Connect with us

Calcio

JESINA CALCIO / In piena rotta verso la retrocessione diretta, Trillini ancora ci crede

JESI, 13 gennaio 2020 – Il destino sembra segnato. La retrocessione è dietro l’angolo, figlia del nulla, soprattutto societario, e non si vede spiraglio per poter sperare nella salvezza.

Sono trascorse due partite dall’inizio del girone di ritorno con il risultato finale fotocopia sia a Recanati che in casa contro il Vastogirardi: 3-2. Nelle ultime cinque gare i leoncelli hanno perso quattro volte.

La squadra non c’è o almeno non si può chiamare tale: per un trequarti di partita prova a giocarsela poi cala il sipario ed il finale è sempre o quasi scritto.

Contro i molisani, dopo il rigore calciato alle stelle da Kyeremateng, tutti avrebbero firmato per un pari ed invece l’ingenuità di Marini nel commettere un fallo senza senso, con il pallone che stava rotolando fuori e poi, di seguito, una difesa mentalmente già negli spogliatoi, è arrivato il colpo di testa di Pesce e l’ennesima sconfitta.

Tutto ha un senso ed una logica. Ad iniziare da una società incompetente che sembra tutta impegnata a retrocedere verso l’Eccellenza, inconscia ed inconsapevole della situazione in atto, volutamente o casualmente lo diranno i posteri.

Perché tutto si può accettare ma non una fine indecorosa come questa con mezzo campionato ancora da disputare e nessuna strada concreta e convinta che nessuno, nei fatti, intraprende con decisione e convinzione.

Dove sono i rinforzi che dovevano servire per non far fare una fine indecorosa ad una società dalle tradizioni storiche? Lo sa il presidente Chiariotti che mister Trillini non ha un over in panchina degno di nome da poter mandare in campo a partita in corso? Per non parlare di tutto quello che succede intorno e dentro la società a cominciare ad esempio alle condizioni del terreno di gioco: un campo di patate. E’ mai possibile ridurre un impianto in questo stato?  Si è accorto il presidente Chiariotti che attorno a questa società non esiste più alcun minimo interesse quando invece la Jesina era il primo interesse della Jesi sportiva?

La retrocessione che ancora sul campo non è matematica fuori dal campo è già certificata.

Ancora, tuttavia, esiste il tempo per far tutto, basta volerlo! Si dirà: non ci sono le risorse economiche necessarie per poter tentare di ribaltare la situazione! Risposta: ma a luglio che programmazione è stata fatta al di là egli errori e delle incompetenze che hanno nomi e cognomi noti a tutti? Perchè a dicembre ci si è ostinati a respingere tutti i tentativi di proposte di aiuto affermando che non erano all’altezza di dare un futuro alla Jesina? Questa società che futuro sta garantendo!

Qualcuno ci dice che siamo troppo decisi e negativi. La risposta è semplice. Dopo oltre 40 anni che raccontiamo dei leoncelli vedere depauperare una storia in questo modo ci si permetta, finché si è in tempo, di tentare di tutto per fermare la caduta libera, cercando di spronare e stimolare degli incompetenti.

L’unico che ci crede ancora è Sauro Trillini. D’altronde chi sta sul campo deve giustamente provarci fino alla fino. “Rimbocchiamoci le maniche, di partite ancora ce ne sono e quella col Notaresco non sarà da ultima spiaggia. La classifica è sempre corta, noi dobbiamo cercare di restare sempre li”.

Evasio Santoni 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

3° GIORNATA girone ritorno: Chieti – P.S.Elpidio, Vastogirardi – Avezzano, Giulianova – Matelica, Cattolica S.M. – Agnonese, Sangiustese – Pineto, Montegiorgio – Recanatese, Jesina – S.N.Notaresco, Campobasso – Tolentino, Fiuggi – Vastese

Classifica – S.N. Notaresco 46; Matelica 40; Recanatese 36; Campobasso 35; Montegiorgio, Vastese, Pineto 30; Agnonese 29; Fiuggi, Vastogirardi 25; Tolentino 22; Sangiustese, P.S.Elpidio 20; Giulianova 19; Chieti 17; Avezzano 15; Cattolica 13; Jesina 12

 

Advertisement

TI POTREBBE INTERESSARE…

More in Calcio