Basket / Europei Maxibasket, c’è tanta Senigallia

Laura Mengucci nelle Golden Players Italia Over 50: “esperienza straordinaria, non è facile trovare giocatrici disposte a mettersi in gioco. Ma noi siamo forti”

SENIGALLIA, 21 Giugno 2024 – La passione del basket non ha davvero età e limiti per scendere sul parquet e provare a fare canestro.

E in un territorio come quello anconetano, di esempi ce ne sono a iosa: alcuni di questi saranno sul parquet da oggi, venerdì 21 giugno, fino a domenica 30 a Pesaro per i campionati europei master Fimba (International Maxibasketball Federation).

Ben 200 le rappresentative da tutta Europa accreditate tra Over 40-45-50-55-60, delle quali ben 12 italiane di cui 7 maschili.

Nelle Golden Players Italia anche la senigalliese Laura Mengucci, impegnata nelle Over 50, che ci racconta:

“è una grande esperienza perché non è facile trovare a età avanzata giocatrici disposte a mettersi in gioco: conosco le mie compagne di squadra, con le quali abbiamo fatto molti reduni giocando a Brindisi un torneo di preparazione agli Europei”.

C’è tanta Senigallia: oltre a Mengucci nell’Over 50 Golden, nell’over 60 Golden ci sono Stefania Spadoni e Cinzia Fortunati che devono difendere il titolo vinto nell’ultima edizione.

Deve difendere il titolo anche la Over 50 maschile mentre nella squadra delle più giovani, la Over 40 femminile, giocano le ex doriche Tania Montecucco e Felicita Zarella.

Poi in un’altra rappresentativa, le Highlander Pesaro, ecco Chiara e Federica Bedini, senigalliesi ed ex giocatrici della squadra locale, così come Rita Bruzzesi, senza dimenticare le sorella Lo Buono, Isa e Antonella, che non sono di Senigallia ma vi hanno giocato.

“Ci sono molte Marche ma la squadra di cui faccio parte – continua Mengucci – allenata da Giovanni Ascione, ha elementi provenienti da tutta Italia. 

Come siamo? Secondo me siamo forti, poi bisognerà vedere il livello delle avversarie. Ci siamo senz’altro preparate bene ma a questi livelli, se vuoi essere competitivo, la preparazione dura praticamente 365 giorni all’anno”.

©riproduzione riservata

 




Calcio Serie D / Sabah Kerjota lascia la Vigor Senigallia e approda alla Sambenedettese

L’albanese, quasi 23 anni, lascia dopo 69 presenze, 19 gol e alcune giocate di livello superiore e raramente viste al Bianchelli.
Giovedì 27 giugno la presentazione di Robert Lewis

SENIGALLIA, 21 Giugno 2024 – Finisce dopo due magiche stagioni l’avventura di Sabah Kerjota alla Vigor Senigallia.

La Sambenedettese, nel pomeriggio di venerdì 21 giugno, ha annunciato infatti che l’esterno d’attacco albanese, 23 anni ad agosto, diventerà un suo giocatore dal 1° luglio, data di inizio della stagione 2024-25.

Kerjota potrebbe dunque ritrovare la Vigor da avversario.

Da giorni l’ipotesi Samb era la più accreditata anche se i tifosi vigorini continuavano a sperare nella permanenza di un giocatore – attualmente in vacanza in Albania con gli altri rossoblù Vrioni e Gambini – che negli ultimi 2 anni è entrato nel cuore di tutti.

Kerjota è stato senz’altro uno dei giocatori più forti, spettacolari, incisivi e dal rendimento più costante che abbiano mai indossato la maglia della Vigor, senza dimenticare i suoi gol: leggendario quello contro il Matese dello scorso anno, raramente il Bianchelli nel suo secolo di vita ha potuto godersi uno spettacolo del genere.

Proprio a San Benedetto, qualche mese fa, un tifoso vigorino decisamente in avanti con gli anni ci disse: “col numero 7, solo Gilda Giuliani come Kerjota”: un paragone con un giocatore simbolo della storia della Vigor che riassume come l’attaccante esterno fosse entrato nel cuore di tutti in poco tempo. 

Kerjota, che era arrivato dal Montefano ma che indubbiamente la Vigor ha lanciato, lascia Senigallia con 69 partite e 19 gol, oltre a una trentina di assist: praticamente ha messo il piede in un gol in buona parte delle partite giocate.

Intanto è stata fissata per giovedì 27 giugno, alle ore 17 all’hotel Ritz, la presentazione del nuovo socio, l’avvocato Usa Robert Lewis.

©riproduzione riservata

 




Volley / Francesco Fini nuovo coach del Senigallia maschile

La Security Tape ringrazia Bellagamba e Magi che rimarranno nel settore giovanile

SENIGALLIA, 19 Giugno 2024 – Sarà Francesco Fini il nuovo allenatore della prima squadra maschile Security Tape della US Pallavolo Senigallia.

La decisione, arrivata dopo qualche settimana di riflessione e progettazione per l’intero settore giovanile maschile, “dimostra la volontà della società non solo di puntare su un nome di prestigio e di massima affidabilità in continuità con i tecnici che hanno gestito la squadra fino a maggio ma anche di totale garanzia di rispetto delle linee e dello spirito societario”, sottolinea il club.

Per Francesco Fini, ex giocatore di livello nazionale, si tratta infatti di un ritorno a casa: è stato il primo direttore sportivo della US alla sua nascita e tra i principali protagonisti, come dirigente, del rilancio del settore maschile nel 2007 insieme all’indimenticato Marco Fratini.

La società, che intanto ha avviato contatti proficui per integrare la rosa della prima squadra maschile, ringrazia i tecnici Massimiliano Bellagamba e Marco Magi “per gli strepitosi risultati ottenuti (i due tecnici saranno impegnati nei due settori giovanili maschile e femminile con coach Bellagamba che curerà l’avviamento all’agonismo e la crescita dei più giovani) e rivolge al “nostro” Francesco Fini gli auguri di buon lavoro”.

Intanto i vertici societari stanno lavorando ad un integrato parco allenatori sia nel settore maschile che nel settore femminile.

©riproduzione riservata




Pattinaggio / Guenci attraversa la sua Senigallia

Partito da Trieste il pattinatore prosegue verso Santa Maria di Leuca per il suo record e oggi, 19 giugno, transita in città

SENIGALLIA, 19 Giugno 2024 – In occasione dell’arrivo a Senigallia di Mauro Guenci,oggi 19 giugno alle ore 16:30 presso lungomare Mameli zona Hotel Universal-International, pattinata fino alla Rotonda a Mare. 

I bambini e ragazzi del Team Roller Senigallia, accoglieranno Mauro, di passaggio nella sua città con direzione sud e lo seguiranno in pattini.

Sarà ovviamente possibile farlo anche in bici.

Con un buon vantaggio sulla tabella di marcia prevista, Mauro ha già macinato più di 500 chilometri dalla partenza di Trieste, nonostante le difficoltà superate quali il gran caldo, il fondo non troppo uniforme ed il gran vento dei giorni scorsi.

Un ringraziamento particolare Mauro lo vuole dare alla sua Tania Bernucci ed al suo amico Alessandro Giampaola che si occupano totalmente della sua assistenza, salvaguardia, protezione e di tutta l’organizzazione logistica in modo impeccabile.

“Senza di loro non potrei farcela – sottolinea – Il viaggio prosegue”.

Guenci è partito sabato 15 da Trieste per arrivare a Santa Maria di Leuca tra qualche giorno, percorrendo la Ciclovia Adriatica in pattini.

©riproduzione riservata




Basket / Si avvicina il King of the Cage di Senigallia

Iscrizioni ancora aperte per il tradizionale torneo di fronte alla Rotonda

SENIGALLIA, 18 Giugno 2024 – Ci siamo. Mancano due settimane al ritorno di King of the Cage, il torneo di basket 3×3 affiliato al circuito della Federazione Italiana Pallacanestro (Fip), gestito da MasterGroup Sport. 

La nona edizione andrà in scena dal 4 al 7 luglio e verrà disputata ancora una volta all’interno del Piazzale della Libertà, a due passi dalla Rotonda a Mare di Senigallia, la cornice ideale per ospitare gli atleti provenienti da tutta la regione – e non solo – e il numeroso pubblico che accende la competizione.

