1

Promozione/ Il Moie Vallesina in trasferta a Barbara, le parole del diesse Topa

Il Moie non ha fatto movimenti in entrata metre se ne sono andati Perez e Togni. Il Barbara ha preso L’attaccante Moschini e l’under Paradisi

MOIE, 2 dicembre 2022 – Dopo il riposo della scorsa settimana, va a Barbara il Moie Vallesina, chiamata ad affrontare una squadra insidiosa e storicamente complicata da battere per l’undici allenato da mister Matteo Rossi.

Il diesse Topa, esultanza del Moie Vallesina

Un campionato tranquillo con una classifica fin troppo corta che obbliga tutte le squadre alle massima attenzione perché ogni sconfitta ed ogni vittoria possono fare la differenza.

La vittoria contro l’Atletico Mondolfo Marotta ha ridato vigore e tranquillità all’ambiente rossoblù: si vogliono evitare le sofferenze dello scorso anno, per questo è necessario concretizzare le occasioni e finalizzare ogni circostanza.

A dividere Moie e Barbara un punto in classifica, a favore dei giallo blu, che si confermano squadra solida e ben organizzata.

La squadra di mister Spuri naviga in buone acque e ma molto spesso fatica a segnare. Solo 9 i gol realizzati in 11 partite per una squadra che però subisce anche poco e trova nella forza di volontà e nel buon calcio la chiave per ambire ad una posizione di assoluta sicurezza con l’ottica playoff sicuramente alla portata.

A fare il punto sulla situazione in casa Moie Vallesina è il direttore sportivo, Federico Topa, che analizza il momento della squadra e richiama all’attenzione per una partita sicuramente insidiosa: La settimana di riposo è stata utile. Ci ha permesso di staccare un po’ la spina, ricaricare le pile e recuperare qualche acciaccato. La vittoria contro il Mondolfo ci ha aiutato perché ora l’ambiente è molto sereno, ma il campionato è estremamente equilibrato e tutte le partite sono importanti. Ci mancano 5 partite alla fine del girone di andata e dobbiamo fare più punti possibile per arrivare all’inizio del girone di ritorno in una posizione tranquilla ed evitare i patemi d’animo dello scorso anno”afferma l’ex bomber rossoblù, che da quest’anno allena anche i ragazzi dei giovanissimi cadetti – Domani contro il Barbara non sarà una partita semplice: loro sono una ssquadra tosta e per noi rappresentano un po’ una bestia nera, perché con loro difficilmente riusciamo a vincere. Servirà massima attenzione ed è necessario ricalarsi nella mentalità che ogni partita è una battaglia e bisogna fare più punti possibile.”

Parla, infine, anche di mercato Topa e dopo gli addii di Perez e Togni, fa sapere di essere vigile sul valutare situazioni utili: Vorrei innazitutto augurare un grande in bocca al lupo a Jack e Alessandro che hanno scelto di andare a giocare. Jack è un ottimo portiere, che merita categorie anche più alte, ma quest’esperienza credo lo possa formare anche sotto il punto di vista della personalità. Togni ha scelto di andare a giocare e noi non abbiamo potuto fare niente perché è un ragazzo che si è comportato sempre in maniera splendida con noi e che ringrazio ancora. Cercheremo di valutare sul mercato se ci sarà l’opportunità di sostituirlo e troveremo soluzioni che fanno al caso nostro le prenderemo in considerazione, altrimenti anche con il mister abbiamo capito che la nostra rosa è già competitiva.”

Il Barbara, sul piano dei movimenti, ha lasciato l’attaccante Giuliani, ex Borgo Minonna e Moie Vallesina mentre in entrata ha firmato Moschini, ex Portuali, Marzocca, e l’under Paradisi (2004) dal Marina.

©riproduzione riservata

13° GIORNATA sabato 3 dicembre 2022 ore 14,30

Barbara-Moie Vallesina (Paoloni di Ascoli Piceno), Fermignanese-MondolfoMarotta (Ulisse di Macerata), Marzocca-Montecchio (Sarnari di Macerata), Portuali Ancona-Biagio Chiaravalle (Cocci di Ascoli Piceno), Vigor Castelfidardo-Cagliese (Narcisi di San Benedetto del Tronto), Villa S.Martino-S.Orso (Gorreja di Ancona), Urbania-San Costanzo (Spadoni di Pesaro), Valfoglia-Gabicce Gradara (domenica El Mouhsini di Pesaro). Riposa – Osimostazione

CLASSIFICA

Montecchio 23; MondolfoMarotta 21; Urbania, Portuali Ancona 20; S.Orso 19; Gabicce Gradara 17; Barbara, Valfoglia 16; Moie Vallesina, Fermignanese, Vigor Castelfidardo 15; Marzocca 13; Biagio Chiaravalle, Villa San Martino, Osimostazione 12; Cagliese 10San Costanzo 7

MARCATORI

Reti 8: Pagliardini (Urbania), Messina (S.Orso); Reti 7: Bracci (MondolfoMarotta), Dominici (Montecchio), Napapere (Osimostazione); reti 6:  Canulli (Marzocca); Reti 5:  Vegliò (Montecchio), Paolini (Marzocca), Diomede (Valfoglia), Alessandroni (Biagio Chiaravalle), Sacchi (Fermignanese), Sassaroli (Portuali Ancona), Ciacci (Cagliese), Altobello (Vigor Castelfidardo)

