1

Calcio / Roberto Mancini a quota 57 panchine, davanti a lui Pozzo (95) e Bearzot (88)

I suoi amici jesini, organizzati da Marino Zannotti, sempre insieme davanti la Tv per sostenere il Ct della nazionale di calcio italiana 

JESI, 17 novembre 2022 – Con quella di domenica 20 novembre in Austria, nell’amichevole che l’Italia giocherà a Vienna all’ Ernst Happel Stadion, Roberto Mancini toccherà le 57 presenze sulla panchina dell’Italia da commissario tecnico e salirà da solo al terzo posto dietro Bearzot (88 presenze) e Pozzo (95).

gli amici del ‘Mancio’

Attualmente il Ct azzurro è a quota 56 insieme a Lippi e Prandelli e sul campo ha conseguito 35 vittorie, 15 pareggi e subito 6 sconfitte.

Come di consueto, nella buona e nella cattiva sorte, parte degli amici jesini del ‘Mancio’ organizzati come sempre da Marino Zannotti, hanno assistito alla gara tutti insieme e questa volta al ‘Nero Caffè’ di Castelbellino luogo abitudinale del mister jesino nei suoi viaggi in macchina di ritorno da Roma.

 

©riproduzione riservata




JESI / Aldo Mancini compie 87 anni

Compleanno in famiglia per il babbo di Roberto Mancini. Tanti i messaggi di auguri ad un personaggio stimato da tutti

JESI, 12 gennaio 2022 – 87 anni (Jesi 12 gennaio 1935) per Aldo Mancini, il babbo di Roberto commissario tecnico della nazionale di calcio italiana. 

Compleanno festeggiato in casa con la presenza anche del Ct azzurro appositamente giunto ieri da Roma. 

Sarà una giornata normale, come tutti i giorni, per Aldo. Con le sue abitudini giornaliere non ultima quella del primo pomeriggio quando sarà al ‘Paolo Pirani’ per seguire da vicino gli allenamenti dei giovani calciatori della scuola calcioOltre ovviamente a trascorrere in casa con la moglie Marianna gran parte delle ore prima dei festeggiamenti privati alla presenza anche dei due figli Roberto e Stefania

Tanti come sempre i messaggi di auguri per un personaggio sempre disponibile e stimato.

Auguri Aldo!

(redazione)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




JESI / Fioretto, iniziato il raduno della nazionale maschile e femminile

Mercoledì 5 gennaio, presente il Ct Stefano Cerioni, conferenza stampa di presentazione del ritiro jesino ed eventi correlati

JESI, 3 dicembre 2022 – La Nazionale italiana di fioretto guidata dal Commissario Tecnico Stefano Cerioni si è radunata oggi pomeriggio a Jesi nella palestra di via Solazzi e svolgerà gli allenamenti fino all’8 gennaio in preparazione delle gare di Coppa del Mondo a Parigi dal 14-16 gennaio per gli uomini e a Poznan (Polonia) per le donne.

Fase di allenamento palestra via Solazzi Jesi

35 gli atleti convocati di entrambe le squadre.

Squadra maschile:

Giorgio Avola, Guillaume Bianchi, Jacopo Bonato, Andrea Cassarà, Alessio Di Tommaso, Damiano Di Veroli, Davide Filippi, Alessio Foconi, Daniele Garozzo, Francesco Ingargiola, Giulio Lombardi, Edoardo Luperi, Filippo Macchi, Tommaso Marini, Tommaso Martini, Lorenzo Nista e Damiano Rosatelli.

Squadra femminile:

Elena Tangherlini

Giulia Amore, Martina Batini, Elisabetta Bianchin, Irene Bertini, Erica Cipressa, Anna Cristino, Arianna Errigo, Martina Favaretto, Carlotta Ferrari, Camilla Mancini, Matilde Molinari, Beatrice Monaco, Francesca Palumbo, Marta Ricci, Serena Rossini, Martina Sinigalia, Elena Tangherlini e Alice Volpi.

 

 

Coltorti – Volpi

Con Stefano Cerioni le jesine Giovanna Trillini, maestro, e Annalisa Coltorti, preparatrice fisica oltre ai maestri Francesca Bortolozzi, Fabio Galli, Eugenio Migliore, Alessandro Puccini, Filippo Romagnoli, Fabrizio Villa e il preparatore atletico Felice Romano.

Presenti anche il medico sportivo Pierluigi Martinelli, i fisioterapisti Massimo Donati, Stefano Vandini e Sara Primavera e il tecnico delle armi Siro Santoni.

Mercoledì 5 gennaio conferenza stampa del Club Scherma Jesi, con la presenza dell’Assessore del Comune di Jesi Roberto Renzi, del CT Stefano Cerioni, del Presidente del Coni Marche Fabio Luna, del giornalista Andrea Carloni presidente USSI Marche, per la presentazione del ritiro ed eventi correlati.

(e.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




JESI / Stefano Cerioni è il Commissario Tecnico del fioretto Italia

Lo ha annunciato al termine del ‘Mancini day’ l’assessore allo sport del comune di Jesi Ugo Coltorti con lo stesso Ct presente in platea

JESI, 16 settembre 2021Come da qualche giorno (leggi….) avevamo anticipato Stefano Cerioni è il nuovo Commissario Tecnico della nazionale italiana di fioretto Maschile e Femminile.

