Prima Categoria / Castelfrettese, non solo Serrani: torna Mattia Lazzarini per l’attacco

L’attaccante classe 1992 torna a Castelferretti dopo gli anni ai Portuali Dorica, dove ha contribuito ai salti tra la Prima Categoria e l’Eccellenza: nei prossimi giorni saranno annunciati altri due acquisti

CASTELFERRETTI di FALCONARA MARITTIMA, 18 luglio 2024 – Mattia Lazzarini è di nuovo calciatore della Castelfrettese. Il classe 1992, ex Portuali Dorica, è il colpo messo a segno dalla società del presidente Bonacci e del ds Tittarelli per la stagione 2024-2025 in Prima Categoria. Ora l’attacco dei Frogs è composto da Lazzarini, Riccardo Serrani (leggi qui), Davide Giacconi e Mattia Santinelli: quattro punte di assoluto valore per puntare all’immediato ritorno in Promozione.

Lazzarini ha segnato 110 gol in carriera e ha già giocato nella Castelfrettese tra il 2010 e il 2019, con oltre 200 presenze e 87 reti tra Promozione e Prima Categoria. Gli altri 23 centri li ha segnati tra Marina, Portuali e Portuali Dorica tra il 2019-2020 e il 2023-2024, contribuendo in maniera decisiva al doppio salto dalla Prima alla Promozione (2019-2020) e dalla Promozione all’Eccellenza (2023-2024). 

Un colpo stellare, dunque, per una Castelfrettese di mister Simone Ricci che sogna di ripetere il successo in Prima Categoria del 2022-2023.E non è finita qui…”: ci anticipa il ds Daniele Tittarelli, dato che nei prossimi giorni saranno ufficializzati altri colpi di mercato per una delle sicure protagoniste del 2024-2025, probabilmente nel girone B di Prima. Saranno presentati, infatti, un centrocampista e un attaccante, altri due ritorni illustri e da categorie superiori. 

(g.g.)

©riproduzione riservata




Calcio a 5 / Serie B, C1 e C2, programma e arbitri di play-off e play-out tra il 10 e l’11 maggio

Il Cus Ancona deve difendere due reti di vantaggio sul Grifoni nei quarti play-off di Serie B. Lo Jesi conoscerà il suo avversario negli spareggi nazionali di C1. In C2 ci sono le sfide play-out Real Ancaria-Nuova Ottrano e Aurora Treia-Dinamis Falconara 

MARCHE, 10 maggio 2024 – Stiamo avvicinandoci a grandi passi verso il finale di stagione in Serie B, C1 e C2 di calcio a 5. Tra stasera, venerdì 10 maggio, e domani, sabato 11 maggio, si giocano le gare di play-off e play-out. Andiamo a scoprire insieme il programma completo.

Serie B

Il Cus Ancona si gioca domani pomeriggio in Umbria l’accesso alla semifinale promozione dei play-off. I dorici di Battistini, infatti, devono difendere le 2 reti di vantaggio sul Grifoni per passare il turno, dopo il 2-4 di una settimana fa nel capoluogo di regione. In caso di vittoria del Grifoni con 2 reti di margine, si andrà ai supplementari e, in caso di ulteriore parità nel risultato complessivo, passa il turno la squadra umbra perché meglio piazzata nella regular season. Chi avrà la meglio in questo quarto di finale sfiderà la vincente di Diaz-Castellana, con gli ospiti in vantaggio di 5 reti dopo il 6-1 casalingo di sabato scorso. 

Il Cus Ancona

Serie C1

C’è finalmente la data della finale play-off di Serie C1 Emilia-Romagna: Sassuolo e X Martiri si giocheranno l’accesso ai play-off nazionali domani, sabato 11 maggio, alle ore 16.00 a Palagnano, in provincia di Modena. La vincente affronterà in casa venerdì prossimo, 18 maggio, lo Jesi. Il ritorno è previsto per venerdì 24 maggio, molto probabilmente al PalaTriccoli di Jesi. 

Serie C2

In Serie C2, infine, le nostre squadre sono impegnate solamente nei play-out, in gare che potrebbero decidere le due finaliste. Stasera, venerdì 10 maggio, la Nuova Ottrano affronta in trasferta la Real Ancaria e, in caso di sconfitta, sarà certa di dover disputare la finale play-out. Domani, sabato 11 maggio, invece a Montecassiano l’Aurora Treia ospita la Dinamis Falconara: anche in questo caso i falchetti devono solo vincere o al massimo pareggiare, perchè una sconfitta decreterebbe lo spareggio play-out contro l’altra ultima classificata dell’altro triangolare. Riposano, forti delle vittorie dell’andata, Fight Bulls Corridonia e Avis Arcevia, che potrebbero brindare alla salvezza qualora Nuova Ottrano e Dinamis Falconara perdano o pareggino.

Per i play-off, invece, le due semifinali sono Amici del Centro Sportivo-Sambenedettese e Carissimi Fano-Campiglione: in palio c’è la finalissima del 17 maggio. Di seguito, il programma completo della partite di questo fine settimana di futsal.

Programma, arbitri e tabellone

Serie B – Play-off 

Quarti di finale – ritorno sabato 11 maggio

A – Atletico Grande Impero-Cures Calcio (andata 4-4) – Cattaneo di Civitavecchia, Ranieri di Soverato (Saiu di Roma 1) – ore 15.00

B – Soverato Futsal-Blingink Soverato (2-3) – Pozzi di Roma 1, Califano di Nocera Inferiore (Cartisano di Reggio Calabria) – ore 17.00

C – Futsal Prato-Boca Livorno (3-3) – Boldrini di Macerata, Errico di Ancona (Sordano di Bologna) – ore 17.30

D – Cardano-Varese Laveno (3-1) – Mansueto e Ouertani di Treviso (Chirvasuta di Monza) – ore 15.00

E  – Diaz-Castellana (1-6) – Galatà di Perugia, Talaia di Policoro (Fiorentino di Barletta) – ore 16.00

F – Grifoni- Cus Ancona (2-4) – Cagno di Napoli, Mancaniello di Nola (Roscini di Foligno) ore 16.00

G -Futsal Giorgione-Isola 5 (9-3) – Cino di Enna, Moschella di Bologna (Campagnolo di Bassano del Grappa) – ore 16.00

H – Sulmona-Casagiove (3-4) – Treglia di Formia, Cundò di Soverato (Pavia di Ostia Lido) – ore 16.00

Semifinali – andata 18 maggio, ritorno 25 maggio 

  1. Vincente A vs Vincente B
  2. Vincente C vs Vincente D
  3. Vincente E vs Vincente F
  4. Vincente G vs Vincente H

Finali – gara unica il 1° giugno

Vincente 1. vs Vincente 2.

Vincente 3. vs Vincente 4.

Serie C1

Semifinale Play-off: Alma Juventus Fano-Tre Torri Sarnano 1-2 dts

Finale Play-off: Jesi-Tre Torri Sarnano 4-3 dts (leggi l’articolo)

1° turno play-off nazionali: vincente Emilia Romagna-Jesi (andata 18 maggio ?, ritorno 25 maggio)

Finale Play-out: Pianaccio-Monturano 4-4 dts – Monturano retrocesso in Serie C2

Play-off Serie C2

  • Ottavi di Finale – 12-13 aprile

Ascoli-Acli Mantovani 1-2 (Guerrini, Ferraresi)

Acli Villa Musone-Real Fabriano 1-5 (Lacchè, 2 Argalia, 2 Farneti)

Lucrezia-Carissimi Fano 1-2

Polisportiva Victoria-Campiglione 1-2 (Squadroni)

  • Quarti di finale – venerdì 3 e sabato 4 maggio

Amici del Centro Sportivo-Acli Mantovani 2-2 dts (Gigante, Ibrahimi) (Q1)

Sambenedettese-Real Fabriano 2-1 (Giacometti D.) (Q2)

Castelfidardo-Carissimi Fano 0-3 (Q3)

Castrum Lauri-Campiglione 3-5 (Q4)

  • Semifinali – venerdì 10 maggio

SF1 – Amici del Centro Sportivo-Sambenedettese – Spadoni di Ancona, Carbonari di Pesaro

SF2 – Carissimi Fano-Campiglione – Sorci e Penduzzu di Pesaro

  • Finale play-off – venerdì 17 maggio

Play-out Serie C2

Triangolare 1 – Aurora Treia, Dinamis Falconara, Fight Bulls Corridonia

Triangolare 2 – Real Ancaria, Avis Arcevia, Nuova Ottrano

1^ giornata – venerdì 3 maggio ore 22.00

T1 – Dinamis Falconara 1-2 Fight Bulls Corridonia (Lorenzini) riposa Aurora Treia

T2 – Nuova Ottrano-Avis Arcevia 2-6 (2 Lombardi; 2 Biondi, Mizdrak, 2 Luciani, Fattori F.) – riposa Real Ancaria

2^ giornata – venerdì 10 maggio ore 21.30 

T1 – Aurora Treia-Dinamis Falconara – Massicci di San Benedetto del Tronto, Angelini di Ascoli Piceno – riposa Fight Bulls Corridonia – sabato 11 maggio ore 17.00 a Montecassiano 

T2 – Real Ancaria-Nuova Ottrano – Ubaldi di Fermo, Binni di San Benedetto del Tronto – riposa Avis Arcevia

CLASSIFICHE

T1 – Fight Bulls Corridonia 3, Aurora Treia 0°, Dinamis Falconara 0

T2 – Avis Arcevia 3, Real Ancaria 0°, Nuova Ottrano 0

NOTE – °: una partita in meno

3^ giornata – venerdì 17 maggio 

T1 – Fight Bulls Corridonia-Aurora Treia – riposa Dinamis Falconara 

T2Avis Arcevia-Real Ancaria – riposa Nuova Ottrano

Finale play-out: venerdì 24 maggio (17 maggio se non si gioca la terza partita in caso di sconfitte di Nuova Ottrano e Dinamis Falconara)

Giacomo Grasselli 

©riproduzione riservata




Calcio a 5 / Serie B e C2, Cus Ancona alla gara di ritorno contro l’MSG Rieti, Chiaravalle terzo nel triangolare per il titolo regionale

Domani giocano solo i cussini che devono ribaltare una rete ai laziali negli ottavi di finale play-off, mercoledì 24 aprile il Chiaravalle ha perso 2-6 con la Fermana campionessa regionale di Serie C2

ANCONA, 26 aprile 2024 – Ci sarà solo una partita in programma sabato 27 aprile per il calcio a 5 nostrano tra la Serie B, la C1 e la C2. Il Cus Ancona, infatti, sfida l’MSG Rieti nella gara di ritorno degli ottavi di finale play-off di Serie B: i dorici devono rimontare dal 4-3 per staccare il pass per i quarti. In caso di pareggio nel risultato complessivo al termine dei supplementari, passa il turno la squadra meglio piazzata, che in questo è proprio la formazione dorica. L’avversaria sarà la vincente di Grifoni-Recanati, con i perugini in vantaggio di due reti dopo il 2-4 nella città leopardiana di una settimana fa.

In Serie C1 lo Jesi attende di conoscere l’avversario al primo turno dei play-off nazionali. La squadra di Pieralisi affronterà l’11 maggio in Emilia Romagna la vincente della finale play-off regionale tra Futsal Sassuolo e X Martiri: un’indiscrezione del Resto del Carlino fissa la data della partita a domani, sabato 27 aprile, ma nessuna delle due società ha annunciato la partita nei propri canali social. La finale play-out regionale tra Pianaccio e Monturano, invece, si giocherà venerdì 3 maggio. 

Parlando, infine, di Serie C2, mercoledì 24 aprile è terminata la stagione del Chiaravalle, con la sconfitta interna per 2-6 che ha decretato la Fermana come campionessa regionale di categoria. Gli esini chiudono il triangolare al terzo posto senza totalizzare punti. I play-off e i play-out riprenderanno tra venerdì e sabato prossimo, 3 e 4 maggio: nei quarti promozione l’Acli Mantovani sfida in trasferta gli Amici del Centro Sportivo Mondolfo, mentre il Real Fabriano affronta a San Benedetto la Sambenedettese. Per quanto riguarda gli spareggi retrocessione, venerdì prossimo si gioca Dinamis Falconara-Fight Bulls Corridonia e Nuova Ottrano-Avis Arcevia. Riposano Aurora Treia e Real Ancaria. Di seguito, infine, il programma completo degli appuntamenti della post-season, con la designazione arbitrale di Cus Ancona-MSG Rieti.

Programma, arbitri e tabellone

Serie B – Play-off 

Ottavi di finale – andata: sabato 20 aprile ore 16.00

Recanati-Grifoni 2-4

MSG Rieti-Cus Ancona 4-3 (Quercetti, Ferjani, Astuti M.)

