Basket serie B / Jesi tutto d’un fiato, Ancona alle corde 89-57

Troppo forte il quintetto di Ghizzinardi per una squadra dorica mai scesa in campo. Ora è d’obbligo andare a vincere ad Ozzano

Redazione

JESI, 30 aprile 2023 – Jesi vince il derby ma praticamente non c’è stata mai partita.

Davanti ad una discreta presenza di pubblico, la società ha comunicato 751 presenze, il quintetto jesino ha messo sin da subito in chiaro le proprie intenzioni vincendo senza ostacoli.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ora resta un turno al termine della stagione regolare ed il futuro, per il quintetto di Ghizzinardi, è tutto nelle proprie mani.

Domenica prossima infatti, vincendo ad Ozzano, ci sarebbe la certezza di partecipare alla prossima serie B Elite e di competere, a conclusione di questa stagione, per un posto in serie A2.

In caso contrario saranno play in.


GENERAL CONTRACTOR JESI –  Roberto Marulli 22, Ferraro 18, Valentini 14, Varaschin 11,  Calabrese 8, Cicconi Massi 6, Merletto 4, Filippini, Konteh 2, Giulietti, Vita, Gatti

LUCIANA MOSCONI ANCONA – Bedin 16, Panzini 8, Ciribeni 7, Guerra 6, Czoska 6, Carnovali 4, Giombini 4, Ambrosin 4, Reggiani 2, Piccionne, Tamboura, Petrilli

ARBITRI – Colombo di Cantù e Di Pilato di Paderno Dugnano

PARZIALI – 21-12, 33-17, 17-11, 18-17

 

©riproduzione riservata

29º GIORNATA  30 aprile 2023 – Jesi-Ancona 89-57, Fabriano-Virtus Imola 78-80, Andrea Costa Imola-Rieti 47-70, Fiorenzuola-Ozzano 84-91, Piacenza-San Miniato 68-54, Faenza-Senigallia 74-63, Romagna-Empoli 63-76. Riposa Matelica 

CLASSIFICA Rieti 48, Faenza 44, Fabriano 36; Jesi 34; Ozzano, Piacenza 32; Ancona, Virtus Imola  28; Senigallia, Fiorenzuola, Andrea Costa Imola 26; Matelica 16; S. Miniato 12; Empoli 12; Tigers Romagna 6; Firenze 0

PROSSIMO TURNO 30º GIORNATA ultima 7 maggio 2023 – Senigallia-Fabriano, Matelica-Fiorenzuola, Ozzano-Jesi, Empoli-Andrea Costa Imola, Virtus Imola-Piacenza, Ancona-Faenza, Rieti-Tigers Romagna. Riposa San Miniato

Play off per A2; play off per ammissione serie B; nuovo campionato Interregionale

 

REGOLAMENTO

FIRENZE si è ritirata. Al termine della stagione regolare le prime 4 squadre di ogni girone disputeranno due turni di play off incrociando il Girone A quello B e il girone C quello D. Due saliranno in A2. Le altre 14 squadre che hanno disputato i play off saranno ammesse in Serie B Elite stagione 2023/24. In serie B saranno ammesse anche 4 squadre per Girone vincitrici del turno di qualificazione al meglio delle 3 gare su 5, secondo questo schema: 5°-12°, 6°-11°, 7°-10°, 8°-9°. A completare la serie B le 5 squadre retrocesse dal campionato di Serie A2. Le squadre perdenti del turno di ammissione alla Serie B, assieme a quelle classificate dal 13° al 16° posto di ogni girone al termine della stagione regolare, saranno riposizionate nel nuovo campionato di Interregionale per la stagione 2023/24.

 




Basket serie B / Derby Jesi – Ancona vale il quarto posto

Se il quintetto di Ghizzinardi vince poi si gioca tutto ad Ozzano. Se a vincere è quello di Coen i dorici devono sperare in altri risultati favorevole

Redazione

JESI, 29 aprile 2023 – Jesi contro Ancona un derby che vale tanto.

Vale la corsa al quarto posto in classifica generale ma vale anche la corsa alla miglior posizione play in per una post season che conta per l’accesso al prossimo campionato Elite con la bella in casa, e non è poco.

Le combinazioni affinchè Jesi arrivi quarto sono poche e precise: battere Ancona e poi non perdere ad Ozzano, oppure sperare che Ozzano domenica perda a Fiorenzuola.

Ad Ancona, invece, per arrivare quarta devono verificarsi molte combinazioni: vincere a Jesi e poi in casa contro Faenza; Jesi che perde il derby ed ad Ozzano; Ozzano che nelle prossime due partite ne vince solo una, ma non deve perdere con Jesi, così dicasi di Piacenza.

Perchè a parità di punti finali, 32, Ancona è in vantaggio con tutto e tutti.

Per Jesi, sulla carta, il cammino sembra più facile, per i dorici alquanto proibitivo.

Sta di fatto che domenica pomeriggio, inizio ore 18, ingresso unico 10€ (ridotto 8€), al Palatriccoli per Marulli e compagni è d’obbligo vincere. La squadra di Ghizzinardi è reduce dalla sconfitta di Matelica, quella di Coen da turno di riposo.

NOTA

Infine le condoglianze al direttore sportivo del Baset Academy Jesi Carlo Maria Audino per la perdita del babbo Carlo, socio e tifossisimo dell’Aurora basket, presenza fissa al Palatriccoli. 

POULE PROMOZIONE per A2

Intanto la Lega Nazionale Pallacanestro ha ufficializzato Ferrara quale sede ospitante della Poule Promozione del campionato di Serie B. L’evento si svolgerà nei giorni di venerdì 16, sabato 17 e domenica 18 giugno e vi parteciperanno le quattro formazioni vincitrici della finale playoff dei rispettivi tabelloni dove parteciperanno le prime quattro di ogni girone. La formula prevede un girone all’italiana, con la disputa di due gare al giorno, nei tre giorni: al termine, le prime due classificate saranno promosse alla Serie A2 2023-2024.

©riproduzione riservata

29º GIORNATA  30 aprile 2023 – Jesi-Ancona, Fabriano-Virtus Imola, Andrea Costa Imola-Rieti, Fiorenzuola-Ozzano, Piacenza-San Miniato, Faenza-Senigallia, Romagna-Empoli. Riposa Matelica 

CLASSIFICA Rieti 46, Faenza 42, Fabriano 36; Jesi 32; Ozzano, Piacenza 30; Ancona  28; Senigallia, Fiorenzuola, Andrea Costa Imola, Virtus Imola 26; Matelica 16; S. Miniato 12; Empoli 10; Tigers Romagna 6; Firenze 0

PROSSIMO TURNO 30º GIORNATA 7 maggio 2023 – Senigallia-Fabriano, Matelica-Fiorenzuola, Ozzano-Jesi, Empoli-Andrea Costa Imola, Virtus Imola-Piacenza, Ancona-Faenza, Rieti-Tigers Romagna. Riposa San Miniato

Play off per A2; play off per ammissione serie B; nuovo campionato Interregionale

 

REGOLAMENTO

FIRENZE si è ritirata. Al termine della stagione regolare le prime 4 squadre di ogni girone disputeranno due turni di play off incrociando il Girone A quello B e il girone C quello D. Due saliranno in A2. Le altre 14 squadre che hanno disputato i play off saranno ammesse in Serie B Elite stagione 2023/24. In serie B saranno ammesse anche 4 squadre per Girone vincitrici del turno di qualificazione al meglio delle 3 gare su 5, secondo questo schema: 5°-12°, 6°-11°, 7°-10°, 8°-9°. A completare la serie B le 5 squadre retrocesse dal campionato di Serie A2. Le squadre perdenti del turno di ammissione alla Serie B, assieme a quelle classificate dal 13° al 16° posto di ogni girone al termine della stagione regolare, saranno riposizionate nel nuovo campionato di Interregionale per la stagione 2023/24.

 




Basket serie B / La Ristopro vola in casa: 76-68 su Ancona e playoff assicurati

Fabriano si prende la B d’Elite con tre giornate di anticipo, 13° vittoria di fila al PalaChemiba. «Un risultato incredibile», dice coach Aniello

Luca Ciappelloni

CERRETO D’ESI, 16 aprile 2023 – La Ristopro vola ai playoff e alla B d’Elite 2023/24 con tre giornate di anticipo superando Ancona al termine di un match sempre condotto.

Petracca – Ristopro Fabriano

È l’ennesima perla stagionale della squadra di Daniele Aniello, che nella conferenza post partita parlerà di «un risultato incredibile, mi riempie il cuore vedere gente piangere nello spogliatoio per questo traguardo. Qualcuno ci avesse detto ad agosto che saremmo stati fra le prime quattro con tre giornate di anticipo, non so fino a che punto ci avremmo creduto».

La Ristopro si è costruita questo obiettivo, e lo ha raggiunto, con una stagione mai abbastanza lodata, giocando con sei senior da inizio campionato ed ora con cinque, dopo l’infortunio a Verri, che nella prossima settimana si sottoporrà all’operazione al legamento crociato del ginocchio.

La forza del collettivo ha permesso a Fabriano si superare anche questo ostacolo e non a caso nella partita decisiva per l’accesso ai playoff recita un ruolo primario uno dei giovani, Gulini, scelto in quintetto da Aniello nel ruolo di Verri e che ripaga il tecnico con una prestazione di grande spessore.

La Ristopro conduce dall’inizio, proprio con la fiammata di Gulini, ma Ancona resta in scia con un ottimo impatto dalla panchina degli under Reggiani e Czoska, nella serata in cui manca Giombini per una caviglia dolorante. Le sei triple fabrianesi nel primo quarto creano un primo solco (21-14 al 7’), subito colmato da Ancona che agguanta i locali sul 30-30 col canestro pesante di capitan Panzini.

Gli ospiti devono fare i conti col terzo fallo di Ciribeni e la coppia Papa-Stanic ne approfitta per far rimettere i suoi al comando (38-33 al 18’). Il break più pesante Fabriano lo confeziona nel terzo quarto, con un 10-0 che scuote la partita e regala ai locali il massimo vantaggio (56-44 al 27’). La squadra di Coen non si arrende con Ambrosin e Ciribeni, ma la rimonta non si completa mai perché Fabriano trova le giocate giuste nei momenti cruciali, come le due triple di fila di Petracca per il nuovo +11 a inizio ultimo quarto.

Centanni – Ristopro Fabriano

L’incursione di Centanni e le giocate di Stanic spingono i cartai verso il traguardo e danno il via alla festa con i tifosi.

Ristopro Fabriano: Papa 7, Centanni 20, Stanic 17, Fall 4, Verri ne, Stazi ne, Petracca 14, Gianoli ne, Carsetti ne, Gulini 14, Patrizi ne, Azzano. All. Aniello

Luciana Mosconi Ancona: Petrilli ne, Panzini 6, Czoska 8, Carnovali 3, Tamboura ne, Bedin 8, Ciribeni 20, Guerra, Reggiani 11, Ambrosin 12, Giombini ne, Piccionne. All. Coen

Arbitri: Roca di Avellino e Agnese di Barano d’Ischia

Parziali: 26-24, 41-37, 56-51
Foto di Marco Teatini

©riproduzione riservata

27º GIORNATA  –  Empoli-Ozzano 67-101, Andrea Costa Imola-Matelica 76-68, Senigallia-Virtus Imola 79-87, Fabriano-Ancona 76-68, Faenza-Piacenza 92-68, Tigers Romagna-San Miniato 82-73, Jesi-Fiorenzuola 78-62. Riposa Rieti

CLASSIFICA Rieti 44, Faenza 40, Fabriano 36; Jesi, 32; Ozzano 30; Piacenza, Ancona  28; Senigallia 26;  Fiorenzuola, Virtus Imola, Andrea Costa Imola 24; Matelica 14; S. Miniato 12; Empoli 10; Tigers Romagna 6; Firenze 0

PROSSIMO TURNO 28º GIORNATA

sabato 22 aprile 2023 – Ozzano-Piacenza, Rieti-Senigallia, Empoli-Faenza

domenica 23 aprile 2023 – San Miniato-Imola, Fiorenzuola-Fabriano, Virtus Imola-Tigers Romagna, Matelica-Jesi Riposa -Andrea Costa Imola

Play off per A2; play off per ammissione serie B; nuovo campionato Interregionale

 

REGOLAMENTO

FIRENZE si è ritirata. Al termine della stagione regolare le prime 4 squadre di ogni girone disputeranno due turni di play off incrociando, il girone C, quello D. Due saliranno in A2. Le altre 14 squadre che hanno disputato i play off saranno ammesse in Serie B stagione 2023/24. In serie B saranno ammesse anche 4 squadre per Girone vincitrici del turno di qualificazione al meglio delle 3 gare su 5, secondo questo schema: 5°-12°, 6°-11°, 7°-10°, 8°-9°. A completare la serie B le 5 squadre retrocesse dal campionato di Serie A2. Le squadre perdenti del turno di ammissione alla Serie B, assieme a quelle classificate dal 13° al 16° posto di ogni girone al termine della stagione regolare, saranno riposizionate nel nuovo campionato di Interregionale per la stagione 2023/24.