Il torneo si conferma come tappa di interesse nazionale all’interno del circuito Fip, attestandosi nella categoria “Top”.

I campioni della manifestazione staccheranno quindi il pass valido per le Finali italiane, di stanza a Cesenatico.

Le iscrizioni sono ancora aperte, tramite l’app Pick-Roll, sia per le categorie Senior maschile e femminile, sia per quelle Junior (Under 14, 16,18).

©riproduzione riservata




Calcio Serie D / Vigor Senigallia tra Lewis e…mercato

Attesa per la presentazione del nuovo socio, intanto ufficiali le partenze di Broso e Capezzani ma pure tante voci in entrata

SENIGALLIA, 18 Giugno 2024 – Partirà l’8 settembre 2024 il campionato di serie D 2024-25, anticpato dalla Coppa Italia già il 25 agosto.

Potrebbe essere un girone con ben 9 marchigiane dopo la promozione del Castelfidardo, con dunque un numero record di derby: Vigor Senigallia, Castelfidardo, Sambenedettese, Atletico Ascoli, Forsempronese, Civitanovese, Recanatese, Fermana e – se riuscirà ad iscriversi – l’Ancona.

Intanto a Senigallia sale l’attesa per la conferenza stampa in cui verrà presentato il nuovo socio Robert Lewis, che però è stata posticipata di qualche giorno rispetto alla data prevista del 20 giugno.

 

Impazza il mercato, sia in entrata che in uscita: sono già ufficiali le partenze dalla Vigor del centrocampista Capezzani, al Tolentino e dell’attaccante Broso, alla Forsempronese che intanto oltre al tecnico Fucili ha riconfermato l’altro attaccante Casolla, Pagliari, Camilloni, Lorenzo e Riccardo Pandolfi, Procacci, Bucchi e Conti, sostituendo tra i pali il partente Marcantognini (alla Fermignanese) con l’ex Vis Pesaro Bianchini.

Tecnico riconfermato anche all’Atletico Ascoli, rivelazione della scorsa stagione, con Seccardini che avrà ancora a disposizione il bomber Minicucci e i vari D’Alessandro, Olivieri, Severini, Traini, Clerici, Baraboglia.

In casa Vigor sicura la partenza di Scheffer mentre resta in bilico Kerjota, richiestissimo.

Rimarranno Roberto, Magi Galluzzi e Tomba mentre in entrata interessamento per l’attaccante del Riccione Ferrara e il centrocampista spagnolo del Fano Gonzalez.

 

©riproduzione riservata




Pattinaggio / Mauro Guenci parte bene per il suo nuovo record

Il senigalliese tenta di arrivare da Trieste a Santa Maria di Leuca percorrendo la Ciclovia Adriatica

SENIGALLIA, 17 Giugno 2024 – Sabato 15 giugno alle ore 9 come da programma, Mauro Guenci è partito da Trieste, precisamente da Piazza Unità d’Italia, dopo essere stato ricevuto dall’Assessore allo sport Elisa Lodi, per il suo lunghissimo viaggio verso un altro record. 

Guenci, classe 1966, pattinatore senigalliese del Team Roller, intende arrivare in 10-12 giorni a Santa Maria di Leuca, in Puglia, pattinando sulla Ciclovia Adriatica.

Presenti alla partenza anche i pattinatori dell’Inline Skaters FVG che lo hanno seguito per qualche chilometro.

Scortato dall’ammiraglia di Tania Lara Bertucci e in bici da Alessandro Giampaola, allenatore della squadra di Pescara, Guenci ha già percorso diversi chilometri, 100-120 al giorno quelli previsti.

“Vento in faccia sabato e domenica, due giornate non facili – spiega – ma al termine delle due giornate comunque, sono riuscito a prendermi un vantaggio sulla tabella di marcia di una ventina di chilometri. 

Il viaggio da record è ancora all’inizio ma le sensazioni sono buone”.

©riproduzione riservata




Motociclismo / Si rievoca il circuito di Senigallia

Un pezzo di storia della città e del motorismo mondiale

SENIGALLIA, 15 Giugno 2024 – Torna nel fine settimana l’ormai tradizionale rievocazione storica del circuito auto e motociclistico Città di Senigallia a cura del Club Motori d’Epoca Senigallia. 

Nella mattina di domenica 16 giugno, a partire dalle ore 8 dal parterre della Rocca Roveresca, ci sarà la rievocazione storica.

Partiranno prima le moto dalle ore 9,30 per effettuare i due giri del circuito ed a seguire le auto.

Alla fine della manifestazione tutti i partecipanti si ritroveranno a pranzo dove troveranno esposte le foto del concorso fotografico (previsto al sabato) cui seguiranno le premiazioni sia della rievocazione che del concorso fotografico.

Senigallia vanta un enorme storia del motorismo, a partire dalla prima edizione del circuito, il 15 agosto 1928, grazie ad un gruppo di appassionati che fece nascere il “1° Circuito di Senigallia”.

Il circuito, si snodava lungo le vie cittadine ed era tutto in terra battuta.

Pochi giorni prima vengono bitumate le curve più impegnative per eliminarne la polvere, si iscrivono trenta piloti ma alla gara parteciperanno soltanto quattordici temerari.

Tra questi alcuni marchigiani che faranno la storia del motorismo italiano, come Fagioli, Scarfiotti ed il senigalliese Bucci. 

Il circuito si snodava per oltre 9 km, partendo da Villa Torlonia, sulla Statale Adriatica, in via Raffaello Sanzio, per poi percorrerla fino ad imboccare via Annibal Caro e quindi, costeggiare il fiume Misa fino all’ospedale.

Da qui il circuito saliva, percorrendo la strada per Scapezzano dove, poco più avanti si immetteva, alla curva “del Cavallaro”, su via della Marina, la strada che da Scapezzano porta alla Statale Adriatica, sul terminale sud dell’abitato di Cesano. 

Via della Marina è una discesa in forte pendenza che veniva percorsa dai piloti a folle velocità, fino alla Curva Pongetti, che riportava i piloti sul lungo rettilineo del traguardo verso Senigallia Centro.

Le tribune per il pubblico erano sistemate, oltreché alla partenza/arrivo a Villa Torlonia su via R. Sanzio, in via Annibal Caro, in via Rossini, alla curva dell’Ospedale, alla curva “del Cavallaro”, alla curva “Pongetti”.

Insomma un vero circuito, che attirò negli anni folle di appassionati ma soprattutto piloti di fama mondiale e gran parte della case ufficiali che gareggiavano all’epoca. 

Il circuito aveva fatto conoscere il nome della città in  tutta Italia ed Europa grazie alla bellezza del tracciato, alla presenza dei migliori campioni che in quei spericolati anni del secondo dopoguerra attraversavano la città, viaggiando spesso sopra i 200 km all’ora. 

Ubbiali, 9 volte campione del mondo moto, percorse il Gran Premio Città di Senigallia a 151 km/h di media, stabilendo pure il giro più veloce a 154 km/h.

Una autentica follia: ma quel giorno, a Senigallia, per veder correre il Campione del Mondo accorsero in 70.000 ma fu purtroppo per l’ultima volta.

©riproduzione riservata




Calciomercato / Si è chiusa la settimana senigalliese di Sky

Calciomercato-L’originale è stato una vetrina per la città

SENIGALLIA, 15 Giugno 2024 – Si è chiuso a Senigallia Calciomercato-L’originale, la trasmissione itinerante sul calciomercato di Sky che in questa settimana, da lunedì 10 a venerdì 14 giugno, è stata ospitata dalla Spiaggia di Velluto.

Attenzioni sull’Italia nell’ultima diretta televisiva di venerdì 14 giugno (dalle ore 23.30 anziché dalle 23, alle 24, per permettere la visione della prima partita degli Europei, Germania-Scozia, vinta 5-1 dai tedeschi) che proprio oggi, sabato, debutta alle 21 contro l’Albania nella prima partita del suo girone.

Nel collegamento dalla Germania, le ultime news, con Barella ormai recuperato e in campo presumibilmente dall’inizio e le attese dei tifosi: gli italiani saranno tanti allo stadio, circa 25.000, ma saranno meno degli albanesi, 40.000.

Ma le cinque serate – l’ultima con sul palco Gianfranco Teotino, Giancarlo Marocchi e Fernando Orsi – sono state soprattutto una bella vetrina per Senigallia, sia per l’affascinante location, di fronte alla Rotonda (o dentro, come nelle serate a rischio pioggia) che per la visibilità data a piazze, monumenti, attività commerciali della città.

