Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Il Mamamia chiude per 10 giorni dopo i controlli della Questura

Mamamia-Senigallia-discotecaIl provvedimento per abuso di sostanze stupefacenti ed alcolici. Disposta la chiusura per dieci giorni del Mamamia dal Questore, per motivi di ordine pubblico.

 Dopo il Verde Menta e l’Ab/soul cafè, bloccati in piena estate, è adesso il turno della nota discoteca di via Mattei che dovrà sospendere l’attività. Il provvedimento è stato trasmesso nella tarda mattinata di ieri al Commissariato, facendo riferimento all’articolo 100 del Tulps. Il Testo unico per le leggi di pubblica sicurezza dispone infatti, nel suddetto articolo, che “Il questore può sospendere la licenza di un esercizio nel quale siano avvenuti tumulti o gravi disordini o che sia abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose o che, comunque costituisca un pericolo per l'ordine pubblico, per la moralità pubblica e il buon costume o per la sicurezza dei cittadini. Qualora si ripetano i fatti che hanno provocato la sospensione, la licenza può essere revocata”.

Proprio lo scorso weekend la Questura aveva disposto controlli mirati nei locali della riviera, dove sono intervenute due pattuglie della squadra mobile in borghese. Nel corso della serata era stato denunciato anche un giovane perché trovato in possesso di cocaina. Nei suoi confronti era scattata una denuncia a piede libero, oltre al sequestro della droga. Dalla relazione sulla serata, poi trasmessa al Questore, ne è scaturita la decisione di sospendere l’attività della nota discoteca di via Mattei. Un’ispezione al suo interno l’aveva effettuata sempre sabato sera una pattuglia del Commissariato, mentre sulla vicina via della Bruciata vigilava la Polizia stradale. Anche gli agenti del Commissariato, entrati nel locale, avevano constato la presenza di giovani in evidente stato di ebbrezza. Molte le lamentele ricevute dalle forze dell’ordine da parte anche di genitori preoccupati, che hanno fatto aumentare i controlli.

Il monitoraggio della movida è stato condotto a tappeto su tutti i locali della città anche a fronte dei numerosi episodi di giovani, spesso minorenni, ricoverati in coma etilico. Una vera emergenza quella che si è verificata nell’estate ormai agli sgoccioli, che ha fatto alzare la guardia per cercare di limitare un fenomeno, seppure sociale, quale appunto le notti brave in riviera scandite da alcol ed in certi casi anche droga.

( fonte: corriereadriatico.it )

Vota questo articolo
(0 Voti)

EFFETTUA IL LOGIN

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre informato sulle notizie della Vallesina.

Cronaca

La Cronaca più importante della Vallesina grazie alla collaborazione con Jesi e la sua Valle e Vivacittà per essere sempre informato.

Lottizzazione dei desideri .. dove i sogni diventano realtà

La Planina Costruzioni s.r.l. opera da oltre 10 anni nel settore dell’edilizia civile ed industriale , con professionalità ed efficienza che da sempre la contraddistingue.

Clicca per maggiori Informazioni

Esutur Bus Tour Operator