Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Medici Senza Frontiere charity partner della Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi

In occasione delle recite di “Traviata” si terrà la raccolta fondi per sostenere le attività medico-umanitarie dell’organizzazione internazionale Premio Nobel per la Pace nel 1999.

Medici Senza Frontiere, la più grande organizzazione medico-umanitaria indipendente al mondo, è charity partner della Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi, e sarà presente a tutte le rappresentazioni della “Traviata” di Verdi con i suoi volontari per sensibilizzare e invitare gli spettatori a sostenere la sua azione medica in contesti di emergenza in 70 paesi al mondo.
Durante tutti gli spettacoli, i volontari di MSF raccoglieranno le donazioni libere degli spettatori attraverso la distribuzione, all'ingresso, di buste e sarà allestito nel foyer del teatro un desk con video e materiali informativi sulle attività dell’organizzazione medico umanitaria. Inoltre, la Fondazione Pergolesi Spontini si impegna a devolvere a favore di Medici Senza Frontiere una parte dell’incasso della recita fuori abbonamento del sabato sera.
“La traviata” di Giuseppe Verdi va in scena venerdì 3 febbraio 2017 alle ore 20.30 con repliche sabato 4 febbraio alle ore 20,30 e domenica 5 febbraio alle ore 16 (anteprima giovani il 1 febbraio ore 16), nell’ambito della Stagione Lirica unica “Opera Ancona Jesi”.
 
"Ringraziamo il Teatro di Jesi per questa preziosa collaborazione, che ci consente di accendere i riflettori sulle tante emergenze umanitarie in cui operiamo e grazie al supporto degli spettatori ci aiuta ad assicurare cure mediche rapide ed efficaci a chi è vittima di conflitti, violenze e disastri naturali" dichiara Gabriele Eminente, direttore generale di MSF Italia.
Il nuovo allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini è firmato nella regia di Franco Dragone, ed è diretto da Giuseppe Montesano, le scene sono di Benito Leonori, i costumi di Catherine Buyse Dian, assistente alla regia Michele Mangini. Suona l’Orchestra Sinfonica G. Rossini, il Coro è il Lirico Marchigiano “V. Bellini”.  
Nel ruolo di Violetta Valéry è Salome Jicia, per la serata del 4 febbraio, canta Nunzia De Falco. Alfredo Germont è Ivan Defabiani, Giorgio Germont è Giovanni Meoni, Flora Bervoix è Mariangela Marini, Annina è Teresa Stagno, Gastone Visconte di Létorières è Daniele Adriani, Il barone Douphol è Omar Kamata, Il marchese d’Obigny è Cuneyt Unsal, Il dottor Grenvil è Enrico Marchesini, Giuseppe è Alessandro Pucci, un domestico di Flora Massimiliano Fiorani, il commissionario è Franco Di Girolamo.

Vota questo articolo
(0 Voti)

EFFETTUA IL LOGIN

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre informato sulle notizie della Vallesina.

Cronaca

La Cronaca più importante della Vallesina grazie alla collaborazione con Jesi e la sua Valle e Vivacittà per essere sempre informato.

Lottizzazione dei desideri .. dove i sogni diventano realtà

La Planina Costruzioni s.r.l. opera da oltre 10 anni nel settore dell’edilizia civile ed industriale , con professionalità ed efficienza che da sempre la contraddistingue.

Clicca per maggiori Informazioni

Esutur Bus Tour Operator