©riproduzione riservata




Judo / Lucia Morico ospite e testimonial a Senigallia di Difesa Legittima Sicura

Nuova edizione del seminario nazionale con la partecipazione anche della Federazione Italiana Judo, Lotta, Karate e Arti Marziali

SENIGALLIA, 13 Giugno 2024 – Quarta edizione del seminario nazionale dell’associazione Difesa Legittima Sicura (DLS), a Senigallia da venerdì 21 giugno, con inizio alle ore 16, a domenica 23 giugno (sabato e domenica dalle 9 del mattino) presso il centro elioterapico Cogesco, sul lungomare Da Vinci 5.

L’appuntamento prevede stage interdisciplinari di arti marziali, tecniche di difesa personale, seminari giuridici con aggiornamenti sulla recente giurisprudenza, approfondimenti psicologici sulla reazione difensiva: attese 150 persone da tutta Italia per quello che è ormai “un appuntamento fisso e che presenta un approccio multidisciplinare, che parte dallo sport e arriva alla giurisprudenza, alla difesa legittima con l’obiettivo di combattere in particolare la violenza di genere”, sottolinea Maurizio Mandolini del Cogesco, uno dei partner dell’iniziativa con le Terre della Marca Senone e la Fijlkam, la federazione italiana judo, lotta, karate e arti marziali.

Concetto ribadito anche da Giuseppina Campolucci, responsabile servizi sociali delle Terre della Marca Senone.

Il presidente Fijlkam Marche, Marco Masi, evidenzia “la disponibilità della federazione nel continuare e sostenere questa iniziativa con entusiasmo, perché è fondamentale per contrastare eventuali attacchi violenti e soprattutto riconoscerli prima che avvengano”.

L’attività tecnica in spiaggia si svolgerà parallelamente su due materassine: una per le palestre affiliate a DLS con relativi ospiti e una dedicata alle donne che vogliono affacciarsi per la prima volta alle basi della difesa personale.

Lo stage tecnico sarà coordinato dal maestro Enzo Failla, responsabile tecnico DLS, ma ci saranno pure il maestro Paolo Casiraghi, responsabile per la formazione scolastica DLS, e gli avvocati Roberto Paradisi  e Andrea Luccitti, coordinatore nazionale.

Ospite e testimonial Lucia Morico, medaglia olimpica di judo, da sempre vicina all’iniziativa.

Roberto Paradisi, coordinatore di Difesa Legittima Sicura, anticipa il tema centrale del convegno previsto durante la tre giorni, venerdì 21 giugno all’Hotel Raffaello, alle 20.45, che ruoterà attorno alla questione “la nostra società è davvero patriarcale e questo favorisce la violenza nei confronti delle donne?”.

Il titolo dell’incontro sarà “Dalla parte delle vittime, oltre il vittimismo”.

“Interveranno relatori che proporranno punti di vista anche differenti, come è giusto che sia – spiega Paradisi – e avremo la gradita partecipazione dell’attrice Sara Pallini, protagonista della fiction Amore Criminale: ci apriamo anche a questo settore a conferma della trasversalità del progetto DLS. 

Davanti alla violenza di genere a mio avviso serve un atteggiamento diverso, non vittimistico e per averlo il ruolo delle arti marziali, testimoniato dalla presenza della Fijlkam e della medaglia olimpica Lucia Morico, come quello sul territorio di Cogesco e Le Terre della Marca Senone, sono fondamentali”.

 

©riproduzione riservata




Basket Serie B Interregionale / Andrea Peverada lascia Senigallia

Lo storico coach delle giovanili e vice della prima squadra ufficiale a Porto Recanati.
“Ciao Goldengas, con sincera emozione”

SENIGALLIA, 13 Giugno 2024 – Lascia dopo ben otto anni Senigallia l’ormai storico assistente allenatore della prima squadra della Goldengas, nonché coach del settore giovanile, Andrea Peverada.

Peverada, di orgine cremonese ma da anni nelle Marche, classe 1983, allenatore dal 2011, sarà il nuovo vice-allenatore del Porto Recanati in serie B Interregionale e il tecnico delle giovanili under 17 sempre della squadra portorecanatese.

Il coach ha affidato il suo saluto a Senigallia a un lungo post su facebook, in cui si legge:

“8 anni.

In un mondo come questo è una vita.

150 partite esatte con la prima squadra. 

Dalla prima a Rimini quando a momenti mi perdevo nei tunnel, fino all’ultima a Pesaro di questi play-off.

Passando per la gioia di Bisceglie, per la delusione post Piacenza, in un viaggio che ci ha portato in giro per l’Italia da Cividale fino a Taranto.

E gli under….

Con le varie annate, le centinaia di partite non si contano.

Certo che pure lì è stato un lungo cammino, a partire dall’esordio vittorioso nella DNG che fu, passando anche per una promo interrotta sul più bello dal covid, fino ad arrivare a tutto il percorso fatto con quella che – gelosamente – ritengo essere stata la mia creatura più bella, quella dei 2006/7/8. 

Ti ho dato tutto quello che avevo e che potevo, ti ho voluto bene e ti ho rispettato, sempre.

Ciao Senigallia, con affetto e sincera emozione.

Peve”.

©riproduzione riservata




Calciomercato / Da Senigallia l’accordo Juventus-Greenwood e l’entusiasmo per la Nazionale

Martedì 11 altra puntata su Sky dalla Spiaggia di Velluto di Calciomercato-L’originale.

Mercoledì 12 ospiti Bucciantini, Orsi e Condò

SENIGALLIA, 12 Giugno 2024 – Continuano le puntate di Calciomercato-L’originale, su Sky, in diretta da Senigallia da lunedì a venerdì dalle 23 alle 24.

Anche martedì 11 le ultime notizie del mercato e dalla Nazionale italiana di Spalletti che sta preparando l’Europeo in Germania.

Da piazzale della Libertà, con la Rotonda sullo sfondo, gli ultimi aggiornamenti dal mercato con l’accordo raggiunto tra la Juventus e l’attaccante inglese Mason Greenwood, nell’ultima stagione in Spagna al Getafe ma di proprietà del Manchester United con il quale non c’è ancora l’accordo.

La trasmissione ha sottolineato anche l’interessamento del Milan per il difensore Diogo Leite, portoghese, dell’Union Berlino.

Nel servizio dalla Germania, il grande entusiasmo degli italiani residenti nel Paese che attendono con euforia il debutto azzurro sabato 15 giugno alle 21 contro l’Albania.

Non sono mancati servizi sui luoghi culturali di Senigallia, come la Pinacoteca Diocesana e la Rocca Roveresca, in un programma che si conferma una vetrina per la città.

Questi gli ospiti di stasera e dei prossimi giorni:

mercoledì 12 giugno: Marco Bucciantini, Fernando Orsi, Paolo Condò

giovedì 13 giugno: Fabio Quagliarella, Marco Bucciantini, Gianfranco Teotino

venerdì 14 giugno: Fabio Quagliarella, Gianfranco Teotino, Giancarlo Marocchi

©riproduzione riservata




Calciomercato / Da Senigallia le ultime su Juve, Milan, Napoli e l’Italia di Spalletti

Tanta gente nella prima puntata della trasmissione Sky in diretta dalla Rotonda.
Si replica martedì sera 11 giugno con Costacurta, Minotti e Condò

SENIGALLIA, 11 Giugno 2024 – Le voci dal calciomercato, e dalla Nazionale azzurra di Luciano Spalletti a pochi giorni dall’inizio degli Europei, in cui l’Italia dovrà difendere il titolo conquistato tre anni fa.

La prima puntata di Calciomercato-L’originale, la trasmissione Sky che in questi giorni si trova a Senigallia, in un’ora ha aggiornato su tutto questo, senza dimenticare di dare spazio alla storia e alle immagini di Senigallia.

Presente, durante la diretta del programma, lunedì 10 giugno alle ore 23 in piazzale della Libertà, anche il sindaco Massimo Olivetti.

Nella trasmissione – che vede tra gli ospiti anche l’ex difensore del Milan Alessandro Costacurta e l’ex capitano del Parma Lorenzo Minotti – è intervenuto  il già giocatore della Goldengas Andrea Barantani, che ha scambiato un paio di battute con l’inviato negli Stati Uniti di Sky, Alessandro Mamoli, suo avversario sui campi di basket tanti anni fa.