PROSSIMO TURNO sabato 10 dicembre ore 14,30

MondolfoMarotta-Valfoglia, Cagliese-Marzocca, Moie Vallesina-Fermignanese, San Costanzo-Villa San Martino, S.Orso-Osimostazione, Biagio Chiaravalle-Vigor Castelfidardo, Gabicce Gradara-Portuali Ancona, Montecchio- Urbania. Riposa Barbara




Jesi / Giovanissimi ai regionali, euforia in casa Aurora

L’allenatore Martiniello punta non solo a vincere ma alla crescita complessiva del ragazzo. Le parole di capitan Giosuè e vice Mancini

JESI, 2 dicembre 2022– E’ euforia in casa Aurora: per la prima volta dopo tantissimi anni i giovanissimi della storica scuola calcio, dove tra gli altri è cresciuto anche Roberto Mancini, raggiungono la qualificazione al campionato regionale.

Merito di un gruppo unito, che punta a divertirsi giocando un buon calcio, con una società che non forza pretende, lasciando a mister e giocatori piena libertà di divertirsi puntando alla crescita individuale e del gruppo.

“La nostra stagione è senza dubbio partita bene. In base alle buone cose dimostrate lo scorso anno avevamo le aspettative molto alte e con la qualificazione al campionato regionale le abbiamo soddisfatte. E’ un risultato onestamente strameritato, per un gruppo che è saputo maturare e crescere.” Dichiara un entusiasta Alessandro Martiniello 23 anni, jesino con la passione per il calcio.

Aurora Jesi, Giovanissimi – fase di allenamento

Martiniello ha iniziato ad allenare cinque anni fa e ricorda“Quando nel 2017 ho incominciato ad allenare questo gruppo era visto come molto difficile. Complice il naturale sviluppo del ragazzo che avviene in questi anni, però, ho assistito ad un’evoluzione comportamentale ed umana sorprendente, riuscendo ad instaurare un bellissimo rapporto con tutti i ragazzi e notando al tempo stesso il rapporto di amicizia vero venutosi a creare tra di loro.”

mister Alessandro Martiniello

Evoluzione avuta anche dal punto di vista tecnico, con alcuni ragazzi finiti nel mirino dei vivai di squadre professionistiche. “Abbiamo ragazzi molto bravi, molti di loro hanno un valore tecnico importante e sono stati attenzionati da vari club, anche di serie A. Questo ad un allenatore fa senz’altro piacere, perché il nostro lavoro non deve guardare la vittoria, la sconfitta, il risultato ma la crescita complessiva del ragazzo. Crescita umana, quindi abbiamo un grande compito educativo, ma anche sportiva, nella speranza che qualcuno, perché no, possa fare del calcio oltre che una passione anche una professione.”

Anche il gruppo squadra ci tiene ad esprimere la propria gioia per un ambizioso traguardo che da queste parti non è sicuramente all’ordine del giorno, ma lo potrebbe presto diventare. “Dopo gli anni del covid è stato sicuramente bello poter tornare ad allenarsi e a divertirsi con gli altri compagni, perché sentivo che mancava qualcosadice il vice capitano Alessandro Mancini -. Ho visto l’atteggiamento dei miei compagni cambiato, siamo tutti cresciuti sia caratterialmente che calcisticamente e questo ci ha aiutato ad unirci e a formare un gruppo squadra unito.” Sulla stessa linea d’onda il capitano Giosuè Lorenzetti: “Giocare a questi livelli ci stimola sicuramente a far bene. L’ unità della squadra aiuta a vincere e quella che vivremo sarà un’esperienza che secondo me ci unirà ancora di più, favorendo il clima di amicizia interno alla squadra”.

Questo risultato è sicuramente un traguardo significativo e Martiniello vuole infine evidenziare i meriti anche della società: “L’ambiente Aurora è più tranquillo per quanto riguarda la pressione e il raggiungimento dei risultati. Non ci sono pretese se non quelle del miglioramento e della crescita perciò sia per noi allenatori che per i ragazzi c’è una forte serenità nel lavorare che senz’altro ci aiuta a concentrarci sulla singolarità di ognuno, che poi è la base della forza del gruppo.”

©riproduzione riservata




Terza Categoria / Andrea Giacconi: “Sono portiere e morirò portiere”

Con il Largo Europa legame inscindibile. Contro il Frontone capolista partita tutta da giocare, la squadra di mister Galdelli è motivata 

JESI, 1 dicembre 2022 – Passione, legame con il quartiere e una vita da portiere: Andrea Giacconi, classe 1966 tesserato come giocatore e preparatore dei portieri del Largo Europa racconta la sua esperienza in questa Terza Categoria.

Un inizio sicuramente non dei migliori per la squadra allenata da mister Galdelli, complici novità e  assenze, per cui non si escludono eventuali nuovi innesti nel mercato di riparazione: “Veniamo da una cocente retrocessione e in questa stagione è cambiato molto”. Così Andrea Giacconi che prosegue: “Il mister è nuovo così come più o meno metà della rosa, abbiamo pagato lo scotto da questo punto di vista ma credo che con il mercato di riparazione possano arrivare dei rinforzi in grado di darci una mano, soprattutto in difesa dove a causa di infortuni e varie problematiche l’organico è particolarmente ridotto.”

