Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

AURORA BASKET / TERMOFORGIA: PARTITA SOFFERTA MA LA VITTORIA VALE ORO

Termoforgia Jesi -  Bergamo basket 2014 94-81

JESI, 5 novembre 2017 - Vittoria importante ma anche sofferta perchè al di là del punteggio Bergamo non si è mai arresa facendo sudare la vittoria alla squadra di casa che conferma il secondo posto in classifica generale.

termoforgia bergamo inno 300x225

Cagnazzo recupera Rinaldi dopo quattro turni di campionato ma il capitano parte dalla panchina. Anche Bergstedt, sul fronte opposto, è nel roster ma in panchina.

Boom boom Marini e Brown e la partenza di Jesi è fulminante.

Bergamo soffre in difesa, Jesi nelle ripartenze è una sentenza. A 5': 15-9. Entra Rinaldi per Quarisa (2 punti e 3 rimbalzi) e l'applauso per il giocatore è d'obbligo. Parziale di 8-0 firmato Brown - Hasbrouck e la Termoforgia vola.

A 2'50'' dal primo intervallo: 23-9.

Brown scatenato e Jesi chiude sul +17: 33-16. 

Ad inizio secondo periodo Bergamo pigia sull'acceleratore cercando di sorprendere il quintetto di casa ma la reazione aurorina è concreta. Dopo 4': 8-10 di parziale e 41-26 al tabellone.

A 5' dal riposo: 45-30.

Gli ospiti sono in partita ed insistono, la Termoforgia perde qualche palla di troppo ed il gap di vantaggio si riduce.

A 2'45'' ennesima palla persa che costringe Hasbruock al fallo. Lunetta per Bergamo e tabellone che segna: 47-36. Azione da applaudi per Brown con Marini a canestro ma Fattori la mette da tre. Quarisa da sotto, ancora Bergamo con Sanna da tre. Marini in lunetta fa il pieno. A 1': 53-42. Bozzetto allo scadere dei 24'', l'ultimo tiro di Brown non arriva al canestro.

Al riposo, +9 interno: 53-44.

6-0, 0-4, 6-0 i break parziali all'inizio del periodo dopo il riposo e la Termoforgia è di nuovo sul +17: 65-48. La gara prosegue in equilibrio e sul 70-56 a 2'38'' dalla penultima sirena si infortuna Hasbrouck per un colpo subito alla testa. Bergamo ne approfitta e si porta sul -9: 70-61 (1-15''). Brown dalla lunetta riporta il vantaggio in doppia cifra che la squadra mantiene fino alla fine con un parziale periodo di 19-17: 72-61.

Gli ultimi dieci minuti iniziano con Brown e Ihdioha in panchina e a centrare il canestro ci pensa Quarisa ma Bergamo è chiaramente in accelerazione alla ricerca della rimonta. Dopo 130'', 76-68. Rientrano i 'panchinari' ma Brown perde subito palla.

Cagnazzo si arrabbia e chiama time out soprattutto perché vuole che la squadra resti concentrata.

Mascherpa centra la tripla, Quarisa da sotto trova due punti difficili ma importanti. Nell'azione ancora Hasbrouck subisce un colpo e resta a terra. Il quintetto sulle tavole da gioco sembra in difficoltà ma ci pensa Brown a togliere le castagne dal fuoco con tre punti. Poi la difesa, finalmente, fa la difesa ed in attacco Quarisa va in lunetta. A 5'48'' dalla fine: 83-71. Rientra Hasbrouck. A Quarisa non riesce il facile facile 87-77, Solano porta il punteggio a -6: 85-79.  Il rimbalzo difensivo di Rinaldi vale oro che cola, fallo subito e tiri liberi centrati. A 1'19'': 87-79. Montegranaro non si arrende ma la Termoforgia allunga per la quinta vittoria su sei gare. E domenica prossima sarà derby contro Montegranaro.