Nella trasmissione si è accennato, brevemente, anche all’esclusione dal campionato di serie C dell’Ancona e alla Vigor Senigallia, grazie a un tifoso che si è presentato in maglia rossoblù durante un collegamento da corso 2 Giugno.

La seconda puntata da Senigallia martedì 11 giugno: ospiti, dalle 23 alle 24, Alessandro Costacurta, Lorenzo Minotti, Paolo Condò.

Quindi, nei giorni successivi:

mercoledì 12 giugno: Marco Bucciantini, Fernando Orsi, Paolo Condò

giovedì 13 giugno: Fabio Quagliarella, Marco Bucciantini, Gianfranco Teotino

venerdì 14 giugno: Fabio Quagliarella, Gianfranco Teotino, Giancarlo Marocchi

©riproduzione riservata




Motociclismo / Simone Saltarelli sul podio del Mondiale Endurance

Il senigalliese su Kawasaki è terzo a Spa alla tradizionale e storica 8 ore belga

SENIGALLIA, 10 Giugno 2024 – Torna il sorriso sul volto del motociclismo senigalliese Simone Saltarelli che conquista il terzo gradino del podio in occasione della 8 ore di Spa Francochamps in Belgio nel motomondiale endurance. 

In sella alla Kawasaki 1000, categoria superstock, del Team francese 33 Louit April Moto insieme ai compagni di squadra Antiga Guillaume (Fra) e Sanchis David (Esp), Saltarelli ha portato nel gruppo dei primi la squadra prendendo posizioni su posizioni fino a permettere di conquistare il terzo posto.

La gara si è svolta partendo alle ore 13 con arrivo alle ore 21, per circa 200 giri del percorso lungo circa 7 km, con medie vicine ai 180 km/h.

“Grandissima soddisfazione essere qui sul podio, potevamo fare ancora meglio ma un problema tecnico all’inizio gara ci ha fatto tornare ai  box e perdere un minuto e mezzo per risolverlo. Siamo riusciti a rimontare e conquistare questa preziosissima posizione”, sottolinea il classe 1985 senigalliese.

Grande euforia nel team che è attualmente campione del mondo di categoria, dopo il brutto 0 punti ottenuto a le Mans a causa del ritiro per rottura della moto.

“Abbiamo provato a rimettere in gioco la classifica del campionato mondiale, con uno 0 punti non è semplice ma ce la stiamo mettendo tutta. La gara è stata dura ed entusiasmante. Era un po’ che non correvo una 8 ore, ed a differenza di una 24 ore si spinge molto di più. Occorre una forte concentrazione e non sono permessi errori. La nostra moto per quanto performante non è tra le più nuove del lotto partecipanti, ma team e noi piloti stiamo dando il 110 percento”, garatisce il pilota Kawasaki.

Appena tornato a casa Simone ha cambiato tuta e si sta già preparando per il campionato italiano.

Il prossimo week end sarà al Mugello anche qui per cercare di restare nel gruppo dei primi del campionato.

Intanto il TCF Racing Team con cui Saltarelli corre il tricolore sta preparando la  moto non tralasciando nessun dettaglio per permettere al centauro senigalliese di portare a termine la gara con un ottimo piazzamento, mentre per il mondiale endurance se ne riparla il prossimo 14 settembre in un altro dei circuiti leggendari, il Paul Ricard di Le Castellet, con la 24 ore del Bol D’Or.

©riproduzione riservata




Calciomercato / Le voci sulla serie A in diretta da Senigallia

In città da lunedì 10 giugno la trasmissione Sky con Di Marzio, Costacurta, Minotti, Quagliarella, Condò, Bucciantini, Bonan, Marianella, Teotino, Marocchi

SENIGALLIA, 10 Giugno 2024 – Le reti televisive Sky sono pronte a tornare a Senigallia: dopo la settimana d’esordio andata in onda da Fano, fa infatti tappa sulla Spiaggia di Velluto dal 10 al 14 giugno 2024 la trasmissione Calciomercato – L’originale, condotta da Alessandro Bonan, con le incursioni di Fayna e le notizie calde sulle compravendite delle squadre di Serie A, a cura di Gianluca Di Marzio.

Il collegamento principale, da lunedì 10 a venerdì 14 giugno in diretta sulle reti TV Sky Sport è previsto di fronte alla Rotonda a Mare (dalle 23 alle 24), ogni giorno anche ci saranno altri collegamenti in luoghi simbolo della città e questo garantirà una promozione turistica di grande impatto nazionale.

Durante la settimana saranno organizzate delle esterne per promuovere la storia, arte, cultura, tradizione, prodotti tipici e tanto altro ancora.

Questo il calendario degli ospiti che si alterneranno a Senigallia, oltre ovviamente a Bonan, Di Marzio e Fayna che resteranno per tutta la settimana:

lunedì 10 giugno: Alessandro Costacurta, Lorenzo Minotti, Massimo Marianella

martedì 11 giugno: Alessandro Costacurta, Lorenzo Minotti, Paolo Condò

mercoledì 12 giugno: Marco Bucciantini, Fernando Orsi, Paolo Condò

giovedì 13 giugno: Fabio Quagliarella, Marco Bucciantini, Gianfranco Teotino

venerdì 14 giugno: Fabio Quagliarella, Gianfranco Teotino, Giancarlo Marocchi

©riproduzione riservata




Calcio Amarcord / 7 Giugno 1981, morte allo stadio

43 anni fa l’assurda tragedia del Ballarin di San Benedetto del Tronto, in una giornata che avrebbe dovuto essere di festa.

Un dovere ricordare Carla e Maria Teresa, anche ora che la curva non c’è più

SAN BENEDETTO DEL TRONTO, 7 Giugno 2024 – San Benedetto del Tronto, 7 giugno 1981, morte allo stadio.

Fa un caldo torrido in quel pomeriggio di fine primavera nella città rivierasca, che si appresta a festeggiare il trionfo della sua squadra cittadina, la Sambenedettese.

Deve essere una giornata di gloria e gioia, diventerà un giorno tristemente noto come quello della più grande tragedia in uno stadio italiano, un impianto che era il simbolo di una squadra e di una città e che, dopo essere stato a lungo un rudere abbandonato a se stesso, è stato recentemente abbattuto tra mille polemiche, anche per quello che ha rappresentato nel ricordo di Maria Teresa e Carla.

Due ragazze del posto, due tifose della Samb, le due vittime del “Rogo del Ballarin”, il 7 giugno di 43 anni fa.

La Sambenedettese, in quel giugno 1981, ha già oltre mezzo secolo di vita e dagli anni Venti unisce la città come niente altro, anche in un’epoca, come gli anni Setttanta e Ottanta, in cui ci si scontra, pure fisicamente, per differenze di classe e idee politiche: il calore della sua tifoseria, poi, l’aspetto identitario che fin dal principio aggrega squadra, tifoseria e città, ha reso possibili imprese altrimenti irraggiungibili da una piccola e non ricca squadra di provincia, che contro i colossi del calcio si è addirittura fatta onore per anni in serie B.

Lo scrive pure Vittorio Pozzo, il grande ex Commissario Tecnico dell’Italia campione del mondo del 1934 e del 1938, che negli anni Cinquanta-Sessanta fa il giornalista e rimane impressionato dal sostegno che il popolo sambenedettese trasmette ai rossoblù durante un match di serie B contro il mitico Torino, retrocesso in cadetteria dieci anni dopo la tragedia di Superga del 1949.

“Il Bernabeu di Madrid fa paura? Provate a giocare al Ballarin”, sottolinea invece in un’intervista Paolo Rossi, un altro che non ha bisogno di troppe presentazioni.

Nel 1981 la Sambenedettese è in serie C1, ma è pronta a tornare in serie B: agli ordini del tecnico Nedo Sonetti, un toscanaccio apparentemente burbero ma tremendamente concreto, specialista di promozioni e del calcio di provincia, ci sono tra gli altri il futuro mister del miracolo Piacenza Luigi Cagni e niente meno che Walter Zenga, il quale – ventenne – fa già intravedere le qualità che lo porteranno negli anni successivi ad essere eletto più volte migliore portiere al mondo.