Largo Europa 1992-93

Sul prossimo impegno, che vedrà gli Jesini sfidare in trasferta la capolista Frontonese, e sul campionato in generale, Giacconi ha senza dubbio le idee chiare: “Il Frontone è una squadra molto organizzata ma noi non abbiamo nulla da perdere; sicuramente la vittoria contro il Galassia Sport ci ha motivato e i 3 punti in settimana sono uno stimolo in più per lavorare al meglio. Vedo comunque un campionato molto equilibrato dove tutte le squadre sono allo stesso livello e quindi il lavoro e la determinazione saranno cruciali per portare a casa i nostri obiettivi.”

Una passione quella per il suo ruolo che dopo tanti anni non ha minimamente abbandonato Giacconi, che ancora oggi se chiamato in causa si sente pronto ad indossare i guantoni e scendere in campo: “Sono portiere e morirò portiere. Il portiere è colui che guida la squadra ma è anche solo contro tutti, a partire dall’allenamento e ovviamente anche durante la partita. Prima si diceva che era l’ultimo dei difensori, oggi invece il portiere è il primo degli attaccanti. Oggi è importante che il portiere sappia calciare bene il pallone: molti allenatori cominciano la costruzione dal basso e questo richiede una buona capacità tecnica per il ruolo che è diventato ormai centrale nel calcio moderno.”

50 vissuti nel mondo dello sport e del calcio, esperienze da preparatore dei portieri in Eccellenza e Promozione, ma una passione e un legame profondo con il Largo Europa, squadra con cui negli anni 90’, da calciatore, aveva raggiunto e mantenuto la Promozione, ma più che altro squadra del suo quartiere.

“Ho un legame estremamente profondo con il Largo Europa. E’ la squadra con cui ho giocato per tanto tempo ma sopratutto è la squadra del mio quartiere. Quando è stata ricostituita la società sono stato contentissimo perché la nostra realtà è un pezzo di storia jesina e il sentimento di attaccamento alla maglia con cui sono cresciuto è qualcosa che credo supera ogni minima ambizione, perché poter gioire e soffrire per qualcosa verso cui si è legati profondamente è una soddisfazione impagabile.”

@riproduzione riservata

TERZA CATEGORIA

6° GIORNATA RISULTATI

Pianello-Frontonese 3-1 Belfiore (P), Facenda (P), Nardini (P), Baldeschi (F)

Ostra-JuniorJesina 3-0 Nucaj, Magnoni, Ciarloni

Poggio San Marcello-Monte Roberto 2-3 Wade (P), Wade (P), Lucea Butum (M), Di Caterino (M), Cavaliere (M)

Real Sassoferrato-S.S.Abbondio 2-1 De Filippo (S), De Filippo (S), Galassi (A)

Galassia Sport – Largo Europa Jesi 0-1 Romiti

Rosora Angeli-Renato Lupetti 5-1 Bartolini (A), Olivanti (A), Anuoluwapo (A), Bartolini (A), Mancinelli (A), Stopponi (L)

Virtus Corinaldo-Atletico 2008 3-1 Esporto (C), Montesi (C), Rotatori (C), Melonari (A)

 

CLASSIFICA

Frontonese, Ostra 19; Pianello, Real Sassoferrato 16; Monte Roberto, Virtus Corinaldo 15; Atletico 2008, P.S.Marcello, Rosora Angeli 11; Largo Europa Jesi 8; Galassia 6; Renato Lupetti 5; S.S. Abbondio, JuniorJesina 3;

MARCATORI (provvisorio)

Reti 7: Carbone (Atletico 2008); reti 5: Bartolini (Rosora Angeli), Fenucci (Monte Roberto); reti 4: Bonvini (Ostra), Di Caterino (Monte Roberto), Belfiori (Pianello), Magnoni (Ostra), Stopponi (Renato Lupetti); reti 3: Fabbri (Largo Europa Jesi), Zahaia (Monte Roberto), Saltari (Renato Lupetto),  Kurti (Real Sassoferrato), Montesi (Virtus Corinaldo), Faccenda (Pianello), Wade (P.S.Marcello), Olivanti (Rosora Angeli), Conti (Frontonese)

PROSSIMO TURNO 9° giornata 

Venerdì 2 dicembre: Junior Jesina – Galassia Sport, Atetico 2008 – Pianello

Sabato 3 dicembre: Monte Roberto – Real Sassoferrato, Renato Lupetti – Ostra, Serra S. Abbondio – Rosora Angeli, Frontonese – Largo Europa Jesi, Corinaldo – Poggio San Marcello

riproduzione riservata




Jesi / Nuoto paralimpico, tre ori per Francesca Kosinska ai campionati italiani (foto)

La jesina ha superato il suo record personale nei 50 stile libero e nei 50 rana; ha vinto anche nei 100 stile libero

FABRIANO, 28 novembre 2022 – E’ stata Fabriano ad ospitare la quarta edizione dei Campionati Italiani assoluti di nuoto paralimpico, svoltisi nelle giornate di sabato 26 e domenica 27 novembre a cui hanno partecipato atleti provenienti da varie parti dello stivale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tra le altre, protagonista di un ottima prestazione complessiva, è stata la jesina Francesca Kosinska.

Kosinska, già vincitrice di diverse medaglie in simili competizioni, ha superato il suo record personale nei 50 stile libero e nei 50 rana, dove ha ottenuto due medaglie d’oro. Un’altro oro è arrivato nei 100 stile libero.