 




Basket serie B / Fabriano ospita Ancona, un derby che vale tanto per l’alta classifica

Domenica alle ore 18 a Cerreto. Assente Verri, in dubbio Fall. All’andata i dorici si imposero per 91-78. Ora inseguono, in classifica generale, a sei punti

FABRIANO, 14 aprile 2023 – Dopo quasi un mese, la Ristopro Janus Basket Fabriano torna a giocare davanti ai propri tifosi per ospitare domenica alle ore 18 la Luciana Mosconi Ancona.

Papa, Ristopro Fabriano

I biancoblù, nonostante la pesante assenza di Patrizio Verri, e con Fall in dubbio, stringono i denti nel finale di stagione per afferrare una delle prime quattro posizioni (leggi qui…) e il match contro i dorici sarà molto importante per questo obiettivo.

La squadra bianconeroverde, allenata dall’esperto Piero Coen, all’andata sconfisse i ragazzi di coach Daniele Aniello 91-78 (Stanic 22 punti, Papa 16, Centanni – foto in primo piano – 12, Verri 12), e attualmente occupa la quinta posizione con 28 punti, dunque a sei lunghezze di distanza dalla Ristopro.

Rispetto alla partita disputata l’11 dicembre al Pala Prometeo Estra, Ancona ha rinforzato il proprio roster inserendo il promettente esterno Francesco Reggiani e il play Filippo Guerra, che hanno rimpiazzato Nicola Calabrese e Mohamed Tourè.

Arbitreranno Roca di Avellino e Agnese di Barano d’Ischia

©riproduzione riservata

27º GIORNATA  –  Empoli-Ozzano (sabato 15), Andrea Costa Imola-Matelica, Senigallia-Virtus Imola, Fabriano-Ancona, Faenza-Piacenza, Tigers Romagna-San Miniato, Jesi-Fiorenzuola. Riposa Rieti

CLASSIFICA Rieti 44, Faenza 38, Fabriano 34; Jesi 30; Ozzano, Piacenza, Ancona  28; Senigallia 26;  Fiorenzuola 24; Virtus Imola, Andrea Costa Imola 22; Matelica 14; S. Miniato 12; Empoli 10; Tigers Romagna 4; Firenze 0

PROSSIMO TURNO 28º GIORNATA

sabato 22 aprile 2023 – Ozzano-Piacenza, Rieti-Senigallia, Empoli-Faenza

domenica 23 aprile 2023 – San Miniato-Imola, Fiorenzuola-Fabriano, Virtus Imola-Tigers Romagna, Matelica-Jesi Riposa -Andrea Costa Imola

Play off per A2; play off per ammissione serie B; nuovo campionato Interregionale

 

REGOLAMENTO

FIRENZE si è ritirata. Al termine della stagione regolare le prime 4 squadre di ogni girone disputeranno due turni di play off incrociando, il girone C, quello D. Due saliranno in A2. Le altre 14 squadre che hanno disputato i play off saranno ammesse in Serie B stagione 2023/24. In serie B saranno ammesse anche 4 squadre per Girone vincitrici del turno di qualificazione al meglio delle 3 gare su 5, secondo questo schema: 5°-12°, 6°-11°, 7°-10°, 8°-9°. A completare la serie B le 5 squadre retrocesse dal campionato di Serie A2. Le squadre perdenti del turno di ammissione alla Serie B, assieme a quelle classificate dal 13° al 16° posto di ogni girone al termine della stagione regolare, saranno riposizionate nel nuovo campionato di Interregionale per la stagione 2023/24.

 

 




Basket serie B / Via alla volata playoff, tutte le combinazioni per le marchigiane

La tabella statistica per gli ultimi quattro turni di stagione regolare, poi i play off ed i play in.  Come sono messe attualmente Fabriano, Jesi, Ancona, Senigallia 

Luca Ciappelloni

JESI, 12 aprile 2023 – Quattro marchigiane per due posti nei playoff.

A quattro giornate dal termine della Serie B, si avvicina il tempo dei verdetti con Fabriano, Jesi, Ancona e Senigallia a caccia dell’accesso alla B d’Elite 2023/24, che sarà garantita a chi si piazza nelle prime quattro posizioni in regular season e a chi vincerà il play-in riservato alle squadre dal 5° al 12° posto.

Ormai al sicuro Rieti e Faenza, restano in palio il terzo e il quarto posto, a cui concorrono le quattro formazioni della provincia di Ancona.

FABRIANO

Daniele Aniello

In pole position c’è la Ristopro Fabriano (34 punti), che con una vittoria nelle ultime quattro (16 aprile vs Ancona, 23 aprile a Fiorenzuola, 30 aprile vs Virtus Imola e 7 maggio a Senigallia) sarà pressoché certa dei playoff. Chiudendo a 36 punti, la squadra di Daniele Aniello sarebbe dentro a meno che Jesi e Piacenza facciano filotto nelle ultime quattro giornate, perché con Jesi a 38 e Piacenza a 36 i cartai sarebbero fuori a causa del confronto diretto sfavorevole con gli emiliani. Tutte le altre combinazioni sorridono alla Ristopro, che sarebbe qualificata, da quarta, in caso di triplice arrivo a 36 con le stesse Jesi e Piacenza per differenza canestri nella classifica avulsa (Piacenza +22, Fabriano -10, Jesi -12). Fabriano sarebbe almeno quarta anche se a 36 arrivasse insieme a Jesi e Ozzano, mentre Piacenza non potrebbe aggiungersi a quella quota proprio perché dovrà giocare con Ozzano. Infine, Ancona non potrebbe raggiungere Fabriano a 36 perché deve ancora scontare il turno di riposo e quindi al massimo chiuderà a 34.

JESI

Marcello Ghizzinardi

La General Contractor (30 punti), dopo la grande ascesa delle ultime settimane, può completare l’opera negli scontri diretti, che finora non gli hanno sorriso in stagione. Jesi infatti è indietro nei confronti di Fabriano (1-1 e -5) e di Piacenza (1-1 e -7) e parte di rincorsa anche con Ozzano e Ancona, con le quali ha perso la partita di andata rispettivamente di 7 e 18 punti. I due match di ritorno con i dorici in casa (30 aprile) e gli emiliani in trasferta (7 maggio) saranno decisivi per gli uomini di Ghizzinardi che, anche vincendo i precedenti due incontri con Fiorenzuola (16 aprile) e a Matelica (23 aprile), rischierebbero in caso di sconfitte con Ozzano e Ancona proprio per ragioni di classifica avulsa.

ANCONA

Piero Coen

La Luciana Mosconi Ancona (28 punti) ha un margine di errore azzerato per agganciare i primi quattro posti a causa del turno di riposo ancora da osservare. La squadra di Coen, dopo il ko nello scontro diretto a Ozzano, non ha alternative ad ottenere tre vittorie nelle altrettante partite da giocare (16 aprile a Fabriano, 30 aprile a Jesi e 7 maggio vs Faenza) per poi far valere la propria posizione favorevole negli scontri diretti. I dorici, battendo Ristopro e General Contractor, confermerebbero infatti di avere tutte le classifiche avulse favorevoli con le dirette concorrenti (con Piacenza 1-1 e +6, con Ozzano 1-1 e +5, con Senigallia 1-1 e +3) e in un multiplo arrivo a 34 metterebbero il naso avanti.

SENIGALLIA

Paolo Filippetti

La missione è ancora più proibitiva per la Goldengas Senigallia (26 punti), che al contrario di Ancona ha tutti gli scontri diretti sfavorevoli. La squadra di Filippetti, che ha compiuto un eccellente percorso fin qui, ha un cammino complesso (16 aprile vs Virtus Imola, 23 aprile a Rieti, 30 aprile a Faenza e 7 maggio vs Fabriano) e tutti gli incroci negativi (0-2 con Jesi e Piacenza, 1-1 e -12 con Ozzano, 1-1 e -3 con Ancona). L’obiettivo più realistico e altrettanto prezioso per la Goldengas appare quello di mantenersi entro l’ottava posizione che garantisce il play-in con il vantaggio del fattore campo. Giacomini e compagni, attualmente ottavi e dunque nell’ultima posizione utile, si giocano molto contro la Virtus Imola, con cui all’andata vinsero di 25. Se verrà raggiunta dalle altre inseguitrici, Senigallia sarebbe sotto con l’Andrea Costa Imola (1-1 e -2) e in lieve ritardo con Fiorenzuola, con cui è 1-1 e stessa differenza canestri negli scontri diretti, ma attualmente indietro nel quoziente canestri globale (0,987 contro 1,014).

©riproduzione riservata

nella foto di primo piano Gnecchi, Marulli, Stanic, Panzini

©riproduzione riservata

27º GIORNATA  –  Empoli-Ozzano (sabato 15), Andrea Costa Imola-Matelica, Senigallia-Virtus Imola, Fabriano-Ancona, Faenza-Piacenza, Tigers Romagna-San Miniato, Jesi-Fiorenzuola. Riposa Rieti

CLASSIFICA Rieti 44, Faenza 38, Fabriano 34; Jesi 30; Ozzano, Piacenza, Ancona  28; Senigallia 26;  Fiorenzuola 24; Virtus Imola, Andrea Costa Imola 22; Matelica 14; S. Miniato 12; Empoli 10; Tigers Romagna 4; Firenze 0

PROSSIMO TURNO 28º GIORNATA

sabato 22 aprile 2023 – Ozzano-Piacenza, Rieti-Senigallia, Empoli-Faenza

domenica 23 aprile 2023 – San Miniato-Imola, Fiorenzuola-Fabriano, Virtus Imola-Tigers Romagna, Matelica-Jesi Riposa -Andrea Costa Imola

Play off per A2; play off per ammissione serie B; nuovo campionato Interregionale

 

REGOLAMENTO

FIRENZE si è ritirata. Al termine della stagione regolare le prime 4 squadre di ogni girone disputeranno due turni di play off incrociando, il girone C, quello D. Due saliranno in A2. Le altre 14 squadre che hanno disputato i play off saranno ammesse in Serie B stagione 2023/24. In serie B saranno ammesse anche 4 squadre per Girone vincitrici del turno di qualificazione al meglio delle 3 gare su 5, secondo questo schema: 5°-12°, 6°-11°, 7°-10°, 8°-9°. A completare la serie B le 5 squadre retrocesse dal campionato di Serie A2. Le squadre perdenti del turno di ammissione alla Serie B, assieme a quelle classificate dal 13° al 16° posto di ogni girone al termine della stagione regolare, saranno riposizionate nel nuovo campionato di Interregionale per la stagione 2023/24.




Basket serie B / Dopo la sosta, rush finale per evitare la futura B Interregionale

La riforma dei campionati renderà ogni giornata tesisissima per la corsa all’ammissione alla B Elite: tra chi sta bene (Fabriano), chi sta in mezzo (Jesi, Ancona, Senigallia) e chi sta peggio (Matelica) il punto della situazione

SENIGALLIA, 10 Marzo 2023 – Cinque squadre, un solo obiettivo: centrare la serie B Elite, o come si chiamerà il futuro campionato di livello superiore in cui l’attuale B unica si dividerà dal 2023-24.

Una riforma che ha fatto discutere e che continua a farlo, ancor più dopo che negli ultimi giorni è stato annunciato, tra le altre cose, che non ci sarà più l’obbligo degli under (attualmente 3 su 10 o 5 su 12) nel futuro campionato: se tra le finalità dell’improvvisata riforma c’era quella di dare spazio ai giovani, certo la strada non è questa.

Ma ora Ristopro Fabriano, General Contractor Jesi, Luciana Mosconi Ancona, Goldengas Senigallia e Halley Matelica devono pensare al presente, e ad arrivarci, nella futura B Elite: perché l’obiettivo, per tutte, alla ripresa del torneo dopo la sosta di questa settimana per le finali di Coppa Italia (Ancona sarà comunque in campo anticipando la sua partita contro Fiorenzuola alle 20.30 dell’11 marzo) sarà lo stesso.

Il modo più rapido per farlo è arrivare tra le prime quattro, garantendosi, assieme ai play-off per la serie A2, la sicura presenza nella B Elite 2023-24: chi sta meglio da questo punto di vista è Fabriano, che con 30 punti nonostante il netto ko di Piacenza è a +8 sulla quinta in classifica.

Bagarre totale sotto, con Ancona e Jesi nel gruppo a 22: per entrambe obiettivo quarto posto, o almeno un piazzamento che permetta di giocare i play-off di spareggio per la B Elite (dalla quinta alla dodicesima piazza, turno unico al meglio delle 5 partite) contro un avversario più abbordabile.

Pare stare meglio Jesi, che pur non convincendo contro i Tigers Romagna può ora disporre di una addizione importante sotto canestro, quella del neo-arrivato Varaschin, lo scorso anno uno dei migliori giocatori dell’intera B: e Calabrese, giunto tra gli esterni al posto del partente Rocchi, ha già dimostrato di poter essere utile.

Certo, l’infortunio di Gatti (un mese) è una brutta tegola.

A proposito di infortuni, chi sta peggio di tutti è Senigallia: fin da inizio stagione coach Filippetti ha dovuto fare i conti con gli acciacchi e poi con le assenze di lunga data prima di Santucci e poi di Giannini.

La Goldengas, con 20 punti, in nona piazza, pare ormai dentro le prime 12 (+10 sul Matelica e 2-0 negli scontri diretti) ma per avere qualche chance in più nei play-off dovrà provare ad arrivare almeno ottava, guadagnandosi così il fattore campo nella post season.

