, i pronostici, il programma e gli arbitri della 22^ giornata

Per le prime tre della classe del girone B di Prima tre match all’apparenza facili, ma ricchi di trappole. I derby Labor-Castelbellino e Sampaolese-Staffolo decidono molto. Nel girone C, Appignanese e Cingolana SF devono solo vincere. In Seconda, primo match ball per il Borghetto

VALLESINA, 3 marzo 2023 – Manca sempre meno alla fine dei campionati di Prima e Seconda Categoria. Con le gare di domani, sabato 4 marzo, siamo arrivati alla 22^ giornata. In Prima, parlando dal girone B Filottranese, Castelfrettese e Sassoferrato Genga sono impegnate in gare dall’apparenza facili, ma che nascondono non poche insidie. Labor-Castelbellino vale molto in ottica play-off, mentre il derby del Verdicchio Sampaolese-Staffolo arriva in una situazione di classifica critica per i padroni di casa, con i giallorossi, al momento, al sicuro.

Nel girone C, l’Appignanese crede nella vittoria del campionato e spera nei passi falsi dell’Elpidiense Cascinare, prima a 5 punti di distanza. La Cingolana SF deve vincere lo scontro diretto salvezza contro la Vigor Montecosaro per dare una svolta al finale di stagione.

In Seconda Categoria, infine, il girone C prevede due sfide complicate per le battistrada del girone C Borghetto e Olimpia Ostra Vetere, rispettivamente contro Victoria Strada e Cupramontana. Come ogni settimana, anche questo venerdì abbiamo i pronostici dell’allenatore della Cameratese, mister Cesare Carletti. In fondo all’articolo troverete, come al solito, il programma completo, gli arbitri e le classifiche aggiornate alla 21^ giornata per ogni girone.

Prima Categoria

Girone B -Castelfrettese-Colle 2006 1

“Il risultato è troppo scontato, è facile il pronostico: 1 fisso. Sarà una partita di allenamento per la Castelfrettese”. I “Frogs” di Bugari sono secondi con 42 punti, mentre il Colle 2006 è penultimo a quota 7. A Collemarino, i biancorossi vinsero 1-3.

Il mister della Castelfrettese Yuri Bugari con il ds Daniele Tittarelli

Castelleonese-Filottranese 2

La Castelleonese è un osso duro per la Filottranese: si tratta di un banco di prova determinante per il proseguo della lotta promozione. Se i biancorossi espugnano anche Castelleone di Suasa, vuol dire che può essere l’annata giusta. Metto un 2, nonostante le tante insidie credo che gli ospiti possano vincere”. I pesaresi di Gasparoni sono ottavi con 27 punti. I filottranesi di Malavenda, invece, guidano il girone B con 46 punti. Nel match di andata, la Filottranese vinse 4-0 al “San Giobbe”.

Labor-Castelbellino X

E’ una sfida da tripla, ma metto un pareggio perché la Labor deve riscattarsi dagli ultimi passi falsi, mentre il Castelbellino vuole continuare a mantenere la posizione play-off. Gli orange vogliono concentrarsi sugli spareggi promozione, così si spiega il 5-1 di Coppa”. La squadra di Tizzoni è ottava a quota 27, preceduta dai ragazzi di Ricci, quarti con 35 punti. A Castelbellino prevalse la compagine di casa per 2-1.

Mister Riccardo Tizzoni della Labor

Loreto-Chiaravalle X

Non sarà una passeggiata per il Chiaravalle. Il Loreto, anche se è ormai spacciato, se la gioca in tutte le partite dal primo all’ultimo minuto: stanno già impostando la prossima stagione. Ci può scappare un pareggio”. I lauretani di Poggi sono ultimi a soli 6 punti, mentre i grigioneri di Onorato sono sesti a quota 34. Al Campo dei Pini finì 0-0: fu il primo punto stagionale del Loreto.

MonSerra-Borgo Minonna X

Il MonSerra è sull’orlo del baratro, vicino alle righe rosse della classifica, insieme a Real Cameranese e Sampaolese. Deve approfittare del turno interno, ma il Borgo Minonna, quinto in classifica, non vuole mollare. Anche qui non voglio sbilanciarmi: X”. I biancorossi di Pietrelli sono all’11° posto con 26 punti. I ragazzi di Luchetta, invece, sono quarti a 35. A Jesi ci fu un pareggio per 1-1.

Simone Pietrelli (allenatore MonSerra)

Montemarciano-Villa Musone 1

In questo caso, invece, è 1 fisso. Il Montemarciano in casa vincerà e si toglierà definitivamente dalle sabbie mobili. Non ci sarà scampo per il Villa Musone, anche perché dopo la partita che ha perso malamente sabato, dove stava vincendo 2-1 al 90’ e si è fatta rimontare sul 2-3 con il Sassoferrato Genga: ci può stare una perdita di fiducia”. I biancoazzurri di Caccia sono saliti all’ottavo posto a quota 27, 8 punti in più dei villains di Monaldi in 14^ piazza. La sfida di andata fu vinta dal Villa Musone per 2-1.

Real Cameranese-Sassoferrato Genga 2

Vale lo stesso discorso: pronostico un 2 per il Sassoferrato Genga perché se non dovesse vincere a Camerano può dire addio ai sogni di gloria, e quindi rimarrebbe una lotta a due tra Filottranese e Castelfrettese. E’ l’ultima spiaggia per restare attaccata alla vetta: deve per forza vincere”. La Real Cameranese di Pantalone si trova all’11° posto a quota 26, mentre i sentinati di Franceschelli sono terzi con 40 punti. A Sassoferrato non ci fu storia: 3-1 per i locali.

Sampaolese-Staffolo 1

Questo è il classico derby del Verdicchio. Anche per la Sampaolese vale ciò che ho detto prima per il MonSerra: in casa di sconfitta in casa contro lo Staffolo se la vedrebbe proprio brutta e la salvezza diventerebbe problematica. Ho fiducia nei biancorossi, quindi metto un 1”. La squadra di Togni è 11^ con 26 punti, con i giallorossi di Pasquini, invece, settimi a quota 30. A Staffolo vinse la Sampaolese per 1-3.

