Connect with us

Calcio

JESINA CALCIO / PRESIDENTE MOSCONI, E’ ORA DI FARE CHIAREZZA

JESI, 17 giugno 2019 – Il 5 maggio terminava il campionato della Jesina calcio nella prima stagione Mosconi presidente.

Ottavo posto, sorrisi, e tifosi impegnati nel giochino delle riconferme necessarie, sognando qualche pezzo da novanta, per divertirsi ancora.

Da quel momento, un susseguirsi di capriole, sussurri e colpi di scena, che proviamo a sintetizzare così:

  • Mister Ciampelli, dopo aver preso baci, abbracci e sciarpe dai supporters, onore non concesso a chiunque, dichiara che resterà a Jesi soltanto in presenza di un progetto vincente.
  • Dalla Jesina gli fanno sapere che ancora, non c’è proprio il progetto.
  • Mister Ciampelli passa un mese da “Suora Camilla – tutti lo vogliono ma nessuno lo piglia”. Alla fine si accaserà ad Ancona, nel Torneo regionale di Eccellenza. Buon lavoro Mister Mourinho, pardon, Ciampelli.
  • Il Presidente Mosconi lancia l’allarme: servono assolutamente forze fresche per garantire un futuro alla Jesina. Il campionato passato è stato più oneroso del previsto, e si susseguono voci di divergenze con il D.G. Amici e il Dott. Chiariotti.
  • Mosconi tratta la cessione totale o parziale della Società con Micozzi e Gagliardini da Macerata.
  • Mosconi ci ripensa. La Società non è in vendita.
  • Il Presidente chiama Alessandro Cossu per riorganizzare il tutto e stimolare l’arrivo di aiuti finanziari. Nello stesso momento fa la stessa cosa con Marco Cerioni.
  • Dopo dieci giorni di silenzio e indecisioni, Alessandro Cossu decide di rimanere alla Sangiustese. Non sia mai che troppa professionalità entri in viale Cavallotti.
  • Quindi è fatta con Marco Cerioni? Neanche per sogno. Conferenza stampa a due, “c’eravamo tanto amati” e arrivederci.
  • Contatto tra Mosconi e l’ex direttore sportivo della Biagio Massimo D’Ambrosio. Il Presidente smentisce. Il nostro giornale silura la smentita. Comunque resterà soltanto un contatto.
  • Rientra in gioco il Gagliardini di cui sopra, ma solo come Direttore Sportivo, magari con Micozzi a capo del settore giovanile. Nessuno è profeta in patria, ma davvero gli Jesini sono così incapaci?
  • La Jesina interrompe il rapporto con l’ex D.G. Gianfranco Amici. Lo stesso Amici scrive un post a tutti gli sportivi. Non una parola fuori posto, non una polemica. Niente rabbia, solo amore per la causa Leoncella. Una personaggio d’altri tempi. Chapeau.
  • Gagliardini vorrebbe come allenatore Tiziano Turchetti. Da giocatore a Jesi non ha lasciato traccia, da allenatore si conosce poco o nulla. Speriamo non sia quello che dava fiato alle trombe di Mike Bongiorno.

Considerazioni del cronista: Il Presidente Gianfilippo Mosconi in questa avventura ci sta mettendo anima, cuore e soldi, di conseguenza ha il diritto di scegliersi i collaboratori che vuole, con le modalità e le tempistiche che preferisce, fregandosene giustamente della nostra impazienza.

Le sorti della Jesina sembrano non interessare l’imprenditoria locale, ma lasciano tanti appassionati con il fiato sospeso.

C’è solo una chiave per non trasformare l’amore di un popolo in indifferenza: questa chiave si chiama chiarezza.

Restiamo in attesa.

Marco Pigliapoco

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Advertisement

TI POTREBBE INTERESSARE…

More in Calcio