Chi è davanti è vicino, ma gli scontri diretti sono tutti sfavorevoli per la Goldengas: serve un salto di qualità nel gioco e nell’intensità difensiva (75 punti subiti a gara, troppi); serve però pure recuperare anche qualche giocatore, prima Giannini, il cui rientro sarà in tempi più brevi, poi Santucci, sperando che il giocatore sia quello delle prime 11 gare, quando viaggiava a quasi 20 punti di media.

Chiusura con Matelica, che – tredicesima a 10 punti – ha ormai un solo obiettivo: arrivare dodicesima e tentare poi l’impresa nei play-off spareggio contro la quinta classificata del girone C (quest’anno infatti, la post season non prevede incroci tra i vari gruppi): da questo punto di vista, il ko interno contro Senigallia, soprattutto per come è arrivato, rappresenta un passo indietro e una delusione ma c’è ancora tempo.

Ci sono 8 giornate per farcela ma a Matelica non basterà agganciare San Miniato, che ha 2 punti in più, ma anche lo scontro diretto favorevole: dovrà, dunque, superarlo in classifica, o sarà B Interregionale direttamente, senza passare per gli spareggi 3 su 5.

 

©riproduzione riservata

23º GIORNATA  – domenica 19 marzo 2023 – Ancona-Fiorenzuola (sabato 11 marzo), Empoli-Jesi (sabato 18 marzo), Senigallia-San Miniato, Andrea Costa Imola-Piacenza, Faenza-Matelica, Fabriano-Rieti, Tigers Romagna-Ozzano. Riposa Virtus Imola

CLASSIFICA Rieti 40, Faenza 34, Fabriano 30; Piacenza 24; Fiorenzuola, Ancona, Ozzano, Jesi 22; Senigallia, Virtus Imola 20; Andrea Costa Imola 18; S. Miniato 12; Matelica 10; Empoli 8; Tigers Romagna 4; Firenze 0

PROSSIMO TURNO 24º GIORNATA domenica 26 marzo 2023 –  Ozzano-Fabriano (sabato 25 marzo), San Miniato-Tigers Romagna, Jesi-Andrea Costa Imola, Matelica-Rieti, Fiorenzuola-Senigallia, Virtus Imola-Ancona. Riposa Empoli

Play off per A2; play off per ammissione serie B; nuovo campionato Interregionale

 

REGOLAMENTO

FIRENZE si è ritirata. Al termine della stagione regolare le prime 4 squadre di ogni girone disputeranno due turni di play off incrociando, il girone C, quello D. Due saliranno in A2. Le altre 14 squadre che hanno disputato i play off saranno ammesse in Serie B stagione 2023/24. In serie B saranno ammesse anche 4 squadre per Girone vincitrici del turno di qualificazione al meglio delle 3 gare su 5, secondo questo schema: 5°-12°, 6°-11°, 7°-10°, 8°-9°. A completare la serie B le 5 squadre retrocesse dal campionato di Serie A2. Le squadre perdenti del turno di ammissione alla Serie B, assieme a quelle classificate dal 13° al 16° posto di ogni girone al termine della stagione regolare, saranno riposizionate nel nuovo campionato di Interregionale per la stagione 2023/24.




Basket serie B / Ancona batte Senigallia e la distanza di 6 punti in classifica

La Luciana Mosconi vince 84-75 sulla Goldengas ribaltando anche il -6 dell’andata

SENIGALLIA,  29 Gennaio 2023 – Seconda vittoria consecutiva per la Luciana Mosconi che batte 84-75 nel derby la Goldengas, ribaltando anche il -6 dell’andata; per Senigallia invece è la quinta sconfitta consecutiva, l’ottava nelle ultime nove partite.

Rispetto al match contro Piacenza Giacomini & co. hanno offerto una prestazione migliore ma anche stavolta gli ultimi 20’ sono stati sfavorevoli e non ci si può certo accontentare di qualche progresso dopo l’ennesima sconfitta in fotocopia, ancora con ben 84 punti incassati: la reazione c’è stata, e finita sotto nel punteggio la Goldengas non è crollata come a Fabriano e con Piacenza ma è arrivato comunque un nuovo ko, ancora piuttosto netto e caratterizzato da un evidente calo nella seconda metà di gara. 

Al via, la Luciana Mosconi presenta nello starting five l’ex Bedin, mentre l’altro ex, quello senigalliese (Pozzetti) parte seduto sostituito da Lemmi.

Sono proprio Lemmi e Pozzetti a propiziare il break di 7-0 che permette alla Goldengas di chiudere in vantaggio un primo periodo equilibrato (18-19).

Tanti errori nel tiro da fuori da ambo le parti a metà gara (la Mosconi ha 2/16, la Goldengas 4/18) e all’intervallo lungo l’equilibrio rimane costante: 35-34 per i locali.

La Goldengas per l’ennesima volta in questa stagione rientra male sul parquet: Ciribeni ha un’autostrada davanti e va a depositare il +6, massimo vantaggio (42-36 al 22’) costringendo Filippetti al time-out.

Senigallia però c’è, fa girare bene la palla in attacco e Neri la rimette avanti da fuori (46-47 al 26’), poi protesta per una tripla non convalidata a Giacomini perché scagliata a detta degli arbitri a 24’’ scaduti.

Sono i canestri di Ciribeni (13 punti nella terza frazione) a far allungare di nuovo il quintetto di Coen (58-50 al 29’, nuovo massimo vantaggio): al suono della terza sirena 60-52.

Senigallia, a differenza di quanto successo nella disastrosa prestazione di 7 giorni prima contro Piacenza, stavolta lotta, ma Ancona ha dalla sua tutta la leadership di Panzini, che piazza la tripla centrale che tiene a distanza la Goldengas (66-56 al 33’), replicando poi per il nuovo massimo vantaggio dorico (69-56 al 35’). 

Senigallia alza la pressione difensiva ma Coen trova risorse importanti anche da Calabrese (82-68 al 38’) conquistando un successo legittimo.

Finisce 84-75 con Ancona che ha la palla in mano senza che Senigallia provi nemmeno a fermare il cronometro per conservare la differenza canestri, con Ancona ora a un +6.

LUCIANA MOSCONI ANCONA – Panzini 14, Calabrese 15, Ciribeni 21, Giombini 8, Bedin 12; Piccionne ne, Guerra 4, Reggiani, Carnovali 4, Czoska, Tamboura ne, Ambrosin 6.

All. Coen

GOLDENGAS SENIGALLIA – Giacomini 15, Giannini 9, Neri 6, Lemmi 8, Musci 18; Valle 3, Valletti ne, Camilletti ne, Gnecchi 3, Marini ne, Cerruti 3, Pozzetti 10.

All. Filippetti

Arbitri – Vittori di Castorano (Ap) e Scaramellini di Colli al Metauro (Pu)

Parziali – 18-19 35-34 60-52 84-75

©riproduzione riservata

17º GIORNATA  – Ozzano-Matelica 79-68, Virtus Imola-Faenza 74-89, San Miniato-Rieti 69-73, Piacenza-Jesi 83-75, Fiorenzuola-Empoli 97-87, Ancona-Senigallia 84-75, Fabriano-Andrea Costa Imola 79-73. Riposa Romagna

CLASSIFICA Rieti 30, Faenza 26, Fabriano 24; Ancona, Piacenza, Fiorenzuola 20; Ozzano 18; Virtus Imola, Jesi 16; Senigallia 14; Andrea Costa Imola 12; S. Miniato 10; Matelica, Empoli, Tigers Romagna 4; Firenze 0

PROSSIMO TURNO 18º GIORNATA domenica  5 febbario 2023 –  Empoli-Piacenza, Jesi-San Miniato, Romagna-Fabriano, Matelica-Virtus Imola, Rieti-Ozzano, Faenza-Fiorenzuola, Andrea Costa Imola-Ancona. Riposa Senigallia

Play off per A2; play off per ammissione serie B; nuovo campionato Interregionale

 

REGOLAMENTO

FIRENZE si è ritirata. Al termine della stagione regolare le prime 4 squadre di ogni girone disputeranno due turni di play off incrociando, il girone C, quello D. Due saliranno in A2. Le altre 14 squadre che hanno disputato i play off saranno ammesse in Serie B stagione 2023/24. In serie B saranno ammesse anche 4 squadre per Girone vincitrici del turno di qualificazione al meglio delle 3 gare su 5, secondo questo schema: 5°-12°, 6°-11°, 7°-10°, 8°-9°. A completare la serie B le 5 squadre retrocesse dal campionato di Serie A2. Le squadre perdenti del turno di ammissione alla Serie B, assieme a quelle classificate dal 13° al 16° posto di ogni girone al termine della stagione regolare, saranno riposizionate nel nuovo campionato di Interregionale per la stagione 2023/24.

 




Basket serie B / Ancona – Jesi, il derby visto dai team manager

Le sensazioni della vigilia di Daniele Giachi “Ghiaccio” e Nelson Rizzitiello nel pre pèartita della prima uscita del nuovo anno 

JESI, 7 gennaio 2023 – Prima partita del 2023, penultima giornata del girone di andata, ultima esterna di questa prima fase del torneo.

La General Contractor Jesi inaugura il nuovo anno con un big match, il derby contro Ancona.

Sfida numero 6 tra le due marchigiane, che dal 2019 vede un bilancio positivo a favore dei leoncelli, 3 match vinti contro i 2 dei dorici, l’ultimo disputato il 06/03/22 a Jesi con vittoria dei locali 82-60 .

La prima fase di stagione ha avuto un esito nel complesso positivo per gli jesini che, nonostante qualche battuta d’arresto, si ritrovano ai vertici della classifica posizionati alla 4º posizione a quota 16 punti (8 vittorie e 5 sconfitte), dunque in piena corsa playoff per accedere alla serie A2. Si era iniziato questa estate con il passaggio formale ad una nuova società, la Basket Jesi Academy nata per poter far fronte alle esigenze finanziarie cosi da riuscire a portare avanti il progetto di rendere la prima squadra della pallacanestro jesina tra le protagoniste del campionato nonché dello sport cittadino.

Un roster di indubbia qualità a cominciare dal ritorno in panchina di coach Ghizzinardi fino all’inserimento di giocatori di spessore con esperienza maturata in A2 come il play Daniele Merletto e Roberto Marulli ma anche l’under ala Patrick Gatti e il lungo Filippini, che insieme a giocatori che si erano già messi in luce nella passata stagione, e che anche nel corso di questa stanno dimostrando ampiamente le loro capacità come Ferraro e Rocchi, formano un quintetto tra i più competitivi del girone e la classifica lo dimostra.

La Luciana Mosconi dalla sua, è una rivale che specie nei match disputati in casa, ha sempre mostrato grande cuore e polmoni, potendo anche contare sul supporto di un pubblico caloroso e molto affiatato. Ancora una volta la guida del quintetto è stata affidata al dorico Piero Coen, che ha allestito una squadra rimanendo fedele al suo credo: difesa dura, organizzazione di ferro e tatticismi al limite dell’esasperazione con il chiaro obiettivo di conservare la categoria  ma non disdegnando mai neppure il sogno di arrivare tra le prime quattro. Attualmente i biancoverdi si trovano al 10º posto a quota 14 punti 7 vittorie e 6 sconfitte.

L’ultimo match, prima del break, era stato disputato a Firenze e perso 82-74. Coen non potrà più contare su Tourè, nei giorni scorsi rescisso, ma nel contempo si è aggregato al gruppo il play guardia Filippo Guerra, classe 1997 con esperienze in B tra le quali Piacenza, Soresina, Palermo, Torrenova e Piacenza. Per non parlare di garanzie come Ambrosin, Giombini e Ciribeni, tutti giocatori andati già in doppia cifra come anche un punto di riferimento in mezzo all’area Bedin, protagonista della stagione d’oro di Senigallia.

Le dichiarazioni pre- match di due bandiere nonché ex compagni di squadra delle rispettive compagini: Daniele Giachi “Ghiaccio”, attuale team manager Luciana Mosconi e Nelson Rizzitiello, general manager della General Contractor.

Daniele Giachi “Ghiaccio”

“Nel  2001 ho avuto la fortuna di partecipare al mio primo campionato di A2 con la Sicc Jesi e allo stesso tempo insieme al mio carissimo amico Nelson abbiamo disputato il campionato juniores arrivando alla fase nazionale raggiungendo per la prima volta con l’allora società Sicc questo importante risultato. È stato per me un anno fantastico che grazie a Mizio Palanca (allenatore Juniores) e poi il coach Mazzon e a seguire Andrea Zanchi mi hanno fatto crescere in maniera esponenziale. Chiaro che avere un capitano come Lupo Rossini fa poi la differenza. Un bel capitolo della mia carriera che mi porterò nel cuore”. Riguardo al derby aggiunge: “Ci sono molti ex oltre a me, chiaramente parlo del mio coach Piero Coen e il nostro 2º assistente Maurizio Rossetti, jesino doc. Un derby è sempre una partita diversa dalle altre ma che ti da una carica maggiore e ti porta ad allenarti sempre al massimo senza risparmiarsi. In queste settimane di sosta ci siamo allenati sempre mattina e pomeriggio facendo degli ottimi allenamenti e soprattutto divertendoci. Purtroppo l’influenza di stagione è arrivata anche da noi ma per fortuna in questa settimana di preparazione siamo stati al completo. La nostra è una squadra molto giovane ma guardando il match vinto in casa con Fabriano possiamo benissimo giocarcele fino in fondo e chiaramente domenica daremo il tutto per portarla a casa”.  Riguardo Jesi dichiara: “A mio avviso è una ottima squadra coperta in qualsiasi ruolo e con molti giocatori esperti della categoria, hanno disputato un buon inizio campionato poi calato nella fase centrale ma comunque una bella squadra solida. Che dire, è un derby e non ci sarà una squadra favorita. Chi si aggiudicherà la gara dovrà mettere in campo la giusta determinazione, la giusta grinta e attenzione. Ogni partita è a se e a maggior ragione un derby, noi ci faremo trovare pronti a dare il massimo.”