Ritorno: sabato 27 aprile ore 16.00

Cus Ancona-MSG Rieti – Cino di Enna, Salmoiraghi di Bologna (Crono: Eleonora Rossi di Jesi)

Grifoni-Recanati – Giotti e Delgadillo di Pontedera (Panico di Foligno)

Quarti di finale – andata 4 maggio, ritorno 11 maggio

Semifinale – andata 18 maggio, ritorno 25 maggio 

Finale – gara unica il 1° giugno

Serie C1

Semifinale Play-off: Alma Juventus Fano-Tre Torri Sarnano 1-2 dts

Finale Play-off: Jesi-Tre Torri Sarnano 4-3 dts (leggi l’articolo)

1° turno play-off nazionali: vincente Emilia Romagna-Jesi (andata 11 maggio, ritorno 25 maggio)

Finale Play-out: Pianaccio-Monturano – venerdì 3 maggio

Serie C2

Titolo regionale

1^ giornata: Fermana-Gagliole 2-1 – riposa: Chiaravalle

2^ giornata: Gagliole-Chiaravalle 6-2 (2 Caimmi)

3^ giornata: Chiaravalle-Fermana 2-6 (Bartolucci, Felici, giocata il 24 aprile)

CLASSIFICA – Fermana 6 (campione regionale Serie C2), Gagliole 3, Chiaravalle 0

Play-off Serie C2

  • Ottavi di Finale – 12-13 aprile

Ascoli-Acli Mantovani 1-2 (Guerrini, Ferraresi)

Acli Villa Musone-Real Fabriano 1-5 (Lacchè, 2 Argalia, 2 Farneti)

Lucrezia-Carissimi 2-1

Polisportiva Victoria-Campiglione 1-2 (Squadroni)

  • Quarti di finale – venerdì 3 maggio

Amici del Centro Sportivo-Acli Mantovani (Q1)

Sambenedettese-Real Fabriano (Q2)

Castelfidardo-Lucrezia (Q3)

Castrum Lauri-Campiglione (Q4)

  • Semifinali – venerdì 10 maggio

SF1 – vincente Q1-vincente Q2

SF2 – vincente Q3-vincente Q4

  • Finale play-off – venerdì 17 maggio

Play-out Serie C2

Triangolare 1 – Aurora Treia, Dinamis Falconara, Fight Bulls Corridonia

Triangolare 2 – Real Ancaria, Avis Arcevia, Nuova Ottrano

1^ giornata – venerdì 3 maggio 

T1 – Dinamis Falconara-Fight Bulls Corridonia – riposa Aurora Treia

T2 – Nuova Ottrano-Avis Arcevia – riposa Real Ancaria

2^ giornata – venerdì 10 maggio  

T1 – Aurora Treia-perdente 1^ giornata – riposa vincente 1^ giornata

T2 – Real Ancaria-perdente 1^ giornata – riposa vincente 1^ giornata

3^ giornata – venerdì 17 maggio 

Finale play-out: venerdì 24 maggio (17 maggio se non si gioca la terza partita)

Giacomo Grasselli 

©riproduzione riservata




Calcio a 5 femminile Serie A \ Stilcasa Falconara a valanga nell’ultima al PalaBadiali, Molfetta battuto 8-2

CITTA' DI FALCONARA C5- FEMMINILE MOLFETTA

La squadra di Giulia Domenichetti saluta alla sua maniera il pubblico di casa prima dei playoff. Doppiette di Elpidio nel primo tempo e di Kubaszek nel secondo.

Poi, forse con la testa già alle Final Eight di Coppa Italia che andranno in scena dal 18 al 21 aprile in quel di Genova, calo di tensione velleitario nel finale. Dopo la decima vittoria interna su undici gare tra le mura amiche, la speranza del secondo posto continuerà anche nell’ultima giornata.

FALCONARA MARITTIMA, 14 aprile 2024 – Continua a vincere e convincere lo Stilcasa Costruzioni Città di Falconara. Anche il penultimo atto della regular season, ha fatto da testimonianza diretta delle grandi intenzioni che le falchette adotterano per il gran finale che le attende.  Un 8-2 roboante al ‘Pala Badiali’, dinnanzi ad una delle sole tre squadre che (anche lei già aritmeticamente ai playoff), in casa propria, aveva sconfitto all’andata le citizens.

La corsa al secondo posto, da effettuare continuando a tener d’occhio che ne sarà dell’andamento del Tiki Taka distante un punto anche per nel prossimo atto finale, continuerà fino all’ultimo istante.  A pagar le conseguenze di questa speranzosa rincorsa, oggi è toccato al Femminile Molfetta c5.

PRIMO TEMPO

Pronti, via che Sestari rischia di ripetersi colpendo la traversa da porta a porta. Nonostante l’avvio veemente delle falchette, l’occasione forse più grande nasce proprio a partire dal suo estremo difensore. Niente da temere. Per il gol dell’1-0 c’è da attendere poco più di due minuti: il Molfetta si fa trovare scoperto, Ferrara non perdona segnando in scivolata il sedicesimo gol del suo campionato.

Dopo un intervento miracoleggiante di Soldano ai danni di Elpidio, a non lasciar scampo al portiere pugliese ci pensa Isa Pereira: la ‘16’ percorre oltre metà campo palla al piede, si presenta a tu per tu con l’ultima avversaria prima di scartarla secca e depositare per il 2-0 dopo 4.38.

Al 9.48, Elpidio fa 3-0 completando una splendida azione corale su assistenza finale di Boutimah che, dopo altri dieci minuti all’incirca, con lo stesso tacco con cui aveva propiziato la rete della compagna segna un gol del 4-0 di pregevolissima fattura. Al 19’, Elpidio si ripete anticipando tutti su palla inattiva. Per la rete del 6-0 che chiude il primo tempo, Praticò dribbla il portiere con la suola alla Isa Pereira e sigla a porta libera.

SECONDO TEMPO

Nei primi cinque minuti della seconda frazione, l’approccio biancoblu è addirittura più fulmineo di quello del primo tempo. Dopo soli dieci secondi, infatti, Kubaszek fredda con un destro dal limite Sesti. Poi, dopo un minuto, la polacca firma la seconda doppietta di giornata dopo l’assist di testa di Boutimah.

A seguito di una traversa, colpita da Ferrara al settimo minuto, lo Stilcasa abbassa un’po’ la tensione. A 9.30’, Errico ribadisce a rete dopo la parata con cui Sestari neutralizza un bell’uno-due dal quale Amanda arriva al tiro. Poi, Amanda stessa, sfrutta una superficialità in area di Ferrara e spara per l’8-0. Al sedicesimo di secondo tempo, con la gara in archivio, il doppio gol della bandiera ospite fissa il risultato sull’8-2. Forse un po’ troppo largo per quanto visto in campo, ma che mete in risalto mentalità e cinismo di un Falconara che adesso si appresta a vivere il bello dopo aver fatto un pieno di entusiasmo interno da schiacciasassi.

Tabellino

STILCASA COSTRUZIONI FALCONARA-FEMMINILE MOLFETTA 8-2 (6-0 p.t.)
STILCASA COSTRUZIONI FALCONARA: Sestari, Elpidio, Pereira, Ferrara, Boutimah, 
Tomassini, Soldevilla, Praticò, Pesaresi, Pandolfi, Scoponi, Kubaszek. All. Domenichetti

FEMMINILE MOLFETTA: Amanda, Soldano, Belam, Bruninha, Vanessa, Oselame, De Marco, Caputo, Errico, Ion, Foti, Sesti. All. Iessi

MARCATRICI: 2’31” p.t. Ferrara (S), 4’38” Pereira (S), 9’46” Elpidio (S), 17’01” Boutimah (S), 19’31” Elpidio (S), 19’42” Praticò (S), 0’36” s.t. Kubaszek (S), 1’24” Kubaszek (S), 9’27” Errico (F), 15’53” Amanda (F)

AMMONITE: Soldevilla (S), Errico (F)

ESPULSE: 15’09” p.t. Belam (F) per espulsione diretta

ARBITRI: Andrea Saggese (Rovereto), Fabio Maria Malandra (Avezzano) CRONO: Davide Plutino (Reggio Emilia)

Risultati e classifica – Serie A Femminile 

20^ giornata: Stilcasa Costruzioni Falconara 8-2 Molfetta, Montesilvano 5-3 Pelletterie, Royal Lamezia 4-0 Atletico Foligno, Kick Off 3-2 Lazio, Bitonto 3-1 VIP, Audace Verona 4-6 Tiki Taka Francavilla

CLASSIFICABitonto 56, Tiki Taka Francavilla 51, Stilcasa Costruzioni Falconara 50, Montesilvano 47, Molfetta 36, Lazio 29, VIP 23, Kick Off 19, Audace Verona 17, Royal Lamezia 16, Atletico Foligno 15, Pelletterie 5

NOTE – blu: play-off scudetto; arancione: play-out; rosso: retrocessione in Serie B

Samuel Miani

©riproduzione riservata




Prima Categoria / La Filottranese cala il tris al “San Giobbe”: Falconarese battuta 3-0

Nella ripresa Gasparini, Storani e Capomagi rifilano il tris ai biancoverdi che ora sarebbero retrocessi. Biancorossi a -3 dalla vetta

FILOTTRANO, 3 marzo 2024 – La Filottranese batte un colpo e si riporta a -3 dalla vetta. I ragazzi di Marco Strappini, infatti, hanno battuto 3-0 una Falconarese in caduta libera, nel posticipo della 23^ giornata del girone B di Prima Categoria: i biancorossi tornano a 3 punti dalla vetta.

I locali sono subito pericolosi con Capomagi, che colpisce il palo dopo pochi minuti. Nel resto del primo tempo, però, le squadre si affrontano senza esprimere un buon calcio, né creando grandi occasioni. Solo sul finire dei primi 45′ la Falconarese fa paura ai locali in contropiede, ma il risultato resta sullo 0-0.

Ci pensa Gasparini a sbloccare il risultato subito dopo la ripresa con un bel gol su punizione al 49′. Non passano molti minuti e la Filottranese rifila altre due reti agli ospiti: il raddoppio arriva col gran gol di Storani, che lavora bene il pallone in area e trafigge Bolletta; segna invece il 3-0 Capomagi, che di testa anticipa tutti, su corner battuto da Corneli. La Falconarese non trova una reazione per recuperare il match, così i biancorossi gestiscono bene il risultato nella mezz’ora finale, in cui trovano spazio vari atleti del settore giovanile.

La Filottranese resta al quarto posto con 38 punti, ma vede la vetta a sole 3 lunghezze. I biancoverdi di Cosentino, invece, scivolano al penultimo posto con 14 punti: attualmente sarebbero retrocessi, per via del -13 dalla Labor quint’ultima. Nel prossimo turno, la squadra di Strappini affronta in trasferta il Chiaravalle fanalino di coda, mentre la Falconarese ospita il Sassoferrato Genga vice-capolista. 

Si ringrazia Marco Gottardello (Ufficio Stampa Filottranese)

Tabellino

RETI – 49′ Gasparini, 54′ Storani, 60′ Capomagi

FILOTTRANESE – Strappini N., Mazzarini, Perna (75′ Paesani), Costarelli, Gasparini, Dignani, Farotti (82′ Strappini G.), Capomagi (65′ Vitali), Maccioni (82′ Nitrati), Corneli, Storani (82′ Nicoletti Pini). All. Strappini M.

FALCONARESE –  Bolletta, Mondaini, Calafiore, Carra, Tomassini, Bertotto (76′ Cionchetti), Sconocchini (81′ Lucioli), Baldoni, Santinelli (82′ Kanyi), Bartoloni (70′ Di Nardo), Serrani. All. Cosentino

ARBITRO – Colombo di Fermo

CLASSIFICAReal Cameranese 41, Sassoferrato Genga 40, Montemarciano 39, Filottranese 38, Olimpia Marzocca 36, Castelleonese 35Castelbellino 34, Pietralacroce 33, Borghetto 33, Borgo Minonna 31, Sampaolese 29, Labor 27, Staffolo 21, Senigallia Calcio 15, Falconarese 14, Chiaravalle 13

Gli altri risultati di giornata: clicca qui

©riproduzione riservata




Prima Categoria / Un super Bassotti stende la Falconarese: la Labor dilaga (5-2)

Il poker del centravanti toglie gli arancioneri dalla zona playout in virtù del pari nel derby tra Sampaolese e Borgo Minonna e della sconfitta dello Staffolo. Bartoloni rende meno amara una sconfitta pesantissima per i biancoverdi

SANTA MARIA NUOVA, 20 gennaio 2024 – Labor 5-2 Falconarese: è questo il risultato della gara della 16^ giornata del girone B di Prima Categoria, con ben 4 gol del bomber locale Bassotti, che accorcia a -1 dal capocannoniere del campionato Fabio Giudici. 

Primo tempo

Inizio migliore della Labor che significa 1-0 già al 4’. Bassotti in area sguscia via alla marcatura ed è freddissimo davanti a Bolletta per il gol dell’1-0 e il nono, personale, in campionato. Al 12’ Zappi si ritrova sul secondo palo un pallone lasciato scorrere malissimo dal portiere di casa. Occasione per l’1-1 sciupata dal centrale falconarese.

Un minuto dopo, l’errore in fase di impostazione ospite mette a tu per tu con il portiere biancoverde Ortolani. Bolletta, aiutato dalla conclusione piuttosto centrale del 10, salva con i piedi. Al 34’ svarione definitivo (o quasi,visto poi l’atteggiamento aggraziato dell’11 laborino sotto porta) della difesa biancoverde all’interno della propria area piccola. Un rinvio corto per rimediare favorisce Strappini che, da due passi, spara alto. Per il 2-0 c’è da aspettare, però  solo pochi attimi in più. Al 38’ Bassotti può festeggiare il raggiungimento della doppia cifra. Si va così al riposo.

Luca Bassotti si porta a casa 4 palloni…

Secondo tempo

Nonostante il tentativo di sparigliare le carte tra un tempo e l’altro di mister Cosentino (che mette dentro un attaccante in più e Dubbini al posto di Santarelli), nel secondo tempo entrano sempre meglio in campo i padroni di casa.
Bassotti decide che è la sua giornata. Al 62’ coglie in area di prima l’assistenza proveniente da destra e incrocia per il 3-0. Il 9 arancionero prosegue la mattanza cinque minuti dopo, quando con un lob da trenta metri scavalca Bolletta per il 4-1. In mezzo al suo poker, il sussulto di Bartoloni aveva portato momentaneamente sul 3-1 la contesa. Piazzato destro rasoterra ben eseguito dopo un assist intelligente di Dubbini che però tiene così fermo il punteggio a malapena per due minuti.

I troppi errori della Falconarese spianano la strada ad una Labor arcigna e sempre piu cattiva. 80’ e fiammella della speranza che torna flebilmente ad ardere. Sbaffi stende in area Bartoloni. Proprio quest’ultimo si incarica della battuta e spiazza Coppetti. 4-2. Servirà a poco. Fino al novantesimo, gioco spezzettato intelligentemente dai padroni di casa, che rischiano il meno indispensabile.

