AURORA BASKET / D’Ambrosio e Cardinaletti confermati, new entry per Possanzini e Mastri

Ufficializzati lo staff medico ed i preparatori atletici. Simone Bettini lascia dopo oltre dieci anni

JESI, 22 agosto 2020 – Dopo lo staff tecnico e logistico l’Aurora basket ufficializza anche lo staff medico ed i preparatori atletici.

Simone Bettini

Conclusosi il rapporto con Simone Bettini, dopo oltre dieci anni con l’Aurora, la società si affida al duo Diego Possanzini-Matteo Mastri per curare la forma fisica della squadra.

Jesino doc e con l’Aurora ormai dal 2012, Possanzini è stato il Preparatore Fisico del Settore Giovanile arancioblù e, ora, approda in prima squadra. Laureato in Scienze Motorie e Preparatore Fisico Nazionale Fip, Diego ha alle spalle anche una decennale esperienza in altre discipline come tennis e nuoto, oltre, come detto, al tanto lavoro fatto con il nostro vivaio.

Per Matteo Mastri, invece, si tratta di un ritorno nella grande famiglia dell’Aurora. Anche lui laureato in Scienze Motorie con specializzazione in Scienze e Tecniche dell’Attività Sportiva e con abilitazione come Preparatore Federale, Mastri è stato il Preparatore Fisico dell’Aesis ’98 Jesi per quattro stagioni, lavorando anche con l’assistant coach Francioni.

Dal punto di vista medico, invece nessuna novità ma solo conferme. Innanzitutto quella del dottor Pompeo D’Ambrosio, medico sociale dell’Aurora dal fine luglio 2011. Stimatissimo medico dello sport, ha maturato molta esperienza, tra le altre cose, anche nella pallacanestro rivestendo il ruolo di responsabile dello staff medico del Fabriano Basket in numerose stagioni tra Serie A e Legadue, prima, appunto, del decennio con l’Aurora Basket.

Come per D’Ambrosio, conferma importante anche quella di Ugo Cardinaletti, Massofisioterapista dell’Aurora Basket dal marzo 2011. In possesso di diploma da fisioterapista riconosciuto dal CONI, l’esperienza di Ugo sarà fondamentale, in questa come in tutte le stagioni, specie vista la particolarità di questa ripartenza dopo diversi mesi di inattività agonistica.

(red)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




AURORA BASKET / FRANCIONI VICE VALLI, CONFERMATI BETTINI, D’AMBROSIO, CARDINALETTI

JESI, 18 luglio 2019Francesco Francioni sarà il vice coach, confermato Bettini (preparatore atletico), D’Ambrosio (medico sociale), Cardinaletti ( fisioterapista).

Mattia Magrini

Queste le decisioni della società in condivisione con il club manager Michele Maggioli ed il coach Alessandro Valli.

Francesco Francioni lo scorso anno era con l’Aesis 98 e l’Under 18 Eccellenza ma ha alle spalle due esperienze da capo allenatore in C ad Osimo ed una lunga trafila di settore giovanile nella città dei senza testa.

Per le conferme: Simone Bettini che curerà con la consueta e riconosciuta professionalità la preparazione fisica della squadra;  Pompeo D’Ambrosio continuerà a ricoprire il ruolo di medico sociale;  Ugo Cardinaletti, confermato come fisioterapista.

Nei giorni scorsi è stato presentato Mattia Magrini. “Sono molto felice ha detto la neo guardia aurorina – di poter far parte per le prossime due stagioni di un progetto che mi ha intrigato sin da subito. Non ci ho messo molto a decidere, nonostante avessi altre offerte,  perché questa è una società seria, con una storia importante alle spalle. Mi è piaciuto molto il mercato effettuato, è’ stata costruita una bella squadra e siamo tutti pronti a dare il massimo, consapevoli che ci attenderà, se confermato, un girone molto tosto, forse il più difficile dei miei 9 anni di serie B. Dipenderà da noi e dal nostro impegno ricreare entusiasmo, sinergia ed armonia con il nostro pubblico”. 

(e.s.)

©RPRODUZIONE RISERVATA




JESINA CALCIO / FUMATA BIANCA: AMICI DIRETTORE GENERALE, GAGLIARDINI DIESSE

JESI, 12 giugno 2019 – Il presidente Gianfilippo Mosconi ha trovato la quadra.

Manca l’ufficialità ma possiamo dire che la Jesina ripartirà da Amici e Gagliardini.

Il primo nel segno della continuità visti i risultati ottenuti lo scorso anno, il secondo a curare la parte sportiva, magari più vicino alla squadra, nel ruolo che in passato lo aveva visto protagonista a Macerata l’anno della vittoria del campionato di serie D con ‘Peppe’ Magi allenatore.

Ai due si dovrebbe aggiungere nelle prossime ore anche una terza figura, quella di Massimo D’Ambrosio, che potrebbe andare a ricoprire il ruolo di team manager.