Rizzitiello – Ghizzinardi

La replica di Rizzitiello: “Anche la nostra squadra si è allenata duramente durante la sosta natalizia. Abbiamo cercato di curare sopratutto la parte atletica, fatto il possibile  per recuperare gli infortuni più altre cose organizzative. Questa settimana ovviamente è stata tutta completamente incentrata in vista della sfida di domenica, per fortuna senza vittime dell’influenza stagionale. Un derby è sempre una partita ostica per di più la prima dell’anno. Già contro ci abbiamo disputato tre amichevoli. Mi aspetto una bellissima partita, tosta, con due grandi allenatori da ambo le parti. Sarà uno scontro combattuto all’ultimo canestro. Per me poi sarà la prima volta a viverlo  fuori dal campo, una sensazione particolare. Il mio amico Daniele dall’altra è un evergreen. Nonostante si sia ormai ritirato dalle competizioni, non rinuncia a quella canotta e ancora continua ad allenarsi, un inossidabile! A parte gli scherzi, massima concentrazione dimostrata da parte di tutto lo staff e dalla squadra, come da professionisti. Siamo carichi e pronti anche noi”.  Dando un primo giudizio sull’avversaria dichiara: “Ancona è una squadra giovane e combattente, come tutte le squadre di Coen, abile a trasmettere la sua impronta di energia e molto preparato a livello tecnico. Riesce a mettere un giocatore in condizione di esprimersi bene, avendolo vissuto come coach posso dire questo di lui. Anche loro, come noi, hanno avuto alti e bassi per poi infine riprendersi. Il girone, tirando lo somme, è ancora equilibrato e a parte poche eccezioni che stanno dominando come Rieti, Faenza ed anche Fabriano per il resto siamo tutte lì, più o meno a pari passo. Il campionato è ancora tutto da scrivere, direi.”

 

©riproduzione riservata

 

14º GIORNATA domenica 8 gennaio 2023 – Ozzano-Fiorenzuola (7 gennaio), Empoli-Romagna, San Miniato-Piacenza, Virtus Imola-Fabriano, Ancona-Jesi, Matelica-Firenze 20-0 a tavolino, Senigallia-Faenza, Rieti-Andrea Costa Imola

CLASSIFICA 13º giornata – Rieti 24, Fabriano, Faenza 20, Jesi, Firenze, V.Imola 16, Piacenza, Fiorenzuola, Ozzano, Senigallia, Ancona 14, Imola 10, S. Miniato 8, Empoli 4, Matelica, Tigers Romagna 2

PROSSIMO TURNO 15º GIORNATA domenica 15 gennaio 2023 – Piacenza-Virtus Imola, Fiorenzuola-Matelica, Firenze-San Miniato, Jesi-Ozzano, Fabriano-Senigallia, Faenza-Ancona, Romagna-Rieti, Andrea Costa Imola-Empoli

Play off per A2; play off per ammissione serie B; nuovo campionato Interregionale

FIRENZE BASKET SI RITIRA, COSA SUCCEDE

Firenze quasi certamente non ci sarà più e come tutti oramai sanno domani non si presenterà a Matelica con la ormazione di Trullo che avrà partita vinta per 20-0. La mancata disputa della partita è insomma l’anticamera del definitivo addio di Firenze, che scatterà alla seconda rinuncia consecutiva e pertanto sarà ratificato il 15 gennaio quando sarebbe in programma la partita contro San Miniato. La rinuncia dei fiorentini provocherà anche una modifica alla classifica attuale con la perdita dei punti per le squadre che hanno battuto i gigliati, ossia Rieti, Faenza, Fabriano, Jesi e Virtus Imola. Alla luce di ciò, Rieti scenderebbe a 22 punti, la coppia Faenza-Fabriano a 18, mentre Jesi e Virtus Imola verrebbero risucchiate nel gruppone a 14 in compagnia di Ancona, Senigallia, Piacenza, Fiorenzuola e Ozzano. L’altra novità riguarderebbe la lotta salvezza: Firenze sarebbe considerata fra le retrocesse, pertanto solo le ultime tre classificate della regular season, anziché quattro, scenderanno nella nuova C interregionale.

REGOLAMENTO

Al termine della stagione regolare le prime 4 squadre di ogni girone disputeranno due turni di play off incrociando, il girone C, quello D. Due saliranno in A2. Le altre 14 squadre che hanno disputato i play off saranno ammesse in Serie B stagione 2023/24. In serie B saranno ammesse anche 4 squadre per Girone vincitrici del turno di qualificazione al meglio delle 3 gare su 5, secondo questo schema: 5°-12°, 6°-11°, 7°-10°, 8°-9°. A completare la serie B le 5 squadre retrocesse dal campionato di Serie A2. Le squadre perdenti del turno di ammissione alla Serie B, assieme a quelle classificate dal 13° al 16° posto di ogni girone al termine della stagione regolare, saranno riposizionate nel nuovo campionato di Interregionale per la stagione 2023/24.

.




Basket serie B / Ancona mette la museruola a Fabriano e vince il derby, 91-78

Si ferma dopo sette vittorie consecutive la cavalcata della squadra di Aniello mentre quella di Coen si rilancia alla grande

FABRIANO, 11 dicembre 2022 – Partita difficile per Fabriano che cede in Ancona e che perde anche con largo scarto.

Va considerato tuttavia che in fase di realizzazione negli ultimi dieci minuti di gara, iniziato con un +2 interno (54-52), i padroni di casa hanno centrato tutto, prendendo il largo e vincendo quasi a mani basse.

Per il resto, i primi tre periodi, sono stati davvero equilibrati con Fabriano che ha dimostrato di essere all’altezza del campionato e che le sette vittorie consecutive precedenti sono state frutto di valori e di capacità indubbie sia di squadra che dei singoli.

Luciana Mosconi Ancona – Giombini 20 (6/6, 2/7), Ciribeni 18 (3/4, 3/8), Bedin 15 (7/8, 0/0), Panzini 11 (1/1, 3/8), Ambrosin 10 (1/1, 2/7), Toure 9 (0/0, 2/4), Carnevali 8 (1/2, 2/6), Calabrese, Czoska, Petrilli, Piccionne

Ristopro Fabriano –   Stanic 22 (6/8, 3/7), Papa 16 (5/5, 2/5), Centanni 12 (0/2, 4/11), Verri 12 (3/3, 1/3), Gulini 9 (2/2, 1/3), Fall 4 (2/2, 0/3), Petracca 3 (0/0, 1/7), Azzano, Patrizi, Gianoli

Parziali – 16-18, 22-20, 16-14, 37-26

©riproduzione riservata

 

RISULTATI 12° giornata – Matelica-Andrea Costa Imola 65-70, Ozzano-Empoli 75-43, Virtus Imola-Senigallia 59-84, Fiorenzuola-Jesi 68-72, Ancona-Fabriano 102-85, Piacenza-Faenza 55-87, San Miniato-Romagna 74-60, Rieti-Firenze 81-64

CLASSIFICA 12º giornata – Rieti 22, Fabriano, Faenza 18, Piacenza, Firenze, Fiorenzuola, V. Imola, Senigallia, Ancona, Jesi 14, Ozzano 12, S. Miniato, Imola 8, Empoli 4, Tigers Romagna* 2, Matelica* 0.

PROSSIMO TURNO 13º GIORNATA domenica 18 dicembre – Firenze-Ancona, Senigallia-Rieti, Romagna-Imola, Faenza-Empoli, Piacenza-Ozzano, Fabriano-Fiorenzuola, Andrea Costa Imola-San Miniato, Jesi-Matelica (ore 20)




Basket serie B / Matelica, quinta sconfitta consecutiva: continua la serie negativa

Il quintetto matelicese sconfitto al palaRossini di Ancona: 94-79. Domencia derbyssimo a Castelraimondo contro la Ristopro Fabriano

MATELICA, 31 ottobre 2022 – Altra sconfitta che lascia l’amaro in bocca con la solita Halley Matelica che se la gioca per tre quarti sul campo della Luciana Mosconi Ancona per poi entrare nel solito blackout che cancella tutto quello che di buono ha fatto e sudato.

Matelica comanda le operazioni per tutto il primo quarto, nel quale tocca addirittura il +10 e chiude 18-23.

All’intervallo lungo 37-31.

La Luciana Mosconi rientra dagli spogliatoi vogliosa di dare la spallata ma la Halley  è in partita e a fine terzo quarto Ancona è avanti di misura: 60-58.  A questo punto Ambrosin e Panzini suonano la carica, la Vigor non reagisce in alcun modo e così, senza strafare, la Mosconi scappa via, decollando indisturbata fino alla sirena finale: 94-79. Domenica prossima il derbyssimo a Castelraimondo contro la Ristopro Fabriano.

Questo il commento di coach Cecchini a fine partita: «Oggi abbiamo interpretato bene la gara da un punto di vista offensivo, ci ha tradito non tanto qualche scelta scellerata quanto una difesa largamente più sottotono rispetto ad altre volte. Abbiamo costruito buoni tiri, fatto buone letture e portato la palla dove volevamo, ma non abbiamo avuto le percentuali giuste nei momenti cruciali della partita. Di colpo poi ci è venuta a mancare la difesa e parlo soprattutto dell’ultimo quarto, quando Ancona ha segnato sempre. Già nei primi 30’ qualche errore di troppo ci è costato il non riuscire a mantenere i 10 punti di vantaggio del primo periodo e anche stavolta abbiamo preso canestri sulla sirena del 24° secondo, ma siamo sempre stati bravi a riprendere l’inerzia in mano. Nel quarto periodo ci è scappata via e non siamo più riusciti a reagire, negli ultimi minuti abbiamo provato ad accelerare ma loro sono stati bravi a non perdere il bandolo della matassa. In questo momento siamo in una condizione di grande insicurezza emotiva, come normale dopo una serie di sconfitte così, per cui la gara con Fabriano paradossalmente, per quanto sarà difficile, ti metterà l’adrenalina giusta addosso: magari quelle motivazioni di una partita così ci daranno la spinta in più che ci sta mancando».

ANCONA – Petrilli ne, Panzini 19, Piccionne 1, Carnovali 6, Calabrese 12, Bedin 5, Ciribeni 18, Tourè 2, Ambrosin 20, Giombini 11. All.: Coen.

MATELICA – Provvidenza 3, Fianchini, Mentonelli 2, Brugnola, Seck 10, Vissani, Gallo 20, Caroli 3, Polselli 7, Riccio 14, Paglia 12, Enihe 8. All.: Cecchini.

ARBITRI – Castello, Zanelli.

PARZIALI – 18-23, 19-8, 23-27, 34-21

©riproduzione riservata

 

RISULTATI: Ozzano – San Miniato 76-67, Senigallia – Andrea Costa Imola 71-59, Ancona – Matelica 94-79, Fabriano – Jesi 87-78 (Centanni 29- Rocchi 19), Firenze – Empoli 105-77, Faenza – Romagna 83-58, Virtus Imola – Fiorenzuola 71-72, Piacenza – Rieti 75-93

CLASSIFICA: Rieti 10; Firenze, Faenza 8; Basket Jesi, Senigallia, Fabriano, Piacenza, Ozzano, Fiorenzuola, Ancona 6; Virtus Imola, Costa Imola, San Miniato 4; Matelica, Empoli, Romagna 0

PROSSIMO TURNO: Ozzano – Firenze, Empoli – Senigallia, Matelica – Fabriano, San Miniato – Virtus Imola, Reti – Ancona, Jesi – Faenza, Fiorenzuola – Piacenza, Andrea Costa Imola – Romagna




Basket serie B / Derby al Palarossini: Ancona-Matelica

Il quintetto di Coen in cerca di conferme per dare continuità ai propri risultati, quello di Cecchini per vincere la prima partita in serie B

MATELICA, 29 ottobre 2022 – Derby domenica pomerigigo alle ore 18 al PalaRossini di Ancona tra la Luciana Mosconi di coach Piero Coen e l’Halley Matelica di coach Lorenzo Cecchini.

La prima sfida in serie B dopo quelle che in tanti ricordano quando le due società militavano in serie C l’ultima delle quali nella stagione dove proprio Ancona salì in serie B: 2017-2018.

4 punti in classifica i dorici, 0 la neopromossa Matelica.

Piero Coen

Sul fronte Ancona la gara deve servire per dare continuità ai risultati, nell’ultimo turno la Mosconi ha vinto ad Empoli, e per migliorare nel rendimento.

In casa Matelica invece, a parte la curiosità che dopo il primo derby marchigiano ne seguirà altri due consecutivi con Fabriano in casa e a Senigallia, si punta a sbloccare la situazione per la conquista del primo sigillo in assoluto nel campionato di serie B.

Servirà dunque un Matelica a pieni giri per affrontare ed avere la meglio di una squadra fisica che fa della difesa e dell’organizzazione la sua forza . Servirà un quintetto solido che giochi con costanza e continuità per tutti i 40’ per provare a fare il colpo grosso.