Girone C – Appignanese-Esanatoglia 1

Sto con l’Appignanese perché credo che vincerà il campionato. Deve vincere assolutamente in casa, non farà passi falsi in casa: con soli 5 punti dal primo posto è vicina alla vetta. Contro l’Esanatoglia possono arrivare i tre punti, mentre l’Elpidiense Cascinare può perdere qualche punto a Pollenza contro il Montemilone. 1 fisso”. La squadra di Cicarè è terza nel girone C con 45 punti. L’Esanatoglia di mister Ortolani, invece, è 13^ a quota 20. Gli appignanesi riuscirono a vincere per 0-1 la sfida di andata.

Luca Ballini, allenatore della Cingolana SF

Girone C – Cingolana SF-Vigor Montecosaro 1

La Cingolana deve vincere contro la Vigor Montecosaro, assolutamente 1 fisso, se vuole agguantare proprio i vigorini e togliersi dalla zona play-out. Non c’è scampo, Ballini & company devono conquistare i tre punti, non ci sono scuse o giustificazioni”. I biancorossi sono al 12° posto con 22 punti, tre in meno degli avversari di giornata ottavi, a pari merito con Montemilone Pollenza, Urbis Salvia e Caldarola. I giallorossi vinsero il match casalingo per 2-1.

Seconda Categoria – Olimpia Ostra Vetere-Cupramontana 1, Borghetto-Victoria Strada 1

Per quanto riguarda Olimpia Ostra Vetere-Cupramontana, do per vincenti i padroni di casa proprio per il fattore campo, che ha portato sempre molti punti ai rossoblù. Sul loro campo sono difficilmente battibili, c’è differenza rispetto ai cuprensi. Lo stesso discorso vale per Borghetto-Victoria Strada. I villastradesi stanno facendo un grande campionato e stanno lottando per conquistare i play-off, ma a Borghetto ci lasceranno le penne. I ragazzi di Latini, vincendo, si involeranno verso la vittoria del campionato, sperando in un passo falso dell’Olimpia Ostra Vetre: a quel punto sarebbe fatta”.

Giorgio Latini, allenatore del Borghetto

Programma, arbitri e classifiche

Prima Categoria

22^ giornata

Girone B – sabato 4 marzo ore 15.00

Real Cameranese-Sassoferrato Genga – Cesca di Macerata – ore 14.30

Castelfrettese-Colle 2006 – Cerolini di Macerata

Castelleonese-Filottranese – Mancini di Ancona

Labor-Castelbellino – Scalzo di Pesaro

Loreto-Chiaravalle – Borrino di San Benedetto del Tronto

MonSerra-Borgo Minonna – Monterubbiano di Pesaro

Montemarciano-Villa Musone – Cittadini di Macerata

Sampaolese-Staffolo – Morbelli di Pesaro

CLASSIFICAFilottranese 46, Castelfrettese 42, Sassoferrato Genga 40, Castelbellino 35, Borgo Minonna 35, Chiaravalle 34, Staffolo 30, Labor 27, Castelleonese 27, Montemarciano 27, Sampaolese 26, Real Cameranese 26, MonSerra 26, Villa Musone 19, Colle 2006 7, Loreto 6

Girone C – sabato 4 marzo ore 15.00

Appignanese-Esanatoglia – Alfonsi di San Benedetto del Tronto

Cingolana SF-Vigor Montecosaro – Caporaletti di Macerata

Caldarola-Camerino – Pignotti di San Benedetto del Tronto

Folgore Castelraimondo-Urbis Salvia – Pieroni di Ancona

Montecosaro-Cska Corridonia – Dattilo di Macerata

Sarnano-PortoRecanati – Fagiani di Ascoli Piceno

Settempeda-Elfa Tolentino – Fiermonte di Macerata

Montemilone Pollenza-Elpidiense Cascinare – Denti di Pesaro – domenica 5 marzo ore 15.00

CLASSIFICAElpidiense Cascinare 50, Camerino 49, Appignanese 45, Settempeda 41, Folgore Castelraimondo 31, Porto Recanati 30, Elfa Tolentino 28, Caldarola 25, Elfa Tolentino 25, Montemilone Pollenza 25, Urbis Salvia 25, Vigor Montecosaro 25, Cingolana SF 22, Esanatoglia 20, Montecosaro 18, Cska Corridonia 13, Sarnano 13

Seconda Categoria

22^ giornata 

Girone B – sabato 4 marzo ore 15.00

Marottese Arcobaleno-Senigallia Calcio – Luchetta di Ancona

Usav Pisaurum-Trecastelli – Fabrizi di Pesaro

Le altre: Arzilla-Torre San Marco, Hellas Pesaro-Csi Delfino Fano, Atletico River Urbinelli-Villa Ceccolini, Cuccurano-Muraglia, Della Rovere-Pontesasso, Real Gimarra-Monte Porzio

CLASSIFICA – Senigallia Calcio 46, Usav Pisaurum 45, Cuccurano 43, Pontesasso 38, Villa Ceccolini 37, Della Rovere 36, Muraglia 33, Monte Porzio 31, Arzilla 30, Real Gimarra 28, Hellas Pesaro 26, Csi Delfino Fano 21, Atletico River Urbinelli 18, Marottese Arcobaleno 15, Trecastelli 6, Torre San Marco 6 (1 punto di penalizzazione)

Girone C – sabato 4 marzo ore 15.00

Aurora Jesi-Fabiani Matelica – Fermani di Jesi  – ore 14.30

Borghetto-Victoria Strada – Virgini di Ancona – ore 14.45

Argignano-Le Torri Castelplanio- Giustozzi di Macerata

Avis Arcevia-Corinaldo – Bugatti di Jesi

Olimpia Ostra Vetere-Cupramontana – Aquilanti di Jesi

Serrana-Monsano – Pace di Ancona

Terre del Lacrima-Maiolati – Carriero di Jesi

Valle del Giano-Misa Calcio – Sgreccia di Jesi

CLASSIFICABorghetto 46Olimpia Ostra Vetere 42, Argignano 40, Misa 38, Serrana 35, Cupramontana 33, Victoria Strada 32, Avis Arcevia 31, Corinaldo 31, Le Torri Castelplanio 29, Aurora Jesi 27, Monsano 24, Terre del Lacrima 19, Fabiani Matelica 15, Valle Del Giano 13, Maiolati United 4

Girone D – sabato 4 marzo ore 15.00

Cameratese-Gls Dorica Ancona – Manfredi di Ancona

Falconarese-Piano San Lazzaro – Montecchiani di Jesi

Calcio Castelfidardo-Olimpia Juventu Falconara – Cercaci di Macerata

San Biagio-Leonessa Montoro – Taddei di Jesi

Le altre: Agugliano Polverigi-Nuova Sirolese, Pietralacroce-Osimo Five, Ankon Dorica-Palombina Vecchia, Candia Baraccola Aspio-Osimo 2011