Questi risultati sono la dimostrazione di una forza di volontà e di un’attitudine al lavoro da parte di Francesca Kosinska, sicuramente encomiabili.

Ad accompagnare la campionessa il suo allenatore Fabio Medici ma dietro a lei certamente incessante era il tifo e il supporto della sua squadra, il Team Marche, che da sempre la supporta.

La Kosinska esprime felicità per un risultato veramente sorprendente: “E’ stato davvero un grande, grandissimo risultato per me, con prestazioni sinceramente inaspettate”.

Un grande momento sicuramente per il Team Marche che da tempo sforna talenti e sia nel nuoto paralimpico che non, riesce a raggiungere sempre ottimi risultati in campo sia nazionale che internazionale.

All’appuntamento di Fabriano, vasca corta, organizzato dalla società Mirasole ha partecipato 162 atleti in rappresentanza di 64 team. E’ tornato a gareggiare anche Manuel Bortuzzo dopo quattro anni dal terribile fatto di cronaca costringendolo alla sedia a rotelle.

©riproduzione riservata




Volley femminile B1 / Pieralisi Jesi e Clementina, così non va

Entrambe sconfitte a Bologna (3-0) ed in casa contro Forlì 3-1). La classifica è negativa: ultimo e penultimo posto

JESI, 27 novembre 2022 – Turno amaro per la Pieralisi Jesi e la Clementina 2020 entrambe sconfitte.

La classifica si fa preoccupante per entrambe relegate al penultimo e ultimo posto.

CLEMENTINA 2020

Non riesce a riconfermare l’ottima prestazione di Modena, la Clementina si vede sconfitta in casa dalla Blueline Libertas Forlì. 1-3 il finale della sfida che ha visto le ragazze di coach Mucciolo partire molto bene portando a casa il primo set 26 a 24. La partita si fa intensa e una vittoria varrebbe molto per una squadra che può ancora dare tanto. A questo punto però la Libertas Forlì, anche lei alla ricerca di un orizzonte chiaro, si fa incisiva e per le padrone di casa, nonostante gli sforzi e la voglia di vincere, non c’è scampo. Le clementine rimangono ora ancorate in penultima posizione. Appuntamento ora per Bovolo e compagne, a sabato 3 dicembre in trasferta ad Altino contro il Tenaglia Altino, uscita sconfitta anch’ssa da questo turno di campionato, contro Corridonia.

CLEMENTINA VOLLEY – Gotti, Pizzichini Sconocchini, Bastati, Villani, Saveriano, Ciccolini, Bovolo, Ricciotti (n.e.) Catani (n.e.), Fedeli, Falcone Valentini. All. Mucciolo

BLUELINE LIBERTAS – Tomat, Sgarzi (n.e.), Gregori, Morolli Cecilia, Mauriello, Tamborrino, Gardini, Bacchilega (n.e.), Giunchi, Marise (n.e.), Morolli Welisa, Bellavista, Simoncelli, Carnasecchi. All. Morolli

PARZIALI – 26-24, 20-25, 12-25, 19-25

 

PIERALISI JESI

In casa dell’imbattuta capolista del girone D, la Pieralisi Pan Jesi combatte come una leonessa e cede qualcosa solo sul finale del terzo set. Dopo un equilibrato avvio di gara il primo set termina 25.20. Nel secondo, Bologna parte meglio ma Jesi non molla, recupera e pareggia il conto sul 13-13. Si lotta punto a punto ma vince la squadra di casa: 25-22. Nel terzo set, Marcelloni e compagne sono protagoniste di un avvio di grande personalità. Bologna recupera e si torna ad un serrato testa a testa (14-14), sbloccato sul 18-16. La capolista spinge al servizio e attacca con precisione e vince

VTB FCREDIL – Ristori Tomberli 7, Taiani n.e., Boninsegna 12, Fiore 6, Pavani 5, Campisi n.e., Cavalli (L2), Bernardeschi n.e., Laporta (L1), Dall’Olmo n.e., Neriotti 12, Tonelli n.e., Saccani 7. All. Zappaterra

PIERALIS JESI – Tarabelli n.e., Girini (L), Pirro 15, Pepa, Paolucci 7, Peretti 5, Angeloni 2, Usberti n.e., Cusma 7, Milletti 4, Marcelloni 3. All. Sabbatini

ARBITRI –  Fabris e Pettenello

PARZIALI –  25-20, 25-22, 25-18.

 

@riproduzione riservata




Volley femminile B1 / Clementina a caccia di conferme, testa-coda Pieralisi

Il sestetto di Mucciolo ospiterà Forlì, quello di Sabattini, senza le squalificate Spicocchi e Cecconi tenta il colpaccio a Bologna contro la capolista

 

MOIE, 25 novembre 2022 – La Clementina 2020 sogna e cerca la conferma per provare a lasciarsi alle spalle i fantasmi di una classifica assolutamente non alla sua altezza.

Non sarà per niente semplice però: al Palazzetto di Moie arriva la BlueLine Libertas Forli: nemmeno la squadra romagnola naviga in buone acque, ci sono solo tre punti a separare le due squadre e la batosta della sconfitta nel derby contro Cesena, sicuramente non aiuta la squadra di coach Morolli, inevitabilmente sotto pressione.