La gara sarà trasmessa in diretta streaming per abbonati su LNP Pass  ed aggiornamenti live sui canali social Facebook e Instagram del club.

Il match sarà trasmesso in differita lunedì alle 21 su Fm Tv (canale 75 del digitale terrestre).

©riproduzione riservata

foto dalla pagina facebook del club Matelica basket



Serie B / Senigallia vince con 30′ di qualità, Ancona non trova scusanti

La Goldengas si gode il successo nel derby anche se deve ancora crescere, da parte dorica niente scuse: “dovevamo fare di più”

SENIGALLIA, 11 ottobre 2022 – Riscatto Senigallia nell’esordio interno.

 

La seconda giornata di serie B ha in gran parte ribaltato i verdetti dell’esordio, quando avevano vinto Luciana Mosconi Ancona, Ristopro Fabriano e General Contractor Jesi, mentre la sola Goldengas Senigallia aveva perso.

Domenica, solo Jesi si è confermata, bagnando l’esordio interno al PalaTriccoli con la vittoria 71-70 sul Piacenza, che conferma gli jesini a punteggio pieno a quota 4.

Non si è ripetuta invece la Ristopro Fabriano, battuta a Imola dall’Andrea Costa (70-65), così come la Luciana Mosconi, sconfitta 76-70 a Senigallia dalla Goldengas: tutte e tre ora sono a quota 2 in classifica con una vittoria ed una sconfitta.

L’attenzione era tutta sul derby del PalaPanzini, una partita che non ha deluso i 700 presenti, pur tra alti e bassi ripetuti da parte di entrambe nel corso del match.

Alla fine si è imposta la Goldengas, guidata dall’anconetano Paolo Filippetti:

“da anconetano per me era una partita particolaresottolinea – ma ci tengo a dire che i rapporti con la Luciana Mosconi sono ottimi e ho da tempo grande stima del loro coach Coen.

È stata una bella giornata di sport, con grande correttezza sul parquet e sugli spalti, testimoniata dagli striscioni di vicinanza di Ancona a Senigallia vittima dell’alluvione.

C’era una bel clima”.

“Sul piano del match giocato – continua il tecnico, primo anno alla Goldengas – nell’ultimo quarto, recuperando da -8, ho visto la reazione che non avevo visto la settimana precedente a Piacenza. 

Per 30 minuti abbiamo fatto davvero buone cose, nel terzo periodo invece c’è stato un black-out totale: ecco, su questo aspetto dovremo lavorare, capendone i motivi perché in quei 10 minuti abbiamo davvero sbagliato di tutto, anche cose semplici e dobbiamo capirne le cause.

Vorrei però che questi 10 minuti non offuschino quanto fatto negli altri 30: nel precampionato abbiamo avuto grandi problemi di infortuni, ci siamo allenati poco al completo, insomma ci sta che dobbiamo ancora crescere”. 

Senigallia spera di avere buone risposte anche dall’infermeria: Pozzetti, altro anconetano che ancora una volta ha saputo essere letale contro la sua ex squadra, pur concludendo il match è apparso malconcio per una brutta botta al ginocchio.

Da parte dorica, coach Coen non trova scuse: 

“gli infortuni ci hanno accorciato le rotazioni ma questo non deve diventare un alibi – sottolinea l’allenatore della Luciana Mosconi – A un certo punto eravamo nelle condizioni di portare a casa il match ma proprio quando dovevamo fare lo sforzo in più abbiamo completamente ceduto: abbiamo bisogno di lavorare ancora tanto in palestra, ognuno di noi deve dare molto di più”.

©riproduzione riservata




Serie B / Match intensissimo, il derby è di Senigallia

La Goldengas batte la Mosconi Ancona 76-70 dopo aver recuperato da -8 nell’ultimo periodo

SENIGALLIA, 9 ottobre 2022 – Il derby tra Senigallia e Ancona non delude, e dopo tre successi consecutivi dei dorici, coppa compresa, il primo della stagione riconsegna la vittoria alla Goldengas, che si impone 76-70.

Derby acceso, di altissimo livello agonistico ma corretto, anche sugli spalti nonostante un PalaPanzini caliente.

Sul piano del gioco, meglio i primi 20’, che Senigallia chiude avanti 45-37 dopo il 23-21 del 10’.

Sul +12 (51-39) con gli ospiti già in bonus, il match sembra in mano alla Goldengas che però va in confusione totale appena la Mosconi alza l’aggressività: il terzo periodo è ottimo per il CampettoStamura e semplicemente inguardabile per i locali, che si ritrovano sotto 53-61 al 32’.

Qui, però, arriva un’altra svolta col contributo anche di chi non ti aspetteresti: il baby Valle ad esempio, che impatta a 66 al 34’ con il suo unico, ma pesantissimo, canestro del match, poi è Neri ad allungare con tre tiri liberi dopo aver subito un contestato fallo (74-67 al 37’): l’ex Omegna, alle prime partite dopo un anno di stop, è l’indubbio MVP con una prestazione da giocatore totale, che segna (21) ma fa pure tanto altro (30 in valutazione).

La Mosconi prova a rimanere agganciata, si riporta fino al -4 (74-70) ma in un finale con entrambi quintetti stanchissimi in un match molto intenso, ne ha ancora meno dei locali, che festeggiano il primo successo.

E Pozzetti vince la sfida degli ex (15 punti, 8 rimbalzi) contro un Bedin che strappa 10 rimbalzi, ma in attacco non incide e fallisce qualche libero di troppo.

GOLDENGAS SENIGALLIA: 

Giacomini 3, Neri 21, Santucci 14, Pozzetti 15, Musci 6; Valle 3, Gnecchi 7, Valletti ne, Arceci ne, Marini ne, Lemmi 7, Cerruti.

All. Filippetti

LUCIANA MOSCONI ANCONA: 

Panzini 5, Ciribeni 18, Carnovali 14, Giombini 4, Bedin 3; Tourè 10, Calabrese 2, Piccionne ne, Ambrosin 14.

All. Coen

Arbitri: Bergami di Forlì e Alessio di Lugo (Ra)

Parziali: 23-21 45-37 53-58 76-70

Note: spettatori 700 circa, una sessantina ospiti.

Squadra e tifosi di Ancona espongono due striscioni di solidarietà a Senigallia alluvionata («Vicini a Senigallia», «Senigallia non mollare»).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

CLASSIFICA –

Firenze, Rieti, Basket Jesi 4; Piacenza, Virtus Imola, Costa Imola, Faenza, Senigallia, San Miniato, Fiorenzuola, Fabriano, Ancona, Ozzano 2; Matelica, Empoli, Romagna 0




Serie B / Goldengas Senigallia, subito il derby per riscattarsi

La Goldengas ospita la Luciana Mosconi: salto a due domenica 9 ottobre alle ore 18 al PalaPanzini

SENIGALLIA, 8 ottobre 2022 – Prima partita in casa per la Goldengas Senigallia che nella seconda giornata di serie B affronta subito il derby contro la Luciana Mosconi Ancona.

Ennesimo precedente tra i due club, che si sono affrontati ripetutamente in serie B dal 2004, sia in campionato, che in Coppa Italia e Supercoppa, con Senigallia avanti ma sconfitta tre volte su tre lo scorso anno.

La Goldengas deve riscattare la brutta prestazione di Piacenza, Ancona confermare il largo successo contro Cervia.

“La sconfitta di Piacenza è stata troppo punitiva nelle proporzioni, eravamo anche partiti bene (+8 il primo quarto) ma in Emilia non siamo stati noi. Siamo mancati in aggressività e intensità che erano state le nostre armi in Supercoppa (dove erano stati raggiunti i quarti, unica a riuscirci delle 16 del girone C) – sottolinea l’allenatore biancorosso Paolo Filippetti, anconetano – Soprattutto – continua l’ex tecnico del Taurus Jesi – la cosa che più mi ha infastidito è che, sotto di 8 alla fine del terzo periodo, anziché reagire ci siamo spenti. Senza nulla togliere al Piacenza, che invece dallo svantaggio del primo quarto ha avuto il merito di reagire, siamo mancati noi ed è su questo aspetto che mi sto concentrando in questa settimana, al di là dell’avversario di domenica.

Ancona, comunque, è molto forte e allenata assai bene da coach Piero Coen”. 

Scontro tra ex: rispetto allo scorso anno infatti c’è stato un avvicendamento tra i lunghi con Bedin passato da Senigallia ad Ancona e Pozzetti che dal capoluogo è tornato a Senigallia, dove aveva già giocato proprio prima di finire nella squadra della sua città.

Si gioca domenica 9 ottobre alle ore 18 al PalaPanzini, con Bergami di Forlì e Alessi di Lugo di Romagna (Ravenna) chiamati alla direzione arbitrale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA




Serie B / Le undici avversarie delle marchigiane ai raggi X

Rieti, Firenze e Faenza su tutte, Fiorenzuola molto ostica, San Miniato abituata a soprendere.

Non si vedono materassi, sarà un girone C senza possibilità di troppi errori

SENIGALLIA, 27 Settembre 2022 – Dopo il focus sulle cinque squadre marchigiane, ecco il punto sulle avversarie delle nostre nel girone C di serie B, il cui torneo inizia sabato 1° ottobre con l’anticipo tra Ozzano e Faenza, seguito poi dai match della domenica.

Girone difficile? Sicuramente sì, con un livello medio che pare anche superiore a quello dello scorso anno, già ritenuto il più difficile dei quattro, anche se in questa stagione pure il girone D non scherza in quanto a competitività.

Su tutte, Rieti, Firenze e Faenza, con le prime due che non hanno badato a spese, affidando a coach di esperienza anche in categoria superiore come Dell’Agnello e Gresta, squadre molto profonde e con diversi elementi con un passato in A: su tutti spiccano Spanghero a Rieti e Laganà a Firenze.

Ha meno nomi, ma pare molto solida Faenza, reduce da un gran finale di stagione scorsa, che riconferma gran parte del roster aggiungendo un top come Pastore, ex Roseto.

Detto delle marchigiane, incuriosisce Fiorenzuola dei tanti ex marchigiani in campo e in panchina (nella foto Magrini): squadra lunga, con una panchina che vale quasi il quintetto e molti punti nelle mani.

Dopo l’ottimo torneo scorso, ci riprovano Ozzano e Andrea Costa Imola: la prima ha perso Ceparano ma ha confermato l’ottimo Bonfiglio, la seconda ha perso Trapani e Carnovali ma ha aggiunto Ranuzzi, e l’impressione è che siano entrambe in grado di lottare per un posto tra le otto che faranno tra un anno la nuova serie B1.

San Miniato è una incognita, nel senso che sulla carta, in un girone così di alto livello, non pare da prima fascia, ma i toscani da anni disputano stagioni super con squadre sulla carta poco considerate e non ci stupiremmo se succedesse di nuovo.

L’altra squadra di Imola, la neopromossa Virtus, negli ultimi giorni ha ingaggiato l’ex Fabriano Tommasini, un colpo da novanta per la B che ne alza non poco il livello di competitività.

Discreti i roster costruiti da Empoli e Piacenza, anche se sulla carta inferiori a quelli di diverse altre:

Piacenza conta su lunghi che ben conoscono la categoria come Cecchetti e Angelucci, Empoli ha dalla sua un fattore campo molto insidioso per gli avversari.

Chiusura con Cervia, che ha costruito la squadra in ritardo ed è uscita con una nettissima sconfitta con Faenza dalla Supercoppa: quintetto giovane che pare inferiore ad altri, ma l’ingaggio di Lovisotto, ex Jesi, negli ultimi giorni, ne alza il livello: anche in romagnoli, in sintesi, non appaiono certo un materasso in un girone che di squadre “facili” davvero si fa fatica a trovarne.

©RIPRODUZIONE RISERVATA




Basket serie B / Le marchigiane in cerca di un posto nella nuova B Nazionale

Domenica 2 ottobre via al torneo 2022-23. Ecco come si presentano Jesi, Fabriano, Senigallia, Matelica ed Ancona

SENIGALLIA, 26 Settembre 2022 – Cinque squadre per centrare un posto tra le otto.

La serie B 2022-23 è vicina alla partenza (2 ottobre) dell’anno più difficile.

Per la riforma dei campionati, la metà delle squadre finiranno nella nuova serie B Interregionale, in pratica un remake della vecchia B2, mentre la metà migliore accederà alla nuova B Nazionale a due gironi, che ricorderà molto la vecchia B1.

Una riforma che servirà? Ne dubitiamo, ma con la quale bisogna scontrarsi.

Con che armi lo faranno le cinque marchigiane?

Ristopro Fabriano, General Contractor Jesi e Luciana Mosconi Ancona non possono non essere ambiziose dopo una campagna acquisti importante, che ha stravolto o rivoluzionato le rispettive squadre: tutte e tre, sulla carta, vengono forse dietro a Rieti, Firenze e Faenza, un po’ per tutti le tre favorite del girone, ma certo hanno tutto per battersi nelle parti alte della classifica.

Fabriano ha un quintetto di primissimo piano con giocatori abituati a vincere (Stanic, Centanni, Papa) e assolute certezze per la categoria (Verri, Fall) ma una una panchina che non pare dello stesso livello.

