1

OLIMPIADI / I campioni marchigiani ricevuti dal Presidente Mattarella

Alla cerimonia anche le quattro medaglie “marchigiane”: Giorgio Farroni, Assunta Legnante, Ndianga Dieng e Gianmarco Tamberi

 

ROMA, 24 settembre 2021 – Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto al Quirinale i medagliati Olimpici e Paralimpici e una rappresentanza di atleti italiani che hanno partecipato ai Giochi di Tokyo 2020.

La cerimonia si è aperta con l’esecuzione dell’Inno nazionale da parte della Banda Interforze e la proiezione di un video dal titolo “Tokyo 2020”.

Alla cerimonia anche le quattro medaglie “marchigiane”: Giorgio Farroni, Assunta Legnante, Ndianga Dieng ed il capitano Gianmarco Tamberi.

Sono intervenuti il Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Giovanni Malagò, il Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli, e la Sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio, Valentina Vezzali.

Successivamente gli Alfieri della squadra olimpica, Elia Viviani e Jessica Rossi, e gli Alfieri della squadra paralimpica, Beatrice Vio e Federico Morlacchi, hanno restituito al Capo dello Stato le Bandiere nazionali con le firme degli atleti vincitori di medaglia olimpica e paralimpica.

Il Presidente Mattarella ha rivolto un saluto ai presenti ed ha, quindi, consegnato agli atleti una medaglia ricordo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

All’incontro hanno partecipato i dirigenti del CIO, del CONI e del CIP, i Commissari tecnici delle discipline vincitrici di medaglie, e i vertici delle Forze Armate e dei Corpi dello Stato in rappresentanza dei rispettivi Gruppi sportivi.

Successivamente la cerimonia si è spostata a Palazzo Chigi, dove la delegazione olimpica tricolore ha incontrato il Presidente del Consiglio Mario Draghi.

(Redazione)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




OLIMPIADI / Le Farfalle volano in finale

Tra le “magnifiche 5” della nazionale anche Martina Centofanti

FABRIANO, 7 agosto 2021Anche le Farfalle in gara alle olimpiadi. Le 5 ragazze azzurre sono riuscite nell’impresa di confermare tutte le qualità costruite nel corso degili anni.

Nell’esercizio alle cinque palle le farfalle hanno subito messo in chiaro gli obbiettivi di una squadra desiderosa di conquistare la qualificazione per la finale di domani. Una routine complessa, con Maurelli, Centofanti, Duranti, Santandrea e Mogurean a rendere semplice il “disegno” pensato per accompagnare la musica.

Ottimo il risultato: 44.600 per il quintetto, capace di incantare e conquistare la giuria presente a Tokyo. Dopo il primo esercizio di qualificazione “all around” di ginnastica ritmica, Bulgaria in testa col punteggio di 47.500, Russia seconda a 45.750, terza l’Italia a 44.600.

Tra le farfalle anche un po’ di Fabriano, con Martina Centofanti (tesserata Faber Ginnastica Fabriano) che insieme alle compagne di squadra è riuscita a confermare l’ottima armonie delle giovanissime campionese.

60 minuti di respiro e seconda ed ultima rotazione (3 cerchi e 2 paia di clavette). Anche in questo caso molto bene le ragazze, che hanno concluso con 42.250 punti, confermando il terzo posto provvisorio ottenuto con la prima rotazione.

Questa la classifica dopo i turni di qualificazione di oggi: Bulgaria (91.800), Russia (89.050), Italia (87.150), Israele (84.650), Cina (83.600), Ucraina (82.700), Giappone (79.725) e Bielorussia (79.650).

Le magnifiche otto lotteranno per l’oro domani, a partire dalle 4 ora italiane.

(Redazione)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




OLIMPIADI / Il sogno di Milena Baldassarri: questa notte le qualificazioni

La lunga giornata olimpica del capitano della Faber Ginnastica Fabriano

 

FABRIANO, 5 agosto 2021 – Il sogno a 5 cerchi di Milena Baldassarri sta per iniziare. Questa notte le qualificazioni delle individualiste che si confronteranno per conquistare la medaglia d’oro.

Ventisei le ginnaste in gara, con le grandi favorite dell’est (le gemelle russe, sotto bandiera del comitato olimpico russo, Dina e Arina Averina su tutte) favorite per l’oro messo in palio per la ginnastica ritmica.

Le qualificazioni a partire dalle 3.23 italiane (le 10.23 giapponesi), con la stella della Faber ultima delle 26 ginnaste olimpiche chiamate a scendere in pedana.