CLASSIFICA – Nuova Sirolese 42, Pietralacroce 40, Falconarese 39, Agugliano Polverigi 36, San Biagio 35, Osimo 2011 35, Candia Baraccola Aspio 34, Palombina Vecchia 29, Osimo Five 28, Olimpia Juventu Falconara 28, Ankon Dorica 23,  Leonessa Montoro 23, Calcio Castelfidardo 19, Piano San Lazzaro 18, Gls Dorica 17, Cameratese 10

Girone F – sabato 4 marzo

Treiese-San Marco Petriolo – Barbato di Fermo – ore 14.30

Sefrense-Amatori Appignano – Mastrocola di Macerata – ore 15.00

CLASSIFICASan Claudio 53, Vigor Macerata 46*, Borgo Mogliano Madal 41, San Marco Petriolo 36, Juventus Club Tolentino 36, Belfortese 31, Atletico Macerata 30, Mancini Ruggero Pioraco 26, Ripe San Ginesio 25, Pievebovigliana 23*, Treiese 23*, Vis Gualdo 21*, Pennese 20, Amatori Appignano 15, Sefrense 14, Palombese 11

Giacomo Grasselli 

Foto di Copertina di Alex Ciciliani (Ufficio Stampa SSD Staffolo)

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, il racconto della 21^ giornata dei gironi B e C

Il Sassoferrato Genga rimonta due gol nel recupero e vince 2-3, vincono anche Staffolo, Castelbellino e Borgo Minonna; pareggio d’oro per la Cingolana SF, l’Appignanese è sempre più vicina alla vetta

VALLESINA, 28 febbraio 2023 – Non ci sono state grosse sorprese nella 21^ giornata dei gironi B e C di Prima Categoria marchigiana. Tant’è vero che mister Carletti ha indovinato ben 9 dei 10 pronostici che vi abbiamo proposto venerdì scorso.

Anche se, nel girone B, il Sassoferrato Genga ha sfiorato una sconfitta clamorosa a Villa Musone: sotto 2-1 al 90’, i colpi di Passeri e dell’eterno Cossa hanno regalato ai sentinati una vittoria importantissima per restare aggrappati alla vetta. Sì, perché la Filottranese e la Castelfrettese non si fermano e continuano a vincere, a due giornate dallo scontro diretto del “San Giobbe”.

Sembrano abbastanza decise, inoltre, le posizioni play-off, con Borgo Minonna, Castelbellino e Chiaravalle in lotta per due dei tre posti a disposizione. L’unica squadra che potrebbe rientrare in questa lotta, ad oggi, potrebbe essere lo Staffolo, anche se Labor e Montemarciano hanno le carte in regole per poter provare la clamorosa rimonta.

Continua ad essere affollata, invece, la zona tra il centro classifica e i play-out, mentre Colle 2006 e Loreto sono ormai ad un passo dalla retrocessione diretta. Nel girone C, infine, l’Appignanese continua a credere nella vittoria del campionato, portandosi a -5 dalla prima posizione, mentre la Cingolana SF raccoglie un punto d’oro a Esanatoglia, che al momento le consentirebbe di evitare i play-out. Andiamo a scoprire tutto quello che è successo nella 21^ giornata

Girone B – Borgo Minonna 2-0 Labor – 80’ Serrani, 85’ Guerri

Rinsalda la sua posizione play-off il Borgo Minonna. I ragazzi di Luchetta, infatti, battono 2-0 la Labor con due gol negli ultimi 10 minuti, ottenendo la seconda vittoria consecutiva in casa ed il settimo risultato utile in fila.

La squadra di Tizzoni, al secondo ko in due incontri, ha lottato su ogni pallone in una sfida molto equilibrata. Lo 0-0 con cui si era chiuso il primo tempo (con Mazzieri che sciupa lo 0-1 dal centro dell’area di rigore) si sblocca all’80’, quando Serrani trova l’incursione vincente dell’1-0. Passano 5 minuti e Guerri chiude i conti, con la zampata su assist di Korchi. In precedenza May aveva colpito un palo, mentre la Labor aveva sfiorato il pari con Benigni, che non riesce a trovare la deviazione vincente sul traversone di Marconi.

Sono tre punti fondamentali – esultano da Jesi – per il cammino e per restare agganciati alle prime posizioni. Ora bisogna continuare su questa striscia e farsi trovare pronti per la trasferta insidiosa di sabato a Montecarotto contro il Monserra”. “E’ una sconfitta che fa male – ammette il ds della Labor, Loris Gasparri-, ma bisogna accettarla. Ultimamente non siamo molto fortunati con gli arbitri: sullo 0-0 Vincioni, solo davanti al portiere in contropiede, è stato fermato per un fuorigioco inesistente, mentre il 2-0 nasce su un fallo clamoroso ai danni di Sbaffi non visto dall’arbitro, decisamente non in giornata”.

Castelbellino 4-0 Loreto – 2’ Bando, 13’ Marchi, 36’ Simonetti, 90’ Corinaldesi

Ha avuto ragione mister Carletti: il Castelbellino non ha lasciato scampo al Loreto. Il 4-0 con cui gli orange sono tornati alla vittoria dopo la sconfitta di Castelferretti ribadisce la forza della compagine di Ricci, terza in classifica a pari punti con il Borgo Minonna.

I locali sono passati in vantaggio dopo appena due minuti, quando Bando è reattivo sulla respinta di Droghetti e ribadisce in rete. Al 13’ ci pensa Marchi a raddoppiare con un gran tiro al volo, mentre il 3-0 arriva al 36’, con lo slalom gigante di Simonetti, che dribbla gli avversari sullo stretto e infila la sfera nell’angolino. La palombella di Corinaldesi al 90’ mette il punto esclamativo sulla prestazione del “Bello”, con il Loreto che termina la gara in 9 per le espulsioni di Maggi e Graciotti. I lauretani di Poggi si avvicinano sempre di più alla retrocessione diretta: a 9 partite dalla fine, i play-out distano 13 punti, mentre la salvezza diretta è lontana 20 lunghezze.

Il Castelbellino cala il poker! La squadra di mister Ricci – esultano gli orange – si conferma tra le prime 5 del campionato. Dopo lo scivolone esterno contro la Castelfrettese, ci riscattiamo con una grande prova collettiva”.