Per riassaporare la cadetteria, può bastare un pari col Matera e con l’appoggio del Ballarin – stadio dedicato ai due fratelli periti col Grande Torino a Superga – centrarlo non dovrà essere poi così difficile, con gli occhi sul campo di gioco e le orecchie ai diffusori, auspicando buone notizie dal match della rivale Campobasso.

E’ una giornata caldissima a San Benedetto del Tronto, con un forte vento di scirocco, che specie sullo stadio, praticamente sul mare, batte forte come da abitudine: la tifoseria – la stessa che si vede nel film culto “L’allenatore nel pallone” con Lino Banfi, la cui scena iniziale della promozione della inesistente Longobarda riprende in realtà un Samb-Pistoiese – ha preparato per giorni una coreografia degna con quintali di carta e qualche fumogeno.

Circa 13.000 spettatori affollano uno stadio stracolmo e anche più, ma nessun divieto, perché non c’è niente di pericoloso nella coreografia pensata per la grande sfida.

La partita deve ancora iniziare, quando complice il caldo e il vento, è però drammaticamente proprio quella carta ad andare a fuoco nel tempio del tifo di casa, la celebre, curva sud, dove il pubblico respira praticamente addosso ai giocatori, causando fiamme alte anche diversi metri mentre la gente, ammassata, in preda al panico, si sposta a destra e sinistra per cercare una via di fuga.

Tra i tanti ragazzi che in quella settimana non pensano ad altro che alla partita delle partite quel giorno in curva c’è pure Roberto Peci, fratello dell’ex brigatista rosso Patrizio, il “pentito traditore” Patrizio: verrà rapito proprio a pochi metri dallo stadio tre giorni dopo, venendo barbaramente ucciso nel mese di agosto in un “processo” brigatista ripreso con spietatezza da una telecamera ed inviato ai telegiornali.

Un altro episodio che segnerà indelebilmente la città, tradizionalmente orientata a sinistra e già colpita negli anni precedenti dal clima di tensione tipico degli “anni di piombo”, senza dimenticare il dramma della motonave Rodi e delle sue dieci giovani vittime che nel 1970 aveva scatenato la rabbia – assolutamente comprensibile – di un centro di 40.000 abitanti (e della sua tifoseria) contro il disinteresse delle istituzioni nel recuperare il motopeschereccio in balia del mare Adriatico.

Un’altra triste storia.

Mentre le fiamme continuano inesorabilmente a crescere, alimentandosi con caldo e vento, centinaia di persone intrappolate nella curva sud cercano di darsi alla fuga e a dirigersi verso dove non divampano focolai, togliendosi in tutta fretta di dosso la carta degli striscioni o tentando di scavalcare la recinzione per gettarsi sul campo di gioco: ma le chiavi per aprire i cancelli a quanto pare non si trovano, mentre anche gli idranti sembrano non funzionare.

Tutto dura pochi minuti, una quindicina: tanto che alle 17.16 l’arbitro Tubertini di Bologna in una coltre di fumo il cui odore si è ormai sparso in tutti i settori, dà avvio con 16′ di ritardo al calcio di inizio – decisione presa in accordo con le forze dell’ordine per evitare che il deflusso degli spettatori intralciasse i soccorsi, spiegherà il direttore di gara successivamente – mentre le ambulanze e sirene spiegate portano gli ustionati in ospedale.

Non subito si comprende la portata della tragedia e quella nebbia causata dai fumogeni non sembra così diversa da quella di molte altre volte negli stadi di allora, ben più affollati di quelli odierni, anche se per qualcuno le sensazioni sono fosche: l’immagine del portiere della Samb, Walter Zenga, che, all’ingresso in campo, guarda ossessivamente verso la curva sud, è di quelle che non si dimenticano, come l’impegno dei tanti che mettendo a repentaglio la propria vita, si attivano nei soccorsi per fermare quel fuoco che per pochi, ma interminabili, minuti, non sembra saperne di smettere di spirare sinistro su quella giornata che dovrebbe essere solo di esultanza.

Dopo lo 0-0 col Matera, alla fine del match si svolgono pure festeggiamenti per la promozione della Sambenedettese in B, anche perché all’intervallo lo speaker dello stadio ha già rassicurato sull’assenza di feriti gravi.

 

Invece, alla fine, l’amara realtà emergerà in tutta la sua tragicità dettata da una combinazione di circostanze e disorganizzazione e non dalla violenza ultras che già allora sembra essere la causa di ogni male negli impianti italiani: il bilancio sarà drammatico, con un centinaio di feriti e 13 ustionati gravi trasferiti negli ospedali di tutta Italia.

E due vittime, Carla Bisirri, 21 anni, e Maria Teresa Napoleoni, 23 anni: moriranno pochi giorni dopo all’ospedale Sant’Eugenio di Roma con ustioni gravi sul 70% del corpo.

Oggi, una targa ricorda al nuovo stadio Riviera delle Palme Carla a Maria Teresa, il cui volto sorridente è rappresentato in un graffito del vecchio Ballarin, dove ogni 7 giugno i tifosi della Samb si recano per ricordare due tifose la cui vita è stata spezzata senza colpe negli anni della giovinezza, in un giorno che avrebbe dovuto essere di festa.

Un ricordo che – come i segni nel corpo e nella mente di chi è sopravvissuto – niente potrà cancellare, anche ora che quello che rimaneva della sud non c’è più e che – o quantomeno ci piace pensarlo – nel dolore di una tragedia assurda ha unito nel nome di Carla e Maria Teresa ancora di più il popolo sambenedettese.

©riproduzione riservata




Basket Serie B Interregionale / Goldengas Senigallia, due settimane per sapere che campionato sarà

Categoria non in discussione, la squadra potrebbe puntare in alto o ridimensionare: si lavora per l’ingresso di nuove risorse

SENIGALLIA, 6 Giugno 2024 – Circa due settimane per decidere il futuro della Goldengas Senigallia. 

Il campionato è ormai finito da diversi giorni per la società senigalliese e mercoledì è terminato anche il play-off di B Interregionale con la promozione della Virtus Roma che ha vinto 2-0 la finale col Loreto Pesaro (che però avrà un’altra chance), ma dall’ultima partita, proprio contro il Loreto nei quarti, nulla è trapelato in via ufficiale dalla società di via Capanna, che continua a comunicare poco sui propri canali.

Vallesina Tv ha sentito la presidente Sonia Fileri, anche per avere qualche certezza in più sulle tante voci che nelle ultime ore si sono rincorse, alcune totalmente infondate sulla cessione del titolo sportivo.

“Non se ne è assolutamente mai nemmeno parlato”, evidenzia la presidente, che poi aggiunge quelle che sono le speranze e gli obiettivi per il futuro, che in ogni caso sarà ancora in B Interregionale.

“Le prossime due settimane saranno fondamentali per capire che prima squadra avremo – evidenzia Fileri – Stiamo lavorando con grande impegno per coinvolgere sponsor e sostenitori.

Il mio obiettivo è avere una squadra forte, che possa puntare in alto, come quella di questa stagione insomma o anche di più, con un allenatore in panchina di valore come Andrea Gabrielli che ha un altro anno di contratto ma che merita chiaramente una squadra competitiva”.

“Se non si riuscisse a centrare l’obiettivo di trovare nuovo sostegno è inevitabile che ci sia un ridimensionamento delle ambizioni – chiarisce la presidente – e che quindi anche dal punto di vista tecnico possano esserci delle novità, con un progetto legato a un ringiovanimento della rosa e con obiettivo la permanenza in categoria.

Che sarà in ogni caso la B Interregionale, questo è sicuro”.

©riproduzione riservata




Volley / “Lo sport a Senigallia sta soffocando”

“Non è più tempo di lungaggini per riaprire la palestra Corinaldesi”

SENIGALLIA, 4 Giugno 2024 – “Entro aprile dovevano iniziare i lavori alla palestra dell’Istituto superiore “Corinaldesi”. Lavori appaltati da tempo e attesi da fin troppo tempo da studenti e associazioni sportive. Ad oggi, al “Corinaldesi”, non vi è nemmeno la predisposizione di un cantiere”, lo sottolinea l’US Pallavolo Senigallia.

La US Pallavolo Senigallia esprime viva preoccupazione soprattutto in una città “dove gli impianti sportivi mancano in termini cronici e dove le palestre comunali inserite in plessi scolastici vengono utilizzate da alcune scuole (a causa di una incredibile priorità/potestà negli orari pomeridiani concessa ai dirigenti scolasti dall’assessore allo sport) per le attività più disparate togliendo i pochi spazi vitali all’attività sportiva dilettantistica. 