E nelle prossime ore potrebbe essere annunciato subito il nome dell’allenatore per poi iniziare ad allestire la squadra partendo dalle riconferme. Certo dopo Ciampelli non si può sbagliare come non sempre puntare su un allenatore giovane, sulla così detta scommessa, alla fine si ottengono i risultati che il tecnico umbro lo scorso campionato è riuscito a costruire. Di nomi ne stanno già circolando una infinità. Farli tutti sarebbe un elenco troppo lungo e poco credibile.

Sui giocatori invece è notorio che al presidente Mosconi piacerebbe ricominciare da Marini, Nonni e Villanova puntando magari a trattenere anche Bordo e Yabrè.

Per il resto tanti addii e tra questi, con molte probabilità, anche qualche giocatore storico per i colori leoncelli.

Ma le scelte tecniche saranno questioni che si discuteranno dopo che lo stesso Mosconi avrà ufficializzato, dopo tanti giorni di incertezze e di ricerca di soluzioni, la propria squadra.

 

Evasio Santoni

©RIPRODUZIONE RISERVATA




JESINA CALCIO / MOSCONI, AMICI, GAGLIARDINI: DOMANI FUMATA BIANCA, FORSE

JESI, 11 giugno 2019 – Sembra essersi chiuso il cerchio per dare una organizzazione nuova al secondo anno di gestione della Jesina targata Gianfilippo Mosconi.

Maurizio Gagliardini

Il presidente dei leoncelli ha fatto le sue scelte, dopo tante valutazioni, e domani incontrerà Gianfranco Amici e Maurizio Gagliardini.

Di Amici, jesino doc, si sa tutto.

Maurizio Gagliardini invece, 60 anni, ha avuto esperienze in serie D alla Maceratese (l’anno della vittoria del campionato con Magi allenatore) e di recente in Eccellenza a Portorecanati.

Non sarà solo un semplice pour parler quello di Mosconi con i due ma sarà l’occasione per stabilire compiti ed incarichi ben precisi in maniera tale che durante la stagione non possano nascere incomprensioni od accavallamenti di ruoli.

Mosconi ha sempre ribadito e rimarcato la bontà del lavoro svolto la stagione che va a concludersi il 30 giugno di Gianfranco Amici rimarcando al tempo stesso che troppi sono stati i compiti a lui affidati spesso e volentieri al di sopra non delle competenze ma proprio delle possibilità  fisiche e del tempo da dedicare.

Va riconosciuto poi che Amici, sul piano tecnico e della costruzione della squadra, prima con la scelta di Ciampelli e poi con gli inserimenti dei giocatori, visti i risultati finali, considerato soprattutto il ritrovato entusiasmo e il riavvicinarsi della gente allo stadio ed alla Jesina, ha fatto decisamente bene.

Adesso spetta a Mosconi riuscire a disegnare per i due, appunto, cosa dovranno fare. Non sarà facile e qui la capacità di mediazione del primo dirigente leoncello sarà importante. Perché sarà non solo sufficiente ma necessario essere precisi sul chi deve fare e come perché poi nessuno potrà scaricare in caso di difficoltà le varie responsabilità verso l’altro.

Il lavoro che si prospetta è di quelli non facili. Scegliere l’allenatore, decidere con lui quali giocatori dello scorso campionato riconfermare, individuare gli under da far giocare.

Infine il settore giovanile. Tutti ne parlano e prima o poi qualcosa dovrà essere fatto.

Come dovrà essere chiaro, insistiamo, se esistono, quali sono gli altri dirigenti che con Mosconi portano avanti la società.

Non è possibile che quando le cose vanno bene tutti sono in prima fila, quando sorgono le difficoltà l’unico a presentarsi sia Mosconi.

Questi altri personaggi, primo su tutti Chiariotti, presentato come responsabile dell’area finanziaria, e non ci sembra proprio un ruolo secondario, condivide questo percorso del presidente?

Chiariotti che si era speso nell’ottobre scorso annunciando quel progetto ambizioso del costo complessivo di circa 500mila euro per la creazione di un centro sportivo nell’area di via Asiago. Mosconi di recente ha sottolineato che con l’amministrazione comunale il dialogo è aperto: il progetto di via Asiago è tutt’ora in piedi e fattibile?

E poi i rapporti con la Uisp e con altre società jesine che gestiscono gli impianti sportivi sul territorio, che la Jesina utilizza, sono sempre tesi o tutto è tornato alla normalità?

Infine una precisazione su Massimo D’Ambrosio che noi avevamo dato come nome spendibile nella veste di futuro direttore sportivo in collaborazione con Amici.

Il presidente, ad un collega, ha tenuto a precisare di non conoscerlo personalmente e di non averci mai parlato.

Diciamo solo che Mosconi sa benissimo di conoscere D’Ambrosio e di averci di recente parlato andando ben oltre un semplice scambio di opinioni.

Evasio Santoni

©RIPRODUZIONE RISERVATA