Castelleonese 0-1 Castelfrettese – 10’ Paniconi

La Castelfrettese mantiene il passo della Filottranese e vince anche contro la Castelleonese. Ai “Frogs” di Bugari basta un gol nel primo tempo di Paniconi, infatti, per conquistare la terza vittoria consecutiva e l’undicesimo risultato utile in fila.

Gli ospiti partono subito meglio. Al 4’ Rocchi di testa non trova la porta di qualche metro, sul buon cross di Bartolini dalla sinistra. Il vantaggio arriva 6 minuti più tardi: Fratesi si inventa un lancio alla “Bonucci” a servire sulla sinistra Paniconi, il quale in corsa va sul fondo, disorienta Bombagioni con una finta e da pochi passi realizza il decisivo 0-1 per la Castelfrettese.

La Castelleonese ha subito l’occasione per pareggiare al 14’, quando l’arbitro concede un calcio di rigore ai padroni di casa per un colpo di mano ospite in area. Dal dischetto, però, Giudici spedisce fuori. Al 30’ Sollitto salva sulla punizione di Todari, poi, sugli sviluppi del corner, l’inzuccata di Fattorini finisce sopra la traversa. Due minuti dopo, Rocchi viene espulso per con il rosso diretto, ma il primo tempo termina 0-1 per gli ospiti.

Nella ripresa i “Frogs” riescono a difendere i tre punti, mentre i locali le provano tutte per trovare il pari. Al 66’ Monnati in spaccata, su passaggio di Spezie, non trova la porta di un nulla. Il forcing finale della Castelleonese non impensierisce mai concretamente Sollitto, anche grazie alla lucidità della difesa ospite. Al 94’, però, il portiere ospite devia sulla traversa il colpo di testa a botta sicura di Zandri su assist del solito Spezie.

La Castelfrettese mantiene così i 4 punti di distacco dalla Filottranese capolista, mentre la Castelleonese si rammarica di non aver sfruttato la superiorità numerica e di aver fallito il rigore che avrebbe potuto cambiare il match, perdendo l’imbattibilità interna che durava da settembre. I pesaresi restano così a +1 dai play-out all’ottavo posto

Chiaravalle 4-2 MonSerra – 31’ Rocchetti (C), 38’ Papili (C), 42’ Bittoni (M), 74’ Togni (M), 90’ Rocchetti (C), 94’ D’Urzo (C)

Al Campo dei Pini non si passa! Il Chiaravalle batte 4-2 il MonSerra e resta attaccata alla coppia play-off Borgo Minonna-Castelbellino a -1 dal quinto posto, mentre i biancorossi di Pietrelli rimangono invischiati nella lotta per evitare i play-out.

I locali di Onorato vanno sul 2-0 poco dopo la mezz’ora, con le reti di Rocchetti e Papili tra il 31’ e il 38’. Il MonSerra, però, riesce ad accorciare con Bittoni, per poi trovare il 2-2 al 74’ grazie alla zampata di Togni. In pieno recupero, tuttavia, i locali trovano i colpi del ko, prima con Rocchetti al 90’, poi con D’Urzo quattro minuti più tardi: finisce 4-2 per il Chiaravalle.

Un momento di Chiaravalle-Monserra (foto Genny Giorgietti)

 “Spettacolo ed emozioni – racconta la società di casa – al Dei Pini, con i Grigioneri che spingono subito forte sull’acceleratore e si portano in doppio vantaggio.  Raggiunti dagli ospiti i ragazzi di Mr. Onorato non demordono tornano ancora avanti, mettendo al sicuro i tre punti”.Un’altra sconfitta per il MonSerra – si legge nei canali social dei biancorossi – che viene superato per 4-2 dal Chiaravalle. Dopo aver trovato il 2-2, i grigioneri riescono a passare nuovamente in vantaggio a pochi minuti da termine e a chiudere poi la partita in contropiede a tempo ormai scaduto”.

Staffolo 1-0 Real Cameranese – 38’ Massei su rigore

Un rigore di capitan Massei basta allo Staffolo per tornare alla vittoria dopo 5 partite. I giallorossi di Pasquini, infatti, battono 1-0 la Real Cameranese e ottengono il terzo risultato utile consecutivo.

Al 38’ Marco Sassaroli conquista il penalty che Stefano Massei realizza. Nella ripresa, gli staffolani non riescono a trovare il bis, mentre gli ospiti di Pantalone non superano un ottimo Pepe, autore di alcuni interventi provvidenziali sugli attacchi dei rossoneri.

”Abbiamo meritato di vincere – spiega proprio il match winner per i padroni di casa – perchè abbiamo creato più occasioni rispetto ai nostri avversari. La squadra di Camerano è molto fisica, ma siamo stati bravi noi nella fase difensiva, concedendo veramente poco, a parte un tiro allo scadere. Siamo riusciti a risollevarci da un periodo negativo, caratterizzato da pochi risultati. E’ una vittoria importantissima: ora la testa va ad un derby sentito, quello contro la Sampaolese. Speriamo di aver trovato la strada giusta, per cercare di conquistare un altro bel risultato”. 

La Real Cameranese – commentano gli ospiti – cade di misura a Staffolo, al termine di una partita maschia, equilibrata e povera di grandi emozioni. Il risultato lascia parecchio amaro in bocca alla Real Le condizioni del manto verde non consentono alle due formazioni di sviluppare gioco, i rossoneri tuttavia ci provano un po’ di più rispetto agli avversari. Peccato, perché la Real aveva avuto due belle occasioni con Stocchi e Marchionne sul punteggio di parità. Poi si gioca poco nella ripresa, tanti vuoti e la gara termina così. Testa alla prossima, quando arriverà il Sassoferrato Genga: c’è grande voglia di rivalsa!”.

Lo Staffolo resta al settimo posto con 30 punti, a +4 dai play-out e a -5 dai play-off. La Real Cameranese, invece, è undicesima a quota 26, a pari punti con MonSerra e Sampaolese.

Villa Musone 2-3 Sassoferrato Genga – 14’ Ventresini (VM), 43’ Cossa (SG), 50’ Sall Cheick (VM), 92’ Passeri (SG), 94’ Cossa (SG)

L’eterno Alessandro Cossa regala al Sassoferrato Genga la vittoria sul campo del Villa Musone al 94’. I sentinati riescono a rimontare per ben due volte i gialloneri, che sfiorano un risultato di prestigio al debutto di mister Monaldi.