“A metà stagione si potranno iniziare a fare alcune valutazioni” aveva detto l’altro coach, quello di casa, Cristiano Mucciolo. Sia le prestazioni ma anche i risultati sembrano potergli dare ragione.

Clementina 2020

Nelle ultime partite si è infatti notato un approccio diverso delle Clementine, pronte a crederci sempre, non abbassando mai l’attenzione e lottando fino all’ultimo.

Il match di sabato scorso è stata la dimostrazione della determinazione e della forza di volontà che giocatrici, coach, tifosi e società stanno dimostrando: a Modena, contro una delle formazioni più insidiose del torneo, le ospiti sotto di 2 set a 0 non hanno demorso, ribaltandola e vincendola al tie break.

Un fiore non fa primavera, certo, ma è opportuno riconoscere i meriti di una crescita che c’è stata ed è stata riconosciuta dai più. Importante adesso è non credere che le insidie siano terminate, non peccare di supponenza; il campionato è lungo e ci sono varie possibilità di riscossa ma tutto dipende come sempre da loro. Dalle giocatrici. E noi non possiamo che assistere allo spettacolo.

Pieralisi Jesi

Sicuramente meno ottimista la situazione in casa Pieralisi Pan Jesi. Ultima in classifica, una sola vittoria ed una sconfitta, quella di sabato scorso, seppure immeritata e arrivata dopo una prestazione di cuore e carattere, che obbliga la squadra di coach Sabbattini a un’immediata reazione già da domani.

Se nello sport niente è impossibile e tutto è imprevedibile è ad onor del vero giusto evidenziare la complessità della sfida di questo turno. La Pieralisi dovrà recarsi a Bologna contro la corrazzata Vtb Fcredil, prima in classifica con 7 vittorie su 7 partite disputate e da tutti accreditata come la grande favorita per la vittoria finale e la conseguente promozione.

L’imprevedibilità dello sport succitata, unita ad una prestazione che va oltre le problematiche e che trova nell’amore verso i colori di appartenenza l’unico motivo per lottare, possono essere le chiavi di una piccola meraviglia sportiva che potrebbe rivitalizzare tutta la Jesi del volley e aprire nuovamente scenari che già sembravano chiusi.

Spetta a coach Sabattini la magia, deve tirare fuori il coniglio dal cilindro, sorprendendo tutti e cercando di colpire Bologna nel suo tallone d’Achille, sfruttando perchè no anche quel pò di sottovalutazione della sfida che la squadra di casa potrebbe avere. Jesi però sarà decimata per le assenze di Martina Spicocchi e Benedetta Cecconi squalificate per due giornate “perchè al termine della gara, durante il saluto finale, rivolgevano frasi offensive all’indirizzo della coppia arbitrale”. La società contesta il numero di giornate di squalifica scrivendo: “nella nostra quasi cinquantennale storia è la prima volta che delle atlete subiscono un tale provvedimento che appare non adeguato ai fatti realmente accaduti e descritti dalle immagini del video della gara”.

©riproduzione riservata




Jesi / ‘Studente Atleta’, successo per l’iniziativa del Panatlhon al Palatriccoli

Di fronte ad una platea di 500 studenti delle terze medie degli istituti comprensivi locali l’esperienza di professionisti dello sport

JESI, 24 novembre 2022 – Un grande successo, con oltre 500 studenti provenienti dalle scuole secondarie di primo grado di tutta la città, ad ascoltare l’esperienza di professionisti del mondo dello sport che tramite il sacrificio, lo studio e il duro ce l’hanno fatta.

L’evento legato al Premio ‘Studente Atleta’, organizzato dall’Associazione Panatlhon ha visto la partecipazione di Gianluca Moscarella, Juan Luca Sacchi, Alice Bellagamba, Nicola Rizzoli e lo jesino Dario Merli.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ad eccezione di Bellagamba, ballerina conosciuta in italia e nel mondo già concorrente di Amici di Maria De Filippi, tutti gli intervenuti sono arbitri professionisti in vari sport.

“Abbiamo scelto di portare la testimonianza di alcuni arbitrihanno spiegato quelli del Panathlon Jesiperché per noi queste figure incarnano le regole e il rispetto e la comprensione delle regole è una delle chiavi per arrivare al successo”.

Se Gianluca Moscarella, arbitro internazionale di tennis, spiega l’importanza del body lenguage e della difficoltà di prendere decisioni complicatissime in pochi istanti, Sacchi invita i ragazzi che lo ascoltano a fare sport, qualsiasi tipo di sport: “Fate sport perché è l’unica cosa che può farvi crescere. Sia nello sport che a scuola è importante darsi degli obiettivi e sacrificarsi per raggiungerli. Inoltrecontinua rivolgendosi agli studenti l’arbitro di Serie A e Serie B di calcio, originario di Treiaaffidatevi e fidatevi dei vostri insegnanti perché sono loro che possono farvi interpretare e realizzare i vostri sogni. “

Sacrificio, determinazione e forza di volontà sono costanti che interessano anche l’intervento di Alice Bellagamba. Jesina, a 13 anni va a Firenze per studiare danza, poi Reggio Emilia, Amici ed infine il ritorno a Jesi dove adesso ha fondato una sua accademia e dove continua anche la sua attività di coreografa e attrice.