Mister Giovagnetti concede la ‘standing ‘standing ovation’ al protagonista di giornata Bassotti, che lascia il campo in favore di Meriggi nelle battute finali di una gara mai veramente in bilico per ampi meriti personali. Il numero 20 raccoglie il testimone continuandone l’eredità. A pochi secondi dal suo ingresso in campo, c’è infatti spazio anche per lui. Facile facile, di testa, proprio Meriggi chiude il match sul 5-2.

La Labor torna così alla vittoria in casa, assente dalle parti di Santa Maria Nuova dal 4 novembre scorso. Ma ancor più importante, fa quel che deve contro una diretta concorrente per la salvezza. Ovvero, tre punti. La Falconarese, invece, resta terzultima a 13, a -5 proprio da laborini e Staffolo, a cavallo tra zona neutra e play-out.

Tabellino

RETI – 4′, 38′, 62′ e 67′ Bassotti (L), 65′ e 80′ Bartoloni (F), 90′ Meriggi (L)

LABOR – Coppetti,Ruggeri, Tereziu, Barbaresi, Campanelli, Ausili (70’Sbaffi), Marconi, Morra, Bassotti(90’ Meriggi) , Ortolani (73’ Machedon), Strappini. All. Giovagnetti – A disp. Boria, Sopranzetti, Montesi, Giulietti, D’Ercole, Bordoni.

FALCONARESE – Bolletta, Calafiore, Santarelli(45’ Dubbini), Carra, Tomassini( 45’ Cionchetti), Zappi, Sconocchini, Baldoni (45’  Santinelli), Kanyi (58’ Formoso), Bartoloni, Eliantonio. All. Cosentino – A disp.

NOTE – ammoniti: Santarelli (F), Eliantonio (F), Tomassini (F), Barbaresi (L); espulso Zappi (F) all’82°

Gli altri risultati di giornata: clicca qui

Samuel Miani 

©riproduzione riservata




Calcio / Prima Categoria, la Falconarese sfiora l’impresa: 2-2 contro il Sassoferrato Genga

Altalena di emozioni nell’ottava giornata. La Falconarese pregusta a lungo il sapore del blitz dopo il gol del raddoppio al 67′, poi il Sassoferrato la riprende grazie a un finale inverosimile

SASSOFERRATO, 11 novembre 2023- Finisce in parità tra Sassoferrato e Falconarese una partita che con il significato della parola ‘equilibrio’ ha avuto poco da spartire fino all’istante finale.

Primo tempo 

Il match inizia nel migliore dei modi per i biancoverdi. Al 7′ si sblocca finalmente Bartoloni, bravo nel girare di sinistro a rete per festeggiare quasi in maniera liberatoria il suo tanto atteso primo gol in campionato. 0-1 Falconarese.

22′ e Ricci da palla inattiva manca l’appuntamento con il gol del pari da pochi passi dopo aver schiacciato troppo il colpo di testa.Al 36′ sempre il numero 9 dei padroni di casa si districa in un gesto atletico superlativo; spaccata volante ad uncinare il pallone con il mancino e sfera che esce di poco sopra la traversa. Pubblico del ‘Faggioni’ quasi in visibilio.

Poco dopo, a rubare la scena al compagno è Passeri. Cross al centro diretto verso il numero 7 con questo abilissimo nell’impattare di tacco al volo e sfiorare anche lui il gol da cineteca. Pallone che esce a fin di secondo palo e Sassoferrato ancora sotto di un gol. Falconarese che difende con le unghie e con i denti il vantaggio. Sarà così fino al duplice fischio che indica la fine del primo tempo, e forse oltre.

Secondo tempo 

Le squadre rientrano dagli spogliatoi con gli stessi asseti iniziali. Gli undici di mister Ricci si affidano ad un giro palla prolungato nella metà campo della Falco, di fatto complicandosi la vita da soli. Al 52′ un disimpegno di Imperio volto a far ripartire la manovra direttamente dal portiere, preoccupa Pifarotti che viene quasi condannato all’auto-gollonzo da un rimbalzo beffardo.

Quindici minuti dopo, il trio offensivo ospite è bravissimo nello sfruttare un altro errore in fase di costruzione commesso da Paoluzzi. Pallone recuperato da Formoso ed allargato sul lato di un Serrani bravissimo ad inviare verso il secondo palo. 0-2 al 67′ siglato ancora da Bartoloni, non pago di essersi solo sbloccato vista la doppietta che fa esplodere la panchina di mister Cosentino.

Da qui in poi, fino all’86’, capitan Bertotto & co. sono bravissimi a restare sulle loro neutralizzando le avanzate di un Sassoferrato che però accumula tutto per sprigionarlo in un finale da cinema. Il gol, o meglio l’autogol, che apre la via della rimonta interna arriva su un cross da punizione di Cossa deviato nella sua porta da Tomassini nel tentativo di liberare di prima. Qui cambia totalmente l’inerzia della partita con un Sassoferrato-Genga che sembra rinascere dopo un secondo tempo appannato. La Falconarese va in difficoltà ed i padroni di casa alzano i giri arrivando a più riprese all’interno dell’area di rigore di Bolletta.

Il gol del pari arriva si, ma il fuorigioco di Carletti Orsini, bravo ad insaccare sul secondo palo un tiro sporcato di Ricci nega la gioia del pareggio. Anzi, la rinvia. 90′ sul cronometro e all’ennesima ormai disperata discesa offensiva dei biancoblu, Piermattei viene steso in area da un intervento in ritardo di Merico. Dagli 11 metri, lo stadio Faggioni si ritrova ad un passo dalla tanto attesa rete del pari. A presentarsi all’appuntamento é Ricci che però spara in orbita un pallone che rappresenta per lui il culmine di una giornata “no”, almeno sotto il punto di vista realizzativo.

Pari che non arriva e che sembra oramai stregato per il Sassoferrato che però non demorde e si rigetta in massa in avanti. Pallone al centro, Piermattei prolunga di testa per Zucca che anticipa l’estremo difensore biancoverde raccogliendo, qui si, l’esultanza di tutto il comunale. 2-2 al 92esimo. Potrebbe bastare per gli spettatori, già saturi di emozioni, ma Bolletta si candida come l’eroe di giornata parando con i piedi un tiro ravvicinato e salvando clamorosamente un risultato che fino a dieci minuti prima la sua squadra sembrava avere in pugno. L‘espulsione di Ebrima al 94’ racchiude perfettamente un finale di partita difficile ed agitato per la Falconarese che comunque si salva portando a casa un punto da un campo difficile. Probabilmente, con un po’ di rammarico.

Il commento

“Ci sarebbe piaciuto tantissimo – spiega mister Cosentino zittire le tante voci sentite che ci davano per spacciati. Ho letto di tutto in questi giorni, ma va bene così. Conoscevamo la forza dei nostri avversari e abbiamo affrontato la gara con la giusta umiltà e attenzione. Gli ultimi 5’ ci sono costati 2 punti. Fa male ma purtroppo è così. Dispiace per i miei ragazzi che si sarebbero merita una domenica di festa. Sono contento per i giocatori che hanno fatto il loro esordio in campionato dimostrando il loro valore. Dobbiamo crescere nella gestione della partita nei minuti finali. Oggi più di ieri sono orgoglioso di questo gruppo che risponde con le prestazione alle critiche”.

Tabellino

Sassoferrato Genga- Falconarese 2-2 (p.t. 0-1)

RETI – 7′ e 67′ Bartoloni (F), 85′ autogol Tomassini (S), 90′ Zucca (S)

SASSOFERRATO GENGA – Pifarotti, Zucca, Imperio (54′ Carletti Orsini), Chioccolini, Paoluzzi, Giacchini, Passeri (71′ Federici), Monno, Ricci, Marchi (65′ Piermattei), Turchi (79′ Cossa). All. Ricci – A disp. Masci, Bonci, Isla, Lucertini, Paoletti.

FALCONARESE – Bolletta, Mondaini,Bertotto,Calafiore,Tomassini, Beato, Marconi, Ebrima, Formoso, Bartoloni, Serrani. All. Cosentino – A disp. Merico, Zappi, Santinelli, Lutsak, Di Nardo, Lucioli.

ARBITRO – Gismondi di Macerata

Gli altri risultati di giornata: clicca qui

Samuel Miani

©riproduzione riservata




Basket C unica / Taurus Jesi prima sconfitta di stagione al Palabadiali: 77-67

A Falconara il quintetto di ‘Ciccio’ Rossetti tiene testa alla squadra di casa per tutto il primo tempo per poi cedere alla distanza sotto i colpi dell’ex Pajola. Giovedì 12 ottobre al Palatriccoli contro Perugia

JESI, 9 ottobre 2023 – Partita equilibrata per i primi due parziali poi, dopo la pausa lunga, Falconara allunga e Jesi non riesce più a recuperare. Top scorer Pajola per i padroni di casa e Marcone per i leoncelli.

Giovedì 12 ottobre ore 20,30 di nuovo in campo al Palatriccoli contro Perugia.

FALCONARACaggiula 14, Centanni E. 4, Pajola 24, Centanni F. 16, Giorgini, Ciarrocchi, Curzi 3, Cotelessa, Ponti 6, Luini 2, Bartolucci 4, Galli 4. All. Reggiani

TAURUS JESI – Moretti 5, Ortenzi 3, Marziali 11, Bregagna, Giulietti 6, Marcone 14, Zandri 5, Fiusco 10, Lebediev, Pesce 13, Brutti. All. Rossetti

ARBITRI – Flocco di Ancona, Avaltroni di Fano

PARZIALI – 19-18, 16-17, 22-16, 20-16

NOTE – usciti per 5 falli Ortenzi

CAMPIONATO DI BASKET SERIE C UNICA

2° GIORNATA risultati

Osimo- Perugia 71-61, San Marino – Gualdo 96 79-63, Assisi-Todi 79-41, Fossombrone-Montemarciano 73-70, Tolentino-Recanati 65-80, Foligno-Giovane Pesaro 56-45, Montegranaro-Urbania 75-64, Falconara-Taurus Jesi 77-67

CLASSIFICA

Recanati, Fossombrone punti 4; Taurus Jesi, Montemarciano, Perugia, Giovane Pesaro, San Marino, Tolentino, Falconara, Sutor Montegranaro, Gualdo, Assisi, Osimo punti 2; P.S.Elpidio, Urbania, Todi punti 0

PROSSIMO TURNO mercoledì 11 ottobre

Gualdo 96 – Falconara, Urbania – Fossombrone, Giovane Pesaro – Recanati (10 ottobre),Taurus Jesi – Perugia (12 ottobre), P.S.Elpidio – Todi, Montemarciano – Osimo, Assisi – Montegranaro, Tolentino – Foligno
©riproduzione riservata



Calcio / Prima Categoria, pari anche tra Falconarese e Labor (1-1)

Al vantaggio siglato al 28′ da Giuliani risponde dopo un quarto d’ora Vincioni, nella gara disputata a Torrette

ANCONA, 24 settembre 2023 – Ritorno agrodolce in Prima Categoria per la Falconarese davanti al proprio pubblico, in esilio in quel del Giuliani di Torrette conseguentemente alle ormai ‘solite note’ vicende riguardanti le impossibilità del vecchio stadio Roccheggiani.

Dopo un inizio di primo tempo probabilmente a tinte più biancoverdi e culminato con la rete del vantaggio al 28′ siglata sugli sviluppi di una mischia da parte del più scaltro di tutti Giuliani, la sfida decolla verso il pareggio finale quando a scadere della prima frazione Vincioni si inventa il pari da calcio piazzato al 44′ e lascia tutto da rifare alla squadra di Mister Cosentino nel secondo tempo.

Al rientro dagli spogliatoi, probabilmente galvanizzata dal pari a fine primo tempo, è la squadra di mister Giovagnetti a sembrare la più intenzionata a vincere. Dopo qualche fiammata d’inizio secondo tempo da parte dei rossoneri, la Falconarese prende le misure e non permette al tabellino di cambiare ulteriormente, addormentando un po’ i ritmi. È così che la gara si incanala sull’equilibrio che poi la farà da padrone fino allo scadere.

Con un 1-1 pronosticabile viste le griglie di partenza simili e piuttosto moderate di entrambe le formazioni, Falconarese e Labor non riescono a farsi male l’una più dell’altra e rimandano l’appuntamento con i primi tre punti, chissà, alla settimana prossima. I neroverdi affrontano in trasferta l’Olimpia Marzocca, mentre i laborini ospitano il Chiaravalle.

Tabellino

FALCONARESE – Bolletta, Mondaini, Giuliani, Zappi, Bertotto, Tomassini, Lutsak, Baldoni, Santinelli, Sconocchini, Formoso. All. Cosentino – A disp. Carbonari, Cionchetti, Belardinelli, Beato, Lucioli, DiNardo, Iossa, Merico, Ebrimah.

LABOR – Boria, Ruggeri, Tereziu, Guidarelli, Burattini, Belelli, Marconi, Morra, Bassotti, Vincioni, Montesi. All. Giovagnetti – A disp. Moreschi, Sbaffi, Ausili, Barbaresi, Sopranzetti, Ortolani, Bordoni, Angelelli.

ARBITRO – Speciale di Ancona

RETI: 28′ Giuliani (F), 44′ Vincioni (L)

Gli altri risultati: clicca qui

CLASSIFICA – Pietralacroce 3, Castelleonese 3, Sampaolese 3, Sassoferrato Genga 1, Castelbellino 1, Borghetto 1, Real Cameranese 1, Staffolo 1, Filottranese 1, Labor 1, Falconarese 1, Olimpia Marzocca 0*, Senigallia Calcio 0*, Chiaravalle 0, Montemarciano 0, Borgo Minonna 0

s.m.

©riproduzione riservata




Pallamano A2 / Chiaravalle, uno splendido weekend: vittorie e terzo posto per maschi e femmine

I ragazzi di Guidotti hanno vinto contro il Monteprandone e sorpassano la Giara Ferrara, mentre la squadra di Fradi ha rimontato Camerano

CHIARAVALLE, 20 febbraio 2023 – Altra vittoria importantissima nel cammino della A2 maschile della ASD Pallamano Chiaravalle che batte in casa il Monteprandone per 33-26. Poco dopo, a Camerano, anche la squadra di A2 femminile vince il secondo derby di giornata e schianta le padrone di casa con un 22-27.