A sorpresa, infatti, i villains trovano l’1-0 dopo un quarto d’ora: Di Martino sulla sinistra mette in mezzo per Ventresini che a due passi dalla porta realizza il vantaggio. Già al 3’ i locali avevano sfiorato l’1-0, con la bella parata di Buriani sul contropiede di Domizi. Grottini fa buona guardia su Cossa e Arcangeli, ma al 43’ non riesce ad evitare il pari del SassoGenga. Cossa, infatti, parte in velocità, arriva davanti al portiere ospite e lo trafigge con un bel pallonetto. Poco dopo Carboni sfiora l’1-2 con una conclusione da centro area che si stampa a lato di un nulla.

Nella ripresa, però, sono ancora i locali a tornare avanti. Siamo al 50’ quando ancora Di Martino dal fondo vede in area Sall Cheick, sul suo piattone al volo Buriani non può nulla: 2-1. Il Sassoferrato Genga, a questo punto, le prova tutte per trovare il nuovo pari, ma i tentativi di Imperio, Ricci e Carboni non impensieriscono Grottini.

Il Villa Musone prova a colpire nuovamente in contropiede per chiudere il match, senza sorprendere i difensori avversari. Al 73’ De Martino si inventa una conclusione di poco alta dalla metà campo alla Biraghi, senza trovare però la porta.

La partita si decide nei minuti di recupero. Siamo al 92’ quando Michele Piermattei vede sul secondo palo Carboni, che realizza l’11° gol stagionale per il 2-2. 94° minuto: Tolu strappa il pallone al Villa Musone e lascia la sfera a Conti, il quale non ci pensa due volte e mette in mezzo, ci arriva Alessandro Cossa che con un meraviglioso tiro al volo realizza il 2-3 che tiene ancora in vita i sentinati nella lotta promozione, a -6 dalla capolista Filottranese. Per i locali, invece, rimane il terz’ultimo posto con 19 punti, a -7 dalla salvezza diretta.

Abbiamo giocato 90 minuti perfetti – commenta mister Monaldi del Villa Musone -, siamo stati attenti a qualsiasi dettaglio. Negli ultimi 5’ di gioco la stanchezza forse ha preso il sopravvento, anche perché ho chiesto tantissimo alla squadra. In quei frangenti non siamo riusciti ad occupare le zone della difesa in maniera corretta: probabilmente dovevo intervenire, perché mi ero accorto di qualche distanza allungata, però non posso rimproverare nulla ai ragazzi. Sono stati eccezionali sotto il profilo della disponibilità. Il Sassoferrato Genga è una squadra forte: hanno avuto tre occasioni e hanno fatto tre gol”.

Sapevamo di venire incontro a qualche difficoltà – gli fa eco mister Marco Franceschelli -, specie perché si giocava in un campo sintetico, ma l’atteggiamento della mia squadra non è mi è piaciuto, al contrario del Villa Musone che ci ha messo tutto. Secondo me il risultato non è giusto, anche se nel calcio vince chi fa gol, bisogna essere onesti ed ammetterlo. Siamo stati bravi a crederci fino alla fine, però abbiamo concesso due gol troppo facili e Buriani ha fatto due interventi importanti sullo 0-0. Sono tre punti fondamentali, anche perché venivamo da due partite in cui abbiamo raccolto solo un punto: ci serviva per riprendere il cammino e giocarcela fino all’ultima giornata per poter vincere il campionato. Ci proviamo e faremo di tutto per raggiungere l’obiettivo”.

Colle 2006 1-4 Montemarciano – 25’ Pascali (M), 49’ Passeggio (M), 56’ autogol Gemini (C), 63’ Gorini (M), 66’ Gramazio (M)

Sembra essere finalmente ritornato il Montemarciano, che ora è fuori dai play-out. I ragazzi di Caccia, infatti, hanno espugnato il campo di Collemarino per 1-4, battendo un Colle 2006 ormai in caduta libera, senza allenatore da tre settimane, per via delle dimissioni di Moschini. Per i biancoazzurri si tratta del secondo successo di fila.

Già dai primi minuti il “Monte” si dimostra più determinato a conquistare i due punti. Le occasioni di Pascali e Gorini non trovano la porta, ma lo stesso Pascali segna lo 0-1 su assist proprio di Gorini. L’autore del gol trova anche una traversa pochi istanti dopo, mentre un colpo di testa locale non trova la porta. Anche Passeggio sfiora la rete, però la sua inzuccata non trova lo specchio.

Il pre-gara di Colle 2006-Montemarciano

Nella ripresa, gli ospiti dilagano con un piccolo brivido. Lo 0-2 è un capolavoro di Passeggio, bravo a raccogliere il passaggio di Pascali e a infilare il pallone alle spalle di Montuoso. Il Colle 2006 riesce ad accorciare, sfruttando uno sfortunato autogol di Gemini.

Dopo la paura, però, il Montemarciano chiude i conti. Al 63’ Gorini con un gran rasoterra, su assist del solito Pascali, segna il 3-1, mentre tre minuti dopo Gramazio deposita il pallone sul sacco raccogliendo il passaggio vincente di Passeggio. Gli ospiti continuano ad attaccare e sfiorano a più riprese il 5° gol con Pellonara e Stefanini, ma il Colle 2006 si salva grazie agli interventi alla disperata dei difensori e alle parate di Montuoso. Per i dorici vale lo stesso discorso del Loreto: la retrocessione diretta sembra ormai essere ad un passo.

E’ una vittoria importante – chiariscono da Montemarciano -, che permette ai biancazzurri di uscire dalla zona play-out e dare continuità ai risultati. Sabato prossimo ci sarà la sfida contro il Villa Musone al ‘Di Gregorio’”.

Filottranese 4-0 Sampaolese – 10’ Maccioni su rigore (F), 17’ Corneli (F); 68’ Maccioni (F), 85’ Catani (S) – leggi l’articolo

Girone C – Esanatoglia 1-1 Cingolana SF – 75’ Gjuci (E), 93’ Michele S. su rigore (C)

Dopo l’amarezza dello 0-0 contro il Cska Corridonia, per la Cingolana SF questa volta è arrivato un punto d’oro nello scontro diretto esterno contro l’Esanatoglia. I ragazzi di Ballini, infatti, sono riusciti a pareggiare sull’1-1 al 90’ grazie ad un calcio di rigore guadagnato da Zitti e concretizzato da Michele S., mantenendo il +2 di vantaggio dalla formazione di mister Ortolani nelle zone calde della classifica.