Termoforgia - Brown 24, Quarisa 18, Marini 14, Piccoli, Rinaldi 4, Valentini, Massone 5, Montanari, Hasbrouck 19, Ihedioha 10. All. Cagnazzo

Bergamo - Solano 17, Piccoli, Cazzolato, Sanna 5, Mascherpa 15, Ricci, Ferri 3, Bedini, Fattori 25, Bozzetto 6, Sergio 10, Bergstedt. All. Ciocca

Arbitri - Pazzaglia, Triffiletti, Capozziello

Note - spettatori 1950; parziali: 33-16, 20-28, 19-17.

AURORA BASKET / TERMOFORGIA, PROVA DA GRANDE SQUADRA: VITTORIA A IMOLA

Imola - Termoforgia Jesi 78-88

JESI, 29 ottobre 2017 - La Termoforgia sbanca Imola vincendo la sua prima gara di campionato in trasferta. Partita giocata su ritmi notevoli e due punti meritati.

imola termoforgia 218x300 Dopo aver rincorso per tutto il primo tempo il quintetto jesino è andato al riposo sul +1. Poi nella ripresa la difesa ha fatto l differenza.

 

La classifica adesso è interessante ed in prospettiva ci sono due turni interni consecutivicontroBergamo e Montegranaro.

Primo periodo a vantaggio di Imola che parte bene e sorprende sotto certi aspetti la Termoforgia la quale recupera bene e finisce sul -5: 26-21.

Nella seconda frazione Jesi sembra più determinata e convinta ma poi Imola riprende in mano la situazione controllando il punteggio. La Termoforgia però adesso difende bene e segna.

A 2'35'' dal riposo lungo 42-40.

imolatermoforgiamaggiol Brown tenta il tiro del primo vantaggio ma sbaglia. Marini conquista il rimbalzo e subisce fallo. Dalla lunetta fa 1/2: 42-41.

La gara è in sostanziale equilibrio. Prima Jesi pareggia (43-43 Ihedioha), poi Imola con Penna si riporta sul +2: 45-43. La lunetta non premia Ihedioha (1/2) che poi sbaglia da tre. A 28'': 47-46. Ancora Ihedioha dalla lunetta e questa volta è preciso per il primo vantaggio esterno. Jesi va al riposo lungo sul +1: 47-48.

10-12 di parziale nella prima metà del terzo quarto con Brown e Hasbrouck che suonano la carica ma Cagnazzo adesso si trova senza lunghi costretto a chiamare Quarisa in panca per i quattro falli commessi e, come si sa, senza poter schierare Rinaldi ancora infortunato.  La Termofogia tiene bene il parquet e controlla il ritorno della squadra di casa ed alla sirena, prima dell'ultimo intervallo corto è sul +5-64-69.

Nella prima parte del quarto periodo la gara è intensa con Jesi che cerca di mantenere il margine, seppur ridotto, di distacco conquistato. Ma sbaglia troppo al tiro. Esce Quarisa per falli.

Al 5': 72-78.

Quattro punti consecutivi di Prato portano Imola sul -2 e costringendo Cagnazzo al time out.

A 3' dalla fine, dopo una tripla di Hasbrouck: 76-83.

Questa volta è Cavina a rifugiarsi sul time out. Quando si riprende Bell commette il quinto fallo e Hasbrouck dalla lunetta porta a 10 i punti di vantaggio.

A 1'51'': 76-86.

Ancora una palla persa per i padroni di casa ed ancora time out per Cavina.

A 1': 78-88.