Serie A2 Maschile 

Il risultato pomeridiano della maschile arriva dopo una partita molto combattuta, con un Chiaravalle che prende da subito il largo (6-2 dopo pochi minuti di gioco) ed un Monteprandone che non molla mai, portandosi nel secondo tempo a giocare la palla del -1, fortunatamente sventata dal portiere Ballabio.

Uno dei protagonisti di giornata, l’ala destra chiaravallese Matteo Brutti, commenta così il successo della squadra: “Sapevamo che sarebbe stata difficile e così è stato. Abbiamo comunque dettato il nostro gioco spendendo sin da subito molte energie, cosa che, verso la metà del secondo tempo, ci ha sicuramente portati ad un po’ di stanchezza, ma alla fine la preparazione fatta in allenamento ci ha premiati. Ora siamo al terzo posto in classifica, ma non dobbiamo montarci la testa. Il cammino è lungo. Abbiamo davanti sei finali, la prima delle quali il prossimo weekend in trasferta a Sassari contro il Verdeazzurro”.

Ora la squadra di Guidotti, con i suoi 31 punti, supera la Giara Assicurazioni Ferrara e si porta al terzo posto del Girone B. Se dovesse mantenere questa posizione significherebbe play-off per la A1 Gold, un risultato mai ottenuto prima da Chiaravalle in quasi 50 anni di storia pallamanistica.

Serie A2 femminile

E alla storia puntano anche le ragazze di Mister Fradi che, in casa del Camerano, vendicano l’amara sconfitta dell’andata, rifilando alle ragazze di coach Campana un 22-27 che porta Chiaravalle al terzo posto del Girone D1.

Tra le biancoblù si è distinta Esperanza Rivera Ventura che, con 5 gol al tabellino, dichiara a fine partita:Nel primo tempo abbiamo fatto troppi errori, non eravamo noi, ma, dopo il discorso di Mister Fradi durante l’intervallo, tutto ha iniziato a girare bene. Anche io mi sono svegliata e sono riuscita a mettere la palla in porta con più facilità come volevo“.

Chiaravalle chiude così il semi girone di A2 al terzo posto dopo Marconi Jumpers e Ariosto Ferrara. Queste tre formazioni dovranno formare, a partire dal 18 marzo, un secondo semi girone assieme alle ultime due del girone D2, cioè le laziali della Flavioni e le siciliane dell’Halikada – Gattopardo. La squadra che chiuderà al primo posto questo girone avrà accesso alle Final 8 per andare in A1 femminile.

Tabellini

A2 Maschile – Chiaravalle 33-26 Monteprandone

CHIARAVALLE: Grimaldi, Vichi 1, Albanesi 1, Ceresoli, Brutti 6, Molinelli, Santinelli G. 5, Castillo 4, Solustri, Guerrero G. 2, Ballabio, Santinelli O. 1, Guerrero S. 9, Guidotti, Cognini, Lucarini 4. All. Guidotti.

MONTEPRANDONE: Mucci, Grilli 1, Vagnoni, Salladini Mirko, Evangelista, Khouaja 6, Di Girolamo 1, Cani, Martin 2, De Angelis, Tritto, Simonetti 6, Salladini Moreno 4, Stauble 6, Cela. All. Vultaggio.

A2 Femminile – Camerano 22-27 Chiaravalle

CAMERANO: Pirani, Toppa, Forconi 3, Furiasse, Velieri, Bronzini 2, Francelli 1, Coppari, Baldascini 2, Battaglini 7, Bilò 3, Danti, Giambartolomei 2, Rombini, Cristalli 2. All. Campana.

CHIARAVALLE: Tanfani 3, Lombardelli 1, Cuello 5, Rivera Ventura 5, Mamet 6, Ricci, Aliko, Paialunga, Cipolloni 3, Manfredi 1, Mariniello 3, Aquili, Pellonara, Fernandez Perez. All. Fradi.

Risultati e classifiche 

Serie A2 Maschile – girone B

20^ giornata: Giara Ferrara 20-24 Tecnocem San Lazzaro, Macagi Cingoli 26-25 Camerano, Chiaravalle 33-26 Monteprandone, Cold Point Parma 34-28 Pantarietalia Modena, Lions Teramo 23-27 Verdeazzurro Sassari, Prato 28-37 Bologna United, Prestiter Pescara 25-32 Tavarnelle

CLASSIFICA – Macagi Cingoli 38*, Tecnocem San Lazzaro 33, Chiaravalle 31, Giara Ferrara 30*, Camerano 27, Verdeazzurro Sassari 23, Bologna United 19 (-5 di penalizzazione), Tavarnelle 15, Cold Point Parma 14, Pantareitalia Modena 13, Prato 10, Lions Teramo 8, Monteprandone 7, Prestiter Pescara 5

NOTE –  Le prime tre in classifica qualificate per le Final Six per l’accesso alla Serie A Gold 2023-2024, con il diritto di disputare la Serie A Silver 2023-2024; dal quarto al sesto posto qualificate per i play-off per l’accesso alla Serie A Silver 2023-2024; le ultime due retrocedono in Serie A2 2023-2024, le altre restano in Serie A Bronze; *: una partita in meno per ogni asterisco

Serie A2 Femminile – girone D1 

10^ giornata: Camerano-Chiaravalle 22-27, SportInsieme-Ariosto Ferrara 20-37

CLASSIFICA – Ariosto Ferrara 12, Marconi Jumpers 11, Chiaravalle 10, Camerano 7, SportInsieme 0

©riproduzione riservata




Pallamano A2 e B / Chiaravalle, derby marchigiani per maschi e femmine contro Monteprandone, Camerano e Falconara

I ragazzi di Guidotti affrontano gli ascolani al penultimo posto; le ragazze di Fradi vogliono blindare il terzo posto nel derby anconetano

CHIARAVALLE, 17 febbraio 2023 – Sabato 18 febbraio è giornata di derby marchigiani per le squadre di A2 della ASD Pallamano Chiaravalle: maschile impegnata in casa alle 18.00 contro Monteprandone, femminile in trasferta contro il Camerano alle ore 21.00. Anche la squadra di Serie B, inoltre, domenica sfiderà una marchigiana: il Falconara.

Serie A2 Maschile 

Quello in casa contro Monteprandone è uno scontro molto sentito da entrambe le tifoserie. L’obiettivo dichiarato per Chiaravalle è chiaro: vincere e prendere altri due punti per prolungare la striscia positiva verso l’obiettivo stagionale. I ragazzi di Mister Guidotti al momento si trovano a 29 punti in classifica, ad un solo punto di distanza da Ferrara, in zona Play Off per la A1 Gold, mentre Monteprandone è penultima a 7 punti.

Come ricorda il Presidente chiaravallese Maltoni, però, “dobbiamo andare avanti senza sottovalutarli. Abbiamo lavorato bene e abbiamo le misure per fare una buona partita, sempre pensando al nostro obiettivo stagionale“.

Serie A2 femminile

Un discorso analogo si può fare per la A2 femminile con la trasferta a Camerano. All’andata alle ragazze di Mister Fradi è mancato un po’ il mindset e hanno vissuto la sconfitta più difficile del campionato. Ora per le chiaravallesi (terze in campionato con 8 punti, con solo un punto di vantaggio su Camerano) reduci da una prova di potenza contro la capolista Marconi Jumpers (vittoria per 42-26), c’è un solo risultato ammissibile: la vittoria. Un risultato che significherebbe anche trasferte meno complicate nella seconda fase del campionato.

Serie B e giovanili

Il weekend di pallamano si conclude con i molteplici impegni dell’Under 17 maschile, impegnata nella seconda fase per vincere il campionato d’area Marche e Abruzzo. I ragazzi di Mister Nocelli se la vedranno sabato contro il Silvi Pescara; poi domenica sera in Serie B contro il Falconara con una formazione praticamente identica; per poi concludere lunedì, di nuovo categoria Under 17, contro Camerano. Un tour de force in cui il risultato più ricercato per la società è sicuramente quello che riguarda l’Under 17, con l’obiettivo di essere campione d’Area.

Programma e classifiche

Serie A2 Maschile – girone B 

20^ giornata (sabato 18 febbraio 2023): Giara Ferrara-Tecnocem San Lazzaro (ore 17.30), Macagi Cingoli-Camerano (ore 18.00), Chiaravalle-Monteprandone (ore 18.00), Cold Point Parma-Pantareitalia Modena (ore 20.00), Lions Teramo-Verdeazzurro Sassari (ore 20.30), Prato-Bologna United (ore 21.00), Prestiter Pescara-Tavarnelle (domenica 19 febbraio ore 18.00)

CLASSIFICA – Macagi Cingoli 34*, Giara Ferrara 30*, Tecnocem San Lazzaro 29, Chiaravalle 27, Camerano 25, Verdeazzurro Sassari 19, Bologna United 17 (-5 di penalizzazione), Pantareitalia Modena 13, Cold Point Parma 12, Tavarnelle 11, Prato 10, Lions Teramo 8, Monteprandone 5, Prestiter Pescara 5 

NOTE –  Le prime tre in classifica qualificate per le Final Six per l’accesso alla Serie A Gold 2023-2024, con il diritto di disputare la Serie A Silver 2023-2024; dal quarto al sesto posto qualificate per i play-off per l’accesso alla Serie A Silver 2023-2024; le ultime due retrocedono in Serie A2 2023-2024, le altre restano in Serie A Bronze; *: una partita in meno per ogni asterisco

Serie A2 Femminile – girone D1 

10^ giornata: Camerano-Chiaravalle (sabato 18 febbraio ore 21.00), SportInsieme-Ariosto Ferrara (domenica 19 febbraio ore 17.30)

CLASSIFICA – Marconi Jumpers 11, Ariosto Ferrara 10, Chiaravalle 8, Camerano 7, SportInsieme 0

Serie B – Area 6 (Marche, Abruzzo, Molise)

11^ giornata: Chieti-Cus Ancona (sabato 18 febbraio ore 18.00), Hc Pescara-Città Sant’Angelo (domenica 19 febbraio ore 15.30), Cingoli B-Camerano B (domenica 19 febbraio ore 18.00), Chiaravalle B-Falconara (domenica 19 febbraio ore 19.00)

CLASSIFICACingoli B 18, Camerano B 17, Chieti 17, Cus Ancona 11, Hc Pescara 6, Città Sant’Angelo 6, Chiaravalle B 4, Falconara -2 (3 punti di penalizzazione)

©riproduzione riservata




Calcio a 5 / Le Marche sul tetto d’Italia, il bilancio del 2022 del vice-presidente Marco Capretti

La nostra intervista al responsabile del settore calcio a 5: “Il nostro movimento è in salute, le nostre Finals di Coppa sono invidiate da tutti”

ANCONA, 2 gennaio 2023 – Il calcio a 5 marchigiano sta vivendo la sua “Età dell’oro”. Sia a livello maschile che a livello femminile, infatti, due formazioni delle Marche sono campioni d’Italia e, nel caso del Città di Falconara, anche campioni d’Europa. C’è grande entusiasmo per questo sport a tutti i livelli,anche grazie all’organizzazione delle Finals di Coppa Marche, in programma dal 5 all’8 gennaio 2023 al Pala Nino Pizza di Pesaro.

Su queste tematiche abbiamo scambiato due parole con Marco Capretti, vice presidente della Lnd Marche e responsabile del settore calcio a 5 regionale, tracciando un bilancio del 2022. 

Cosa è stato fatto per la gestione dell’emergenza Covid in aiuto delle società di calcio a 5?

“Spero che il Covid sia solo un brutto ricordo, un nemico con cui convivere che non condizioni più pesantemente la nostra vita. Questi anni sono stati difficili da gestire: anche portare al termine lo scorso campionato non è stato per niente facile. Per tutto questo non finirò mai di ringraziare tutte le società per gli sforzi fatti”.

Il movimento del futsal marchigiano sta crescendo? Ci sono state più iscrizioni ai campionati nel 2022 rispetto al 2021?

Il futsal marchigiano è in salute. Le Marche, oltre ad essere la regione con il maggior numero di tesserati in rapporto alla popolazione, è anche la terza regione in Italia per numeri assoluti. Quest’anno rispetto al 2021 siamo riusciti ad incrementare di qualche unità le squadre, sia nelle categorie senior che giovanili”.

Marco Capretti, vice-presidente della Lnd Marche e responsabile del settore calcio a 5

Due squadre marchigiane sono campioni d’Italia, Pesaro e Falconara, con le ragazze di quest’ultimo club fresche campionesse d’Europa. Come sta vivendo il calcio a 5 marchigiano questo periodo d’oro?

Che dire… semplicemente grazie e fare un super applauso a queste due società che hanno vinto tutto il possibile ed hanno portato la nostra regione sul tetto d’Italia. Da qualche giorno un immenso città di Falconara ci ha portato addirittura sul tetto d’Europa”.

Le strutture sportive delle Marche per quanto riguarda il vostro sport sono all’avanguardia? O bisogna migliorare in qualcosa?

“Sicuramente non siamo né all’avanguardia, né la cenerentola d’Italia. Le strutture sono importanti, non solo per il futsal, ma per lo sport in generale. Gli sforzi che vanno in questa direzione sono sempre ben accetti”.

Il 2023 inizia subito con il botto, con l’organizzazione delle Finals di Coppa Marche. Come vi state preparando per questo evento?

Le nostre Finals sono invidiate ed imitate da tutta Italia. Sono ormai diventate un evento: 20 squadre provenienti da tutta la regione, 14 partite e 6 coppe in palio nella splendida cornice del Pala Nino Pizza di Pesaro. Tutto questo farà da cornice al nostro buon inizio di 2023. Dopo due anni di assenza e dopo l’edizione dello scorso anno con ancora lo spettro del Covid, aspettiamo tutti gli amanti del futsal dal 5 al 8 gennaio a Pesaro”.