Milena, accompagnata nella terra del Sol Levante dalla tecnica Julieta Cantaluppi, inizierà le sua qualificazioni alle 4.11 con l’esercizio alla palla, il cerchio due ore dopo (6.11) e poi nastro alle 9.11 ed infine le clavette alle 10.41.

A rappresentare il tricolore anche la compagna di squadra azzurra e stella dell’Udinese Alexandra Agiurgiuculese, che scenderà in pedana come sesta di ventisei atlete qualificate.

(Redazione)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




OLIMPIADI / Tamberi oro olimpico: nel team il mental coach Luciano Sabbatini

Il commento del sindaco Greci: «Orgogliosi di Luciano Sabbatini. Ci complimentiamo con lui per aver contribuito al successo di Gianmarco Tamberi»

 

SASSOFERRATO, 2 agosto 2021 – Nel volo vero l’oro olimpico di Gimbo Tamberi anche un po’ di Sassoferrato nel team che ha curato la preparazione del campione marchigiano.  

Tamberi e Luciano Sabbatini

Originario della città sentinate, ma residente ad Ancona da circa 30 anni, Luciano Sabbatini commenta così il successo di Tamberi.

«Il successo, la riuscita la realizzazione di un sogno che è stato di Gianmarco ma di tutti noi in una gara perfetta quella di ieri. È un grande onore lavorare con una persona come Gianmarco,  un ragazzo, vero, autentico che mostra tutto ciò che ha nel cuore».

Collaborazione nata nel 2014 quella con il neo campione olimpico di Tokyo 2020, impegnandosi nel delicato ruolo di mental coach. Da quel giorno il campionato mondiale indoor di Portland nel 2016, quello europeo di Amsterdam nel 2016 prima dell’infortunio che spezzò il sogno olimpico di Rio 2016.

Il commento del sindaco di Sassoferrato Maurizio Greci: «Orgogliosi di Luciano Sabbatini, sassoferratese doc,  ci complimentiamo con lui per aver contribuito al successo di Gianmarco Tamberi».

Ieri, durante l’intervista a caldo i ringraziamenti di Gimbo ai microfoni della Rai: «Un sogno che abbiamo realizzato. Ragazzi, abbiamo vinto le olimpiadi. Ne è valsa la pena».

-fonte foto profilo facebook Gianmarco Tamberi-

(Redazione)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Leggi Anche – OLIMPIADI / Tokio2020 Gianmarco Tamberi oro nel salto in alto

 




OLIMPIADI / Tokio2020 Gianmarco Tamberi oro nel salto in alto

Il mental coach di GianMarco Tamberi dal 2014 è Luciano Sabbatini a sua volta coach della Pieralisi Jesi pallavolo

JESI, 1 agosto 2021 – L’atleta nativo di Civitanova Marche ha compiuto l’impresa di vincere la medaglia d’oro ex aequo col l’atleta del Quatar Barshim nel salto in alto alle Olimpiadi in Giappone.

Tamberi ha fatto praticamente un percorso netto fino a 2,37mt come Barshim.

Tamberi e Luciano Sabbatini

A 2,39mt tre errori di fila per entrambi e la decisione in comune tra i due di non proseguire con altri salti di spareggio ma di vincere entrambi l’oro. Al terzo posto il bielorusso Nedaseku.

Tamberi, che vive e si allena in Ancona, ha come mental coach dal 2014 Luciano Sabbatini coach a sua volta della Pieralisi Jesi pallavolo ed entrambi si sono presentati spesso insieme per illustrare agli studenti delle Marche il loro punto di vista e la loro esperienza su ‘talento e impegno’ nello sport come aiuto a creare una profonda cultura sportiva.

Tamberi, subito dopo il successo, intervistato da Rai2 ha ringraziato in diretta televisiva Sabbatini.

E Sabbatini ci ha dichiarato: “Un sogno che si avvera, la storia di un film dove il protagonista attraversa mille difficoltà, ma alla fine raggiunge il suo obiettivo! Ma non è un film…è tutto vero! Gianmarco meritava un epilogo così, per l’abnegazione, la determinazione, i sacrifici e il cuore che mette in quello che fa”.

(red)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




JESI / Olimpiadi, il fioretto donne a squadre dell’Italia è di bronzo

Volpi (club scherma Jesi), Errigo e Batini hanno battuto in finale l’Usa. Nello staff azzurro le jesine doc Giovanna Trillini e Annalisa Coltorti

JESI, 29 luglio 2021 – Il fioretto femminile a squadre ha conquistato a Tokio la medaglia di bronzo battendo in finale con largo punteggio gli Stati Uniti d’America 45-23.