Brown e Piccoli sbagliano da lontano ma Imola è alle corde e partono i titoli di coda. I tanti tifosi jesini festeggiano e ne hanno diritto.

evasio santoni

Imola - Wiltshire, Penna 12, Rossi, Toffali 2, Prato 13, Gasparin 4, Wilson 11, Cai, Maggioli 11, Alviti 7, Bell 18, Simioni. All. Cavina

Termoforgia - Kouyate, Hasbrouck 26, Massone 7, Melderis, Valentini, Rinaldi, Piccoli 6, Marini 19, Quarisa 4, Mentoneli, Brown 17, Ihedioha 9. All. Cagnazzo

Arbitri - Scrima, Longobucco, Lestingi

Note - parziali: 26-21, 21-27, 17-21; usciti per 5 falli: Quarisa  (7'22''), Bell (2'41'')

AURORA BASKET / AL PALATRICCOLI VINCE ANCORA LA TERMOFORGIA, PIACENZA SCONFITTO MA TESTA ALTA

  Termoforgia Jesi – Assigeco Piacenza  81-79

 Jesi,22 ottobre 2017 – In volata vince Jesi su Piacenza ma la squadra aurorina ha sofferto sicuramente più di quello che alla vigilia tutti si sarebbero immaginato. Tanto di cappello alla formazione avversaria che ha giocato a viso aperto, non cedendo mai neanche quando il punteggio in certi momenti la condannava pesantemente.

865C0C2A 8613 4663 9F49 47A64E9FA8BC

 

Alla vigilia gara importante per entrambi i quintetti. Gli ospiti allenati da Andrea Zanchinon dispongono di Costa e Fontecchio con Formenti inizialmente in panchina. Damiano Cagnazzo per la terza partita consecutiva deve accusare l’assenza di capitan Rinaldi.

La partenza è fulminante per l’Assigeco con un break di 0-10.

Il primo canestro interno dopo 5’57” con un tiro dalla lunga distanza di Brown: 3-10. L’approccio difficile alla partita continua per tutto il primo parziale con diverse palle perse e con bassissime percentuali al tiro. Per fortuna l’ex Hasbrouck decide di farsi notare con due triple consecutive per il -5, 12-17 a 2′ dal primo intervallo corto.

Cresce la difesa e  Quarisa da sotto realizzaun importante canestro. Piacenza in attacco non è lucido e Brown in transizione sigla il -1: 16-17 (20”).

Prima della sirena Sanguinetti dalla lunetta fa 2/2 e Brown con un cost to cost chiude per il -1: 18-19.

Secondo parziale a favore di Jesi: 20-11.Continua per Jesi infatti la buona difesa e Marini conquista il primo vantaggio della partita.

Black out a 7’29” dal riposo: lo speacker annuncia partita sospesa per 10 minuti. In realtà si riprende dopo 19 minuti, rimessa laterale degli ospiti, e non tutti i fari del Palatriccoli si sono riaccesi.

Sulle tavole da gioco gli americani di Jesi fanno la differenza, portano il loro tabellino personale di punti in doppia cifra, ma quello che più conta è Jesi che a 3’33” dal riposo è sul + 6: 33-27. Anche la prestazione di Quarisa sotto i canestri è da segnalazione e proprio il sostituto di capitan Rinaldi conquista il massimo punteggio, +7, 36-29, a 1’15” dalla sirena dell’intervallo. Per Oxilia dalla lunetta è solo 1/2 e sul fronte opposto ancora Quarisa è un gigante prima del canestro di Marini: 38-30.

All’inizio del terzo parziale, che si chiuderà con un 20-26 esterno, la Termoforgia prova ad accelerare e sfruttando buone giocate nella costruzione del tiro da tre si porta sul +11, 51-39. Poi Infante, entrato per Arledge in panchina con quattro falli, con un 4-0 riporta tutto nella norma. A metà periodo: 51-43. 

Ancora Piacenza in rimonta, in attacco in questa fase non sbagliano nulla, giocando bene ed aggressivi in difesa, ma Jesi fa di tutto per non lasciarsi distrarre. Per Quarisa dalla lunetta è 1/2 e la tripla di Formenti porta Piacenza a -2: 56-54. 

Il solito Quarisa fa pentole e coperchi, ma anche soprattutto rimbalzi e canestri. A 1′ dalla sirena Infante non sbaglia. Non lo imita sulla sirena Piccoli. Si chiude 58-56.

