Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Dalla progettazione Europea idee per Europa 2020 e per la MacroRegione Adriatico-Ionica

Tra il 2014 e il 2020 arriverà alle Marche oltre un miliardo di euro di finanziamenti europei per lo sviluppo regionale, le politiche avanzate di formazione e sostegno al lavoro, il mondo rurale e agricolo, la cooperazione territoriale. L’Unione Europea chiede progetti importanti e misurabili nei loro effetti . Quindi il mondo istituzionale e imprenditoriale delle Marche è chiamato a scelte importanti “di sistema”, evitando i rischi di frammentazione.

 

Le priorità sembrano quelle delle smart specialisation, per imprese e città, per le reti infrastrutturali dei trasporti e delle tecnologie informatiche, per gli strumenti finanziari. Per rendere poi complementari altre risorse, quelle per R&S di Horizon o quelle della Bei o, ancora, quelle di investitori privati. Entro poche settimane si aprirà il dibattito fra gli stakeholders marchigiani e SVIM SpA, la società di sviluppo controllata al 100% da Regione Marche, presenta domani mattina, alla Facoltà di economia di Ancona, a Villa Rey, le riflessioni e le prime ipotesi che scaturiscono dall’intensa attività di progettazione europea che la caratterizza. In particolare il processo che si sta attivando và inquadrato nel contesto programmatico della Macroregione adriatico-ionica mentre la priorità assoluta và allo sforzo di sostenere il sistema di Pmi della regione. Con 3,3 milioni di euro di fatturato nel 2012, derivanti in gran parte dai progetti europei e per il resto da attività di progetto per Regione Marche, SVIM incontra le Associazioni di categoria, le Camere di Commercio, le Università, i Confidi regionali riconosciuti da Banca d’Italia. Con i suoi 28 progetti in corso soltanto quest’anno, molti dei quali interessano centinaia di imprese e decine di enti locali, partner di Regione Marche nella gestione del progetto SPRINT per l’internazionalizzazione, SVIM presenta anche il progetto di integrazione funzionale fra i Centri di trasferimento tecnologico Meccano e Cosmob e il Parco scientifico e tecnologico Tecnomarche. Il raccordo progettuale fra SVIM e i centri può offrire al processo di transizione qualitativa del sistema imprenditoriale marchigiano un solido supporto per una maggiore diffusione dell’innovazione, intesa come processo permanente. Sostenendo tali processi con un forte ricorso agli strumenti finanziari, per generare effetti moltiplicatori rispetto al tradizionale meccanismo dei contributi in conto capitale.

Vota questo articolo
(0 Voti)

EFFETTUA IL LOGIN

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre informato sulle notizie della Vallesina.

Cronaca

La Cronaca più importante della Vallesina grazie alla collaborazione con Jesi e la sua Valle e Vivacittà per essere sempre informato.

Emmegi TORNERIA nasce nel 1977 nell’entroterra marchigiano, è specializzata nella produzione di minuterie metalliche tornite in ottone per la realizzazione di particolari su specifiche del cliente.

Ha costruito con impegno e competenza una solida affidabilità nella gestione del sistema raggiungendo negli anni la UNI EN ISO 9001:2008.

Clicca per maggiori Informazioni

Esutur Bus Tour Operator