Si ringrazia Marco Capretti per la disponibilità.

©riproduzione riservata




PALLAMANO / Santarelli Cingoli e Chiaravalle, gli impegni del weekend

In A2 domani la capolista cingolana affronta l’85 San Lazzaro, gli esini domenica sfidano l’Ogan Pescara, derby Chiaravalle-Falconara in B

CINGOLI e CHIARAVALLE, 3 dicembre 2021 – Si avvia alla conclusione del girone di andata il campionato di Serie A2 Maschile di pallamano. Domani, sabato 4 dicembre, la Santarelli Cingoli capolista ospita la Tecnocem ’85 San Lazzaro al PalaQuaresima, mentre Chiaravalle affronterà l’Ogan Pescara domenica 5 in casa. Proseguono anche i campionati di Serie A2 Femminile e B Maschile Area 6.

QUI SANTARELLI CINGOLI

La Santarelli Cingoli vuole continuare a vincere per avvicinarsi sempre di più alla matematica qualificazione alle Final Eight Promozione. Domani, sabato 4 dicembre, infatti, i ragazzi di Palazzi sfidano in casa la Tecnocem ’85 San Lazzaro nell’undicesima giornata del girone B di Serie A2 Maschile di pallamano, con l’obbiettivo di proseguire la striscia di vittorie ora ferma a 10 successi di fila.

Storia della Pallamano ’85 Bologna/San Lazzaro

La società emiliana è nata nel 2020 per volontà del presidente Jelich, al fine di raccogliere l’eredità sportiva del Castenaso, squadra che negli anni 2000 ha partecipato a diversi campionati di Serie A d’Elitè. La passata stagione 2020-2021 ha vinto al primo colpo i play-off di Serie B ed ha ottenuto la promozione in A2. Sarà, quindi, una sfida inedita tra Santarelli Cingoli e Tecnocem ’85 San Lazzaro.

La squadra 2021-2022

L’allenatore della compagine è Andrea Fabbri ed in rosa ci sono vecchie conoscenze della pallamano italiana di Serie A, come il terzino Giulio Venturi, classe 1989 ex Bologna, Cassano Magnago, Fasano e Bolzano, l’ala 24enne Luca Cimatti, ex Bologna United, e il terzino del 1990 Luca Argentin, anche lui ha militato tra i rossoblù, oltre che nel Pressano e recentemente nel Torri. I sanlazzaresi sono terz’ultimi a 7 punti, frutto di 3 vittorie, un pareggio e 6 sconfitte, e vengono dalla convincente vittoria del derby contro il Bologna della passata settimana.

Matteo Gigli (Santarelli Cingoli, foto di Doriano Picirchiani)

Casa Santarelli Cingoli

La Santarelli Cingoli si presenta alla sfida forte del primato in classifica a punteggio pieno, 20 punti in 10 partite, a +2 dal Romagna secondo e a +4 dai Lions Teramo. I ragazzi di Palazzi hanno sofferto più del previsto nelle ultime due partite contro Chiaravalle ed Ambra, anche a causa di qualche assenza tra i titolari, una tra tutte quella per infortunio di Sebastian Guerrero. A Poggio a Caiano i cingolani erano sotto addirittura di 6 reti ad inizio primo tempo. “E’ stata una partita difficile quella di sabato scorso in Toscana – spiega il terzino diciassettenne Matteo Gigli -, perché abbiamo commesso troppi errori in difesa. Per la maggior parte della sfida ci siamo trovati a dover inseguire il risultato, però nell’ultima frazione di gioco siamo stati bravi a recuperare e a portarci in vantaggio, riuscendo a vincere”.

Nell’affrontare gli emiliani la classifica non deve ingannare Strappini e compagni, che possono contare sullo strepitoso periodo di forma di Piero D’Benedetto, autore di ben 29 reti nelle ultime tre partite. “Affronteremo il match contro l’85 San Lazzaro – conclude Gigli – con lo stesso spirito fin qui messo in campo da inizio stagione: abbiamo lavorato bene in settimana e abbiamo studiato le loro buone individualità. Sappiamo che tutti vogliono vincere in casa nostra per compiere l’impresa contro la capolista, per questo siamo determinati a conquistare i due punti anche domani”.

Info utili e Serie B

La partita tra Santarelli Cingoli e ’85 San Lazzaro si giocherà domani, sabato 4 dicembre, alle ore 18 al PalaQuaresima. L’ingresso al palazzetto, con biglietto di 3 euro, è consentito solamente ai possessori del Green Pass, tramite prenotazione consigliata nel sito della Polisportiva (clicca qui). ArbitrerannoIsleme Ramoul e Alessandro Marcelli. La squadra di Serie B, invece, dopo le due sconfitte di fila contro Monteprandone e Lions Teramo sarà impegnata domenica 5 dicembre in casa alle 18 contro la capolista Città Sant’Angelo, per una sorta di rivincita delle semifinali play-off della scorsa stagione.

QUI CHIARAVALLE

L’emozionante stagione del campionato di A2 nazionale maschile prosegue per la ASD Pallamano Chiaravalle domenica 5 dicembre alle ore 18.00 quando, in casa, affronterà l’Ogan Pescara, formazione a 10 punti in classifica con cui condivide il settimo posto nel girone B

Serie A2 Maschile

La formazione di Mister Guidotti viene da due sconfitte consecutive contro le due corazzate del campionato, Cingoli e Romagna, mentre gli abruzzesi sono reduci dalla sconfitta casalinga rimediata contro gli azzurrini del Campus Italia. Questa è arrivata per una sola rete di differenza e fa pensare che salgano a Chiaravalle alla ricerca di riscatto.

Matteo Brutti, ala destra chiaravallese, commenta così questo pre-partita: “Veniamo da due sconfitte dove abbiamo comunque fatto vedere un buon gioco. Sarà una partita decisiva, siamo carichi e stiamo lavorando molto per rifinire i dettagli. Dobbiamo mantenere la concentrazione per tutti i 60 minuti, le forze ce le abbiamo e, nonostante qualche giocatore ancora in infermeria, abbiamo recuperato Davide Rumori che è una pedina importante. Di sicuro scenderemo in campo col coltello tra i denti”.

Una difesa di Matteo Brutti (Chiaravalle)

Serie B Maschile e A2 Femminile

Nella giornata di domenica scende in campo anche le Serie B maschile alle 11.30 contro Falconara, un derby che mancava da qualche anno dove si affrontano giocatori che hanno giocato in entrambe le formazioni. Alle 17.00 sarà invece il turno della A2 femminile in trasferta contro Mestrino. Le ragazze di coach Fradi vengono da 3 settimane di stop dei campionati e sanno che non si tratta di un avversario da sottovalutare nonostante la posizione in campionato.

L’ingresso al Palasport di Chiaravalle si può effettuare solo con Green Pass o tampone negativo eseguito entro le 48 ore precedenti. Prenotazione posto obbligatoria attraverso il sito ufficiale della ASD Pallamano Chiaravalle entro le ore 12.00 del giorno del match.

Risultati e classifiche

Serie A2 Maschile girone B– 11^ giornata – sabato 4 dicembre

Verdeazzurro Sassari-Prato (ore 16), SANTARELLI CINGOLI-Tecnocem ’85 San Lazzaro (ore 18),Romagna-Ambra (ore 18.30), Follonica-Lions Teramo (ore 19), Bologna United-Camerano (ore 19.30), Modula Casalgrande-Campus Italia (ore 20.45), CHIARAVALLE-Ogan Pescara (domenica 5 dicembre ore 18)

Classifica: Santarelli Cingoli 20, Romagna 18, Lions Teramo 16, Camerano 12, Follonica e Verdeazzurro Sassari 11, Chiaravalle e Ogan Pescara 10, Modula Casalgrande 9, Campus Italia e Ambra 8, ’85 San Lazzaro 7, Prato 0, Bologna United -3 (3 punti di penalizzazione)

Serie A2 Femminile girone C – 6^ giornata – domenica 5 dicembre

Alì Mestrino B-CHIARAVALLE (ore 17), Sportinsieme-Marconi Jumpers (ore 17.30), Tushe Prato-Ariosto Ferrara B (ore 18), Cellini Padova B-Euromed Mugello (ore 18)

Classifica: Tushe Prato 10, Ariosto Ferrara B 7, Euromed Mugello 6 (3 punti di penalizzazione), Cellini Padova B 6, Marconi Jumpers 5, Chiaravalle 4, Camerano 4, Alì Mestrino 2, Grosseto -1 (3 punti di penalizzazione), Sportinsieme -3 (3 punti di penalizzazione)

Serie B Area 6 – 5^ giornata – sabato 4 e domenica 5 dicembre

Chieti-CUS ANCONA (4/12 ore 18), Lions Teramo B-Monteprandone (5/12 ore 11), FALCONARA-CHIARAVALLE B (5/12 ore 11.30), CINGOLI B-Città Sant’Angelo (5/12 ore 18) – riposa HC Pescara

Classifica: Città Sant’Angelo 8, Lions Teramo B 8, Monteprandone 6, Chieti 4, Falconara 2, Cingoli B 2, Hc Pescara 0, Chiaravalle B 0, Cus Ancona -1 (3 punti di penalizzazione)

Giacomo Grasselli

giacomo.grasselli@qdmnotizie.it

©RIPRODUZIONE RISERVATA




AMARCORD / Dopo 30 anni si ritrova la Vigor Senigallia del 1991

Cena tra i protagonisti dell’epico spareggio di Falconara contro l’Osimana, che riportò i rossoblù in serie D

SENIGALLIA, 18 Novembre 2021 – Il 19 maggio 1991, davanti a quasi 5.000 spettatori, con almeno 2.500 senigalliesi, la Vigor vinse a Falconara lo spareggio contro l’Osimana tornando in serie D.

A distanza di 30 anni, quell’epica partita, vinta 4-1 contro una squadra fortissima e andata in vantaggio con un gol dell’ex capitano del Catania in serie A Damiano Morra, rivive grazie ai protagonisti, che si ritrovano a 3 decenni di distanza.

“Quelli del 91” – giocatori, allenatori, dirigenti – si incontreranno il 26 novembre per una cena, anche nel ricordo di chi non c’è più.

“Venerdì 26 novembre si ritroveranno presso il ristorante Seta tutti i vigorini che hanno partecipato, a vario titolo, alla vittoria del campionato di Promozione 1990/91 spiegano Quel campionato che si concluse a Falconara con la vittoria sull’Osimana per 4 a 1 dopo la splendida cavalcata durante l’intera stagione sportiva.

Ci auguriamo che presto si possano rivivere i risultati sportivi che hanno dato momenti di gioia per tutti gli sportivi che hanno seguito e vissuto le alterne vicende spesso bellissime e, purtroppo, altre volte bruttissime della maggiore società calcistica cittadina, la Vigor.

Tecnici, giocatori, collaboratori, dirigenti e giornalisti si ritroveranno dopo 30 anni e sarà sicuramente un bel momento pieno di ricordi che rinsalderà l’amicizia consolidatasi nonostante il tempo trascorso.

Ricorderemo anche con grande affetto e riconoscenza tutti coloro che non sono più con noi, diversi dirigenti come Goffredo Bianchelli, Settimio Cesarini, Paolo Antognini, Paolo Pasquini, Sandro Montesi, Giorgio Silvestri, Dante Aguzzi, Bruno Luzi, Fabio Fattorini, Paolo Francucci, Dario Sangelantoni, Benito Quadraroli, e collaboratori come Minghino, Aldo Boni, Sandro Paradisi, e tanti tecnici come Carlo Bosin, Lucio Montesi, Ciro D’Amico, Franco Gobbetti.

Gli organizzatori pubblicano questa nota perché non c’è la possibilità materiale di raggiungere tutte le persone che dovrebbero essere invitate.

Speriamo vivamente che attraverso la lettura di questa nota sui quotidiani, sui social, sulla stampa on line si possa raggiungere anche chi al momento non è stato contattato.

L’appuntamento è per le ore 20 del 26 novembre.

Per adesioni: 333 7997636.

Noi del 91″.

Andrea Pongetti

©RIPRODUZIONE RISERVATA




CALCIO A 5 / Serie C1, Trillini Jesi a caccia del tris, Pietralacroce resta in testa

Vince il Cerreto d’Esi contro il Grottaccia, stop per Dinamis Falconara, Audax S. Angelo e Castelbellino, in C2 Nuova Ottrano sempre in vetta

VALLESINA, 29 ottobre 2021 – La Trillini Auto Jesi vince la seconda partita di fila e stasera punta al tris a Senigallia. E’ stato questo uno dei temi della sesta giornata di Serie C1 di calcio a 5 di venerdì scorso 22 ottobre.

Il Pietralacroce Ancona ha confermato la vetta della classifica rimontando il Castelbellino, mentre il Cerreto d’Esi ha vinto anch’esso in rimonta il derby nostrano contro il Grottaccia. Perdono Dinamis Falconara e Audax Sant’Angelo.

In Serie C2, nel girone A il Verbena Ancona e il Città di Ostra si portano in vetta, mentre nel B la capolista Nuova Ottrano centra la quarta vittoria consecutiva.

Serie C1

Venerdì scorso un super Bartolucci con una tripletta ha trascinato la Trillini Jesi alla seconda vittoria consecutiva contro l’insidioso Pianaccio per 4-1: l’altra rete leoncella era arrivata grazie ad un’autorete.Gli jesini sono ora a ridosso della zona play-off, distante solamente un punto.

In testa c’è sempre il Pietralacroce di Ancona, che è riuscito a ribaltare una partita complicata a Castelbellino. Dopo lo 0-1 di Bilò, gli orange erano andati sul 2-1 grazie a una doppietta di Largoni, poi tre gol consecutivi di Ferjani hanno ribaltato il match in favore dei dorici. Nonostante il 3-4 di Cassano, la quarta rete di Ferjani ha consegnato al Pietralacroce il primato a 15 punti in classifica. Il Castelbellino, invece, scivola all’ultimo posto.