Nel primo tempo le due squadre hanno fatto attenzione a non farsi male. I biancorossi hanno prodotto un’unica azione da gol con Schiavoni, senza impensierire il portiere locale. Al 60’, l’episodio che cambia la partita: Santini viene espluso per doppia ammonizione, tra le proteste dei biancorossi perché il direttore di gara aveva concesso inizialmente il fallo alla Cingolana, per poi tornare sui suoi passi.

Un’esultanza a fine partita della Cingolana

I locali ne hanno approfittato e hanno trovato il vantaggio al 75’ con Gjuci. Gli ospiti, però, non hanno mollato e sono riusciti a trovare il pari allo scadere: Zitti viene atterrato in area, dal dischetto Michele S. non sbaglia e fissa il risultato sull’1-1.

La Cingolana SF riesce così a mantenere il 12° posto con 22 punti, a -3 dal trio Urbis Salvia-Vigor Montecosaro-Caldarola. Attualmente Tomassoni e compagni non disputerebbero i play-out, per via dei 9 punti di distacco da Sarnano e Cska Corridonia ultimi in classifica, ma a 9 giornate dalla fine la lotta per evitare gli spareggi è ancora aperta ad ogni scenario.

Girone C – Caldarola 0-1 Appignanese – 87’ Coletta su rigore

L’Appignanese continua a vincere e ora vede a -5 la vetta della classifica. La squadra di Cicarè ha la meglio sul Caldarola con un gol a tre minuti dalla fine di Coletta da calcio di rigore e accorcia ulteriormente su Elpidiense Cascinare e Camerino.

E’ stata una sfida combattuta, che sembrava avviarsi sullo 0-0, che è stata decisa dal tiro dagli 11 metri del numero 8 degli ospiti. Gli azzurri sono terzi con 45 punti, preceduti da Elpidiense Cascinare (50) e Camerino (49), alla vigilia della sfida interna contro l’Esanatoglia.

I pronostici di mister Carletti

Borgo Minonna-Labor – pronostico X – risultato 1

Castelbellino-Loreto – pronostico 1 – risultato 1

Castelleonese-Castelfrettese – pronostico 2 – risultato 2

Chiaravalle-MonSerra – pronostico 1 – risultato 1

Colle 2006-Montemarciano – pronostico 2 – risultato 2

Filottranese-Sampaolese – pronostico 1 – risultato 1

Villa Musone-Sassoferrato Genga – pronostico 2 – risultato 2

Girone C – Esanatoglia-Cingolana SF – pronostico X – risultato X

Girone C – Caldarola-Appignanese – pronostico 2 – risultato 2

Totale di giornata: 9/10 – Totale complessivo: 77/144

Classifiche e Marcatori

Prima Categoria – girone B

CLASSIFICAFilottranese 46, Castelfrettese 42, Sassoferrato Genga 40, Castelbellino 35, Borgo Minonna 35, Chiaravalle 34, Staffolo 30, Labor 27, Castelleonese 27, Montemarciano 27, Sampaolese 26, Real Cameranese 26, MonSerra 26, Villa Musone 19, Colle 2006 7, Loreto 6

MARCATORI20 gol: Maccioni (Filottranese); 11 gol: Brega (MonSerra), Carboni (Sassoferrato Genga) e Passeri (Sassoferrato Genga); 10 gol: Beta (Castelfrettese); 9 gol: Bassotti (Labor) e Ricci (Sassoferrato Genga); 8 gol: Massucci (Filottranese) e Grassi (Filottranese); 7 gol: Rocchi (Castelfrettese), Vincioni (Labor), Onuorah (Castelbellino), Parasecoli (Castelfrettese), Corinaldesi (Castelbellino) e Massei (Staffolo); 6 gol: Cola (Real Cameranese), Marchionne (Real Cameranese), Ledesma (Castelbellino), Giudici (Castelleonese), Piermattei E. (Sassoferrato Genga), Ferrante (Borgo Minonna), Rocchetti D. (Chiaravalle)

Prima Categoria – girone C

CLASSIFICAElpidiense Cascinare 50, Camerino 49, Appignanese 45, Settempeda 41, Folgore Castelraimondo 31, Porto Recanati 30, Elfa Tolentino 28, Caldarola 25, Elfa Tolentino 25, Montemilone Pollenza 25, Urbis Salvia 25, Vigor Montecosaro 25, Cingolana SF 22, Esanatoglia 20, Montecosaro 18, Cska Corridonia 13, Sarnano 13

MARCATORI13 gol: Castellano (Elpidiense Cascinare) e Storani (Elpidense Cascinare); 10 gol: Capenti (Settempeda); 9 gol: Tarquini (Appignanese); 8 gol: Buresta (Caldarola), Mannucci (Appignanese), Duca (Camerino) e Pietrella (Urbis Salvia).

Marcatori Cingolana SF4 gol: Agosto; 3 gol: Zitti; 2 gol: Michele S.; 1 gol: Ciattaglia, Ippoliti, Mossotti, Tomassoni, Bufarini, Fratoni, Santini, Marchegiani, Tittarelli.

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata




Calcio / Prima e Seconda Categoria, i pronostici, il programma e gli arbitri della 21^ giornata

Borgo Minonna-Labor è un derby che vale i play-off nel girone B di Prima Categoria, mentre il Sassoferrato Genga deve vincere a Villa Musone per restare in corsa; nel girone C, scontro diretto salvezza per la Cingolana SF contro l’Esanatoglia. In Seconda i big match sono Senigallia Calcio-Usav Pisaurum e Cupramontana-Borghetto

VALLESINA, 24 febbraio 2023 – E’ tempo di 21^ giornata per i campionati di Prima e Seconda Categoria di calcio. Le partite del weekend tra sabato 25 e domenica 26 febbraio prevedono degli scontri che possono essere già decisivi per le volate finali dei campionati.

Prima Categoria: l’anteprima

La lotta promozione nel girone B di Prima Categoria si arricchirà di un nuovo capitolo. La Filottranese capolista, in campo domenica contro la Sampaolese, attende buone notizie da Castelleone di Suasa e Villa Musone, campi di gioco delle sfide delle inseguitrici Castelfrettese e Sassoferrato Genga. Il derby Borgo Minonna-Labor vale una fetta di play-off, mentre il Montemarciano ha l’occasione di uscire dai play-out in casa del Colle 2006.