Jesi ha piazzato acquisti che la B l’hanno già vinta (Merletto, Marulli), confermato giocatori in crescita (Rocchi, nella foto in evidenzia), scommettendo allo stesso tempo per la panchina sui suoi giovani di riconosciuto talento, gestiti da un coach come Ghizzinardi che non ha troppo bisogno di presentazioni.

Ancona, poi, ha cambiato molto, ma conta sull’esplosione definitiva di Giombini e Bedin, potendo avere ancora la leadership in regia di Panzini e in più il talento vintage di un giocatore atipico come Carnovali.

C’è poi Senigallia, che al solito parte poco considerata, ma che nel precampionato è stata la migliore, arrivando fino ai quarti di finale di Supercoppa: l’impressione è che il gm Ligi abbia ancora azzeccato gli acquisti perché Santucci e Pozzetti hanno tutte le caratteristiche per trascinare la squadra, Lemmi vicino a canestro ben si completa con Musci e il riconfermato Giacomini in regia è una garanzia: molto dipenderà da Neri, che è praticamente fermo da un anno per gravi problemi fisici.

Se tornerà a essere quello di prima, potrà rivelarsi l’arma in più dei biancorossi e contribuire in maniera determinante al raggiungimento di un posto tra le prime otto.

Quindi Matelica, alla prima storica volta in serie B: squadra giovane e piuttosto fisica sotto canestro con Enihe e Seck, con giocatori chiamati al salto di qualità come Gallo e Riccio tra gli esterni: roster alla mano, potrebbe avere qualcosa in meno delle altre quattro, ma certo è un quintetto costruito con criterio, assolutamente all’altezza di ottenere un posto tra le otto (dalla quinta alla dodicesima) che giocheranno i play-off per la nuova serie B Nazionale, categoria a cui le prime quattro, ammesse ai play-off per la A2, accederanno direttamente in caso di mancato salto in seconda serie.

©RIPRODUZIONE RISERVATA




Basket serie B / Ancona passa a Jesi nell’ultimo test match prima delle gare ufficiali

Domenica prossima a Senigallia inizia la Supercoppa. Miglior realizzatore Filippini, a seguire Merletto e Marulli 

JESIsettembre 2022 – Terzo scrimmage per la Basket Jesi Academy prima dell’inizio della Supercoppa. Questa   volta hanno vinto i dorici dopo il test match di sabato scorso al Pala Rossini vinto dagli arancioblù.

La squadra di Ghizzinardi ha giocato meglio durante i primi due quarti, ma poi la Luciana Mosconi è riescita a risalire e a prendere in mano la partita durante la seconda metà di gara.

Ancora una volta il neo acquisto Filippini si è confermato tra i protagonisti e miglior realizzatore.

Un match dinamico e intenso che ha regalato ai circa 100 spettatori presenti al Pala Triccoli, una piacevole anteprima di quello che con tutta probabilità assisteremo nell’ormai imminente campionato.

Questa volta a spuntarla sono stati i ragazzi di Coen che hanno chiuso complessivamente il match dalla loro parte, 88-84.

Domenica per Jesi, prima sfida della Supercoppa. Si comincia a Senigallia ospiti della Goldengas.

 Basket Jesi –  Merletto 17, Marulli 17, Rocchi 11, Ferraro 8, Gatti 9, Filippini 20, Cicconi 2. All. Ghizzinardi

Luciana Mosconi Ancona: Panzini 11, Czoska 6, Carnovali 7, Calabrese 8, Tamboura, Bedin 11, Ciribeni 14, Tourè 11, Ambrosin 20, Giombini. All.Coen

Parziali: 23-21, 27-21, 19-26, 15-20

 

 

Valentina Triccoli

©riproduzione riservata




Basket serie B / Ecco i gironi, marchigiane tutte assieme nel C come previsto

Confermata la bozza Lnp: con le nostre Emilia-Romagna, Toscana e Lazio. Il parere di coach Ghizzinardi sulla Supercoppa

SENIGALLIA, 15 Luglio 2022 – Comunicati nel pomeriggio di venerdì i gironi della serie B 2022-23, che inizierà domenica 2 ottobre per concludersi domenica 7 maggio 2023, con inizio dei play-off fissato per la domenica successiva.

Tutto come previsto: la Fip nel corso del Consiglio federale svoltosi a Roma, ha accolto in toto la proposta della Lega Pallacanestro, che a inizio settimana aveva comunicato la sua bozza dei quattro gironi.

Nessun cambiamento ed approvazione dunque con le marchigiane – ben cinque (Ancona, Fabriano, Senigallia, Jesi e la neopromossa Matelica) – confermate nel girone degli ultimi anni, il C, ma con avversari diverse: non ci sono più le abruzzesi, c’è soltanto una laziale, la fortissima Sebastiani Rieti, ci sono ben sette emiliano-romagnole e, dopo diversi anni, tre toscane.

Ecco tutte le 16 partecipanti del girone C: Emilia-Romagna 7 (Piacenza, Fiorenzuola, Andrea Costa Imola, Virtus Imola, Ozzano, Faenza, Cesena); Marche 5 (Senigallia, Ancona, Jesi, Fabriano, Matelica); Toscana 3 (San Miniato, Empoli, Firenze); Lazio 1 (Sebastiani Rieti).

I calendari verranno comunicati il 1° agosto.

Lunedì 18 invece verranno comunicati gli accoppiamenti della Supercoppa italiana.

La Supercoppa sara’ composta in totale da 64 squadre e la formula adottata sarà quella a eliminazione diretta. Il calendario prevede 4 turni nelle suddette date: 14 settembre, 16 settembre, 18 settembre, 21 settembrre.

Le 4 squadre vincenti dell’ultimo turno si affronteranno nella Final Four che si svolgerà in sede unica il  24/25 settembre.

Su questa manifestazione abbiamo sentito il parere di coach Ghizzinardi (Aurora basket): “Una competizione, anche se non rientra prettamente nell’obiettivo delle società, rimane comunque importante per poi essere pronti all’avvio del campionato. Queste partite riflettono in buona parte gli scontri futuri e quindi non sono così irrilevanti come si potrebbe pensare a ed ogni modo nessuno vuole mai perdere. Più si riesce a proseguire in questa competizione e maggiormente ci si addentra nel clima pre campionato”.

Andrea Pongetti

ha collaborato (Valentina Triccoli)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




Basket serie B e C / Via libera alla riforma, interessato quasi l’intero basket marchigiano

Sarà una serie B 2022-23 spietata (anche se un po’ meno del previsto) in vista dello sdoppiamento del torneo.
Intanto l’ex Goldengas Gabrielli è il nuovo coach di Teramo

SENIGALLIA, 15 Giugno 2022 – C’è il via libera alla discussa, e discutibile, riforma dei campionati che interesserà praticamente tutte le squadre marchigiane ad eccezione della Vuelle Pesaro, militante in serie A.

La riforma andrà a regime dalla stagione 2024-25, ed interesserà A2, B, C Gold e C Silver.

Ancona, Senigallia, Fabriano, Jesi e Matelica il prossimo anno, 2022-23, saranno in una B identica all’attuale, terza serie nazionale con 4 gironi da 16: ma l’esito della prossima stagione determinerà la composizione dei campionati dell’anno successivo, 2023-24, stagione caratterizzata dallo sdoppiamento della B in due categorie in linea con la piramide presente qualche anno fa, la B1 (o B Nazionale come dovrebbe chiamarsi) e la B2 (ribattezzata campionato Interregionale).

Sotto, poi, sempre dal 2023-24, niente più C Gold e C Silver ma una C unificata, con 192 squadre in tutta Italia divise in 16 gironi regionali.

Il torneo interregionale invece vedrà 96 squadre al via, divise in 8 gironi da 12: la B Nazionale invece nel 2023-24 avrà 36 squadre in 2 gruppi da 18.

Andrea Gabrielli Goldengas senigallia

Dunque, il prossimo torneo dell’attuale B (2022-23) sarà spietato per le 64 partecipanti divise nei canonici gironi da 16: ci saranno soltanto 2 promozioni in A2 (con play-off soltanto per le prime 4 anche se la formula fino ad ora si basa solo su indiscrezioni), altri 30 club accederanno alla B Nazionale 2023-24 (con play-off tra la quinta e la dodicesima?), mentre altre 32 confluiranno nel nuovo torneo Interregionale 2023-24, assieme a ben 64 squadre provenienti dall’attuale C Gold, di cui 44 salite sul campo e altre 20 per decisione Fip.

I posti per la C Gold Marche-Umbria saranno sicuramente 3: ciò significa che le prime 3 classificate della prossima stagione di questo campionato disputeranno il torneo Interregionale nel 2023-24, assieme a tutte quelle squadre dell’attuale B che non saranno state in grado, nel campionato 2022-23, di risultare tra le 30 ammesse alla nuova B Nazionale (o B1, per semplicità di comprensione).

Nella nuova B Nazionale sarà possibile uno straniero comunitario e serviranno palasport da 1.000 posti; nel nuovo campionato Interregionale, 250 posti almeno di capienza e possibilità di ingaggio di un giocatore non di formazione italiana.

Intanto è ufficiale che il nuovo coach di Teramo è l’ex Goldengas Andrea Gabrielli.

Andrea Pongetti

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 




BASKET SERIE B / Derby tiratissimo, ma anche stavolta vince la Luciana Mosconi Ancona

La Goldengas Senigallia lotta, recupera da -15 e passa a condurre, ma i dorici sono più lucidi nel finale

SENIGALLIA, 3 Aprile 2022 – Un derby tiratissimo, risolto come all’andata nel minuto finale, consegna un altro successo alla Luciana Mosconi Ancona, che vince anche al ritorno del PalaRossini 70-66.

Goldengas quasi sempre costretta ad inseguire, ma capace, con una seconda parte di gara condotta con un alto livello difensivo, di rientrare, dopo essere scivolata nella prima metà fino al -15.

Ancona avanti 21-10 nel primo periodo, il migliore dei locali, e 41-32 all’intervallo, ma un grande terzo quarto biancorosso termina sul 51-50.

Senigallia sorpassa nel periodo conclusivo con una tripla di Giannini che fa sognare gli oltre 100 tifosi senigalliesi al seguito, che fanno praticamente giocare in casa la Goldengas in un PalaRossini desolatamente semivuoto, ma la squadra di Gabrielli – priva del suo faro Giacomini fermato dal covid – non sfrutta in paio di possessi offensivi quando si trova a +4 e ha l’inerzia dalla sua.

Le triple di Minoli prima, e Panzini poi, al 39′, consentono l’allungo alla Mosconi, che vince con merito: il migliore dei locali è però l’applaudito ex Pozzetti, che firma 17 punti e allo stesso tempo una grande prova difensiva sui lunghi senigalliesi.

LUCIANA MOSCONI ANCONA:

Simone Pozzetti 17 (6/8, 1/6), Lorenzo Panzini 13 (0/2, 3/6), Simone Centanni 13 (3/9, 1/3), Tommaso Minoli 10 (2/4, 2/4), Andrea Quarisa 8 (4/6, 0/0), Alberto Cacace 5 (1/3, 0/4), Yannick Giombini 4 (1/2, 0/1), Edoardo Anibaldi 0 (0/1, 0/0), Mohamed Regai 0 (0/0, 0/0), Niccolò Piccionne 0 (0/0, 0/0), Thomas Aguzzoli 0 (0/0, 0/0).

All. Coen

GOLDENGAS SENIGALLIA: 

Filippo Giannini 14 (3/4, 1/7), Luca Bedetti 13 (3/5, 1/3), Francesco Gnecchi 12 (4/4, 1/6), Lorenzo Varaschin 8 (4/9, 0/1), Lorenzo Calbini 8 (3/5, 0/4), Alberto Bedin 7 (3/4, 0/2), Filippo Cicconi massi 4 (2/4, 0/0), Davide Terenzi 0 (0/0, 0/1), Davide Rossini 0 (0/0, 0/0), Giammarco Giuliani 0 (0/0, 0/0), Gioele Figueras oberto 0 (0/0, 0/0).

All. Gabrielli

Arbitri: Sironi di Cinisello Balsamo (Mi) e De Ascentiis di Cremona

Parziali: 21-10 41-32 51-50 70-66

Note: spettatori 250 circa, pressoché equamente divisi

Andrea Pongetti

©RIPRODUZIONE RISERVATA




BASKET SERIE B / Il derby lo vince Jesi, 22 punti all’Ancona: 82-60

Il quintetto di coach Francioni ha trovato nel derby l’occasione giusta e la giusta mentalità. A vincere è stata la forza del gruppo

JESI, 6 marzo 2022 – Una Aurora Basket stellare si è aggiudicata il derby contro il Campetto Ancona 82-60.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una vittoria meritatissima e inaspettata che ha lasciato tutti sorpresi, in primis gli avversari, completamente disorientati e in balia di questa Aurora talmente combattiva da non averne per nessuno.

La General Contractor è scesa in campo con una pelle totalmente rinnovata rispetto a quella vista nelle precedenti partite dominando in lungo e in largo per quasi tutti i 40 minuti.

I primi minuti vedono una situazione di sostanziale equilibrio tra le due formazioni, ma le bombe di Rocchi, Valentini e Magrini tentano la prima mini fuga, +7 ( 11-4) a 4:30 ma Ancona risponde: -2 ( 11-9).

Sembrava di assistere ad un copione già visto e invece grazie all’ex di turno Magrini, in particolare stato di grazia, 10 punti in questo primo periodo e la tripla di Ferraro negli ultimi secondi chiude il quarto con uno stacco di +8.