“Da piccola ero balbuzientericorda emozionatissima la ballerinae trovarmi davanti ad un pubblico è sempre qualcosa che mi fa emozionare molto. Ricordo la difficoltà di essere partita di casa da piccolissima: la mattina scuola e il pomeriggio lezioni di danza dalle 14,30 alle 21,30, poi studiavo fino alle 1 e la mattina in corriera. Non è stato facile ma la passione era ed è enorme. Vi esorto a studiare, niente cade dal cielo.”

Grande entusiasmo e curiosità per l’ospite sicuramente più atteso: Nicola Rizzoli, ex arbitro di calcio internazionale direttore di gara della finale del Mondiale 2014 Argentina – Germania. “Ho deciso di fare l’arbitro nonostante quando ero piccolo e giocavo a calcio con l’arbitro ci litigavo semprericorda il grande ‘fischietto’ -. Ho deciso di imparare le regole perché quella è la base per poi saper affrontare al meglio il tutto. La preparazione nella vita è ciò di più importante che vi può permettere di arrivare in alto.”

Ad effetto ma molto coinvolgente la conclusione di Rizzoli: “Spesso chiunque fa rispettare le regole è considerato ostile ma il segreto sta nel comprendere la regola. Se si capisce il perché, si rispetterà maggiormente sia la norma che chi la applica.”

Conclude gli interventi lo jesino Dario Merli, arbitro nazionale di rugby che nello spiegare il suo prezioso lavoro si focalizza sulla cultura del rispetto che nel suo sport è centrale. Non nasconde ai ragazzi la probabilità, a volte, di ricorrere in errore ma avverte come la cosa importante sia non immedesimarsi nell’errore. “Nel campo come nella vita ci si immedesima spesso negli errori che si commettono. Non fatelo, ricordate che non siete gli errori che fate.”

Infine, il giornalista Giovanni Filosa, coadiuvato anche ed inaspettatamente da qualche ragazzo, ha posto alcune domande agli attori principali di questa giornata, sulle difficoltà e sulle esperienze da loro vissute.

 

@riproduzione riservata




Promozione / Il Moie torna a vincere: 1-0 e Atletico Mondolfo ridimensionato

Era da settembre che l’undici di Matteo Rossi non vinceva in casa. In gol il giovane Pandolfi. Anconetani in giornata super

MOIE, 19 novembre 2022Torna a vincere, sotto il diluvio del Pierucci, il Moie Vallesina e lo fa nella maniera, per i suoi tifosi, più bella.

Contro una squadra forte, dopo una partita combattutissima e riaccendendo quella passione che nell’ultimo periodo si stava un po’ spegnendo.

Dopo una decina di minuti di studio iniziale, parte subito bene la squadra di Matteo Rossi, che costruisce gioco in mezzo al campo e poco dopo il 15’ si fa vedere avanti con Pandolfi per il primo tiro del match che impegna Montesi.

A questo punto si sveglia anche l’Atletico Mondolfo, che con Frulla infastidisce insidiosamente la porta difesa da Giovanni Anconetani che però oggi ha deciso di chiudere la saracinesca e non si passa.

La squadra di casa lascia giocare gli ospiti, si chiude e difende bene.

Il tempo scorre con la gara in equilibrio ma allo scadere della prima frazione di gioco cambia la partita: Gregorini dalla trequarti di destra pesca benissimo Pandolfi che gonfia la rete. Vantaggio rossoblù e tutti negli spogliatoi.

Nel secondo tempo molto più Moie, che prova a trovare la rete del raddoppio che avrebbe permesso una gestione più tranquilla.

Api lavora d’esperienza e a centrocampo si lotta come gladiatori; la squadra di Pompei non vuole lasciare per strada punti ma il match sembra avere un un’unica direzione.

Al 30’ brutto gesto di Travaglini che allarga il gomito e colpisce in pieno volto Berardi. Arbitro e guardalinee non ravvedono irregolarità e scoppia un parapiglia generale culminato nell’espulsione del team manager rossoblù Fabbretti.

Da quel momento la partita si fa animata, ma non ci sono più interruzioni né significative palle gol.

Dopo 5 sofferti minuti di recupero arriva il triplice fischio dell’arbitro che fa gioire il pubblico moiarolo e dona nuova linfa al Moie, che da settembre non raggiungeva un successo tra le mura domestiche.

 

MOIE VALLESINA – Anconetani, Gregorini, Giampaoletti, Carboni, Canulli, Marini, Pandolfi, Costantini, Api (40′ st Balducci), Berdardi (45′ st Ruggeri), Cercaci 25′ st Mosca). All Rossi

ATLETICO MONDOLFO MAROTTA – Montesi, Catalano, Giobelli, Marconi, Travaglini, Marsano, Fraternali (45′ st Polverari), Orciani (35′ st Morganti), Cordella, Frulla (5′ st Vitali), Pompei. All Pompei

ARBITRO –  Motzo di Pesaro

RETE – 45′ pt Pandolfi

 

11° GIORNATA risultati

Fermignanese-Biagio Chiaravalle 2-1 (Spadoni di Pesaro), Barbara-Gabicce Gradara 0-2 (Lombi di Macerata), Moie Vallesina-MondolfoMarotta 1-0 (Motzo di Pesaro), Marzocca-S.Orso 1-0 (Narcisi di San Benedetto del Tronto), Portuali Ancona-Montecchio 1-2 (Paoloni di Ascoli Piceno), Vigor Castelfidardo-S.Costanzo 0-4 (Serpentini di Fermo), Urbania-Osimostazione 2-1 (Paoletti di Fermo), Valfoglia-Cagliese (domenica Tasso di Macerata)