La Dinamis Falconara, invece, esce dalla zona play-off con la terza sconfitta consecutiva, sfiorando il pareggio dal 2-4 al 4-5 contro la Nuova Juventina fanalino di coda: non sono bastati i gol di Di Placido (doppietta) e Kania, oltre ad un autogol a favore, per evitare l’aggancio in classifica di Trillini Jesi e Olympia Fano al sesto posto, occupato anche dal Pianaccio.

Perde anche il Grottaccia, alla prima sconfitta esterna stagionale per merito del Cerreto d’Esi. I gialloblù erano andati sullo 0-3 con la doppietta di Joele Banchetti e il gol di Leonardo Fufi, ma i violanero hanno rimontato grazie alle reti di Stazi, Di Ronza, Occhiuzzo, Casoli e Marturano (doppietta). Se il Cerreto d’Esi balza al quarto posto con 10 punti, il Grottaccia scivola al quart’ultimo a 6, in piena zona play-out.

Appena fuori la zona spareggi salvezza c’è l’Audax Sant’Angelo Senigallia, sconfitta per 6-4 dal Cus Macerata, dopo essere stata in vantaggio anche lei per 0-3, per poi venire rimontata fino al 5-3: non sono bastate, dunque, le reti di Conti, Bikai e Carletti (doppietta).

Stasera, venerdì 29 ottobre, l’unico derby nostrano tra le nostre squadre in Serie C1 è quello tra Audax Sant’Angelo e Trillini Jesi. La capolista Pietralacorce affronta in casa l’Olympia Fano, così come il Castelbellino ospita il Montelupone. Impegni in trasferta per Cerreto d’Esi (contro la Nuova Juventina), Dinamis Falconara (in casa del Pianaccio) e Grottaccia (ospitato dal Real San Giorgio). Completa la settima giornata la sfida tra Monturano e Cus Macerata.

Serie C2

Nel girone A di Serie C2, il Verbena Ancona e il Città di Ostra balzano in vetta, approfittando del turno di riposo degli Amici del Centro Sportivo: i dorici hanno battuto 3-7 il Ciarnin fanalino di coda a Senigallia, mentre gli ostrensi hanno avuto la meglio sull’Acli Mantovani terz’ultima.

Pareggia l’Arcevia in casa contro l’Alma Juventus Fano, così come arriva il terzo pareggio in tre partite per il Chiaravalle, questa volta in trasferta contro lo Gnano ’04.

Nel girone B, invece, la Nuova Ottrano continua a dettare il passo come capolista: la vittoria di Macerata contro il Bayer Cappuccini rinsalda la prima posizione con la quarta affermazione in quattro giornate. Per le cingolane, l’Avenale viene ripreso sul 2-2 dal Sambucheto dopo essere stato avanti 2-0 nel primo tempo, mentre la Polisportiva Victoria vince 4-3 la sentita sfida contro l’Aurora Treia. Doloroso ko, infine, per il Real Fabriano, sconfitto 2-7 in casa dal Tre Torri Sarnano. 

Risultati e classifiche

Serie C1

6^ giornata (22 ottobre)
Montelupone 9-4 Monturano
Olympia Fano 0-2 Real San Giorgio
Trillini Auto Jesi 4-1 Pianaccio (autogol, 3 Bartolucci)
Castelbellino 3-5 Pietralacroce  (2 Largoni, Cassano; Bilò, 4 Ferjani)
Dinamis Falconara 4-5 Nuova Juventina (Sotto 2-5, rimontano fino al 4-5; 2 Di Placido, Kania, autogol a favore)
Cerreto d’Esi 6-3 Grottaccia (Stazi, Di Ronza, Occhiuzzo, Casoli, 2 Marturano; 2 Banchetti, Fufi L.)
Cus Macerata 6-4 Audax Sant’Angelo (Conti, Bikai, 2 Carletti)

Classifica: Pietralacroce 15, Real San Giorgio 13, Cus Macerata 12, Cerreto d’Esi 10, Montelupone 10, Dinamis Falconara 9, Pianaccio 9, Trillini Jesi 9, Olympia Fano 9, Audax Sant’Angelo 7, Monturano 6, Grottaccia 6, Castelbellino 4, Nuova Juventina 4

7^ giornata (oggi 29 ottobre)
Pietralacroce-Olympia Fano
Castelbellino-Montelupone
Nuova Juventina-Cerreto d’Esi
Pianaccio-Dinamis Falconara
Real San Giorgio-Grottaccia
Audax Sant’Angelo-Trillini Jesi
Monturano-Cus Macerata

Serie C2
Girone A – 4^ giornata
Avis Arcevia 1-1 Alma Juventus Fano (Biagini)
Ciarnin Senigallia 3-7 Verbena Ancona (3 Giambartolomei; Brasili, 3 Busilacchi, 2 Iolo M., Pellegrino)
Città di Ostra 4-2 Acli Mantovani Ancona (Sdogati, Boria, 2 Pacenti; Proietti, Centonze)
Villa Musone 6-3 Montemarciano (2 Borgognoni, Carletti)
Gnano ’04 3-3 Chiaravalle (2 Caimmi, Viola)
Riposa Amici del Centro Sportivo

Classifica: Verbena AN 9, Città di Ostra 9, Amici CS 7, AJ Fano 5, Avis Arcevia 5, Villa Musone 4, F. Montemarciano 4, Chiaravalle 3, Acli Mantovani AN 3, Ciarnin Senigallia 1

Girone B – 4^ giornata
Real Fabriano 2-7 Tre Torri Sarnano (2 Angjelkoski)
Avenale 2-2 F. Sambucheto (Mandolini, Campana)
Bayer Cappuccini 2-4 Nuova Ottrano (Marco Jimenez, Galeazzo, Pierella, Carnevali)
Polisportiva Victoria 4-3 Aurora Treia (Bonservizi, 2 Simonetti, Barigelli)

Classifica: Nuova Ottrano 12, Sangiustese 10, Invicta Macerata 7, Bayer Cappuccini 7, Avenale 7,Polisportiva Victoria 6, Tre Torri Sarnano 4, F. Sambucheto 4, Real Fabriano 4, Serralta 4, Aurora Treia 1, Borgorosso Tolentino 0

Fonte risultati: Futsalmarche.it

Giacomo Grasselli
giacomo.grasselli@qdmnotizie.it
©RIPRODUZIONE RISERVATA




PALLAVOLO UNDER 19 / Il Volley Game Falconara campione provinciale

Nei giorni scorsi Castelferretti aveva superato Falconara per il titolo Under 17 (3-0). Ora la competizione a livello regionale

JESI, 10 giugno 2021 – La Under 19 di Falconara è campione provinciale.

Al palasport di Agugliano infatti la volley Game Falconara ha battuto la Sabini Castelferretti.

Falconara volley under 19

Due scuole pallavolistiche storiche a confronto, un derby che già si era riproposto qualche giorno fa con la categoria Under 17 e che aveva visto trionfare la Sabini con un netto 3-0.

I falchetti stavolta ci vanno con i piedi di piombo e nonostante l’agguerrito avversario, riescono a spuntarla al tie break: parziali, 21-25, 25-19, 24-26, 25-20, 15-13.

A rappresentare la provincia di Ancona sarà quindi la “cantera” biancoverde che ha tutte le carte in regola per poter lottare per il titolo regionale e ambire ad un posto per le nazionali.

Appuntamento dal 14 al 21 giugno per il girone all’italiana con le vincitrici della provincia di Macerata e Pesaro.

(red)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




AMARCORD / 30 anni fa la festa al Roccheggiani: la Vigor era tornata “come ai vecchi tempi”

Il 19 maggio 1991 uno spareggio rimasto nella storia di Vigor e Osimana, davanti a 5.000 spettatori. Il ricordo dei protagonisti

SENIGALLIA, 19 Maggio 2021 – 30 anni fa la rinascita in campo, dopo quella avvenuta fuori.

Era il 19 maggio 1991, stadio Roccheggiani di Falconara: la Vigor – che allora, temporaneamente, si chiamava Nuova Vigor 1921 – batteva 4-1 l’Osimana in uno spareggio indimenticabile, rimasto nella storia delle due società, e tornava dopo tre anni di Promozione in Interregionale.

Tribuna Roccheggiani Falconara

Tre anni dopo l’amarissima retrocessione del 1988, maturata in casa all’ultima giornata contro il Castelfiorentino, ma soprattutto due anni dopo il fallimento avvenuto nel marzo 1989, durante il torneo di Promozione 88-89.

La Vigor riuscì comunque a terminare quel campionato e pure a salvarsi sul campo, grazie a due spareggi vinti prima a Pesaro contro il Borgo Massano e poi a Castelfidardo sul Camerino: un drammatico 2-1, deciso dalle reti di Ausili e del minorenne Giorgetti – poi arrivato in serie A con Lecce e Bari – che evitò alla società rossoblù l’onta della Prima Categoria.

Sarebbe stata la fine, e invece fu l’inizio della rinascita, completata subito dopo – nell’estate 1989 – dalla rifondazione col nome Nuova Vigor, resa possibile dall’impegno di tanti, ma soprattutto di uno, Goffredo Bianchelli.

Roccheggiani festa vigorina

Con tanti senigalliesi in squadra la rifondata Vigor fece sognare già nella Promozione 1989-90, ma poi il campionato lo vinse il Cerreto di mister Castori, che ha appena condotto la Salernitana in serie A.

La festa arrivò nel campionato successivo, 1990-91, ma non fu una passeggiata: alla fine del girone di andata la Nuova Vigor aveva 7 punti di ritardo dalla Castelfrettese capolista, tanti con sole 15 giornate da giocare e ancora i 2 punti per la vittoria.

Ma al ritorno i rossoblù vinsero ovunque, spesso con il gioco, sempre con il carattere: come a Montecchio, quando Gianluca Fenucci fece i miracoli tra i pali e in difesa Riccardo Pierdiluca alzò un muro invalicabile.

Quel successo sofferto deciso da un gol di Mauro Rossetti lanciò definitivamente la Vigor e fece fuori dalla lotta al vertice il Montecchio, risvegliando definitivamente l’entusiasmo della città attorno alla squadra, con la voce di “Carlo il barbiere” – forte e inconfondibile – che non era più l’unica a incitare i vigorini.

Alla fine si arrese pure la Castelfrettese, battuta davanti al pubblico amico nello scontro diretto, ma l’ultima giornata di campionato – in casa contro la Labor Santa Maria Nuova – non fu una festa nonostante il 5-1 e il campionato vinto: per salire nell’Interregionale si sarebbe dovuto vincere uno spareggio contro la vincitrice del girone B di Promozione, l’Osimana.

La perdente si sarebbe dovuta accontentare dell’Eccellenza, che sarebbe nata l’anno dopo, nel 1991-92.

L’Osimana aveva letteralmente dominato il suo girone, vinto con 9 punti di vantaggio sul Morrovalle secondo e con il temutissimo “Neno” Piattella, 33 anni, ex serie C, che aveva segnato un gol a partita.

Non era favorita la Vigor quel giorno, quando l’arbitro Beneplacido di Roma diede il calcio d’inizio in un Roccheggiani gremito all’inverosimile: nonostante la contemporaneità di Ancona-Ascoli e Fano-Vis Pesaro a Falconara arrivarono in 5.000 e non meno di 3.000 senigalliesi.

“Fu una partita bellissima, cosa che non sempre capita negli spareggiricorda Gianluca FenucciDue squadre fortissime: noi avevamo fatto 15 vittorie e 1 pareggio nelle ultime 16 partite, ma non eravamo favoriti. Per me fu il primo anno a Senigallia, bellissimo come i successivi 2 in Interregionale: rimane un ricordo splendido di persone splendide come Goffredo Bianchelli, il cui discorso all’hotel Palace prima della partita ci diede convinzione, ma pure serenità. Mi piace ricordare pure la partita di Calcinelli: fu la mia prima giocata con mio fratello Giovanni, che aveva 17 anni ma giocò spesso in quella Vigor”.

L’Osimana, però, passò in vantaggio con un bolide di Damiano Morra, ex bandiera del Catania in serie A, a fine carriera ma ancora in grado di fare la differenza nel mezzo: “contro la Vigor giocai pure la mia prima partita in carriera in assoluto da seniorevidenzia intervistato da Giorgio Marcellini che ha raccolto le varie testimonianza di allora per il centenario vigorino – Giocavo nel Portorecanati ed era il 1971. Ho avuto la Vigor nel destino, ma a Falconara fu una giornata storta..L’Osimana non meritava di perdere così pesantemente, ma davanti a tutta quella gente fummo presi dall’emozione”.

I tifosi della Vigor, coi gemellati della Biagio Nazzaro Chiaravalle, fecero un tifo incredibile, ammassati in ogni angolo del glorioso stadio falconarese, la cui vecchia tribuna è stata abbattuta proprio recentemente, ma la differenza la fece pure il mister vigorino Sauro Bonetti“per me fu anche una rivincitasottolineaL’anno prima, nel 1989-90, ero all’Osimana ma fui esonerato da secondo in classifica e mi subentrò “Gegè” Di Giacomo, allenatore giallorosso pure allo spareggio. Non eravamo favoriti, ma avevamo una forte identità, con molti ragazzi delle giovanili che si integrarono alla perfezione ai nuovi arrivati di quell’anno. Usavo il 3-5-2. La mossa vincente? Aver tolto Goldoni per inserire Vitaletti: fu un rischio, ma andò bene”.

“Fefi” Goldoni aveva appena 21 anni ma della Vigor era già l’elemento di maggior talento, Gianni Vitaletti di anni ne aveva 34 e in rossoblù c’era stato per la prima volta addirittura nel 1974: quella di Falconara fu la sua ultima partita in carriera e il roccioso difensore, che aveva fermato pure Salvatore Bagni in un Vigor-Carpi degli anni Settanta, fece altrettanto con un altro ex serie A come Morra. “Bonetti mi disse semplicemente: entra e ferma Morra”, ricorda l’ex giocatore senigalliese.