Nel secondo quarto i dorici cercano di recuperare ma sono imprecisi. Jesi ne approfitta e vola sul +20 ( 49-29). Al riposo lungo: 50-33.

Al rientro i ritmi calano e si conferma l’egemonia jesina. L’ultimo quarto è trionfo Jesi. L’Aurora ha trovato nel derby l’occasione giusta e la giusta mentalità. A vincere è stata la forza del gruppo.

The Contractor Jesi: Gloria 6, Magrini 18, Memed 11, Valentini 3, Gay 14, Ferraro 18, Rocchi 10, Cocco 2.

Luciana Mosconi Ancona: Panzini 10, Centanni 8, Pozzetti 1, Minoli 11, Gospodinov 2, Quarisa 10, Aguzzoli 4, Cacace 5, Giombini 2, Anibaldi 7.

Parziali: 25-17, 25-16, 10-11, 22-16.

Valentina Triccoli

©RIPRODUZIONE RISERVATA




BASKET SERIE B / Jesi – Ancona, quel che conta sono solo i punti in palio

Palatriccoli domenica 6 marzo palla a due ore 18. Tanti gli ex sulle tavole da gioco: Coen, Quarisa, Magrini, Rizzitiello

JESI, 5 marzo 2022 –  L’aria di derby è una costante in casa arancioblù nelle ultime giornate e dopo Civitanova, l’Aurora Jesi si appresta ad ospitare domani domenica 6 Marzo, 22esima giornata del girone B ultimo turno prima dello stop per la Coppa Italia, un’altra corazzata,  il Campetto Basket Ancona.

Una sfida che si prospetta molto interessante dati gli stati d’animo contrapposti delle due formazioni.

Andrea Quarisa

Se la squadra dorica è sulla cresta dell’onda, e con la quinta vittoria consecutiva si è assicurata a pieno titolo la zona playoff, dall’altra la formazione Jesina è  invece reduce dalla quinta sconfitta di fila che ha bruscamente interrotto una serie positiva di 4 vittorie che sembravano aver rilanciato i ragazzi di Francioni tra la fine del girone di andata e l’inizio del ritorno.

Una vittoria, soprattutto in un derby giocato in casa, sarebbe un ottimo segnale di riscatto che gli aurorini darebbero ai propri sostenitori, amareggiati soprattutto da quest’ultimo derby perso contro la Virtus, oltre che dare nuovo ossigeno alla squadra in chiave di salvezza diretta.

Derby anche all’insegna degli ex,  a cominciare da coach Coen che è stato allenatore dell’Aurora nella stagione 2013/14 e pure indossato la gloriosa canotta targata SICC. Per lui seconda volta in cui affronta l’Aurora da allenatore avversario dopo lo scorso campionato in cui era sulla panchina del Mestre, giocò a Jesi il 24 Marzo 2020 con vittoria dei padroni di casa 69-64.

L’ex di turno più fresco invece è senz’altro Andrea Quarisa.  L’attuale Centro della Luciana Mosconi ha militato a Jesi nella stagione 17/18 in serie A2 prima di fermarsi per un brutto infortunio al ginocchio per poi rivederlo di nuovo indossare la canotta arancioblù in serie B, nella stagione 19/20, ma giocando soltanto una partita prima che la pandemia bloccasse tutto, rimanendo così nel campionato seguente totalizzando 27 presenze prima del passaggio ad Ancona in estate.

Anche Mattia Magrini , attualmente nelle file dell’Aurora, vanta trascorsi Anconetani, seppur risalenti ai tempi degli esordi, debuttando proprio con la maglia biancoverde: stagione 2009/10, 29 presenze e 12 punti di media.  Poi Nelson Rizzitello, uno dei più longevi giocatori jesini, giocò nella Stamura 2006/07 prima di lanciarsi nella sua lunga e vincente carriera.

Le dichiarazioni in merito a questa particolare sfida le lasciamo all’attuale Team Manager della Luciana Mosconi, Daniele “Ghiaccio” Giachi, storica bandiera dorica, 23 anni al servizio della sua città, dapprima come Stamura e poi il Campetto ma anche ex SICC 2001/02 che afferma: “sono contento di tornare a Jesi, i derby sono sempre partite a se dove la classifica centra ben poco, credo sarà un match dai ritmi molto elevati e dato che ci sono molti ex, mi aspetto che verrà fuori l’orgoglio e chiaramente Jesi, essendo in questo momento più in difficoltà, ci metterà del suo per farci soffrire la partita. Ci sarà da combattere e credo proprio sarà un bel derby.”

Altre sfide Aurora Jesi – Luciana Mosconi Ancona sono:  24/11/19 Aurora Jesi- Luciana Mosconi Ancona 58-68. 06/12/20 Aurora Jesi – Luciana Mosconi Ancona 71-63. 31/01/21 Luciana Mosconi Ancona – Aurora Jesi 73-75. 14/11/21 Luciana Mosconi Ancona – Aurora Jesi 92-66.

Appuntamento al Palatriccoli, palla a due ore 18. Arbitri: Cosimo Schena di Castellana Grotte e Davide Galluzzo di Brindisi.

Valentina Triccoli

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 




BASKET SERIE B / Ancona vince a Senigallia dopo 13 anni

L’ultimo minuto arride alla Luciana Mosconi sulla Goldengas (82-87) al termine di una battaglia emozionante

SENIGALLIA, 5 Dicembre 2021 – Il derby è della Luciana Mosconi Ancona, che interrompe la striscia di quattro successi consecutivi della Goldengas Senigallia tornando a violare il PalaPanzini in campionato dopo ben 13 anni.

A dicembre 2008, sempre in serie B, finì 73-84.

I 500 del palasport senigalliese si godono una partita bella dal punto di vista tecnico ed agonistico come ci si aspetta da un derby ma il minuto finale dà ragione agli ospiti (82-87), al termine di 40’ palpitanti, in cui, un po’ a sorpresa, gli attacchi vincono sulle difese, per entrambe tra le migliori della B.

Ancona colpisce subito dall’arco (alla fine 13/31, 42%) già nel primo quarto (20-26), ma coach Gabrielli pesca dalla sua panchina il baby del vivaio Terenzi, 18 anni, praticamente all’esordio: il classe 2003 mette sul parquet una grande energia e con 5 punti fa svoltare il match.

Il secondo quarto dei locali è strepitoso (25-11) nonostante le defezioni sotto canestro: all’assenza in extremis di Cicconi Massi, si aggiunge infatti l’infortunio di Bedin, che rientrerà, pur zoppicante, soltanto nel finale del terzo periodo.

All’intervallo Goldengas avanti 45-37.

Dopo il riposo, tripla di Giacomini per il +11, massimo vantaggio locale (48-37), ma a quel punto la Mosconi si scuote e in 3’ piazza un parziale di 0-17 che la riporta avanti (48-54 al 24’).

I biancorossi, pur faticando, al 30’ sono comunque ancora a contatto (62-66).

Ancona inizia bene però pure l’ultimo periodo (62-70 al 31’), ma Senigallia, che ha di nuovo Bedin in campo, è dura a morire: Gnecchi, strepitoso dall’arco (5/6) riporta la Goldengas a -1 (77-78 al 36’), Giannini firma addirittura il sorpasso (79-78 al 37’) ma l’ex Centanni mette di nuovo davanti i dorici (79-81 al 37’).

Si entra nell’ultimo minuto e mezzo sulla parità a quota 81 e qui fanno la differenza i dettagli e la maggior lucidità ospite nei possessi finali: Minoli non sbaglia dalla lunetta (81-83), Giannini invece, spesso decisivo nelle scorse partite, non trova la tripla del sorpasso a 25’’ dalla fine.

Senigallia commette fallo per fermare il cronometro ma Panzini, MVP, è gelido dalla lunetta (81-85), poi Centanni mette al sicuro la vittoria dei suoi (82-87).

GOLDENGAS SENIGALLIA: Giacomini 7, Giannini 16, Bedetti 7, Varaschin 15, Bedin 10;
Giuliani ne, Calbini 3, Fabbri ne, Rossini ne, Terenzi 5, Gnecchi 19, Figueras. All. Gabrielli

LUCIANA MOSCONI ANCONA: Panzini 21, Centanni 11, Cacace 13, Giombini, Quarisa 3; Anibaldi 3, Minoli 15, Zandri ne, Carboni ne, Aguzzoli 4, Pozzetti 11, Gospodinov 6. All. Coen

Arbitri: Cassiano di Roma e Faro di Tivoli (Rm)

Parziali: 20-26 45-37 62-66 82-87

Note: spettatori 500 circa, dei quali una settantina ospiti. Usciti per 5 falli Quarisa al 34’ e Pozzetti al 35’. Antisportivo a Calbini al 22’; tecnico alla panchina dorica al 25’ e a Cacace al 28’.

Andrea Pongetti

©RIPRODUZIONE RISERVATA




BASKET SERIE B / Derby Senigallia-Ancona con due ex e tanto altro

Sfida d’interesse non solo per la rivalità provinciale ma ancor più per la classifica. Tra i dorici Centanni e Pozzetti

SENIGALLIA, 4 Dicembre 2021 – Designata una coppia laziale, composta da Cassiano di Roma e Faro di Tivoli ad arbitrare il derby tra Goldengas Senigallia e Luciana Mosconi Ancona che si gioca domani, domenica 5 dicembre, a Senigallia, con salto a due alle ore 18 al PalaPanzini.

Al palasport di via Capanna come sempre accesso solo con Green Pass e al 60% della capienza pari a circa 600 persone.

Le due squadre arrivano alla decima giornata entrambe con 12 punti ed in piena zona play-off: Senigallia deve proseguire la striscia di quattro vittorie consecutive, mentre Ancona cerca il riscatto dopo il netto ko interno del PalaRossini contro la NPC Rieti.

Ci sono due ex, entrambi nella squadra di Ancona: sono Simone Centanni e Simone Pozzetti, anconetani che però hanno giocato a Senigallia.

Fugace nel 2010-11 l’esperienza del primo sulla Spiaggia di Velluto, dove però aveva giocato a lungo, lasciando un ottimo ricordo, anche il padre Gianluca, di due anni invece quella del lungo (nella foto ai tempi della militanza Goldengas), che ha avuto costantemente un ottimo rendimento in biancorosso.

Tantissimi gli scontri diretti tra le due città, considerando anche quelli con la Stamura Ancona, di cui l’attuale Campetto Stamura prosegue la gloriosa tradizione: sono ben 30 tra campionati e coppe, con Senigallia avanti e vittoriosa negli ultimi due in campionato: l’ultimo al PalaPanzini (23 febbraio 2020, 80-79) e l’ultimo al PalaRossini (11 aprile 2021, 101-77).

Ancona ha invece vinto, al PalaRossini, l’ultimo scontro diretto in assoluto, in Supercoppa (19 settembre 2021, 67-64) ma se si guarda al solo campionato i dorici non espugnano Senigallia da ben 13 anni (dicembre 2008, 73-84).

Andrea Pongetti

©RIPRODUZIONE RISERVATA




BASKET SERIE B / Si avvicina il derby tra Senigallia ed Ancona

La Goldengas applaude i suoi tifosi

Il coach Goldengas Gabrielli: “so che è una sfida sentita. La Mosconi ha grandi qualità, il ko interno contro l’NPC Rieti non deve ingannare”

SENIGALLIA, 3 Dicembre 2021 – E’ il momento del derby per la Goldengas che domenica 5 dicembre, alle ore 18, affronta in casa, al PalaPanzini, la Luciana Mosconi degli ex Centanni e Pozzetti nella decima giornata di serie B.

Ne parliamo con coach Andrea Gabrielli, al primo derby contro i dorici in carriera.

Coach: quattro vittorie consecutive per la sua Goldengas, un ko per Ancona nell’ultima di campionato ma squadre appaiate a 12 punti.
Come arriva la Goldengas al derby?

“Stiamo bene e siamo pronti a fare la nostra partita per dare una soddisfazione ai nostri tifosi e continuare nella striscia positiva. Per me è la prima volta contro Ancona ma so bene che è una partita a cui il nostro pubblico tiene particolarmente”.

Che sfida si aspetta?

“Sarà sicuramente un match difficile. Non dobbiamo farci influenzare dal ko interno della Mosconi contro l’NPC Rieti, una squadra forte che ha battuto pure noi. Ancona in realtà è pericolosa, ha un’ottima attitudine difensiva e dovremo essere bravi a contenere i loro tiratori. Potrebbe essere un match dal punteggio basso”.

Si aspettava una partenza così convincente, anche sul piano del gioco, da parte dei suoi ?

“Il nostro segreto è stato forse pensare sempre giornata per giornata, senza guardare troppo in avanti.

Stiamo andando bene ma non dobbiamo cambiare gli obiettivi: per prima cosa dobbiamo puntare a tenere lontana la zona play-out. Anche personalmente, non sono tipo che si esalta per due vittorie consecutive o si deprime per due ko di fila”.

Qualche squadra sta iniziando a muoversi sul mercato con aggiunte importanti come quella di Falvio Gay appena firmato da Jesi: la Goldengas si guarda attorno o si rimane sicuramente così?

“Al momento non ci pensiamo. Stiamo bene così e non escludo di coinvolgere ulteriormente chi già fa parte del gruppo come già successo domenica scorsa” (quando, già tra la fine del primo e l’inizio del secondo periodo, ha fatto il suo debutto stagionale il giovane Figueras).

