Connect with us

Calcio

ECCELLENZA / LA BIAGIO CHIARAVALLE ALZA LA VOCE: “VOGLIAMO ARBITRI ALL’ALTEZZA DELLA SITUAZIONE”

CHIARAVALLE, 19 marzo 2019 – Dopo il pareggio di Sassoferrato, con la squadra ancora in corsa per un posto play out, la società Biagio Nazzaro Chiaravalle alza la voce contro le designazioni arbitrali e di conseguenza è critica contro le decisioni sul campo dei direttori di gara che di volta in volta penalizzano la squadra in campo.

Il club biagiotto invoca designazioni all’altezza della situazione e della posta in palio.

A sette partite dalla fine del campionatosi legge in un comunicatocon i giochi ancora tutti da fare e, soprattutto, con i verdetti tuttora da stabilire, la società Biagio Nazzaro Chiaravalle è sempre più sconcertata nel constatare, suo malgrado, l’inadeguatezza di talune designazioni arbitrali che, per forza di cose, in particolare ora che i punti iniziano ad avere un peso specifico notevole, penalizzano il gioco e gli sforzi, oltre che le potenzialità e il lavoro di società che si contendono la permanenza in questo campionato”. Gli ultimi episodi, in ordine di tempo, proprio la gara di Sassoferrato: “L’ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso già oltremodo colmo di disappunto, è arrivata ieri, domenica 17 marzo, quando il direttore di gara, oltre ad aver negato un rigore estremamente evidente, ha condizionato la partita con decisioni assurde, culminate nella non espulsione di un giocatore del Sassoferrato che aveva atterrato al limite dell’area un nostro giocatore lanciato a rete in solitudine e per di più non rilevando neanche il fallo. Una partita che, da quel momento in poi, per forza di cose, ha preso una piega diversa ed è stata caratterizzata dal nervosismo e dalla frustrazione di vedersi, per l’ennesima volta, penalizzati, oltre ogni ragionevole dubbio e al di là di ogni lecito sforzo, da decisioni assolutamente opinabili, che nelle ultime sei/sette gare ci hanno tolto almeno otto punti”.

L’invito poi ad avere arbitri all’altezza della situazione: “La società nel prodigarsi al fine di garantire le migliori condizioni di lavoro per tutti, si rammarica nel dover subire, con preoccupante frequenza, situazioni e decisioni che possono e potrebbero danneggiare e inficiare la corsa alla volata finale del torneo per giocarsi la salvezza. Vorremmo esclusivamente arbitri all’altezza della situazione, poiché, soprattutto in questo frangente del campionato, la Federazione deve considerare l’importanza della posta in palio e, di conseguenza, designare direttori di gara esperti e capaci di gestire le partite nella maniera più obiettiva e attenta possibile, nel rispetto delle società e nel principio del regolamento, al di là del fatto che gli episodi possano essere a favore o contro di una squadra. E’ inaccettabile, infatti, dover ancora una volta commentare l’operato di una giacchetta nera giovane ed inesperta che, sbagliando, senz’altro in buona fede, si rende protagonista in negativo di una partita di pallone. Troppe volte, nel corso di questa stagione, abbiamo fatto i conti con direzioni di gara non all’altezza della situazione, con terne arbitrali inadeguate e, non per ultimo, con atteggiamenti sbagliati”.

Infine un invito a chi di competenza. “Ora, quando mancano sette partite all’epilogo finale, auspichiamo di poter usufruire di direzioni obiettive e corrette, di arbitri capaci, preparati ed esperti che non condizionino erroneamente il verdetto del campo. Non vogliamo assolutamente crearci alibi per il non esaltante campionato, ci siamo presi le nostre responsabilità sia come società, sia come squadra, ma se retrocessione deve essere, vorremmo che sia per nostre colpe e non per direzioni arbitrali inadeguate specie nelle ultime sei, sette giornate che ci hanno penalizzato fortemente oltre i nostri demeriti. Avere avuto un solo rigore a favore in 27 gare, è un risultato che deve fare assolutamente riflettere. Ovviamente tutto ciò non vuole mettere in dubbio il risultato finale, per altro accettato con somma sportività e rispetto per l’avversario, quello che non ammettiamo è la superficialità con cui il sig. Tassi ed i suoi assistenti hanno arbitrato domenica scorsa. Con l’educazione e il fair play che ci ha sempre contraddistinto finora e sempre lo faranno, vogliamo rivolgere tutta la nostra amarezza per gli eventi menzionati, nella speranza di una più attenta gestione dell’Amministrazione Sportiva e soprattutto arbitrale e della tutela dei più alti valori dello sport”. 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Advertisement

TI POTREBBE INTERESSARE…

More in Calcio