Facciamo un appello alla Provincia affinché la situazione del mancato avvio dei lavori venga al più presto chiarita e affinché la palestra del “Corinaldesi” venga restituita alla collettività entro il mese di settembre, in occasione della ripresa delle attività agonistiche. 

La nostra associazione (che conta 400 tesserati) è ad oggi costretta a gestire gruppi numerosissimi di giovani in pochi spazi. 

Lo sport sta letteralmente “soffocando”. 

Come associazione sportiva fortemente rappresentativa degli interessi della collettività chiediamo maggior interesse per l’edilizia sportiva pubblica (e tale è l’edilizia sportiva scolastica!). 

D’altra parte la stessa legge 23 del 1996 (citata a sproposito in passato da alcuni politici locali) prescrive l’obbligo di “piena utilizzazione delle strutture scolastiche da parte della collettività” e l’art. 90 della legge 289 del 2002 impone l’obbligo di mettere a disposizione delle società sportive dilettantistiche gli impianti sportivi scolastici. 

Gli studenti dell’Istituto tecnico e gli sportivi senigalliesi aspettano da troppi anni la restituzione alla città della palestra “Corinaldesi”. Non è più tempo di lungaggini”.

©riproduzione riservata




Calcio Serie D / Ufficiale l’ingresso di Robert Lewis nella Vigor Senigallia

I dettagli illustrati alla città e alla stampa nei prossimi giorni, ma quella del 3 giugno è comunque già una data storica e l’inizio di un nuovo corso

SENIGALLIA, 4 Giugno 2024 – Iniziata ufficialmente l’era Robert Lewis alla Vigor Senigallia.

L’avvocato statunitense entra a far parte ufficialmente della società rossoblù dopo la chiusura dell’accordo, arrivata come previsto e anticipato nei giorni scorsi lunedì 3 giugno.

L’avvocato, ex Ceo del Cesena, non è fisicamente in Italia ma al suo ritorno, nella seconda metà di giugno, si incontrerà, assieme al resto della dirigenza compreso il riconfermato presidente Franco Federiconi, con la città e la stampa per annunciare i dettagli dell’operazione.

Quella del 3 giugno è comunque già una data storica, mai la Vigor nella sua lunga storia aveva infatti attirato l’interesse di investitori non italiani.

“Il “closing” è andato buon fine, la società FC Vigor Senigallia dà il benvenuto ufficiale all’avvocato Robert Lewis – sottolinea una breve nota del club – Tutti i dettagli dell’operazione, la cui definizione è terminata ieri in tarda serata, verranno descritti attraverso una apposita conferenza stampa che si terrà nella seconda metà di giugno, alla presenza dello stesso Lewis, del presidente Franco Federiconi e di tutti i soci del club. 

Il giorno, l’orario e il luogo dell’appuntamento verranno stabiliti e annunciati nei prossimi giorni.

Una cosa è certa: inizia un nuovo corso, con la Vigor proiettata alla prossima stagione e al futuro. 

Per i tifosi, per la città, per tutto l’universo rossoblù”.

©riproduzione riservata




Pattinaggio / Da Trieste a Santa Maria di Leuca passando per la sua Senigallia: Mauro Guenci tenta l’impresa

Il pattinatore, classe 1966, non molla e prova l’ennesimo record da Guinness della sua carriera: 1.300 km in 11 giorni

SENIGALLIA, 3 Giugno 2024 – Mauro Guenci non si vuole fermare e tenta un altro record, singolare quanto affascinante e faticoso da realizzare.

Non certo impossibile da centrare però per il pattinatore senigalliese, classe 1966, che nel Guinness dei Primati ha già posto più volte il suo nome con gli svariati record stabiliti a rotelle, ben nove.

Oggi 3 giugno il portacolori del Team Roller Senigallia ha presentato la sua nuova sfida, compiere ben 1.300 chilometri sui pattini per giungere a Santa Maria di Leuca, il punto più meridionale della Puglia, partendo da Trieste: sarebbe un nuovo record, unico nelle sue caratteristiche e anche nel suo fascino paesaggistico, raggiunto attraversando l’Italia in un percorso mozzafiato con sguardo sulla costa.

Guenci infatti pattinerà sulla Ciclovia Adriatica, una delle piste ciclabili più lunghe d’Europa, e lo farà per 11 giorni consecutivi, dal 15 giugno al 25 giugno, con una media giornaliera dunque di 100-120 chilometri.

A rotelle il pattinatore – esperto di gare di lunga durata con nel palmares le vittorie nelle maratone di New York, Athens Atlanta, Londra, Luxor, Valencia, Treviso, Bormio – toccherà Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia avendo come compagno di viaggio il mare Adriatico.

“La mia sfida è quella di pattinare da Trieste a Santa Maria di Leuca attraversando tante regioni – sottolinea Guenci, che oltre ai primati da Guinness e le tante vittorie in maratona è stato più volte campione del mondo master – e di farlo in compagnia di persone ed amici che magari nell’incontrarmi mi accompagnino per i chilometri che desiderano in pattini o bicicletta”.

L’iniziativa è patrocinata non solo dal Comune di Senigallia ma pure dal Ministero dell’Ambiente, dalle Regioni attraversate, dalla Federazione Sport Rotellistici ed è al vaglio del Guinness World Records per l’inserimento nel prossimo volume della celebre guida.

“A Mauro sono sempre piaciute le sfide ad altissimo livello, ricordiamo quella contro l’ex campione di ciclismo Francesco Moser (nel 2007 i due si sfidarono coi rispettivi mezzi ad alte velocità tra le ali di folla del lungomare senigalliese) – sottolinea il Team Roller – e questa iniziativa oltre all’aspetto agonistico lancia un messaggio: volontà, determinazione, sacrificio portano risultati oltre ogni previsione.

Mauro grazie a questo nuovo progetto e ai suoi record ci fa comprendere che a renderci vivi è la passione che ci guida: con desiderio, ambizioni ed impegno, si possono battere tutte le sfide che la vita ci pone, al di là di ogni situazione, anche avversa, e oltre ciò che dice l’età anagrafica”. 

Guenci, 58 anni compiuti il mese scorso, offre l’ennesimo esempio di come la passione, davvero, non abbia data di scadenza.

©riproduzione riservata




Scherma / Storico argento per Senigallia ai campionati italiani master

Fioretto maschile battuto di un soffio in finale dal Pisa, 28-27

SENIGALLIA, 3 Giugno 2024 – Ai campionati italiani master di scherma, Senigallia sale sul podio al palasport Gavagnin di Verona con lo storico argento con il team composto da Lorenzo Cesaro, Vincenzo Erman (già detentore del campionato italiano individuale), Giovanni Battista Rotella e Marco Vannucci.

La squadra di fioretto categoria A del club di stanza a Marzocca, Montignano e Senigallia fondato negli anni Ottanta dal maestro jesino Triccoli, è stata fermata, per un soffio, in finale dal Club Scherma Pisa “”Antonio Di Ciolo” col punteggio di 28 a 27.

Grandissimo risultato ottenuto anche dalla squadra del Club Scherma Ancona, formata da Giovanni Gambitta, Marco Giacchetta e Marco Pennazzi, che si è aggiudicata il 3° posto battendo per 45 a 29 il Club Scherma Sebino.

5° posto per il Club Scherma Jesi con Nicola Fogolin, Dino Vannucci e Przemyslaw Szym Wolny.

Per Senigallia una soddisfazione enorme nell’anno in cui dovrebbero vedere il via dei lavori alla tanto attesa palestra per la scherma, con l’allargamento e la messa a norma della già presente struttura a di Marzocca.

©riproduzione riservata




Calcio / Vigor Senigallia, Juniores eliminata ai rigori, oggi chiusura accordo con Lewis

Sfortunati i baby rossoblù negli ottavi di finale per lo scudetto contro il Cynthialbalonga

SENIGALLIA, 3 Giugno 2024 – Beffa per la Juniores della Vigor Senigallia che perde ai rigori ed esce negli ottavi per lo scudetto di categoria.

I rossoblù avevano vinto il girone G ed affrontavano la vincitrice del girone H, il Cynthialbalonga, per sorteggio in gara unica in trasferta.