Questa mattina il Consiglio Federale presieduto da Paolo Azzi annuncerà ufficialmente la nomina e da domani il Ct jesino inizierà il suo nuovo lavoro in vista delle Olimpiadi di Parigi 2024.

A darne notizia l’assessore allo Sport del Comune di Jesi Ugo Coltorti che dal palco della manifestazione del ‘Mancini day’ ha confermato che Jesi è la città con due Commissari Tecnici in carica.

Cerioni, presente in platea per festeggiare Mancini, invitato ad alzarsi ha ricevuto l’ovazione e tantissimi applausi dai presenti segno di affetto e di riconoscimento verso un campione ed un altro uomo di sport benvoluto e stimato da tutti.

(e.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




JESI / BUON COMPLEANNO ROBERTO MANCINI

JESI, 27 novembre 2019 – Tanti auguri al Commissario Tecnico della nazionale di calcio italiana Roberto Mancini che raggiunge il traguardo dei 55 anni.

Mancini infatti è nato a Jesi il 27 novembre 1964.

Certi di interpretare il pensiero di tantissimi jesini abbiamo voluto ricordare un giorno particolare per il CT azzurro rinnovando ed estendendogli gli auguri di tutti.

 

 

Evasio Santoni




JESI / ROBERTO MANCINI CONVOCA GLI ‘AZZURRI DI JESI’ PER LA SFIDA DELL’OLIMPICO

JESI, 16 settembre 2019 – Poche ore di relax per il ‘Mancio’ nazionale trascorse a Jesi assieme agli amici di sempre.

Dopo Fiorentina-Juventus del pomeriggio e dopo la visita graditissima alla mostra ‘football collection italy’ di sabato sera, ieri mattina Roberto Mancini assieme al gruppo ‘Azzurri di Jesi’ Massimo, Marino, Pietro, Marcello, Tonino, Gino e Eddo ha percorso chilometri in bicicletta prima di ripartire per Roma ed assistere a Roma-Sassuolo.

Mancini ha dato appuntamento alla ‘squadra’ per il 12 ottobre all’Olimpico, ed i convocati saranno presenti con lo striscione oramai di moda e conosciutissimo sui campi dove gioca la nazionale italiana.

Il CT parlando di Italia-Grecia del 12 ottobre all’Olimpico di Roma, valida per la qualificazione a Uefa Euro 2020, ha ribadito: “Sogno un Olimpico pieno di tifosi della Nazionale com’era ai tempi di Italia ’90, quando c’era la gioia di avere la Nazionale a Roma.”

Per l’occasione Mancini punterà a migliorare la striscia di vittorie, dopo il successo ottenuto in trasferta in Finlandia dove la Nazionale ha conseguito il 7° successo consecutivo sulla panchina azzurra eguagliando Giovanni Trapattoni nel 2003.

(e.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




JESI / NAZIONALE DI CALCIO, COVERCIANO: UN GOL A FAVORE DELLA ‘SINDROME X FRAGILE’

Roberto Mancini e Massimo Stronati hanno realizzato quello che si erano promessi giorni fa a Jesi: far incontrare alcuni ragazzi affetti da ‘sindrome x fragile’ con i campioni del calcio

JESI, 19 marzo 2019 – Ogni promessa è debito, soprattutto se il patto è stato concordato tra due amici. Ed allora farlo diventare realtà è questione solo di organizzazione e pochi giorni. Ed in breve tempo, sostanzialmente alla prima occasione, tutto si è maturato.

Alcune settimanale fa Roberto Mancini e Massimo Stronati, jesini doc, si sono incrociati nella loro Jesi (leggi qui) per salutarsi, scambiarsi alcune riflessioni, ricordare il passato di gioventù che li avevano visti fianco a fianco crescere nel quartiere Prato.

L’intento e la promessa era stata quella di trovare l’occasione per portare ragazzi affetti da ‘Sindrome X Fragile’ ad un incontro a Coverciano con il Ct azzurro ed i giocatori della nazionale italiana di calcio.

Grazie alla disponibilità della Figc, oggi pomeriggio, 25 ragazzi con l’X Fragile, ciascuno accompagnato da un adulto, in generale un papà, hanno avverato il loro sogno assistendo all’allenamento pomeridiano e incontrato di seguito i giocatori della nazionale di calcio radunata in vista delle partite di Udine e Parma con Finlandia e Liechtenstein valide per le qualificazioni ai campionati europei.

Da una parte i giocatori, dall’altra un gruppo di ‘campioni di Vita’, giovani che ancora una volta avranno l’occasione di dire pubblicamente  “io non sono la mia sindrome” insieme a tanti padri che potranno vivere nel migliore dei modi il giorno della loro festa, un giusto regalo per chi quotidianamente sostiene con forza la non facile crescita dei propri figli.

La parola chiave dell’associazione è ‘visibilità’. ‘Visibilità’ per portare allo scoperto questa condizione genetica chiedendo di poter frequentare la scuola di tutti, di vivere esperienze sociali al di fuori della propria famiglia, di fare sport, di godere delle stesse opportunità dei pari età.

L’iniziativa di Coverciano, merito e grazie appunto all’amicizia tra Roberto Mancini, il commissario tecnico dell’Italia di calcio, e Massimo Stronati, vice presidente dell’Associazione italiana sindrome X Fragile.

Un giorno indimenticabile per i ragazzi, ma anche per tutti i presenti.

Evasio Santoni

©RIPRODUZIONE RISERVATA