Connect with us

Rugby

RUGBY PRO 14 / PARLANO I CAPITANI DELLE ZEBRE E DI JESI

Capitani a confronto, maglie diverse, campionati diversi ma stessa passione

 

I due capitani: a sinistra Nicola Pulita, a destra Tommaso Castello.

JESI, 16 gennaio 2020 –  Tommaso Castello e Nicola Pulita, due capitani a confronto. Due atleti che ogni giorno si mettono in gioco scendendo in campo tra allenamenti e partite per dare forma alla loro passione. Uno sport complicato il rugby, dove passione fa rima con sacrificio.

Una strada tortuosa e bellissima che trasforma i sogni di bambino in realtà. Difendere i colori della tua città, vestire l’azzurro della nazionale. Due mondi solo idealmente agli antipodi, perché i sacrifici che nascondo quei colori sono gli stessi così come la voglia di scendere in campo anche in vista della grande giornata ovale che si terrà al “Carotti” il prossimo 18 aprile.

Prima Jesi contro Imola, poi le Zebre contro i Southern Kings (leggi l’articolo). Campionato di serie B e Pro 14: maglie e campionati diversi, stessa passione.

Tommaso Castello, il primo impatto con Jesi

Prima di presentare il match in Regione Marche siamo stati per qualche ora in città, e siamo stati accolti molto bene, ci siamo sentiti a nostro agio e cosa molto importante credo fortissimamente in questo tipo di partite, con le Zebre fuori da Parma. Il 18 aprile al “Carotti” per noi sarà una giornata importantissima, e spero per quel giorno di essermi lasciato alle spalle i problemi fisici che a momento sto affrontando. Sono fuori da tanto tempo, ma spero di essere della partita.

Giocherete in una città dove il Rugby non è materia sconosciuta, una società che sta per compiere 50 anni: che messaggio volete portare con voi?

T. C. – Per noi essere ospitati da Jesi sarà una bella occasione. Rispetto e gratitudine: questo è quello che vogliamo portare a ridosso del fischio d’inizio, questo perché siamo dei ragazzi normali. Viviamo quotidianamente il rugby ad un livello professionale, è vero, e questa è la nostra grande fortuna: quella di aver trasformato il nostro sogno in lavoro. Il nostro spirito sarà quello di impegnarci fino alla fine, con tutta la determinazione per cercare di conquistare la vittoria. Spirito che sono sicuro anche i ragazzi di Jesi metteranno in campo affrontando i loro avversari.

Giocare prima di una partita di Guinness Pro 14, prima delle Zebre: quali sono le sensazioni?

Nicola Pulita – Come giocatore e come capitano posso solo ringraziare il presidente e la dirigenza perché per noi sarà un grande regalo. Giocare al “Carotti”, lo stadio principale della nostra città, di fronte a tante persone sarà un onore. Giocheremo prima di tantissimi nazionali, prima di una partita internazionale. Difendere sportivamente il nome della nostra città in questa occasione sarà motivo di ancora più grande orgoglio. Una bellissima opportunità soprattutto per il club, perché potrà farsi conoscere oltre il livello locale.

Contro Imola quindi il 18 aprile non sarà una partita “normale”

N.P– Non capita certo tutti i giorni per noi poter giocare una partita del genere insieme a campioni di questo livello. Come partita per noi sarà una partita di campionato da vincere per il nostro obbiettivo dichiarato di classifica medio-alta. Il carico emozionale sarà però molto importante, questo è sicuro.

Saverio Spadavecchia

©RIPRODUZIONE RISERVATA

loading...
Advertisement

TI POTREBBE INTERESSARE…

More in Rugby