Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Monsano: è un 27enne ultras anconetano, l'aggressore del giovane pugliese

I Carabinieri del Nucleo Operativo di Jesi, hanno denunciato O.M., anconetano di 27 anni, pregiudicato, per l’aggressione avvenuta il 14 febbraio scorso a Monsano. La mattina di quel giorno due ragazzi, un 37enne di origini pugliesi e un suo amico 31enne di Montemarciano, dovettero ricorrere alle cure ospedaliere presso l’Ospedale Torrette di Ancona a causa dell’aggressione da parte di uno sconosciuto avvenuta poco prima a Monsano, senza ricordare o voler riferire neanche ai Carabinieri quanto loro accaduto. Il 37enne pugliese venne ricoverato presso il reparto di chirurgia maxillo-facciale a causa delle fratture al viso riportate, e nei giorni seguenti subì un delicato intervento. Il suo amico se la cavò con 5 giorni di prognosi per lievi lesioni ed escoriazioni.

Le indagini hanno permesso di accertare che l’aggressione era avvenuta all’interno della discoteca “Miami” da parte di O.M., sconosciuto agli aggrediti, ma che poco prima aveva avvicinato ed infastidito una ragazza che era andata in discoteca in  compagnia dei due ragazzi. Probabilmente gli sguardi di disapprovazione da parte dei due ragazzi sono stati raccolti come gesto di sfida da O.M., che alla prima favorevole occasione ha colpito con diversi pugni in faccia prima il pugliese e poi il suo amico accorso in sua difesa. I buttafuori del locale erano subito accorsi, ma O.M. si era già dileguato tra la folla. All’arrivo dei Carabinieri e del 118 i due ragazzi erano già andati via verso Ancona per recarsi al Torrette, e nessuno dei numerosi testimoni  aveva voluto rilasciare dichiarazioni ai Carabinieri.

Nonostante la grande omertà i Carabinieri sono riusciti a ricostruire l’accaduto grazie alle immagini delle telecamere fornite dal proprietario della discoteca. La sua collaborazione ha permesso di individuare i fotogrammi dell’aggressione e le immagini sono state poi trasmesse a tutti i comandi Arma del territorio, consentendo l’identificazione di O.M., particolarmente conosciuto in Ancona in quanto esponente di spicco degli Ultras anconetani.

Successivamente le sue foto sono state fatte vedere agli aggrediti che lo hanno riconosciuto con assoluta certezza come l’aggressore.

Entrambe le vittime dell’aggressione hanno formalizzato la querela contro O.M. per le lesioni riportate. La posizione di O.M. è adesso al vaglio dell’Autorità Giudiziaria

Redazione Vallesina Tv

Vota questo articolo
(0 Voti)

EFFETTUA IL LOGIN

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre informato sulle notizie della Vallesina.

Cronaca

La Cronaca più importante della Vallesina grazie alla collaborazione con Jesi e la sua Valle e Vivacittà per essere sempre informato.

Life Color è un'agenzia di comunicazione rivolta alla ricerca del miglior successo possibile per la vostra azienda, è specializzata nello scegliere la soluzione ottimale per promuovere l’immagine aziendale tramite il mondo internet.

Costruzione siti joomla!
Realizziamo il tuo sito in joomla! con professionalità ed esperienza

Sviluppo template joomla!
Realizziamo template per joomla! adatti alla tua immagine aziendale

Ottimizzazione Seo joomla!
Posizioniamo il tuo sito joomla! ai primi posti sui motori di ricerca

Creazione estensioni joomla!
Realizziamo componenti, moduli e plugin per joomla!

Clicca per maggiori Informazioni

Esutur Bus Tour Operator