Connect with us

Calcio

JESINA CALCIO / LEONCELLI TRA SPERANZE E REALTA’, TUTTO PUO’ SUCCEDERE

JESI, 18 novembre 2019 – Una vittoria e la speranza che si riaccende. Tre punti per intravedere una luce.

Niente trionfalismi, la salvezza, in una stagione iniziata in maniera sciagurata su tutti i fronti, resta un miraggio, ma segnali di vita sono riapparsi in viale Cavallotti.

La gioia del pubblico presente, encomiabile per ostinata presenza e sostegno incondizionato, è la testimonianza che al culmine di settimane tragicomiche, la cosa davvero importante resta il salvaguardare la dignità di una storia ultra novantennale.

Un pallonetto di Villanova e una prova di carattere, non sono valse come dieci vittorie ma hanno dato respiro.

Bravo il neo Mister Sauro Trillini, tecnico esperto e senza portafoglio (a buon intenditor poche parole) nel toccare le corde giuste con il gruppo, e a far capire che il calcio, pur non essendo una scienza esatta, talvolta è più semplice di quanto possa apparire.

Se l’attaccante gioca in attacco, il terzino sulla fascia, il mediano morde a centrocampo e via discorrendo, con le motivazioni giuste, sei già su un binario di percorrenza senza troppi intralci. In tanti si sono chiesti il fatidico “chi glie lo ha fatto fare di venire alla Jesina in queste condizioni?”.

Difficile rispondere, forse semplicemente perché ai miracoli sportivi resta un fascino particolare.

Problemi risolti dunque? Neanche per sogno. Sulle scelte dissennate compiute dalla Società in questi mesi abbiamo scritto e continueremo a farlo.

Certe parole sprezzanti verso chi la Jesina la ama davvero restano, e non dimentichiamo che se ne dovrà dar conto.

Chiaro che la squadra alla riapertura del mercato dovrà essere rivista, puntellata, cambiata.

Solo chi crede veramente nell’impresa e dimostra di saper reggere alle pressioni della situazione meriterà la conferma.

La classifica richiede uno sforzo ancora difficile da ipotizzare anche con la calcolatrice in mano, ma la matematica in questo caso non condanna ancora le speranze di un popolo si stanco, ma che dimostra incredibilmente passione.

La prossima trasferta a Cattolica ci dirà se siamo di fronte ad una tremenda illusione, oppure se possiamo iniziare il gioco delle “tabelle”.

Intanto, fin da subito, un consiglio al Presidente ci sentiamo di darlo: per segnare una strada nuova, sarebbe opportuno che il primo comunicato annunciasse la separazione con colui che in estate ha costruito un organico inadeguato, per poi mimetizzarsi nel caos, fosse anche per una mera questione di decoro.

Gianfranco Amici, garanzia di serietà e Jesinita’, il compito di fare le valutazioni opportune, sperando che possa lavorare in totale autonomia. Del doman non v’è certezza, e le nubi restano minacciose all’orizzonte, per oggi e per il domani, ma tra l’arresa ingloriosa e il tentativo di resistenza, noi continuiamo a preferire la seconda ipotesi.

Marco Pigliapoco

©RIPRODUZIONE RISERVATA

loading...
Advertisement

TI POTREBBE INTERESSARE…

More in Calcio