Connect with us

Calcio

JESI / ANTIDOPING, DELUSIONE E AMAREZZA TRA LA TIFOSERIA E NON SOLO

JESI, 13 aprile 2019 –  La notizia delle squalifiche da parte del Nado Italia (leggi qui), l’organizzazione nazionale antidoping che fa capo al Coni, contro Marco Catani e Francesco Maria Mariani, sono state accolte con incredulità da parte dell’ambiente sportivo jesino, anche se l’impressione del giorno dopo è stata che erano in molti quelli che conoscevano la vicenda e che prima o poi il tutto sarebbe venuto a galla.

Se non altro in diversi sapevano di convocazioni a Roma nei primi mesi del 2018 per dirigenti, allenatori, collaboratori e giocatori, alcuni anche in più circostanze, chiamati a testimoniare dopo la denuncia datata 14 dicembre 2017 presentata dall’ex allenatore in seconda della prima squadra Mirko Minghelli.

La sentenza della Sezione di Primo Grado del Tribunale Nazionale Antidoping ha assolto, come è bene ricordare, l’allora allenatore Franco Gianangeli.

Quello che allo stato attuale colpisce di più, sappiamo tuttavia tramite le dichiarazione dell’avv. Marco Polita, all’epoca presidente della Jesina calcio, ora incaricato di presentare ricorso da parte di Catani e Mariani, e che sostiene l’estraneità dei due imputati rei solo, secondo il legale, di aver consigliato  la somministrazione solo di integratori, sono i capi di accusa.

Per Marco Catani, quattro anni di squalifica, si legge che l’interessato si  è operato per “fornire assistenza, incoraggiamento e aiuto, istigare, dissimulare o assicurare ogni altro tipo di complicità intenzionale in riferimento a una qualsiasi violazione o tentata violazione delle NSA

Per Mariani invece, otto anni di inibizione, si parla tra l’altro di ” somministrazione o tentata somministrazione ad un Atleta durante le competizioni, di una qualsiasi sostanza vietata o metodo proibito, oppure somministrazione o tentata somministrazione ad un Atleta, fuori competizione, di una sostanza o di un metodo che siano proibiti fuori competizione“.

Al di là di tutto una brutta storia che lascia un segno, purtroppo non positivo, su un periodo sportivo della Jesina, dal 2007 al 2018, con molti alti e bassi sul piano dei risultati iniziato con una salita in serie D dopo un periodo eccezionale nel campionato di Eccellenza, con la finale play off contro il Kras, e conclusosi con la sconfitta nello spareggio di Sant’Egidio alla Vibrata contro il San Nicolò che ne ha decretato la retrocessione sul campo.

Ora dal legittimo ricorso, come ha annunciato l’avv. Marco Polita, che possa emergere un’altra storia.

(e.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

   

Advertisement

TI POTREBBE INTERESSARE…

More in Calcio