Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

BPA: Finanziamenti “Start Up”, avviate 579 nuove imprese

Deliberati 15,2 milioni di euro. Sono 156 le iniziative sostenute nell’area centro – sud

JESI - A poco più di un anno dal lancio di “Finanziamento Start Up”, UBI Banca ha erogato oltre 579 finanziamenti a nuove start up per un valore complessivo di quasi 15,2 milioni di euro. Di questi, oltre 6,5 milioni sono stati concessi a 259 nuove imprese il cui titolare è una donna. Il Gruppoha così dato seguito all’impegno di supportare concretamente i clienti alla ricerca di risorse per l’avvio diun progetto imprenditoriale o la realizzazione di un’idea innovativa.

E’ perseguendo questo obiettivo, infatti, che UBI Banca ha creato e promosso “Finanziamento Start Up”: un prodotto disponibile presso le Banche Rete del Gruppo UBI, che prevede l’erogazione fino a 50.000 euro per sostenere le prime spese di avviamento di una attività imprenditoriale che vanno dagli investimenti nella produzione, alle nuove assunzioni di personale.

Possono continuare a beneficiare dell’iniziativa le aziende (comprese imprese individuali), appartenenti a tutti i settori, costituite sotto qualsiasi forma societaria, anche consorziate fra di loro, iscritte alla C.C.I.A.A., liberi professionisti, associazioni ed enti (Persone giuridiche) di nuova costituzione.

Finanziamento Start Up asseconda un trend per cui in Italia la creazione di nuove piccole imprese, nonostante la crisi, ha continuato a essere un tratto distintivo dell’economia. Secondo Unioncamere, infatti, nel 2013 il numero complessivo delle imprese italiane di nuova costituzione (384.483) è stato elevato e non inferiore a quelle costituite l’anno precedente (383.883).

“Finanziare concretamente la nuova imprenditorialità, anche in settori tradizionali, è parte di una strategia più generale di UBI Banca, volta ad assecondare, con prodotti specializzati, le esigenze di segmenti emergenti della società”, afferma Nunzio Tartaglia, Direttore Generale della Banca Popolare di Ancona. “Toccato il punto più basso della crisi, è per noi importante sostenere con un’offerta adeguata le iniziative attraverso le quali puntare alla stabilizzazione del ciclo economico e alla ripresa”.

A livello nazionale, in termini settoriali, il comparto che ha primeggiato per nuove iniziative imprenditoriali finanziate è il settore del commercio che nel complesso ha visto nascere 163 iniziative. Il dato comprende sia le attività all’ingrosso che il commercio al dettaglio, sia di beni finali, che di beni strumentali (macchine) e intermedi (per es. legname). Seguono il settore così detto Horeca (hotel, ristorazione e catering), con 139 start up e le attività produttive, di vari comparti, con 44 iniziative. Le imprese che offrono servizi estetici per la persona (per esempio parrucchieri) hanno ottenuto finanziamenti per 40 iniziative e più in generale il sistema dei servizi conta 115 nuove attività.

da UBI Banca Popolare di Ancona

Vota questo articolo
(0 Voti)

EFFETTUA IL LOGIN

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre informato sulle notizie della Vallesina.

Cronaca

La Cronaca più importante della Vallesina grazie alla collaborazione con Jesi e la sua Valle e Vivacittà per essere sempre informato.

Lottizzazione dei desideri .. dove i sogni diventano realtà

La Planina Costruzioni s.r.l. opera da oltre 10 anni nel settore dell’edilizia civile ed industriale , con professionalità ed efficienza che da sempre la contraddistingue.

Clicca per maggiori Informazioni

Esutur Bus Tour Operator