Tornando al derby, Senigallia ha perso la prima partita in casa al PalaPanzini dove poi ha vinto sempre: il palas può essere l’arma in più?

“Può senz’altro darci una mano. Mi fa piacere aver notato l’aumento del pubblico dopo il debutto stagionale contro Roseto: mi sembra la squadra sia apprezzata dai tifosi per quello che offre tecnicamente, fisicamente e caratterialmente.

Conto di vedere un bella cornice al PalaPanzini domenica”.

Andrea Pongetti

©RIPRODUZIONE RISERVATA




BASKET SERIE B / Senigallia-Ancona: chi la regina?

Si avvicina il derby tra le due migliori marchigiane di serie B fino a questo momento

SENIGALLIA, 1° Dicembre 2021 – Sale l’attesa per il derby tra le migliori marchigiane, Goldengas Senigallia e Luciana Mosconi Ancona, in programma domenica 5 dicembre, alle ore 18 al PalaPanzini.

In un girone C che sta regalando sofferenze a tre delle cinque corregionali (Jesi, Civitanova e Montegranaro, tutte in coda) Goldengas e Mosconi rappresentano infatti due belle realtà dopo 9 giornate di campionato.

Entrambe a quota 12, occupano una salda posizione play-off a ridosso delle annunciate big (Roseto e le due squadre di Rieti, oltre alla sorprendente Imola) benché i dorici arrivino da un netto ko interno contro la NPC Rieti; i senigalliesi invece si presenteranno al cospetto del pubblico amico sulle ali dell’entusiasmo dettato da ben quattro vittorie consecutive, sei nelle ultime sette gare.

Senigallia-Ancona è ormai un classico della B: tra cadetteria e serie C i precedenti sono ben 22, con la Goldengas avanti 13-9 e vittoriosa nell’ultimo dello scorso campionato al PalaRossini (aprile 2021, 101-77): un match che segnò la rinascita di una squadra in crisi e reduce dal cambio di coach (da Paolini a Ruini) ma alla fine arrivata come i dorici ai play-off con un più che positivo 7° posto.

Senigallia ha vinto anche l’ultimo precedente al PalaPanzini: stagione 2019-2020, febbraio 2020, clamorosa tripla da metà campo a fil di sirena del playmaker argentino Paparella, ora ritiratosi, e Goldengas che vince 80-79 dopo una gara sul filo dell’equilibrio ma che fino alla magia del regista sudamericano sembrava ormai assegnare i due punti alla squadra del capoluogo.

Una festa, quella senigalliese, durata poco, come per tutto il basket: proprio in quei giorni si stava aggravando la pandemia e quel campionato finì lì per tutti.

Se si guarda agli scontri extra campionato, è invece molto recente l’ultimo, giocato in Supercoppa il 19 settembre, poco più di due mesi fa: al PalaRossini la Luciana Mosconi vinse una gara ancora una volta equilibrata 67-64 qualificandosi per le Final Eight di coppa a Lignano Sabbiadoro.

Domenica però sarà campionato e i 2 punti in palio peseranno decisamente di più oltre a decidere la temporanea e platonica supremazia regionale del girone C.

Andrea Pongetti

©RIPRODUZIONE RISERVATA




BASKET SERIE B / Ancona vince il derby, Jesi resiste solo nel primo quarto

La scossa non c’è stata e adesso sarebbe legittimo anche rivedere un progetto tecnico che si sta dimostrando inadeguato

JESI, 14 novembre 2021 – Niente da fare per la The Supporter che cede nettamente ad Ancona per 92-66 in una partita in equilibrio soltanto nel primo quarto di gioco.

Complimenti ad Ancona che ha avuto lucidità e pazienza mentre Jesi non ha trovato l’uscita dal tunnel, nonostante il cambio di guida tecnica.

I primi 10 minuti di gioco hanno illuso gli appassionati arancioblu, con una squadra reattiva e pronta controbattere le mosse tattiche dei padroni di casa.

Coach Francioni propone per la prima volta Rizzitiello nello starting five, e i raddoppi sistematici su Gloria vengono elusi con un buon giro palla.

L’illusione del cambio di passo in casa Aurora è però effimera, perché Ancona aumenta le percentuali nel tiro da fuori e trova in Alberto Cacace un protagonista infallibile (chiuderà con 10/10 da due punti).

Come spesso accaduto in questa stagione, la The Supporter si scioglie alle prime difficoltà e inizia a perdere il filo del discorso in entrambi i lati del campo e all’intervallo il distacco è in doppia cifra: -12.

Il rientro in campo in campo dell’Aurora è da encefalogramma piatto.

La Luciana Mosconi accelera, e in scioltezza chiude virtualmente la pratica. Jesi trova il primo canestro a metà del terzo periodo.

L’ equilibrio torna soltanto nell’ultima frazione, quando i titoli di coda sulla gara erano però già scesi da un pezzo.

Nei fatti, la scossa che ci si poteva aspettare in casa Aurora non c’è stata, e adesso sarebbe legittimo anche rivedere un progetto tecnico che si sta dimostrando inadeguato.

LUCIANA MOSCONI ANCONA: Minoli 13, Panzini, Centanni 13, Zandri, Quarisa 11 , Aguzzoli 13, Cacace 21,
Giombini 9, Pozzetti 12. All. Coen
THE SUPPORTER JESI: Ferraro 13, Rezart, Rizzitiello 3, Cocco 5, Ginesi, Gloria 8, Fioravanti 7, Calvi 6,
Valentini, Fabi 5, Magrini 19. Al.. Francioni
PARZIALI:  22-19; 27-18; 21-7; 22-22
m.p.
©RIPRODUZIONE RISERVATA
Foto dalla pagina facebook Mosconi Ancona basket



BASKET SERIE B / The Supporter Jesi, ad Ancona inizia l’era di Francesco Francioni

Il nuovo tecnico inizia l’avventura all’Aurora in casa dei “cugini” dorici della Luciana Mosconi, guidati dai baluardi Centanni e Panzini

JESI, 13 novembre 2021 – Settimo turno di campionato e altro derby per la The Supporter, che domenica 14 novembre, palla a due alle ore 18, sarà ospite della Luciana Mosconi Ancona.

L’Aurora arriva a questo appuntamento dopo una settimana particolare. La vittoria con Civitanova non è bastata per salvare la panchina di Coach Meneguzzo. Troppo involuto il gioco espresso e davvero esigui i margini di miglioramento dimostrati.

I due successi in cassaforte sono bottino esiguo per una società che in estate ha dichiarato di voler andare oltre ad una semplice salvezza. Come spesso accade nello sport, l’allenatore per ora ha pagato per tutti, ma adesso i giocatori sono chiamati a dare di più, iniziando a ragionare e a lavorare di squadra.

Tocca a Coach Francesco Francioni guidare l’inversione di tendenza. L’esordio per il giovane allenatore osimano non sarà certo dei più semplici. La Luciana Mosconi di Piero Coen è squadra attrezzata e ben organizzata.

Particolarmente interessante la sfida sotto canestro tra l’ex Andrea Quarisa e Mirko Gloria, ma Jesi dovrà soprattutto limitare l’estro di due califfi per la categoria come Centanni e Panzini. Il pronostico pende dalla parte di Ancona, ma alla The Supporter viene chiesto quello scatto di orgoglio che può far nascere anche belle sorprese.

(m.p.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




BASKET SERIE B / Ancona alle Final Eight di Supercoppa, Senigallia esce a testa alta

Il derby va alla Luciana Mosconi: 67-64. La Goldengas sotto di 19 punti torna anche avanti. Nel finale decidono due liberi di Cacace

ANCONA, 19 Settembre 2021La Luciana Mosconi vince il derby contro la Goldengas e si qualifica così alle Final Eight della manifestazione, previste dal 24 al 26 settembre a Lignano Sabbiadoro.

Finisce 67-64 al PalaRossini, dove si è giocato per il miglior piazzamento anconetano nel torneo scorso.

Dorici quasi sempre avanti, ma Senigallia dopo una grande rimonta cede soltanto nei secondi finali.

Gli ospiti partono benissimo e dopo appena 1’ si è già sullo 0-8.

Coen dà presto spazio alla panchina e ottiene una buona risposta da Cacace, che dalla lunetta firma al 9’ il primo vantaggio locale (18-17), ma ancor più da Pozzetti, che appena mette piede sul parquet comincia a mitragliare la retina della sua ex squadra, firmando l’allungo con 13 punti in appena 6’ (26-17).

Anche Giombini partecipa al festival delle triple dorico e la Luciana Mosconi a inizio secondo periodo dilaga fino al +15 (34-19 al 13’), quasi doppiando poco dopo la Goldengas (40-21 al 16’).

Gli ospiti ricuciono in parte il break prima del riposo lungo ma all’intervallo Ancona è comunque saldamente avanti (44-31).

L’approccio dopo il riposo è però migliore per i biancorossi, che tornano sotto le 10 lunghezze di margine con Giannini e Bedin (44-37 al 23’); le triple di Giacomini riportano la Goldengas addirittura a -1 (44-43 al 25’) contro un’Ancona in black-out e che impiega ben 5’ per segnare il primo canestro della ripresa.

Per l’ennesima volta è Pozzetti a rimettere avanti la Mosconi (62-57 al 37’), ma è ancora Bedetti a pareggiare (62-62 al 38’).

Si decide tutto nei secondi finali. Ancona torna avanti con Panzini: pesantissima la sua tripla del 65-62, ma Varaschin accorcia (65-64 a 12’’ dalla fine); fallo su Cacace, che fa 2/2 dalla lunetta (67-64), poi nel possesso successivo Cicconi Massi sbaglia la tripla del supplementare e sul rimbalzo di Giombini la Mosconi può festeggiare.

LUCIANA MOSCONI ANCONA:
Panzini 5, Centanni 14, Aguzzoli 6, Giombini 8, Quarisa 8; Ponzella ne, Anibaldi ne, Zandri ne, Minoli 2, Cacace 6, Pozzetti 18, Gospodinov ne.
All. Coen
GOLDENGAS SENIGALLIA:
Giacomini 17, Giannini 13, Bedetti 7, Varaschin 4, Bedin 9; Calbini, Terenzi, Gnecchi ne, Costantini ne, Figueras ne, Cicconi Massi 14.
All. Gabrielli
Arbitri: Vittori di Castorano (Ap) e Lanciotti di Porto San Giorgio (Fm)
Parziali: 26-17 44-31 51-45 67-64

Andrea Pongetti

©RIPRODUZIONE RISERVATA




BASKET SERIE B / Ancona-Senigallia: solo chi vince può sognare la Supercoppa

Primo derby stagionale al PalaRossini domenica 19 settembre. Non è semplice amichevole: chi vince in finale a Lignano Sabbiadoro

SENIGALLIA, 18 Settembre 2021 – Tutto in 40 minuti (o forse più) così come contro Jesi e Rimini.

Domenica, 19 settembre, alle ore 18.30 al PalaRossini, la Goldengas Senigallia cerca, alla terza prova stagionale, uno storico accesso alle Final Eight di Supercoppa di Lega.

Nel derby contro il Campetto Stamura sponsorizzato Luciana Mosconi degli ex Centanni e Pozzetti i biancorossi devono vincere nonostante lo svantaggio del fattore campo: come nei turni precedenti, si gioca infatti sul parquet della squadra meglio classificata del torneo scorso, quando Ancona terminò al 6° posto e Senigallia al 7°.

E’ una Luciana Mosconi cambiata tanto quella di questa stagione, ma rispetto al passato con una forte impronta locale data dal ritorno di Pozzetti, dopo due stagioni superlative a Senigallia e di Panzini, oltre alla conferma di Centanni e una panchina con promettenti giovani del posto come il figlio d’arte (ma di padre pallavolista) Giombini.

Per il nuovo coach Coen, altro anconetano di ritorno, anche gli importanti innesti di Cacace e Quarisa, rispettivamente nelle Marche ex Porto Sant’Elpidio e Jesi, giocatori che conoscono a memoria la categoria.

Ancona ha eliminato agevolmente sia Civitanova che Imola (in entrambi i casi in casa), Senigallia ha sofferto con Jesi prima di vincere in maniera netta a Rimini: per entrambe un ottimo cammino ma soltanto una delle due andrà a Lignano Sabbiadoro, a giocarsi, dal 24 al 26 settembre, la Supercoppa con altre sette formazioni delle 64 totali partecipanti.

A Rimini, nonostante i pochi minuti di partita sulle gambe, la Goldengas ha dimostrato di stare bene e ci crede: “avevamo delle assenze (Rivali, Tassinari e Masciadri, ma c’era l’appena aggregato Joel Myers), ma va detto che la Goldengas ha giocato davvero un’ottima partitaha riconosciuto con sportività il tecnico del Rimini Mattia FerrariCi ha messo in difficoltà, con una difesa sempre molto attenta e pronta dentro l’area. Sapevamo che per noi sarebbe stata difficile: Senigallia ha delle caratteristiche che soffriamo, avremmo faticato probabilmente pure al completo”.

Miglior testimonianza del buon inizio di stagione dei biancorossi non potrebbe esserci: ad Ancona bisognerà ripetersi per centrare un traguardo mai raggiunto in precedenza.

Arbitrano Vittori di Castorano (Ap) e Lanciotti di Porto San Giorgio (Fm)

Andrea Pongetti

©RIPRODUZIONE RISERVATA