Dopo le delusioni dell’individuale, senza podio, Alice Volpi, Arianna Errigo, Martina Batini e Erica Cipressa (riserva) dopo l’amara sconfitta in semifinale contro la Francia per 45-43, le azzurre sono state completamente ribaltate dalle avversarie e soprattutto gli ultimi assalti della Errigo non in linea con le aspettative di tutti, hanno trovato una medaglia tutta meritata.

Nei quarti l’Italia aveva superato l’Ungheria per 45-32.

Artefice principale della semifinale che della finale per il terzo posto Alice Volpi, delle Fiamme Oro, da anni è iscritta e si allena con il club scherma Jesi, la quale ha vinto largamente i suoi assalti.

Alice Volpi, campionessa mondiale in carica, si è riscattata dalle delusioni della prova singolare dove si è piazzata quarta.

Lo staff azzurro del fioretto femminile è rappresentato anche da Giovanna Trillini, allenatrice, e da Annalisa Coltorti, preparatore atletico.

La medaglia d’oro è stata vinta dalla Russia sulla Francia per 45-34. Nel team francese la Ysaora Thibus, protagonista per la sua squadra nell’eliminazione in semifinale dell’Italia, anche lei si allena a Jesi con Stefano Cerioni.

(e.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




JESI / Il Club Scherma sul podio alle Olimpiadi con Alexander Choupenitch

L’atleta della Repubblica Ceca, medaglia di bronzo, è iscritto nel club di via Solazzi e si allena con Stefano Cerioni

JESI, 26 luglio 2021 – Poche soddisfazioni per i colori azzurri d’Italia alle Olimpiadi in corso a Tokio in Giappone dal fioretto.

Solo quarto posto in quello femminile per la senese Alice Volpi, fiorettista del Club Scherma Jesi, allenata da Giovanna Trillini e Annalisa Coltorti.

podio fioretto maschile Tokio2020

Una disciplina che dopo le imprese dei vari Stefano Cerioni, Giovanna Trillini, Valentina Vezzali e Elisa Di Francisca, capaci di 14 medaglie d’oro, 3 d’argento e 6 di bronzo in nove Olimpiadi, non manda un rappresentante azzurro nella finale olimpica.

Alexander Choupenitch in allenamento a Jesi

Jesi comunque, alla fine, è sempre presente con Alexander Choupenitch medaglia di bronzo nel fioretto maschile gara vinta dall’atleta di Hong Hong Cheung Ka Long e che ha visto l’italiano Daniele Garozzo medaglia d’argento.

Choupenitch infatti si allena a Jesi nella storica palestra di via Solazzi con Stefano Cerioni ed Annalisa Coltorti ed è iscritto al club jesino.

L’atleta della Repubblica Ceca ha perso in semifinale contro Cheung Ka Long per 15-10 ed ha vinto la gara per il bronzo contro il rivale giapponese Shikine per 15-8.

(e.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




OLIMPIADI / Julio Velasco cita Jesi, Valentina Vezzali, Roberto Mancini e papà Aldo

Commentatore su Rai2 durante la sfilata di apertura di Tokio2020 ricorda il suo vissuto a Jesi e cita papà Mancini

JESI, 23 luglio 2021 – Julio Velasco, coach che con la pallavolo ha vinto tutto, e che nella sua carriera ha avuto anche una esperienza ai massimi livelli con il calcio professionistico, oggi ha commentato in diretta su Rai 2 la sfilata delle Nazioni partecipanti nel giorno dell’inaugurazione dei giochi Olimpici Tokio 2020.

In piedi Giuseppe Cormio accanto a Julio Velasco nel 1983

Nel mentre sfilava la sua Argentina il coach, che ha iniziato a Jesi con la Tre Valli nel 1983 il suo percorso di allenatore di pallavolo, ha appunto ricordato quando uscì dalla sua nazione per venire a Jesi ed iniziare una esperienza che poi, grazie alle capacità, l’ha portato sul tetto del mondo.

E nel ricordare Jesi Velasco ha menzionato Valentina Vezzali, sottosegretario allo sport del Governo Draghi, e Roberto Mancini, neo campione d’Europa con la nazionale di calcio azzurra.

Nel citare Mancini Velasco ha ricordato una curiosità che lo lega al Ct. Ha detto infatti che il papà Aldo, falegname, nel periodo trascorso a Jesi, gli aveva preparato la tavola di legno da mettere sotto il materasso per riposare meglio e prevenire il mal di schiena.