Nel girone C, a Caldarola l’Appignanese vuole continuare ad accorciare su Camerino ed Elpidiense Cascinare, mentre la Cingolana SF è attesa dallo scontro diretto contro l’Esanatoglia di mister Ortolani, a caccia di quei punti che la tirerebbero fuori dai play-out.

Seconda Categoria: l’anteprima

In Seconda Categoria, la capolista del girone B Senigallia Calcio ha il primo match point per scappare in classifica contro la seconda Usav Pisaurum, mentre Cupramontana-Borghetto nel girone C può dire molto sulle ambizioni delle due squadre.

Come ogni settimana, abbiamo anche oggi i pronostici del mister della Cameratese, Cesare Carletti. In coda all’articolo trovate, come al solito, il programma, gli arbitri di giornata e le classifiche complete, girone per girone.

I pronostici della 20^ giornata

Girone B – Borgo Minonna-Labor X

“E’ un derby sentitissimo da sempre: mi ricordo bene le sfide del passato, sia da giocatore che da allenatore. Sarà una bella battaglia, in campo e tra le tifoserie. Metto X perché ci può essere qualsiasi risultato”. Il Borgo Minonna di mister Luchetta è quarto in classifica con 32, mentre la Labor di Tizzoni segue al settimo posto a quota 27. A Santa Maria Nuova finì 0-0.

Castelbellino-Loreto 1

“La vittoria del Castelbellino è scontata, perché a questo punto ci sono in palio tre punti fondamentali per i play-off: gli orange aspirano a raggiungerli”. Anche la squadra di Ricci è quarta a 32, il Loreto di Poggi, invece, chiude la classifica con soli 6 punti. Sotto la Santa Casa il Castelbellino vinse 0-3.

Simone Ricci, allenatore del Castelbellino

Castelleonese-Castelfrettese 2

“Penso ci possa essere un 2, perché la Castelfrettese da qui alla fine del campionato avrà un bel ruolino di marcia. I ragazzi di Bugari si sono allenati in maniera molto professionale, data la vastità della rosa. Non possono più perdere terreno dalla Filottranese: alla fine della 20^ giornata vedremo se resterà una lotta a 2 o se rimarrà a 3”. La squadra di Castelferretti è seconda nel girone B con 39 punti; la Castelleonese di Gasparoni è settima a quota 27. All’andata i “Frogs” vinsero 2-1.

Chiaravalle-MonSerra 1

“Il Campo dei Pini di Chiaravalle è sempre ostico per tutti ei grigioneri non vorranno fare un altro passo falso dopo i tre gol presi a Montemarciano: per me ci può stare l’1”. La squadra di Onorato è sesta con 31 punti, mentre il MonSerra di Pietrelli è decimo a quota 26. Reti bianche a Montecarotto nel match di andata.

Colle 2006-Montemarciano 2

“Il Colle 2006 è ormai andato in vacanza: sabato mancheranno un sacco di giocatori, quindi credo che sia un 2 scontato per il Montemarciano. La squadra di Caccia comincia a respirare aria diversa e più salubre”. I dorici di Moschini sono al 15° posto con 7 punti; i biancoazzurri ospiti, invece, sono tredicesimi a quota 24. La partita di andata finì 0-0.

Cristiano Caccia (allenatore Montemarciano)

Filottranese-Sampaolese 1

Non c’è scampo. La Filottranese ha innestato la quarta marcia e, specialmente in casa, sta volando via. La Sampaolese perderà sicuramente al San Giobbe: 1 fisso”. I biancorossi di Malavenda sono al primo posto con 43 punti, mentre i ragazzi di Togni sono decimi a 26. Allo “Sparapani” di Apiro, i filottranesi ebbero la meglio per 0-3.

Staffolo-Real Cameranese 1

“Anche in questa sfida il fattore campo sarà importante. Lo Staffolo crede ancora di poter agganciare i play-off e non vuole lasciarsi sfuggire i tre punti: 1 fisso anche qui”. I giallorossi di Pasquini sono settimi a 27, seguiti a 26 dalla Real Cameranese di Pantalone. A Camerano, però, i rossoneri vinsero 2-1.

Villa Musone-Sassoferrato Genga 2

“C’è stato il cambio di panchina nel Villa Musone, ma credo non possa cambiare più di tanto le carte in tavola per questo match, anche se, di solito, nella prima partita ci potrebbero essere della soprese. Allo stesso tempo, però, penso che il Sassoferrato Genga non possa subire un’altra battuta d’arresto, altrimenti direbbe addio ai sogni di gloria. E’ un 2 obbligato”. Mister Monaldi inizierà la sua esperienza nei “villains” prendendo la squadra dal 14° posto con 19 punti. I ragazzi di Franceschelli, invece, sono terzi a quota 37. A Sassoferrato i locali vinsero 2-1.

Marco Franceschelli, allenatore del Sassoferrato Genga

Girone C – Esanatoglia-Cingolana SF X

“La Cingolana SF affronta l’Esanatoglia dell’amico Ortolani in una vera e propria sfida salvezza. Per chi perde saranno guai grossi. Sono imparziale e dico X, che non serve a nessuna delle due squadre, ma quanto meno non scoraggia nessuna delle due contendenti. È il momento decisivo: bisogna fare punti ora”. La squadra di Ballini è al dodicesimo posto con 21 punti, mentre l’Esanatoglia è al 13° posto a 19. Allo “Spivach” finì 1-1.

Girone C – Caldarola-Appignanese 2

“Credo nella rimonta dell’Appignanese e quindi dico 2 fisso. I ragazzi di Cicarè sono a 6 punti dalla vetta: in 10 giornate può succedere di tutto e sono ancora in lotta per la vittoria del girone”. La squadra di Appignano è terza a 42 punti, con il Caldarola settimo a 25. Nel girone di andata i biancoazzurri vinsero con un netto 5-1

Seconda Categoria: Senigallia Calcio-Usav Pisaurum 1, Cupramontana-Borghetto X

“Per quanto riguarda il big match del girone B tra Senigallia Calcio e Usav Pisaurum, si tratta dell’ultima chiamata per i pesaresi per agganciare il primo posto. In caso di vittoria dei senigalliesi, infatti, la capolista sarebbe lanciata ulteriormente verso la conquista della promozione. Per i locali credo che quest’anno la Prima Categoria non gli dovrebbe sfuggire, dopo l’amarezza della passata stagione in cui è sfumata per un soffio. Dico 1”.