Il match ad Albano Laziale è finito 2-2 nei regolamentari ma poi ai rigori ha vinto la squadra di casa 4-3 eliminando l’undici di mister Giacomo Brunetti, che avevano vinto il girone per il secondo anno consecutivo.

Ai rigori si era arrivati grazie al pareggio di Serio al 97′, mentre in precedenza il primo gol era stato siglato da Ausili, che non ha trasformato pure un calcio di rigore nei regolamentari.

Cynthialabalonga ai quarti e Vigor Senigallia eliminata ma comunque applaudita per una grande stagione.

Intanto oggi, lunedì 3 giugno, è prevista la chiusura dell’accordo tra la società rossoblù del presidente Franco Federiconi e l’avvocato statunitense Robert Lewis che – pur ancora negli Stati Uniti – siglerà quest’oggi l’accordo per l’ingresso in società sin da subito.

©riproduzione riservata




Calcio a 5 / Audax Senigallia, si riparte da mister Petrolati

Riconfermato il tecnico delle tre promozioni dalla C2 alla A2: “i cicli devono avere una durata limitata, ma qui all’Audax c’è un clima che mi rende felicissimo ed entusiasta nel proseguire”

SENIGALLIA, 3 Giugno 2024 – L’Audax 1970 Senigallia riparte dal mister del miracolo serie A.

Anche se forse parlare di miracolo, vista la cavalcata giallorossa in serie A2, non è corretto, alla luce della straordinaria stagione disputata e di una promozione strameritata da società, squadra e tifosi.

Sarà ancora Diego Petrolati e guidare i giallorossi nel loro primo campionato di serie A2: il tecnico, che a Senigallia ha vinto la C2, la C1 e la B, è stato infatti riconfermato.

“A Senigallia ho trovato un ambiente ideale – sottolinea il mister che nel torneo scorso era subentrato dopo aver condotto la squadra in B nell’anno precedente – Una società seria, che mi ha fatto lavorare serenamente, dandomi tempo, appoggiandomi sempre, anche nei periodi meno felici. 

Sarò sempre grato e legato a queste persone.

Per quanto riguarda i ragazzi, potrei scrivere un libro.

Non è scontato avere a disposizione giocatori che, oltre ad essere validi sportivamente parlando, si mettono a completa disposizione. 

La risposta costante che ho avuto da ognuno di loro in questi anni mi ha dato la forza per mettere tutto me stesso in questo progetto. 

E aver scritto, insieme a loro, la storia di questa società, mi riempie di orgoglio e felicità.

Ho sempre pensato che il ciclo di un allenatore debba avere una durata limitata, ma qui all’Audax sto davvero bene e sono felicissimo di proseguire insieme questo cammino.

Sono consapevole delle difficoltà che incontreremo, ma al tempo stesso fortemente motivato. 

Farò di tutto per ripagare la fiducia riposta in me”.

©riproduzione riservata




Pattinaggio / Luna Sports Academy velocissimo ai tricolori di San Benedetto del Tronto

Medaglie e ottavo posto a squadre su 104 in Italia

SENIGALLIA, 3 Giugno 2024 – Grande campionato italiano per il Luna Sports Academy di Senigallia che a San Benedetto del Tronto è salito sul podio dei tricolori su strada confermandosi tra i più importanti club della Penisola.

In base ai risultati ottenuti nella città marchigiana tra il 23 e il 26 maggio, la società senigalliese si è issata all’ottavo posto nazionale su 104 società partecipanti. 

Grande debutto tra i senior dell’allenatore Luca Bernacchia per Alice Sorcionovo, già plurivittoriosa a livello giovanile, che è argento nel Giro Sprint: argento pure per Alessio Piergigli nei 100 metri in corsia.

Piergigli, in coppia con Federico Mencarelli, è giunto secondo pure nel Team Sprint, una medaglia questa dunque tutta senigalliese.

Anche gli altri tesserati del Luna Sport Academy hanno complessivamente ben figurato conquistando piazzamenti, pur fuori dal podio, comunque tra i primi 10, proseguendo al meglio una stagione ancora lunga, che vedrà tra gli appuntamenti clou, oltre a diverse prove del circuito nazionale, i campionati italiani stavolta su pista.

©riproduzione riservata




Calcio Giovanile / Vigor Senigallia, si torna in campo col sogno scudetto

La Juniores gioca gli ottavi di finale nazionali in gara unica contro il Cynthialbalonga

SENIGALLIA, 31 Maggio 2024 – Iniziano le gare per lo scudetto per la Vigor Senigallia Juniores che dopo aver vinto il campionato lo scorso anno, in questa stagione, con lo stesso allenatore, è riuscita per la prima volta nella storia a fare il bis nel girone G.

I rossoblù del tecnico Giacomo Brunetti da regolamento si sono così qualificati agli ottavi di finale a eliminazione diretta dai quali inizia la corsa verso lo scudetto Juniores dilettanti.

Dopo una lunga sosta, sabato 1° giugno si scende subito in campo per un match da dentro o fuori: non è prevista infatti l’andata e il ritorno, l’ottavo si gioca subito in gara secca e il sorteggio ha detto male al bomber Ausili – capocannoniere del girone – e compagni che dovranno iniziare in trasferta.

L’avversario è il Cynthiaalbalonga, vincitore del girone H, la partita si gioca alle ore 16 ad Albano Laziale.

Chi passa il turno va ai quarti, chi perde esce subito.

Gli altri incontri:

Chieri-Chisola

Alcione Milano-Piacenza

Montecchio Maggiore-Caldiero Terme

Tau Altopascio-Livorno

Cavese-Paganese

Gladiator-Roma City

Barletta-Fasano

©riproduzione riservata




Senigallia / Un volume racconta (anche) la storia dello Sport nelle Marche dal 1797 al 2022

Giovedì 30 maggio a Senigallia la prima presentazione dopo il successo al Salone del Torino.
Autori e autrici (il curatore Severini, Pupilli, Carbone, Pongetti, Diambra, Forlini e Sabbatini) raccontano tra le altre cose anche le vicende di Renato Cesarini, Roberto Mancini, Pietro Recchi, Gimbo Tamberi, la scherma jesina, il volley mondolfese, le prime gare di ciclismo, calcio e nuoto

SENIGALLIA, 29 Maggio 2024 – Prima presentazione pubblica in regione giovedì 30 maggio a Senigallia, nella Biblioteca Antonelliana alle ore 17.15, per un corposo volume che racconta la storia delle Marche dal 1797 al 2022 in chiave politica, economica, culturale e civile.

Il libro “Storia delle Marche in età contemporanea 1797-2022”, è edito da 1797 edizioni: curato da Marco Severini, foto a destra, docente Università di Macerata, nelle 401 pagine oltre a quelli del curatore sono contenuti i saggi di Lidia Pupilli, Sara Carbone, dello storico e giornalista di Vallesina Tv Andrea Pongetti e di Monica Diambra, Rita Forlini e Vanessa Sabbatini.

Ognuno dei sei capitoli dedica un paragrafo alla storia delle donne, del turismo, della stampa, della cultura storiografica e dello sport, riscoprendo personaggi e curiosità dimenticati, con uno stile semplice e lineare ma rigoroso sul piano scientifico.

Proprio di sport, si parla tanto, con un’analisi approfondita delle vicende sportive marchigiane fin dall’Ottocento.

Ecco allora che tra Risorgimento, i drammi della prima e della seconda guerra mondiale e la difficoltosa ricostruzione, vengono studiate le figure affascinanti ad esempio dei calciatori Pietro Recchi (fondatore dell’Anconitana le cui maglie sono biancorosse in omaggio al Liverpool, che scaldò il cuore dello stesso Recchi durante un viaggio in Inghilterra) e Renato Cesarini, senigalliese celebre per i gol all’ultimo minuto.

“Lo sport – sottolinea l’Associazione di Storia Contemporanea che ha promosso il progetto – è stato costantemente disprezzato da certa storiografia scientifica, mentre in questo volume entra non a gamba tesa, ma in maniera discreta e gustosa, con il racconto delle prime gare ciclistiche, calcistiche e di nuoto tenutesi nel primo Novecento, con figure come il giovane ed eclettico atleta Pietro Recchi e Renato Cesarini, il noto calciatore e allenatore, inventore della famosa “zona”, per arrivare all’ascolano Simone Vagnozzi, l’allenatore di Jannik Sinner, all’appena ritirata maceratese Camila Giorgi, all’ex ct della Nazionale di calcio Roberto Mancini e ai ct mondolfesi del volley femminile Mazzanti e Bertini, passando per Gianmarco Tamberi, la fucina jesina di campioni e campionesse di scherma e tanti altri”.