Si porta in vantaggio Piacenza ed ora la gara si gioca su equilibri davvero minimi. Chi sbaglia di meno si porta avanti nel punteggio. Hasbrouck e Brown sono mortiferi da tre costringendo Zanchi al time out. A 7’09” dalla fine: 69-62. L’inerzia della gara è in mano a Jesi che in un amen si porta sul +12. A 6’04”: 74-62. Time out ancora per Zanchi. A 3′: 77-68. Sanguinetti da tre, poi Brown fallo di sfondamento in attacco. Ancora Sanguinetti e Piacenza a -4, 77-73 (1’27”). Palla contestata per la rimessa. Gli arbitri dicono Piacenza. Guyton subisce fallo e va in lunetta: 2/2, 77-75 (57”).

Marini trova un canestro Guyton dalla lunetta fa ancora 2/2: 79-77 (27”). 

A 18” dalla fine Brown perde palla, Arledge pareggia: 79-79. 

Rimessa Termoforgia, Arledge quinto fallo. Piacenza non è in bonus. Rimessa, palla ad Hasbrouk, canestro. A 2”: 81-79. Time out Piacenza. Rimessa, palla a Formenti, tiro della disperazione: fuori.

Vince Jesi.

Domenica trasferta ad Imola in casa dell’ex Michele Maggioli

evasio santoni

Termoforgia – Kouyate, Brown 22, Mentonelli, Quarisa 13, Marini 15 Piccoli 3, Rinaldi, Valentini, Melderis, Massone, Hasbrouck 21, Ihedioha 7. All. Cagnazzo

Piacenza – Guyton 13, Montanari, Sanguinetti 17, Diouf, Fontecchio, Formenti 6, Infante 8, Seye, Dincic, Alredge 11, Oxilia 5, Reati 19. All. Zanchi

Arbitri – Pepponi, Bonfante, Capurro

Note – spettatori 1805; parziali: 18-19, 20-11, 20-26. Usciti per  cinque falli: Arledge

Sottoscrivi questo feed RSS

EFFETTUA IL LOGIN

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre informato sulle notizie della Vallesina.

Aurora Basket

Aurora Basket Jesi
 
L' Aurora Basket è la principale squadra di pallacanestro maschile della città di Jesi in provincia di Ancona. Milita in questa stagione nel campionato di Lega2 Gold.
Sito Web

Il Palas

Il Palattriccoli è situato in via Tabano e dispone di 3500 posti ed è stato inaugurato nel 1992.


Contatti: Tel. 0731.201408 
Sala Stampa: Tel. 0731.213965

Esperienza, Qualità e Tecnologia

La SIOM srl nasce nel 1975 e nel corso degli anni si è specializzata nella produzione di parti di ricambio elettriche, quali indotti, rotori, statori, campi e nella distribuzione e commercializzazione di componenti elettromeccanici.
Gli articoli prodotti e distribuiti dalla SIOM sono il risultato di tre aspetti fondamentali che da sempre caratterizzano l'attività aziendale ed il suo sviluppo: esperienza, qualità e tecnologia.
 

b4b-aurorabasket

Squadra e Staff

N. Player Ruolo

4

Alessandri Filippo

Playmaker

5

Mentonelli Simone

Play/Guardia

6

Battisti Matteo

Playmaker

8

Scali Guido

Guardia

11

Maganza Marco

Centro

12

Moretti Samuele

Ala Piccola

14

Janelidze Giga

Ala Grande

15

Bowers Tim

Guardia

20

Vita Sadi Joseph

Ala Grande

24

Davis Dwayne

Ala Piccola

33

Benevelli Andrea

Ala Grande

34

Picarelli Andrea Gennaro

Guardia

 

Cagnazzo Damiano

Allenatore

 

Contigiani Giorgio

Vice Allenatore

 

Rossetti Maurizio

Ass. Allenatore

 

Bettini Simone

Prep. Fisico

Esutur Bus Tour Operator