CLASSIFICA

Montecchio 23; S.Orso 19; MondolfoMarotta 18;  Urbania, Portuali Ancona 17; Barbara 16; Valfoglia, Moie Vallesina, Fermignanese 15;  Gabicce Gradara 14; Vigor Castelfidardo 12; Villa San Martino, Osimostazione 11; Marzocca 10; Biagio Chiaravalle, Cagliese 9;  San Costanzo 7

MARCATORI

Reti 8: Messina (S.Orso); Reti 7: Bracci (MondolfoMarotta), Napapere (Osimostazione), Pagliardini (Urbania); reti 6: Dominici (Montecchio); Reti 5:  Vegliò (Montecchio), Paolini (Marzocca), Diomede (Valfoglia), Alessandroni (Biagio Chiaravalle), Sacchi (Fermignanese), Sassaroli (Portuali Ancona)

PROSSIMO TURNO sabato 26 novembre ore 14,30

MondolfoMarotta-Barbara, Cagliese-Portuali Ancona, Osimostazione-Villa San Martino, San Costanzo-Marzocca, S.Orso-Urbania, Biagio Chiaravalle-Valfoglia (domenica), Gabicce Gradara-Fermignanese (domenica), Montecchio-Vigor Castelfidardo (domenica)




Volley femminile B1 / Weekend non facile, Clementina e Pieralisi Jesi obiettivo comune

Il sestetto di Mucciolo a Modena e quello di Sabbatini al Palatriccoli contro Ravenna devono solo far punti e muovere la classifica

MOIE, 18 novembre 2022 – Ritorna in campo, dopo il turno di riposo, la Clementina 2020 che ancora una volta viaggerà direzione Emilia per affrontare il Volley Modena.

La squadra emiliana, in estate, ha rilevato il titolo di B1 ceduto da Udine ed ha ottenuto la riaffiliazione dello storico marchio del club che negli anni 2000 vinse scudetto, Coppa Italia e Champions League con Manu Leggeri in campo e Jenny Lang Ping in panchina.

Vogliamo tornare in serie A con il Volley Modena” ha dichiarato con entusiasmo il presidente Mirco Muzzioli alla presentazione del progetto. La squadra attualmente è guidata dal tecnico Marco Montaldi e nella scorso match ha ottenuto, a sorpresa, il suo primo successo stagionale contro il San Damaso. Se la Clementina ha cambiato parecchie cose questa stagione, il Volley Modena è invece stata completamente rinnovata ed è composta da giovani di talento e giocatrici più esperte come le centrali Cigarini e Fiore.

Una trasferta dai risvolti incerti, ma che sicuramente potrà dire tanto della condizione anche fisica delle ragazze di coach Mucciolo. Mucciolo che è cosi intervenuto sulla partita, tramite i social della società: Stiamo facendo il possibile per avere la massima efficienza di tutte le ragazze e quindi l’interesse va più rivolto a noi, piuttosto che all’avversario di turno. Dobbiamo lavorare sempre di più per trovare quell’intesa tra i reparti e quell’amalgama che giocoforza non siamo mai riusciti a sviluppare ed ottimizzare. Andiamo a Modena per affrontare un avversario che nell’ultimo turno ha dimostrato tutta la sua forza ed il suo reale valore. Senza guardare la classifica, che è indubbiamente deficitaria, vogliamo esprimere tutto quel potenziale, che ad Imola per laghi tratti è emerso e che io credo le mie ragazze possiedano.

Anche la Pieralisi Pan sarà impegnata domani, in casa, contro la Mosaico Ravenna. Le jesine di coach Sabbatini, non sono partite benissimo, con una sola partita vinta, e domani sono chiamate all’impresa contro la seconda in classifica. Una squadra, la Pieralisi, che non ha ancora messo in luce le sue qualità, chissà che sia domani, davanti al proprio pubblico, il punto di svolta di una stagione fin ora troppa negativa.

Proprio per la voglia di riscatto della Pieralisi, il tecnico ravennese Mattia Focchi non intende sottovalutare la partita di domani al Palatriccoli che inizierà alle 18: . “Non sarà sicuramente una passeggiata, in quanto ho visto a video la formazione di Jesi e mi stupisco che sia così in basso in classifica. Le ragazze si sono allenate con costanza e dedizione in questa settimana e sono pronte per dare il massimo anche nella prossima partita. Sicuramente non mi aspettavo di essere già a tredici punti, ma è frutto dell’impegno di tutte le ragazze”.

Ci aspetta un altro emozionante weekend di Volley femminile, non resta che goderci lo spettacolo e sperare che il nostro territorio sappia tornare a risplendere.

@riproduzione riservata




Promozione / Moie Vallesina – Mondolfo, padroni di casa alla ricerca dei tre punti

Gli ospiti non hanno mai perso in campionato ma il portiere Giovanni Anconetani è convinto: “partita per noi fondamentale, assolutamente da vincere”

MOIE, 18 novembre 2022 – Un avvio molto positivo poi la progressiva frenata e un mese senza tre punti.

Deve tornare a vincere il Moie Vallesina: è datato 15 ottobre l’ultimo successo ottenuto dai ragazzi di Matteo Rossi contro il San Costanzo in trasferta.