Il volume, appena uscito, è stato presentato in precedenza, qualche giorno fa, soltanto al salone del libro di Torino, riscuotendo un gran successo.

Gli intervenuti lo potranno avere con uno sconto sul prezzo di copertina; nei giorni seguenti il volume arriverà nelle librerie e, dal mese di giugno, grazie al distributore nazionale, in tutta la penisola.

©riproduzione riservata




Calcio Serie D / La “Festa Rossoblù” unisce ancora di più la Vigor Senigallia e la sua gente

Tantissima gente, con dirigenza e prima squadra praticamente al completo, ore di musica, cori e un importante ricavato benefico: la festa è stata un successo – FOTO

SENIGALLIA, 28 Maggio 2024 – “La Vigor Senigallia è di tutti e anche dei tifosi che sono il cuore pulsante della società.

Ci sono sempre stati e vanno ringraziati. Il popolo vigorino ci è stato vicino non solo quando le cose andavano bene, ci ha dato sempre sostegno, anche nelle difficoltà. 

Questa serata dimostra ancora una volta che la Vigor è di tutti e per noi è uno stimolo a fare sempre meglio”.

Così il presidente Franco Federiconi intervenuto alla Festa Rossoblù organizzata dalla tifoseria vigorina ai Bagni Billy sabato 25 maggio.

Una festa di grande successo in tutti i sensi: tantissima gente di ogni età, ore di musica in spiaggia con 4 dj che si sono alternati dalle 17 ad oltre le 2 di notte, cibo, drink, una partecipazione pressoché al completo sia della tifoseria e in particolare della curva che della dirigenza e della prima squadra di quest’anno (anche di chi ha concluso la stagione altrove come l’indimenticato bomber D’Errico), dai più giovani ai senatori, molti dei quali rimasti per ore fino alla conclusione tra bandiere, striscioni, fumogeni, cori da stadio e inviti a rimanere sulla Spiaggia di Velluto per Kerjota – la cui maglia è stata venduta all’asta a 250 euro – e il resto della squadra.

Pochissime assenze, pienamente giustificate dall’impossibilità di essere a Senigallia.

Di grande successo anche la riffa benefica, con un migliaio di biglietti venduti e numerosi premi messi in palio dagli sponsor.

Una festa (foto tratte da facebook) che rinsalda ancora di più il legame ultracentenario tra la più antica società sportiva locale, i suoi tifosi e i senigalliesi.

©riproduzione riservata

 




Calcio Serie D / Tra una settimana l’ingresso ufficiale di Lewis nella Vigor Senigallia

L’avvocato Usa, ex Cesena, in società dal 3 giugno, data del closing

SENIGALLIA, 27 Maggio 2024 – Il prossimo 3 giugno Robert Lewis, l’avvocato statunitense già amministratore delegato e copresidente del Cesena in serie C, entrerà a far parte ufficialmente della Vigor Senigallia.

L’annuncio era stato dato ormai da diverse settimane ma in quel lunedì si terrà il closing ufficiale, come sottolineato dal presidente, che tale rimarrà, Franco Federiconi, alla pagina facebook A tutta Vigor Rossoblù.

In un primo momento si era pensato al 29 maggio, ma poi la data è stata spostata in avanti di qualche giorno: il 3 giugno verrà definito e ufficializzato nel dettaglio l’ingresso di Lewis nella Vigor, che intanto è concentrata sul mercato.

Al momento, c’è stata “solo” la conferma di Aldo Clementi mentre sul fronte giocatori nulla di ufficiale ma una ridda di voci sui possibili obiettivi di mercato (il centrocampista del Fano Gonzalez, l’attaccante del Roma City Di Renzo, capocannoniere del girone F seguito da diverse big) mentre sul fronte della rosa attuale pare pressoché impossibile la conferma del difensore bomber (10 gol) Scheffer mentre si spera in quella di Kerjota.

©riproduzione riservata




Senigallia / Il punto sull’impiantistica sportiva cittadina

Poltroncine nuove a PalaPanzini e Bianchelli, stadio Saline intitolato, PalaScherma per il futuro mentre sarà un’altra estate senza tennis al Ponterosso

SENIGALLIA, 26 Maggio 2024 – Su stadi e palasport gli ultimi interventi, priorità per il futuro a due nuove palestre e al PalaScherma. 

In una città che punta a destagionalizzare, una impiantistica sportiva all’altezza è fondamentale non solo per le società sportive del territorio (a Senigallia talmente tante che spesso gli spazi sono insufficienti) ma anche per puntare sul turismo sportivo che può garantire presenze non soltanto nel periodo estivo.

A Vallesina il punto sulla situazione degli interventi compiuti e sui prossimi annunciati in città: proprio nei giorni scorsi lo stadio delle Saline è stato intitolato a Michele Barchiesi, Christian Durazzi e Daniele Pongetti, tre giovani calciatori scomparsi prematuramente: si è trattato “solo” di una intitolazione ma lo stesso campo sportivo a dicembre 2023 aveva completato la sostituzione del vecchio manto in erba sintetica usurato con uno nuovo per un costo sui 600.000 euro.

A marzo 2024 invece nel principale stadio cittadino, il Bianchelli, erano state sostituite le vecchie poltroncine del settore per il pubblico più costoso, la Numerata, con 288 nuove tutte di colore rossoblù “richiamanti – sottolinea l’assessore allo sport Riccardo Pizzi – sia i colori della città che quelli della Vigor”. 

Poltroncine analoghe sempre di colore rossoblù sono state poste invece lo scorso mese di aprile al palasport di via Capanna (PalaPanzini): 915 sedute che hanno sostituito le vecchie di colore arancione, buona parte delle quali erano ormai rotte. 

“Un intervento fortemente voluto – spiega l’assessore Pizzi – Dopo decenni di mancata gestione e di smantellamento dello sport a Senigallia, si è invertita la rotta. 

Siamo al lavoro per realizzare altri interventi per lo sport a Senigallia”. 

Nello specifico l’amministrazione comunale ha annunciato che al termine dei lavori alla scuola Puccini e a alla nuova sede della Marchetti due nuove palestre scolastiche saranno utilizzabili mentre dopo 30 anni di attesa il Club Scherma locale avrà finalmente un impianto la cui realizzazione – resa possibile da un sostanzioso contributo ministeriale e votata all’unanimità dal Consiglio comunale ad agosto 2023 – consisterà nell’adeguamento dell’attuale palestra di Marzocca con una aggiunta di 725 metri quadri.

Sarà invece un’altra estate di chiusura per lo storico circolo tennis Ponterosso (dove Panatta, nell’estate 1971, vinse il suo primo torneo in carriera), abbandonato da dieci anni a poca distanza dalla Rotonda, i cui lavori di riqualificazione non sono ancora partiti.

©riproduzione riservata




Calcio / “Senigallia Rossoblù in festa”, prima edizione della festa della Vigor

Musica, cibo, una riffa di beneficenza per i tifosi, annunciata anche la presenza dei calciatori

SENIGALLIA, 23 Maggio 2024 – Senigallia si prepara a festeggiare la Vigor e in generale tutto il mondo rossoblù con la prima “Senigallia Rossoblù in festa”, prevista dalle ore 17 fino a notte fonda di sabato 25 maggio ai Bagni Billy numero 54-55.

Ci saranno musica, con diversi dj ad alternarsi sul palco, drink, cibo, per tutti i tifosi vigorini, con i Ragazzi della Nord sicuramente presenti in massa.

Ma è annunciata la presenza anche dei giocatori della squadra militante in serie D.

Un’iniziativa che avrà anche un fine benefico: ci sarà infatti una riffa il cui ricavato sarà devoluto alla Sepofa, gruppo educativo della Casa della Gioventù.

La riffa comincerà attorno alle ore 22: i biglietti sono in vendita nelle edicole Quilly’s e Fioretti e alla sede dei Ragazzi della Nord al prezzo di 5 euro o di 10 nel caso dell’acquisto di 3 biglietti.

L’ingresso è libero.

©riproduzione riservata