La Vigor pareggiò su una autorete di Rubini sul finire del primo tempo, poi nella ripresa si scatenò con i suoi due bomber: Stefano Pieri, classe 1970, firmò il 2-1, Mauro Rossetti, classe 1964, che nella Falconarese aveva giocato, segnò il terzo e il quarto gol nel suo ex stadio.

Poi scoppiò la festa per tutti, in campo con l’inevitabile invasione e in auto fino al ritorno a Senigallia a suon di clackson: “c’era una grande organizzazione in quella Nuova Vigor – afferma Stefano Torreggiani, collaboratore del giornalino societario Rossoblù lo stesso house organ lo dimostrava: in 12 pagine si sviscerava tutta la vita della società, composta da gente davvero appassionata. Bianchelli figurava solo come consigliere, ma valeva per 10. Dal punto di vista tecnico la svolta fu l’ingaggio, a stagione iniziata, di Federico Gabban”.

Il diesse Giorgio Moroni lo pescò a San Marino: il suo passato parlava pure di serie C2 ma allora – senza internet a informare costantemente e fin troppo su tutto – non lo conoscevano in molti e si trattò di una geniale intuizione.

Gabban, nella sua unica – e nemmeno intera, stagione senigalliese – prese letteralmente per mano la squadra a centrocampo.

Luciano Rossini, decano dei giornalisti senigalliesi ed ancora oggi curatore di una pagina facebook seguitissima dai fans rossoblù, chiuse la sua emozionata (ed emozionante) radiocronaca per Radio Velluto con un eloquente: “scene indescrivibili, un pubblico grandioso. La Vigor è tornata come ai vecchi tempi”.

Aveva ragione, ed esattamente 30 anni dopo la Vigor è ancora qui, pronta a festeggiare i 100 anni di vita.

Ecco perché quel 19 maggio 1991 non potrà mai essere dimenticato da chi lo ha vissuto.

 

Nella foto della Vigor che battè 4-1 l’Osimana a Falconara il 19 maggio 1991 ci sono: da sinistra in alto Gianluca Fenucci, Massimo “Klaus” Tinti, Stefano Pieri, Stefano Fattorini (capitano), Riccardo Pierdiluca, Michele Mezzanotte. In basso da sinistra Federico Gabban, Marco Maiolatesi, Mauro Rossetti, Stefano “Fefi” Goldoni, Roberto Carboni.

Allenatore Sauro Bonetti.

 

Andrea Pongetti

©RIPRODUZIONE RISERVATA




TIRO CON L’ARCO / Record mondiale per la jesina Nicole Andreatini

Gareggia per la società ‘Arcieri il falco’ di Falconara. Ricevuta dal Sindaco Signorini, dall’assessore Baia e dal presidente Bartulewicz

FALCONARA, 1 maggio 2021 – L’11 marzo scorso aveva fatto conoscere nel mondo il nome dell’associazione Arcieri il Falco, conquistando un record mondiale al Campionato italiano indoor di tiro con l’arco di Rimini.

Ieri, 30 aprile, la giovanissima Nicole Andreatini è stata ricevuta al Castello dal sindaco Stefania Signorini, che le ha consegnato una medaglia in bronzo dello scultore Guido Armeni come riconoscimento per il merito sportivo, capace di dare lustro alla città. «Complimenti per la passione che metti in questa disciplina sportivaha detto il sindacoe che ti ha portato a risultati tanto importanti, frutto di talento e impegno. Risultati che sono un motivo d’orgoglio per l’associazione e per Falconara».

L’incontro è stato organizzato dall’assessore allo Sport Raimondo Baia, presente in Sala del Leone insieme al presidente dell’Asd ‘Arcieri il Falco’, Marco Bartulewicz.

Nicole Andreatini, residente a Jesi, compirà 18 anni il prossimo 29 maggio. Studentessa dell’istituto Panzini di Senigallia, ha anche la passione per il pianoforte.

Dal settembre 2018 è iscritta all’associazione falconarese, è seguita dall’istruttore federale Cosimo Dragone e ha iniziato l’attività agonistica nel 2019.

In pochi anni ha collezionato una serie di successi, dal primato regionale 25 metri allievi femminile, conquistato nel 2019 e tutt’ora imbattuto, fino al primato mondiale 18 metri junior femminile conquistato appunto nel marzo scorso a Rimini, nella divisione Arco Nudo.

«Mi sono appassionata a questo sport quando frequentavo la terza mediaha detto Nicolegrazie a una dimostrazione organizzata a scuola». Nicole ha portato con sé il suo arco, uno strumento di altissima precisione che le ha permesso di conquistare tanti successi”.

Il sindaco Signorini si è complimentata anche con il presidente Bartulewicz, che rappresenta un’associazione sportiva attiva da 40 anni a Falconara: merito degli ‘Arcieri il Falco’ la formazione di tanti atleti che si sono distinti nel tiro con l’arco. A luglio l’associazione celebrerà il quarantennale e l’intenzione è quella di valorizzare anche in tale occasione il campo di tiro con l’arco, fiore all’occhiello dello sport falconarese.

red

©RIPRODUZIONE RISERVATA




FALCONARA / Calcio: Daniele Cenci in serie A col Benevento

Il preparatore falconarese che risiede a Pesaro è nello staff di Filippo Inzaghi dal 2016 e si occupa di analisi dei dati e di supporti tecnologici

FALCONARA, 27 luglio 2020 – C’è un falconarese, un marchigiano che il prossimo anno potrebbe essere in serie A e

continua…




ESINO RUGBY / BLACKOUT FATALE A L’AQUILA

Gli ultimi 10 minuti del primo tempo decisivi nell’economia della partita

 

L’AQUILA, 27 gennaio 2020L’Esino Rugby non riesce a replicare il successo di Sulmona, e per la seconda volta in trasferta in terra abruzzese cede all’Aquila Rugby Team. Un duello lunghissimo, durato oltre gli 80 minuti regolamentari, con i padroni di casa a conquistare il risultato pieno non senza difficoltà.

Ottimo l’inizio dei marchigiani, che iniziano a premere i padroni di casa cercando di costruire un gioco convincente. La partita si sblocca al 15° minuto con Teodori che sfrutta un corridoio tra i centri aquilani e va a schiacciare l’ovale in mezzo ai pali. Buona la successiva trasformazione di Feliciani che trova il 7 a 0 per gli ospiti.

La pressione continua, la determinazione resta ma qualcosa di inceppa e l’Aquila riesce al 30° ad andare in meta riportando l’equilibrio. Equilibrio che dura molto poco perché in una manciata di minuti gli abruzzesi marcano seconda e terza meta, sfruttando anche l’inferiorità numerica marchigiana per un cartellino giallo. Dal 7 a 0 di metà prima tempo si arriva al riposo con il Rugby Team avanti per 19 a 7.

I ragazzi di Falconara, Jesi e Fabriano però non ci stanno, cercano di recuperare e iniziano a martellare la tre quarti dell’Aquila trovando subito la meta con Ramadoro che resiste a due placcaggi riuscendo a schiacciare l’ovale qualche centimetro dentro l’area di meta. L’Esino insiste, aumenta la pressione e l’Aquila concede punizioni. Feliciani centra la prima portando sul 19 a 15 il parziale.

Ma l’Aquila non cede, replica e se l’Esino ed ecco il nuovo strattone dei padroni di casa: meta e trasformazione esattamente a metà del secondo tempo, 26 a 15. Ancora una volta di rincorsa i marchigiani non mollano, ed in quattro minuti con Feliciani trovano altri due calci di punizioni. Il piede del mediano d’apertura non tradisce ed il risultato ritorna in bilico sul 26 a 21.

Ad un soffio dalla fine però le forze iniziano a cedere, la mischia dell’Aquila decisamente più pesante di quella marchigiana ha la meglio a 5 metri dalla linea di meta dell’Esino, conquistando ancora una meta (successivamente trasformata).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sul 33 a 21, con un paio di giri di cronometro da completare la partita sembra finita, ma l’orgoglio è duro a morire con l’ultimo sforzo di volontà e di squadra l’Esino trova la terza meta di giornata con Piccinini e la successiva trasformazione di Feliciani oltre il tempo regolmentare. Risultato finale 33 a 28. L’Esino torna dall’Abruzzo con un punto di bonus difensivo.

Prossimo appuntamento alla 14.30 del 16 febbraio a Perugia, contro la squadra di casa.

Saverio Spadavecchia




VOLLEY / UNDER 14, I RAGAZZI DI FABRIANO E SASSOFERRATO CONQUISTANO LA PRIMA VITTORIA

SASSOFERRATO, 13 gennaio 2020 – Una marcia ripresa una manciata di mesi fa, con Fabriano e Sassoferrato unite per cercare di ricostruire un percorso di crescita dopo 12 anni di “pausa”. Oggi, dopo il debutto contro Senigallia e Jesi, i ragazzi di Coach Moretti scendono ancora in campo e riescono a conquistare una prima e meritata vittoria.

Questa volta i piccoli talenti del volley hanno affrontato la Volley Game Falconara e la Sì Con Te Volley Club di Jesi, e proprio con quest’ultima la prima vittoria.

Una bella partita quella dei ragazzi di Coach Moretti, vinta per due set a zero (25 a 22 e 25 a 15 i due parziali) e primo squillo deciso. Più complicata la partita contro Falconara, persa per due set a zero ma dalle due facce, con il primo parziale dominato dalla Volley Game (25 a 2 e 25 a 20) ed un secondo giocato punto a punto, fino quasi a sfiorare una piccola impresa.

Così in campo: Manuel Terenzi, Fabiano Calisti, Filippo Villani, Daniele Pacelli, Kevin Muscusu, Matteo Ragni, Matteo Ceccapolli, Andrea Pupilli, Davide Perini, Diego Savelli, Francesco Guerriero, Alexander Gaska, Diego Silvestri e Giovanni Rodi Falanga.

Coach Francesco Moretti

(s.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




VOLLEY MASCHILE C / ENNESIMA SCONFITTA, IL DERBY A FALCONARA

Tecno Surface Volley Club Jesi  –  ASD Volley Game Falconara       0-3

JESI, 23 dicembre 2019 – Il derby tra Jesi e Falconara per la decima gara della fase regolare del campionato di Serie C è stato vinto con pieno merito dal sestetto ospite.

Di fatto, per Jesi, è l’ennesima sconfitta. 

Primo set combattuto poi palla su palla. Poi Falconara allunga per il 17-25.

Nel secondo la gara è equilibrata fino alla fine: 23-25.

Terzo set: i leoncelli non riescono ad entrare in ritmo e crollano da subito, in ricezione prima e di conseguenza in tutti fondamentali: 12-25.

Ora la sosta e poi di nuovo sul parquet l’11 gennaio ad Agugliano.

Tecno Surface Volley Club Jesi:  D’Agostino, Beni, Pace, Ferranti, Silvestrini, Pirani, Filipponi, Saltarelli (K), Corinaldesi, Gobbi, Romagnoli, Schiaroli (L1), Amadei (L2). All.: Baldoni R.

ASD Volley Game: Ionna, Giuliani, Gucciardi, Ceccarelli, Ricci, Toccacieli, Schiavoni, Masuzzo, Matteucci, Bruschi, Andreoni (L1), Ravellino (L2). All.: Talleri.

Arbitri:  Mercuri Luca, Bartolucci Gianfranco

Parziali:  17-25, 23-25, 12-25

(e.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




ESINO RUGBY / PESARO CONQUISTA IL DERBY OVALE

Ultimo derby del 2020: passa Pesaro

 

FALCONARA, 16 dicembre 2019 – Stecca in casa l’Esino Rugby: il campo del parco del Cormorano sorride alla cadetta del Pesaro Rugby.

Subito all’attacco il quindici gialloblu, che cerca subito di togliere il respiro agli ospiti, schiacciandoli all’interno della propria linea de 22 metri. L’Esino non lascia spazio, chiude con attenzione e rimane incollato alle maglie del Pesaro.

Ottima l’intuizione di Pongetti al quinto, che con un calcetto buca la resistenza pesarese e schiaccia la palla oltre la linea di meta dopo aver recuperato l’ovale appena oltre la difesa. La trasformazione non centra i pali, ma l’Esino non molla la presa, mantenendo altra la pressione.

Al decimo minuto occasione ghiotta per i ragazzi di Jesi, Fabriano e Falconara, ma la punizione calciata da Roccetti sbatte contro il palo a pochi centimetri dall’H e da altri 3 possibili punti.

Dopo il pericolo scampato Pesaro si rianima ed inizia a macinare gioco: ordinata ed organizzata la squadra giallorossa cresce e riesce a ribaltare il risultato, chiudendo il primo tempo sul 19 a 5.

I secondi quaranta minuti di gioco partono ancora con l’Esino a testa bassa, ma questa volta Pesaro trova le contromisure e difende serrata ed attenta: le poche occasioni dei padroni di casa sventate dai pesaresi letali in fase offensiva.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il bottino pesarese cresce con un risultato finale di 36 a 5 che premia i giallorossi. Ora ancora qualche allenamento prima della pausa natalizia e poi la corsa verso i prossimi appuntamenti targati 2020.

(s.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




ESINO RUGBY / A SULMONA UNA VITTORIA DI SQUADRA

La squadra marchigiana porta a casa la seconda vittoria consecutiva

 

SULMONA, 2 dicembre 2019 – Ancora una vittoria per la truppa marchigiana. Dopo aver portato vinto la settimana scorsa sul campo di Urbino, l’Esino Rugby espugna il campo del Sulmona, blindando difesa e mettendo a referto 34 punti.

I ragazzi di Fabriano, Jesi e Falconara iniziano leggermente contratti, con i padroni di casa che cercando di far valere il fattore campo, ma l’equilibrio viene spaccato da Piccinini che nel giro di pochi giri di orologio mette a segno un uno – due decisivo (solo una delle mete però viene trasformata dal piede di Feliciani).