Da lì si sono susseguite una serie di ammirevoli prestazioni, come quella contro il K-Sport Montecchio in cui sono però mancati cinismo e anche una buona dose di fortuna, che nel calcio spesso fa la differenza.

Usciti sconfitti per 1-0 a Gabicce nello scorso turno, Rossetti e compagni, come già detto chiamati a vincere per tenere testa alle inseguitrici e mantenersi in una zona di medio-alta classifica, ospiteranno domani 19 novembre al Pierucci l’Atletico Mondolfo. Una sfida tutt’altro che agevole contro una formazione che ha dimostrato il suo valore con 6 vittorie su 9 partite e che già da inizio campionato si prospettava come una delle favorite per la vittoria finale. Match, tuttavia, si complesso ma che per quanto dimostrato in varie situazioni in questa stagione non ha un esito scontato, avendo il Moie le qualità per incidere e far bene.

Concretezza, cattiveria agonistica e divertimento sono i tre orizzonti che devono guidare i rossoblu in questa sfida e nel proseguo del campionato perché i presupposti per far bene ci sono e non sfruttarli sarebbe un peccato.

Ha le idee chiarissime Giovanni Anconetani, portiere classe 2001 arrivato in estate dalla Jesina e che ha trovato molto spazio in questa prima parte di stagione.

“Siamo partiti molto bene e anche a livello di gioco abbiamo fatto prestazioni importanti, ricalcando l’idea di calcio del mister a cui piace molto giocare palla a terra. Purtroppo nelle ultime quattro partite abbiamo perso molti punti e la classifica adesso è cosi corta che un successo o una sconfitta possono fare la differenza.

E’ proprio partendo da questo periodo non molto positivo che Anconetani spiega l’importanza di una vittoria domani: “La partita di domani è fondamentale perché nelle ultime quattro partite abbiamo fatto solo due punti, anche se abbiamo creato parecchio. In più è fondamentale perché la prossima settimana riposiamo, quindi è importante vincere e sono sicuro che daremo tutto per vincere davanti ai nostri tifosi, anche perché l’ultima partita vinta in casa è stata a fine settembre contro il Villa San Martino.”

Come appare chiaro Anconetani si è ambientato subito bene a Moie: “Sono molto contento e soddisfatto di stare a Moie: è una società molto seria, ne ho sempre sentito parlare bene e posso solo confermare la totale collaborazione che è costante tra squadra, staff e società. Nessuno ci fa mai mancare nulla, c’è consapevolezza che possiamo far bene ma ci deve contraddistinguere l’umiltà e la cattiveria che possono farci togliere delle soddisfazioni pensando partita dopo partita.”

Come si diceva ad attendere al varco la formazione moiarola è l’Atletico Mondolfo, che è squadra sicuramente solida e dinamica; che segna tanto con il suo capocannoniere Simone Bracci a quota 7 gol stagionali e che ha investito parecchio su giocatori ancora nel pieno della loro attività, ringiovanendo la rosa che ora ha un’età media di meno di 22 anni. Nessuno è ancora riuscito a battere la formazione di mister Alain Pompei in campionato, mentre è di mercoledì scorso, 16 novembre, la sconfitta in casa contro il Castelfidardo che rende complicato il percorso in Coppa. Se da una parte questa sconfitta può motivare ancora di più i mondolfiani, sicuramente potrebbe anche portare ad un contraccolpo da sfruttare immediatamente dal Moie.

Appuntamento al Pierucci quindi, per quella che si preannuncia una battaglia all’ultimo gol.

©riproduzione riservata

11° GIORNATA sabato 19 novembre ore 14,30

Fermignanese-Biagio Chiaravalle (Spadoni di Pesaro), Barbara-Gabicce Gradara (Lombi di Macerata), Moie Vallesina-MondolfoMarotta (Motzo di Pesaro), Marzocca-S.Orso (Narcisi di San Benedetto del Tronto), Portuali Ancona-Montecchio (Paoloni di Ascoli Piceno), Vigor Castelfidardo-S.Costanzo (Serpentini di fermo), Urbania-Osimostazione (Paoletti di Fermo), Valfoglia-Cagliese (domenica Tasso di Macerata)

CLASSIFICA

Montecchio 20; S.Orso 19; MondolfoMarotta 18;  Portuali Ancona 17; Barbara 16; Valfoglia 15; Urbania 14; Moie Vallesina, Vigor Castelfidardo, Fermignanese 12;  Villa San Martino, Gabicce Gradara, Osimostazione 11; Biagio Chiaravalle, Cagliese 9;  Marzocca 7; San Costanzo 4

MARCATORI

Reti 8: Messina (S.Orso); Reti 7: Bracci (MondolfoMarotta); reti 6: Dominici (Montecchio), Napapere (Osimostazione); Reti 5:  Vegliò (Montecchio), Pagliardini (Urbania), Paolini (Marzocca), Diomede (Valfoglia)

PROSSIMO TURNO sabato 26 novembre ore 14,30

MondolfoMarotta-Barbara, Cagliese-Portuali Ancona, Osimostazione-Villa San Martino, San Costanzo-Marzocca, S.Orso-Urbania, Biagio Chiaravalle-Valfoglia (domenica), Gabicce Gradara-Fermignanese (domenica), Montecchio-Vigor Castelfidardo (domenica)