Connect with us

Calcio

CALCIO / Jesina e non solo: conto alla rovescia per promozioni e salvezza

In attesa anche Biagio Chiaravalle, Castelfrettese e Aurora Jesi; anche il Sassoferrato Genga come i leoncelli puntano sul blocco delle retrocessioni

JESI, 18 maggio 2020 –  Mercoledì 20 maggio Consiglio Federale, venerdì 22 maggio direttivo della Lnd.

Da questi due appuntamenti usciranno le risposte necessarie e tanto attese circa la chiusura dei campionati all’ultima giornata disputata, alle promozioni, al blocco delle retrocessioni, alle disposizioni per programmare la stagione 2020-2021.

E, in base all’ultimo decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri che ha dato ampi poteri all’organo Federale, potrebbe anche essere presa in considerazione la riforma strutturale dei campionati: dalla serie B alla Terza Categoria.

Siamo insomma alla vigilia di decisioni importanti che riguardano anche le nostre formazioni rappresentate al momento dalla Biagio Chiaravalle che dovrà salire in Eccellenza, dalla Castelfrettese in Prima Categoria, dall’Aurora Jesi in Seconda Categoria.

Poi la decisione dovrebbe favorire pure Jesina e Sassoferrato Genga che usufruiranno del blocco delle retrocessioni per ripresentarsi la prossima stagione in serie D i leoncelli e Eccellenza i sentinati.

Tutto facile sulla carta, di meno all’atto pratico, anche se i nodi di campionato sospeso, promozioni e blocco delle retrocessioni dovrebbero essere confermati come da settimane ipotizzato da tutti gli addetti ai lavori.

Quello che non è chiaro sono i criteri di eventuali ripescaggi, la data dell’inizio della stagione 2020-2021 e la possibile riforma dei campionati che in tanti auspicano. Soprattutto la ripresa fa pensare.

L’utilizzo degli impianti, spogliatoi, palestra, magazzino, docce impone alle società sanificazioni costanti degli ambienti dopo ogni allenamento.

Questo diventa pure un costo, cifre che i dilettanti non sempre e non tutti si possono permettere.

Di conseguenza la data di ripartenza non sarà facile programmarla. Addirittura c’è chi ipotizza anche gennaio o febbraio 2021.

Se così sarà, e tutti auspicano di no perchè vorrebbe significare avere a che fare ancora con il virus, considerato che ancora si dovevano giocare otto gare e tutti i relativi play off, perchè nessuno ha preso in considerazione quella proposta che prevedeva di spalmare in due stagioni un solo campionato?

A Chiaravalle, Castelferretti e Jesi, dalle parti di San Sebastiano, la bottiglia di spumante per brindare è comunque già in ghiaccio.

Anche dalle parti del Carotti e a Sassoferrato si aspetta il verdetto definitivo favorevole, poi si penserà a come ripartire.

(e.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Advertisement

TI POTREBBE INTERESSARE…

More in Calcio