Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Dal virtus al virtuale

JESI - Sabato 17 ottobre, presso il Teatro Valeria Moriconi di Jesi, il Circolo Ernesto Nathan organizza il convegno pubblico dal titolo “Dal Virtus al Virtuale” con relatori di primo piano moderati dal giornalista e divulgatore scientifico Alessandro Cecchi Paone.


Sarà uno spazio di riflessione per indagare la trasformazione che il termine “Virtus” (Virtù) ha subito dal medioevo, quando “virtuoso” era sinonimo di uomo religioso, fino alla moderna era tecnologica dove la diffusa perdita di valori lascia posto sempre più al concetto di “virtuale”. Un dibattito focalizzato sull’importanza di valori nuovi, storicizzando quelli tradizionali e perenni, che intende analizzare i significati di un processo di globalizzazione centrato sulla costruzione di una realtà inventata che produce un falso senso di onnipotenza e che annulla i bisogni di crescita spirituale e culturale.

Alle 16:30 si apriranno i lavori con i saluti di Fabrizio Illuminati, presidente del Collegio Circoscrizionale del G.O.I. Marche, per poi entrare nel vivo del convegno con la relazione del docente universitario e psichiatra Moreno Marcucci dal titolo “I percorsi dell’iniziazione: fra reale e virtuale, miti di massa e identità individuale”. A seguire il teologo e scrittore Paolo Gambi affronterà il tema “Dio 2.0 Come cambia il nome e il concetto di Dio nella società della comunicazione?”. Il pubblico potrà intervenire al dibattito. Le conclusioni saranno del Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Stefano Bisi.

da Organizzatori

Vota questo articolo
(0 Voti)

EFFETTUA IL LOGIN

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre informato sulle notizie della Vallesina.

Cronaca

La Cronaca più importante della Vallesina grazie alla collaborazione con Jesi e la sua Valle e Vivacittà per essere sempre informato.

Zap-Juice muove e promuove il territorio

Zap Juice è quindi un contenitore plastico, un laboratorio che raccoglie e raccorda sensibilità, conoscenze professionali, passioni tutte unite da uno slancio organizzativo pionieristico e dalla certezza che in ogni iniziativa la comprensione e la condivisione non sono atti dovuti, piuttosto un esito spontaneo scaturito dal rispetto di ruoli, dalla coincidenza di interessi e opportunità.

Esutur Bus Tour Operator