Primo tempo finito sul 12 a 0 e trama che anche nei secondi quaranta minuti di gioco non cambia, con l’Esino a premere e contestare ogni singolo pallone. Per Piccinini arriva addirittura la terza meta di giornata, con i marchigiani che non smettono di correre e trovare soluzioni offensive efficaci. Poker di mete con Formato, a cui seguono quelle di Santini e Roccetti (solo quest’ultima trasformata dal mediano d’apertura Feliciani).

Buona prova quindi per i marchigiani, che portano a casa un convincete 34 a 0.

Poco meno di due settimane di sosta, per poi ritrovare il terreno amico (Falconara, Parco del Cormorano) il prossimo 15 dicembre. Appuntamento alle 14.30 per un derby importantissimo contro Pesaro per una nuova giornata di campionato di serie C2.

Questo slideshow richiede JavaScript.

(Saverio Spadavecchia)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




ESINO RUGBY / BATTAGLIA AD URBINO: VITTORIA PER 24 A 13

Al termine di ottanta minuti di battaglia, l’Esino Rugby porta a casa una vittoria importantissima

 

FABRIANO, 25 novembre 2019 – L’Esino Rugby sorride in trasferta, e conquista la vittoria scardinando la fiera resistenza di Urbino.

I ragazzi di Fabriano, Jesi e Falconara partono decisi, ed iniziano ad aggredire la trequarti dei padroni di casa, giocando con determinazione nonostante un campo reso pesante dalla pioggia.

Subito meta con Simonetti che sfrutta la carica iniziale dell’Esino. Calcio di trasformazione di Roccetti, che centra i pali e fa volare gli ospiti sul 7 a 0. Urbino però non ci sta e sfruttando una imprecisione in fase offensiva degli ospiti ribalta il fronte di gioco e porta a casa una meta (trasformata) centrando immediatamente il pareggio al decimo di gioco.

Ancora Esino, con il quindici della provincia di Ancona che si riporta immediatamente in attacco e con Santini riparte alla carica segnando la seconda meta di giornata (poi trasformata da Pongetti). 14 a 7 ad una manciata di minuti dal pareggio dei lupi del Montefeltro, ma la determinazione ospite non finisce perché al 22esimo di gioco Fabbrizi schiaccia l’ovale in meta saltando la difesa dei padroni di casa schierata (19 a 10, con Pongetti che sfiora la trasformazione).

Con il primo tempo chiuso in vantaggio sul 19 a 10, l’Esino cerca di giocare con la stessa intensità dei 40 minuti iniziali, ma Urbino combatte con determinazione contrastando le fasi offensive con una difesa attenta. I “tuttineri” di casa limato la distanza con un calcio dalla linea dei 22 metri che centra l’H: 19 a 13.

L’Esino non si abbatte e torna a macinare gioco nella metà campo dei padroni di casa, e con Capalti riporta a distanza Urbino sul 24 a 13 con la quarta meta di giornata. Ultimi minuti di gioco con i ragazzi di Fabriano, Jesi e Falconara a gestire il vantaggio chiudendo la cassaforte difensiva. Il fischio finale dell’arbitro premia gli ospiti al termine di una partita intensa.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Prossimo appuntamento domenica prossima, in trasferta, contro il Sulmona Rugby per continuare a crescere.

(Saverio Spadavecchia)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




FABRIANO RUGBY / LA CARICA DEI 120: PICCOLI RUGBISTI CRESCONO

Il minirugby marchigiano corre sul rettangolo verde del campo sportivo “Cristian Alterio”

 

FABRIANO, 18 novembre 2019 – Una grande festa per i giovanissimi rugbisti marchigiani quella che è andata in scena sabato scorso sul rettangolo verde del campo sportivo “Cristian Alterio” di Fabriano.

120 giovanissimi (tra i 5 ed i 12 anni) atleti si sono confrontanti all’interno di un percorso di crescita che vede buoni numeri per il settore minirugby locale che periodicamente si confronta giocando.

Oltre ai padroni di casa del Fabriano Rugby, anche tanti piccoli atleti provenienti dalle società di Fano, San Lorenzo in Campo, Falconara, Jesi e Sena (Senigallia).

Una giornata di sport e divertimento, che per la società del Presidente Antoine proseguirà con gli allenamenti settimanali del minirgugby.

Ogni lunedì e giovedì per i ragazzi dagli 8 ai 12 anni la possibilità di scendere in campo dalle 18.15 alle 19.30.

Per i più piccoli, dai 5 agli 8 anni, l’appuntamento è sempre fissato per lunedì ma dalle 16.30 alle 17.30 presso la palestra del circolo ippico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

A seguire il percorso di crescita dei piccoli fabbri gli allenatori Guido, Flavio, Giulia e Giacomo.

(Saverio Spadavecchia)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 




ESINO RUGBY / VITTORIA IN VOLATA, FOLIGNO ESPUGNA IL “LATINI”

Nuova giornata del campionato di serie C2: ancora una volta sfida Marche – Umbria

 

JESI, 18 novembre 2019 – Foligno corsara sul campo dell’Esino Rugby. Gli umbri al termine di 80 minuti giocati sul filo dell’equilibrio, portano a casa una vittoria di misura per 10 a 5.

Inizio di marca ospite, con il quindici umbro avanti a testa bassa per cercare di forzare la cassaforte difensiva dell’Esino. Determinata Foligno, decisa nelle percussioni dei centri e vicinissima nel muovere il risultato al decimo, con un palo centrato su punizione da posizione favorevole.

Dopo la grande paura l’Esino Rugby si scuote e suona la carica giocando per lunghi tratti all’interno della metà campo umbra, sfiorando il bersaglio grosso in più di un’occasione e fallendo anche due punizioni con Valentin per due volte impreciso di un niente. Fasi finali del primo tempo di grande intensità, con Foligno che riesce a scardinare la difesa marchigiana e schiacciare la palla in mezzo ai pali. Trasformazione a segno e 7 a 0 da recuperare per il quindici di casa.

Ma il “Latini” di Jesi suona la carica, e sostiene la reazione dell’Esino che non vuole cedere di un millimetro e nel giro un paio di minuti riesce a costruire subito una concreta occasione per agganciare gli avversari. Palla in touche all’interno dei 10 metri umbri, e maul avanzante che porta Capalti ad andare oltre la linea di meta. Sfortunato ancora una volta il piede di Valentin, che da posizione laterale non riesce a trasformare: 5 a 7 al termine dei primi 40 minuti di gioco.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Seconda frazione di gioco di grande equilibrio, con l’Esino ed il Foligno a combattere ad armi pari. I padroni di casa si fanno preferire per la determinazione, ma peccano ad un soffio dalla meta sempre per questione di dettagli. A 10 minuti circa dal fischio finale l’occasione per gli umbri di scattare in avanti: un calcio di punizione da i trenta metri (posizione centrale) viaggia nel cuore dell’”H” del “Latini” ed il risultato tocca il 5 a 10 per i folignati.

Ancora una volta reazione per l’Esino, ma questa volta il cuore non basta a ribaltare (o agganciare) gli ospiti, che si portano a casa una vittoria al termine di una partita avvincente.

Prossimo appuntamento questa volta in trasferta, sul campo dell’Urbino Rugby, domenica 24 novembre alle ore 14.30.

(Saverio Spadavecchia)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




ESINO RUGBY / SCONFITTA DI MISURA CONTRO L’AQUILA

Prima uscita ufficiale per la squadra che ha unito Fabriano, Jesi e Falconara

 

FALCONARA, 28 ottobre 2019 – Prima partita ufficiale (serie c2) per l’Esino Rugby, che ha debuttato domenica 27 ottobre sul campo del Rugby Falconara (parco del cormorano).

Un progetto nato dall’unione di tre realtà territoriali: Fabriano, Jesi (nello specifico la “cadetta”, senza andare a modificare i piani della squadra ed il campionato di serie B) e Falconara, costruito con lo scopo di dare uno spessore tecnico e tattico maggiore al movimento marchigiano della provincia di Ancona.

Una partita subito di grande spessore per i ragazzi di Coach Latini, chiamati a fronteggiare i più esperti abruzzesi dell’Aquila Rugby Team. Una partita subito tesa, con gli ospiti più rodati e più decisi nei primi minuti di confronto.

Prime fasi di studio, ma poi L’Aquila accelera e mette a referto due mete (trasformate, quindi 14 a 0 per gli ospiti) sfruttando la maggiore concretezza negli ultimi metri di difesa dell’Esino. Ma i padroni di casa non sono rimasti certo a guardare, perché tra una meta e l’altra hanno impensierito pesantemente gli abruzzesi, giocando con buona qualità ma sprecando nei momenti decisivi per questione di centimetri.

Partita che però subisce uno stop inaspettato per l’infortunio dell’Arbitro Biocca, costretto ad uscire dal campo soccorso dai sanitari con l’ambulanza per un profondo taglio alla tibia destra. Dopo aver atteso una buona mezz’ora le ostilità sono riprese (grazie all’arrivo di un nuovo fischietto) con una squadra di casa che ha continuato a martellare la difesa ospite fino alla meta di Capitan Simonetti. Ancora intensità da parte dei ragazzi di Coach Latini, e tanta determinazione nel cercare di aprire la cassaforte costruita con attenzione da parte dei neri abruzzesi.

Tentativi, errori, buona volontà e tanta determinazione premiate con la seconda meta schiacciata oltra la linea al termine di una bella azione di Teodori all’ala, con l’ovale che poi arriva a Piccinini che schiaccia in meta.

Ultimi minuti di assalto da parte dei padroni di casa, che hanno cercato di giocare con le ultime forze rimaste per sfruttare la superiorità numerica. 5 minuti con il cuore in gola e tanta volontà non sono bastati per ribaltare un risultato rimasto fissato sul 10 a 14 per gli ospiti, che hanno sfruttato la stanchezza e le imprecisioni dell’Esino per ricacciare gli attaccanti fuori dalla linea dei 22 metri abruzzese.

Nonostante la sconfitta un punto di partenza incoraggiante per una squadra ancora in fase di “collaudo”, ma che ha mostrato una ottima capacità di capirsi giocando palla in mano.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Prossimo appuntamento domenica 3 novembre, in casa, contro Perugia a Fabriano, sul campo sportivo Cristian Alterio di via Romagnoli. Appuntamento a partire dalle ore 14.30.

(Saverio Spadavecchia)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




FABRIANO RUGBY / GIOVANILI E PRIMA SQUADRA, CONTINUA IL RODAGGIO

FABRIANO, 30 settembre 2019 – Si iniziano a “muovere” anche i giovanissimi del Fabriano Rugby, con il primo raggruppamento che ha visto scendere in campo i ragazzi delle Under 10 ed Under 12 sul campo del Falconara.

15 i ragazzi in rosso scesi in campo, sostenuti nella trasferta dagli allenatori e dagli accompagnatori.

I ragazzi – sia under 10 che under 12 – hanno portato in campo una buona dinamica di gioco andando sempre in meta nelle quattro sfida che hanno caratterizzato il fine settimana ovale marchigiano. In campo con i ragazzi di Fabriano anche i pari età di Ancona, Fano, Jesi ed ovviamente i padroni di casa del Falconara.

Non solo giovanili, perché prosegue la preparazione dell’Esino Rugby (realtà nata dal progetto di crescita che vede unite Fabriano, Falconara e Jesi).

Ieri pomeriggio sul campo dello Jesi sfida amichevole contro il Gubbio, quindici che milita in serie C1.

Un buon allenamento per proseguire la preparazione atletica e per testare l’amalgama di una squadra giovane che cerca ancora di oliare i meccanismi offensivi e difensivi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Buona prova quindi, con la vittoria degli umbri nonostante l’impegno messo in campo dai marchigiani.

(s.s.)




FABRIANO RUGBY / A MACERATA IL MEMORIAL “ALTERIO”, NASCE IL PROGETTO ESINO RUGBY

FABRIANO, 23 settembre 2019 – Il quarto memorial Cristian Alterio racconta di un movimento ovale vivo, che affronta una passione enorme per uno sport che proprio in questi giorni sta vivendo i primi momenti del mondiale nipponico.

Sabato scorso il Fabriano Rugby ha ospitato una giornata di sport e memoria, per raccontare a tutti la storia di Cristian che con un gruppo di amici contribuì a costruire la storia della palla ovale cittadina.

Presenti il Presidente dell’Avis Luciano Bano e l’Assessore allo sport del comune di Fabriano Francesco Scaloni. Una giornata per ricordare un amico che – come dicono i rugbisti – “Ha passato la palla”.

Presenti anche il padre Cosimo e la madre di Cristian Anna Rosa, che hanno ringraziato per l’affetto mostrato dai tanti che hanno giocato sul campo sportivo che porta il nome del figlio. “Quando passiamo qui, e vediamo che questo campo porta il nome di nostro figlio, è sempre una grandissima emozione”.

Una giornata per ricordare un compagno di “battaglie ovali” scomparso alcuni anni fa a causa di un male incurabile. Un torneo che ha visto la sfida tra le squadre “Old” di Fabriano (insieme a Falconara), Jesi e Macerata e poi la sfida tra l’Esino Rugby e Macerata. A vincere il trofeo “Cristian Alterio” Macerata, al termine di una sfida divisa in quattro tempi da 20 pensata per far crescere nella preparazione e nell’avvicinamento ai rispettivi campionati (i maceratesi giocano in C1).

E proprio l’Esino Rugby è stata la grande novità della giornata e dell’imminente stagione di serie c2 2019/20. Un progetto nato dall’unione di tre realtà territoriali: Fabriano, Jesi (nello specifico la “cadetta”, senza andare a modificare i piani della squadra pronta per il campionato di serie B) e Falconara e costruito con lo scopo di dare uno spessore tecnico e tattico maggiore al movimento ovale che dalla città della carta arriva fino a quasi due passi dal mare.

Ecco quindi la costruzione di un progetto che vuole essere inclusivo e di prospettiva, con l’obbiettivo di far crescere il movimento ovale delle tre società coinvolte.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Saverio Spadavecchia

©RIPRODUZIONE RISERVATA