Ricordiamo che Velasco in carriera oltre a tanti successi con i club con la nazionale italiana ha vinto 2 campionati del mondo, 3 ori europei 5 world league mancando la vittoria alle Olimpiadi (dove è stato argento ad Atlanta 1996).

Nel calcio ha avuto esperienze da manager nell’Inter di Moratti e nella Lazio di Cragnotti.

Insomma quando si parla di sport Jesi è sempre presente anche, come in occasione di questa Olimpiade, non è rappresentata da nessun atleta in gara.

Ricordiamo che l’unica atleta jesina avente diritto sarebbe stata Elisa Di Francisca che tuttavia ha rinunciato per una scelta personale ben precisa e che comunque della delegazione azzurra fanno parte Giovanna Trillini e Annalisa Coltorti nello staff del fioretto maschile e femminile.

(e.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 




JESI / Scherma: a Cassino gli assoluti di fioretto maschile e femminile

Da mercoledì 26 maggio a giovedì 27. Ieri presentazione dell’evento con la presenza della sottosegretaria allo sport Valentina Vezzali

JESI, 25 maggio 2021 – Domani mercoledì 26 e giovedì 27 maggio a Cassino si svolgeranno i Campionati assoluti individuali 2021 di fioretto maschile e femminile.

La presentazione della manifestazione che assegnerà lo ‘scudetto 2021’ si è tenuta nei giorni scorsi con la presenza della sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali.

Marini Tommaso

Nel Polo logistico a Piedimonte San germano sulle 32 pedane allestite tantissimi atleti a meno di due mesi dall’inizio delle Olimpiadi di Tokyo si contenderanno il titolo nazionale.

Il programma prevede per mercoledì 26 maggio inizio ore 10 la gara fioretto femminile mentre per giovedì 27 maggio stesso orario quella di fioretto maschile.

Elena Tangherlini

Le fasi semifinali e finali di ogni giornata di gara saranno trasmesse in diretta video streaming su Federscherma TV o sulla pagina Facebook della Federazione Italiana Scherma.

Foltissima la rappresentanza jesina sia di atleti o atlete appartenenti al club scherma Jesi, sia degli jesini di nascita, sia di chi ha vissuto una vita nella palestra di via Solazzi per migliorarsi ed ottenere risultati importantissimi a livello nazionale, europeo e mondiale.

Fioretto Femminile: Elena Tangherlini, Beatrice Monaco, Serena Rossini, Alice Volpi, Lucrezia Cantarini, Matilde Calvanese, Maria Allegra Sorini, Maria Angelica Rossolini, Sofia Giordani

Fioretto Maschile: Tommaso Marini, Francesco Ingargiola, Leonardo Pieralisi, Matteo Bartozzi, Francesco e Marco Vannucci, Simone Santarelli

Intanto nei giorni scorsi a Riccione c’è stato l’anticipo con i campionati nazionali Giovani e Cadetti, under 17 e under 20, sempre di fioretto maschile e femminile.

Buoni i risultati degli atleti del club scherma Jesi con il 6° posto nella categoria Giovani di Maria Allegra Sorini, il 9° di Lucrezia Cantarini e il 10° Matilde Calvanese. In campo maschile 8° posizione per Francesco Cercaci (Fioretto Cadetti).

(e.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




PALLANUOTO / Piscina PalAblu di Moie un incontro tecnico formativo

Presenti Aleksandra Cotti (coach nazionale Junior) ed Elena Gigli (preparatrice atletica dei portieri) olimpioniche con il setterosa 

MOIE, 12 maggio 2021 – Si è tenuto nel pomeriggio presso la Piscina Pala blu di Moie un interessante incontro tecnico – formativo per il settore giovanile gialloblù.

La società moiarola intende dare un ‘opportunità di crescita al florido vivaio locale.

elena gigli

Erano presenti Aleksandra Cotti ed Elena Gigli e così le giovani atlete hanno avuto la possibilità di allenarsi con due grandi ex pallanuotiste ed ora due validissimi tecnici.

aleksandra cotti

Aleksandra Cotti ed Elena Gigli hanno condotto gli allenamenti, in qualità di tecnico della nazionale Junior la prima e preparatrice atletica dei portieri la seconda.

Queste atlete di grandissimo livello hanno un curriculum di tutto rispetto, hanno giocato con la nazionale ottenendo ottimi risultati. Tra i più importanti da annoverare l’oro olimpico conquistato da Elena Gigli con il setterosa ad Atene nel 2004, mentre Aleksandra Cotti ha conquistato l’argento olimpico nel 2016 a Rio de Janeiro.

(red)

©RIPRODUZIONE RISERVATA