Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Maiolati: Approvato all’unanimità il progetto di fusione fra Comuni della Vallesina.

“Abbiamo deciso di non subire ma governare il cambiamento. Da questo momento, l’impegno sarà quello di definire un modello in cui, almeno nel transitorio, si salvaguardino parte delle municipalità. Un modello che sarà discusso con i cittadini, i sindacati, le rappresentanze di categoria. In tutto questo Maiolati Spontini è disponibile a confrontarsi a 360 gradi e a partecipare concretamente”. Il sindaco Giancarlo Carbini ha commentato così l’approvazione, nella seduta del Consiglio comunale di ieri sera (lunedì 11 novembre), dell’ordine del giorno relativo al progetto che ha come obiettivo “la condivisione della migliore soluzione per l’associazionismo fra i Comuni della Media Vallesina, con la prospettiva finale della fusione”.

 

Un ordine del giorno approvato all’unanimità, che parte da alcuni punti fermi, ribaditi dallo stesso sindaco nel corso della discussione in aula, come il “riconoscimento del grande contributo, del ruolo e dell’importanza della municipalità, dei Comuni piccoli e grandi, nella storia dell’Italia”. Occorre prendere atto, tuttavia, di come “il modello di società sta cambiando ed è richiesta anche una riflessione sulle modalità di governo del territorio e degli enti locali”. Carbini ha osservato come “la crisi economica e i pesanti tagli dei finanziamenti stanno mettendo a rischio perfino i servizi di base erogati dai Comuni. Senza contare che esistono normative che impongono scelte fondamentali, anche se si spera in un rinvio dell’ultima ora”. Il riferimento è alle disposizioni che prevedono, entro il 31 dicembre 2013, l’obbligo per i Comuni fino a 5.000 abitanti di gestire in forma associata la quasi totalità delle funzioni fondamentali.

Da qui, insomma, la necessità di avviare un percorso, di cui il documento portato all’attenzione del Consiglio rappresenta la prima tappa.

L’approvazione dell’ordine del giorno comporta l’apertura di un tavolo di confronto, di dialogo, di condivisione, “dove ognuno deve sedersi – ha detto il sindaco – sgombro da qualunque pregiudiziale e da orientamenti preconcetti”. Da qui ai prossimi mesi le parole d’ordine saranno “discutere, costruire un progetto, in cui si definiscano tempi, modi e regole con cui determinare il nuovo assetto”.

Carbini ha insistito molto sulla necessità di “informare, prima gli amministratori, poi i dipendenti degli Enti Locali e parallelamente i cittadini. In questo progetto si debbono collocare anche le convenzioni e il rafforzamento dell’Unione dei Comuni. Nessuno vuole percorsi affrettati ma non si può più aspettare: traguardo massimo il 2019. Se le normative non obbligano a ulteriori scelte prima, con la ridefinizione del ruolo delle Province”.

Il sindaco Carbini aveva sollevato il problema della necessità di forme di aggregazione e di fusione fra Comuni anche un anno fa. Una proposta che “ammetto essere stata in parte provocatoria – ha detto in aula – ma lo scopo era quello di sollevare il confronto, che ho poi portato avanti insieme a tutti i consiglieri comunali delle otto Amministrazioni dell’Unione”.

E proprio il rafforzamento dell’Unione dei Comuni della Media Vallesina è stato uno degli argomenti più presenti nella discussione.  “Che Maiolati Spontini crede nell’Unione dei Comuni lo dimostra - ha sottolineato il sindaco - anche l’ampliamento della Delegazione di Moie, che oggi ospita la sede dell’organismo sovracomunale”.

La seduta, che era iniziata con un minuto di raccoglimento per la catastrofe delle Filippine e per rendere omaggio a Ercolano Latini, amministratore e vicesindaco a metà degli anni Settanta, appena scomparso, ha visto gli interventi di diversi consiglieri ed esponenti della giunta. Il capogruppo della Lista civica Per Maiolati Marco Gambini Rossano, assente giustificato, ha chiesto al sindaco di comunicare all’assemblea la sua condivisione all’ordine del giorno. A dichiarare apprezzamento è stato il capogruppo del Pdl Flaviano Guerro, che ha rilevato la valenza di “aver definito modi, fasi e tempi del percorso, che mi trova d’accordissimo”, il capogruppo della Federazione della sinistra Stefania Lucidi e del Pd Francesco Perticaroli, che ha posto l’attenzione sul “coinvolgimento dei cittadini e sul percorso anche culturale da portare avanti”.

A parlare della necessità di una “politica capace di veicolare una cultura dell’aggregazione e dei servizi” è stato l’assessore alla Cultura Sandro Grizi, mentre la titolare dei Servizi sociali Fabiana Piergigli ha insistito su un concetto di unità “ben compreso dai cittadini, forse ancor più che da tanti amministratori”. Anche per l’assessore all’Urbanistica Fabrizio Mancini bisogna “guardare al di là del nostro orizzonte e cogliere questo percorso come un’opportunità”.

Fonte Ufficio Stampa Comune di Maiolati

Vota questo articolo
(0 Voti)

EFFETTUA IL LOGIN

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre informato sulle notizie della Vallesina.

Cronaca

La Cronaca più importante della Vallesina grazie alla collaborazione con Jesi e la sua Valle e Vivacittà per essere sempre informato.

3t Costruzioni Edili è la sintesi di oltre 70 anni di esperienza nel settore delle costruzioni residenziali.

Nuove Costruzioni
Per locali ad uso residenziale o commerciale

Ristrutturazioni
Ristrutturazioni residenziali e commerciali

Pratiche Edili
Seguiamo tutte le pratiche edili

Impianti Fotovoltaici
Progettazione e realizzazione di impianti fotovoltaici

Clicca per maggiori Informazioni

Esutur Bus Tour Operator