Cupramontana-Borghetto è lo scontro tra i due allenatori più bravi ed esperti del girone C. Per l’affetto che mi lega a Mencarelli e Latini, il mio pronostico è un X platonico. Per il Borghetto sarà molto difficile vincere a Cupramontana, dato che i rossoblù sono a 3 punti dal terzo posto. Sarà un bellissimo match”.

Programma, arbitri e classifiche

Prima Categoria

21^ giornata

Girone B – sabato 25 febbraio – ore 15.00

Borgo Minonna-Labor – Del Piccolo di Pesaro

Castelbellino-Loreto  – Persichini di Macerata

Castelleonese-Castelfrettese – Bardi di Macerata

Chiaravalle-MonSerra – Di Rago di Macerata

Staffolo-Real Cameranese – Vagnoni di Fermo

Villa Musone-Sassoferrato Genga – Capponi di Macerata

Colle 2006-Montemarciano – Pignotti di San Benedetto del Tronto – ore 19.00

Filottranese-Sampaolese – Cerolini di Macerata – domenica 26 febbraio ore 15.00

CLASSIFICA – Filottranese 43, Castelfrettese 39, Sassoferrato Genga 37, Castelbellino 32, Borgo Minonna 32, Chiaravalle 31, Labor 27, Staffolo 27, Casteleonese 27, MonSerra 26, Sampaolese 26, Real Cameranese 26, Montemarciano 24, Villa Musone 19, Colle 2006 7, Loreto 6

Girone C – sabato 25 febbraio – ore 15.00

Esanatoglia-Cingolana SF – Cesca di Macerata

Caldarola-Appignanese – Raiola di Jesi

Cska Corridonia-Settempeda – Gioacchini di Ancona – ore 14.30

Elfa Tolentino-Sarnano – Alfonsi di San Benedetto del Tronto – ore 14.30

Elpidiense Cascinare-Folgore Castelraimondo – Tasso di Macerata – ore 14.30

Camerino-Montemilone Pollenza – Mancini di Ancona

PortoRecanati-Montecosaro – Ferretti di Ascoli Piceno

Vigor Montecosaro-Urbis Salvia – Ginevra Angelini di Fermo

CLASSIFICACamerino 48, Elpidiense Cascinare 47, Appignanese 42, Settempeda 38,  Folgore Castelraimondo 31, Porto Recanati 29, Urbis Salvia 25, Elfa Tolentino 25, Caldarola 25, Elfa Tolentino 25, Montemilone Pollenza 24, Vigor Montecosaro 22, Cingolana SF 21, Esanatoglia 19, Montecosaro 17, Sarnano 13, Cska Corridonia 13

Seconda Categoria

21^ giornata

Girone B – sabato 25 febbraio ore 15.00

Senigallia Calcio-Usav Pisaurum – Bindella di Pesaro

Trecastelli-Cuccurano – Graziosi di Pesaro

Le altre: Monte Porzio-Hellas Pesaro, Muraglia-Marottese, Villa Ceccolini-Real Gimarra, Atletico River Urbinelli-Arzilla, Pontesasso-Csi Delfino Fano, Torre San Marco-Della Rovere

CLASSIFICASenigallia Calcio 46, Usav Pisaurum 42, Cuccurano 40, Della Rovere 35, Pontesasso 35, Villa Ceccolini 34, Muraglia 30, Arzilla 30, Monte Porzio 28, Real Gimarra 28, Hellas Pesaro 26, Csi Delfino Fano 21, Atletico River Urbinelli 16, Marottese Arcobaleno 15, Trecastelli 6, Torre San Marco 5 (1 punto di penalizzazione)

Girone C – sabato 25 febbraio ore 15.00

Avis Arcevia-Aurora Jesi – Cavaliere di Jesi

Corinaldo-Valle Del Giano – Montecchiani di Jesi

Cupramontana-Borghetto – D’Ascanio di Ancona

Fabiani Matelica-Terre del Lacrima – Speciale di Ancona

Le Torri Castelplanio-Olimpia Ostra Vetere – Micheli di Jesi

Maiolati United-Monsano – Doda di Jesi

Misa Calcio-Serrana – Bugatti di Jesi

Victoria Strada-Argignano – Viglietta di Macerata

CLASSIFICABorghetto 43, Argignano 40, Olimpia Ostra Vetere 39, Misa 38, Cupramontana 33, Serrana 32, Avis Arcevia 30, Corinaldo 30, Victoria Strada 29, Le Torri Castelplanio 29, Aurora Jesi 26, Monsano 21, Terre del Lacrima 19, Fabiani Matelica 12, Valle Del Giano 12, Maiolati United 4

Girone D – sabato 25 febbraio ore 15.00

Gls Dorica Ancona-Falconarese – Gorreja di Ancona – venerdì 24 febbraio ore 21.15

Leonessa Montoro-Osimo 2011 – Tomassoni Compagnucci Spagnoli di Macerata

Olimpia Juventu Falconara-Cameratese – Varlese di Jesi

Le altre: Osimo Five-Agugliano Polverigi, Piano San Lazzaro-Calcio Castelfidardo, Pietralacroce-Ankon Dorica, Nuova Sirolese-Candia Baraccola Aspio, Palombina Vecchia-San Biagio

CLASSIFICANuova Sirolese 39, Pietralacroce 37, Falconarese 36, San Biagio 35, Osimo 2011 35, Candia Baraccola Aspio 34, Agugliano Polverigi 32, Palombina Vecchia 29, Osimo Five 25, Olimpia Juventu Falconara 25, Ankon Dorica 23,  Leonessa Montoro 20, Calcio Castelfidardo 18, Gls Dorica 17, Piano San Lazzaro 17, Cameratese 10

Girone F – sabato 25 febbraio ore 15.00

Amatori Appignano-Treiese – Jouini di Macerata

Le altre: Atletico Macerata-Ripe San Ginesio, Belfortese-San Claudio, Juventus Club Tolentino-Palombese, Mancini Ruggero Pioraco-Borgo Mogliano, Pievebovigliana-Vigor Macerata, San Marco Petriolo-Pennese, Vis Gualdo-Sefrense

CLASSIFICASan Claudio 50, Vigor Macerata 43*, Borgo Mogliano Madal 38, San Marco Petriolo 35, Juventus Club Tolentino 33, Belfortese 31, Atletico Macerata 30, Mancini Ruggero Pioraco 26, Pievebovigliana 23**, Treiese 23*, Ripe San Ginesio 22, Pennese 19, Vis Gualdo 17**, Sefrense 13, Amatori Appignano 12, Palombese 11

Giacomo Grasselli

©riproduzione riservata